Uploaded on

 

More in: Business
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
441
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
0
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Official statistics to define and to evaluate labour market policies: the potentiality of compulsory communication system (Sistema Informativo delle Comunicazioni Obbligatorie) Barbara Rossi – Ministero del lavoro Maurizio Sorcioni - Marco Lombardi – Italia Lavoro SIS - Gruppo Valorizzazione delle Statistiche Pubbliche Enhancement and Social Responsibility of Official Statistics Rome, April 28 – 29 2011
  • 2. Contenuti Presentazione 1) Verso un modello per il monitoraggio delle politiche del lavoro. Riferimenti normativi e modello teorico 2) I contributi del sistema informativo delle comunicazioni obbligatorie al monitoraggio delle politiche del lavoro 3) Alcuni esempi Barbara Rossi – Ministero del lavoro Maurizio Sorcioni - Marco Lombardi – Italia Lavoro
  • 3. 1) Verso un modello per il monitoraggio delle politiche del lavoro. L’articolo 17 del DLGS 276/03
    • Il principale riferimento normativo per le attività di monitoraggio è contenuto nell’articolo 17 del D.lgs 276/03 “Monitoraggio statistico e valutazione delle politiche del lavoro”. “Le basi informative costituite nell'ambito della Borsa continua nazionale del lavoro , nonché le registrazioni delle Comunicazioni dovute dai datori di lavoro ai servizi competenti e la registrazione delle attività poste in essere da questi nei confronti degli utenti per come riportate nella Scheda Anagrafico Professionale dei lavoratori, costituiscono una base statistica omogenea e condivisa per le azioni di monitoraggio dei servizi svolte ai sensi del presente decreto legislativo e poste in essere dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, le regioni e le province per i rispettivi ambiti territoriali di riferimento”.
    • Indicazioni:
    • collaborazione tra Stato Regioni e Province in materia di monitoraggio e valutazione delle politiche del lavoro
    • - uso delle basi dati di tipo amministrativo
    Barbara Rossi – Ministero del lavoro Maurizio Sorcioni - Marco Lombardi – Italia Lavoro
  • 4. Nel 2009, con la creazione del sistema informativo dei percettori di sostegni al reddito, realizzato da INPS in adempienza dell’articolo 19 della legge 2/09, il monitoraggio delle politiche del lavoro può contare su una ulteriore importante base informativa. Il legislatore fornisce, quindi, un primo riferimento operativo per il monitoraggio delle politiche del lavoro indicando come basi informative primarie, oltre alle statistiche ufficiali, tre diverse fonti amministrative: Le Comunicazioni uniche telematiche (CO) Le Schede anagrafiche e professionali (SILR - SAP) Le Banche dati INPS sui lavoratori percettori di ammortizzatori sociali (Sistema Informativo Percettori SIP) A tali fonti amministrative possono aggiungersi le Banche dati regionali sulla formazione (Scuola, FP, Università ) 1) Verso un modello per il monitoraggio delle politiche del lavoro. Le fonti amministrative Barbara Rossi – Ministero del lavoro Maurizio Sorcioni - Marco Lombardi – Italia Lavoro
  • 5. 1) Verso un modello per il monitoraggio delle politiche del lavoro. Le fonti statistiche ufficiali
    • L’integrazione delle fonti amministrative con quelle delle statistiche ufficiali (SISTAN, ISTAT) permetterebbe di sviluppare un sistema informativo molto accurato, condiviso (secondo il principio della cooperazione applicativa tra i diversi livelli dell’amministrazione centrale, regionale e provinciale) e di grande utilità per l’analisi del contesto socio economico di riferimento funzionale al modello di monitoraggio.
    • Le principali fonti statistiche oltre agli indicatori Eurostat sono:
    • microdati ISTAT (Rilevazione continua della forze di lavoro e Rilevazione degli sbocchi professionali dei laureati e dei diplomati)
    • microdati ISTAT ASIA (archivio delle imprese)
    • dati Excelsior sulle previsioni di assunzione da parte delle imprese manifatturiere e di servizi
    Barbara Rossi – Ministero del lavoro Maurizio Sorcioni - Marco Lombardi – Italia Lavoro
  • 6. Monitoraggio delle politiche del lavoro: Basi Dati Articolo 17 Legge 276/03 Decreto Legislativo Ottobre 2007 Comunicazioni Uniche Schede anagrafiche e professionali Articolo 19 Legge 2/09 Statistiche ufficiali SISTAN ISTAT EXCELSIOR EUROSTAT Sistema informativo percettori (INPS) SILR Regionali Sistema Informativo delle comunicazioni obbligatorie 1) Verso un modello per il monitoraggio delle politiche del lavoro. Le fonti istituzionali Barbara Rossi – Ministero del lavoro Maurizio Sorcioni - Marco Lombardi – Italia Lavoro
  • 7. Monitoraggio delle politiche del lavoro: Ambiti di monitoraggio Monitoraggio dei Rapporti di lavoro dipendente (CO) Monitoraggio dei partecipanti alle politiche attive del lavoro Monitoraggio dei beneficiari di sostegni al reddito Monitoraggio del contesto socio economico (stock) Monitoraggio del Mercato del lavoro Monitoraggio della domanda di lavoro dipendente Monitoraggio della platea di lavoratori percettori di ammortizzatori sociali Monitoraggio dei disoccupati che partecipano a programmi e misure di politica attiva Monitoraggio dei fenomeni di crisi e della domanda di lavoro Monitoraggio dei risultati delle politiche del lavoro ( analisi delle transizioni ) Barbara Rossi – Ministero del lavoro Maurizio Sorcioni - Marco Lombardi – Italia Lavoro 1) Verso un modello per il monitoraggio delle politiche del lavoro. Gli ambiti di monitoraggio
  • 8. 2) IL contributo del sistema informativo delle comunicazioni obbligatorie al monitoraggio delle politiche del lavoro A) Analisi della domanda di lavoro dipendente funzionale ad individuare la quota di lavoratori avviati e cessati per tipologia contrattuale, settore, territorio, età, qualifica e tipologia di cessazione, inclusi i lavoratori assunti con incentivi all’assunzione B) Analisi dei fenomeni di crisi aziendale attraverso la rappresentazione dei motivi di cessazione (cessazione di attività e licenziamento collettivo o individuale ma per causa oggettiva) C) Analisi longitudinale delle transizioni dei disoccupati che hanno partecipato a misure di politica attiva e passiva verso il mercato del lavoro dipendente (integrazione tra SAP e CO) D) Analisi longitudinale delle transizioni dei diplomati e dei laureati verso il mercato del lavoro dipendente (integrazione archivi CV Scuole ed Università con CO) E) Analisi longitudinale delle transizioni dei lavoratori nel mercato del lavoro dipendente. (Apprendistato, Tirocinio, CTD, Co Pro, Inserimento, Altro) Barbara Rossi – Ministero del lavoro Maurizio Sorcioni - Marco Lombardi – Italia Lavoro
  • 9. 3) Alcuni esempi Barbara Rossi – Ministero del lavoro Maurizio Sorcioni - Marco Lombardi – Italia Lavoro
  • 10. Esempio 1: Fonte Regione Molise. Comunicazioni Obbligatorie - Lavoratori Analisi delle Transizioni nel Mercato . Lavoratori che hanno cessato o terminato un rapporto di lavoro tra marzo ed ottobre 2008 ed esiti occupazionali nei mesi successivi (fino al 15 aprile 2009) con indicazione del tempo medio di reinserimento Contratto a tempo Indeterminato 4,9% Marzo - Ottobre 08 Contratto a Termine 20,5% Non Presente *Disoccupato *Autonomo *Occupato in altra regione *Inattivo 73,2% 54 gg . 61 gg . Indeterminato 35,1 % A Termine 64,9 % Nov 08 Dic 08 Gen 09 Feb 09 Mar 09 15 Aprile 09
  • 11. Esempio 1: Fonte Regione Molise. Comunicazioni Obbligatorie - Lavoratori Analisi delle Transizioni nel Mercato Lavoratori che hanno cessato o terminato marzo ed ottobre 2008 un rapporto di lavoro a termine e analisi degli esiti nei mesi successivi (fino al 15 aprile 2009) con indicazione del tempo medio di reinserimento Contratto a tempo Indeterminato 4,0% Contratto a Termine 26,0% Non Presente *Disoccupato *Autonomo *Occupato in altra regione *Inattivo 70,1% 50 gg . 53 gg . Lavoratori con contratti a termine ( 64,9 % del totale) Nov 08 Dic 08 Gen 09 Feb 09 Mar 09 15 Aprile 09 Marzo - Ottobre 08
  • 12. Esempio 1: Fonte Regione Molise. Comunicazioni Obbligatorie - Lavoratori Analisi delle Transizioni nel Mercato Lavoratori che hanno cessato o terminato un rapporto di lavoro a tempo indeterminato ad Ottobre 2008 ed analisi degli esiti nei mesi successivi (fino al 15 Aprile 2009) con indicazione del tempo medio di reinserimento. Contratto a tempo Indeterminato 10,6% Contratto a Termine 10,3% Non Presente *Disoccupato *Autonomo *Occupato in altra regione *Inattivo 79,1% 73 gg . 64 gg . Nov 08 Dic 08 Gen 09 Feb 09 Mar 09 15 Aprile 09 Lavoratori con contratti a tempo indeterminato (35,1% del totale) Marzo - Ottobre 08
  • 13. Analisi delle Transizioni nel Mercato . Lavoratori che hanno cessato o terminato un rapporto di lavoro ed esiti occupazionali nei mesi successivi (30 aprile 2009). Esempio 2: Fonte Regione Sicilia. Comunicazioni Obbligatorie (UNILAV e UNISOMM)- Lavoratori Cessati Barbara Rossi – Ministero del lavoro Maurizio Sorcioni - Marco Lombardi – Italia Lavoro
  • 14. Analisi delle Transizioni nel Mercato . Lavoratori che hanno cessato o terminato un rapporto di lavoro per trimestre ed esiti occupazionali nei mesi successivi (30 aprile 2009). Barbara Rossi – Ministero del lavoro Maurizio Sorcioni - Marco Lombardi – Italia Lavoro Esempio 2: Fonte Regione Sicilia. Comunicazioni Obbligatorie (UNILAV e UNISOMM)- Lavoratori Cessati
  • 15. Esempio 3 Fonte: Regione Sardegna. Comunicazioni Obbligatorie (UNILAV ) - Apprendisti Analisi delle Transizioni nel Mercato . Rapporti di lavoro in apprendistato che hanno cessato o terminato un rapporto di lavoro per trimestre ed esiti occupazionali nei mesi successivi (30 aprile 2009) RAPPORTI DI LAVORO APPRENDISTATO –avviati dal (II trim. 08 al IV trim. 10) ANNO_INIZIO   Totale 2008 2009 2010
    • Terminati alla scadenza entro il 2010
    11,0% 5,5% 5,7% 7,5%
    • Prorogati
    1,7% 1,4% 1,8% 1,6%
    • Trasformazione da apprendistato a tempo indeterminato
    0,4% 0,3% 0,6% 0,4%
    • Cessati prima del termine
    45,9% 42,0% 23,5% 37,7%
    • NON CESSATI (Contratti ancora in essere. Data fine non modificata che cade dal 2011)
    41,0% 50,9% 68,4% 52,8% TOTALE 100,0% 100,0% 100,0% 100,0%
  • 16. Esempio 3 Fonte: Regione Sardegna. Comunicazioni Obbligatorie (UNILAV ) - Apprendisti Analisi delle Transizioni nel Mercato . Rapporti di lavoro in apprendistato che hanno cessato o terminato un rapporto di lavoro per trimestre ed esiti occupazionali nei mesi successivi (30 aprile 2009) RAPPORTI DI LAVORO APPRENDISTATO –avviati dal (II trim. 08 al IV trim. 10) Rapporti di Lavoro Successivi Reimpiegati V.a % Datore di lavoro di reimpiego (val %) Diverso Stesso Totale
    • Terminati alla scadenza entro il 2010
    45,1% 55,7% 44,3% 100%
    • Prorogati
    51,0% 49,0% 51,0% 100%
    • Trasformazione da apprendistato a tempo indeterminato
    • Cessati prima del termine
    55,9% 81,4% 18,6% 100%
  • 17. Official statistics to define and to evaluate labour market policies: the potentiality of compulsory communication system (Sistema Informativo delle Comunicazioni Obbligatorie) SIS - Gruppo Valorizzazione delle Statistiche Pubbliche Enhancement and Social Responsibility of Official Statistics Rome, April 28 – 29 2011 Barbara Rossi – Ministero del lavoro Maurizio Sorcioni - Marco Lombardi – Italia Lavoro