Your SlideShare is downloading. ×
sisvsp2012_sessione7_montella_righi
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×

Saving this for later?

Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime - even offline.

Text the download link to your phone

Standard text messaging rates apply

sisvsp2012_sessione7_montella_righi

272
views

Published on


0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
272
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. La produzione domestica e le altreattività individuali non market nellastima del capitale umano Monica Montella - Alessandra Righi ISTAT Convegno SIS 2012 “Prendere decisioni: il ruolo della statistica per la conoscenza e la governance” Roma, 19 aprile 2012
  • 2. Prendere decisioni: ilruolo della statistica perla conoscenza e lagovernance Contenuti 2 • Cos’è il capitale umano • Approcci alla misura del capitale umano • Stima stock di capitale umano attività market • Estensione della stima alle attività non market a) “produzione familiare” b) “tempo libero” • La stima complessiva market e non market • ConclusioniRoma, 19 aprile 2012
  • 3. Prendere decisioni: il 1. Cos’è il capitale umanoruolo della statistica perla conoscenza e lagovernance 3  La capacità di una società di produrre beni e servizi necessari a soddisfare i propri bisogni dipende dalla quantità, qualità e combinazione delle risorse a disposizione.  Secondo l’OECD il C.U. è definito come l’insieme “delle conoscenze, le abilità, le competenze e gli altri attributi degli individui che facilitano la creazione di benessere personale, sociale ed economico”.  Il concetto di Capitale Umano (CU) è rilevante per la misura dello sviluppo sostenibile. Infatti una condizione necessaria di crescita di lungo periodo in modo sostenibile per un paese è che il suo stock di capitale complessivo (fisico, naturale, umano e sociale) in termini pro-capite non diminuisca nel tempo (UNECE, 2009).  Il Sistema dei conti economici (SNA 2008) non considera ilRoma, 19 aprile 2012 C.U. come una risorsa economica perché sono considerate risorse solo le attività economiche soggette a diritto di proprietà.
  • 4. Prendere decisioni: illa conoscenza e lagovernance 2. Approcci alla misura del capitale umanoruolo della statistica per 4  Output o Income based approach: si basa sulla capacità del C.U. di generare reddito. Per misurare gli effetti dell’investimento, si calcola il reddito da lavoro nel ciclo vitale (lifetime income) attualizzato ad una certa data.  Input o Cost-based approach: si basa sulle misure del valore degli inputs (costi) della produzione dello stock di capitale umano.  Performance educativa: misura il C.U. con indicatori come il numero totale di anni di scolarità della forza lavoro, il rapporto tra spesa pubblica in formazione e Pil, il numero di infrastrutture educative, la spesa pubblica in istruzione pro capite, il rapporto insegnanti/studenti, altri indicatori.  Competenze cognitive: considera la qualità degli anni passati dagli studenti in termini di abilità cognitive apprese e sviluppate. Dato che le abilità raggiunte sono direttamente correlate con l’investimento, il C.U. dipende dalla qualità dell’offerta degliRoma, 19 aprile 2012 assetti educativi.
  • 5. Prendere decisioni: ilruolo della statistica perla conoscenza e lagovernance 3. Stima stock di capitale umano attività market5 Approccio income-based: Jorgenson-Fraumeni (J-F) - Progetto Human Capital (HC) OECD  Si parte dal calcolo del Full labour compensation che è la somma dei redditi provenienti da attività di mercato. Si considerano i percettori di reddito all’interno di gruppi classificati per sesso, età e livello di istruzione Sulla base della stima dei guadagni per individui con diverse età e livelli d’istruzione, si possono calcolare i redditi proiettati lungo tutta la vita lavorativa  L’implementazione delle equazioni è ricorsiva all’indietro a partire dai 64 anni:  il lifetime labour income di un 64enne è pari al suo reddito corrente visto che il suo lifetime labour income a 65 anni è zeroRoma, 19 aprile 2012  il lifetime labour income di un 63enne è uguale al suo current labour income più il valore attualizzato del lifetime labour income di un 64enne e così via
  • 6. Prendere decisioni: ilruolo della statistica perla conoscenza e lagovernance 3. Stima stock di capitale umano attività market6  ad esempio per le persone 41-64enni (“fase lavoro”) è: LINedu = EMRedu * AINedu + SURage+1 * LINedu+1{(1 + r)/(1 age age age age } + δ) in cui: LIN è il valore attualizzato del lifetime labour income per un individuo con livello di istruzione edu (ad esempio, isced 1) all’età age (ad esempio, 50 anni) ; EMR è il tasso di occupazione dell’individuo con livello di istruzione edu all’età age; AIN è il suo reddito da lavoro annuale con livello di istruzione edu all’età age; SUR è la probabilità di sopravvivere fino all’anno successivo (age+1); r è il tasso di crescita annuale del reddito da lavoro nel futuro (inRoma, 19 aprile 2012 termini reali) di una persona con queste caratteristiche; δ è il tasso annuale di sconto.
  • 7. Prendere decisioni: ilruolo della statistica per 3. Stima stock di capitale umano attività market7la conoscenza e lagovernance Risultati per l’Italia - anno 2008 Lifetime income Popolazione Lifetime Tipologia CU Stock 15-64 anni income (000.000 euro) pro capite (000 euro) Totale 13.474.721 39.418.732 342 Maschi 8.925.396 19.696.777 453 Femmine 4.549.325 19.721.955 231Roma, 19 aprile 2012
  • 8. Prendere decisioni: ilruolo della statistica perla conoscenza e lagovernance 4. Estensione della stima alle attività non market 8  Al fine di valutare il ruolo della formazione del capitale umano nell’economia Jorgenson e Fraumeni (J-F)(1989, 1992) hanno proposto, per l’economia degli Stati Uniti, un sistema di contabilizzazione secondo un approccio income-based che include sia le attività di mercato e sia quelle non di mercato.  In Italia per la prima volta si propone un’estensione del capitale umano alle attività non market includendo nel calcolo la produzione familiare e il tempo libero.Roma, 19 aprile 2012
  • 9. Prendere decisioni: ilruolo della statistica perla conoscenza e lagovernance 4. Estensione della stima alle attività non market 9 Estendiamo ora la stima J-F dello stock di capitale umano alle attività non market includendo nel calcolo la produzione familiare e il tempo libero Cura della Produzione persona e familiare altro 208 Tempo libero 680 279 Lavoro Istruzione 235 38Roma, 19 aprile 2012 Fonte: Istat- uso del tempo 2008, popolazione età 15-64, tempi medi in minuti
  • 10. Prendere decisioni: illa conoscenza e lagovernance 4. Estensione della stima alle attività non market10ruolo della statistica per Valore del lavoro = Ore lavorate X Retribuzione oraria Ore lavorate relative alle attività produttive non market Retribuzione oraria la letteratura economica indica due metodi di stima:  Costo opportunità Il costo opportunità attribuisce un valore ad un’ora di lavoro non market pari al salario netto medio di mercato, perso da chi dedica quella stessa ora a tali attività, invece che al mercato.  Costo di sostituzione La remunerazione del lavoro non market viene stimata con laRoma, 19 aprile 2012 retribuzione media di chi potrebbe essere assunto sul mercato per svolgere la medesima attività.
  • 11. Prendere decisioni: ilruolo della statistica perla conoscenza e lagovernance 4. a) “produzione familiare” 11 Trasporto Volontariato Cura bambini/anziani F Abbigliamento M Tot Pasti Abitazione Totale 0 50 100 150 200 250 300 350Roma, 19 aprile 2012 Fonte: Istat – uso del tempo 2008, popolazione età 15-64, tempi medi in minuti
  • 12. Prendere decisioni: ilruolo della statistica perla conoscenza e lagovernance 4. a) “produzione familiare” 12 Il reddito (figurativo) della produzione familiare è: HPI edu age = HPW edu age × HPH edu age × 366 Dove: HPWage edu è il reddito netto (figurativo) per un’ora di lavoro domestico di un individuo HPH age edu è il tempo dedicato da un individuo alle attività di produzione familiare Ne discende che la formula del lifetime income relativo solo alla produzione familiare diventa: LIN _ HPage = HPI age + SUR age +1 LIN _ HPage +1 { (1 + r ) (1 + δ )} edu edu eduRoma, 19 aprile 2012
  • 13. Prendere decisioni: ilruolo della statistica perla conoscenza e lagovernance 4. a) “produzione familiare” 13 Risultati per l’Italia - anno 2008 Lifetime income Popolazione Lifetime Tipologia CU 15-64 anni Stock income (000.000 euro) pro capite (000 euro) Totale 6.136.676 39.418.732 156 Maschi 1.907.376 19.696.777 97 Femmine 4.229.300 19.721.955 214Roma, 19 aprile 2012
  • 14. Prendere decisioni: ilruolo della statistica per 4. b) “tempo libero” 14la conoscenza e lagovernance Sport Attività fuori casa F Vita sociale M Libri e altri passatempi Tot Tv, radio ecc. Totale 0 50 100 150 200 250 300 350Roma, 19 aprile 2012 Fonte: Istat – uso del tempo 2008, popolazione età 15-64, tempi medi in minuti
  • 15. Prendere decisioni: ilruolo della statistica perla conoscenza e lagovernance 4. b) “tempo libero” 15 Occupati Non occupati 11% 17% 16% 46% 50% 25% 27% 7%1% produzione familiare tempo libero lavoro istruzione cura della persona e altroRoma, 19 aprile 2012 Fonte: Istat – uso del tempo 2008, popolazione età 15-64, composizione percentuale dei minuti in media
  • 16. Prendere decisioni: ilruolo della statistica perla conoscenza e lagovernance 4. b) “tempo libero” 16 Reddito figurativo di un occupato Reddito figurativo di un non è una media tra la retribuzione netta occupato oraria di un individuo (distinto per è la retribuzione netta (figurativa) sesso, età e istruzione) e la per un’ora di lavoro domestico retribuzione netta (figurativa) per moltiplicata per il numero di ore un’ora di lavoro domestico, pesata domestico lavorate con il tempo rispettivamente dedicato alle due attività Valore economico del tempo libero edu edu edu edu edu LTI age = LTI _ NO age × NO age % + LTI _ O age × O age % Lifetime income relativo al tempo libero LIN _ LTage = LTI age + SURage +1 LIN _ LTage +1 { ( 1 + r ) ( 1 + δ )} edu edu eduRoma, 19 aprile 2012
  • 17. Prendere decisioni: ilruolo della statistica perla conoscenza e lagovernance 4. b) “tempo libero” 17 Risultati per l’Italia - anno 2008 Lifetime income Popolazione Lifetime Tipologia CU 15-64 anni Stock income (000.000 euro) pro capite (000 euro) Totale 9.916.454 39.418.732 252 Maschi 5.648.927 19.696.777 287 Femmine 4.267.527 19.721.955 216Roma, 19 aprile 2012
  • 18. Prendere decisioni: ilruolo della statistica perla conoscenza e lagovernance 5. La stima complessiva market e non market 18 Composizione percentuale dello stock di capitale umano 34% 45% 21%Roma, 19 aprile 2012 lavoro produzione familiare tempo libero
  • 19. Prendere decisioni: ilruolo della statistica perla conoscenza e lagovernance 5. La stima complessiva market e non market19 Stock del capitale umano totale (Lin) sul PIL - anno 2008 CU Stock Lin/PIL Tipologia attività CU (000.000 euro) Attività market 13.474.721 8,55 Attività non market “produzione familiare” 6.606.627 3,90 Attività non market “tempo libero” 9.916.454 6,30 Totale 29.527.851 18,75Roma, 19 aprile 2012
  • 20. Prendere decisioni: il 20 6. Conclusioniruolo della statistica perla conoscenza e lagovernance  Si tratta di un contributo informativo di grande rilievo che fornisce per la prima volta in Italia una stima monetaria dello stock di capitale umano, una posta importante della ricchezza del Paese  Anche se non c’è ancora un consenso internazionale su quali attività non market considerare nella stima del capitale umano si è realizzata anche una stima dello stock del CU per le attività della produzione domestica e del tempo libero  Per la stima del tempo libero è stato utilizzato il metodo del costo opportunità con un avanzamento metodologico di grande rilievo, perché nel metodo è stato differenziato il valore economico delle attività svolte da individui occupati e non occupati Si tratta di valori monetari importanti pari a 8,55 volte il Pil nel caso delle attività market e pari a 10 volte il Pil per quelle non market Sono informazioni strategiche nella prospettiva indicata dallaRoma, 19 aprile 2012 Comunicazione della Commissione Ue “Non solo PIL”, nonché dal rapporto Stiglitz-Sen-Fitoussi
  • 21. Prendere decisioni: ilruolo della statistica per 21la conoscenza e lagovernance Grazie per la vostra attenzione Per ulteriori informazioni montella@istat.it righi@istat.itRoma, 19 aprile 2012