• Like
  • Save
sisvsp2012_sessione6_vignani_auci
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

Published

 

  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
203
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
0
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Convegno Gruppo Valorizzazione delle Statistiche Pubbliche SISPrendere Decisioni il Ruolo della Statistica per la conoscenza e la governance 19-20 Aprile 2012 Roma Uso efficiente di risorse naturali non rinnovabili da cave e miniere in Italia. Analisi delle serie storiche basate sui Conti dei Flussi di Materia a livello di Intera Economia (EW-MFA) Sabrina Auci University of Palermo, Department of European Studies and International Integration Donatella Vignani Italian National Institute of Statistics Department of National Accounts
  • 2. Contenuti del paper (I) Uso efficiente di Risorse Naturali non-rinnovabili da cave e miniere (c&m) in Italia A) Analisi della normativa Regionale e dei dati amministrativi Il Decreto Pres. n. 616 del 1977 attribuì la gestione di cave e miniere alle Regioni, nell’ambito di un processo di decentramento di poteri l’analisi delle Leggi Regionali emanate e dei dati amministrativi consente di valutare se negli ultimi vent’anni la gestione e la conservazione delle risorse naturali da c&m affidata ai governi locali sia divenuta più efficiente i minerali grezzi estratti sono trattati economicamente come common goods o public goods dai policy makers? S. Auci e D. Vignani Roma, 19 Aprile 2012
  • 3. Contenuti del paper (II) Uso efficiente di Risorse Naturali non-rinnovabili da cave e miniere (c&m) in Italia B) Analisi econometrica L’analisi è basata su dati amministrativi di governance locali e di statistica ufficiale sulle quantità estratte di minerali da c&m fornite dai Conti dei Flussi di Materia a livello di intera Economia (EW-MFA), periodo 1980-2009 verificare empiricamente l’esistenza di una curva di offerta fra l’indice dei prezzi alla produzione interna da c&m e le quantità estratte di no-energy producing minerals verificare l’effetto della Responsabilità delle Regioni nelle attività estrattive sull’indice dei prezzi alla produzione relativo, controllando per alcune variabili rilevanti S. Auci e D. Vignani Roma, 19 Aprile 2012
  • 4. Normativa su cave e miniere e dati amministrativi (I) Normativa nazionale sul trasferimento delle responsabilità amministrative/legislative su c&m dallo Stato alle Regioni Regio Decreto n. 1443/27 Decreto del Presidente della Repubblica n. 616/77 Decreto Legis. n. 112/98 Legge Costituzionale n.3/01 Dalla fine degli anni ’70, sono state emanate Leggi Regionali per regolare il settore. La normativa prevede che le Regioni sviluppino un Piano Regionale delle Attività Estrattive (PRAE) per gestire in modo efficiente i siti estrattivi - nella fase di identificazione, sfruttamento e bonifica - l’uso delle risorse naturali e la protezione dell’ambiente S. Auci e D. Vignani Roma, 19 Aprile 2012
  • 5. Normativa su cave e miniere e dati amministrativi (II) Normativa Regionale: status attuale quadro normativo Regionale diversificato ed incompleto: molte aree del paese mancano ancora oggi di un’adeguata regolamentazione e di un Piano Cave ampio divario temporale fra il Decreto Pres. N. 616/77 e la promulgazione di Leggi Regionali: negli anni ’90 solo tre Regioni avevano deliberato un PRAE, nel 2004 queste sono diventate dieci mentre nel 2010 il numero complessivo delle Regioni sale a dodici il quadro normativo incompleto non riflette il consueto dualismo fra Regioni del Nord e del Sud S. Auci e D. Vignani Roma, 19 Aprile 2012
  • 6. Normativa su cave e miniere e dati amministrativi (III) Concessioni e canoni per la coltivazione di c&m: analisi dati amministrativi contenuti nelle Leggi Regionali I minerali grezzi sono considerati come common goods piuttosto che public goods dai policy makers canoni e concessioni sono strumenti indispensabili per regolare le attività estrattive poiché possono ridurre l’incentivo ad assumere comportamenti speculativi ai danni dell’ambiente da parte di differenti soggetti (si veda la teoria Pigouviana) l’analisi dei canoni e delle concessioni decise dai governi locali (vigenti al 2010) evidenzia come ai minerali grezzi venga attribuito un valore economico molto basso, che non rispecchia affatto la scarsità di tali risorse naturali non- rinnovabili le Regioni lasciano così ai cavatori la maggior parte della rendita da tali risorse pubbliche con perdite economiche rilevanti a danno della collettività S. Auci e D. Vignani Roma, 19 Aprile 2012
  • 7. Regioni Canoni di concessione (€/m3) esistenza PRAE sabbia & ghiaia, calcare, pietre argilla, torba ornamentaliPiemonte 0.50 0.78 SI’Valle d’Aosta 0.30 FREE SI’Lombardia 0.72 3.50 SI’Provincia di Trento basati sulla dimensione della cava SI’Provincia di Bolzano 0.53 0.55 SI’Veneto 0.53 0.75 NOFriuli Venezia Giulia 0.47 0.65 NOEmilia Romagna 0.67 n.d. SI’Liguria 0.77 0.82 SI’Toscana 0.35 n.d. SI’Umbria 0.39 0.45 SI’Marche 0.70 0.80 SI’Lazio 0.35 2 NOAbruzzo 0.89 9.70 NOMolise 0.58 2 NOCampania 0.93 1.60 NOPuglia basati sulla dimensione della cava SI’Basilicata FREE FREE NOCalabria FREE FREE NOSicilia FREE FREE SI’Sardegna FREE FREE NO
  • 8. Statistiche ufficiali sulla produzione da cave e miniere (I) Secondo la normativa, le Regioni avrebbero dovuto raccogliere dati sulle attività estrattive da inviare al Ministero dello Sviluppo Economico e all’ISTAT I dati prodotti annualmente su base provinciale dall’indagine “Statistiche di cave e torbiere” sono stati pubblicati dal Ministero nel “Rapporto sulle miniere e statistiche delle industrie estrattive in Italia” fino al 1986. Tale Rapporto non è stato più realizzato dopo il passaggio dei poteri legislativi in materia di c&m alle Regioni Dagli anni ’90, i questionari sono continuati ad arrivare al Ministero e all’ISTAT ma il numero delle Province che hanno provveduto al loro invio è diminuito nel tempo. Il risultato è stato che purtroppo le statistiche di settore a livello regionale sono divenute via via incomplete e discontinue S. Auci e D. Vignani Roma, 19 Aprile 2012
  • 9. Statistiche ufficiali sulla produzione da cave e miniere (II) Dal 1997 l’indagine PRODCOM (Community Production) ha fornito informazioni più complete sulla produzione da c&m, con dati strutturali della produzione industriale a livello nazionale (EU Regul. N. 3924/91) Presso la Contabilità Ambientale dell’ISTAT, con l’integrazione di queste due fonti (i dati dei questionari della vecchia indagine “Statistiche di cave e torbiere” ed i dati PRODCOM), compilando i Conti Satellite dell’Ambiente della Contabilità Nazionale, è stata costruita a livello nazionale la serie storica 1980-2009 dei flussi fisici dei no-energy producing minerals estratti in Italia, secondo la metodologia dei Conti dei Flussi di Materia a livello di Intera Economia (EW-MFA) S. Auci e D. Vignani Roma, 19 Aprile 2012
  • 10. Statistiche ufficiali sulla produzione da cave e miniere (III) Conti dei Flussi di Materia a livello di Intera Eoconoia (EW-MFA)sistema di conti, e di indicatori di sostenibilità da essi derivati, presente nei Contidell’Ambiente all’interno del Sistema dei Conti Satellite di Contabilità Nazionale. Essisono specificatamente dedicati alle risorse naturali e misurano in un’unità di peso iflussi di materiali vergini estratti dalla Natura e restituti in forme modificate dopoprocessi di produzione e consumo di un sistema socio-economico Antroposfera e Ambiente Naturalela metodologia dei EW-MFA fornisce un’informazione sintetica sugli scambi fisici diun’economia, offrendo così una visione complessiva dei fenomeni che possonooriginare pressioni sull’ambiente. Questo tipo di analisi può fornire un valido impulsonel comprendere le driving forces sottese all’ environmental burden Informazione Statistica e Valutazione della Sostenibilitàl’informazione Statistica sulla misura di tali flussi è molto importante per valutare lasostenibilità ecologica di lungo periodo e come flussi di materiali, scambiati fra diversipaesi, possono influenzare lo status dell’ambiente a livello globale S. Auci e D. Vignani Roma, 19 Aprile 2012
  • 11. Quantità estratte di No-energy producing minerals, Biomass, Fossil Fuels e PIL, Italia anni 1980-2009 (milioni di tonnellate, milioni di euro) 700 1,400,000.0 600 1,200,000.0 500 1,000,000.0million tonnes million euro 400 800,000.0 300 600,000.0 200 400,000.0 100 200,000.0 0 - 80 82 00 02 04 06 84 86 88 90 92 94 96 98 08 19 19 20 20 19 19 19 19 19 19 19 19 20 20 20 No-energy producing minerals extracted Biomass Fossil Fuels GDP Source: ISTAT – National Accounts , Satellite Environmental Accounts S. Auci e D. Vignani Roma, 19 Aprile 2012
  • 12. Analisi econometrica (I) Per la mancanza di dati a livello regionale, la nostra analisi econometrica è stata condotta a livello nazionale E’ basata su dati amministrativi di governance locali e dati di statistica ufficiale Fonti principali delle variabili usate sono leggi e atti regionali/provinciali ed i database ISTAT ed Eurostat I dati disponibili da noi raccolti sono su base annuale e relativi al periodo che va dal 1980 al 2009 S. Auci e D. Vignani Roma, 19 Aprile 2012
  • 13. Analisi econometrica (II) Obiettivi: verificare empiricamente l’esistenza di una curva di offerta fra l’indice dei prezzi alla produzione interna da c&m e le quantità estratte di no-energy producing minerals forniti dai Conti dei Flussi di Materia (EW-MFA) verificare l’effetto della Responsabilità delle Regioni Italiane nelle attività estrattive sull’indice dei prezzi alla produzione relativo La variabile relativa alla Responsabilità delle Regioni Italiane è stata da noi calcolata come numero cumulativo di Regioni che hanno adottato un Piano Cave per ogni anno (Q_Plan) e può essere ritenuta una buona proxy del grado di governance dell’uso di risorse naturali non rinnovabili da c&m (public goods) S. Auci e D. Vignani Roma, 19 Aprile 2012
  • 14. Il modello empirico A tale scopo abbiamo stimato il seguente modello, avendo verificato l’esistenza di radice unitaria e cointegrazione: S. Auci e D. Vignani Roma, 19 Aprile 2012
  • 15. Il modello empirico: definizione delle variabiliVARIABILE DEFINIZIONEM&Q producer log dell’indice dei prezzi alla produzione interna da c&m, base2005price indexM&Q quantity log della quantità di minerali estratti da c&m (milioni di tonnellate)extracted numero cumulativo di Regioni che hanno adottato un Piano Cave perQ_Plan ogni anno grado di Apertura al commercio internazionale: log del rapporto fraOpenness il totale delle esportazioni sommate alle importazini ed il PIL (milioni di euro)VA Construction log del valore aggiunto ai prezzi base del settore delle costruzionisector (milioni di euro a valori concatenati anno base 2000) log della spesa nazionale in Ricerca e Sviluppo (milioni di potere diR&D acquisto S. Auci e D. Vignani Roma,delAprile 2012 standard ai prezzi 19 2000)
  • 16. Risultati empirici (1) (2) (3) (4) (5)D1.M&Qquantity -0.27* -0.27* -0.21** -0.22** -0.23**extractedD1.Q_Plan -0.01 -0.02* -0.02* -0.01D1.Openness 0.43** 0.45** 0.45**D1.VAConstruction 0.44 0.47sectorD1.R&D -0.08Costanti 0.04** 0.04** 0.02 0.01 0.02Osservazioni 27 27 27 27 27R-quadro 0.25 0.29 0.55 0.60 0.60Note: * significativo al 5% ; ** significativo al 1% e D. Vignani Roma, 19 Aprile 2012 S. Auci
  • 17. Evidenze empiriche il segno negativo dei coefficienti della variabile indipendente M&Q quantity extracted indica che esiste una relazione negativa fra l’indice dei prezzi alla produzione interna da c&m e le quantità estratte di no- energy producing minerals nel periodo 1980-2009 e quindi la curva di offerta è inclinata negativamente (non rispecchia l’inclinazione della curva di offerta teorica) la bassa significatività della variabile Q_Plan che indica la Responsabilità delle Regioni evidenzia che i governi locali non riescono ad esercitare una buona governance di tali risorse naturali non rinnovabili, a discapito dell’efficienza nello uso di questi public goods  i PRAE infatti sono stati adottati solo negli ultimi dieci anni e da poco più della metà delle Regioni  il segno negativo dei coefficienti potrebbe essere legato al basso livello dei canoni di concessione stabiliti dalle autorità locali S. Auci e D. Vignani Roma, 19 Aprile 2012
  • 18. Conclusioni Sebbene consapevoli di alcuni limiti, riteniamo che la nostra analisi abbia consentito di verificare che: per l’Italia non esiste una curva di offerta crescente nel mercato dei no- energy producing minerals in quanto l’inclinazione è negativa la Responsabilità delle Regioni non sembra aver aumentato l’efficienza nello sfruttamento delle risorse naturali da c&m negli ultimi vent’anni la governance locale in materia di c&m sembra o non avere un peso o avere un effetto negativo nella determinazione dei prezzi dei minerali grezzi i policy makers, pur essendo gli attori della governance locale, mostrano una scarsa consapevolezza del valore reale dei minerali grezzi che considerano come common goods piuttosto che come public goods il governo centrale/locale non sembra porre molta attenzione alla produzione di dati statistici regionali relativi all’estrazione di queste risorse naturali non rinnovabili. Tali dati potrebbero essere invece un supporto importante per la conoscenza e la governance S. Auci e D. Vignani Roma, 19 Aprile 2012