sisvsp2012_sessione1_gallo_oteri_scalisi

465 views

Published on

0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
465
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

sisvsp2012_sessione1_gallo_oteri_scalisi

  1. 1. Prendere decisioni Il ruolo della statistica per la conoscenza e la governanceIl lavoro che cambia: proposte peruna ri-classificazione delleprofessioni Francesca Gallo, Cristina Oteri, Pietro ScalisiRoma, 19 aprile 2012
  2. 2. Obiettivo del lavoro1. riflettere sui criteri tradizionalmente utilizzati dalla statistica ufficiale per classificare le professioni3. mostrare, attraverso i risultati dell’indagine Istat- Isfol sulle professioni, l’importanza assunta da alcuni indicatori nel rappresentare le professioni5. proporre una specificazione più dettagliata e misurabile del criterio attualmente in uso per classificare le professioni
  3. 3. La professione1. variabile strategica (rilevata fin dal primo censimento generale del Regno d’Italia del 1861)3. complessa da rilevare perché pone problemi : • definitori • nominalistici
  4. 4. Problemi definitori - La professione richiama differenti dimensionil’ambito di attività economica (“lavoro nell’edilizia”,“lavoro nel terziario”, “sono impiegata alla Regione”,“lavoro in un’impresa di pulizie”… )la posizione o il ruolo ricoperto dal lavoratore(“funzionario”, “capo reparto”, “responsabile del servizio”,“coordinatore” …)l’inquadramento normativo e contrattuale (“iscrittoall’ordine degli avvocati”, “collaboratore a progetto”, “sonoinquadrato con il livello B2 super del CCNL” …)l’attività svolta (“sono un impiegato amministrativo”,“tecnico in computer grafica”, “professore di matematica alliceo”, “commessa in un grande magazzino” …)
  5. 5. Problemi nominalistici Spesso nomi diversi sottendono lavori simili (geometra e peritoedile)uno stesso termine può rinviare a significati differenti (project manager,…‘……Abbacchiatore in Toscana è il battitore di noci o dipigne, nel Lazio è il venditore di carne di agnello……..’ dal Volume del censimento del 1901)
  6. 6. La statistica ufficiale da sempre si interroga su quali siano glielementi da privilegiare per definire la struttura classificatoria Secondo l’attuale impostazione concordata a livellointernazionale (International Standard Classification of Occupations- Isco08) Una professione è un insieme di compiti e attività lavorative concretamente eseguite
  7. 7. Il criterio utilizzato per classificare La competenza intesa come la capacità di svolgere correttamente i compiti previsti da una professionelivello di competenza campo di competenza
  8. 8. La livello di competenza della Classificazione delle professioni Il struttura attuale Campo di competenza Unità Grande Gruppo Gruppi Classi Categorie professionaliI - Legislatori, imprenditori e 3 8 49 67alta dirigenzaII - Professioni intellettuali,scientifiche e di elevata 6 16 78 175specializzazioneIII - Professioni tecniche 4 20 98 160IV – Professioni esecutive nellavoro d’ufficio 4 8 28 30V - Professioni qualificate nelleattività commerciali e nei servizi 4 15 48 63VI - Artigiani, operaispecializzati e agricoltori 5 23 101 170VII - Conduttori di impianti,operai di macchinari fissi e 4 23 80 104mobili e conducenti di veicoliVIII - Professioni non qualificate 4 13 26 28IX - Forze armate 3 3 3 3Totale 37 129 511 800
  9. 9. I grandi gruppi professionali e i livelli di competenza definiti dalla Isco Competenze comunicative e relazionali Autonomia/responsabilitàLivello di Criteri ISCO (gruppo Grandi gruppi professionalicompetenza Isced97) 1 scuola primaria (1) VIII- Professioni non qualificate IV- Professioni esecutive nel lavoro d’ufficio scuola secondaria di V-Professioni qualificate nelle attività commerciali e primo, secondo grado, nei servizi 2 corsi pre-universitari o VI- Artigiani, operai specializzati e agricoltori brevi corsi professionali (2- VII- Conduttori di impianti, operai di macchinari 4) fissi e mobili e conducenti di veicoli 3 laurea triennale (5b) III- Professioni tecniche I - Legislatori, imprenditori e alta dirigenza laurea magistrale o 4 II - Professioni intellettuali, scientifiche e di elevata dottorato di ricerca (5a-6) specializzazione Competenze manuali
  10. 10. Alcuni elementi di insoddisfazione sia gli esercenti che gli addetti nel commercio e nei serviziLivello di Criteri ISCO (gruppo Grandi gruppi professionalicompetenza Isced97) 1 scuola primaria (1) VIII- Professioni non qualificate IV- Professioni esecutive nel lavoro d’ufficio scuola secondaria di V-Professioni qualificate nelle attività commerciali e primo, secondo grado, nei servizi 2 corsi pre-universitari o VI- Artigiani, operai specializzati e agricoltori brevi corsi professionali (2- VII- Conduttori di impianti, operai di macchinari 4) fissi e mobili e conducenti di veicoli 3 laurea triennale (5b) III- Professioni tecniche I - Legislatori, imprenditori e alta dirigenza laurea magistrale o 4 II - Professioni intellettuali, scientifiche e di elevata dottorato di ricerca (5a-6) specializzazione
  11. 11. sia i responsabili dell’attività sia i dipendentiLivello di Criteri ISCO (gruppo Grandi gruppi professionalicompetenza Isced97) 1 scuola primaria (1) VIII- Professioni non qualificate IV- Professioni esecutive nel lavoro d’ufficio scuola secondaria di V-Professioni qualificate nelle attività commerciali e primo, secondo grado, nei servizi 2 corsi pre-universitari o VI- Artigiani, operai specializzati e agricoltori brevi corsi professionali (2- VII- Conduttori di impianti, operai di macchinari 4) fissi e mobili e conducenti di veicoli 3 laurea triennale (5b) III- Professioni tecniche I - Legislatori, imprenditori e alta dirigenza laurea magistrale o 4 II - Professioni intellettuali, scientifiche e di elevata dottorato di ricerca (5a-6) specializzazione
  12. 12. Livello di Criteri ISCO (gruppo Grandi gruppi professionalicompetenza Isced97) 1 scuola primaria (1) VIII- Professioni non qualificate IV- Professioni esecutive nel lavoro d’ufficio scuola secondaria di V-Professioni qualificate nelle attività commerciali e primo, secondo grado, nei servizi 2 corsi pre-universitari o VI- Artigiani, operai specializzati e agricoltori brevi corsi professionali (2- VII- Conduttori di impianti, operai di macchinari 4) fissi e mobili e conducenti di veicoli 3 laurea triennale (5b) III- Professioni tecniche I - Legislatori, imprenditori e alta dirigenza laurea magistrale o 4 II - Professioni intellettuali, scientifiche e di elevata dottorato di ricerca (5a-6) specializzazione
  13. 13. sia grandi che piccoli imprenditoriLivello di Criteri ISCO (gruppo Grandi gruppi professionalicompetenza Isced97) 1 scuola primaria (1) VIII- Professioni non qualificate IV- Professioni esecutive nel lavoro d’ufficio scuola secondaria di V-Professioni qualificate nelle attività commerciali e primo, secondo grado, nei servizi 2 corsi pre-universitari o VI- Artigiani, operai specializzati e agricoltori brevi corsi professionali (2- VII- Conduttori di impianti, operai di macchinari 4) fissi e mobili e conducenti di veicoli 3 laurea triennale (5b) III- Professioni tecniche I - Legislatori, imprenditori e alta dirigenza laurea magistrale o 4 II - Professioni intellettuali, scientifiche e di elevata dottorato di ricerca (5a-6) specializzazione
  14. 14. L’indagine sulle professioni Istat-Isfol Finalizzata a descrivere nel dettaglio le caratteristiche di tutte leprofessioni in cui è articolato il mercato del lavoro Le risposte di un campione di lavoratori scelti a rappresentare le800 unità professionali permettono di quantificare l’importanza e illivello al quale una data competenza è necessaria per losvolgimento della professione
  15. 15. Le variabili scelte per comporre le aree dicompetenza oggetto di analisi Lintervistato quantifica con un valore da 0 a 100 ilAree di competenze livello al quale sono necessarie le seguenti competenze 1) la comprensione dei testi scritti 2) la scrittura e 3) laCompetenze di base matematicaCompetenze relazionali e 1) la comunicazione verso i superiori e i colleghi; 2) lacomunicative comunicazione verso le persone esterne all’organizzazione 1) svolgimento di attività fisiche generali, 2) maneggiare eCompetenze manuali muovere oggetti 3) manovrare macchinari e processi 1) risolvere problemi complessi 2) prendere decisioni, 3)Autonomia e responsabilità guidare, dirigere e motivare
  16. 16. La matrice di dati Competenze di base Competenze relazionali e Competenze manuali Autonomia e responsabilità comunicativeClassi comprensione scrittura matematica comunicazion comunicazione attività fisiche maneggiare manovrare risolvere prendere guidare,professionali scritta e verso i verso esterni generali e muovere macchinari problemi decisioni dirigere e superiori oggetti e processi complessi motivareProf_1….. Valori da 0-100Prof_129
  17. 17. Le competenze delle professioni qualificate nelleattività commerciali e nei servizi60.050.040.030.020.010.0 0.0 Esercenti delle vendite Commessi e assimilati Cassieri di esercizi commerciali Competenze di base Autonomia e responsabilità Competenze relazionali e comunicative Competenze manuali
  18. 18. Le competenze dei piccoli e grandi imprenditori 90.0 80.0 70.0 60.0 50.0 40.0 30.0 20.0 10.0 0.0 Imprenditori, gestori e Imprenditori e amministratori Membri di organismi di Direttori, dirigenti ed responsabili di piccole di grandi aziende private governo e di assemblee con equiparati imprese potestà legislativa e dell’amministrazione statale regolamentare ed equiparati Competenze di base Autonomia e responsabilità Competenze relazionali e comunicative Competenze manuali
  19. 19. Ipotesi di ridefinizione del livello di competenza per meglio cogliere le similitudini tra le professioniGruppo Descrizione dei livelli di competenza Professioni1 Semplici compiti manuali; competenze di base VIII. Professioni non qualificate elementari; livello di autonomia/responsabilità molto limitato;competenze relazionali e comunicative molto limitate. Livello di istruzione primaria2 Capacità elevata nel manovrare macchinari e VII. Conduttori di impianti, processi; competenze di base medio-basse; livello di operai di macchinari fissi e mobili e conducenti di veicoli autonomia/responsabilità limitato; competenze relazionali e comunicative limitate. Livello di istruzione secondaria inferiore o formazione specifica.3 Media capacità nel manovrare macchinari e processi; IV. Professioni esecutive nel Competenze di base medie; livello di lavoro d’ufficio autonomia/responsabilità basso; competenze V. Professioni dipendenti relazionali e comunicative medie; Livello di istruzione qualificate commercio e servizi secondaria o formazione specifica VI. Operai specializzati dipendenti (agricoltura e industria)
  20. 20. Ipotesi di ridefinizione del livello di competenza per meglio cogliere le similitudini tra le professioniGruppo Descrizione dei livelli di competenza Professioni4 Capacità medio-bassa nel manovrare macchinari e VI- Artigiani e Agricoltori processi; Competenze di base medie; competenze autonomi relazionali e comunicative medie; livello di V- Esercenti e gestori nel autonomia/responsabilità medio; Livello di istruzione commercio e servizi secondaria o formazione specifica5 Competenze di base medio-elevate; competenze I – Piccoli Imprenditori relazionali e comunicative elevate; competenze manuali III- Professioni Tecniche medio/basse; livello di autonomia/responsabilità medio- alto. Livello di istruzione secondario superiore o diploma laurea triennale.6 Competenze di base elevate; competenze relazionali e I- Legislatori, alta dirigenza e comunicative molto elevate; competenze manuali basse; grandi imprenditori livello di autonomia/responsabilità alto. II - Professioni intellettuali, Livello di istruzione elevato. scientifiche e di elevata specializzazione.
  21. 21. GRAZIE PER L’ATTENZIONE

×