Psicologia delle comunicazioni sociali
Le armi della propaganda
Il termine propaganda, in senso specifico, si
affaccia nel mondo moderno nel 1622 con
l’emissione della bolla papale Inscr...
La propaganda consiste essenzialmente in un complesso di
iniziative di comunicazione volte a disseminare particolari idee ...
Nelle azioni di propaganda si può distinguere un esercizio
coesivo ed uno dissensuale; il primo tipicamente rivolto al
gru...
La propaganda
Finalità e funzioni: la funzione coesiva
http://kaladarshan.arts.ohio-state.edu/exhib/poster/PictPow3.html
La propaganda
Finalità e funzioni: la funzione
dissensuale
http://members.home.nl/ww2propaganda/index.html
La propaganda, esercitata a fini prevalentemente ideologici,
politici e sociali, evidenzia delle costanti espressive, rela...
La propaganda
Le componenti essenziali della propaganda e della propaganda bellica
enfasi emozionale
semplificazione
fo...
Per quel che attiene ai modi del comunicare, la propaganda
generalmente evidenzia:
• Una forte caratterizzazione emotiva, ...
La propaganda
Espressività
• Enfasi emotiva
La guerra è una situazione
estrema, capace di portare ai
limiti ogni dimension...
La propaganda
Espressività
• Linguaggio semplificato
La semplicità ed essenzialità del
linguaggio appare coerente con le
s...
La propaganda
Dinamica categoriale
La propaganda agisce in due direzioni essenziali, strettamente
derivanti dal pensiero d...
La propaganda
Dinamica categoriale
• Polarizzazione categoriale
Combattere oppure il bolscevismo
(Germania, II g.m.)
Nella...
La propaganda
Dinamica categoriale
•Polarizzazione categoriale
Il nemico è diverso:
• Animale
• Barbaro
• Demonio
• Minacc...
La propaganda
Focus categoriale
• Gruppo interno
Questo tipo di comunicazione
prevale in tempo di pace ma
non è infrequent...
La propaganda
Focus categoriale
• Gruppo esterno
Ciò che viene detto è
relativo a ciò che
riguarda l’altro da sé.
Ciò che ...
La propaganda
Leva strategica
Tre sono le leve strategiche generalmente adottate nell’ambito
della propaganda facendo fulc...
La propaganda
Le leve strategiche
• Giusta causa
L’enfasi sulla giustizia, la libertà, la
sacralità ma anche sui diritti l...
La propaganda
Le leve strategiche
• Paura/minaccia
Attraverso la paura si mina il
sentimento di sicurezza, indebolendo
la ...
La propaganda
Leva strategica
La funzione di questa leva è quella di
ricostruire un sentimento di speranza e
fiducia incre...
La propaganda
Contenuto
La propaganda evoca alcuni fattori critici o contenuti peculiari che
sono qui identificati in:
• S...
La propaganda
Le leve strategiche ed i contenuti fulcro
Leva 1
Minaccia/paura
Leva 2
Bisogno di risoluzione
Leva 3
Giusta ...
La propaganda
Contenuto: sicurezza/diritti
• Leva strategica: minaccia
Il sentimento della sicurezza è
strettamente associ...
La propaganda
Contenuto: sicurezza/diritti
• Leva strategica: risoluzione
Rinforzare la sicurezza emotiva,
offrire un’imma...
La propaganda
Contenuto: sicurezza/diritti
• Leva strategica: giusta causa
Non vi può essere tenuta della
coesione sociale...
La propaganda
Contenuto: identità
• Leva strategica: minaccia
La minaccia paventata non tocca solo il territorio
quanto an...
La propaganda
Contenuto: identità
• Leva strategica: risoluzione
Zio Sam e lo spirito della vecchia
America (Usa, II g.m)
...
La propaganda
Contenuto: identità
• Leva strategica: giusta causa
La guerra in nome di Dio, perché Dio e la Nazione
sono d...
La propaganda
Contenuto: esigenze della Patria
• Leva strategica: minaccia
Manifesto per la condivisione del trasporto pri...
La propaganda
Contenuto: esigenze della Patria
• Leva strategica: risoluzione
xxxxxxxx
Le esigenze della patria,
rappresen...
La propaganda
Contenuto: esigenze della Patria
• Leva strategica: giusta causa
Questa leva è enfaticamente
presente in tut...
La propaganda
Contenuto: impulsi aggressivi
• Leva strategica: minaccia
(Urss, II g.m.)
L’aggressività della pubblica
opin...
La propaganda
Contenuto: impulsi aggressivi
• Leva strategica: risoluzione
Lo scontro è frontale ed il
nemico diventa ragi...
La propaganda
Contenuto: impulsi aggressivi
• Leva strategica: giusta causa
L’orientamento
dell’aggressività nei confronti...
La propaganda
Contenuto: legami familiari
• Leva strategica: minaccia
Il pregiudizio per il nero trae alimento dalla
minac...
La propaganda
Contenuto: legami familiari
• Leva strategica: risoluzione
Per la casa e la patria (Usa, I g.m.)
La saldezza...
La propaganda
Contenuto: legami familiari
• Leva strategica: giusta causa
(Usa, II g.m)
I legami familiari sono un
princip...
La propaganda
Leadership e propaganda
L’accentuazione dei conflitti sociali e di quelli politici, fino a
sconfinare nei co...
La propaganda
Leadership e propaganda
• La personalizzazione del nemico
E’ sempre vantaggioso
dissociare la popolazione di...
La propaganda
Leadership e propaganda
• Il culto della personalità
La storia contemporanea è ricca di esempi di culto dell...
La propaganda
Il ruolo del culto della personalità nel processo di risoluzione
Le leve della Propaganda
Leva 1: paura e
mi...
La propaganda
Strategie della conformità
Il consenso deve essere
spettacolarizzato perché
essendo reso evidente
produce al...
Questo effetto riguarda la tendenza a salire sul carro del
vincitore ed è peculiarmente ricercato e promosso in occasione
...
La propaganda
Strategie della conformità
• Effetto bandwagon
L’individuazione di un nemico, vero
o falso che sia, rappresenta uno
strumento essenziale per la
comunicazione propagandis...
• Revisione degli eventi storici ovvero la
storia come elaborazione funzionale alla
propria posizione
• Interdizione media...
• Valorizzare i successi e
minimizzare gli insuccessi
• Evitare le parole critiche
sostituendole opportunamente
(es: morti...
48
4949
Il …. Del 2001, a Ramallah xxxxx
Avrahami and Novesche
were beaten, stabbed
countless times, their eyes
were gourged from ...
xxxxxxxxxx
Crudeltà subita
Cronaca, propaganda e contropropaganda
“Qualcuno può essere portato a creder che queste
mostruo...
xxxxxxxxxx
Confutazione
Cronaca, propaganda e contropropaganda
Fonte:
www.masada2000.org/
ramallah.html
The red arrows ind...
xxxxxxxxxx
Dissidenze
Cronaca, propaganda e contropropaganda
“Woody Allen is nothing more than a pathetic, child-
molestin...
La propaganda
Argomentazioni e linguaggio
Fonte: www.masada2000.org
8 dicembre 2006
La propaganda
Argomentazioni e linguaggio
www.palestina-in-out.com/ actualidad.htm
le vittime bambini
http://usa.mediamonitors.net/content/view/full/144
http://www.palestinemonitor.org/settlements/vacating...
La propaganda
Argomentazioni e linguaggio
Fonte: www.masada2000.org
La propaganda
Argomentazioni e linguaggio
How does the "Holocaust"
benefit the state of Israel?
Fonte: www.zundelsite.org/...
La propaganda
Argomentazioni e linguaggio
Fonte: www.zundelsite.org/english/ debate/022_jam.html
“Israel has already
recei...
propaganda
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

propaganda

1,966
-1

Published on

Published in: Education, News & Politics
0 Comments
2 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
1,966
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
3
Actions
Shares
0
Downloads
156
Comments
0
Likes
2
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

propaganda

  1. 1. Psicologia delle comunicazioni sociali Le armi della propaganda
  2. 2. Il termine propaganda, in senso specifico, si affaccia nel mondo moderno nel 1622 con l’emissione della bolla papale Inscrutabili divinae Providentiae, atto con cui Gregorio XV fonda, riorganizzando preesistenti istituzioni, la Sacra Congregatio de propaganda fide allo scopo di promuovere la diffusione della religione cattolica tra gli infedeli e di difenderne il patrimonio di fede nei luoghi toccati dall’eresia. La propaganda Origini della propaganda Papa Gregorio XV
  3. 3. La propaganda consiste essenzialmente in un complesso di iniziative di comunicazione volte a disseminare particolari idee e informazioni in contesti sociali estesi al fine di promuovere e/o rafforzare convinzioni ed atteggiamenti coerenti con specifici comportamenti attesi. Nell’accezione del termine è implicito il presupposto dell’esigenza della fonte di perseguire il fine del consenso diffuso piuttosto che non l’affermazione della verità in quanto tale, sicchè l’analisi della propaganda mette precipuamente a fuoco le strategie e le tecniche di manipolazione a quel fine prescelte. La propaganda Definizione
  4. 4. Nelle azioni di propaganda si può distinguere un esercizio coesivo ed uno dissensuale; il primo tipicamente rivolto al gruppo interno, il secondo rivolto verso il gruppo esterno. La funzione coesiva tende a: - creare benessere - promuovere amicizia - sostenere il morale - favorire la cooperazione La propaganda dissensuale ha il fine di: - deprimere il morale - creare apatia, discordia, disfattismo - promuovere il dissenso, panico, resistenza, diserzione, resa La propaganda Finalità e funzioni
  5. 5. La propaganda Finalità e funzioni: la funzione coesiva http://kaladarshan.arts.ohio-state.edu/exhib/poster/PictPow3.html
  6. 6. La propaganda Finalità e funzioni: la funzione dissensuale http://members.home.nl/ww2propaganda/index.html
  7. 7. La propaganda, esercitata a fini prevalentemente ideologici, politici e sociali, evidenzia delle costanti espressive, relazionali, strumentali, contenutistiche e dinamiche che possono essere individuate pur in riferimento a notevoli differenze di contesto storico, politico e culturale. Queste costanti sono chiaramente riconoscibili, per le circostanze stesse, nella propaganda bellica. La propaganda L’analisi della propaganda
  8. 8. La propaganda Le componenti essenziali della propaganda e della propaganda bellica enfasi emozionale semplificazione focus interno focus esterno giusta causa paura risoluzione sicurezza/diritti identità esigenze della Patria impulsi aggressivi legami familiari Espressività Dinamica categoriale Leva strategica Contenuto
  9. 9. Per quel che attiene ai modi del comunicare, la propaganda generalmente evidenzia: • Una forte caratterizzazione emotiva, che fa leva in modo preponderante su sentimenti ed emozioni basilari • La tendenza al linguaggio semplificato, anche attraverso la riproposizione sistematica e perfino ossessiva di slogan e formule concettuali elementari La propaganda Espressività
  10. 10. La propaganda Espressività • Enfasi emotiva La guerra è una situazione estrema, capace di portare ai limiti ogni dimensione della vita umana. L’accento è posto su sentimenti primari quali paura, orrore, commozione, odio, orgoglio. Il richiamo della madre dell’eroe di guerra caduto(Italia, II g.m.)
  11. 11. La propaganda Espressività • Linguaggio semplificato La semplicità ed essenzialità del linguaggio appare coerente con le situazioni estreme in cui i conflitti trascinano gli individui ed i popoli. Ma la vera forza della propaganda di guerra è nelle proposte iconiche, ad alta presa diretta, sempre fondate su concetti ben identificabili Il coraggio del soldato (Italia, II g.m.)
  12. 12. La propaganda Dinamica categoriale La propaganda agisce in due direzioni essenziali, strettamente derivanti dal pensiero dicotomico e categoriale attivato e potenziato dalla situazione di conflitto: • Gruppo interno: la comunicazione riguarda direttamente il suo destinatario, fino quasi a dimenticare l’esistenza dell’altro da sè • Gruppo esterno: la comunicazione è rivolta al gruppo interno ma si articola intorno alle caratteristiche del gruppo esterno In relazione a questa dicotomia è evidente la caratterizzazione in senso estremo del giudizio categoriale
  13. 13. La propaganda Dinamica categoriale • Polarizzazione categoriale Combattere oppure il bolscevismo (Germania, II g.m.) Nella propaganda, in guerra ma anche in periodo di pace, non vi è posto per posizioni intermedie: è sempre una battaglia tra bene e male, tra giusto e ingiusto, tra vita e morte. Ovvero, anche, chi non è mio amico è amico del mio nemico
  14. 14. La propaganda Dinamica categoriale •Polarizzazione categoriale Il nemico è diverso: • Animale • Barbaro • Demonio • Minaccia personale
  15. 15. La propaganda Focus categoriale • Gruppo interno Questo tipo di comunicazione prevale in tempo di pace ma non è infrequente in tempo di guerra. L’accento è posto sui valori, le credenze ed i comportamenti del gruppo interno La gioia delle realizzazioni (Cina, ‘60)
  16. 16. La propaganda Focus categoriale • Gruppo esterno Ciò che viene detto è relativo a ciò che riguarda l’altro da sé. Ciò che conta è il comportamento di relazione con l’altro, ciò che lui è ed il modo in cui bisogna affrontarlo. Agire contro il revisionismo della Banda dei Quattro (Cina, ‘70)
  17. 17. La propaganda Leva strategica Tre sono le leve strategiche generalmente adottate nell’ambito della propaganda facendo fulcro su temi e contenuti che toccano fortemente la sensibilità collettiva. • Paura/minaccia • Bisogno di risoluzione • Giusta causa Leve strategiche Consenso
  18. 18. La propaganda Le leve strategiche • Giusta causa L’enfasi sulla giustizia, la libertà, la sacralità ma anche sui diritti lesi o, ancora, sul bisogno di potenza, ecc., agisce stimolando la base valoriale, in accordo alle credenze ed al carattere sociale, inibendo per altro le possibili obiezioni e contrapposizioni alle scelte politiche e militari effettuate
  19. 19. La propaganda Le leve strategiche • Paura/minaccia Attraverso la paura si mina il sentimento di sicurezza, indebolendo la consistenza delle proprie certezze e producendo un effetto di atomizzazione dell’individuo che, individualmente, si sente solo e impotente di fronte alle minacce incombenti ed è dunque portato a ricercare il sostegno di gruppo
  20. 20. La propaganda Leva strategica La funzione di questa leva è quella di ricostruire un sentimento di speranza e fiducia incrementando la disposizione all’obbedienza nel contesto della condivisione a livello di massa del valore e dell’efficacia delle soluzioni prospettate • Bisogno di risoluzione
  21. 21. La propaganda Contenuto La propaganda evoca alcuni fattori critici o contenuti peculiari che sono qui identificati in: • Sicurezza/diritti: diritto alla vita, alla libertà, alla territorialità • Appartenenza/identità: valori, religiosità, tradizione • Esigenze della Patria (della Nazione, del popolo) • Impulsi aggressivi (dislocazione e catarsi) • Legami familiari (speculazione sugli affetti) Tutti questi fattori assumono la funzione di fulcro su cui far lavorare le leve della paura/minaccia e del bisogno di risoluzione.
  22. 22. La propaganda Le leve strategiche ed i contenuti fulcro Leva 1 Minaccia/paura Leva 2 Bisogno di risoluzione Leva 3 Giusta causa Sicurezza emotiva/diritti A B Appartenenza e identità C D Esigenze della Patria E F Impulsi aggressivi G H Legami familiari I L Contenuti/fulcro Leve strategiche
  23. 23. La propaganda Contenuto: sicurezza/diritti • Leva strategica: minaccia Il sentimento della sicurezza è strettamente associato al diritto alla vita, al territorio ed alla libertà. In un simile contesto situazionale, l’individuo isolato avverte più forte il bisogno di associazione per la difesa di ciò che è comune. Per questa impostazione della comunicazione è peculiare l’identificazione patria-casa comune.
  24. 24. La propaganda Contenuto: sicurezza/diritti • Leva strategica: risoluzione Rinforzare la sicurezza emotiva, offrire un’immagine di sé indomita a fronte di ogni minaccia è la risposta adeguata per ogni battaglia dagli esiti mortali. Ma ciò che più conta è l’assoluta unità degli intenti. Non più individui ma un’unica volontà.
  25. 25. La propaganda Contenuto: sicurezza/diritti • Leva strategica: giusta causa Non vi può essere tenuta della coesione sociale se il conflitto non scaturisce da ragioni assolutamente legittime. La giustezza delle ragioni del conflitto si tradurrà allora nella giustizia degli esiti: il male pagherà per il suo agire e la vittoria apparterrà ai giusti.
  26. 26. La propaganda Contenuto: identità • Leva strategica: minaccia La minaccia paventata non tocca solo il territorio quanto anche il diritto di culto, il cuore dell’anima americana (Usa, II g.m.) L’identità è data dal sistema delle credenze, dei valori radicati: è ciò che ci rende diversi. La minaccia riguarda i principi della nostra profonda diversità dal nemico.
  27. 27. La propaganda Contenuto: identità • Leva strategica: risoluzione Zio Sam e lo spirito della vecchia America (Usa, II g.m) La minaccia impone la difesa ed una risposta forte e decisa, a cui contribuiscono tutte le componenti dell’identità nazionale. Si fa leva sui miti e sui sentimenti più vivi della comune appartenenza
  28. 28. La propaganda Contenuto: identità • Leva strategica: giusta causa La guerra in nome di Dio, perché Dio e la Nazione sono dalla stessa parte (Usa, I g.m) La forza deriva dalla verità e giustizia delle proprie posizioni. E’ la saldezza dei valori e delle proprie credenze l’arma in più dei popoli in guerra.
  29. 29. La propaganda Contenuto: esigenze della Patria • Leva strategica: minaccia Manifesto per la condivisione del trasporto privato ai fini del minor consumo dei carburanti (Usa, II g.m.) Le esigenze della Patria (della Nazione, del popolo) possono essere compromesse da minacce interne ed esterne. La minaccia interna è rappresentata dai comportamenti negativi, i personalismi (egoismo, indifferenza ecc.), il tradimento.
  30. 30. La propaganda Contenuto: esigenze della Patria • Leva strategica: risoluzione xxxxxxxx Le esigenze della patria, rappresentano un principio di ordine superiore in grado di assorbire tutte le diversità che possono sussistere tra i diversi individui nell’esercizio dei ruoli attesi ed i gruppi sociali. (Italia, II g.m.)
  31. 31. La propaganda Contenuto: esigenze della Patria • Leva strategica: giusta causa Questa leva è enfaticamente presente in tutta la comunicazione propagandistica. La giusta causa si identifica costantemente con ciò che si chiede agli individui in nome e per conto della Patria.
  32. 32. La propaganda Contenuto: impulsi aggressivi • Leva strategica: minaccia (Urss, II g.m.) L’aggressività della pubblica opinione deve essere alimentata in modo focale. La caratterizzazione negativa del nemico è essenziale ai fini della generazione di un sentimento avversivo. Frequente è il ricorso a rappresentazioni del nemico in forma di caricature grottesche o di animali malevoli.
  33. 33. La propaganda Contenuto: impulsi aggressivi • Leva strategica: risoluzione Lo scontro è frontale ed il nemico diventa ragione e fine dell’odio. Una totale dedizione all’odio, in una battaglia combattuta quasi a mani nude in un manifesto in cui la minaccia territoriale ed i legami familiari sono lo sfondo significativo
  34. 34. La propaganda Contenuto: impulsi aggressivi • Leva strategica: giusta causa L’orientamento dell’aggressività nei confronti del nemico richiede una costante ricerca delle dimensioni giustificative, che rendono non egoistica l’opzione del conflitto.
  35. 35. La propaganda Contenuto: legami familiari • Leva strategica: minaccia Il pregiudizio per il nero trae alimento dalla minaccia sessuale che tocca tre generazioni di donne (Italia, II g.m.) Qui si specula sugli affetti, sull’angoscia per una minaccia che tocca nel modo più perverso ed intimo il cuore del soldato, che è tale perché egli è soprattutto padre, marito, figlio
  36. 36. La propaganda Contenuto: legami familiari • Leva strategica: risoluzione Per la casa e la patria (Usa, I g.m.) La saldezza della famiglia è il presupposto della solidità degli eserciti e della capacità di cooperazione sul fronte interno da parte dei non combattenti.
  37. 37. La propaganda Contenuto: legami familiari • Leva strategica: giusta causa (Usa, II g.m) I legami familiari sono un principio fondante il sistema delle relazioni sociali: tali legami giustificano di per sè il diritto-dovere che essi siano preservati.
  38. 38. La propaganda Leadership e propaganda L’accentuazione dei conflitti sociali e di quelli politici, fino a sconfinare nei conflitti militari, determina inevitabilmente una specifica attenzione nei confronti del leader per le implicazioni che i comportamenti e le determinazioni del leader hanno sull’evoluzione dei conflitti stessi. Con riferimento alla leadership, tra i fenomeni socioculturali e le dinamiche della comunicazione che si possono evidenziare in ambito propagandistico si evidenziano: • La personalizzazione del nemico • Il culto della personalità
  39. 39. La propaganda Leadership e propaganda • La personalizzazione del nemico E’ sempre vantaggioso dissociare la popolazione di una nazione dalla sua leadership. Questo consente di valorizzare il principio della giusta causa senza compromettere il potenziale di avversione nei confronti del nemico senza volto
  40. 40. La propaganda Leadership e propaganda • Il culto della personalità La storia contemporanea è ricca di esempi di culto della personalità, da intendersi come strategia mediatica in grado di tutelare la leadership e di compattare la risposta dell’opinione pubblica in termini di conformità ed obbedienza.
  41. 41. La propaganda Il ruolo del culto della personalità nel processo di risoluzione Le leve della Propaganda Leva 1: paura e minaccia esterna Leva 3: giusta causa, credenze e valori fondamentali Leva 2: bisogno di risoluzione Atomizzazione Conformità Spersonalizzazione Leadership carismatica Culto della personalità Re-identificazione Massificazione
  42. 42. La propaganda Strategie della conformità Il consenso deve essere spettacolarizzato perché essendo reso evidente produce altro consenso e rende marginali ed irrilevanti delle posizioni minoritarie. • Spettacolarizzazione del consenso
  43. 43. Questo effetto riguarda la tendenza a salire sul carro del vincitore ed è peculiarmente ricercato e promosso in occasione di appuntamenti politici ed elettorali. I sondaggi d’opinione favorevoli ad un certo candidato o il successo di una qualche manifestazione pubblica - spesso costruito ai banchi di regia delle emittenti televisive - servono a diffondere la convinzione che è certo l’esito della competizione e ad indurre gli incerti a scegliere tra il votarsi alla frustrazione e il godere di una vittoria parteggiata. La propaganda Strategie della conformità • Effetto bandwagon
  44. 44. La propaganda Strategie della conformità • Effetto bandwagon
  45. 45. L’individuazione di un nemico, vero o falso che sia, rappresenta uno strumento essenziale per la comunicazione propagandistica perché consente di favorire la dislocazione dell’aggressività verso l’ipotizzata fonte dei mali che affliggono il gruppo interno. La propaganda Strategie della conformità Caprio espiatorio
  46. 46. • Revisione degli eventi storici ovvero la storia come elaborazione funzionale alla propria posizione • Interdizione mediatica delle posizioni avverse, oppure confutarle, disarticolarle, ecc. (contropropaganda) • Ostracismo e accusa di collaborazionismo a chi, all’interno, dà voce a posizioni difformi La propaganda Strategie della conformità Manipolazione informativa
  47. 47. • Valorizzare i successi e minimizzare gli insuccessi • Evitare le parole critiche sostituendole opportunamente (es: morti=caduti) • Nascondere il volto del nemico e i danni alla popolazione civile • Fare leva sulle atrocità subite La propaganda Strategie della conformità Manipolazione informativa
  48. 48. 48
  49. 49. 4949
  50. 50. Il …. Del 2001, a Ramallah xxxxx Avrahami and Novesche were beaten, stabbed countless times, their eyes were gourged from their sockets and literally disemboweled and dismembered with the attackers' bare hands. Then the filthy animals of Ramallah threw one down to the waiting mob down below where his face was further crushed with stones, feet, fists and even a heavy metal window frame. One Jew was set on fire and dragged along the street as the other Moslem psychopaths danced and cheered in a frenzied, hideous ecstasy. Informazione di guerra e guerra dell’informazione Cronaca, propaganda e contropropaganda
  51. 51. xxxxxxxxxx Crudeltà subita Cronaca, propaganda e contropropaganda “Qualcuno può essere portato a creder che queste mostruosità barbare siano semplicemente espressione di una furia repressa. Ciò è quello che i portavoce terroristi del PLO Hanan Ashwari e il suo alcolizzato ex-boyfriend Peter Jennings delle ABC Nazi News ci vogliono far credere! …. Ciò che affermiamo è che Ramallah non è il risultato della ”occupazione Israeliana." Non è stata la manifestazione di un popolo frustrato per i propri "legittimi diritti all’auto-determinazione." esso fu l’atto di un popolo primitivo e selvaggio.”Fonte: www.masada2000.org/ ramallah.html
  52. 52. xxxxxxxxxx Confutazione Cronaca, propaganda e contropropaganda Fonte: www.masada2000.org/ ramallah.html The red arrows indicate new bullet holes that were not in PHOTO TWO. They could not have come from IDF gun fire since the holes are perfectly round and fully penetrate the wall. The boy fell forward as if a bullet struck in from behind or from the direction of the camera. Mohammed al-Dura was indeed murdered by his fellow Palestinians!
  53. 53. xxxxxxxxxx Dissidenze Cronaca, propaganda e contropropaganda “Woody Allen is nothing more than a pathetic, child- molesting whacko. First he molested Mia Farrow's adopted pre-pubescent daughter, Dylan, and then moved on to another adopted daughter, Soon Yi ... thirty-five years his junior and also young enough to be his granddaughter! Well, at least keeps it in the family! Mia must have wished he had also kept it in his pants! It's obvious to us that this pedophile should spend more time stretched out on a psychiatrist's couch and less time acting out his own weirdness to a gawking crowd of those still fascinated by a sick Jew. Our suggestion to Weird Woody is to stop reminding people that he's a Jew!” Fonte: www.masada2000.org/
  54. 54. La propaganda Argomentazioni e linguaggio Fonte: www.masada2000.org
  55. 55. 8 dicembre 2006
  56. 56. La propaganda Argomentazioni e linguaggio www.palestina-in-out.com/ actualidad.htm
  57. 57. le vittime bambini http://usa.mediamonitors.net/content/view/full/144 http://www.palestinemonitor.org/settlements/vacating.jpg
  58. 58. La propaganda Argomentazioni e linguaggio Fonte: www.masada2000.org
  59. 59. La propaganda Argomentazioni e linguaggio How does the "Holocaust" benefit the state of Israel? Fonte: www.zundelsite.org/english/ debate/022_jam.html
  60. 60. La propaganda Argomentazioni e linguaggio Fonte: www.zundelsite.org/english/ debate/022_jam.html “Israel has already received over $120 BILLION DM from Germany for crimes Germans never committed - Who will pay reparations to the poor Arab victims of Israeli militarism and terrorism?”
  1. A particular slide catching your eye?

    Clipping is a handy way to collect important slides you want to go back to later.

×