• Save

Loading…

Flash Player 9 (or above) is needed to view presentations.
We have detected that you do not have it on your computer. To install it, go here.

Like this presentation? Why not share!

Like this? Share it with your network

Share

Influenza Minoritaria

on

  • 12,509 views

 

Statistics

Views

Total Views
12,509
Views on SlideShare
6,121
Embed Views
6,388

Actions

Likes
6
Downloads
0
Comments
0

13 Embeds 6,388

http://psicosociale2011edu.wordpress.com 4239
http://wip.scriptaweb.eu 936
http://stanismiragliacassino.blogspot.com 528
http://stanismiraglia.wordpress.com 517
http://www.stanismiragliacassino.blogspot.com 129
http://www.slideshare.net 22
http://webcache.googleusercontent.com 8
http://stanismiraglia.wordpress.com. 3
http://www.psicopolis.com 2
http://wip.scriptaweb.eu. 1
url_unknown 1
file:// 1
http://2011.stanismiraglia.wordpress.com 1
More...

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Influenza Minoritaria Presentation Transcript

  • 1. Stani Smiraglia L’influenza minoritaria
  • 2. L’influenza minoritaria Il tempo dell’influenza minoritaria La storia del XX secolo appare fino al secondo dopoguerra come una storia scritta da leaders carismatici e masse segnate dalla conformità. Gli anni ‘60 sembrano l’inizio di un capitolo della storia sociale scritto da individui o gruppi le cui posizioni divergono fortemente dalle posizioni maggioritarie.
  • 3. L’influenza minoritaria Il modello funzionalista e il modello genetico Serge Moscovici, Psicologia delle minoranze attive (1976) • modello funzionalista: la realtà sociale come un dato di fatto • modello genetico: prospettiva costruttivista • controllo sociale Modello funzionalista • conformità • conflitto Modello genetico • innovazione
  • 4. L’influenza minoritaria Stile di comportamento Si distinguono due aspetti del comportamento comunicativo: • strumentale, relativo all'oggetto del contendere, ovvero alle qualità proprie di ciò che viene comunicato • simbolico, che dà informazioni sull'attore ovvero riferibile alle caratteristiche che vengono riconosciute al soggetto minoritario in conseguenza del suo comportamento Fondamentale è lo stile, ovvero la consistenza dei comportamenti con cui la minoranza difende e sostiene la propria posizione • la consistenza intra-individuale o coerenza nel tempo (consistenza diacronica) • la consistenza interindividuale all'interno della minoranza (consistenza sincronica)
  • 5. L’influenza minoritaria L'esperimento della torre di controllo (Faucheux e Moscovici, 1967) induzione sperimentale: psicologia della percezione visiva applicata al controllo della navigazione aerea, presenza di complice nei gruppi sperimentali che forniscono risposta fissa (colore) stimoli: 64 tavole con disegni geometrici che variano in base a quattro caratteristiche: Dimensione: grande o piccola, Forma: tonda o spigolosa Colore: rosso o blu Tratto: continuo o tratteggiato.
  • 6. L’influenza minoritaria L'esperimento della torre di controllo Risultati. Il numero di risposte quot;colorequot; aumenta in modo significativo nei gruppi sperimentali in paragone ai gruppi di controllo. colore tracciato misura forma 20,86 16,18 16,09 10,88 Gruppi sperimentali 15,28 18,93 14,20 15,59 Gruppi di controllo
  • 7. L’influenza minoritaria L'esperimento di discriminazione dei colori (Moscovici et alii, 1969) • compito: valutare pubblicamente, il colore di 36 diapositive, tutte visibilmente blu e di intensità luminosa variabile. • una minoranza di due soggetti, complice dello sperimentatore, si contrappone alla maggioranza di quattro soggetti ingenui. percentuale di risposta verde fornita dai soggetti ingenui condizione sperimentale di consistenza (schema di risposta: verde) 8,42 % condizione sperimentale di inconsistenza (schema di risposta: verde o blu) 1,25 % condizione di controllo 0,25 %
  • 8. L’influenza minoritaria La coerenza flessibile Nemeth e al. (1974) pur non negando la consistenza, ritengono che lo stile più efficace sia quello di una posizione caratterizzata da flessibilità negoziale (schema verde/verde-blu) piuttosto che da puro spirito antagonistico (schema solo verde o solo verde-blu). risposte influenzate condizione sperimentale di consistenza (schema verde/verde-blu 21,2 % condizione sperimentale di consistenza (schema solo verde-blu) 14 % condizione sperimentale di consistenza (schema solo verde) 2,5 % condizione sperimentale di inconsistenza 0,21 % condizione di controllo 0,18 %
  • 9. L’influenza minoritaria Effetti dell'influenza Premesso che le minoranze: • suscitano forti antipatie (Moscovici e Lage, 1976) • sarebbero meno influenti a livello pubblico sulle persone quando altri membri della maggioranza oppongono resistenze. …viene ad essere comunque confermata la possibilità per le minoranze di conseguire un’influenza sulle maggioranze. La questione chiave riguarda la natura del cambiamento indotto, anche in relazione all’influenza maggioritaria Influenza maggioritaria acquiescenza Influenza minoritaria conversione
  • 10. Cos’è l’after effect ? Rimani a fissare questa diapositiva al centro, dove c’è la crocetta. Un po’ di pazienza …….e…..
  • 11. Cosa vedi adesso? L’after effect o colore postumo è quel colore (illusorio) che è apparso sullo schermo bianco in corrispondenza al colore che hai precedentemente fissato
  • 12. Il colore postumo che viene percepito è il colore complementare di quello originario. Il colore complementare del blu è il giallo-arancio, quello del verde è il viola. Serge Moscovici ha sfruttato questo effetto percettivo per verificare le modificazioni del giudizio derivanti dall’influenza minoritaria. L’influenza minoritaria porta a modificare solo il giudizio sul colore manifesto (acquiescenza) ) o anche la percezione del colore postumo (giudizio profondo = conversione)?
  • 13. L’influenza minoritaria L’esperimento con l'after-effect Moscovici e Personnaz (1980) • I soggetti sono divisi in coppie formate da un soggetto ingenuo e da un complice. • Il disegno sperimentale prevede quattro fasi. 1. si mostra una serie di cinque diapositive, la risposta è data in privato (colore + immagine residua). Lo sperimentatore quot;informaquot; i soggetti intorno alle risultanze di precedenti analoghi studi. In realtà, si crea una identificazione del soggetto ingenuo con una fantomatica maggioranza/minoranza.
  • 14. L’influenza minoritaria L’esperimento con l'after-effect 2. i soggetti esprimono i giudizi pubblicamente, senza pronunciarsi sul colore residuo. Il soggetto complice - risponde per primo - afferma sempre che le diapositive sono quot;verdiquot;. 3. la coppia torna ad esprimere segretamente il giudizio di discriminazione del colore della diapositiva e dell'after effect. 4. il complice dello sperimentatore si allontana. Il soggetto ingenuo risponde di nuovo ad altre 5 prove, in privato (colore e after effect).
  • 15. L’influenza minoritaria L’esperimento con l'after-effect Moscovici e Personnaz (1980) Viola Variazione del colore postumo Nelle condizioni in cui rosso l’influenza si configura 6.00 come minoritaria si osserva un significativo spostamento del giudizio 5.00 relativo al colore postumo del verde (il rosso-viola) arancio che viene espresso dai giallo soggetti influenzati fase I III IV I III IV I III IV controllo Influenza Influenza maggioritaria minoritaria