Your SlideShare is downloading. ×
Laboratorio di Viral Marketing
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Laboratorio di Viral Marketing

1,065

Published on

per il Progetto Booster

per il Progetto Booster

Published in: Business
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
1,065
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Laboratorio di Viral Marketing Enrico Calligari e Simona Pastorelli [Sporco Impossibile]
  • 2. SPORCO IMPOSSIBILE UNA STRUTTURA PERMANENTE DI MANAGEMENT TEMPORANEO SPORCO IMPOSSIBILE È
  • 3. SPORCO IMPOSSIBILE: La formula Ogni tre mesi la struttura seleziona 4 band/artisti emergenti , 2 locali e 2 nazionali, sui i quali si pianifica un Progetto di Promozione , che prevede: attività promozionali tradizionali, come l’ Ufficio Stampa e la Promozione Radiofonica ; la realizzazione di contenuti digitali, come il Blog , le trasmissioni in Podcast , le Videointerviste e gli Slideshow ; e la possibilità di intervenire sul territorio romano con Incursioni Urbane in pieno stile Guerrilla e Viral Marketing . A conclusione dei tre mesi, il progetto di promozione termina con un Evento organizzato presso il Circolo degli artisti di Roma, durante il quale si svolgerà l’ Esibizione dei Gruppi , si presenterà il Materiale Audiovisivo realizzato dallo staff e la Compilation autoprodotta.
  • 4. DEFINIZIONE Il Marketing Virale è un tipo di marketing non convenzionale che sfrutta la capacità comunicativa di pochi soggetti interessati per trasmettere il messaggio ad un numero esponenziale di utenti finali. È un'evoluzione del passaparola, ma se ne distingue per il fatto di avere un'intenzione volontaria da parte dei promotori della campagna. In genere, il termine è riferito agli utenti della Rete che, più o meno volontariamente, suggeriscono o raccomandano l'utilizzo di un determinato servizio (es. gli inviti di Gmail). Ultimamente, questo tecnica promozionale si sta diffondendo anche per prodotti non strettamente connessi a Internet: veicolo del messaggio resta comunque la comunità in rete, che può comunicare in maniera chiara, veloce e gratuita. (Simone Marengo)
  • 5. OBIETTIVI
    • Coinvolgimento dal basso = connotazione del prodotto per:
      • spontaneità
      • genuinità
      • “ involontarietà”
      • freschezza
    • Coinvolgimento dei media
      • legittimazione
      • diffusione di diversa proporzione
      • autorevolezza
      • facilita il salta da early adopter a massa critica
  • 6. Dualità del viral
    • Può essere virale il coinvolgimento di una community già preesistente
    • Centralità dell’idea creativa
    • … ma è virale anche la creazione di una community di base
    • Oltre all’idea ci si deve focalizzare su una tipologia di lavoro più pratica e svolta in modo capillare ed intensiva
  • 7. LA NOSTRA IDEA DI MARKETING
    • CRITICITA’:
    • Reale autonomia rispetto ai media tradizionali
    • Costo reale (calcolabile in ore lavoro)
    IL FATTORE UMANO Spesso si dimentica che chi mette in atto l’azione virale deve entrare in relazione con un’utenza fatta di persone che devono sentirsi coinvolti fino a partecipare al processo creativo.
    • Il coinvolgimento può avvenire per:
    • incentivi (anche non economici)
    • identità
    • possibile ruolo dell’esperienza ludica
  • 8. PERCHE’ LA MUSICA COME ESEMPIO?
    • Leggerezza del supporto digitale (mp3) facilita la condivisione e aumenta il valore di scambio della musica
    • Rigidità dell’industria musicale, delle major in particolare.
    • ll consumatore-fan diventa veicolo promozionale
  • 9. Strumenti e ambienti virtuali
    • Forum : comunità chiusa e diffidente, con cui lavorare solo sul lungo periodo
    • Myspace :
    • esplicitamente promozionale
    • comunicativamente saturo: difficile attirare attenzione
    • l’utente è assuefatto a quel tipo di sollecitazioni
    • Blog: - promozionali + colloquiali
    • pagine personali votate al confronto
    • aggregatore di indizi per uno studio non sistematico del target.
  • 10. Esercitazione Il Progetto NoMadeInItaly, nasce e parte da Pescara e mira all'organizzazione collettiva di una rassegna itinerante di musica folk, popolare, dalla provenienza più disparata, sulla scia della curiosità per la scoperta di nuovi suoni e nuovi relazioni tra musica e tessuto antropo-sociale http:// nomadeitaly.splinder.com Dovete lavorare alla circolazione di questo progetto ancora in nuce, attraverso attività di viralizzazione e contatto sulle seguenti piattaforme:
    • MySpace (da creare)
    • Blog (su Splinder)
  • 11. Su Myspace
    • creare pagina e profilo del festival
    • spiegare nel modo più friendly possibile il progetto
    • ricercare tra gli utenti il possibile target
    • … .e operare su di esso
  • 12. Sui blog: procedura
    • Scelta avatar e personaggio per ciascuno
    • Ricerca parole chiave (specifiche, di contesto e grografiche)
    • Ricerca blog (Splinder e Technorati) e individuazione nel continuum diaristico/ giornalistico
    • Monitoraggio ed intervento
    • Tipi di commento: criptico-ermetico (esistenzialista o surreale), inerenti, provocatori, extra (link, immagini…), domanda, esplicito.
    • Valutazione feedback:
      • 1 livello: visita
      • 2 livello: commento
      • 3 livello: voto al sondaggio
      • 4 livello: espone banner

×