Your SlideShare is downloading. ×
Disegno di moda in Italia
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Disegno di moda in Italia

1,927
views

Published on

Presentazione Powerpoint sul disegno

Presentazione Powerpoint sul disegno

Published in: Business

0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
1,927
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
27
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. FASHION DESING IN ITALIA L´insegnamento della moda la cultura del progetto
  • 2.
    • « Quando qualcuno dice: questo lo so fare anch'io, vuol dire che lo sa rifare, altrimenti lo avrebbe già fatto prima. »
    • « Il sogno dell'artista è comunque quello di arrivare al Museo, mentre il sogno del designer è quello di arrivare ai mercati rionali. »
    • (Bruno Munari, Artista e designer )
  • 3.
    • Desing
    •  
    • Il termine design è usato per definire il profilo estetico di un prodotto. Spesso quindi sta a definire la corrente artistica applicata all'oggetto di produzione industriale.
    • Erroneamente il termine design viene usato anche per definire un prodotto di qualità o di ricercata personalità estetica.
  • 4.
    • Progettazione
    • La progettazione (in inglese design ) è l'attività alla base della costruzione di qualsiasi oggetto complesso, sia esso materiale o soltanto concettuale.
    • È un processo che, attraverso l'utilizzo appropriato di norme tecniche, calcoli, specifiche e disegni, perviene alla definizione dei procedimenti necessari alla produzione di un manufatto, di un edificio, di un di un prodotto o di un servizio (per esempio un‘abitazione, una sedia, un‘automobile, un software e anche la moda ), riassunti in un progetto.
  • 5.
    • La progettazione è un'attività che, grazie ad un concentrato di conoscenze, azioni, metodologie e strumenti, tende a organizzare e produrre specifiche per l'esecuzione materiale di manufatti di svariati tipi.
  • 6.
    • Desing italiano
    • Con l'espressione design italiano si fa riferimento a tutte le forme di disegno industriale inventate e realizzate in Italia, compresa la progettazione di interni, la progettazione urbana, il desing della moda e la progett azione arch itettonica.
    • Il design dell'Italia è conosciuto com unemente con la frase “Made in Italy".
  • 7. FASHION DESING
    • Per fashion design, termine della lingua inglese che deriva da fashion (moda) e design (progettazione), si intende quella branca del design industriale che si occupa di moda e del vestire in senso esteso.
    • Patria riconosciuta del fashion design è l'Italia, perche ha saputo convertire suo creazione artistico a manufatto a serie. Il successo del Made in Italy deriva anche da abili strategie di marketing. Milano, il centro industriale della penisola, ha preso la palma della capitale della moda e del pret a porter a Parigi negli anni 1970-1980. Diventarono famosi stilisti come Giorgio Armani, Missoni, Gianfranco Ferrè, Gianni Versace, Dolce & Gabbana e Krizia.
  • 8.
    • Il fashion design muove i primi passi quando nasce la produzione seriale ed industriale del vestire che necessita di un progettista che, oltre a competenze sartoriali, sia in grado di gestire e comprendere l'intero processo produttivo del capo di abbigliamento, coordinando specializzazioni molto diverse tra di loro.
    • Oggi il fashion design si avvale delle tecnologie più complesse ed avanzate possibili, anche perché deve saper gestire i sempre nuovi materiali e le modernissime tecniche di produzione che l'industria e la ricerca propongono.
  • 9.
    • Moda
    • Il termine moda indica uno o più comportamenti collettivi con criteri mutevoli. Questo termine è spesso correlato al modo di abbigliarsi. Il termine moda deriva dal latino modus, i , che significa maniera, norma, regola, tempo, melodia, ritmo .
    • Prêt-à-porter è un'espressione della lingua francese che significa "pronto da indossare".
    • In opposizione all'alta moda (la haute couture), il prêt-à-porter è costituito da abiti realizzati non su misura del cliente, ma venduti finiti in taglie standard pronti per essere indossati.
  • 10.
    • Il Prêt-à-porter rappresenta il passaggio dalla sartoria artigianale e dal vestito su misura alla industrializzazione del tessile con la standardizzazione delle taglie che permette la produzione in serie degli abiti.
    • Oggi la maggior parte delle case di moda si dedica alla sola produzione di modelli prêt-à-porter , l'alta moda rimane solo come vetrina delle capacità tecniche e creative della casa.
    • La maggior parte dei designer di moda vivono con la vendita di accessori come borse o gioielli e profumi. Alla fine la pasarella agisce come una vetrina. Il valore dei designer italiani è di vedere la moda come una qualità di produzione industriale, che è fatto da mani esperte e materiali di lusso. La loro immagine di marca è equivalente alla qualità del prodotto.
  • 11.
    • Milano
    • È la città del Made in Italy, del design nella sua più ampia accezione di “cultura del progetto”, dalle arti decorative al prodotto per l’industria, dal design del gioiello a quello del food.
    • La città dell'economia creativa, capace di generare nuova ricchezza e proprietà intellettuale: brevetti, diritti d'autore, marchi di fabbrica, design registrato. Una progettualità che svolge un ruolo trainante anche per le attività produttive tradizionali. È la città di designer, architetti, grafici e progettisti ma anche di stilisti, imprenditori o editori che hanno fatto la storia della cultura italiana.
    L'INSEGNAMENTO DELLA MODA. CULTURA DEL PROGETTO
  • 12.
    • Oggi Milano è il centro dell’editoria e della pubblicità, delle imprese italiane dell’hi-tech e delle attività imprenditoriali indotte dallo sviluppo delle nuove tecnologie. E' proprio in questo contesto culturale e produttivo profondamente radicato nella filosofia del Made in Italy ma di grande respiro internazionale che gli italiani pensano e fondano diverse scuole di Design.
  • 13.
    • Le escuole di fashion desing in Milano rappresentano una risposta alle esigenze di formazione, sempre più diversificate e specializzate del Sistema Moda. La realizzazione del prêt-à-porter ha comportato un completo cambiamento nella così detta ingegnerizzazione del prodotto. I modelli vengono studiati in modo da permettere la suddivisione del lavoro tra i diversi addetti.
  • 14.
    • Le scuole mirano a formare le figure fondamentali della filiera, spaziando dal campo creativo a quello strategico, dagli aspetti organizzativi a quelli commerciali, dal marketing alle attività di immagine e comunicazione.
    • Dagli ambiti più specificamente creativi a quelli gestionali e commerciali, dallo stilista al designer di tessuto o di gioiello, dal giornalista all’organizzatore di eventi, la filiera Moda richiede professionisti preparati, dalla solida cultura e dall’acuta sensibilità per le tendenze future. Le scuole di moda si rivolgono sia a neo diplomati, che a laureati e professionisti che vogliano migliorare e ampliare le loro competenze.
  • 15.
    • Questa è la principale differenza tra l'insegnamento del design e della moda in Italia rispetto ad altri paesi come la Spagna: gli italiani interpretano la cultura del progetto in quanto attività economica con una base d'arte. Nella maggior parte dei paesi studiare moda è superficiale e con prospettive di lavoro poco.
    • Fortunatamente, questo punto di vista sta diventando obsoleto e, come nel Rinascimento gli artisti europei venivano in Italia a formarsi nella culla dell'arte, professionisti del design di oggi fanno la stessa cosa, imparando da Italia un metodo d´insegnamento di progettazione orientata alla produzione economica e lo sviluppo della R & S + I

×