I particolari che fanno la...differenza

2,381
-1

Published on

Relazione di Antonio Maresca in occasione del corso di revenue management tenuto a Sorrento il 3 Dicembre 2008. L'intervento mette in evidenza i particolari da ottimizzare per poter ottenere il massimo da un progetto web.

Published in: Technology
0 Comments
2 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
2,381
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
54
Comments
0
Likes
2
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

I particolari che fanno la...differenza

  1. 1. I Particolari che fanno la...DIFFERENZA!
  2. 2. Oggi sentiamo parlare spesso, troppo spesso, di web 2.0! Io sinceramente parlerei della naturale evoluzione della rete. Non possiamo etichettare ogni volta tutto, non mi piacerebbe continuare all'infinito fino al web 10000.0 ed oltre... Facciamo una breve analisi dell'evoluzione dei sistemi di ricerca negli ultimi anni.
  3. 3. Partiamo dall'evoluzione della ricerca Prima generazione dei motori di ricerca
  4. 4. Con l'avvento dei siti di condivisione di immagini, video, documenti, e, in genere, dei contenuti generati dagli utenti (UGC), i motori di ricerca si sono adeguati fornendo, o meglio cercando di fornire una ricerca universale. A questo, associamo la nascita del keyword advertsing (pay per clic – adwords) e vediamo come si modifica la pagina associata ad una ricerca testuale.
  5. 6. Promuovi Escludi Commenta L'era della socializzazione spinta ci porta a pensare che in un prossimo futuro parleremo di “ Social Search ”
  6. 7. Questo modifica le logiche di promozione sulla rete attraverso i motori di ricerca. Il concetto di posizionamento viene sostituito dal più ampio concetto di visibilità ! La rete va vissuta a 360° gradi sfruttandone l'enorme capacità di socializzazione e il forte impatto virale che la caratterizza. Non a caso il grosso successo dei social network non è considerabile come un “fenomeno “ passeggero. La rete è sociale per definizione e deve essere vissuta in quest'ottica. Fino ad oggi l'utente non aveva le conoscenze, le risorse, gli strumenti per poter assecondare questo suo desiderio di condivisione e di partecipazione attiva. In futuro l'utente sarà sempre più consapevole di tutto questo e, per rimanere in ambito turistico, la metamorfosi tra il viaggiatore e il viaggi...attore sarà ultimata. Sulla base di queste considerazioni non possiamo più pensare di gestire la presenza on line con la semplice e banale realizzazione di un sito :-( Tanti sono i particolari che determinano il successo e la redditività di un progetto web che non ci può più permettere il lusso di sottovalutarli!!!
  7. 8. Iniziamo, quindi, un viaggio all'interno di un progetto web per capire meglio quali siano i particolari che possiamo ottimizzare per ottenere, in breve tempo, risultati interessanti. Partiamo, logicamente, dallo strumento fondamentale: il sito web . Cito un passaggio di un post che ho pubblicato in passato sul mio blog: “ Ormai dopo anni di incontri con gli operatori del settore turistico posso affermare, senza timore di smentita, che una buona parte di essi ritiene che il sito web della propria struttura sia animato di vita propria. Il sito dopo essere venuto al mondo inizia un processo di crescita autonomo. La creatura evolve nutrendosi di se stessa e produce, in un batter d'occhio, risultati eclatanti. Orde di turisti si accalcano alle porte dell'albergo, in virtù delle doti miracolose e taumaturgiche del sito. La "cosa" entra nel processo produttivo e commerciale dell'albergo, ritagliandosi spazi sempre più ampi e condizionando le logiche e strategie commerciali. Spesso, sostituisce il direttore e il portiere di notte, la mattina rifà le camere e nel frattempo continua ad intercettare utenti sulla rete da ospitare in albergo. Assume, spesso, proprietà curative (ricordate il famoso "vetrix" del film "Il mio grosso grasso matrimonio greco"? ) che l'albergatore usa per debellare virus vari e gastriti da stress. Insomma una volta creato un sito la vita cambia e ci sente accuditi e sostenuti da questa badante informatica! Sveglia!!! Il web è cambiato da troppi anni ormai, e la staticità porta all'involuzione e al disastro (mi piace essere ottimista).”
  8. 9. Quali sono, quindi, i particolari, relativi al proprio sito web, che non devono essere trascurati: Struttura: ottimizzazione tecnica della struttura – evitiamo barriere che ne impediscano la naturale indicizzazione nei motori di ricerca; attenzione all'usabilità e alla navigabilità del sito. ottimizzazione dei tag (title e description in particolare) in relazione ai contenuti e alle parole chiave pertinenti. Ragioniamo in una logica di indicizzazione per una “coda lunga” piuttosto che perseguire la chimera (del resto inutile e poco redditizia) della prima posizione per “hotel roma” Title Description
  9. 11. Contenuti: L'importanza dei contenuti ( originali, pertinenti, profondi ed ottimizzati ) e delle singole pagine che costituiscono un sito rappresentano un aspetto troppo spesso sottovalutato. Ci sono pagine che necessitano di un'attenzione costante e che incidono in maniera notevole sull'indice di conversione di un sito. Prendiamo come esempio la pagina delle offerte speciali. Questa pagina nella maggior parte dei casi si risolve in una classica e fredda "lista della spesa" con un elenco di servizi ed una proposta commerciale. Questo approccio dimentica e mortifica una verità inconfutabile. L'utente non vuole acquistare solo una vacanza, egli vuole vivere delle emozioni. Non sarà la "lista della spesa" a trasferire le necessarie emozioni al potenziale cliente tanto da indurlo a prenotare. Vediamo per punti di massima cosa deve contenere la pagina dell'offerta:
  10. 12. <ul><li>Contenuti: </li></ul><ul><li>Contributi fotografici e video &quot;emozionali&quot;; </li></ul><ul><li>Una descrizione ricca e particolareggiata dell'offerta che parta da un'esigenza del turista e tenti di soddisfarla. Pensate al target a cui vi rivolgete e parlate il linguaggio che quel tipo di utente si aspetta; </li></ul><ul><li>Vantaggi effettivi! Troppo spesso leggo, come valore aggiunto, che verrà offerta una bottiglia di spumante...ma chi se ne frega!!! Vantaggi esclusivi in termini di prezzo e servizio. Offerte limitate ed esclusive...ecco cosa vuole l'utente; </li></ul><ul><li>Strumenti immediati e subito utilizzabili per richiedere info o meglio ancora per prenotare; </li></ul><ul><li>Utilizziamo il form di richiesta e mettiamolo in evidenza in questa pagina, creiamo bottoni che puntino al booking immediato, forniamo numeri di telefono e contatti per messaggistica istantanea (tipo chat) o telefonate via voip etc; </li></ul><ul><li>Usiamo le testimonianze degli utenti soddisfatti </li></ul><ul><li>Evidenziamo chiaramente le garanzie e le condizioni di prenotazione e cancellazione; </li></ul><ul><li>Indichiamo con evidenza il nostro servizio di assistenza al cliente; </li></ul><ul><li>Questi sono alcuni degli aspetti, troppo spesso trascurati che fanno la differenza. Quindi basta con la solita e sterile domanda: ma perchè il mio sito non converte? </li></ul><ul><li>Tralascio la sostanza dei contenuti e la comunicazione veicolata attraverso essi. Se analizzate i testi dei siti degli alberghi, l'80% dicono le stesse cose...dimenticando di trasferire all'utente le peculiarità delle propria azienda in relazione all'esigente del turista. </li></ul><ul><li>Non c'è un fattore U (unico) che caratterizzi la comunicazione del proprio albergo differenziandolo oltre che per il prezzo anche in ragione al target dei turisti a cui intende rivolgersi. </li></ul>
  11. 13. <ul><li>Strumenti: </li></ul><ul><li>Non entro del dettaglio dei singoli strumenti ma ne elenco alcuni per consentirvi di fare una valutazione oggettiva dell'attenzione e delle risorse impiegate per ottimizzarle: </li></ul><ul><li>Adozione di un CMS </li></ul><ul><li>Software di Booking on Line </li></ul><ul><li>Realizzazione di Video * </li></ul><ul><li>Foto professionali e con un contenuto “emozionale” * </li></ul><ul><li>Mappe interattive con indicazioni chiare e contestualizzate (non basta il solito puntino “siamo qui) su dove siete * </li></ul><ul><li>Guida del territorio da scaricare in pdf * </li></ul><ul><li>Webcam * </li></ul><ul><li>Voip – Chat </li></ul><ul><li>Form sicuro per la gestione delle prenotazioni su richiesta (gestione dei dati della carta di credito)‏ </li></ul><ul><li>Guestbook testuale, foto, video </li></ul><ul><li>Strumenti di analisi del traffico sul sito e degli accessi </li></ul><ul><li>Strumenti per il mail marketing e di gestione dei contatti con un minimo di profilazione </li></ul><ul><li>Questi sono alcuni degli strumenti che voglio sottoporre alla vostra attenzione per evitare il rischio che vengano sottovalutati. Ogni particolare di questi incide e condiziona, ve lo assicuro, l'indice di conversione del vostro sito. </li></ul>
  12. 14. In premessa abbiamo evidenziato la “socialità” spinta della rete e la sua irreversibilità. Fino ad oggi avrete sentito parlare in varie salse e con acronimi più o meno intriganti di posizionamento sui motori di ricerca, web marketing turistico, seo, sem, ottimizzazione...insomma le nostre conversazioni orali, spesso, mutuano le logiche che utilizziamo per un sms. Bene sentite parlare ancora poco di “Social Network Marketing” o più in generale di “Social Marketing”. Facciamo una premessa per meglio capire il concetto: Fino a qualche anno fa, il vostro sito web aveva un limitato canale di contatti: Sito Web Comunicazione off line Passaparola Motori di ricerca Link strategy – PPC – Visibilità diretta o indotta dalla presenza in altri portali
  13. 15. Sito Web
  14. 16. <ul><li>Social Marketing significa quindi ottimizzare la propria presenza sui canali di: </li></ul><ul><li>Mappe (es.http://maps.google.com/local/add?hl=it) </li></ul><ul><li>Video Sharing (es. http://it.youtube.com) </li></ul><ul><li>Foto Sharing (es. www.flickr.com) </li></ul><ul><li>Documenti, Magazine, Guide (es. www.issuu.com - www.slideshare.net) </li></ul><ul><li>Attività di article marketing (utilizziamo gli eventi della nostra città per fare marketing per il nostro albergo) </li></ul><ul><li>Gestione della reputazione (es. www.tripadvisor.com) </li></ul><ul><li>Costruzione della nostra reputazione (es. utilizzo dei social network tipo www.facebook.com) </li></ul><ul><li>Social Bookmark (es. www.delicious.com – utilizziamo strumenti gratuiti come www.addthis.com) </li></ul><ul><li>Partecipazione e contributi a Forum e Blog del settore </li></ul><ul><li>Mail marketing </li></ul>
  15. 17. DOMANDE?
  16. 18. :-) grazie mille Potete contattarmi alla mail [email_address] Restate aggiornati sugli argomenti trattati in questa relazione visitando il mio blog: www.antoniomaresca.com
  1. A particular slide catching your eye?

    Clipping is a handy way to collect important slides you want to go back to later.

×