Metodologia

401 views
317 views

Published on

0 Comments
3 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
401
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
3
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Metodologia

  1. 1. La LIM in classe
  2. 2. La LIM in classe“Dal gesso…al mouse”didattica attiva einclusiva con la lim
  3. 3. Prof. Alberto Coruzzi – Tutor LIMLa LIM è un’opportunità e una sfida per i docenti.Un’opportunità perché permette di gestire il lavoro in aulain maniera più efficiente; consente di mettere adisposizione degli alunni materiali didattici multimediali einterattivi, che attivano le competenze proprie e degliallievi, utilizzando innumerevoli fonti e risorse digitali. È unasfida perché costringe a far entrare nella scuola l’uso dilinguaggi nuovi e nuove risorse per rendere ancora piùefficace l’azione di insegnamento, provando nuovesoluzioni, sbagliando, modificando setting già utilizzati,mettendosi in gioco insieme agli studenti.
  4. 4. Prof. Alberto Coruzzi – Tutor LIMAlla LIM non si tengono lezioni ex cathedra, népresentazioni in stile convegno; per questo tipo di attività laLIM non ha alcun valore aggiunto rispetto al tradizionalevideoproiettore collegato a un computer. Il valore aggiuntorisiede nella possibilità di interagire facilmente edirettamente con i contenuti, in grande o in piccolo gruppo,rendendo sempre più attivo il ruolo degli studenti nelprocesso di apprendimento, avendo a disposizione unospazio condiviso che supporti tutte le fasi di lavoro.
  5. 5. Prof. Alberto Coruzzi – Tutor LIMLa LIM è una risorsa nelle mani degli studenti.Alla LIM ci si va individualmente, in piccolo o in grandegruppo, per elaborare una consegna, per azzardare ipotesio per tirare le fila di fasi di lavoro svolte in manieracooperativa al banco, ai computer o nei laboratori diinformatica. Alla lavagna non si va più solo perl’interrogazione: ci si va per mettere in gioco le proprieabilità e le proprie conoscenze, anche informatiche, percondividerle con i compagni e con i docenti, per aiutare eper raggiungere gli obiettivi prefissati. Se gli studentidiventano il pubblico, gli spettatori di quanto accade sullaLIM, avremo sprecato ancora una volta la possibilità diinnovare la didattica.
  6. 6. Prof. Alberto Coruzzi – Tutor LIMLa LIM è un ambiente di apprendimento.È uno spazio dinamico che si apre verso il Web, ma che, allostesso tempo, si amplia verso la classe, i banchi e le pareti. Unospazio in cui ci si muove, si ragiona e si fa scuola, si insegna e siapprende insieme, ciascuno secondo le proprie risorse e ipropri limiti. Con la LIM in classe si incentivano processi diapprendimento che vanno dal lavoro al banco al lavoro allalavagna, fino al lavoro a casa, facendo rimbalzare gli stimoliavanti e indietro, in modo che acquistino man manosignificato. La LIM non cancella tutte le altre tecnologie erisorse, anche le più tradizionali, ma le integra in uno spaziocomune di lavoro a disposizione della classe.
  7. 7. Prof. Alberto Coruzzi – Tutor LIMLa LIM è un’opportunità per ridurre il divario digitale. Al di là dei luoghi comuni sui nativi digitali, sono ancora troppo numerosi glistudenti italiani che non possiedono le competenze per usufruire dei nuovilinguaggi dei canali d’informazione,Paese con conseguenze drammatiche per il futuro socialeindispensabili per essere cittadini consapevoli e responsabili della societàcontemporanea e per accedere agli sbocchi occupazionali del mercatonazionale e internazionale del lavoro. Molte ricerche oggi sottolineanol’enormità del divario digitale all’interno del nostro Paese, con conseguenzedrammatiche per il futuro sociale, culturale ed economico del territorio. Sapernavigare in Internet oggi per un ragazzo non significa avere competenzadigitale, significa conoscere a stento l’alfabeto dei nuovi linguaggi dicomunicazione. Per un ragazzo, essere analfabeti digitali al giorno d’oggi ègrave tanto quanto l’analfabetismo tradizionale.
  8. 8. Prof. Alberto Coruzzi – Tutor LIMLa LIM è l’inizio, non la fine, del processo diinnovazione tecnologica.Una seria politica di innovazione non deve trascurare altriprogetti di interesse nazionale, pensando di aver modernizzato lascuola solo grazie alle LIM. Un grande piano nazionale diconnessione a Internet delle classi scolastiche italiane (non degliuffici amministrativi) non è più procrastinabile. Altri progetti, chein Italia sono solamente accennati, sono già realtà in molti altriPaesi; progetti per la dotazione di netbook computer a ciascunostudente, così come progetti sperimentali per la dotazione didispositivi interattivi a basso costo, basati su logiche open
  9. 9. Prof. Alberto Coruzzi – Tutor LIMLa LIM è una risorsa ideale per l’ambiente classe. Più è disponibile e accessibile agli studenti, più sarà utile ed efficace. La LIMnon deve essere rinchiusa nell’ambiente asettico e industrializzato delle auledi informatica, ma deve essere inclusa nel normale ambiente, creativamentecaotico, delle aule scolastiche. Il numero inizialmente limitato di lavagne oggia disposizione per ciascun istituto può far optare per aule appositamenteattrezzate, dotate anche di altre tecnologie didattiche che, ancora oggi,troppo spesso faticano a entrare nella quotidianità scolastica, mentre invecesono ampiamente diffuse nel mondo esterno. Innanzitutto libri e bibliotechescolastiche, ma poi certo anche scanner, stampanti, microfoni e registratoridigitali, computer portatili, connessioni a Internet, così come macchinefotografiche digitali e microscopi digitali. Un’aula laboratorio che superi etrasformi il modello attuale di aula informatica
  10. 10. Prof. Alberto Coruzzi – Tutor LIMLa LIM è sempre un potenziale problema tecnico.Man mano che le tecnologie didattiche aumentano nelle scuole e che questediventano più sofisticate, innovative e utilizzate, è necessario che ogni scuola sidoti di un serio protocollo per la soluzione dei problemi tecnici che sorgerannonel corso dell’anno scolastico. Sono già troppi, a pochissimi mesi dalla primainstallazione, gli esempi di LIM inutilizzate a causa di banali problemi tecnici cheinsorgono nel corso dell’attivitàdidattica. Non è pensabile dotare una scuola con le tecnologie più moderne e nonpredisporre un funzionale piano di assistenza tecnica che in tempi brevi sistemi leeventuali disfunzioni della LIM, dei computer o dei videoproiettori. Allo stessotempo anche gli insegnanti responsabili delle TIC a scuola assumono un ruolosempre più importante e devono acquisire competenze più mirate, in modo dasvolgere una funzione attiva nella risoluzione di minimi problemi che possonoincorrere nella vita quotidiana. La LIM, così come tutte le tecnologie, verrannousate se il docente potrà contare sulla sicurezza e sulla funzionalità dellostrumento, altrimenti preferirà prendere altre vie, magari meno multimediali, mapiù sicure.
  11. 11. Prof. Alberto Coruzzi – Tutor LIMLa LIM è una potente risorsa per incentivare strategiedidattiche individualizzate e pratiche didattiche diintegrazione e inclusione.Multimedialità, interattività e facilità d’uso della lavagna concorrono aincentivare stili di insegnamento che rispondano ai Bisogni EducativiSpeciali, ai differenti stili di apprendimento e ai diversi livelli di competenzapresenti in ogni classe, facilitando e rendendo condivisibili tra i compagni leazioni di adattamento delle risorse didattiche e sfruttando differentilinguaggi e canali di trasmissione della conoscenza, ad oggi difficilmenteutilizzabili in classe. Con la LIM ogni classe deve diventare una ClasseDigitale Inclusiva, in cui si integrino risorse normali e risorse speciali perl’educazione, necessarie per garantire la migliore qualità formativa, lapartecipazione e l’apprendimento, per tutti gli studenti.
  12. 12. Prof. Alberto Coruzzi – Tutor LIMNon ti vergognare di chiedere aiuto agli studenti perrisolvere problemi tecnici.Gli alunni dal prof non richiedono grande competenza informatica, tanto per loro seisempre il prof., quindi arretrato a prescindere!Da te vogliono competenza didattica, avere chiara la proposta che stai facendo, averedei materiali interessanti su cui lavorare, avere qualcuno che li prenda sul serio. Nonsminuisci la tua posizione se loro sono più bravi di te a utilizzare i servizi online o seloro sanno meglio di te come realizzare filmati e animazioni multimediali, montandoaudio e video e reperendo risorse. Insegna come si trattano le fonti, insegna a citarle,cerca di sottolineare tutti i reati dei diritti d’autore che hanno compiuto o che stannocompiendo. Anche questa è educazione alla legalità e all’uso consapevole dellerisorse. Coinvolgili per risolvere i problemi tecnici o sfidali a risolverli, ascoltando leloro opzioni. Se sono più giovani ascolta le loro ipotesi e, anche se ti appaiono folli,prova a verificarle; spesso i loro ragionamenti non sono tanto dissimili da quelli degliinformatici che sviluppano i software che usi.
  13. 13. Prof. Alberto Coruzzi – Tutor LIMLa LIM è per tutti.L’accessibilità deve essere garantita per tutti gli studenti, cosìcome per tutti i docenti. Ancora molta ricerca, tecnologica edidattica, è necessaria per garantire l’accessibilità a tutti glialunni con Bisogni Educativi Speciali, così come moltaformazione deve essere ancora promossa per diffondere nelcorpo docente le competenze necessarie per incentivare l’uso dirisorse digitali e telematiche. La competenza digitale non puòpiù essere un optional per la classe docente italiana. Tuttavia giàoggi l’accessibilità è spesso minata da banali errori iniziali diinstallazione, che dimostrano lo scarso investimento didatticoriposto sullo strumento.
  14. 14. Prof. Alberto Coruzzi – Tutor LIMLa LIM è per tutti.Abbiamo già troppi esempi, in questi primi anni, che ci devonomettere in guardia sull’accessibilità: LIM installate troppo in alto nellescuole primarie, con alunni che possono utilizzare solo venticentimetri dello schermo, LIM installate su predellini sopraelevati cheimpediscono l’accesso ad alunni, ma anche ai docenti, con difficoltàmotorie o su sedia a rotelle, LIM segregate in aule chiuse a chiave, inlaboratori inaccessibili con procedure burocratiche d’accesso degne dicentri di ricerca internazionali, che disincentivano la richiesta d’uso daparte dei docenti. La LIM è una risorsa didattica per fare scuola, permediare tra processo di insegnamento e processo di apprendimento,tra insegnante, alunno e compagni; non è un tesoro da preservare etenere nascosto, ma uno strumento da usare al meglio delle suepotenzialità.
  15. 15. Prof. Alberto Coruzzi – Tutor LIMPotenzialità didattiche della LIM• Partecipazione degli allievi•Qualità e innovazione metodologica•Potenziare negli alunni l’espressione attiva di ipotesi•Attenzione•Partecipazione•Coinvolgimento gruppo
  16. 16. Prof. Alberto Coruzzi – Tutor LIMRuolo e atteggiamento insegnantiIl punto di forza non vada cercato nella tecnologia (LIM)ma nell’equilibrio tra metodologie e tecnologia. Capacitàdell’insegnante di integrare con naturalezza trecomponenti: padronanza tecnologica, le risorse didattiche(i contenuti digitali disponibili) e la conoscenza econsapevolezza degli obiettivi da raggiungere.
  17. 17. Prof. Alberto Coruzzi – Tutor LIMArchitetture didattiche di riferimento     Strategia La conoscenza èTrasmissiva (recettiva) TrasferitaDirettiva (o sequenziale) TrasferitaA scoperta guidata CostruitaCollaborativa Costruita
  18. 18. Prof. Alberto Coruzzi – Tutor LIMLim e inclusione: vantaggi•Utilizzare ogni tipo di risorsa multimediale•Trasformare, destrutturare e semplificare il materialedidattico•Gestire meglio i tempi dell’attività didattica recuperandoquanto fatto in precedenza e salvato su file e LIM•Utilizzare software didattico per il potenziamento di abilitàspecifiche
  19. 19. Prof. Alberto Coruzzi – Tutor LIMChe tipo di difficoltà tecniche possoincontrare nell’uso della LIM in classe?• Cavi scollegati• Messa a fuoco del proiettore• Blocco improvviso della lim• Quando la lavagna non risponde al tocco• Regolare il volume• Trasferire documenti di word nel software autore dellaLIM• Mancanza di collegamento internet• Amplificazione del suono• Impossibilità di oscurare l’ambiente
  20. 20. Prof. Alberto Coruzzi – Tutor LIMChi potrebbe aiutarmi per problemi tecnicio per le funzioni del software?• Chiedere ad un collega esperto• Esercitarsi a casa con il software installato sul proprio pc• Utilizzando la lavagna avvalendomi dell’aiuto di colleghiche già lavorano con la LIM
  21. 21. Prof. Alberto Coruzzi – Tutor LIMCome presento la LIM alla classe?• Nelle prime classi della scuola primaria presentare la LIM come unmondo magico da scoprire insieme giocando• In maniera entusiasta come strumento di apprendimento ludico edi applicazione delle conoscenze pregresse dunque comefacilitatore• Come uno strumento che agevola l’attività didattica.o Inizialmente fornendo le informazioni necessarie perl’utilizzo.o Successivamente analizzando le varie funzioni checonsentono l’acquisizione delle competenze disciplinari etrasversali.• Come una nuova risorsa a supporto delle attività didattiche dautilizzare
  22. 22. Prof. Alberto Coruzzi – Tutor LIMCome responsabilizzo i ragazzi?• Far comprendere che la LIM è un mezzo prezioso, unbene comune, da tutelare e condividere insieme• Insistendo sul processo di apprendimentoinsegnamento reciproco• Stabilendo con i ragazzi le regole per l’utilizzo razionaledello strumento.• Elaborare e condividere un regolamento sull’utilizzo esicurezza puntando anche sulla consapevolezza cheavere la lim in classe è privilegio rispetto ad altre scuole
  23. 23. Prof. Alberto Coruzzi – Tutor LIMQuali attività di routine posso fareo far svolgere con la LIM?(es. appello, assegnazione compiti ecc.)• Scrivere e salvare note e appunti• La strutturazione di gruppi di lavoro che sialternano secondo uno schema stabilito nelproporre l’argomento del giorno..• Tutte le attività che normalmente si svolgono sullalavagna di ardesia
  24. 24. Prof. Alberto Coruzzi – Tutor LIMQuali funzioni della LIM posso utilizzare nelleprime settimane anche se non ho ancorafamiliarità con lo strumento?• Scrivere, sottolineare, uso delle penne, dei colori• La scrittura, le forme, i colori.• Scrittura e funzioni basilari• Scrittura• Lettura• Visione di immagini e video• Visione di immagini e video• Esercitazioni sulle funzioni della lim ( evidenziare, trovare eutilizzare le forme geometriche ecc…)
  25. 25. Prof. Alberto Coruzzi – Tutor LIMCome e dove posso archiviare in modo razionalele risorse e i file che userò per la LIM?• All’interno di cartelle create sul mio PC• All’interno dell’archivio del software autoresul PC di classe• Creare una banca dati nel server dell’auladocenti• Usare sempre la chiavetta USB
  26. 26. Prof. Alberto Coruzzi – Tutor LIMCome posso familiarizzare con il software e con laLIM stessa al di fuori del tempo trascorso in classecoi ragazzi?• A casa esercitandomi con il mio pc• Esercitandomi a casa e visionando qualche lavoro già fatto.• Preparando il materiale didattico da utilizzare in classe• Esercitandomi a scuola al di fuori dell’orario di lezione
  27. 27. Prof. Alberto Coruzzi – Tutor LIMCome posso ottimizzare le risorse con glialtri colleghi?• Condividendo i lavori e confrontandosi sulle tecniche apprese• Confrontandomi, scambiando del materiale, progettandoattività comuni.• Utilizzando il materiale raccolto per promuovere attivitàinterdisciplinari• Creando una banca dati nel server dell’aula docenti econdividendola
  28. 28. Prof. Alberto Coruzzi – Tutor LIMChe tipo di “prodotto digitale” posso chiedere di realizzareai ragazzi per essere poi condivisa con la LIM?• Associare parole a immagini• Disegnare• Una semplice mappa concettuale.• Una carta d’identità, un testo di vario tipo ecc..• Presentazioni tipo power point• Elaborazione e raccolta immagini
  29. 29. Prof. Alberto Coruzzi – Tutor LIMCome posso organizzare l’attività in modo da garantire lastessa partecipazione ai ragazzi che hanno anche un PC acasa e chi può usare solo la “carta”?• Es: assegnare una ricerca da svolgere a casa. Chi possiede il pcutilizzerà strumenti multimediali, altri materiale cartaceo.Successivamente condivisione e confronto in classe dei lavorisvolti da entrambi• Facendo sviluppare la stessa attività prima su carte e poi su pc.• Attività di gruppo• Uso di pen drive• Uso scanner o macchina fotografica• Formare gruppi di lavoro misti
  30. 30. Prof. Alberto Coruzzi – Tutor LIMCome posso riutilizzare materiali che ho già adisposizione adesso che ho la LIM?• Organizzando power point• Importando sia materiale cartaceo che materiale digitale nel pcattraverso varie periferiche.• Rielaborarli con il sw. della lim• Presentarlo attraverso la lim
  31. 31. Prof. Alberto Coruzzi – Tutor LIMCosa devo modificare nel mio modo consuetodi preparare e condurre la lezione?• Necessita una pianificazione della lezione più dettagliata, una ricerca diimmagini, di contenuti, per sostenere, accrescere la motivazione epromuovere l’apprendimento cooperativo attraverso l’utilizzo di diversitipi di linguaggi• Far vivere la lim come costruzione del sapere.• Pianificare attraverso documenti compatibili con la LIM l’attività didattica• A casa: maggior tempo iniziale per la preparazione del materialeA scuola: maggior flessibilità ed elasticità• Non lasciare spazio all’improvvisazione preparando tutto il materiale che cioccorre per la lezione rispettando i tempi.
  32. 32. Prof. Alberto Coruzzi – Tutor LIMQuali obiettivi minimi mi prefiggo di raggiungere alla finedei primi 10 giorni di uso in classe della LIM• Riuscire a utilizzare la LIM con il tocco delle dita o diuna penna• Utilizzare le funzioni più elementari per laproduzione di un semplice testo• Accendere, aprire il software, comprenderne lefunzioni base.• Familiarizzare con lo strumento• Ragazzi: Far conoscere le funzioni basilariDocente: proporre qualche attività su una unitàdidattica
  33. 33. Prof. Alberto Coruzzi – Tutor LIMQuali obiettivi minimi mi prefiggo di raggiungere alla finedel 1° mese di uso in classe della LIM• Associazione di parole a immagini, utilizzare le forme percostruire insiemi e quantificare, eseguire semplici operazioni• Avere acquisito la manualità nella scrittura e l’utilizzo dipiccoli strumenti a supporto• Utilizzare le principali funzioni del software• Ragazzi : uso della lim coerentemente con l’attività didattica• Docente: proporre una attività didattica
  34. 34. Prof. Alberto Coruzzi – Tutor LIMQuali obiettivi minimi mi prefiggo di raggiungere alla finedel 2° mese di uso in classe della LIM• Utilizzare le funzioni per il disegno, manipolare le immaginiper ingrandire, rimpicciolire,…• Sapere inserire immagini anche scaricate da internet.• Trasformare i documenti comunemente utilizzati indocumenti del software autore• Ragazzi : uso della LIM coerentemente con l’attività didattica• Docente: proporre una attività didattica
  35. 35. Prof. Alberto Coruzzi – Tutor LIMQuali obiettivi minimi mi prefiggo di raggiungere alla finedel primo anno scolastico• Costruire un testo utilizzando diversi linguaggi ( visivo,sonoro, verbale…)• Eseguire semplici problemi con insiemi e operazioni• Costruire un diagramma di flusso• Saper fare collegamenti ipertestuali con immagini e filemusicali.• Ragazzi : elaborazione di un prodotto didattico da presentarecon la lim• Docente: condivisione dell’esperienza e realizzazione di unpercorso interdisciplinare
  36. 36. Prof. Alberto Coruzzi – Tutor LIMCos’è una LIM? Lavagna Interattiva Multimediale
  37. 37. Prof. Alberto Coruzzi – Tutor LIM
  38. 38. Prof. Alberto Coruzzi – Tutor LIM
  39. 39. Prof. Alberto Coruzzi – Tutor LIM
  40. 40. Prof. Alberto Coruzzi – Tutor LIM
  41. 41. Prof. Alberto Coruzzi – Tutor LIM
  42. 42. Prof. Alberto Coruzzi – Tutor LIM
  43. 43. Prof. Alberto Coruzzi – Tutor LIM
  44. 44. Prof. Alberto Coruzzi – Tutor LIM
  45. 45. Prof. Alberto Coruzzi – Tutor LIM
  46. 46. Prof. Alberto Coruzzi – Tutor LIM
  47. 47. Prof. Alberto Coruzzi – Tutor LIM
  48. 48. Prof. Alberto Coruzzi – Tutor LIM
  49. 49. Prof. Alberto Coruzzi – Tutor LIM
  50. 50. Prof. Alberto Coruzzi – Tutor LIM

×