Dimaggio sophia 2011-2012
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Like this? Share it with your network

Share

Dimaggio sophia 2011-2012

on

  • 223 views

 

Statistics

Views

Total Views
223
Views on SlideShare
223
Embed Views
0

Actions

Likes
1
Downloads
0
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as OpenOffice

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Dimaggio sophia 2011-2012 Presentation Transcript

  • 1. IL MERCATO DEI VIAGGI LEISUREI TEEN-AGER
    • Il target
    • 2. Il prodotto
    • 3. Il turismo scolastico
    • 4. I viaggi-studio
  • 5. IL TARGET
    • La teen age è l'età dei teen , ossia rappresentata dai numeri che in inglese finiscono in questo modo, cioè quella compresa fra i 13 e i 19 anni ( thirteen = 13; fourteen = 14). È l'età in cui comincia a farsi sentire il desiderio di rendersi, per alcuni aspetti, indipendenti dalla famiglia, e il viaggio senza genitori costituisce un'esperienza importante. I giovani interessati sono studenti di scuole superiori provenienti da famiglie di reddito medio o medio-alto. Tuttavia gli acquirenti sono gli adulti: i genitori o i Consigli di Istituto per le gite scolastiche. Gli operatori, pertanto, devono trovare formule che accontentino entrambi, sia gli studenti che viaggiano sia gli adulti che decidono l'acquisto.
  • 6. IL PRODOTTO
      • Possono essere di due tipi, destinati allo stesso target:
          • Il turismo scolastico;
          • 7. I soggiorni all'estero per lo studio delle lingue.
    • Un'altra formula di vacanze è quella dei gruppi sportivi: campeggi dove si perfeziona il nuoto, soggiorni agrituristici per praticare l'equitazione ecc. Si tratta di una formula in ascesa, gestita in particolare dalle stesse associazioni che si occupano degli under 13, dagli operatori delle vacanze-studio e direttamente dalle associazioni sportive, che li organizzano per il loro associati, al di fuori dei normali canali commerciali.
  • 8. IL TURISMO SCOLASTICO
    • Il più tipico prodotto destinato al turismo scolastico viene tradizionalmente chiamato gita scolastica ; si tratta di un evento che può rappresentare aspetti positivi, costituiti dall'esperienza di viaggio, e negativi, costituiti dallo scatenarsi di gruppi “incontrollabili” alla perenne ricerca di discoteche. Poiché le gite scolastiche vengono normalmente programmate fuori stagione consentono agli operatori di riempire i vuoti nella domanda degli alberghi, sui mezzi di trasporto ecc. Le gite scolastiche rappresentano, ormai da qualche anno, un'attività abituale per quasi tutte le scuole e quindi, da questo punto di vista, si può parlare di una certa stabilità della domanda. Tuttavia, a seguito del calo demografico in corso nel nostro paese, la popolazione scolastica va riducendosi, determinando conseguentemente una contrazione della domanda nel settore. Le destinazioni preferite rimangono le città d'arte. Fra queste in Italia prevalgono Roma, Firenze, Venezia e Napoli mentre all'estero le più richieste sono Parigi e Barcellona.
  • 9. I NUMERI DEL TURISMO SCOLASTICO Numero di partecipanti ai viaggi di istruzione 4.375.000 Viaggi in Italia 76% Viaggi all'estero 24% Città più visitate in Italia Roma, Firenze, Venezia, Napoli Regione italiana più visitata Toscana (17,8%) Paesi esteri più visitati Francia e Spagna Paesi esteri in ascesa Germania Paesi esteri verso i quali le richieste si riducono Repubblica Ceca e Austria Periodo in cui si svolgono più viaggi di istruzione Marzo-maggio (78,5% ma nel 2001 era l'855) Tendenze Aumento del numero medio dei partecipanti a ogni singolo viaggio
  • 10. PRINCIPALI MOTIVAZIONI DEIVIAGGI DI ISTRUZIONE
  • 11. I VIAGGI-STUDIO
    • Si tratta di viaggi di gruppo la cui diffusione è cresciuta con l'aumentare dell'importanza dello studio delle lingue straniere. Il loro obbiettivo è duplice: fornire un insegnamento delle lingue nei paesi dove queste sono parlate come madre lingua, e dare modo al giovane di sperimentare un soggiorno lontano dalla propria famiglia, in un paese diverso dal proprio. La meta più richiesta è la Gran Bretagna, minore è la domanda per lo studio del francese e del tedesco. I pacchetti comprendono il trasporto, il soggiorno in famiglie o in boarding house , con sistemazioni abbastanza spartane, lezioni di lingua, visite ed escursioni, assistenza di accompagnatori italiani. Anche questo mercato risente del calo demografico. La diminuzione di giovani teenager in Italia determina ovviamente una riduzione della domanda.