PROVERBI«La sapienza grida per le vie, fa sentire la sua voce per le piazze»(Prov.1:20)
INTRODUZIONEAll’umanità piace paragonare una cosa o un’idea con un’altra. All’umanità piace osservare eclassificare, speci...
Proverbi riceve il titolo dal contenuto del libro. Era abituale nel mondo antico impiegare come titolo diun libro la prima...
scaricato da se il giogo del Regno del Cielo, come a dire, Lamma lo El, che se ne fa di Dio?” (BemidbarRabbà 10,14).Due co...
3. Si rese colpevole davanti a Dio commettendo degli errori deplorevoli unendosi con le figlie di repagani, contraendo dei...
TEORIE CRITICHE CIRCA L’ORIGINE E LA DATA DEI PROVERBIUsando come principale metro la teoria evoluzionistica applicata al ...
5. È costante presso i Proverbi l’idea che la virtù si debba identificare con la conoscenza e l’empietàcon l’ignoranza, il...
La parola mišlê, usata qui per proverbi (plurale di māšāl), viene dalla radice di un verbo chesignifica «essere simile, es...
corrispondenza nella seconda riga). Questo si dice parallelismo sinonimo incompleto (vedi anche 16:6).A volte la seconda l...
Pentastico. Questo è un proverbio di cinque linee. In questo tipo di distico, le prime due lineepresentano il soggetto, le...
1. Libertà umana. Il libro dei Proverbi, letto in generale, rende chiaro che mentre possiamo dare ainostri figli il vantag...
della città (31:23). Il primo principe, Adamo, ha scelto di seguire la parola di sua moglie sedotta dalserpente (2Cor.11:3...
Il capitolo 8: in esso si osserva che la sapienza di Dio è attiva. Essa chiama forte; invita gli uomini(v.4). Ci sono tre ...
l’effetto della presenza di Dio nei dettagli della sua condotta. Noi possiamo evitare il male, grazie allaconoscenza del b...
ScopoetemaProverbidiSalomone(l’istruzionediunpadre)ProverbidiSalomoneProverbidiSalomone(paroledeisaggi)ProverbidiSalomone(...
14:19). Ve ne sono pochi che presentano un parallelismo sintetico, specialmente quelli che hanno lacomparazione «meglio…ch...
B. “Parole” PER Salomone (30:-31:9)A. La donna forte e virtuosa (31:10-31)SCOPOIl libro dei Proverbi è destinato ad essere...
acquisire abilità mentali che favorissero una vita saggia. Sia il contenuto che la struttura delle massimecontribuivano al...
dunque «sapienti», capaci di trattare le cose secolari, avendo il talento di compiere i propri affari e ditrattare bene co...
C’è una notevole differenza tra la conoscenza e la sapienza. La conoscenza può gonfiarci, ma lasapienza no. La conoscenza ...
IL «TIMOR DI DIO» NELLA BIBBIATimor di DioGenesi 20:11 Abrahamo rispose: «Lho fatto, perché dicevo fra me: "Certo, in ques...
sarà il suo tesoro.Atti 9:31 Così le chiese in tutta la Giudea, la Galilea e la Samaria avevano pace ed erano edificate. E...
fondamento di tutte le buone cose, del buon governo e della buona scienza. La verità è la base deimatrimoni fedeli, delle ...
«L’Eterno odia…il cuore che escogita progetti malvagi» (6:16,18)I Proverbi ci ricordano ripetutamente che Dio odia un cuor...
ASPETTO DIVINO ASPETTO UMANOPoiché Dio ama la verità e la benignità, Egli vuoleche il Suo popolo sia sorgente di aiutoQuan...
fra loroCorrezione. Il rapporto tra un padre ed il figlio è una delle caratteristiche principali del libro deiProverbi in ...
Proverbi di salomone
Proverbi di salomone
Proverbi di salomone
Proverbi di salomone
Proverbi di salomone
Proverbi di salomone
Proverbi di salomone
Proverbi di salomone
Proverbi di salomone
Proverbi di salomone
Proverbi di salomone
Proverbi di salomone
Proverbi di salomone
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Proverbi di salomone

1,465 views
1,293 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
1,465
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
8
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Proverbi di salomone

  1. 1. PROVERBI«La sapienza grida per le vie, fa sentire la sua voce per le piazze»(Prov.1:20)
  2. 2. INTRODUZIONEAll’umanità piace paragonare una cosa o un’idea con un’altra. All’umanità piace osservare eclassificare, specialmente nelle cosiddette “scienze”, ma anche nelle emozioni, nel pensiero e nel regnospirituale. È su questa tendenza umana che sono sorte discipline come la psichiatria, la filosofia e lateologia. Nell’antico Israele i pensieri saggi sono stati raccolti e raggruppati sotto il titolo non di unascienza, ma della «sapienza». Addirittura la sapienza viene personificata e manifestata come pensierodivino.Proverbi è un libro di detti sapienziali che, mediante la ripetizione di pensieri saggi, insegna,specialmente ai giovani, a vivere secondo rettitudine e saggezza. Si tratta di una sapienza che contienepoche parole scelte, invece di molte, allo scopo di concentrare la verità in poche parole, in frasi brevi edefficaci, per aiutare la memoria, suscitare interesse e per stimolare lo studio. È una sapienza chestabilisce ciò che è bene e ciò che è male, perché è basata sul timore di Dio e sull’ubbidienza alle Sueleggi. Proverbi applica i principi dell’insegnamento divino a tutta la vita: relazioni umane, vita domestica,relazione genitori-figli, lavoro, amministrazione della giustizia, decisioni varie, comportamenti, insommaa tutto quel che facciamo, diciamo e pensiamo. Dio ci ha insegnato quel che più ci conviene.Gli insegnamenti contenuti in questo libro indicano ai lettori come condurre una vita saggia, pia ecome evitare le insidie di una condotta incauta, empia. Come non abbiamo alcun libro più utile dei Salmida cui prendere spunto per le nostre preghiere, così non ne abbiamo uno più adatto dei Proverbi perordinare in modo giusto la nostra conversazione; essi infatti contengono in poco spazio un prontuariocompleto di etica, politica ed economia, suggerendo regole per il controllo di sé in qualsivoglia relazioneo circostanza.Il libro dei Proverbi ci mostra come la sapienza divina si applica ai dettagli della vita, in questomondo di male e di confusione. In esso osserviamo il sentiero divino per la condotta umana e, per chi sisottomette alla Parola, il mezzo per evitare il sentiero della propria volontà e del proprio cuore stolto, eciò viene fatto conducendo l’uomo alla sapienza ed alla prudenza, che lo rendono capace di evitaremolti errori, di mantenere un cammino serio davanti a Dio e di sottomettersi alla Sua volontà.Proverbi è il libro di Dio su come vivere e crescere in saggezza. Se gli Israeliti osservavano leprescrizioni e le leggi di Dio, erano considerati un popolo sapiente e intelligente (Deut.4:5,6). Questo èvero per tutti i credenti perché «la testimonianza dell’Eterno rende savio il semplice» (Sal.19:7). Il librodei Proverbi indicava agli Israeliti in che modo la fede nel Signore e nella Sua parola avrebbe dovutoinfluenzare la loro vita quotidiana. Mostra come i credenti di ogni età possono essere saggi agli occhi diDio. Gli Israeliti dovevano osservare la legge, ma dovevano anche applicare le verità contenute nellalegge a ogni aspetto della vita.Per capire correttamente i Proverbi dobbiamo avere le idee chiare sulla natura umana. L’umanità èperversa, venduta al peccato. L’antica eresia pelagiana sosteneva che in fondo l’uomo è buono, e chese gli vengono date circostanze, condizioni e incentivi giusti, si comporterà bene. Questo è anche ilpunto di vista del mondo. È anche l’opinione di base del totalitarismo che crede che la condizioneumana sia il risultato del condizionamento sociale e se si cambia la struttura sociale si può creare unnuovo genere di uomo. Ma il totalitarismo ha un’idea troppo alta dell’uomo. Proverbi ci presenta inveceche la condizione umana è quella di un giovane inesperto e facilmente condotto fuori strada dalpeccato. Proverbi quindi è scritto per guidare gli uomini lontano dal peccato, per insegnare loro comevivere la vita e dare al giovane i vantaggi dell’esperienza di chi è più vecchio. È un libro d’istruzionemorale che si occupa del peccato e della santità nel cospetto di Dio.Giacomo c’incoraggia a pregare per la sapienza (Giac.1:5); Proverbi c’invita a cercarla con unostudio diligente. Preghiamo dunque, mentre studiamo questo libro, cercando quella sapienza che vienesolo da Dio.
  3. 3. Proverbi riceve il titolo dal contenuto del libro. Era abituale nel mondo antico impiegare come titolo diun libro la prima parola o frase di quel libro. Ad esempio, il titolo ebraico per Genesi è Berē’šît (”inprincipio”). La stessa cosa è fatta nei Proverbi, il cui titolo ebraico è mišlê Šelōmōh,«Proverbi di Salomone», che fu reso dalla Vulgata: Liber Proverbiorum. Nei LXX il nome è paroimìai.Nel linguaggio biblico è una massima che ha due significati, uno apparente e uno nascosto (1:6).L’enigma permette di svegliare l’interesse e induce alla riflessione, sottolinea una verità. I Greci ed iRomani amavano molto gli enigmi. I Greci raccontavano che una sfinge nei dintorni di Tebe domandavaai passanti: «Qual è l’essere che cammina a quattro piedi la mattina, a due a mezzogiorno e a tre lasera?». Solo Edipo capì che si trattava dell’uomo che cresce: da bambino, ad adulto e vecchio che siappoggia al bastone. Furiosa perché era stato indovinato il segreto, la sfinge si gettò dall’alto di unaroccia frantumandosi la testa.AUTORE E DATAIl libro appare nella sua forma finale almeno al tempo di Ezechia (a motivo di 25:1) che regnò dall’AM3286 all’AM 3314 (726-698 a.C.). Se furono i suoi uomini a mettere insieme l’intero libro è incerto. IRabbini hanno affermato che «Ezechia e la sua gente scrissero il libro di Isaia, Proverbi, il Cantico deiCantici e l’Ecclesiaste» (Talmud Bab., trattato Baba Bathra 15a), cioè ne sono stati gli editori.Secondo la maggioranza degli studiosi il libro è stato scritto da vari autori. L’intestazione «Proverbi diSalomone» in 1:1 introduce i capp.1-9. La parte 22:17-24:34 è chiamata le «parole dei saggi». Nessunoperò conosce l’identità di questi saggi. Il cap.30 e 31:1-9 furono scritti rispettivamente da Agur e dal reLemuel. La loro identità e le loro origini sono oscure.Eppure, questo è il primo libro della Bibbia introdotto dal nome dell’autore. L’intestazione del libronon lascia dubbi sulla sua paternità: Salomone (1:1). Egli viene presentato come Šelōmōh ben Dāwid.Poiché egli regnò dall’Anno Mundi 2989 all’AM 3029 (secondo la cronologia corrente dal 971/970 al931/930 a.C.), i proverbi che egli scrisse risalgono al decimo secolo. Anche la tradizione ebraica èd’accordo nel riconoscerlo unico autore.Riguardo ad Agur (30:1) e Lemuel (31:1), presunti autori, viene detto che non erano Israeliti. Il titolodi 30:1 può essere tradotto «le parole di Agur, figlio di Jakeh, l’oracolo», oppure «di Agur figlio di Jakehdi Massā’». Massā’ era una tribù araba che discendeva da Abrahamo mediante Ismaele (Gen.25:14;1Cron.1:30), e le tribù orientali erano famose per la loro sapienza (1Re 4:30). Per quanto riguarda il reLemuel, viene detto che sua madre è indicata quale fonte di 31:1-9, ma anch’egli è ignoto. Si supponeche egli fosse un re dell’Arabia settentrionale, che forse viveva in una regione non lontana da Uz,sebbene possa anch’egli appartenere a Massā’, dato che la soprascritta può essere interpretata come asignificare: «Lemuel, re di Massā’» (così il Gesenius). Altri dicono che siccome il termine ebraico massā’significa «oracolo», allora Agur e Lemuel vengono descritti rispettivamente come «Agur l’oracolo» e«Lemuel l’oracolo». In questo modo essi sarebbero riconosciuti come speciali vasi di sapienza e quindicome uomini particolarmente adatti per proclamare gli oracoli di Dio.Ma la tradizione ebraica considera sia Agur che Lemuel degli pseudonimi per Salomone e questa èla congettura più probabile. Infatti la LXX traduce il testo ebraico in modo del tutto letterale. La parola’āgûr compare in Deut.32:27 (verbo «temere»; cfr. Deut.1:17; 18:22; Num.22:3). La tradizione rabbinicaritiene che il nome del padre, Yāqeh, sia metaforico e si riferisca a Davide.La parola lemû’ēl è da intendere o come titolo «appartenente a Dio». Perché Salomone è statochiamato Lemuel? Ha detto Rabbi Yshmael, nella stessa notte che Salomone ha completato lacostruzione del santuario, ha sposato Bitja, la figlia del Faraone, e c’era lì il giubilo della gioia delSantuario ed il giubilo della figlia del Faraone, e il giubilo della figlia del Faraone superò il giubilo delSantuario secondo quanto si dice: ‘tutti si ingraziano il re’. E per questo è chiamato Lemuel, che ha
  4. 4. scaricato da se il giogo del Regno del Cielo, come a dire, Lamma lo El, che se ne fa di Dio?” (BemidbarRabbà 10,14).Due cose dobbiamo tener presente: 1) In Prov.30 le parole di Agur sono distintamente chiamatemassā’, oracolo, e niente nel contesto indica che debba essere tradotto diversamente. 2) Prov.31:1-9 siriferisce agli “oracolii” insegnati a Lemuel da sua madre. Questa potrebbe essere Bath-Sceba e cosìLemuel Salomone.Sono stati gli «uomini di Ezechia» a fare una redazione finale del libro (cfr.25:1). Da 2Cron.29:25-30apprendiamo che Ezechia si curò di ristabilire l’ordine davidico nel Tempio, gli strumenti davidici e diripristinare l’uso dei Salmi di Davide e di Asaf. Forse un rinnovato interesse nella sapienza di Salomonefu un altro risultato di questa riforma, suscitato non da un semplice amore per il passato, ma daldesiderio di esaminare e studiare la sapienza del più grande dei saggi. Tra essi forse c’erano Isaia,Michea e Osea.1. SalomoneSalomone significa «pacifico». Nel titolo si firma figlio di Davide, re d’Israele. Per mano sua sonostati scritti anche l’Ecclesiaste, che è un sermone, e il Cantico dei Cantici, che è un canto. Uninsegnamento rabbinico afferma che scrisse il Cantico dei Cantici quando era giovane e innamorato el’Ecclesiaste quando era ormai prossimo alla fine della sua vita, poiché egli riflette sulle sue esperienze,deluso e disingannato per la sensualità di gran parte della sua vita; mentre i Proverbi sarebbero staticomposti negli anni della sua maturità (Midrash, Shir ha-Shirim, 1,1,10). Una tradizione giudaicasostiene che Proverbi andava letto all’esterno del tempio, nel cortile dei Gentili. L’Ecclesiaste andavaletto nel cortile interno del tempio, il cortile d’Israele. Il Cantico dei Cantici andava letto nel Luogo Santo.Nei Proverbi la sapienza non è qualcosa di puramente intellettuale, ma coinvolge tutto l’uomo; eSalomone all’apice della sua fama incarna appunto questa sapienza. Egli era la persona più sapientedel suo tempo e da tutte le nazioni venivano per ascoltare la sua saggezza (1Re 4:29-31,34; 10:1-13).Compose 3000 proverbi e 1005 inni (1Re 4:32; cfr. Eccl.12:9) e risolse enigmi (1Re 10:1 - Riveduta), adimostrazione della sua genialità senza pari. Lo Spirito Santo lo guidò nella scelta di alcune centinaiada includere nelle Scritture dato che i Proverbi contengono solo 915 versetti (abbiamo meno di un terzodei suoi detti), e dei suoi 1005 inni non abbiamo quasi niente.Rispetto a Salomone possiamo osservare che:1. Era re, il figlio più giovane di Davide e Bath-Sceba. Salomone era un re ricchissimo e il suodominio era molto vasto; era un re dei più potenti, che si era dedicato allo studio delle cose di Dio, ma lasua fortuna più grande è stata quella di essere figlio di Davide, il quale prese delle misure speciali perinculcare la saggezza di Dio nel suo successore, Salomone; ed è probabile che molti proverbi sianofrutto degli insegnamenti di Davide che in seguito Salomone mise per iscritto. Infatti che bisogno c’era diriportare in 10:1 «Proverbi di Salomone» se quelli precedenti che sono rivolti a «mio figlio» non fosserole parole di Davide nei suoi confronti? Il profeta Nathan gli pose nome Jedidiah che significa «amicodell’Eterno», che è indicativo del favore dell’Eterno nei suoi confronti.2. Egli amava il Signore (1Re 3:3); pregava per ottenere la capacità di distinguere sempre il bene dalmale e Dio l’aveva dotato di una misura straordinaria di saggezza e sapienza in risposta alle suepreghiere in vista dell’ascesa al trono (1Re 3:12; 4:29). La sua preghiera fu esemplare: Concedi dunqueal tuo servo un cuore intelligente (1Re 3:9), ed era accompagnata da una profonda umiltà (1Re 3:7) e larisposta fu di grande incoraggiamento, perché ricevette quello che aveva chiesto e tutto il resto gli fuaggiunto. Egli divulgò le istruzioni di saggezza ad altri e le trasmise ai posteri.Questa sua sapienza fu messa alla prova in questioni pratiche quali la buona amministrazione (1Re3:16-28) e la diplomazia (1Re 5:12). Buona parte della sua scienza derivava dall’osservazione dellanatura (1Re 4:33).In base a 1Re 3:7 c’è chi pensa che Salomone avesse avuto 18 anni al momento della suaascensione; tuttavia, Giuseppe Flavio (Antichità 8,7) afferma che aveva solo 14 anni.
  5. 5. 3. Si rese colpevole davanti a Dio commettendo degli errori deplorevoli unendosi con le figlie di repagani, contraendo dei matrimoni politici, tanto che negli ultimi anni della sua vita si sviò dai buoniinsegnamenti di Dio, verso i quali questo libro aveva diretto altri. Possiamo trovare in 1Re 11 la tristestoria. Il suo primo matrimonio fu con la figlia del Faraone egiziano. È discutibile se egli avesse maiamato veramente una donna.2. Lezioni dalla vita di SalomoneÈ tragico osservare che nonostante tutto quello che Salomone ha scritto sulle donne (cfr. 5:3; 6:24;7:5) esse furono la causa della sua rovina.Questo non fu l’unico esempio di fallimento di Salomone. Nei Proverbi egli ha scritto molto riguardol’istruzione verso i figli (1:8; 4:1-4; 10:1; 13:24; 22:6,15) egli non è riuscito ad inculcare la sapienza asuo figlio Roboamo, il quale rifiutò il consiglio degli uomini saggi di suo padre (1Re 12:1-15).Del fallimento di Salomone dobbiamo apprendere due lezioni. Per prima cosa dobbiamo aspettarci diessere messi alla prova anche in quelle aree della nostra vita dove sembriamo che siamo forti. Laseconda lezione è che non è sufficiente sapere qual è la cosa giusta da fare. La sapienza non è soloconoscenza della verità, ma è la pratica ubbidiente di essa. Salomone conosceva tanto sulle donne; equesto ha potuto fargli credere di essere in grado di tenere la situazione sotto controllo senza peccare.Ma in ultima analisi, il suo problema non era nella testa, bensì nel cuore (4:4,23). Chi è maggiormenteusato da Dio, impari a non inorgoglirsi e a non sentirsi troppo sicuro di se stesso, e tutti sappianoprendere sul serio i buoni insegnamenti anche se quelli che li impartiscono non vi si attengono.TESTI E VERSIONII libri della Bibbia ebraica erano divisi in tre sezioni: la Legge, i Profeti, e gli Scritti (Ketuvim). Il librodei Salmi segnava l’inizio della terza sezione, ed era seguito di solito da Giobbe e Proverbi, oppureviceversa da Proverbi e Giobbe. Non conosciamo le ragioni di questa variante. Forse quelle liste chepongono Proverbi prima di Giobbe lo fecero nella persuasione che Proverbi contenesse più materialesapienziale di qualsiasi altro libro. Nella Septuaginta, i Proverbi seguivano Salmi e precedevanol’Ecclesiaste, il Cantico dei Cantici e Giobbe. Proverbi, Salmi e Giobbe si distinguono, per un sistemaspeciale di punteggiatura, dal resto dei libri.Il testo ebraico del libro dei Proverbi non è il più facile dei libri dell’Antico Testamento. Vi sono frasi oparole occasionali che appaiono aver sofferto nella loro trasmissione, ma questo è dovuto solo allamoderna ignoranza di antiche forme linguistiche. Una più vasta conoscenza delle lingue e dellaletteratura dell’antico Vicino Oriente ci aiuterà a chiarire le difficoltà testuali in Proverbi.Alcune parti del testo ebraico (Testo Masoretico) sono messe in ordine diverso da quello della LXX.Probabilmente ciò dipende dall’uso diverso che si faceva delle varie sezioni del libro nella letturapubblica. Il libro è costituito da tre raccolte principali: 1) Prov.1-9; 2) Prov.10:1-22:16; 3) Prov.25-29. Lealtre parti devono essere considerate delle appendici di queste raccolte principali.Se includere il libro nel canone è stato un argomento di controversia al Concilio di Jamnia (fine 1°secolo d.C.), per due passaggi dubbi: 26:4,5 e 7:6-20. Quest’ultimo passo era stato considerato tropposensuale e quindi sospetto. Il passo di 26:4,5 veniva considerato inconciliabile fino a quando non èstata scoperta un’interpretazione accettabile.
  6. 6. TEORIE CRITICHE CIRCA L’ORIGINE E LA DATA DEI PROVERBIUsando come principale metro la teoria evoluzionistica applicata al pensiero ebraico i critici liberalihanno cercato di negare che gran parte del materiale riferito a Salomone di fatto risalga al suo periodo.Ecco di seguito le critiche e le relative confutazioni:1. Dal momento che Salomone viene presentato dalla tradizione giudaica come autore dei Proverbi,del Cantico (cfr. 1Re 4:30-34), dell’Ecclesiaste e di due Salmi, sembra logico pensare che egli eradivenuto il simbolo della sapienza (così come Mosè divenne per gli Ebrei il simbolo della legge). Nelcorso del tempo divenne convenzionale riferire a Salomone queste composizioni, anche se esse eranotardive, perché potessero riceve un’accoglienza più vasta e favorevole da parte del pubblico giudaico.Ecco la ragione per cui anche il libro apocrifo chiamato la “Sapienza di Salomone” viene riferito a luianche se di fatto fu scritto in greco per mettere a raffronto la filosofia greca con quella ebraica.Confutazione. È chiaro che nel periodo neotestamentario divenne di moda comporre operedidattiche e apocalittiche e attribuirle in modo palese agli antichi patriarchi, come Enok o i dodici figli diGiacobbe. Ma non vi è alcuna prova che un tale procedimento sia stato eseguito anche nel periodoanteriore a quello ellenistico. Ci si dovrebbe prima di tutto chiedere come mai Salomone si acquistò unatale reputazione di sapienza se di fatto egli non compose nulla. È molto più logico concludere che egli siè guadagnato tale reputazione proprio perché fu il primo a comporre questo genere letterario in modoclassico anziché supporre che la tradizione si sia imposta senza alcun fondamento. Anche nellaletteratura greca l’esistenza di poemi epici falsamente attribuiti ad Omero non dimostrano affatto cheOmero non abbia composto nessuna poesia epica (vale a dire l’Iliade e l’Odissea). Lo stesso si ripetaper la poesia lirica attribuita ad Anacreonte. L’esistenza di tale produzione non prova che non esistetteun Anacreonte, il quale compose l’antica poesia attribuita al suo nome. È quindi impossibile vederecome mai il re Salomone del X secolo possa essersi acquistata una simile reputazione come modelloclassico della sapienza letteraria senza avere composto nulla di suo.2.C’è chi deduce l’origine post-esilica dei Proverbi per il fatto che essi affermano un monoteismopuro (si ricordi che per l’alta critica del passato era un dogma sostenere che nel processo evolutivodella religione il monoteismo sarebbe apparso tardivamente in Israele).Confutazione. Questa asserzione denota un’ignoranza completa di tutti i racconti vetero-testamentari, dai quali appare che la religione israelitica fu strettamente monoteistica sin dal tempo deipatriarchi e che sempre essa ha ritenuto idolatria o eresia o apostasia ogni deviazione al patto sancitocon YHWH.3. Vi è una notevole mancanza di tratti distintivi propriamente nazionali nel testo dei Proverbi. Perciòc’è chi ne deduce che i Proverbi ebbero origine quando la nazione era diffusa presso regioni straniere,come al tempo dell’esilio dopo la caduta di Gerusalemme.Confutazione. Questa mancanza di caratteri nazionalisti si può spiegare differentemente, vale a dire:a) Con il genio del genere letterario sapienziale, che considera gli individui come tali anziché lenazioni e presenta le leggi del comportamento umano quale si può osservare presso tutti i popoli antichidel Medio Oriente.b) Dal fatto che Israele viveva tra le culture della Mesopotamia, della Fenicia, della Siria, delsettentrione arabico e dell’Egitto, era inevitabile che vi fosse uno scambio culturale sin dai primi stadidella vita nazionale israelitica.4. I Proverbi riflettono, si dice, i costumi sociali e i vizi che secondo la nostra conoscenza esistevanodopo l’esilio, specialmente nelle città della Giudea.Confutazione. Questa è una generalizzazione molto dubbia. Non si è addotta alcuna prova di unsingolo costume o vizio ricordato nei Proverbi che sia stato sconosciuto alla cultura di Gerusalemme odelle altre grandi città di Israele sin dal tempo di Salomone.
  7. 7. 5. È costante presso i Proverbi l’idea che la virtù si debba identificare con la conoscenza e l’empietàcon l’ignoranza, il che riflette il modo di concepire la morale presso la filosofia di Platone nei suoiDialoghi (circa il 370 a.C.). Si è quindi suggerito che la conoscenza di questo accostamento greco aiproblemi etici non poteva essere noto al Medio Oriente se non dopo la conquista di Alessandro Magno(330 a.C.).Confutazione. Questa interpretazione include una fondamentale incomprensione della distinzioneessenziale tra la parola greca sophìa e la sapienza ḥokmāh (sapienza) ebraica. La filosofia greca, piùspeculativa, tratta la cosmogonia e tutti i principi che regolano l’universo, la filosofia ebraica invece,come è formulata nell’Antico Testamento, considera piuttosto la conoscenza della volontà rivelata di Dioriguardo ai problemi e alle scelte della vita quotidiana. Mentre la filosofia greca tendeva a trarre dalprimo principio le conseguenze logiche mediante una deduzione dialettica, la filosofia ebraica, piùintuitiva ed analogica, si dedicava a interpretare l’ordine morale alla luce di un Dio personale,onnisciente e onnipotente, che ha rivelato la Sua volontà per una vita etica.Per quanto concerne la connessione tra ignoranza e peccato, il concetto platonico d’ignoranzamorale era intellettuale e mentale, mentre il concetto salomonico incluso nei Proverbi riteneva latenebra dell’anima come frutto di un’anteriore scelta immorale da parte del cuore. La filosofia moralepresso i Greci non riuscì a penetrare nel problema della malvagità esistente nell’uomo e della suacapacità di riconoscere la verità della giustizia pur scegliendo il male per un perverso interessepersonale. Una delle caratteristiche della follia è la nebālah che suggerisce l’esempio di Nabal, la cuistoria si legge in 1Sam.25. Il v.25 di questo capitolo giudica costui uno «stolto» (nābāl) non perchéfosse così poco intelligente da non capire che la virtù ha più successo per il raggiungimento della felicitàpersonale che non la malvagità, ma piuttosto perché egli aveva già fatto una scelta errata nel suo regnomorale: il ricompensare l’amicizia di Davide con una misera e avvilente ingratitudine.6. C’è chi considera il libro dei Proverbi come il prodotto di una classe professionale di uomini saggi,ai quali si deve pure riferire l’Ecclesiaste, la Sapienza di Salomone e l’Ecclesiastico.Confutazione. L’esistenza di una casta presuppone un fondatore. Come i profeti sarebberoincomprensibili senza Mosè la cui legge essi interpretavano e applicavano ai problemi della lorogenerazione, così vi deve pur essere stato un modello classico per la letteratura sapienziale scrittaprima del sorgere di ogni eventuale casta. Si legga ad esempio Ger.18:18 che parla di saggi quasifossero una classe di esperti che stanno alla pari con i sacerdoti e i profeti nella generazione pre-esilica.Non vi è alcun dubbio che la letteratura sapienziale ebbe una origine ben remota nella storia dell’Egittodove risale fino a Ipuwer della VI dinastia (circa il 2500 a.C.). E’ pure evidente da 1Re 4:30,31 che viera una lunga tradizione di saggi pre-salomonici anche in Israele ed è alquanto ingenuo affermare che ilsecolo X fosse troppo antico perché questo genere di letteratura potesse sorgere in mezzo agli Ebrei.STILE LETTERARIOIl proverbio è costituito da brevi frasi, indipendenti le une dalle altre, che sviluppano il loro contenutoin poche parole incisive. L’insegnamento con i proverbi era:1. Un antico metodo d’insegnamento. In particolare tra i Greci era il primo metodo d’insegnamento,tanto che i sette uomini più saggi formularono un proverbio ciascuno che li rese celebri. Questi dettierano scritti su colonne ed erano addirittura venerati e considerati sapienza celeste, in base all’idea checonoscere se stessi è un precetto che viene dal cielo.2. Chiaro e facile da apprendere, economico sia per l’insegnante sia per l’alunno, che non fannotroppa fatica né a capire, né a imprimere nella memoria. Lunghi periodi e grosse argomentazionirichiedono uno sforzo sia da chi li presenta sia da chi li apprende, mentre i proverbi, che esprimono inpoche parole dichiarazioni ed esempi, si apprendono velocemente e si ricordano facilmente.
  8. 8. La parola mišlê, usata qui per proverbi (plurale di māšāl), viene dalla radice di un verbo chesignifica «essere simile, essere paragonato». Il suo significato fondamentale è quindi quello di paragoneo similitudine. Un proverbio, dunque, è un’affermazione che fa un confronto o una analogia tra il mondonaturale e quello spirituale (si veda 1Re 4:33 e Prov.10:26). C’è chi pensa che abbia la sua provenienzadall’assiro Mashalu o forse da Mishlu, che significa “metà”, sostenendo così l’idea che un proverbio è il“mezzo” di due proposizioni bilanciate. Questa teoria si scontra con il fatto che in ebraico la forma èsingolare, mentre la teoria richiede il plurale (o il duale). Brevi detti proverbiali si trovano anche altrovenell’A.T. (per es. Gen.10:9; 1Sam.10:12; 24:13; 1Re 20:11; Ger.31:29; Ezech.12:22; 16:44; 18:2).Il māšāl non è necessariamente poetico:Gen.25:23. L’oracolo di Rebecca: qui viene narrato un confronto tra i suoi figli gemelli.Num.12:6-8. Mosè e i profeti. Qui c’è un confronto tra Mosè come profeta da una parte, e tutti gli altriprofeti dall’altra parte.Gios.10:12. Il sole su Gabaon. Qui esiste un confronto tra il “lungo” giorno di Giosuè e un giornonormale.1Sam.18:7. Qui c’è un confronto tra Saul e le sue migliaia con Davide e i suoi diecimila.2Sam.12:1-4. La parabola di Nathan. Qui Davide il peccatore è confrontato con Davide l’uomo diDio.In tutti questi esempi, il māšāl indica un “confronto”, così un «proverbio» può essere visto come unconfronto tra la parola di Dio e il pensiero del mondo.Māšāl è spesso utilizzato con diversi significati, a dimostrazione che la nostra parola “Proverbi”,anche se descrive il suo contenuto principale in maniera soddisfacente, difficilmente può essere unadefinizione adeguata, per esempio, di Prov.1:1-9:18 o 31:10-31. La parola significa anche «zimbello»,«favola» (per es. 1Re 9:7; 2Cron.7:20; Ger.24:9; Ezech.14:8; Deut. 28:37), probabilmente nel sensoche la persona o il popolo definito tale diventa oggetto di lezione per altri. Māšāl può venire usato anchecome oracolo profetico (Num.23:7,18; 24:3,15,20,21,23) o come rimprovero (Is.14:4) lungo diversiversetti. In tal caso le affermazioni indicano forse come l’oratore vorrebbe fossero le persone. Il«discorso» di Giobbe (Giob.29-31) è un māšāl nel senso che riassume la sua esperienza. «Parabola» èun altro modo di rendere māšāl (Ezech.17:2); qui la storia in forma di parabola esprime una somiglianzacon alcuni episodi della vita, ma la sapienza si traveste della forma figurativa o enigmatica. Solo unaprofonda meditazione rivelerà ciò che è nascosto in queste massime morali e spirituali. La parolacomunque passò ad indicare quei detti in cui l’analogia non è evidente e si riferì particolarmente a detticoncisi, appunto ai proverbi. Il libro dei Proverbi, infatti, comprende pochi discorsi lunghi oltre allemassime di un singolo versetto.I proverbi di Salomone, però, non sono tanto dei detti popolari quanto piuttosto la quintessenza diquella sapienza che conosce la legge di Dio e ne applica i principi a tutti gli aspetti della vita. Questedunque sono parole per tutti coloro che cercano di percorrere la via della santità pratica. Infatti iProverbi non dicono solo che bisogna fare la cosa giusta, ma illustrano spesso la maniera pratica dicome farlo.Parallelismo. I Proverbi sono scritti interamente in poesia. L’aspetto strutturale predominante dellapoetica ebraica non è la somiglianza di suoni, ma la somiglianza di pensieri strutturati in affermazioniparallele. È il cosiddetto parallelismo. Questo significa che la poesia ebraica implica un insiemecomplesso di rapporti tra parole, frasi e concetti. Di solito sono due righe di un versetto parallelamentecorrelate.Nel PARALLELISMO SINONIMO (è un confronto fatto per paragone, una ripetizione) viene presentata unaverità nella prima riga e viene poi ripetuta nella seconda riga utilizzando parole diverse. La secondalinea enfatizza e rinforza il principio dato nella prima (per es. 1:2,8; 2:11; 4:7; 5:3; 11:25; 18:7, 22:17).Questo viene definito parallelismo sinonimo completo. Altre volte solo alcune delle unità in una rigatrovano corrispondenza nella riga successiva (per es. in 1:9 il termine «saranno» non ha
  9. 9. corrispondenza nella seconda riga). Questo si dice parallelismo sinonimo incompleto (vedi anche 16:6).A volte la seconda linea dà la conseguenza logica della prima linea (26:4).Nel PARALLELISMO ANTITETICO (è confronto per antitesi, un contrasto) una riga è l’opposto oppure è incontrasto con l’altra, ovvero la prima riga fa una dichiarazione e la seconda dà la stessa veritàdichiarata in termini opposti. La seconda linea di tale costruzione, di solito inizia con un «ma» o con uncontrasto del tipo «questo è migliore di quest’altro» (per es. 1:7; 10:1,27; 11:1; 13:9; 14:30; 15:5,17;17:22). La maggior parte dei versetti nei capp.10-15 sono antitetici.Nel PARALLELISMO SINTETICO la seconda riga continua il pensiero della prima, aggiungendo qualcosa alsuo significato e contenuto, estendendolo in modo che porti una nuova verità (15:20; 16:4). Talvolta laseconda riga presenta la conseguenza di quanto detto nella prima (3:6; 16:3) e altre volte descrivequalcosa della prima riga (6:12; 15:3). Talvolta una riga dichiara ciò che è preferibile in relazione aquanto riferito nell’altra riga. Ben 19 volte ricorre l’espressione «meglio…che» (12:9; 15:16,17;16:8,16,19,32; 17:1,12; 19:1,22; 21:9,19; 22:1; 25:7,24; 27:5,10; 28:6). «Tanto più» o «ancor meno» èun altro tipo di parallelismo sintetico (11:31; 15:11; 17:7; 19:7,10; 21:27). Per altri esempi di questoparallelismo vedi: 10:18; 21:13; 29:18. La maggior parte dei versetti in 16:1-22:16 contengono sia unparallelismo sinonimo che sintetico.Nel PARALLELISMO EMBLEMATICO una riga chiarisce l’altra per mezzo di una similitudine o una metafora(per es. 10:26; 25:12,23,25). Le similitudini sono generalmente introdotte da «come».Schematizzazione dei principali parallelismiTipo Esempio scritturale DescrizioneParallelismo sinonimo(ripetizione)Prov.1:2 “Per conoscere sapienza eammaestramento per intendere i dettidi senno”La prima linea fa unadichiarazione di verità; quindi laseconda linea espone di nuovoe rinforza il principio dato nellaprimaParallelismo antitetico(contrasto)Prov.1:7 “Il timore dell’Eterno è ilprincipio della conoscenza; ma glistolti disprezzano la sapienza el’ammaestramento”La prima linea fa unadichiarazione di verità; quindi laseconda linea dà la stessa veritàdichiarata in termini oppostiParallelismo sintetico(completamento)Prov.16:4 “L’Eterno ha fatto ognicosa per se stesso, anche l’empioper il giorno della sventura”La prima linea fa unadichiarazione di verità. Laseconda linea aggiungequalcosa al pensiero,estendendolo in modo che portiuna nuova veritàParallelismo emblematico(similitudine)Prov.10:26 “Come l’aceto ai denti e ilfumo agli occhi, così è il pigro perquelli che lo mandano”Una linea chiarisce l’altra permezzo di una similitudine o unametaforaNon tutti i versetti dei Proverbi hanno due righe. Nei versetti costituiti da tre righe (tetrastico), laprima e la seconda riga sono in genere correlate in qualche maniera, la seconda e la terza sono in unmodo o nell’altro parallele (per es. in 27:27 la seconda riga è in parallelismo sintetico con la prima,completandone il pensiero, e la terza è in parallelismo sinonimo con la seconda). In 24:3,4 le prime duelinee sono sinonime con le seconde due. Vedi anche 30:5,6; 30:17. In 1:27, tuttavia, le tre righe sonotutte in parallelismo sinonimo.
  10. 10. Pentastico. Questo è un proverbio di cinque linee. In questo tipo di distico, le prime due lineepresentano il soggetto, le tre successive estendono il soggetto. Esempio: 25:6,7; 30:4.Esastico. Questo è un proverbio di sei linee. Qui le prime due presentano il soggetto e le quattrosuccessive sviluppano ed estendono l’argomento. Esempio: 23:12-14.Eptastico. Distico di sette linee. Il soggetto viene presentato nelle due linee iniziali ed amplificatonelle successive cinque. Esempio: 23:6-8.Ottastico. Qui vengono utilizzate due linee per presentare il soggetto, il quale viene poi amplificatonelle successive sei. C’è solo un ottastico nei Proverbi (6:16-19).Talora la prima parte di un proverbio contiene un numero, seguito dal numero successivo, come inProv.30:18: «Ci sono tre cose troppo meravigliose per me, anzi quattro…». Si tratta della cosiddettascala numerica, che appare altrove in Giob.5:19 e Am.1:3-2:6.Di solito, sebbene non sempre, la seconda riga in un parallelismo di due righe è più della sempliceripetizione delle parole o del pensiero della prima. La seconda riga può ampliare la prima o completarla,definirla, enfatizzarla, essere più eloquente di essa o dilungarsi su essa, può esserne l’opposto,un’alternativa o una controparte. La natura breve e concisa delle massime porta i lettori a riflettere sulloro significato.Molti pensano che le grandi idee abbiano bisogno di molte parole, ma un’immagine vale più di milleparole, e così è il proverbio. La brevità è un segno di sapienza. È lo stolto che vuole dire tutto quello cheha in mente (12:23; 15:28). Il saggio economizza le parole, mentre lo stolto tira fuori tutto quello che hain mente. Quando ci sono molte parole la trasgressione è inevitabile (10:19; vedi anche 17:27; 18:2;21:23; 29:20). Ci sono molte ragioni perché è bene trattenersi nell’uso delle parole:1. La limitazione è necessaria per sentire quello che l’altro ha da dire (18:13,17).2. La limitazione è necessaria per permettere di far passare l’ira o una emozione forte (12:16; 15:1,2;17:27; 29:11).3. La limitazione dà tempo al saggio per considerare cosa dire e come dirlo (15:28).E quando viene dato un consiglio, segue di solito la ragione per cui lo si dovrebbe seguire. Lamassima con imperativo vuole stimolare all’azione. La massima con interrogativo vuole indurre allariflessione.Altre forme letterarie impiegate nei Proverbi sono:- l’Allegoria, un’immagine che ha un significato più profondo di quello che appare in superficie (peresempio, 5:12-23);- il Racconto didattico, una storia il cui scopo è quello di istruire (per esempio, 7:6-23). Questo libro èpuramente didattico.Molte delle massime proverbiali dovrebbero essere considerate come generalizzazioni; in altreparole, il libro dei Proverbi non è un libro di promesse, ma un libro di principi. Ciò che affermano è veroin linea generale, ma non sempre, perché saltuariamente si verificano delle eccezioni alla regola (peres. cfr. Prov.10:27 con Sal.73:12). I Proverbi, per esempio, affermano che quanti seguono icomandamenti di Dio avranno successo nella società (ma teniamo presente che si parla della nazioned’Israele). Ora, questo è vero in linea generale, ma non si tratta di una promessa incondizionata.Giobbe, e soprattutto la vita di Gesù, ci mostrano l’altra faccia della medaglia. Nessuno ha adempiuto lasapienza dei Proverbi perfettamente come Gesù. Eppure non è mai stato ricco ed è morto giovane.Mentre la sua vita ha sempre soddisfatto il Padre che è nei cieli, i suoi nemici l’hanno ucciso. Questosignifica che i Proverbi non sono veri? Niente affatto, significa che Proverbi è un libro di principi e non dipromesse. Non sempre lo stesso atteggiamento funziona in tutte le circostanze (26:4,5); spesso civuole flessibilità per prendere la decisione corretta nel momento corretto. Altre volte, invece, la cosa chesembra giusta è sbagliata (14:12; 16:25). Inoltre, se Dio automaticamente ricompensasse subito la virtù,gli uomini userebbero la pietà e la moralità solo per soddisfare i propri interessi. Invece Dio vuolesviluppare il carattere dei credenti, chiamando a volte a soffrire per la giustizia, se necessario.Dobbiamo leggere Proverbi considerando alcune cose:
  11. 11. 1. Libertà umana. Il libro dei Proverbi, letto in generale, rende chiaro che mentre possiamo dare ainostri figli il vantaggio di un buon insegnamento, non possiamo fare le loro scelte per loro. Possiamoesortare nostro figlio a resistere alle seduzioni dei peccatori (1:10), ma è lui quello che deve scegliere.Egli può scegliere di essere uno «schernitore» (13:1) o un pigro che «fa vergogna» ai suoi genitori(10:5). Il sano insegnamento ed il buon esempio dei genitori rende probabile che il figlio prenderà lastrada della sapienza, ma non è assolutamente certo. Alcuni hanno fatto la scelta sbagliata e preso lastrada della stoltezza. In questo caso il genitore ne soffre, ma non ne ha colpa. Proverbi mette l’enfasisul fatto che mentre i genitori non hanno l’ultima parola nelle vite dei loro figli, essi hanno però la primaparola. Mentre non c’è la certezza che una famiglia devota produrrà sempre figli e figlie devote, c’èl’assicurazione che il metodo di Dio di produrre una generazione devota è attraverso genitori devoti cheeducano i loro figli secondo le Scritture.2. Perdite a breve scadenza. Una decisione che piace a Dio può essere seguita da perdite a brevescadenza. Proverbi, per esempio, mette in guardia contro le bustarelle (17:23). Questa è una buonascelta (non dare o non prendere una bustarella), ma che causa un mancato reddito o un mancatovantaggio (15:16).3. La previdenza di Dio. Le benedizioni che vengono da Dio sono spesso terrene, fisiche e materiali.Ma, per ragioni note solo a Lui, tutti i piani dell’uomo, i suoi sforzi e la sua sapienza sono talvoltafrustrati (19:21). Dio ha un piano perfetto e questo piano è oltre il controllo umano. Mentre il Signorepermette la libertà umana e ci assicura che ci benedirà se facciamo la Sua volontà, Lui solo determinache forma avrà questa benedizione. Egli può dare la povertà materiale ad uno che fa la Sua volontà, edare una grande ricchezza ad una persona che non ha alcun timore di Dio. Riguardo a questapossibilità, Prov.28:6 dice: «È meglio il povero che cammina nella sua integrità, dell’uomo instabile chesegue vie tortuose, anche se ricco». La fede ci permette di aver fiducia in Dio, anche quando la Suavolontà non corrisponde ai nostri desideri o alle nostre aspettative. Per fede accettiamo il fatto che Dio èDio.4. Eternità. Quando i nostri sforzi sinceri per Dio non producono quella ricompensa dipinta nei Proverbi,abbiamo bisogno di guardare la vita dalla prospettiva dell’eternità. Sebbene il libro dei Proverbi non parlispecificatamente della vita dopo la morte, ci dà però dei segnali che c’è una vita che non vediamo nelpresente (11:7; 14:32). Sappiamo che Cristo, che ha adempiuto la sapienza dei Proverbi, è risuscitatodalla morte ed ora vive per l’eternità.CONTENUTOIl grande principio del libro viene posto proprio all’inizio: il timore dell’Eterno, da una parte, e,dall’altra, la stoltezza che disprezza la sapienza e l’istruzione.I Proverbi raccontano una storia. È la storia di un giovane che deve decidere quale scuolafrequenterà – la scuola della sapienza o quella della follia. I responsabili di entrambe le scuole vengonoa fare i loro appelli. La decisione è se temere Dio oppure resisterGli; ricercare la sapienza oppureseguire la strada della follia. Il padre saggio esorta il figlio a fare la scelta giusta. La sapienza porta vita,prosperità e onore; la follia porta la povertà, la vergogna e la morte. I Proverbi iniziano, quindi, con ilfiglio messo a confronto di una scelta tra due donne dai destini opposti. Dovrebbe essere ricordato,anche, che i Proverbi sono stati scritti da un re ad un principe, e il re istruisce coerentemente suo“figlio”. Quindi un principe deve stabilire se la Signora Sapienza o la Signora Follia sarà la suaprincipessa. Il giovane decide di iscriversi alla scuola della sapienza (1-9) e nei capp.10-28 studia e sidiploma in questa scuola. Quando si laurea, egli trova che sua moglie è una donna virtuosa, la qualerappresenta la Signora Sapienza dei capitoli precedenti. Suo marito, il principe, ora si siede alle porte
  12. 12. della città (31:23). Il primo principe, Adamo, ha scelto di seguire la parola di sua moglie sedotta dalserpente (2Cor.11:3); l’ultimo Adamo ha ascoltato accuratamente la parola del Padre ed è morto pervincere una Sposa senza macchia (2Cor.11:2).Prov.1:8 dice: «Ascolta figlio mio, l’ammaestramento di tuo padre e non trascurare l’insegnamento ditua madre»; la sapienza è qualcosa che può essere insegnata e quindi appresa. Ogni figlio ha unascelta da fare: sceglierà la sapienza o sarà uno stolto? Dipende da lui. La sapienza, a differenzadell’intelligenza, non è geneticamente determinata, ma può e deve essere acquistata.L’uomo è obbligato a decidere se egli sceglierà la via della sapienza confessando il suo peccato,lasciando le sue vie perverse e mettere la propria fiducia in Dio. I Proverbi insistono nel presentarcil’urgenza di venire a una decisione a tal riguardo. Ci sono solo due strade. Coloro che seguono lapropria natura continueranno il loro viaggio verso la distruzione; quelli che confessano il loro peccato edhanno fiducia in Dio riceveranno la vita, la pace e la comunione con Dio.In secondo luogo, quelli che hanno scelto la via della sapienza sono obbligati ad indicare la stradaagli altri. Il libro dei Proverbi c’insegna ad essere evangelistici. Dovremmo essere simili a Dio,avvertendo gli uomini del loro pericolo ed esortandoli a lasciare la follia della loro vita ed abbracciare lasapienza (11:30; 13:14; 24:11).Nel capitolo 1, la violenza viene indicata come l’infrazione di quegli obblighi che la volontà di Dio ciha imposto (v.16), ma la sapienza grida forte per far udire la sua voce (v.20) e proclama il giudizio cheverrà su quelli che disprezzano le sue vie (vv.24-27).Il capitolo 2 ci presenta il risultato della sottomissione del cuore alle parole di sapienza e delladiligente ricerca della conoscenza del timore dell’Eterno e della conoscenza di Dio stesso (v.5). Colui ilquale si dà a questo, sarà preservato: non solo non avrà parte con il malvagio (v.12), ma sarà liberatodalla donna adultera (v.16), vale a dire, dalla corruzione. Negli ultimi versetti viene dichiarato il giudiziosulla terra e la prosperità del giusto.Stabilito quest’ultimo principio (vv.1-10), il capitolo 3 dimostra che non sono né la saggezza né laprudenza umane che impartiscono la sapienza di cui si parla. Non è neanche l’ardente desiderio diprosperare e di essere felici che si manifesta nelle vie non dritte, ma è il timore dell’Eterno e lasottomissione alla Sua Parola che provvedono la soluzione per guidarci sani e salvi attraverso il mondoda Lui governato (v.19).Il capitolo 4 insiste sulla necessità di inseguire la sapienza a tutti i costi; è un sentiero di sicuraricompensa (v.9). Mette in guardia contro qualsiasi associazione che porterebbe sulla via sbagliata e, diconseguenza, alla rovina (v.14), aggiungendo che bisogna fare la guardia al cuore, alla bocca, agliocchi e ai piedi (vv.23-27).Nel capitolo 5 si ritorna, nei dettagli, alla corruzione del cuore, la quale porta all’uomo adabbandonare la moglie della gioventù per un’altra donna. Questo sentiero demoralizza l’uomo. Ma gliocchi dell’Eterno controllano sempre le vie dell’uomo (v.21).Nel capitolo 6 la sapienza non si rende garante per il suo prossimo (v.1). Non è né pigra né violentané falsa. La donna adultera deve essere evitata come se fosse fuoco (v.27); non c’è nessun modo perriparare l’adulterio.Il capitolo 7 mette chiaramente in evidenza che la casa dell’adultera è la via che porta alla morte.Frenare le proprie passioni, essere fermi nel resistere alle seduzioni, guardare sempre all’Eterno eascoltare le parole dei savi, questi sono i principi della vita consigliati in questo capitolo.
  13. 13. Il capitolo 8: in esso si osserva che la sapienza di Dio è attiva. Essa chiama forte; invita gli uomini(v.4). Ci sono tre principi che la distinguono:- la saggezza, o la giusta considerazione delle circostanze, invece di seguire il proprio volere- l’odio del male che sarà l’evidenza del timore dell’Eterno- il detestare l’arroganza e l’ipocrisia nell’uomo (vv.7,8)La sapienza viene presentata come degna di essere stimata e migliore dell’oro e dell’argento. Solocon la sapienza i re possono regnare e i principi decretare ciò che è giusto (v.15). Cristo è la sapienzadi Dio e l’oggetto del Suo eterno e supremo diletto. L’eterna sapienza di Dio è rivelata e spiegata in Lui.Non solo questo, ma se Cristo era l’oggetto della gioia del Padre, quale centro e pienezza dellasapienza (1Cor.1:24), gli uomini sono stati la gioia di Cristo, come pure la parte abitabile della terradell’Eterno (vv.30,31). Ma bisogna stare attenti a non fraintendere la «sapienza» come Dio dato cheessa è un attributo di Dio.Quando si pensa che in Cristo si unisce e si sviluppa ogni caratteristica della sapienza e delconsiglio di Dio, è sempre in relazione con gli uomini. Cristo è, dunque, l’oggetto della gioia di DioPadre. Cristo ha trovato sempre la sua gioia in Dio Padre e la sua gioia tra i figli degli uomini e nellaterra da essi abitata. Un sinonimo di sapienza è «luce» (Sal.43:3; Efes.5:8) e Gesù Cristo è «la lucedegli uomini» (Giov.1:4).La sapienza divina dev’essere qui una guida per colui che è sottomesso alla Sua direzione.Chiunque ascolta la Sua voce, trova la vita (vv.34,35).Ma nel capitolo 9 la sapienza ha fatto ancora di più: ha fabbricato una casa sua propria, sostenutadalla perfezione di una solidità ben regolata e coordinata (v.1). La tavola è apparecchiata ed è fornita dicarne e di vino (v.2) ed invita i privi di senno a venire e partecipare, mentre insegna loro la giusta via incui si trova la vita. Vengono di nuovo confrontate la sapienza e la follia; quest’ultima viene chiamata la«donna sciocca», precedentemente introdotta come la «donna straniera», con la quale nessun Israelitadoveva avere qualcosa a che fare – e certamente nessun re d’Israele doveva cercarla.Il capitolo 10 incomincia a dare i dettagli a quelli che ascoltano, e mette in guardia su come evitare ilacci nei quali i privi di senno possono cadere; indica il sentiero da seguire in molti casi e leconseguenze delle azioni degli uomini; insomma, tutto quello che caratterizza la sapienza, nei dettagli.Nell’ultimo capitolo viene descritto il carattere di un re secondo sapienza e quello di una donna incasa sua.Personificazione della sapienzaLa sapienza viene ripetutamente personificata come una donna che parla all’essere umanooffrendosi di istruirlo sulla via della saggezza (1:20-33; 8:1-36; 9:1-6). Lei è nelle strade, non è nascostain qualche monastero o in qualche edificio di chiesa; è invece fuori dove ognuno può vederla. Lei èdovunque è la gente. Nel cap.8 è personificata come compagno di Dio al momento della creazione delmondo (8:22-31). Questo implica, in ultima analisi, che la sapienza è Gesù Cristo, nel senso che nonpossiamo possedere la sapienza senza prima averlo accettato come Signore e Salvatore. Questo perònon deve essere inteso come una profezia di Cristo, dopo tutto la sapienza dei Proverbi è unapersonificazione al femminile.Per la personificazione della follia vedi 7:6-27; 9:13-18. Anchei profeti (Osea, Geremia, Ezechiele) hanno descritto l’infedeltàd’Israele al patto come una donna dietro ad altri pretendentidivini.Anche se in questo libro la sapienza prodotta dal timore dell’Eterno viene applicata solo a questomondo, ciò è molto importante per il credente, il quale, in vista dei suoi privilegi celesti, potrebbedimenticare il continuo governo di Dio. È importante per il cristiano ricordare il timore dell’Eterno e
  14. 14. l’effetto della presenza di Dio nei dettagli della sua condotta. Noi possiamo evitare il male, grazie allaconoscenza del bene. La sapienza di Dio ci dà la conoscenza del bene e il Suo governo provvede pertutto il resto; ed anche se non viene data una definizione della sapienza, è chiaro che per averlabisogna iniziare dal timor dell’Eterno.Temi nei Proverbi 10-31Sapienza e stoltezza 10:8,13,14,23; 12:1,15,16,23; 13:14-16,20; 14:1,3,7,8,15-18,24,33;15:5,7,14,20,21; 16:16,21-23; 17:10,12,16,24,28; 18:2,6,7,15; 19:25,29;21:22; 22:3; 23:9; 24:3-7,13,14; 26:1,3-12; 27:12,22; 28:26; 29:8,9,11Giusto e malvagio 10:3,6,7,11,20,21,24,25,27-32; 11:3-11,17-21,23,28,30,31; 12:2,3,5-7,10,12,13,21,26,28; 13:5,6,9,21,22,25; 14:9,11,14,19,32; 15:6,8,9,26,28,29;16:8,12,13; 17:13,15; 18:5; 20:7; 21:3,7,8,10,12,18,26,27; 24:15,16; 25:26;28:1,12,28; 29:2,6,7,16,27Potenza delle parole 10:18-21,31,32; 11:9,11-14; 12:6,14,17-19,22; 13:2,3; 14:5,25; 15:1,2,4,23;16:1,23,24,27,28; 17:4,7,27; 18:4,6,13,20,21; 19:5,9; 20:19; 21:6,23; 22:10;25:11,15,23,27; 26:20-28; 27:2; 28:23; 29:20Famiglia 10:1; 13:1,24; 17:21,25; 19:13,18,27; 20:11; 22:6,15; 23:13-16,19-28;28:7,24; 29:15,17; 30:11,17Lavoro e pigrizia 10:4,5,26; 12:11,24,27; 13:4; 14:23; 15:19; 18:9; 19:15,24; 20:4,13; 21:25;22:13; 24:30-34; 26:13-16; 28:19Ricchezza e povertà 10:15; 11:4,24,25; 13:7,8,11; 14:20,21,31; 18:11,23; 19:4,7,17; 21:13,17;22:1,2,7,16,22,23; 23:4,5; 28:3,6,11,20,22; 30:8,9SCHEMAA prima vista sembra che il Libro dei proverbi sia una raccolta casuale di detti indipendenti. Maun’analisi più approfondita rivela delle strutture. I primi nove capitoli incoraggiano ripetutamente il “figlio”a ricercare la “sapienza del Signore” ed evitare le trappole della vita, in particolar modo la donnaadultera. I capitoli da 10 a 30 mettono molta enfasi sui temi base, quali l’umiltà contro l’orgoglio,l’integrità contro l’inganno, il lavoro onesto contro il guadagno disonesto, la bontà di cuore contro lamalvagità, la prudenza contro l’avventatezza, la verità contro la calunnia. Il capitolo 31 riassumeProverbi con la metafora della donna virtuosa. I versi finali mostrano la saggezza personificata comeuna donna saggia che rende onore a Dio.
  15. 15. ScopoetemaProverbidiSalomone(l’istruzionediunpadre)ProverbidiSalomoneProverbidiSalomone(paroledeisaggi)ProverbidiSalomone(trascrittidagliuominidiEzechia)ProverbidiSalomone(Agur)ParoledelreAlfabetodellasapienza(ritrattodelladonnaperfetta)1:1-7 1:8-9:18 10:1-22:16 22:17-24:34 25-29 30 31:1-9 31:10-31Prologo Massime EpilogoSapienza lodata Sapienza applicataSapienza personificata Sapienza principalizzata Sapienza praticataPer il giovane Per tuttiSalomoneI. Proverbi di Salomone (1-9)1. Titolo e scopo del libro 1:1-6. L’oggetto di questo libro è pratico, mira a dare sapienza a scopo diedificazione morale (vv.3-5) e condurre alla verità intellettuale (v.6).2. Quindici lezioni sulla sapienza 1:7-9:18.- 1:7-19 Cupidigia- 1:20-33 Saggezza- 2:1-22 Saggezza- 3:1-18 Legge- 3:19-26 Saggezza- 3:27-35 Esortazioni- 4:1-5:6 Istruzioni- 5:7-23 Sesso- 6:1-5 Finanze- 6:6-11 Pigrizia- 6:12-19 Malvagità- 6:20-35 Adulterio- 7:1-27 Fornicazione- 8:1-36 Saggezza- 9:1-18 SaggezzaII. Proverbi di Salomone (10:1-22:16)Si tratta di una serie di 375 piccole massime. Non sono raggruppate secondo un ordine apparente,ad eccezione di qualche sezione che contiene una serie di proverbi riuniti da caratteristiche comuni. Ingenere tendono a stare da sole senza relazione con i versi che precedono o seguono. Tutti questiproverbi sono dei distici nei quali predomina il parallelismo antitetico per enfatizzare il contrasto tra folliae sapienza, anche se non ve ne mancano alcuni che sono dei sinonimi (cfr. 11:7,25,30; 12:14,28;
  16. 16. 14:19). Ve ne sono pochi che presentano un parallelismo sintetico, specialmente quelli che hanno lacomparazione «meglio…che» (così ad esempio, 12:9; 15:16; 15:8,19; ecc.) o la frase ’ap kî«tanto più» (11:31; 15:11; 17:7; 19:7; ecc.). Le due vie antitetiche di vita sono ovvie. Uno deve sceglierela via della sapienza o quella della follia, le quali hanno distinte e diverse qualità morali. La via dellasapienza è quella della giustizia (e riceve ricompensa), la via della follia è quella della malvagità (ericeve distruzione). Il cap.16 sviluppa il tema: l’uomo propone ma Dio dispone.Alcuni detti si verificano più di una volta (per esempio, 14:12 = 16:25).III. «La mia conoscenza» (22:17-24:22)Questa sezione di trenta aforismi include tutti i tipi di māšāl: distici (22:18; 23:9; 24:7-10); tetrastici(22:22s,24s,26s; 23:10s; 23:15,17; 24:1s,3s; ecc.); pentastici (23:4ss; 24:12ss) e esastici (23:1-3,12-14,19-21,26-28; 24:11ss).IV. «Anche queste sono per i saggi» (24:23-34)Questa sezione contiene un esastico (24:23b-25), un distico (24:26), un tristico (24:27), un tetrastico(24:28ss) e una ode mashalica sopra il pigro (24:30-34).V. Proverbi di Salomone raccolti dagli uomini di Ezechia (25-29)Nei capitoli 25-27 il tipo prevalente del parallelismo non è quello antitetico, ma piuttosto quelloparabolico («come… così», 26:1) o emblematico (nel quale si omettono le particelle «come… così» cfr.25:4ss). Il parallelismo antitetico è più frequente nei capitoli 28 e 29, ma vi sono pure parecchi esempidi tipo comparativo o figurativo. Il parallelismo è a due, tre, quattro o cinque membri. È degno di notache molti proverbi o sezioni di proverbi sono ripetuti dalla sezione III. Alcuni sono perfettamente identici(25:24 = 21:9; 26:22 = 18:8; 27:12 = 22:3; ecc.), altri sono identici nel senso ma cambiati un poco nellafraseologia (26:13 = 22:13; 26:15 = 19:24; 28:6 = 19:1; ecc.).VI. «Temi queste mie parole» (30:1-14)Inizia con una esaltazione della parola di Dio (vv.1-6), a cui segue delle massime brevi e concise.VII. Massime numeriche (30:15-33)L’aspetto caratteristico di questa sezione è il suo uso di proverbi numerici – detti sapienziali cheraggruppano un numero di cose insieme. Ha un insolito numero di middàh (middàh significa «misura» o«numero assegnato») come nei vv.15-17 «Ci sono tre cose che non si saziano mai, anzi quattro…». Isoggetti dei detti sono vari, ma resta sempre il contrasto tra sapienza e follia.VIII. «Parole del…re» (31:1-9)L’obiettivo è l’avvertimento contro i mali delle donne immorali e dell’ubriachezza. Include anche unaesortazione ad essere imparziali nei giudizi.IX. La donna perfetta (31:10-31)Questa sezione esalta una moglie virtuosa. Descrive la donna ideale e mostra i vantaggi nella sceltadi una tale moglie. È un poema acrostico (alfabetico), di cui ciascuno dei 22 versi comincia con unadelle lettere dell’alfabeto ebraico.Oltre al suddetto schema, si può dividere il libro anche nella seguente struttura:A. L’uomo saggio (1:2-6)B. Proverbi PER Salomone (1:7-9:18) (sec. pers.sing.)C. Proverbi DI Salomone (10:1-19:19) (terza persona)D. Proverbi PER Salomone (19:20-24:34) (sec. pers. sing.)C. Proverbi DI Salomone (25:1-26:28) (terza persona)D. Proverbi PER Salomone (27:1-29:27) (sec. persona)
  17. 17. B. “Parole” PER Salomone (30:-31:9)A. La donna forte e virtuosa (31:10-31)SCOPOIl libro dei Proverbi è destinato ad essere per la nostra vita pratica ciò che il libro dei Salmi è per lanostra vita di comunione spirituale, e dimostra che la Bibbia non disdegna la vita ordinaria. Essi sonoricchi di saggezza pratica per tutte le età, ma, in modo speciale, dovrebbero essere insegnati ai giovani.Abbiamo visto che l’autore di questo libro è Salomone. Questo ci guida verso la ragione per cui èstato dato questo libro. Il regno d’Israele era al suo punto più alto di gloria. La gloria del mondo eraIsraele e la gloria d’Israele era Gerusalemme e la gloria di Gerusalemme era il Tempio che Salomoneaveva costruito. Era una delle cose più belle del mondo antico. I giorni di Salomone erano giorni dipace. Suo padre, Davide, aveva stabilito un regno e ora gli ambasciatori d’Africa, d’Egitto e di Tirovenivano in Israele ad ammirare questo regno. Tuttavia, c’erano già dei segni di rottura. Non eraimmediatamente evidente, ma l’unità della nazione veniva già minacciata. Alla morte di Salomone, letribù settentrionali si sarebbero separate. I re e i sacerdoti che sono venuti dopo Salomone si sarebberocorrotti. È in questa situazione che Dio ha dato un libro che ci dice come vivere in maniera giusta in unmondo empio. Questo ci porta allo scopo dei libro dei Proverbi, che è quello di insegnare i principi dellasapienza, ovvero aiutare i lettori a vivere saggiamente ed in modo accorto e ad ordinare la vita nelmodo giusto (1:2-7), ovvero:A. Conoscere la sapienza e l’istruzione (1:2).B. Ricevere insegnamento sulla saggezza, la giustizia, il giudizio e l’equità (1:3).C. Dare accortezza ai semplici, conoscenza e riflessione al giovane (1:4).D. Aumentare il sapere e acquistare esperienza nella comprensione (1:5).E. Capire i proverbi, gli enigmi, i detti saggi e le parabole (1:6).F. Apprendere il timore dell’Eterno (1:7). Questa affermazione viene fatta immediatamente dopo ladichiarazione di scopo e serve come culmine della dichiarazione stessa.Prendiamo nota di tutte le parole che fanno riferimento all’istruzione: conoscere, intendere, ricevereammaestramento, dare accorgimento, comprendere. Questa introduzione è particolarmente utile perchéci dà molti termini che sono parzialmente sinonimi di sapienza, permettendoci così di dare un significatoconcreto a questa parola. I termini impiegati ci informano sin dall’inizio che non è una sequenza di veritàche ci verrà trasmessa, ma la capacità di distinguere ed applicare la verità. Il concetto di sapienza èassociato a quello di disciplina, istruzione, comprensione, perspicacia, conoscenza, esperienza, ecc. Loscopo è quello dunque di comunicarci la sapienza e l’istruzione; di farci apprendere la conoscenza e diimpartirci lezioni sulla saggezza divina, affinché impariamo a camminare con Dio e in mezzo agli uominicon giustizia, con giudizio ed equità.Le istruzioni date in questo libro sono molto chiare e raggiungeranno il loro scopo soprattutto in quelliche sono pronti a riconoscere la propria ignoranza e la necessità di essere ammaestrati. E quelli chericevono questi insegnamenti, saranno resi savi per conoscere il peccato che devono evitare, perconoscere i doveri che devono compiere e per sfuggire alle astuzie del tentatore, perché la sapienzadistingue la verità dall’errore, il bene dal male e il meglio dal buono. I Proverbi presentano la via perconservarsi moralmente integri, per evitare le insidie della vita e per riuscire in essa, attenendosi allasapienza ed evitando la follia. Essi correggono i falsi modi di concepire e affrontare la realtà; stimolanoalla riflessione, al discernimento ed al giusto giudizio col risultato di orientarsi nella vita con saggezza. IProverbi ci presentano il modo di pensare di Dio per la vita pratica.I Proverbi venivano impiegati da genitori ed insegnanti per trasmettere sapienza in una maniera chefaceva dell’apprendimento una sfida. Lo scopo nell’usare un proverbio era quello di aiutare a far
  18. 18. acquisire abilità mentali che favorissero una vita saggia. Sia il contenuto che la struttura delle massimecontribuivano allo sviluppo degli ascoltatori. Il progredire era una sfida e il risultato un premio.Molte antiche culture del Vicino Oriente avevano scritti sapienziali, ma la saggezza cui incoraggiano iProverbi contiene un elemento che non si trova in quelle opere. La saggezza dei Proverbi comprende sìintelligenza pratica e acume mentale, ma anche un modo di vivere morale e retto che deriva da ungiusto rapporto con Dio. L’affermazione «Il timore dell’Eterno è il principio della sapienza» (9:10) rendeunico il concetto ebraico di saggezza (cfr. 14:16, «L’uomo saggio teme e si allontana dal male». Vediinoltre 1:7; 15:33; Giob.28:28; Sal.111:10). Per essere saggio in senso biblico si deve iniziare con unadeguato rapporto con Dio. Temere il Signore significa rispettarlo per Colui che Egli è e rispondergli confiducia, adorazione, ubbidienza e servizio. Se non si onora Dio né si osserva la Sua parola, non si potràmai ottenere la saggezza così come la definivano i saggi ebraici.Uno scopo particolare dei Proverbi è quello d’istruire il giovane inesperto (1:4); ma anche quelli chedesiderano avanzare nell’insegnamento della sapienza (1:5,6). Tre sono i temi essenziali del libro:(a) Le due vie antitetiche di vita(b) La retribuzione divina(c) Fiducia nel SignoreSe i giovani ordinassero il loro cammino secondo i Proverbi di Salomone, acquisterebbero prestoconoscenza e saggezza. L’uomo savio ascolterà sempre e sarà sempre uno scolaro; egli, perciò,accrescerà la propria ricchezza spirituale per mezzo di ciascuna massima di questo libro. Nessunopossiede una conoscenza tale da non permettere che la si incrementi tramite l’apprendimento di questiproverbi. Lo scopo del libro dei Proverbi, quindi, è sviluppare nelle persone, specialmente nei giovani,un saggio, accorto approccio alla vita che inizia nel trovarsi nel giusto rapporto con il Signore. I Proverbidi Salomone non sono una mera raccolta dei detti saggi che sono stati pronunciati nel passato, masono i dettami dello Spirito di Dio in Salomone. Così, benché Salomone fosse grande e il suo nomepotesse bastare a raccomandare i suoi scritti, ecco, qui c’è qualcuno più grande di Salomone: è Dio,attraverso Salomone, a parlarci; sì, parla a noi, perché questi proverbi furono scritti per il nostroammaestramento. L’espressione frequentemente usata «figlio mio», indica la relazione di un padreverso il figlio, ma per estensione quella di un insegnante verso i suoi alunni, e così egli parla anche anoi e ai nostri figli (Ebr.12:5). [La parola “padre” è utilizzata per maestro in 2Re 2:12; 6:21; 13:14;Giud.17:10; 18:19. La parola “figlio” è utilizzata per alunno in 1Sam.3:6,16]. Le parole «figlio mio»ricorrono ventitré volte. «Figli» ricorre quattro volte.Il figlio stesso di Salomone, Roboamo, fu stolto e non prestò molta attenzione alle pagine disaggezza scritte da suo padre. Nella nostra epoca in cui i livelli morali sono così scaduti, ogni giovanedovrebbe conoscere quale sia la fine inevitabile della vita immorale, delineata con tanta chiarezza inquesto libro. Felici sono quei giovani che conoscono le Scritture e a cui i genitori hanno insegnato queiprincipi morali assoluti richiesti da Dio. Ricordiamo che l’obiettivo più grande della vita non è esserefelici, ma essere santiVocaboli esprimenti la sapienza nei ProverbiIl Dizionario Garzanti della Lingua Italiana così definisce la sapienza: «il più perfetto grado diconoscenza delle cose più elevate, umane e divine; più com., l’essere sapiente, cioè il possedere moltadottrina, profondo sapere». La Bibbia ci dà un’immagine diversa di sapienza. Tre sono i vocaboli usatiattraverso tutto il libro per indicare la sapienza: ḥokmāh, bînàh e tûšiyyàh.1. Il principale e più frequente è ḥokmāh comunemente tradotto con «sapienza». Essoricorre 45 volte nei Proverbi. Nell’A.T. il vocabolo non appartiene tanto al regno della conoscenzateorica, quanto piuttosto al modo con cui ottenere i principali risultati della vita. Lo troviamo per la primavolta in Es.28:3 in relazione all’abilità di artigiani, di artisti, ecc. ed è quindi questo versetto, secondouna regola d’interpretazione ebraica, che ci dà la chiave per comprendere la parola. Betsaleel, peresempio, il cui compito era quello di lavorare la pietra e i metalli preziosi per il tabernacolo, è statoriempito di «sapienza» (Es. 35:31) per svolgere questo lavoro. La stessa cosa vale per Oholiab(Es.35:34,35). Costoro e altri lavoratori, capaci, esperti ed efficienti nelle loro competenze, erano
  19. 19. dunque «sapienti», capaci di trattare le cose secolari, avendo il talento di compiere i propri affari e ditrattare bene con gli altri ed essere abili a dedicarsi a ciò che si deve compiere. In altre parole, lasapienza è l’arte di vivere la vita.Analogamente questa specie di «sapienza» include un giusto discernimento tra il bene e il male, trala virtù e il vizio, tra il dovere e l’indulgenza personale. Il termine connota dunque quella saggezza cheporta al successo o alla prosperità sia nella sfera materiale che in quella spirituale. Nell’ambito spiritualeuna persona che possiede hokmāh riguardo a Dio è qualcuno capace ed esperto nel seguire la viadivina. Così, essere saggio, nella letteratura biblica sapienziale, significa possedere la capacità di viverepiamente. Avere la saggezza di Dio vuol dire avere l’abilità di vivere la vita in modo da onorare Dio.L’ordine costituito da Dio ha le sue leggi naturali e morali che governano il creato e l’esistenza. Ilcorrispondente di ḥokmāh nel Nuovo Testamento è «Sophia», che indica saggezza, intelligenza,esperienza, applicazione giusta della conoscenza, ecc.Questo tipo di saggezza è stato attribuito a Davide in 1Sam.18:14. Il Messia avrebbe avuto questotipo di saggezza (Ger.23:5; Luca 2:52).2. Bînàh «intelligenza» o «intendimento» include l’abilità nel discernere intelligentemente ladifferenza tra la finzione e la realtà, tra la verità e l’errore, tra le speciose attrattive del momento e iduraturi valori che conducono al successo la propria vita. L’idea fondamentale di questo vocabolo sirinviene nella preposizione che vi è connessa, vale a dire bêyn che significa «tra»; perciò esso includesempre un fattore analitico di giudizio e l’abilità nel distinguere tra ciò che è valido e ciò che non èvalido.3. Tûšiyyàh o «sapienza efficiente». Questo vocabolo presenta la sapienza come l’intuizione di unaverità spirituale o psicologica. Esso mette a fuoco l’abilità della mente umana nell’alzarsi dalle bassezzee afferrare un po’ di realtà divina per così dire, anziché presentare la sapienza come una rivelazioneprofetica che scende dal cielo. Esso mette in rilievo l’attività della mente mediante la quale il credentesa dedurre da ciò che Dio ha rivelato il modo con cui i principi divini vanno applicati nelle quotidianesituazioni della vita (cfr. 3:21; 8:14; 18:1).Si dovrebbe notare che il tipo caratteristico del proverbio in questo libro sta nella bilanciata antitesiche in modo incisivo mette in contrasto il saggio e lo stolto, il buono e l’empio, il valore vero e quellofalso, in modo da mettere in rilievo i due lati della verità opponendoli tra di loro e così svolgere unafunzione incisivamente didattica. Il libro mette costantemente in antagonismo l’obbedienza contro laribellione, la laboriosità contro la pigrizia, la prudenza contro la presunzione e via dicendo. Questerealtà sono presentate in modo da mostrare la necessità di una scelta ben precisa, senza lasciare allettore la possibilità di uno stolto compromesso o di una indecisione.È importante distinguere tra sapienza ed intelligenza. Molti che sono intellettualmente “brillanti” sonobiblicamente stolti. Molti che sono considerati avere un basso livello d’intelligenza, non sono, per questosolo fatto, esclusi dalla possibilità di essere biblicamente sapienti. Dio vuole che il Suo popolo rifletta laSua saggezza e la applichi ad ogni aspetto della vita, non solo a quello spirituale. Questa saggezza la siacquisisce con lo studio della parola di Dio, a differenza della saggezza della filosofia greca, la qualerisiedeva in una intelligenza congenita e non era necessariamente il frutto dell’apprendimento. Lapersona che apprende la saggezza di Dio sa come parlare e come comportarsi nella vita.La sapienza è dono di Dio (Prov.2:6) ed è promossa da una ricerca costante della verità divina.Sebbene essa venga offerta liberamente a tutti, richiede un rifiuto fermo del male (8:13), un volgersiverso Dio con fede e riverenza perché il principio della sapienza è il timor dell’Eterno (9:10) edun’ubbidienza continua ai Suoi precetti. Il più sapiente uomo del mondo non può avere, quindi,nemmeno i primi rudimenti della vera sapienza, poiché il primo atto è temere l’Eterno, prendere ilproprio posto davanti a Dio. Tutti quelli che rifiutano di prendere questo posto sono degli stolti (1:7);esso è dunque il primo gradino della conoscenza. Noi dobbiamo imparare ad odiare le cose che Dioodia (8:13), giudicarle nei nostri cuori e toglierle dalla nostra vita. Il «timore dell’Eterno» costituiscel’essenza di ogni vera sapienza umana, il suo punto di partenza e l’obiettivo più importante della vita(3:13-15).
  20. 20. C’è una notevole differenza tra la conoscenza e la sapienza. La conoscenza può gonfiarci, ma lasapienza no. La conoscenza è la comprensione della verità, ma la sapienza è la capacità di metterla inpratica ogni momento della nostra vita, nelle nostre scelte, nelle risposte che diamo, nelle cose chediciamo, nelle decisioni che prendiamo.La sapienza viene presentata come un attributo che mette in grado chi la possiede di riuscire benenella vita evitando nel contempo le trappole e i lacci che affliggono lo sciocco e l’ignorante. Dio desideraun popolo santo che viva in discernimento e benessere, perseguendo un comportamento etico e moralecome testimonianza costante di un rapporto spirituale di riverenza e di ubbidienza. Sotto la guida dellasapienza, il saggio seguirà un modello di vita onesto e altruista che sarà onorato da Dio. Suaricompensa primaria sarà un senso di sicurezza nel Signore (29:25) e, quando il credente investiga leprofondità della sapienza di Dio, avrà un aumento della conoscenza di Dio (cfr. 2:5), ed applicherà iSuoi insegnamenti alla vita pratica e sociale. Il saggio è sempre umilmente disposto ad imparare;soltanto gli sciocchi e i presuntuosi pensano di non aver bisogno di istruzione.La sapienza è in contrasto con la stoltezza (7:4; 9:6; 12:16; 13:16,20; 14:9,16; 15:14,28; 16:21;17:12; 26:4,7,11,12; 27:12; 29:20; 31:6).Oggi viviamo in un’epoca che ha visto un’esplosione di conoscenza, specialmente nel campo dellatecnologia; ma mentre la conoscenza è cresciuta rapidamente, la saggezza sta diventando sempre piùrara. Le implicazioni di questa tendenza sono spaventose. L’uomo ha la capacità di raggiungere la lunae separare l’atomo, ma senza sapienza utilizzerà spesso la conoscenza per scopi malvagi.SOGGETTOIl soggetto principale del libro è: «Il timore del Signore, che è il principio della scienza». Esso mette afuoco il carattere e la condotta dell’uomo. Le osservazioni e le ammonizioni sulla vita contenute nel librosono rivolte all’individuo, non al popolo d’Israele come tale. Come già affermato, il libro dei Proverbisottolinea l’importanza di vivere saggiamente. Ciò è sinonimo di una vita pia, giacché chi è pio o giustoè saggio agli occhi di Dio. Al contrario, una persona empia o ingiusta è stolta. Nei Proverbi si faripetutamente riferimento alle caratteristiche e alle conseguenze di questi due diversi modi di vivere,riassunte nel Sal.1:6: «Poiché l’Eterno conosce la via dei giusti, ma la via degli empi porta alla rovina».Il timore dell’Eterno è il principio della conoscenza; ma gli stolti disprezzano la sapienza el’ammaestramento (1:7; 9:10). La tesi è chiara: quelli che temono Dio e vivono secondo i Suoi principipossono essere sicuri della Sua approvazione e della Sua benedizione. Prov.1:7 è il postulato di basedel libro; condiziona tutto quello che segue, poiché il comportamento personale è basato sul timore diDio. Ma cos’è il timore dell’Eterno? La parola ebraica per «timore» è , yir’at. Viene usata inEs.20:20 per descrivere la paura che aveva Israele per la manifestazione di Dio sul Sinai. Non è quindisemplicemente rispetto o riverenza, ma è la realizzazione che Dio è molto più grande di noi e che Eglipuò fare quello che vuole. Presuppone rispetto verso l’autorità di Dio. Significa credere che quello chedice è vero e di conseguenza tutto ciò che Dio dice è un ordine per la nostra vita. Dobbiamo esseresempre consapevoli chi è Dio e che Egli tiene le persone responsabili delle loro azioni. Se siamo statialla presenza di Dio senza temerLo, allora non siamo stati alla presenza di Dio. Sapere che Dio tieneconto del nostro comportamento, è uno straordinario incentivo ad agire saggiamente e correttamente. Ilmondo nega la parola di Dio; nega la Sua autorità; non c’è da meravigliarsi che il mondo non ha lasapienza di Dio. Il mondo va alla ricerca di risposte, ma non le trova perché non ha raggiunto neanchela porta iniziale. La porta iniziale è il timore dell’Eterno. Questo è un concetto che caratterizza ancheGiobbe (Giob.28:28) e i Salmi (Sal.111:10).
  21. 21. IL «TIMOR DI DIO» NELLA BIBBIATimor di DioGenesi 20:11 Abrahamo rispose: «Lho fatto, perché dicevo fra me: "Certo, in questo luogo non cè timore diDIO; e mi uccideranno a causa di mia moglie».2Samuele 23:3 Il DIO dIsraele ha parlato, la Rocca dIsraele mi ha detto: "Colui che regna sugli uomini congiustizia, colui che regna col timore di DIO2Cronache 20:29 Il terrore di DIO cadde su tutti i regni degli altri paesi, quando vennero a sapere che lEternoaveva combattuto contro i nemici dIsraele.Nehemia 5:15 Invece i passati governatori che mi avevano preceduto avevano gravato il popolo prendendo daesso pane e vino, oltre a quaranta sicli dargento. Perfino i loro servi spadroneggiavano sul popolo; ma io non hofatto così, perché ho avuto timore di DIO.Salmi 36:1 Il peccato dellempio dice al mio cuore: «Non cè alcun timore di DIO davanti ai suoi occhiLuca 18:4 Per un certo tempo egli si rifiutò di farlo, ma poi disse fra sé: "Anche se non temo Dio e non horispetto per alcun uomoRomani 3:18 non cè il timore di Dio davanti ai loro occhi».2Corinzi 7:1 Avendo dunque queste promesse, carissimi, purifichiamoci da ogni contaminazione di carne e dispirito. compiendo la nostra santificazione nel timore di Dio.Timor dell’Eterno2Cronache 14:14 Poi attaccarono tutte le città intorno a Gherar, perché il terrore dellEterno era caduto su diesse, e saccheggiarono tutte le città, nelle quali cera molto bottino.2Cronache 17:10 Il terrore dellEterno cadde su tutti i regni dei paesi che erano intorno a Giuda, e così essi nonmossero guerra a Giosafat.2Cronache 19:7 Perciò ora il timore dellEterno sia su di voi. Fate attenzione a ciò che fate, perché nellEterno, ilnostro DIO, non cè alcuna ingiustizia, né parzialità, né accettazione di doni».2Cronache 19:9 Egli comandò loro dicendo: «Voi agirete nel timore dellEterno, con fedeltà e con cuore integro.Giobbe 28:28 E disse alluomo: "Ecco, temere il Signore, questo è sapienza, e fuggire il male è intelligenza"».Salmi 19:9 Il timore dellEterno è puro, rimane in eterno; i giudizi dellEterno sono verità, tutti quanti sono giusti;Salmi 34:11 Venite, figlioli, ascoltatemi; io vi insegnerò il timore dellEterno.Salmi 111:10 Il timore dellEterno è il principio della sapienza, hanno grande sapienza quelli che mettono inpratica i suoi comandamenti; la sua lode dura in eterno.Proverbi 1:7 Il timore dellEterno è il principio della conoscenza, ma gli stolti disprezzano la sapienza elammaestramento.Proverbi 1:29 Poiché hanno odiato la conoscenza e non hanno scelto il timore dellEterno,Proverbi 2:5 allora intenderai il timore dellEterno, e troverai la conoscenza di DIO.Proverbi 8:13 Il timore dellEterno è odiare il male; io odio la superbia, larroganza, la via malvagia e la boccaperversa.Proverbi 9:10 Il timore dellEterno è il principio della sapienza, e la conoscenza del Santo è lintelligenza.Proverbi 10:27 Il timore dellEterno prolunga i giorni, ma gli anni degli empi saranno accorciati.Proverbi 14:26 Nel timore dellEterno cè una grande sicurezza, e i suoi figli avranno un luogo di rifugio.Proverbi 14:27 Il timore dellEterno è una fonte di vita che fa evitare i lacci della morte.Proverbi 15:16 Meglio poco con il timore dellEterno, che un gran tesoro con preoccupazioni.Proverbi 15:33 Il timore dellEterno è un ammaestramento di sapienza, e prima della gloria cè lumiltàProverbi 16:6 Con la bontà e la verità liniquità si espia, e con il timore dellEterno uno si allontana dal male.Proverbi 19:23 Il timore dellEterno conduce alla vita; chi lo possiede dimorerà sazio e non sarà colpito da alcunmale.Proverbi 22:4 Il premio dellumiltà è il timore dellEterno, la ricchezza, la gloria e la vita.Proverbi 23:17 Il tuo cuore non porti invidia ai peccatori, ma continui sempre nel timore dellEterno;Isaia 11:2 Lo Spirito dellEterno riposerà su lui: spirito di sapienza e dintelligenza, spirito di consiglio e dipotenza, spirito di conoscenza e di timore dellEterno.Isaia 11:3 Il suo diletto sarà nel timore dellEterno, non giudicherà secondo le apparenze, non darà sentenze persentito di re,Isaia 33:6 e sarà la sicurezza dei tuoi giorni, la forza della salvezza, sapienza e conoscenza; il timore dellEterno
  22. 22. sarà il suo tesoro.Atti 9:31 Così le chiese in tutta la Giudea, la Galilea e la Samaria avevano pace ed erano edificate. E,camminando nel timore del Signore e nella consolazione dello Spirito Santo, moltiplicavano.2Corinzi 5:11 Conoscendo dunque il timore del Signore, persuadiamo gli uomini, e siamo conosciuti da Dio, orio spero di essere conosciuto anche dalle vostre coscienze.Nel libro dei Proverbi l’espressione «timore dell’Eterno» compare 14 volte (2x7).«L’Eterno odia…gli occhi alteri» (6:16,17)Il libro dei Proverbi ci dice che Dio si adira quando un uomo guarda dall’alto in basso un altro uomo.Le Sue emozioni sono risvegliate quando ci comportiamo come se fossimo al centro dell’universo,quando pensiamo di esistere solo per il nostro piacere o quando diamo sfogo ai nostri istinti naturaliinvece di fare qualche sacrificio per adoperarci a ricercare la sapienza e la conoscenza di Dio (3:5-7;8:13; 11:2; 13:10; 16:5,18,19; 21:2,4; 29:23; 30:12,13). I Proverbi ci mostrano perché Dio odia unatteggiamento orgoglioso. L’orgoglio fa si che la persona sia una sciocca; la illude, creandogli uneccessivo senso della propria importanza o capacità. L’orgoglio conduce al disaccordo con Dio e rifletteuna riluttanza ad aver fiducia in Lui. L’orgoglio rimuove alla base il rapporto con Dio (Giac.4:6) econduce all’imbarazzo personale ed alla distruzione di ogni buon sentimento.Al contrario, gli occhi umili portano a rispettare il prossimo. L’umiltà ci fa compensare la nostratendenza verso l’illusione con il cercare la sapienza di Dio e il consiglio di altri. L’umiltà è pratica.Fornisce una base per il rapporto con Dio il quale è in grado di aiutarci e preservarci da ogni disonore.ASPETTO DIVINO ASPETTO UMANODio osserva il modo in cui guardiamo gli altri Siamo portati a dare una importanza esagerataalle cose ed agli interessi personali e ad avereuna scarsa consapevolezza delle necessità deglialtriNell’elenco delle cose che Dio odia, la prima èl’orgoglioA causa della nostra tendenza verso l’orgoglio,abbiamo bisogno della croce, dello Spirito edell’esempio di Cristo.Dio apprezza l’umiltà perché sa dove ci conducel’orgoglio, e perché sa che l’umiltà ci fa avere unbuon rapporto con Lui, con gli altri e con noi stessiQuello che Dio intende per umiltà è visto dalmodo in cui Cristo ha servito il Padre e i Suoidiscepoli«L’Eterno odia…la lingua bugiarda» (6:16,17)Il libro dei Proverbi ci dice che il contrario della verità non è l’errore, ma il male. Le labbrabugiarde danno delle informazioni sbagliate, ed esprimono l’oscurità che segna il percorso che conducea Dio. Per una bugia di seduzione, i pedofili convincono i bambini ad aver fiducia in loro. Per un ingannosi rovina una società e si possono perdere i risparmi di una vita, con il rischio di arrivare a pensare chelo scopo più alto della vita sia quello di vivere per sé stessi. Per inganno, il “padre delle menzogne”allontana la gente dal proprio Creatore e le accompagna alla perdizione eterna. Per tali ragioni abbiamoproverbi come: 8:7; 10:18; 11:1,3; 12:19; 12:22; 19:1; 23:23I Proverbi ci ricordano che Dio odia l’inganno, il quale è la base del tradimento. Il tradimentodistrugge la fiducia, e senza fiducia e verità non c’è alcuno spazio per i rapporti affettuosi. La verità è il
  23. 23. fondamento di tutte le buone cose, del buon governo e della buona scienza. La verità è la base deimatrimoni fedeli, delle amicizie durevoli e di un rapporto personale con Dio. Le bugie sono la tatticainfernale del demonio. Sono sorgenti di oscurità piuttosto che di luce, di dispiacere piuttosto che digioia. Le bugie danno onore per un momento, ma assicurano anche che l’onore si trasformerà benpresto in vergogna.ASPETTO DIVINO ASPETTO UMANOLe emozioni di Dio sono risvegliate quandoneghiamo la verità per coprire il nostro peccatoSiamo tentati a mentire a causa dell’imbarazzoprovocato dal peccato che è dentro di noiDio sta con quelli che sono disposti a dire la veritàanche a costo di una propria perditaQuando mentiamo, scegliamo di avere fiducianella nostra capacità di proteggerci piuttosto chenella capacità di Dio di perdonarci e benedirciL’esempio supremo di amore per la verità lovediamo chiaramente in Cristo, che ha scelto diavere fiducia nel Padre anche a prezzo dellamorte, piuttosto che dire una sola parola nonveritieraA motivo delle nostre menzogne, abbiamodisperatamente bisogno del pagamento di Cristoper il nostro peccato, nonché del suo Spirito perriempirci di grazia e di verità«L’Eterno odia…le mani che versano sangue innocente» (6:16,17)Le emozioni di Dio sono risvegliate quando un uomo mangia il pane della violenza invece del fruttodel suo lavoro. Molti proverbi ci mostrano quello che Dio prova nei confronti di chi «versa sangueinnocente» per ottenere ciò che vuole. Dio si adira quando vede delle mani che sono state fatte peraiutare gli altri, utilizzate invece per derubare, defraudare e assassinare.«Le mani che versano sangue innocente» sono gli strumenti dell’orgoglio e dell’inganno. Il cuoreorgoglioso considera i propri interessi come più importanti degli interessi degli altri. Tutto ciò è rafforzatodalla bugia che abbiamo il diritto di prendere per forza qualcosa che non abbiamo legittimamenteguadagnato o altrimenti ricevuto.«Le mani che versano sangue innocente» sono mani piene di ribellione contro Dio. Sono mani chehanno rifiutato la sapienza di Dio, la quale ci dice che dobbiamo essere soddisfatti della Suabenedizione su mani umili ed oneste.Il libro dei Proverbi è pieno di avvertimenti contro quelle scorciatoie che conducono al disastro.Salomone ci ricorda che il successo non viene nascondendosi al mattino sotto le coperte del letto. Nonsiamo in questo mondo per mangiare ciò che è stato guadagnato da altri (6:6-11; 10:4; 12:24,27; 13:4;14:23; 18:9; 20:13; 22:29; 28:19.ASPETTO DIVINO ASPETTO UMANODio dà valore al lavoro onesto non solo perchériflette il modo in cui Egli lavora nel mondo, maanche perché riflette il modo in cui Egli vuolelavorare in e attraverso noiLa nostra tendenza è quella di lavorareonestamente quando gli altri ci guardano e cidanno l’incentivo ad essere produttiviDio ricompensa quelli che scelgono di lavorareonestamente, relativamente poco, mentre gli altrisi arricchiscono con gli utili della frode edell’ingannoA causa della caduta dell’umanità nel peccato,siamo diventati auto-accentratori, volendo unavita facile senza lavorare per essaL’odio di Dio per la frode, la truffa e il cinicoopportunismo dovrebbe essere temuto da ogniuomo che è in affariLa nostra chiamata più alta è fare il nostro lavorocon la prospettiva che lavoriamo per Dio e non perl’uomoIl lavoro più grande di Dio è visto nell’opera cheCristo ha fatto per darci la ricompensa di unasalvezza onestaA causa del nostro fallimento nel lavorare perristabilire i rapporti con Dio, saremmo persi senzail pagamento di Cristo per il nostro peccato
  24. 24. «L’Eterno odia…il cuore che escogita progetti malvagi» (6:16,18)I Proverbi ci ricordano ripetutamente che Dio odia un cuore disposto alla violenza invece cheall’amore. Dio ha fatto i nostri cuori per Sé stesso. La nostra ragione d’esistenza è temere, amare,rispettare ed apprezzare Dio. La nostra missione di vita è scoprire dalla profondità del nostro cuore laricchezza del Suo amore per noi e per gli altri. Il libro dei Proverbi ci mostra l’importanza dellacondizione del nostro cuore: 4:23; 11:20; 12:8,20; 14:30; 15:14; 17:22; 23:17; 23:26; 28:25.I desideri del nostro cuore determineranno il nostro comportamento, se faremo il bene o se faremo ilmale.ASPETTO DIVINO ASPETTO UMANODio vuole che ci preoccupiamo più di quello che èin noi che di quello che è intorno a noiDio promette di condurci sovranamente attraversole circostanze della vita poiché rivolgiamo a Lui ipensieri e l’amore del nostro cuoreLe nostre necessità più grandi non sono quellefamigliari, del posto di lavoro o del conto in banca;le nostre necessità più grandi sono quelle interioridel cuoreL’enfasi di Dio sulla condizione dei nostri cuori èvista chiaramente negli atteggiamenti e negliinsegnamenti del Signore GesùSiccome la nostra tendenza è quella di meditare ilmale invece del bene, saremmo persi senza ilpagamento di Cristo per i nostri peccati. Il suoSpirito crea in noi un cuore pulito«L’Eterno odia…i piedi che sono veloci nel correre al male» (6:16,18)Dio avverte i piedi che intraprendono un cammino di malvagità e che percorrono pericolosamente ilbordo della tentazione. Il Signore ci ha fatto dei piedi per farci camminare su questa terra per il Suoservizio, non per andarci a cercare le difficoltà e le disgrazie. Egli ci ha fatto dei piedi per scappare viadalla tentazione, non per avvicinarci ad essa e compiere il male (4:14,26; 19:2). Dio apprezzal’autocontrollo (14:29; 16:32; 18:13). Avere i piedi cauti è una caratteristica naturale dell’uomo saggio,ma è innaturale per lo sciocco.ASPETTO DIVINO ASPETTO UMANODalla Sua prospettiva, Dio vede i pericoli meglio dinoi, e perciò ci mette in guardiaSiamo più inclini a seguire il nostro cuore e i nostridesideri che a pensare dove essi ci possonoportareDio vuole che sviluppiamo uno spirito di cautela eauto-disciplina in tutto ciò che facciamoA causa della nostra avventatezza pecchiamospessoLa capacità di Dio nel vedere i pericoli lapossiamo vedere negli avvertimenti di Cristo aiFarisei, che erano le persone più religiose erispettabili dei suoi tempiAbbiamo bisogno continuamente di Cristo nonsolo per il perdono ma per il suo Spirito diintuizione e di guida«L’Eterno odia…il falso testimone che proferisce menzogne» (6:16,19)Proverbi ci avverte che Dio è contro coloro che non praticano la giustizia e che non sono clementi,ma è con quelli che danno parole d’incoraggiamento ed aiutano chi si trova nella necessità. Se Dioparla di umiltà e orgoglio, di verità o menzogne, lavoro onesto o frode, cautela o avventatezza, lapreoccupazione sottostante è sempre quella di incoraggiarci ad essere messaggeri di aiuto piuttostoche di danno (3:3,27,28; 11:1; 12:17; 14:25,31; 16:8; 21:15; 28:5; 29:26,27). La giustizia e la benignitàsi vede anche come guardiamo un derelitto, dal modo in cui trattiamo il nostro nemico, dal modo in cuitrattiamo il nostro cane. La benignità è l’espressione naturale di un cuore che trabocca del perdono edella grazia di Dio. La benignità è la risposta di un cuore pieno dell’amore che ha ricevuto.
  25. 25. ASPETTO DIVINO ASPETTO UMANOPoiché Dio ama la verità e la benignità, Egli vuoleche il Suo popolo sia sorgente di aiutoQuando mostriamo una preoccupazione sinceraper le necessità e gli interessi degli altri, riflettiamoil carattere di DioA causa della nostra natura peccaminosa, siamoinclini a parlare degli altri in modo da sembraremigliori noiDio farà pagare personalmente qualunque insultoo danno fatto verso una persona povera o deboleQuando siamo scortesi, possiamo aspettarci lariprensione da parte di DioDio ha sperimentato il dolore di una giustiziaperversa quando Suo Figlio ha sopportato lemenzogne dei falsi testimoni che lo hannoaccusato di peccatoSe non fosse per la volontà di Cristo di esseregiusto e misericordioso con noi, moriremmo tuttinei nostri peccati«L’Eterno odia…chi semina discordie tra fratelli» (6:16,19)Dio apprezza i rapporti pacifici. Egli avverte quelli che seminano disaccordo per un pettegolezzo, perira o per avarizia. Questo non significa che Dio vuole la pace a qualunque prezzo, poiché il libro deiProverbi ci mostra che c’è un tempo anche per il conflitto. Ai genitori viene detto di non risparmiare lacorrezione ai figli per paura delle loro proteste. Ad una persona saggia è detto di rispondere allosciocco, ma senza essere trascinato fino al livello dello sciocco, e il popolo di Dio è incoraggiato adessere fautore di verità e giustizia, cose che attireranno molti nemici lungo il cammino. La sapienza,tuttavia, non va a cercare la discordia, ma studia l’uso di risposte cortesi, con parole ben scelte edappropriate. Per tutto il libro dei Proverbi, Dio ci aiuta a considerare quello per cui combattiamo eperché (3:30; 10:12; 11:29; 16:7,28; 17:9,14,19; 22:10; 26:17,20,21; 27:6,17; 28:25; 29:22).Proverbi ci mostra che i rapporti pacifici iniziano nel cuore. Una persona che non ha amore èpredisposta a reagire con invidia e gelosia. Chi è orgoglioso trascurerà gli interessi e i sentimenti deglialtri. Chi ozia può avviare una contesa e chi ha poco amore è contento del fallimento degli altri.Nel cuore di ciascuno di noi c’è un desiderio intenso e sincero di amore e di affermazione. Ma Dio ciha anche fatti in modo che potessimo trovare la realizzazione e la pace solo riempiendoci del Suoamore. Non è quindi sufficiente sapere che non dovremmo disputare, lamentarci e spettegolare. È piùimportante che investighiamo sui motivi nascosti che stanno dietro tutte le dispute. Dobbiamopermettere agli argomenti che ci dividono di aiutarci a pensare ed analizzare le nostre motivazioniinteriori e quello che realmente crediamo su Dio.Crediamo che Dio possa soddisfare le nostre necessità più profonde? Crediamo che Egli sipreoccupi di noi e delle nostre circostanze? Possiamo avere fiducia in Lui per le necessità della vita? Oabbiamo bisogno di metterci gli uni contro gli altri per ottenere quello che vogliamo dalla vita?ASPETTO DIVINO ASPETTO UMANOL’amore di Dio per la pace riflette l’amorereciproco, il rispetto e la cooperazione tra il Padre,il Figlio e lo Spirito SantoLe nostre tendenze naturali verso l’orgoglio, lamenzogna, l’auto-protezione, il guadagno senzalavoro, avventatezza e cuore egoista, ci portano adividere più che ad unireDio è un Dio che si relaziona, e per questo tutta lasapienza ha uno scopo relazionaleL’amore di Dio per la pace non è mai a spese delSuo amore per la verità e la giustiziaPoiché la vera pace viene da Dio, non possiamoessere una fonte di pace se prima non abbiamofatto pace con LuiL’esempio di Dio lo vediamo in Cristo, che èandato a guerreggiare con uomini malvagi perportare la pace tra Dio e gli uomini e tra gli uominiSaremmo persi senza l’opera di Cristo che èvenuto a morire per i nostri peccati, ferendoci lapace con il Padre
  26. 26. fra loroCorrezione. Il rapporto tra un padre ed il figlio è una delle caratteristiche principali del libro deiProverbi in cui è inclusa anche la correzione o meglio la disciplina. La disciplina di un padre verso il suofiglio, figura di quella di Dio verso i suoi, è la prova di un vero amore (3:12). Questa disciplina non silimita ad una riprensione a parole: c’è anche la verga (29:15; 13:24). Un lavoro paziente, da compierecon diligenza nel timore e nella fiducia in Dio, che porterà il suo frutto (23:14; 29:17; 22:6). Essa ènecessaria ad ogni uomo, anche al savio (9:8) e all’intelligente (17:10; 19:25). Correzione e riprensionesono spesso legate, e sono una il completamento dell’altra (5:12; 10:17; 12:1; 13:18). Beato chi ascoltala riprensione (15:31,32). Per contro, chi odia la riprensione è uno stupido, e il modo con cui un uomoaccoglie la riprensione è un test della sua saggezza (15:12). Ma se vi sono esortazioni ad accettare lariprensione, vi sono anche incoraggiamenti a farla (24:25; 27:5).Molta psicologia moderna considera la verga come una reliquia del passato. Eppure Proverbi parladell’uso della verga, come mai?1. La verga è richiesta perché i genitori non sono sempre inclini a disciplinare i figli. Il genitore quindideve essere incoraggiato ad utilizzare la verga (23:13). La psicologia condanna la verga anche perdiversi fraintendimenti sui concetti di amore, perdono e pazienza. L’amore è visto come qualcosa chenon deve portare dolore, e bisogna occuparsi dei figli in maniera positiva. Proverbi ha un’idea moltodiversa dell’amore: «Chi risparmia la verga odia il proprio figlio, ma chi lo ama lo corregge per tempo»(13:24). Amiamo i nostri figli? Se sì, saremo diligenti nel punirli quando ciò è richiesto. Odiamo i nostrifigli? Se sì, eviteremo di utilizzare la verga. L’amore cerca il bene migliore del figlio, anche se perquesto a volte è necessario il dolore della verga. Se dico al figlio: “metti a posto quel dolciume che ti famale e ti comprerò un gioco, questa è corruzione, non disciplina.2. La verga è richiesta per trattenere il peccato del figlio. Il genitore cerca di mettere in evidenza ilpeccato nella vita del figlio mostrandogli che a peccare si paga sempre un alto prezzo.3. La verga è richiesta perché dimostra il carattere del figlio. Il carattere di una persona è dimostratospesso dalla sua risposta alla correzione (12:1; 13:1; 15:5).4. La verga è richiesta perché insegna. I figli piccoli non sono in grado di afferrare i concetti astratti(come il pericolo dell’auto nella strada), ma capiscono il dolore. La verga è uno strumento istruttivo perquelli che non possono ancora ragionare.5. La verga è richiesta a causa delle conseguenze devastanti di astenersi dal suo uso (23:23,14).6. La verga è richiesta perché è cosa giusta e perché Dio la utilizza sui suoi figli (3:11,12).In conclusione: per prima cosa dobbiamo disciplinare i nostri figli non solo perché Dio ci disciplina,ma dobbiamo disciplinare i nostri figli come Dio ci disciplina. In secondo luogo, la disciplina implicamolto più che riprendere i nostri figli quando peccano. La disciplina inizia con lo stabilire il nostro dirittodi genitori di governare la famiglia Non siamo amici o pari dei nostri figli, ma genitori – una distinzionemolto importante. Terzo, abbiamo l’obbligo di rendere le regole chiare ai nostri figli in modo che ladisciplina sia il risultato prevedibile e promesso della violazione. I figli devono sapere quello che ciaspettiamo da loro e quello che avverrà quando essi scelgono di infrangere le regole. Dobbiamo ancheessere diligenti nella spiegazione delle ragioni di determinate regole. Infine, la verga letterale dovrebbeessere impiegata quando i figli non possono o non vogliono ragionare. Quando essi sviluppano lacapacità di ragionare, mezzi diversi dalle sculacciate dovrebbero essere usati, tenendo presentecomunque che la verga sarà sempre molto efficace nel portare il pentimento.Come si può vedere, lo sculacciare non è un argomento semplice come potrebbe sembrare. Ladisciplina, come ogni altra area della vita cristiana, è un argomento che richiede sapienza dall’alto.Dobbiamo cercare quella sapienza per utilizzare la verga giustamente.Calma e ira. Vedi 10:12; 14:17,29; 15:18; 27:4; 29:22.1. La giusta ira è causata dal peccato (14:35). Questo non significa santificare l’ira peccaminosa eumana. La Bibbia insegna che con questo genere di ira non dobbiamo aver nulla a che fare, anche sepurtroppo la vasta maggioranza dell’ira che esprimiamo è peccaminosa, non spirituale. Tuttavia, se

×