Your SlideShare is downloading. ×
Elearnexpo Ferrara
Elearnexpo Ferrara
Elearnexpo Ferrara
Elearnexpo Ferrara
Elearnexpo Ferrara
Elearnexpo Ferrara
Elearnexpo Ferrara
Elearnexpo Ferrara
Elearnexpo Ferrara
Elearnexpo Ferrara
Elearnexpo Ferrara
Elearnexpo Ferrara
Elearnexpo Ferrara
Elearnexpo Ferrara
Elearnexpo Ferrara
Elearnexpo Ferrara
Elearnexpo Ferrara
Elearnexpo Ferrara
Elearnexpo Ferrara
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Elearnexpo Ferrara

337

Published on

Published in: Business, Technology
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
337
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
1
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Caratteristiche tecniche e funzionalità didattiche delle piattaforme per l’apprendimento on-line Expo e-learning 2004 - Ferrara Santino Luciani Formez – Centro di Formazione e Studi
  • 2. Overview
    • Perché le piattaforme sono diventate uno strumento indispensabile per fare formazione on-line?
    • Quali sono le caratteristiche critiche per valutare l’affidabilità e l’efficacia didattica di una piattaforma?
  • 3. Overview
    • Se l’obiettivo delle piattaforme è agevolare il lavoro ai responsabili, agli operatori e ai discenti del percorso.
    • Le aree critiche da osservare: fasi del progetto formativo.
    • Analisi competenze e fabbisogni formativi
    • Progettazione del percorso
    • Progettazione, personalizzazione o importazione dei contenuti
    • Erogazione
    • Valutazione e Monitoraggio
  • 4. Analisi competenze e fabbisogni
    • La piattaforma è in grado o meno di valutare i fabbisogni in maniera affidabile?
    • Prudenza.
      • Processi complessi e difficilmente standardizzabili
      • Fase delicata per il successo di tutto il percorso
    • Professionisti di fiducia, o società specializzate.
    • Disponibilità di sistemi dinamici di personalizzazione del percorso formativo?
    • La piattaforma è in grado di attuare le indicazioni delle analisi del fabbisogno?
  • 5. Progettazione del percorso formativo
    • La piattaforma dispone di strumenti che agevolano la progettazione del percorso?
      • un aspetto di servizio (piattaforme in genere: strumenti a valle dei percorsi formativi)
      • agevolare il lavoro dello staff di progetto
    • Migliore integrazione spazio-tempo:
      • con altri percorsi gestiti dalla piattaforma
      • con altre modalità didattiche più tradizionali (come l’aula in presenza) o persino più innovative (come le simulazioni real time )
  • 6. Progettazione del percorso formativo
    • Migliore gestione della valutazione dell’andamento delle attività per la riprogettazione in itinere del percorso.
    • Domanda: la piattaforma è in grado di supportare con i suoi servizi, funzionalità e strumenti, tutte le attività dettagliate nel progetto formativo.
  • 7. Progettazione o importazione di contenuti
    • Uno dei temi centrali per le piattaforme: la gestione dei contenuti.
    • Gestione: processo che va dall’ideazione, alla progettazione, fino all’importazione e all’installazione dei contenuti.
    • Piattaforme a volte includono o integrano strumenti per la produzione di courseware . Fasi:
      • analisi dei materiali grigi;
      • stesura degli storyboard ;
      • validazione degli storyboard ;
      • produzione del prototipo;
      • produzione, montaggio e installazione del pacchetto .
  • 8. Progettazione o importazione di contenuti
    • Editor meno elaborati: solo modifiche limitate o personalizzazioni leggere.
    • Esclusivamente importazione e installazione di corsi acquisiti sul mercato.
      • verifica della compatibilità dei corsi con la piattaforma
      • per la corretta funzionalità del prodotto
      • per i fini del corretto tracciamento delle attività
      • chiedere e verificare la conformità agli standard internazionali sia dal lato piattaforma, che dal lato courseware (SCORM).
  • 9. Progettazione o importazione di contenuti
    • La scelta di una piattaforma più o meno ricca di funzionalità su questo aspetto: valutazioni di business
      • disponibilità di figure professionali interne valide;
      • quantità di nuovi corsi richiesti su base annua;
      • economicità della macchina produttiva rispetto ai costi di corsi simili sul mercato;
      • unicità o rarità dei contenuti.
  • 10. Erogazione del percorso: autenticazione
    • Presentazione e benvenuto all’utente.
    • Riconoscimento di nome utente e password
      • ultimamente tecnologie poco costose e più sicure basate su smart card o sul riconoscimento delle impronte digitali.
    • Importante per il responsabile di progetto
      • assicura che solo chi è autorizzato accesso
      • sistema di tracciamento e monitoraggio delle attività
    • Alcuni elementi di attenzione per valutare la qualità del sistema di log-on di una piattaforma:
      • utente e password definiti automaticamente?
      • Single Sign On indipendentemente dagli ambienti?
      • sistema automatico di logout per inattività? (feedback)
  • 11. Erogazione del percorso: ambienti
    • Erogazione contenuti negli ambienti di apprendimento
      • senza intervento tecnico?
      • diverse tipologie e formati?
      • navigabili per categorie tematiche, per ordine di pubblicazione?
    • Strumenti di interazione dell’ambiente?
      • Influenza forte sulle scelte didattiche in sede di progettazione formativa
      • Forum di comunicazione asincrona per lo scambio e il confronto tra pari, con i tutor o con gli esperti.
        • aperti, chiusi e gestiti con facilità e rapidità
        • notifiche via e-mail
        • formattazione testo del messaggio, allegare immagini o file
  • 12. Erogazione del percorso: ambienti
    • Ancora sugli strumenti di interazione
      • Rubrica per gestire un indirizzario di contatti interni
        • per conoscere
        • per contattare individualmente o in gruppo
        • per demarcare meglio l’esperienza virtuale
      • L’agenda per la gestione degli appuntamenti personali e di gruppo.
        • scadenze didattiche: organizer indispensabile e ruolo del tutor
        • funzionalità guida:   mail reminder, notifica in evidenza nella pagina di ingresso all’ambiente, incrocio agenda discente, con agenda di uno o più gruppo classe (sovrapposizioni di attività), assegnazione di attività tutor vs discenti, prenotazione di risorse per eventi (sia materiali: aule o attrezzature didattiche, che umane: docenti, tutor).
  • 13. Erogazione del percorso: ambienti
    • Ancora sugli strumenti di interazione
      • Bacheca per la segnalazione di notizie, eventi, curiosità.
        • non è un luogo di discussione
        • non è un luogo di archiviazione “istituzionale”
      • Le biblioteche per l’archiviazione di documenti
        • ambienti per la condivisione istituzionale, un carattere di ufficialità per il corso
        • funzionalità guida: livelli diversificati di autorizzazione di lettura e/o scrittura, gestione flessibile file e directory, struttura di navigazione ad albero, modalità di ordinamento degli interventi (per data, per autore, per argomento)
  • 14. Erogazione del percorso: ambienti
    • Ancora sugli strumenti di interazione
      • Chat/Instant messaging: comunicazione sincrona (superamento del senso di isolamento)
        • modalità uno a uno
        • modalità group conference
      • L’aula virtuale, spesso strumento premium
        • grande potenzialità comunicativa
        • serie di strumenti di interazione sincrona ( Instant messaging, voice conferencing , video conferencing , application sharing , real time voting and testing )
  • 15. Erogazione del percorso: ambienti
    • Ancora sugli strumenti di interazione
      • Sistemi di voto sincroni ed asincroni:
        • utili per sondare opinioni e conoscenze di un’aula virtuale (difficili feedback diretti)
        • Funzioni da verificare:
          • partecipanti alla votazione selezionabili in maniera flessibile
          • domande a risposta singola o multipla
          • visualizzazione grafica dei risultati delle votazioni in atto
          • archiviazione risultati
  • 16. Erogazione del percorso: ambienti
    • Gestione funzionalità
      • ambienti didattici configurabili dinamicamente (anche da personale non tecnico)?
    • Motore di ricerca full text integrato con tutti gli ambienti?
    • Adeguato livello di usabilità dell’interfaccia (anche stampa), rapportato ad utenti target?
    • Accessibilità? W3C (World Wide Web Consortium) nell’ambito della Web Accessibility Initiative (WAI) e della Legge n. 4 del 9 gennaio 2004
    • Ottimizzato per collegamenti a bassa velocità?
    • Sistema di help generale e contestuale?
  • 17. Erogazione del percorso: amministrazione
    • L’ambiente di Amministrazione e Gestione permette di svolgere ai ruoli abilitati funzioni di servizio, qui il focus:
      • gestione utenti
      • monitoraggio del sistema
    • Il sistema di gestione utenti: regola accesso ed operazioni consentite ai diversi profili e gruppi di utenti nei diversi ambienti
      • gestione flessibile dei principali ruoli (discenti, progettisti, tutor, esperti, coordinatori didattici, amministratori)
  • 18. Erogazione del percorso: amministrazione
    • Semplicità operazioni quali:
      • creazione/eliminazione utenti
      • creazione/eliminazione gruppi
      • migrazione di utenti e sottogruppi
      • modifica dei privilegi di accesso utenti e gruppi
  • 19. Valutazione e monitoraggio
    • Valutazione dell’apprendimento e monitoraggio delle attività dei discenti: per verificare risultati ed impegno degli allievi nel percorso formativo.
    • Le piattaforme possono dare un notevole aiuto ai responsabili di progetto e ai coordinatori didattici.
      • Report dei tutor e degli esperti che seguono i discenti e ne valutano l’impegno qualitativo (valutazione di elaborati).
      • Strumenti per l’inserimento, l’aggiornamento, la somministrazione e la verifica automatica dei risultati a test quantitativi.
      • Strumenti di monitoraggio e reportistica in tempo reale dell’attività didattica attiva (traffico in scrittura) e passiva (traffico in lettura) dei discenti.

×