Your SlideShare is downloading. ×
Italian Social Banking Forum:la case history di UniCredit
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Italian Social Banking Forum:la case history di UniCredit

211
views

Published on


0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
211
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. 1 LE NUOVE PIAZZE DIGITALI, OLTRE I SOCIAL MEDIA UniCredit RENATO VICHI – Head of Media Relations Italy Milano, Centro Congressi Palazzo StelllineItalian Social Banking Forum 11 Luglio 2013
  • 2. 22 ENTROPIA DIGITALE ● Ogni giorno un crescente numero di persone salta sul “carrozzone” dei Social Media. Collaborare, commentare, coinvolgere, condividere … tutti termini che esprimono l’evoluzione che ha subito la definizione storica di giornalismo e di chi produce contenuti ● Il giornalismo, un mestiere che cambia e che quindi deve adeguarsi all’evoluzione, all’interazione e all’innovazione soprattutto in un momento di confusione, di disordine dell’informazione ● In fisica l'entropia è una grandezza che viene interpretata come una misura del disordine presente in un sistema fisico; quando un sistema passa da uno stato ordinato ad uno disordinato la sua entropia aumenta; L'entropia quindi è una funzione di stato che misura la progressiva e naturale perdita di energia disponibile. “Entropia Digitale” che tenderà ad aumentare e a disintermediare qualsiasi mezzo tradizionale. Dal nostro osservatorio digitale possiamo affermare che in Italia siamo in una fase di apprendimento. ● Aumentando a dismisura i contenuti grazie ai social media e quindi aumentando anche le fonti di informazione, individuare quelle attendibili è sempre più difficile. Quindi siamo in una fase storica di piena ENTROPIA DIGITALE. Processo di apprendimento culturale da parte di tutti (agenzie di stampa, quotidiani, giornalisti, blogger o semplici fruitori), che ha i suoi tempi, che porterà ad una naturale selezione.
  • 3. 33 Social Media: numeri sconvolgenti ● Più di 3.2 miliardi di “like” e commenti su Facebook ogni giorno, 300 milioni di foto postate e il 20% di tutte le pagine web totalizzate solo dal social di Mark Zuckerberg danno l’idea di quanto sia grande la piazza ● Per Twitter i numeri sono più bassi ma comunque impensabili solo 5 anni fa: il microblogging ha 500 milioni di utenti (di cui solo 200 milioni sono veramente attivi) tuttavia è il social network più indicato per acquisire l’attenzione del pubblico e chiamarlo all’azione, ottimo per l’utilizzo attraverso i dispositivi mobili. ● Linkedin ha 50 milioni di utenti unici a settimana, molto attivi e la piattaforma ha molte più potenzialità di altre per farci connettere direttamente con i professionisti e stabilire relazioni ● Youtube monopolista del video in streaming è ormai divenuto un mostro, è il secondo motore di ricerca dopo Google e si stima che in sole 24 ore gli utenti vedano circa 4 miliardi di ore di video in streaming.
  • 4. 44 TWITTER ● Il microblogging è attualmente lo strumento più diffuso dalle nuove forme di giornalismo. Esistono diversi esempi in cui Twitter è stato usato dagli utenti per diffondere notizie, come strumento di giornalismo collaborativo o di generatore di opinione. ● La candidatura di Franco Marini al Quirinale è stata discussa dalla Rete prima che dal Parlamento. Probabilmente quello che è successo con la candidatura Marini non sarebbe successo senza internet e i social network. ● Strumenti come Twitter aiutano a rendere esplicito ciò che accade nella realtà e che non sarebbe pubblico in una società a informazione più rarefatta, come ad esempio quella della stampa tradizionale a cui eravamo abituati. ● Quindi la rete non rappresenta solo un’espansione dell’informazione tradizionale, nel senso dell’approfondimento ma rappresenta anche il modo con cui divulgarla velocemente. TWITTER
  • 5. 55 UNICREDIT ● Marzo 2011 è stato creato l’account @UniCredit_PR ● Aprile 2013 abbiamo quasi 1400 follower, quasi 1600 tweet, quasi 150 following ● 25 novembre 2012 abbiamo realizzato la prima diretta Twitter di un evento. Durante l’evento è stato creato un numero così alto di retweet che l’account è stato sospeso per circa 1 ora ● Da marzo abbiamo creato 5 conferenze stampa virtuali via Twitter su tematiche locali generando il 16% dei nostri attuali followers. Abbiamo ottenuto circa 700 retweet da 80 account unici. ● Stiamo facendo esperienza giorno per giorno = training on the job ● Case History: Assemblea azionisti 2012: l’imprenditore dichiara l’intenzione di suicidarsi o Molti siti pubblicano la notizia o Verifica attenta dimostra che l’imprenditore aveva perso causa. Sentenza Tribunale di Parma. o Interveniamo per far modificare immediatamente quanto dichiarato sui siti ● Case History: Dichiarazioni UniCredit da Vienna o Agenzia titolo errato subito rettificato o Un sito internet Italia scrive la notizia con il titolo errato o Genera 130 commenti negativi o Interveniamo con una posizione ufficiale sul nostro account Facebook e su Twitter ● Considerazioni o Priorità è l’emotività dei lettori e la capacità di generare traffico o Alcune testate non verificano la notizia o Nel processo di selezione della notizia la priorità non è più il contenuto ma la capacità di generare viralità o Si è abbassato il livello qualitativo del contenuto informativo pur di generare condivisione
  • 6. 66 ALLEGATO Giornalismo – definizione WikiPedia ● Cercando su WikiPedia una definizione occorre specificare quale definizione si cerca: o Collaborative Journalism o Citizen Journalism o Community Journalism ● COLLABORATIVE JOURNALISM: Giornalismo collaborativo è una modalità di giornalismo in cui più giornalisti collaborano. In questa forma di giornalismo. A seconda del sistema di collaborazione, gli individui possono anche fornire un commento o votare l’indice di gradimento della notizia. ● CITIZEN JOURNALISM: è l'idea di integrare il giornalismo nel processo democratico. I mezzi di comunicazione non solo informano il pubblico, ma funzionano anche in direzione di coinvolgere e condividere con i cittadini un dibattito pubblico. ● INTERACTIVE JOURNALISM: è un altro tipo di giornalismo che permette ai consumatori di contribuire direttamente alla storia. Attraverso la tecnologia web 2.0, i giornalisti possono sviluppare una conversazione con il pubblico.

×