Instagram per le attività commerciali e turistiche

  • 2,657 views
Uploaded on

Le slide di Instagramers Bologna, presentate durante la formazione gratuita che si è svolta presso Social Factor l'11 2013 dedicata a Instagram e al suo utilizzo in chiave social media marketing.

Le slide di Instagramers Bologna, presentate durante la formazione gratuita che si è svolta presso Social Factor l'11 2013 dedicata a Instagram e al suo utilizzo in chiave social media marketing.

More in: Business
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
  • Utilissimo!
    Are you sure you want to
    Your message goes here
  • Grazie mille.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
  • molto ben fatta!
    Are you sure you want to
    Your message goes here
No Downloads

Views

Total Views
2,657
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
7

Actions

Shares
Downloads
0
Comments
3
Likes
13

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Ingrediente n° 4: Instagram
  • 2. Cos’è Le foto scattate con Instagram, con la loro istantaneità e il loro formato quadrato, ricordano quelle scattate dalle vecchie macchine analogiche Kodak Instamatic e Polaroid. E’ compatibile con qualsiasi iPhone, iPad e iPod Touch con almeno iOS 3.1.2., sistemi operativi Android 2.2 e superiori (dall’Aprile 2012). Instagram è un’applicazione di photo-sharing che permette agli utenti di scattare foto (o caricare foto già scattate ed editate), applicare filtri e condividerle sui principali Social Network.
  • 3. La Storia Insieme a Krieger ha poi lanciato Burbn, un’app più focalizzata sui check-in che sulle foto. Si accorgono presto che le loro necessità e quelle degli utenti si focalizzano più che altro sul photo-sharing di immagini proprie. Così, nell’Ottobre del 2010, finalmente nasce Instagram! L’applicazione è stata sviluppata da Kevin Systrom e Mike Krieger. Systrom lavorava a Google, poi è entrato nel mondo delle startup con NextStop (sito di social-travel).
  • 4. La Timeline/1
  • 5. La Timeline/2
  • 6. I numeri 130 milioni Utenti attivi al mese 45 milioni Foto postate ogni giorno 8500 «Like» al secondo 1000 Commenti al secondo 59% Dei brand della Interbrand top 100 sono su Instagram 40% Delle foto dei brand sono filtrate Lo-Fi È il filtro più utilizzato dai brand 41% Dei brand postano almeno una foto alla settimana 98% Delle foto postate Su Instagram Dai brand sono Condivise su Facebook 28% Degli utenti Internet USA tra i 18 e i 29 anni usano Instagram 14% Degli utenti Internet USA tra i 30 e i 49 anni usano Instagram 3% Degli utenti Internet USA tra i 50 e i 65 anni usano Instagram 26 Dei top 100 brand hanno più di 10000 follower Instagram 10 Dei top 100 brand hanno più di 100000 follower Instagram 16 bilioni Foto postate In totale 1 bilione «Like» al giorno 50% Di utenti Instagram fuori dagli USA 1 milione Utenti a 3 mesi dal lancio 35% Crescita engagement grazie ai top 100 Brand (Nike, Adidas, Gucci) [dati aggiornati a Maggio-Giugno 2013]
  • 7. Il Profilo Utente Dal momento in cui gli utenti cliccano su “Segui”, le foto postate sul profilo seguito faranno parte della loro cronologia personale e potranno essere visualizzate senza dover accedere al singolo profilo. Breve descrizione (max 150 caratteri) e link al proprio sito (cliccabile e che rimanda alla visualizzazione del sito stesso sul browser)
  • 8. Struttura di un Post La descrizione e i commenti successivi possono contenere fino a 30 #tag (per evitare fenomeni di spam) corrispondenti a keyword correlate all’immagine. I commenti successivi possono contenere fino a 5 @mentions, per indirizzare il commento (in modo analogo a Twitter) verso uno o più particolari utenti che riceveranno così una notifica personale. Geo-localizzazione (per popolare le Photo Maps)
  • 9. Commenti e Interazioni Gli utenti possono commentare le immagini dei profili che seguono ma anche di quelli che non seguono (a meno che non si tratti di profili privati).
  • 10. Le Features/1 Notizie Possono corrispondere alle “Notifiche” che riguardano i propri post o le mention ricevute, oppure alle attività degli utenti da noi seguiti. Cronologia Elenco, dal più recente al meno recente, dei post degli utenti che si seguono.
  • 11. Le Features/2 Esplora Instagram seleziona in base a diversi fattori le foto da mostrare nel tab “Esplora” per far emergere le foto interessanti più recenti. Questa sezione permette inoltre di cercare particolari tag o utenti all’interno di Instagram.
  • 12. I Filtri Prima di postare un’immagine, ad essa può essere applicato un filtro (sono presenti 20 tipi) o un effetto particolare (cornice, sfocatura, contrasto, rotazione)
  • 13. Condivisione su Altri Social Ogni foto postata può essere contemporaneamente o successivamente pubblicata anche su altri Social Network (su Twitter le @mention e i #tag utilizzati per le descrizioni di Instagram rimarranno attivi, su Foursquare la condivisione equivale al check-in nel luogo indicato per la geo-localizzazione della foto.)
  • 14. I Video I video sono stati introdotti sulla piattaforma nell’ottica di “catturare i momenti e condividerli con gli altri”. Ogni filtro (a partire dal naming) si riferisce ad un luogo o ad un “momento” in grado di evocare delle sensazioni.
  • 15. Best Practices • Username che rappresenti il marchio in modo chiaro, originale, facile da ricordare e “menzionare” • Foto profilo rappresentativa del business e che invogli a seguire l’account • Account Pubblico • Account collegato agli altri profili social (non tutti i contenuti Instagram sono però adatti a tutti gli altri social network) • Seguire le persone giuste (target). Esempi: se la tua attività è a Bologna, sbircia nel tag #Bologna e nelle location della città che ritieni adatte (tramite il geotag), poi segui e metti like agli utenti coinvolti. • Engagement: commentare le foto dei followers, interessarsi a loro, rispondere sempre ai commenti • Frequenza: Postare almeno una foto al giorno, mantenendo i contenuti omogenei e coerenti con la linea editoriale/commerciale del business. • Creare «storie»: scatti a chi lavora nell’azienda/negozio, storia del marchio. Far entrare i follower nel cuore dell’attività, dando un tocco «umano» ai post • Campagne virali e/o contest Per aprire, avviare e mantenere un account
  • 16. Da Evitare - Foto personali. Sono invece gradite foto simpatiche dello staff - Abusare degli hashtag ! Es: #igersSanFrancisco > se sei a Bologna potrebbe non servirti! - Postare troppe foto consecutive, almeno che non si tratti di un reportage di un evento (ma anche in quel caso è necessario fare delle pause) - Non essere costanti: postare 10 foto in un giorno e poi più nulla per 3/4 giorni - Account privato: gli utenti che non seguono il profilo non potranno vedere i contenuti e non ritroveranno le foto sotto a determinati hashtag - Seguire utenti random: Es. un birrificio non può puntare sui minori di 16 anni, non è il pubblico più adatto - Dare la precedenza all'estetica: evitare troppe foto legate solo al «brand», alla lunga potrebbe risultare "spammoso" e poco creativo - Prendere in prestito foto senza citare la fonte - Abusare dell’opzione «Aggiungi Persone" - Inserire URL nei commenti
  • 17. Come si Usano i Tag • Siate Specifici, in modo da raggiungere il giusto target (evitare tag che contano più di 100000 immagini a meno che non si tratti di challange molto popolare a cui volete partecipare) • Siate Rilevanti, assicurandovi che il tag rappresenti davvero la vostra foto per raggiungere più facilmente utenti interessati • Spirito d’Osservazione: fate caso agli altri hashtag che utilizzano coloro che hanno taggato una foto con il vostro stesso tag, potreste scoprire tag più pertinenti o più popolari!
  • 18. I Challenge/1 2) Pianificare per Tempo: - Durata > non troppo lungo per evitare dispersione (max 2 settimane, almeno che non si cambi spesso il tema) - Tema > fantasioso ma non troppo: dev'essere chiaro, immediato, semplice ma non banale - Modalità > un contest facile e con pochi vincoli porterà alta partecipazione ma attenzione: se è troppo facile potrà risultare molto dispersivo - Target - Premi > non è obbligatorio mettere in palio premi di valore elevato: gli utenti partecipano volentieri anche solo per «la gloria» (se il tema è sufficientemente originale) 1) A cosa serve ? - Per coinvolgere i propri followers e dare visibilità al proprio marchio in modo creativo, divertente e GRATUITO - Per sfruttare l'engagement visivo senza cadere nello «spam»
  • 19. I Challenge/2 3) Scelta dell'hashtag - semplice, diretto, che richiami il brand - controllare che l'hashtag non sia già stato utilizzato da qualcuno (tramite la Ricerca Interna - non rivelare l'hashtag fino all'inizio del contest - eventuali sottocategorie se il contest viene sviluppato con più temi Es: un tema diverso alla settimana: #miogelato_blu #miogelato_verde 4) Regolamento Semplice - foto originali - foto scattate con reflex (lo spirito instagram lo vieterebbe)? - foto già pubblicate? - l'hashtag nella descrizione - tempistiche chiare 5) Premiazioni - creare un'immagine ad hoc e menzionare i vincitori - se possibile creare un piccolo happening per premiare i vincitori, così si passerà da "online" a "offline"!
  • 20. Eventi e Foto-Reportage Tipologie di eventi (esempi): - inaugurazione nuovo store/nuova collezione - happening per festività o senza pretesti particolari - mostre fotografiche/d’arte (in bar, ristoranti o negozi)
  • 21. Realtà Commerciali su IG
  • 22. Case Studies • Engagement: challenge con «premio» per l’utente vincitore • Foto di Prodotti in Vendita con retroscena • Foto scattate agli eventi
  • 23. Case Studies • Foto dei clienti con tagli/pieghe/colori appena fatti • Foto agli Eventi In-Store
  • 24. Case Studies Negozio di abbigliamento a Genova che invita i clienti a scattare foto e postarle su IG con il giusto tag, per promuoversi attraverso i loro scatti. Negozio di abbigliamento a Londra che offriva uno sconto ai clienti che si fossero «instagrammati» in negozio.
  • 25. Case Studies Il negozio di Aldo Shoes Israel ha installato un Ad lungo una strada affollata, invitando le persone a fotografare le proprie scarpe postandole su IG con tag #ALDO e il numero di scarpe e poi a suonare il campanellino. In cambio per loro un paio di scarpe ALDO in regalo. La campanella ha suonato 457 volte (= foto su IG) per 798385 interazioni
  • 26. Case Studies (Food) • Creare Storie: Foto dello staff • Crowdsourcing ed Engagement: Challenge settimanale con premio
  • 27. Case Studies (Food) Gelato del giorno e foto agli ingredienti naturali utilizzati
  • 28. Case Studies (Food) Evento inaugurale con degustazioni e foto- reportage
  • 29. Case Studies (Food)
  • 30. Realtà Turistico-Culturali su IG
  • 31. Case Studies • In ogni foto una buona ragione per visitare Bologna • SocialMediaFreeTrip
  • 32. Case Studies • Foto da spettacolo/backstage • Visite guidate con reportage + challenge instagram
  • 33. App Utili di Supporto a Instagram
  • 34. Da Instagram al Mondo Fisico • Printstagram: stampe (dai poster-collage alle mini-foto) • InstaPrint: stampe istantanee che segna sulla foto anche la location e gli hashtag • Postagram: cartoline da inviare • InstaGoodies: libretti di stickers (max 90) da 1 pollice • Teeny Tile: mattonelline di ceramica • InstaMaker: gadget come tazze, magliette e cartoline • StickyGram: calamite • Canvas Pop: cornici di design
  • 35. Da Instagram al Mondo Fisico
  • 36. Grandma’s Tip