Uploaded on

(Presentazione realizzata in occasione del corso sulla scrittura per la cooperativa Il labirinto di Pesaro, marzo-giugno 2010)

(Presentazione realizzata in occasione del corso sulla scrittura per la cooperativa Il labirinto di Pesaro, marzo-giugno 2010)

More in: Education , Technology , Design
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
462
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1

Actions

Shares
Downloads
7
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Cercare sul web
    • La ricerca di informazioni su internet
    • L’uso dei motori di ricerca
    • I principali motori di ricerca
    • La ricerca multimediale
    • Cercare con il web 2.0
    • Valutazione dei risultati
    • Come salvare i risultati
    • Bibliografia
  • 2. La ricerca di informazioni su internet
    • Non esiste un indice di internet visto la quantità di pagine web esistenti e la mutevolezza dei contenuti
    • La ricerca avviene in modo automatico tramite l’uso dei motori di ricerca o attraverso il contatto con il popolo della rete
    • Oggi la rete può dare una risposta su quasi tutto se si riesce ad interrogarla bene
    • Due sono i problemi che si pongono: saper scegliere in un mare di risultati e valutare la loro attendibilità
  • 3. L’uso dei motori di ricerca
    • I motori catalogano il maggior numero possibile di pagine web attraverso dei programmi che scandagliano la rete
    • Sono numerosissimi e la loro efficacia è mutevole ma funzionano per la maggior parte in modo simile
    • Le parole chiave sono il nostro principale strumento con cui interrogare un motore e bisogna sceglierle bene
    • La ricerca può essere effettuata su testi, immagini, video e può essere di tipo semplice o complessa
    • La ricerca complessa su un motore permette una ricerca più raffinata in base a parametri diversi (periodo di tempo, tipo di file, lingua, dominio, ma soprattutto attraverso gli operatori booleani)
  • 4. I principali motori di ricerca
    • Google (il più usato, il più famoso e che offre parallelamente una serie di servizi)
    • www.google.it
    • Clusty http://clusty.com/ (i risultati vengono suddivisi per parole chiave)
    • Bing (Microsoft) http://www.bing.com/
    • Yahoo Italia http://it.yahoo.com/
    • Altavista www.altavista.com/
    • Virgilio- Alice http://search.alice.it/search/home/index.html
    • Wikipedia (non è un motore ma un’enciclopedia “aperta”) http://it.wikipedia.org/wiki/Pagina_principale
  • 5. La ricerca multimediale
    • La ricerca di file multimediali può essere fatta in un modo più profondo utilizzando i tipici siti web 2.0
    • Cercare i video con Youtube , Google video , Bliptv
    • Cercare le immagini con Flickr
    • Cercare le presentazioni con Slideshare
    • Scaricare dalle rete audio video e file audio il caso di eMule : l’eterno tema del copyright
  • 6. Cercare con il web 2.0
    • Fin dall’inizi della storia del web (e ancora prima con le reti telematiche BBS) le nostre domande possiamo farle a degli altri esseri umani (mailing list, newsgroup, chat…)
    • Con il web che si è caratterizzato dalla metà del 2000 ora è possibile incontrare e comunicare con molte più persone in rete
    • Cercare sulle reti sociale ( Facebook , Twitter )
    • Cercare con Delicious : mentre con un normale motore di ricerca si cercano cose che già si conoscono, ricercare attraverso i link suggeriti da altri ci porta a scoprire cose assolutamente nuove.
    • Gli aggregatori di notizie: una personalissima rassegna stampa
  • 7. Valutazione dei risultati
    • Su internet chiunque può scrivere, non esiste un controllo generale sui contenuti e così possiamo imbatterci anche in testi di scarsa qualità, errati, addirittura falsificati in modo deliberato. Occorre dunque saper valutare
    • Alcuni criteri di qualità
      • Avere delle informazioni positive sull’ autore
      • Conoscere già il sito da cui si prende del materiale
      • Osservare la data di pubblicazione del testo e la frequenza dell’ aggiornamento del sito
      • Ci è stato consigliato da persone di cui ci fidiamo
      • Incrociare l’informazione con altre di fonte diversa
      • Saper subito individuare un’informazione pubblicitaria o a pagamento
  • 8. Come salvare i risultati
    • Stampare tutto su carta, si legge e si memorizza bene ma ha lo svantaggio che si consuma carta, inchiostro e non è più materiale digitalizzato
    • Salvare nelle cartelle interne del proprio computer ha il vantaggio che si può scorrere anche off line; i browser offrono diverse modalità di salvataggio (ad es. con o senza immagini)
    • Salvare on line le proprie ricerche utilizzando la funzione di preferiti o segnalibro (bookmark) offerte dal browser
    • Salvare su Delicious
  • 9. Bibliografia
    • Per avere un’idea generale del web 2.0: Alberto D’Ottavi, W eb 2.0, le meraviglie della nuova Internet , rgb editore, 2006, Sergio Maistrello, La parte abitata della rete , Milano, Hops Tecniche Nuove, 2007 e Luca Grivet Foiaia, Web 2.0, guida al nuovo fenomeno della rete , Milano, Hoepli, 2007
    • Fabio Brivio, Trovare su Internet , Apogeo, Milano, 2006
    • Salvatore Romagnolo, Google: ricerche, mappe, libri, blog, con il motore di ricerca piu famoso del Web , Milano, Apogeo, 2006
    • Stefano Porro e Walter Molino, Disinformation technology , Apogeo, Milano, 2003