Your SlideShare is downloading. ×
C. Viviano - Il Censimento: fotografia del sistema economico nazionale
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

C. Viviano - Il Censimento: fotografia del sistema economico nazionale

11,423

Published on


La ricchezza del patrimonio informativo del censimento economico è senza precedenti, grazie non solo alle informazioni strutturali tradizionali ma anche agli approfondimenti tematici su Imprese, istituzioni pubbliche e non profit. 20 milioni gli addetti nelle attività produttive extra agricole, 16.5 operano nelle 4.4 milioni di imprese, 2.8 nelle 12 mila istituzioni pubbliche, ma anche 680 mila che operano nelle 301 mila non profit. 800 mila i lavoratori esterni con una distribuzione tra i tre comparti relativamente più omogenea, 4.7 milioni il lavoro volontario del non profit.

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
11,423
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Principali innovazioni e risultati del Censimento Censimento dell’industria e dei servizi 2011 ANDREA MANCINI Direttore del Dipartimento per i Censimenti e i registri amministrativi e statistici, Istat Il Censimento: fotografia del sistema economico nazionale 9°Censimento dell’industria e dei servizi e Censimento delle Istituzioni non profit Check-up della Valle d’Aosta alla luce dei dati censuari Caterina Viviano Dirigente del Servizio Registri delle unità economiche Istat Aosta, 13 giugno 2014
  • 2. La ricchezza del patrimonio informativo (1) 1. questionari long form di settore, che hanno permesso numerosi approfondimenti, alcuni dei quali per la prima volta richiesti. 2. valorizzazione a fini statistici del contenuto informativo residente negli archivi amministrativi 2 1 Imprese - strategie di governance, gestione delle risorse umane,competitività e posizione sul mercato, capacità di innovazione, scelte finanziarie, internazionalizzazione e le ragioni principali delle scelte di delocalizzazione. Istituzioni non profit - struttura organizzativa, reti di relazioni, ambito territoriale di riferimento (nel quale le istituzioni non profit operano); caratteristiche socio-demografiche dei volontari, categorie professionali dei lavoratori retribuiti; servizi erogati e i destinatari; strumenti di comunicazione e modalità di raccolta fondi adottate. Istituzioni pubbliche - mappatura territoriale dei luoghi di lavoro, percorsi formativi nella PA (quali istituzioni hanno formato il proprio personale , quali tematiche, quante ore, quante risorse umane coinvolte), servizi pubblici offerti (quali servizi offerti, da chi, dove, quante risorse umane impegnate e il numero di prestazioni effettuate), grado di informatizzazione della PA (dotazione e uso di ICT nelle singole unità locali), amministrazione sostenibile intesa come tutela e sicurezza sul luogo di lavoro, sostenibilità ambientale, trasparenza e qualità dell’azione amministrativa (accountability BOLOGNA 9 MAGGIO 2014
  • 3. La ricchezza del patrimonio informativo (2) 1. questionari long form di settore, che hanno permesso numerosi approfondimenti, alcuni dei quali per la prima volta richiesti. 2. valorizzazione a fini statistici del contenuto informativo residente negli archivi amministrativi 3 2 Realizzazione di un nuovo prodotto, denominato Asia occupazione, che integra informazioni micro su impresa e occupati. La disponibilità di nuove fonti amministrative sulla struttura dell’occupazione, con informazioni sul legame tra lavoratore e impresa e lo sviluppo di un quadro concettuale di definizioni e regole per il trattamento di tali dati a fini statistici, ha consentito lo sviluppo di un sistema di microdati integrati, dove è possibile identificare l’unità economica e l’unità lavoratore e dove ciascun individuo viene classificato in base alla tipologia occupazionale all’interno dell’impresa con cui, alla data di riferimento, ha un rapporto di lavoro. Anche queste nuove informazioni, come già avviene per il più tradizionale Asia imprese, saranno d’ora in avanti prodotte e diffuse annualmente dall’Istituto. BOLOGNA 9 MAGGIO 2014
  • 4. Il sistema produttivo italiano (1) Le Unità giuridico-economiche Imprese Istituzioni pubbliche Istituzioni non profit Totale Unità giuridico- economiche = centri decisionali Numero 4.425.950 12.183 301.191 4.739.324 % 93,4 0,3 6,4 100,0 Unità locali = luoghi di lavoro Numero 4.775.856 95.611 347.602 5.219.069 % 91,5 1,8 6,7 100,0 4 BOLOGNA 9 MAGGIO 2014
  • 5. Il sistema produttivo italiano (2) – Le Risorse umane 5 Imprese Istituzioni pubbliche Istituzioni non profit Totale Addetti: indipendenti v.a. 5.119.968 - - 5.119.968 % 100,0 - - 100,0 Addetti: dipendenti v.a. 11.304.118 2.840.845 680.811 14.825.774 % 76,2 19,2 4,6 100,0 Totale addetti v.a. 16.424.086 2.840.845(a) 680.811 19.945.742 % 82,3 14,2 3,4 100,0 Lavoratori esterni v.a. 421.929 116.429 270.769 809.127 % 52,1 14,4 33,5 100,0 Lavoratori temporanei (ex interinali) v.a. 123.237 11.506 5.544 140.287 % 87,8 8,2 4,0 100,0 Volontari v.a. - 68.801 4.758.622 4.827.423 % - 1,4 98,6 100,0 (a) Non rientrano nel campo di osservazione del Censimento del 2011, così come in quello del 2001, i dipendenti delle forze armate italiane, della guardia di finanza, dei corpi di polizia e simili. BOLOGNA 9 MAGGIO 2014
  • 6. 6 I cambiamenti rispetto al 2001  Imprese: la variazione intercensuaria di addetti più bassa negli ultimi 30 anni  Istituzioni pubbliche (-368 mila addetti): modifiche della natura giuridica e processi di razionalizzazione interna, politiche di limitazione del turn over dei pubblici dipendenti  Non profit: il settore più dinamico +8,4% -21,8% +28,0% +4,5% -11,5% +39,3% -40 -30 -20 -10 0 10 20 30 40 50 60 70 Imprese Istituzioni pubbliche Istituzioni non profit Unità giuridico-economichee addetti – Variazionipercentuali 2011/2001 Unità giuridico-economiche Addetti BOLOGNA 9 MAGGIO 2014
  • 7. 7 Gli addetti delle unità locali per provincia Valori per 100 abitanti addetti su abitanti addetti su abitanti 18.7 - 26.7 26.8 - 36.8 37.1 - 51.7 Da 36,9 a 51,7 addetti per cento abitanti Da 18,7 a 26,7 addetti per cento abitanti addetti su abitanti su abitanti 18.7 - 26.7 26.8 - 36.8 37.1 - 51.7 anti 26.8 - 36.8 37.1 - 51.7 Da 26,8 a 36,8 addetti per cento abitanti addetti su abitanti 18.7 - 26.7 26.8 - 36.8 37.1 - 51.7 Italia = 33,6 addetti per 100 abitanti BOLOGNA 9 MAGGIO 2014
  • 8. 8 Valori per 100 abitanti Gli addetti delle unità locali per provincia e tipologia di unità locale addetti IMP su abitanti etti IMP su abitanti 12.6 - 22.5 22.6 - 30.7 30.7 - 45.9 addetti IP su abitanti addetti IP su abitanti 3.2 - 4.2 4.3 - 5.0 5.0 - 8.6 addetti INP su abitanti addetti INP su abitanti 0.3 - 0.9 0.9 - 1.3 1.3 - 2.3 addetti IMP su abitanti addetti IMP su abitanti 12.6 - 22.5 22.6 - 30.7 30.7 - 45.9 addetti IMP su abitanti su abitanti 12.6 - 22.5 22.6 - 30.7 30.7 - 45.9 etti IMP su abitanti 12.6 - 22.5 22.6 - 30.7 30.7 - 45.9 addetti INP su abitanti addetti INP su abitanti 0.3 - 0.9 0.9 - 1.3 1.3 - 2.3 addetti INP su abitanti addetti INP su abitanti 0.3 - 0.9 0.9 - 1.3 1.3 - 2.3 addetti INP su abitanti addetti INP su abitanti 0.3 - 0.9 0.9 - 1.3 1.3 - 2.3 addetti IP su abitanti addetti IP su abitanti 3.2 - 4.2 4.3 - 5.0 5.0 - 8.6 addetti IP su abitanti addetti IP su abitanti 3.2 - 4.2 4.3 - 5.0 5.0 - 8.6 addetti IP su abitanti addetti IP su abitanti 3.2 - 4.2 4.3 - 5.0 5.0 - 8.6 Imprese Istituzioni pubbliche Istituzioni non profit BOLOGNA 9 MAGGIO 2014
  • 9. 9 Lavoratori dipendenti per genere *La percentuale è calcolata sul totale dei lavoratori dipendenti per cui è disponibile l’informazione (pari al 99,7% del totale) Volontari per genere BOLOGNA 9 MAGGIO 2014
  • 10. Le imprese
  • 11. 11 -932mila +635mila (a) Dettaglio settore: Costruzioni di edifici -241.553; Ingegneria civile +42.344; Lavori di costruzione specializzati +247.408 Variazioni assolute e percentuali 2011/2001 degli addetti delle imprese per settore di attività economica Si conferma il processo di riduzione della base produttiva industriale e di terziarizzazione dell’economia BOLOGNA 9 MAGGIO 2014
  • 12. 12 La riduzione degli addetti nella manifattura: dove? -20,7% -18,8% -23,1% -16,2% -20,7% BOLOGNA 9 MAGGIO 2014
  • 13. 13 Il lavoro dipendente delle unità locali delle imprese (1) Distribuzione dei lavoratori dipendenti per qualifica e ripartizione territoriale BOLOGNA 9 MAGGIO 2014
  • 14. 14 *La percentuale è calcolata sul totale dei lavoratori dipendenti per cui è disponibile l’informazione (pari al 99,7% del totale) % dipendenti nati fuori dall’UE-27 Il lavoro dipendente delle unità locali delle imprese (2) BOLOGNA 9 MAGGIO 2014
  • 15. 15 % dipendenti giovani (15-29enni) Il lavoro dipendente delle unità locali delle imprese (3) BOLOGNA 9 MAGGIO 2014
  • 16. 16 Il lavoro dipendente delle unità locali delle imprese (4) Numero imprese attive con 3 e più addetti per ripartizione geografica e in base al mercato geografico di riferimento – Valori percentuali* MERCATO GEOGRAFICO DI RIFERIMENTO *Il totale è superiore al 100% in quanto erano possibili più risposte BOLOGNA 9 MAGGIO 2014
  • 17. Le istituzioni pubbliche
  • 18. 18 Istituzioni pubbliche per forma giuridica Forma giuridica Unità locali Addetti v.a. % Var. % 11/01 v.a. % Var. % 11/01 Organo costituzionale/a rilevanza costituzionale o amm. dello Stato 47.548 49,7 0,0 1.284.668 45,2 -14,1 Regione 1.832 1,9 -11,2 66.715 2,3 -8,6 Provincia 3.483 3,6 16,0 94.901 3,3 11,3 Comune 27.059 28,3 3,7 428.218 15,1 -10,6 Comunità montana/isolana, unione di comuni, città metropolitana 1.139 1,2 102,3 12.317 0,4 42,9 Azienda o ente del servizio sanitario nazionale 6.742 7,1 12,5 676.280 23,8 -2,9 Altra istituzione pubblica 7.808 8,2 -42,6 278.954 9,8 -24,8 TOTALE 95.611 100,0 -3,3 2.842.053 100,0 -11,4 Unità locali e addetti delle istituzioni pubbliche per forma giuridica BOLOGNA 9 MAGGIO 2014
  • 19. 19 Istituzioni pubbliche e sostenibilità ambientale Istituzioni pubbliche che adottano un comportamento sostenibile nei confronti dell’ambiente per regione – Valori percentuali Le difficoltà Italia = 56% BOLOGNA 9 MAGGIO 2014
  • 20. 20 Istituzioni pubbliche e comunicazione con gli utenti Per le attività produttive (SUAP) Dei servizi al cittadino La percentuale è calcolata sulle istituzioni abilitate ad avere queste tipologie di sportelli (Pres. del consiglio, ministeri, agenzie dello stato, enti locali, CCIAA) % istituzioni con gli Sportelli: BOLOGNA 9 MAGGIO 2014
  • 21. 21 Istituzioni pubbliche e trasparenza Rendicontazione sociale per forma giuridica BOLOGNA 9 MAGGIO 2014
  • 22. Le istituzioni non profit
  • 23. Le dimensioni del settore non profit in Italia nel 2011 e confronto con il 2001  301.191 istituzioni non profit  4,7 milioni di volontari  680 mila addetti  270 mila lavoratori esterni  5 mila lavoratori temporanei (ex interinali) + 28,0% + 43,5% + 39,4% +169,4% + 48,1% 23 BOLOGNA 9 MAGGIO 2014
  • 24. I volontari sul territorio Volontari ogni 10 mila abitanti MAX Bolzano 3.012 Italia: 801 MIN Campania 290 1.067 – 3.012289 - 781 818 - 999 24 Variazione % 2011/01 - Volontari Italia: +43,5% 5,6-31,8 33,6-42,1 43,4-53,4 58,1-350,7 MAX Trento +350,7% MIN Sardegna +5,6% BOLOGNA 9 MAGGIO 2014
  • 25. Le risorse economiche (1) Entrate e uscite. Composizione per principali forme giuridiche 64 miliardi 57 miliardi 25 BOLOGNA 9 MAGGIO 2014
  • 26. Risorse economiche: le entrate (2) Finanziamento pubblico: 34,1% Finanziamento privato: 65,9% Vendita di beni e servizi: 47,3% 26 BOLOGNA 9 MAGGIO 2014
  • 27. Risorse economiche: tipologia di finanziamento prevalente 27 Istituzioni non profit per tipologia di finanziamento prevalente – Valori % BOLOGNA 9 MAGGIO 2014
  • 28. Risorse economiche: le uscite (3) 28 BOLOGNA 9 MAGGIO 2014
  • 29. Grazie per l’attenzione CATERINA VIVIANO Direzione Centrale delle rilevazioni censuarie e dei registri statistici Istat viviano@istat.it 29

×