• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
L. Verzicco - Innovazioni , applicazioni e prospettive delle classificazioni internazionali sull’istruzione e formazione
 

L. Verzicco - Innovazioni , applicazioni e prospettive delle classificazioni internazionali sull’istruzione e formazione

on

  • 11,442 views

Seminario Istat "Innovazioni, applicazioni e prospettive delle classificazioni internazionali sull’istruzione e formazione". Roma, 30 gennaio 2014

Seminario Istat "Innovazioni, applicazioni e prospettive delle classificazioni internazionali sull’istruzione e formazione". Roma, 30 gennaio 2014

Statistics

Views

Total Views
11,442
Views on SlideShare
11,441
Embed Views
1

Actions

Likes
0
Downloads
6
Comments
0

1 Embed 1

http://www.slideee.com 1

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

CC Attribution-NonCommercial-ShareAlike LicenseCC Attribution-NonCommercial-ShareAlike LicenseCC Attribution-NonCommercial-ShareAlike License

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    L. Verzicco - Innovazioni , applicazioni e prospettive delle classificazioni internazionali sull’istruzione e formazione L. Verzicco - Innovazioni , applicazioni e prospettive delle classificazioni internazionali sull’istruzione e formazione Presentation Transcript

    • Seminario “Innovazioni , applicazioni e prospettive delle classificazioni internazionali sull’istruzione e formazione” Applicazioni della nuova ISCED: come cambia la rilevazione del titolo di studio nelle indagini statistiche su famiglie e individui Liana Verzicco 30 gennaio 2014
    • Eurostat Entro Marzo 2014, Eurostat renderà disponibili • ISCED 2011 operational manual • Educational attainment guidelines, version 2 (1 versione maggio 2013) • Guidelines for the UOE data collection
    • Il Mapping è lo strumento per • classificare i programmi (ISCED-P) • classificare i titoli/qualifiche (ISCED-A) nelle indagini internazionali:  raccolta dati UOE ( MIUR )  nelle indagini socio-economiche (ISTAT: Forze di lavoro, SILC, AES, Censimento Popolazione, ecc.)  nelle indagini specifiche sul capitale umano (ISFOL: PIAAC)
    • Mapping 2013 – a.s. 2011/12 Programm e number (prog.<IS CED-97 National name of level>.<nu the programme mber within level>) 3 7 8 9 10 prog.00.01 Scuola dell'infanzia Pre-primary school none 3 3 0 prog.01.01 Scuola primaria none 6 5 5 1 11 3 2 14 prog.03.12 Istruzione Tecnica Technical Institute 2 Istruzione liceale - Liceo education (Liceo classico, (classical liceo, scientifico, scientific liceo, artistic prog.03.13 linguistico, delle liceo, human sciences scienze umane, liceo, music/dance musicale/coreutico) liceo) 2 prog.02.01 4 Theoretical duration of the Access to higher ISCED- ISCED-2011 programme Theoretical Programme educational level 2011 level of Minimun entry (number of cumulative orientation (please specify level qualification/e requirements years. years of (Please use which ISCED Theoreti (please ducational Descriptive name of (please specify If less than 1 education at only G or V. 2011 level ISCED cal specify attainment the programme in which ISCED year, indicate the end of the For ISCED(ISCED-P), -97 starting 3-digits (please English 2011 level, number of programme, 2011 levels 6 otherwise use level age of specify 3otherwise use months adding since the to 7, use A, P, 'No'. For ISCED ISCED-P digits of 'None') 'months'. If start of or U 2011 level 8 use classifica ISCED-A variable ISCED 1 ('Unspecified')) 'na', not tion) classification) duration, please applicable) specify) 5 Primary school Scuola secondaria Lower secondary di primo grado education Istruzione e formazione prog.03.03 professionale IeFP (corsi triennali) Education and vocational training (three-year courses) 11 13 15 16 22 No 0 020 020 G 2 1 100 100 8 G 3 2 244 244 3 11 V No 3 353 353 14 5 13 V 6 3 354 354 14 5 13 G 6 3 344 344
    • Il “Diploma Approach” Il livello di istruzione della popolazione viene stimato rilevando il più alto titolo di studio (qualificazione) acquisito da un individuo nel sistema formale (o da questo riconosciuto). • Per i livelli superiori al secondo, Eurostat richiede la codifica al 2° digit = orientamento General o Vocational Se un individuo ha conseguito 2 titoli dello stesso livello (es: ISCED 3) ma di diverso orientamento, Eurostat richiede di indicare quello «più recente»
    • Le qualifiche riconosciute dalle autorità formative nazionali • I titoli rilasciati dal sistema formativo formale (da scuola/università/AFAM o dalla formazione professionale IeFP) • Altre qualificazioni ottenute a seguito di programmi non-formali (comprese le «validazioni di competenze») solo se riconosciute equivalenti ai titoli formali dalle autorità formative nazionali
    • Codifica del titolo di studio della Popolazione Presenza di titoli acquisiti in programmi non più attivi (popolazione adulta/anziana) Eurostat Il titolo deve essere rilevato e codificato in base alle caratteristiche:  del programma formativo effettivamente seguito  del titolo acquisito al tempo della qualificazione
    • Il caso «infermieri» • Fino al 1991 per svolgere la professione di infermiere era sufficiente il possesso della Qualifica regionale (accesso con licenza media) • dal 1992: Diploma universitario in Scienze infermieristiche (3 anni) – accesso con diploma maturità • dal 2001: Laurea di I livello in Infermieristica
    • Il caso «infermieri» La professione è quasi la stessa (nel tempo sono cambiate le mansioni e le responsabilità) I titoli sono - comunque - diversi • Qualifica regionale = ISCED-A 3 • DU/Laurea = ISCED-A 6
    • Mapping 2014 (a.s. 2012/13) • Nel Mapping del 2014, verrà introdotta una nuova sezione riguardante i «vecchi titoli di studio» che incidono sulla stima del livello di istruzione della popolazione
    • Il livello di istruzione dei cittadini stranieri Eurostat raccomanda di usare sempre il «diploma approach»: 1) chiedere prima se il titolo di livello più alto è stato acquisito in Italia o all’estero 2) chiedere il «nome» del titolo e identificarlo utilizzando il Mapping del Paese indicato dal rispondente
    • Il livello di istruzione dei cittadini stranieri • E’ comunque ammesso anche il quesito che richiede direttamente il «livello di istruzione raggiunto» (Istruzione primaria, secondaria, terziaria, ecc..) • In ogni caso la classificazione dei titoli esteri non deve essere confusa con il riconoscimento ufficiale in Italia del titolo rilasciato da un altro Paese
    • I titoli di livello terziario – il Processo di Bologna Processo di riforma internazionale dei sistemi di istruzione superiore dell'Unione Europea, iniziato nel 1999, che si proponeva di realizzare, entro il 2010, lo Spazio Europeo dell'Istruzione Superiore. Ad oggi hanno aderito 47 paesi. Il modello universitario è il BA-MA (Bachelor-Master), che prevede 2 cicli di laurea In Italia: - Laurea (di I livello, triennale) - Laurea magistrale/specialistica (di II livello) (biennale o a ciclo unico)
    • I titoli di livello terziario • Laurea di I livello (D.U.) (AFAM I livello) ISCED 6 • Laurea magistrale (vecchio e nuovo ordinamento, AFAM II livello) ISCED 7 • Titoli post laurea ISCED 6/7 (master,anche AFAM) • Dottorato ISCED 8
    • La classificazione dei titoli post-laurea • Nella ISCED 2011 i titoli post-laurea (o post-AFAM) sono classificati nello stesso livello dei titoli necessari per l’accesso • Fa eccezione il Dottorato di ricerca classificato sempre nel livello 8
    • Codifica dei titoli post-laurea
    • Fields of Education andTraining (ISCED-F) Eurostat propone di codificare i «settori disciplinari» sulla base della nuova classificazione «Fields of Education and Training» a partire dal 2016……………MA solo al 1° digit il 2° digit verrà richiesto ma non sarà obbligatorio
    • Istruzione, formazione, apprendimento L’istruzione include molti più aspetti che il solo apprendimento nell’ambito dell’ insegnamento scolastico Istruzione formale • formazione istituzionalizzata svolta in istituzioni pubbliche e private (scuole, università, centri di formazione professionale) e • consiste in un processo strutturato e gerarchico segnato da chiari traguardi, piani di studio, ambienti di apprendimento e certificati scolastici.
    • ISCED 2011 Istruzione non-formale • apprendimento che si realizza al difuori delle istituzioni formali (in genere per adulti). • comprende la formazione continua (sul lavoro), corsi, seminari, workshop • I programmi sono in genere di durata breve e non rilasciano titoli del sistema formale MA Le competenze acquisite possono essere validate dalle competenti autorità nazionali e portare ad un titolo formale.
    • ISCED 2011 Istruzione informale • processi di auto-formazione, per sviluppare e migliorare le conoscenze su temi di interesse personale • si svolge anche in situazioni di vita quotidiana (“learning by doing”), al di fuori di istituzioni formali, senza limiti di età • non si ottengono titoli