AA.VV. - #ItaliaNonProfit#Sfide#Opportunità#Dicotomie

26,110 views
26,015 views

Published on

Censimento dell’industria e dei servizi 2011 Istituzioni non profit

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
26,110
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
107
Actions
Shares
0
Downloads
19
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

AA.VV. - #ItaliaNonProfit#Sfide#Opportunità#Dicotomie

  1. 1. Censimento dell’industria e dei servizi 2011 Istituzioni non profit #ItaliaNonProfit ## Sfide # Opportunità # Dicotomie (viste dal non profit) Contributi di AICONN – Cooperazione - non profit | CSVnet – Coordinamento Nazionale Centri di Servizio per il Volontariato Isnet – Associazione Impresa sociale | Associazione RENA | Rete WISTER – Women for Itelligent and Smart Territories #ItaliaNonProfit #Censimenti ROMA 16 APRILE 2014
  2. 2. #ItaliaNonProfit #Censimenti #ItaliaNonProfit #Censimenti è il live tweeting del convegno “Il Non Profit in Italia. Quali sfide e quali opportunità per il Paese, organizzato da Istat il 16 aprile 2014 a Romail 16 aprile 2014 a Roma. Qui le #Sfide #Opportunità e #Dicotomie per il non profit italiano, viste da alcune delle organizzazioni che hanno seguito con @istat itviste da alcune delle organizzazioni che hanno seguito con @istat_it la diretta on line. Istat ringrazia il non profit italiano per la collaborazione alla realizzazione del Censimento delle Istituzioni non profit 2011 e alle attività di diffusione. #ItaliaNonProfit #Censimenti ROMA 16 APRILE 2014
  3. 3. # DICOTOMIE / 1 1) POLVERIZZAZIONE VS DIVERSIFICAZIONE # DICOTOMIE / 1 1) POLVERIZZAZIONE VS DIVERSIFICAZIONE Il non profit italiano risulta essere fortemente polverizzato. Tuttavia il 63,2% delle istituzioni offre 2 o più servizi e, di tale percentuale, il 75,9% offre servizi in più settori di attività. 2) MARKET VS NON MARKET Il non profit italiano è costituito da organizzazioni primariamente non market. Tuttavia il non profitIl non profit italiano è costituito da organizzazioni primariamente non market. Tuttavia il non profit prevalentemente market è quello che , pur registrando una crescita minore, ha prodotto maggiore occupazione. In particolare, le grandi realtà caratterizzate da orientamento al mercato assorbono occupati più che proporzionalmente alla loro crescita in termini numerici, contribuendo a consolidare i livelli di occupazione nel non profit.occupazione nel non profit. . #ItaliaNonProfit #Censimenti ROMA 16 APRILE 2014
  4. 4. # DICOTOMIE / 2 3) FINANZIAMENTO PRIVATO VS PUBBLICO3) FINANZIAMENTO PRIVATO VS PUBBLICO Si tratta di soggetti prevalentemente a finanziamento privato. Tuttavia questo dato, se letto di pari passo con la maggiore percentuale di risorse umane volontarie, indica maggiore capacità di attrazione di capitale umano volontario rispetto alle organizzazioni prevalentemente a finanziamento pubblico.capitale umano volontario rispetto alle organizzazioni prevalentemente a finanziamento pubblico. 4) ISTITUZIONI MUTUALISTICHE VS DI PUBBLICA UTILITÀ Il non profit italiano si compone soprattutto da realtà di pubblica utilità, più numerose rispetto a quelle mutualistiche. Tuttavia queste ultime crescono maggiormente rispetto alle prime, sia in termini di occupati che di volontari. Questo trend evidenzia una tendenza alla mutualizzazione dei bisogni e alla realizzazione di pratiche collaborative in risposta alla crescente domanda di servizi di pubblica utilità.realizzazione di pratiche collaborative in risposta alla crescente domanda di servizi di pubblica utilità. . ROMA 16 APRILE 2014
  5. 5. # SFIDE #OPPORTUNITÀ / 1 1) PARTECIPAZIONE Il volontariato è uno dei rari ambiti sociali intergenerazionali, una palestra per le relazioni. #Opportunità Smentito il disimpegno dei giovani (20% fino a 29 anni; 43,2% da 34 a 54 anni) #Sfida Sono di più le donne che lavorano nel volontariato (68%) rispetto a quelle che svolgono attività volontaria (38%). 2) WELFARE I sistemi di welfare consolidati hanno anche un tessuto associativo più diffuso. #Opportunità Tendenza a diversificare le fonti di finanziamento (mix pubblico – privato) #ItaliaNonProfit #Censimenti ROMA 16 APRILE 2014
  6. 6. #SFIDE #OPPORTUNITÀ /2 3) COMUNICAZIONE Le associazioni che usano di più gli strumenti di comunicazione 2.0 sono più partecipate. Opportunità Capire meglio come vengono utilizzati gli strumenti di comunicazione 2.0. 4) CITTADINANZA Il volontariato educa sempre di più i cittadini alla cittadinanza. Sfida Favorire il rapporto con il territorio. #ItaliaNonProfit #Censimenti ROMA 16 APRILE 2014
  7. 7. #SFIDE 1) VALORE SOCIALE Il volontariato genera un valore sociale, aggiunto e specifico, quando: aiuta a consolidare il sistema di welfare in cui opera; riesce a ritagliarsi uno spazio sul mercato senza dipendere dal settore pubblico; è capace di farsi luogo di scambio tra generazioni diverse; riesce ad adattarsi al territorio in cui si muove e ad attirare risorse;riesce ad adattarsi al territorio in cui si muove e ad attirare risorse; dà vita ad organizzazioni giovani che sono anche le più partecipate. #ItaliaNonProfit #Censimenti ROMA 16 APRILE 2014
  8. 8. #SFIDE Per l’impresa sociale, emergono e si confermano tre ambiti su cui è fondamentale crescere: 1) Investire nella PARTNERSHIP SOCIALE intesa come collaborazione multi relazione (non soltanto ONP e Ente Pubblico). 2) Bilanciare ENTRATE PUBBLICHE E ENTRATE PRIVATE a fronte dell’evidenza che il peso delle entrate pubbliche per Non Profit e soprattutto per le Cooperative Sociali è ancora molto alto. 3) Superare l’idea di REPUTAZIONE fondata sull’assunto che per le “non profit parlano i fatti” (.. e che quindi “non serve comunicare bene quello che si fa e come lo si fa”). #ItaliaNonProfit #Censimenti ROMA 16 APRILE 2014
  9. 9. #SFIDE #OPPORTUNITÀ 1) GENERE Il non profit presenta opportunità specifiche e replica sfide comuni ad altri settori: Opportunità Il non profit costituisce uno sbocco all’occupazione femminile (l d tit i l i d i l t i t ib iti l tt )(le donne costituiscono la maggioranza dei lavoratori retribuiti nel settore). Opportunità Le donne che lavorano nel non profit hanno livelli di istruzione più alti rispetto agli uomini. Sfida Persiste il gender pay gap. Sfida Persiste la segregazione settoriale. (Le donne prevalgono nettamente in settori quali servizi per lungodegenti, istruzione primaria e secondaria, servizi di assistenza sociale, servizi psichiatrici ospedalieri e non). #ItaliaNonProfit #Censimenti ROMA 16 APRILE 2014
  10. 10. Dati e Approfondimenti i t i d t i i i i t t itwww.censimentoindustriaeservizi.istat.it #ItaliaNonProfit #Censimenti ROMA 16 APRILE 2014
  11. 11. GRAZIE #ItaliaNonProfit #ItaliaNonProfit #Censimenti ROMA 16 APRILE 2014

×