Your SlideShare is downloading. ×
G.P. Barbetta, P. Canino, S. Cima - Crescita occupazionale e nuove istituzioni
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

G.P. Barbetta, P. Canino, S. Cima - Crescita occupazionale e nuove istituzioni

26,455
views

Published on


0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
26,455
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
3
Actions
Shares
0
Downloads
55
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Censimento dell’industria e dei servizi 2011 Istituzioni non profit Crescita occupazionale e i tit i inuove istituzioni GIAN PAOLO BARBETTA1, PAOLO CANINO2 e STEFANO CIMA2 1 Università Cattolica di Milano 2 Fondazione Cariplo G i FLAVIO VERRECCHIA (I t t) l’ i t ROMA 16 APRILE 2014 Grazie a FLAVIO VERRECCHIA (Istat) per l’aiuto nella elaborazione dei dati e nelle analisi ROMA 16 APRILE 2014
  • 2. Introduzione Obiettivi Descrivere la demografia delle organizzazioni non profit (e la loro occupazione) tra il Censimento del 2001 e quello del 2011 per analizzarne la crescita interna, la natalità, la mortalità e sottolineare l’importanza degli affinamenti nelle tecniche di rilevazione. E id i i diff i li di it tt i li t it i li di ti d l i tiEvidenziare i differenziali di crescita settoriali e territoriali, distinguendone le varie componenti. Metodo Ricostruzione del panel (2001, 2011) delle organizzazioni sempre attive (le istituzioni storiche).Ricostruzione del panel (2001, 2011) delle organizzazioni sempre attive (le istituzioni storiche). Identificazione delle organizzazioni rilevate nel 2011 ma già attive nel 2001 (le istituzioni emerse). Un po’ di «contabilità» sulla demografia delle organizzazioni e dell’occupazione. Analisi delle differenze settoriali e territoriali. Possibili sviluppi futuri Analisi per altre variabili strutturali (es forma giuridica)Analisi per altre variabili strutturali (es. forma giuridica). Analisi dei fattori determinati i differenziali territoriali e settoriali. ROMA 16 APRILE 2014
  • 3. Un po’ di calcoli sulla demografiademografia delle istituzioni ROMA 16 APRILE 2014
  • 4. La demografia delle ISTITUZIONI (1/4) Saldo naturale e affinamento delle tecniche tra il 2001 e il 2011: R01 + S11 =N01-11 - C01-11 + R11 Istituzioni attive e rilevate Istituzioni attive nel 2001 e 2011, Istituzioni nate fra il 2001 e il Istituzioni cessate fra il 2001 e il Istituzioni attive e rilevate nel 2001 , rilevate solo nel 2011 2011 2011 nel 2011 Rilevate 2001 «Emerse»«Saldo naturale» Rilevate 2011 235.232 + 2001 45.666 =141.451 - 121.159 + 301.191 2011 ROMA 16 APRILE 2014
  • 5. La demografia delle ISTITUZIONI (2/4) Istituzioni nuove e istituzioni storiche: Profondo irinnovamento: settore nuovo per metàS01,11 +R11 = S11 + N01-11 Istituzioni attive e rilevate nel Istituzioni attive e rilevate Istituzioni attive nel 2001 e 2011 Istituzioni nate fra il 2001 e ilrilevate nel 2001 e nel 2011 rilevate nel 2011 2001 e 2011, rilevate solo nel 2011 2001 e il 2011 Rilevate Storiche Nuove 114.074 +301.191 = Rilevate Storiche 45.666 + Nuove 141.451 ROMA 16 APRILE 2014
  • 6. La demografia delle ISTITUZIONI (3/4) La crescita dipende dall’affinamento delle tecniche: - N01–11 + C01–11 S11 = R11 – R01 R01 Istituzioni nate R01 + Istituzioni cessate R01 IstituzioniVariazione numero R01 fra il 2001 e il 2011 fra il 2001 e il 2011 attive nel 2001 e 2011, rilevate solo istituzioni 2001- 2011 «Saldo naturale» rilevate solo nel 2011 «Emerse»«Crescita» «Saldo naturale» 8,6% + «Emerse» 19,4%28% = «Crescita» ROMA 16 APRILE 2014
  • 7. La demografia delle ISTITUZIONI (4/4) ROMA 16 APRILE 2014
  • 8. Le conseguenze della demografia delle istituzioni sull’occupazionesull occupazione del personale retribuito ROMA 16 APRILE 2014
  • 9. La demografia del PERSONALE (1/4) Crescita interna, saldo naturale e emerso (affinamento delle tecniche) P01|R01+ P11|N01-11- P01|C01-11+ P11|R11P11|S11= Personale delle istituzioni Crescita 2001-11 personale Personale nuove nate Personale cessate Personale delle istituzioni Personale istituzioni sempre nel 2001 istituzioni sempre rilevate nel 2011attive rilevate nel 2011 Rilevato «Crescita interna» «Saldo naturale» Rilevato«Emerso» 592.791 + 2001 185.279 + interna» 234.508 - 165.846 + 957.124 2011 110.392 = ROMA 16 APRILE 2014
  • 10. La demografia del PERSONALE (2/4) Personale storico e nuovi occupati: Maggior peso occupazionale delle istituzioni storiche P l P11|R11= P l P11|S01,11+ P l P11|S11+ P l P11|N01-11 Personale delle istituzioni l 2011 Personale delle istituzioni Personale istituzioni sempre tti Personale nuove nate 2001-2011 nel 2011 sempre rilevate attive rilevate nel 2011 Rilevato 2011 Storico Nuovo 957.124 = 2011 612.224 + 110.392 + 234.508 ROMA 16 APRILE 2014
  • 11. La demografia del PERSONALE (3/4) La crescita è prevalentemente interna Crescita del l «Crescita i «Saldo l «Emerso» Affipersonale 2001-2011 interna» naturale» Affinamento tecniche rilevazione 61,5% = 31,3% + 11,6% + 18,6% ROMA 16 APRILE 2014
  • 12. La demografia del PERSONALE (4/4) Si evidenziano: 1. La crescita occupazionale delle istituzioni «storiche»: + 185 279 ità+ 185.279 unità 2 Il peso occupazionale delle organizzazioni «emerse»:2. Il peso occupazionale delle organizzazioni «emerse»: + 110.392 unità 3. Il contributo netto delle nuove istituzioni: +68.662 unità ROMA 16 APRILE 2014
  • 13. Demografia delle istituzioni e del personale a livello settorialea livello settoriale ROMA 16 APRILE 2014
  • 14. Analisi settoriali: le ISTITUZIONI (1/4) Per ogni settore i, possiamo ricostruire: 1. L’andamento demografico fra il 2001 e il 2011 Si11Ni01 11 Ci01 11 +Ri11 = Ri01 + Ei01 11 Ui01 11 + Istituzioni attive nel S 11N 01-11 - Istituzioni nate fra il C 01-11 + Istituzioni cessate Istituzioni attive e R 11 = Istituzioni attive e R 01 + E 01-11 - Istituzioni entrate fra U 01-11 + Istituzioni uscite fra il 2001 e nel 2011, rilevate 2001 e il 2011 rilevate l 2011 fra il 2001 e il 2011 rilevate nel rilevate nel 2011 rilevate nel 2001 il 2001 e il 2011 sempre il t (i 2001 e il 2011 sempre solo nel 2011 nel 2011 2011rilevate (in due settori diversi) rilevate (in due settori diversi) «Emerse»«Saldo naturale»Rilevate 2011 Rilevate 2001 «Saldo migratorio» ROMA 16 APRILE 2014 2011 2001
  • 15. Analisi settoriali: le ISTITUZIONI (2/4) 2. La scomposizione della crescita 2001-2011 CulturaCultura sport e ricreazione Istruzione e ricerca Sanità e assistenza sociale Tutela degli interessi ROMA 16 APRILE 2014
  • 16. Analisi settoriali: le ISTITUZIONI (3/4) 3. La composizione al 2011 Istituzioni attive Si11 + Istituzioni Ri11 = Istituzioni Si01,11 + Ni01-11 Istituzioni nate Ei01-11 + IstituzioniIstituzioni attive nel 2001 e nel 2011, rilevate solo nel 2011 Istituzioni attive e rilevate nel 2011 Istituzioni attive e rilevate nel 2001 e nel Istituzioni nate fra il 2001 e il 2011 rilevate nel 2011 Istituzioni entrate fra il 2001 e il 2011 sempre rilevatesolo nel 20112011 2001 e nel 2011 nello stesso settore nel 2011sempre rilevate (in due settori diversi) Rile ate Emerse Rilevate 2011 Storiche NuoveEntrate ROMA 16 APRILE 2014
  • 17. Analisi settoriali: le ISTITUZIONI (4/4) Istituzioni, per macro-settore, composizione percentuale Maggior presenza di nuove entrate in istruzione e ricerca, maggior presenza di nuove, ma anche di storiche, in cultura sport e ricreazione. ROMA 16 APRILE 2014 , , p
  • 18. Analisi settoriali: il PERSONALE (1/4) Anche per il personale, per ogni settore i, possiamo ricostruire: 1. L’andamento demografico fra il 2001 e il 2011 Pi11|Si11Pi11|Ni01-11- Pi01|Ci01-11+Pi11|Ri11 = Pi01|Ri01+ Pi11|Ei01-11- Pi01|Ui01-11+ Personale istituzioni attive nel Personale istituzioni nate fra il Personale istituzioni cessate fra il Personale istituzioni attive e Personale istituzioni attive e Personale istituzioni entrate fra il Personale istituzioni uscite fra il Variazione 2001-11 personale attive nel 2001 e nel 2011, rilevate solo nel nate fra il 2001 e il 2011 rilevate nel 2011 cessate fra il 2001 e il 2011 rilevate nel 2011 attive e rilevate nel 2011 attive e rilevate nel 2001 entrate fra il 2001 e il 2011 sempre rilevate (in uscite fra il 2001 e il 2011 sempre rilevate (in personale istituzioni attive e rilevate nel 2001 e nel solo nel 2011 2011rilevate (in due settori diversi) rilevate (in due settori diversi) 2001 e nel 2011 nello stesso settore «Emerse»«Saldo naturale» Rilevate 2011 Rilevate 2001 «Saldo migratorio» «Crescita interna» ROMA 16 APRILE 2014
  • 19. Analisi settoriali: le ISTITUZIONI (2/4) 2. La scomposizione della crescita 2001-2011 CulturaCultura sport e ricreazione Istruzione e ricerca Sanità e assistenza sociale Tutela degli interessi ROMA 16 APRILE 2014
  • 20. Analisi settoriali: il PERSONALE (3/4) 3. La composizione al 2011 Personale Pi11|Si11+ Personale Pi11|Ri11 = Personale Pi11|Si01,11+ Pi11|Ni01-11 Personale Pi11|Ei01-11+ PersonalePersonale istituzioni attive nel 2001 e nel 2011, rilevate Personale istituzioni attive e rilevate nel Personale istituzioni attive e rilevate nel Personale istituzioni nate fra il 2001 e il 2011 rilevate Personale istituzioni entrate fra il 2001 e il 20112011, rilevate solo nel 2011 rilevate nel 2011 rilevate nel 2001 e nel 2011 nello stesso settore 2011 rilevate nel 2011 2001 e il 2011 sempre rilevate (in due settori diversi) Rile ate ) Emerse Rilevate 2011 Storiche NuoveEntrate ROMA 16 APRILE 2014
  • 21. Analisi settoriali: il PERSONALE (4/4) Personale istituzioni, per macro-settore, composizione percentuale Forti differenze fra i settori, maggior incidenza delle nuove in cultura sport e ricreazione, progressiva maggior incidenza delle storiche negli altri tre settori (I&R S&AS TdI) ROMA 16 APRILE 2014 (I&R, S&AS, TdI).
  • 22. Demografia delle istituzioni e del personale a livello territorialea livello territoriale ROMA 16 APRILE 2014
  • 23. Analisi territoriali: le ISTITUZIONI (1/4) Per ogni territorio j (ripartizioni geografiche), possiamo ricostruire: 1. L’andamento demografico fra il 2001 e il 2011 Istituzioni insediate fra il 2001 Istituzioni de- localizzate Istituzioni nate fra il 2001 e il Istituzioni cessate fra il 2001 e il Istituzioni attive e rilevate Istituzioni attive e rilevate Istituzioni attive nel 2001 efra il 2001 e il 2011 sempre rilevate (in d t it i localizzate fra il 2001 e il 2011 sempre il t (i 2001 e il 2011 rilevate nel 2011 il 2001 e il 2011 rilevate nel 2001 rilevate nel 2001 rilevate nel 2011 2001 e nel 2011 rilevate nel 2011 due territori diversi) rilevate (in due territori diversi) «Emerse»«Saldo naturale»«Saldo migratorio» (trascurabile) Rilevate 2001 Rilevate 2011 ROMA 16 APRILE 2014
  • 24. Analisi territoriali: le ISTITUZIONI (2/4) 2. La scomposizione della crescita 2001-2011 «Saldo naturale» «Emerse» - affinamento tecniche rilevazione 27 5% 18 9%IT=28% IT=8 6% IT=19 4% 32,4% 27,5% 32 5% 12,5% 8,5% 20,0% 18,9%IT=28% IT=8,6% IT=19,4% 32,5% 22,3% 12,4% 4,1% 20,0% 18 2% 18,8% 4,1% ‐1,1% 18,2% 19,9% Crescita più elevata al Nord-Ovest e al Centro, per un più alto saldo naturale. Affinamento della rilevazione omogeneo sul territorio nazionale. ROMA 16 APRILE 2014 Affinamento della rilevazione omogeneo sul territorio nazionale.
  • 25. Analisi territoriali: le ISTITUZIONI (3/4) 3. La composizione al 2011p Istituzioni insediate fra il Istituzioni nate fra il 2001 e il Istituzioni attive e il t l Istituzioni attive e Istituzioni attive nel 2001 e il 2011 sempre rilevate (in d t it i 2011 rilevate nel 2011 rilevate nel 2001 e nel 2011 nello t rilevate nel 2011 2001 e nel 2011 rilevate nel 2011 due territori diversi) stesso territorio 2011 Emerse InsediateStoriche Nuove Rilevate 2011 ROMA 16 APRILE 2014
  • 26. Analisi territoriali: le ISTITUZIONI (4/4) Istituzione, per ripartizione, composizione percentuale Poche differenze fra le 5 ripartizioni, maggior incidenza delle nuove al Sud, maggior incidenza delle storiche al Nord-Est ROMA 16 APRILE 2014 gg
  • 27. Analisi territoriali: il PERSONALE (1/4) per ogni territorio j, possiamo ricostruire: 1. L’andamento demografico fra il 2001 e il 2011 Personale 2011 istituzioni Personale 2001 istituzioni Personale 2011 istituzioni Personale 2001 istituzioni Personale 2001 istituzioni Personale 2011 istituzioni Personale 2011 istituzioni Variazione 2001- 11 personale istituzioni attive e insediate fra 2001 e 2011 sempre de- localizzate fra 2001 e 2011 nate fra 2001 e 2011 rilevate nel 2011 cessate fra 2001 e 2011 rilevate nel 2001 attive e rilevate nel 2001 attive e rilevate nel 2011 attive nel 2001 e nel 2011 rilevate rilevate nel 2001 e nel 2011 nello stesso territorio rilevate (in due territori diversi) sempre rilevate (in due territori diversi) nel 2011 «Emerse»«Saldo naturale»«Saldo migratorio» (trascurabile) «Crescita interna» Rilevate 2001 Rilevate 2011 ROMA 16 APRILE 2014 (trascurabile)20012011
  • 28. Analisi territoriali: il PERSONALE (2/4) 2. La scomposizione della crescita 2001-2011 «Saldo naturale» «Emerse» - miglioramento tecniche rilevazione 64,6% 77,7% 16,2% 14,7% 19,8% 17,1% 30,5% 45,6%IT=61,5% IT=31,3% IT=11,6% IT=18,6% 57,2% 41,5% 5,7% 10,1% 18,1% 19,0% 31,6% 13,3 50,4% 4,3% 18,7% 28,1% Crescita più elevata al Nord, per una più forte crescita interna al Nord-Est e per un più alto saldo naturale al Nord-Ovest. Come già visto, l’affinamento della rilevazione è omogeneo sul territorio nazionale ROMA 16 APRILE 2014 rilevazione è omogeneo sul territorio nazionale.
  • 29. Analisi territoriali: il PERSONALE (3/4) 3. La composizione al 2011p Personale istituzioni Personale istituzioni nate Personale istituzioni Personale istituzioni Personale istituzioni insediate fra il 2001 e il 2011 sempre il t (i fra il 2001 e il 2011 rilevate nel 2011 attive e rilevate nel 2001 e nel 2011 nello t attive e rilevate nel 2011 attive nel 2001 e nel 2011 rilevate nel 2011 rilevate (in due territori diversi) stesso territorio 2011 Emerse InsediateStoriche Nuove Rilevate 2011 ROMA 16 APRILE 2014
  • 30. Analisi territoriali: il PERSONALE (4/4) Personale istituzione, per ripartizione, composizione percentuale Conferma delle differenze già evidenziate: maggior incidenza del personale delle nuove istituzioni al Sud, maggior incidenza delle istituzioni storiche al Nord-Est ROMA 16 APRILE 2014
  • 31. Conclusioni (1/3) 1. Elevatissimo ricambio istituzionale nel corso del decennio: circa la metà delle organizzazioni attive nel 2011 non esisteva infatti dieci anni prima. 2. Nonostante il forte ricambio, la forte crescita occupazionale (+61,5% nel decennio) dipende, anzitutto, dalla crescita( 61,5% nel decennio) dipende, anzitutto, dalla crescita dell’occupazione delle istituzioni storiche (+31,3%) e, in seconda battuta, dall’emersione di organizzazione già esistenti (+18,6%). Il contributo alla crescita occupazionale portato dalle nuove organizzazioni (+11,6%) è invece relativamente modestorelativamente modesto. ROMA 16 APRILE 2014
  • 32. Conclusioni (2/3) 3. Differenze settoriali: • la crescita è più elevata in Sanità e Assistenza sociale (sia per numero di istituzioni, sia per gli occupati). • livelli sostenuti di crescita si registrano anche in Istruzione e ricerca (occupazione) e nel settore della Cultura, sport e i i (i tit i i)ricreazione (istituzioni). • incidenza delle istituzioni storiche è molto forte (in termini di( occupazione) nel settore della Tutela degli interessi. • incidenza significativa delle nuove istituzioni nella Cultura sportincidenza significativa delle nuove istituzioni nella Cultura, sport e ricreazione. ROMA 16 APRILE 2014
  • 33. Conclusioni (3/3) 4. Differenze territoriali: • crescita più elevata al Nord per una più forte crescitacrescita più elevata al Nord, per una più forte crescita dell’occupazione delle istituzioni storiche al Nord-Est e per un più alto saldo naturale al Nord-Ovest. • il rilevante affinamento delle tecniche e del processo di rilevazione risulta, infine, omogeneo su tutto il territoriog nazionale. ROMA 16 APRILE 2014