Your SlideShare is downloading. ×
N.Mignolli, C. Freguja, C. Colasanti, P. Conigliaro, L. Marangon, A. Reale  - La Rilevazione sul benessere organizzativo e sul fenomeno del mobbing
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

N.Mignolli, C. Freguja, C. Colasanti, P. Conigliaro, L. Marangon, A. Reale - La Rilevazione sul benessere organizzativo e sul fenomeno del mobbing

38,839

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
38,839
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
4
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. La Rilevazione sul benessere organizzativoe sul fenomeno del mobbing Istat - Prima edizione - Anno 2012 Nadia Mignolli | Cristina Freguja, Cecilia Colasanti, Paola Conigliaro, Letizia Marangon, Alessandra Reale | Comitato Unico di Garanzia per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi
  • 2. IL CUG E LE SUE FUNZIONI Comitato Unico di Garanzia per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni Organismo paritetico istituito ex Art. 21 della Legge n. 183 del 4 Novembre 2010 (c.d. collegato lavoro), in rispetto delle normative europee Unifica il Comitato Pari Opportunità e del Comitato paritetico sul fenomeno del mobbing È composto da membri delle organizzazioni sindacali più rappresentative e rappresentanti dell’Istat, che rimangono in carica 4 anni (possibile un rinnovo) Il CUG svolge compiti: propositivi (per favorire l’uguaglianza di genere; prevenire qualunque forma di violenza morale o psicologica e di discriminazione diretta o indiretta); consultivi (in tema di riorganizzazione; formazione; orario lavoro, flessibilità, conciliazione; valutazione del personale; contrattazione integrativa); di verifica (in materia di pari opportunità; esiti delle azioni di promozione del benessere organizzativo, di prevenzione del disagio lavorativo, di contrasto alle violenze morali e psicologiche nei luoghi di lavoro – mobbing).
  • 3. AZIONI POSITIVE Adozione del Codice di condotta dell’Istituto nazionale di statistica per la prevenzione e la lotta contro il mobbing e le molestie sessuali – 2009 Nomina della Consigliera di fiducia (gestisce lo sportello di ascolto per le situazioni di disagio, molestie, mobbing presso l’Istituto) – 2011 Rilevazione sul benessere organizzativo e sul fenomeno del mobbing per individuare punti di forza e possibili aree di disagio in ambito lavorativo Istat – 2012
  • 4. LA RILEVAZIONE Nasce dal lavoro congiunto di diversi attori Tiene conto di diversi modelli di questionario: Organizational Health Questionnaire (Facoltà di Psicologia, Sapienza Università di Roma e alcuni esperti della Pubblica amministrazione coordinati da Avallone F. e Paplomatas A.) Le persone e il lavoro (ISPESL - Istituto Superiore per la Prevenzione e la Sicurezza del Lavoro) Benessere organizzativo (Laboratorio sul benessere del Programma Cantieri del Dipartimento della Funzione Pubblica) Organizzazione, apprendimento e competenze - OAC (ISFOL)
  • 5. INFORMAZIONI SULLA RILEVAZIONE Tipologia di rilevazione: totale Popolazione di riferimento: tutti i dipendenti, con contratto a tempo determinato e indeterminato, che lavoravano in Istat durante la primavera del 2012 Tecnica di rilevazione: questionario autosomministrato via web, con codice di accesso personale utilizzo del software open source LimeSurvey possibilità di scegliere la compilazione cartacea Il lancio della Rilevazione è stato preceduto da un seminario di informazione/ formazione sul questionario, sui contenuti e sugli obiettivi
  • 6. QUESTIONARIO: LE SEZIONI Diversi ambiti di interesse, nel rispetto di un carico non eccessivo sui rispondenti, per garantire un livello di partecipazione soddisfacente Il questionario è suddiviso in sei sezioni: Dati anagrafici e strutturali Condizione lavorativa Sicurezza e salute sul luogo di lavoro Caratteristiche dell’ambiente di lavoro Benessere organizzativo, situazione personale e disagi Percezione dell’Istituto e suggerimenti
  • 7. PRIMI RISULTATI Pubblicati a Settembre 2012 Reperibili nel sito www.istat.it, nella sezione “Trasparenza, valutazione e merito”, alla voce “Dati informativi relativi al personale” Relativi a : caratteristiche dei rispondenti attività lavorativa svolta in Istituto soddisfazione dei dipendenti per il lavoro e per altre dimensioni della vita valutazione di aspetti specifici dell’ambiente di lavoro aspetti da migliorare in maniera prioritaria percezione esterna che hanno dell’Istituto Nazionale di Statistica gli amici/familiari e la collettività in generale
  • 8. CARATTERISTICHE DEI RISPONDENTI 1.725 lavoratori e lavoratrici rispondenti (tasso di risposta pari al 73%) Tasso di risposta più alto per: le donne (75% contro il 70,1% degli uomini) il personale di I-III livello (76,3%, contro il 71,1% di quello di IV-VIII livello) i dipendenti a tempo determinato, ovvero il 18% circa della forza lavoro dell’Istituto (83,3%, contro il 70,8% di quelli a tempo indeterminato) i dipendenti con un’anzianità compresa tra i 20 e i 30 anni (90,8%) i dipendenti fino a 34 anni (83,4%) i dipendenti con almeno una laurea (79,2%)
  • 9. ATTIVITÀ LAVORATIVA E SODDISFAZIONE Un lavoro utile e importante: la maggioranza dei rispondenti qualifica il proprio lavoro come “utile per la collettività” (61%), “rilevante” (56,9%) e “importante” (52,3%) Soddisfazione diffusa per il proprio lavoro e le relazioni con i colleghi: il 72,7% è soddisfatto (molto o abbastanza) del lavoro il 79,7% è soddisfatto (molto o abbastanza) delle relazioni con i colleghi i più alti livelli di soddisfazione si registrano tra i rispondenti agli inizi della carriera lavorativa (anzianità fino a 3 anni), tra chi ha un contratto a tempo determinato (75,5% e 83,4%) e un’età inferiore ai 34 anni (72,7% e 83,1%) Buono il giudizio sull’ambiente di lavoro, insufficiente quello sulla mensa:il 22,1% è “molto” soddisfatto e il 55,3% lo è “abbastanza” dell’ambientesufficiente o buono il giudizio relativo a pulizia, illuminazione, microclima, silenziositàalcune criticità emergono sul servizio mensa (spazi disponibili, luminosità, silenziosità e rapporto qualità prezzo) Soddisfazione più bassa per la propria condizione economica: poco meno della metà dei rispondenti non è pienamente soddisfatto della situazione economica (“poco” il 34,9% e “per niente” il 9,6%)
  • 10. VALUTAZIONE SU ASPETTI SPECIFICI Minore soddisfazione per il tempo libero per le donne:47,2% contro il 56,3% degli uomini Conciliazione vita-lavoro:Gli uomini ritengono di riuscire a conciliare la propria vita privata con il lavoro inmisura leggermente superiore rispetto alle loro colleghe (“molto o abbastanza” nel74,4% dei casi, contro il 72,5%)Il 29,6% delle donne che hanno figli minori o altri individui da accudire (bambininon conviventi, anziani, disabili) riferisce di riuscire a conciliare “poco” o “perniente” lavoro e vita privata (contro il 26,5% degli uomini)
  • 11. ASPETTI DA MIGLIORARE (Valori percentuali su un massimo di tre risposte)
  • 12. PERCEZIONE DELL’ISTITUTO (Valori percentuali su un massimo di tre risposte)
  • 13. PROSSIME DIFFUSIONI Sicurezza e salute sul luogo di lavoro: misure di sicurezza più che sufficienti formazione ad hoc Caratteristiche della comunicazione organizzativa: per il 29,6% gli obiettivi dell’organizzazione sono “spesso o sempre” chiari e ben definiti (“qualche volta” per il 58,4%, “mai” per il 12%) per il 25,5% i cambiamenti organizzativi sono “spesso o sempre” comunicati al personale chiaramente (“qualche volta” per il 50,6%, “mai” per il 23,9%) Caratteristiche della comunicazione funzionale: il 25,9% dei rispondenti “spesso o sempre” sa a chi rivolgersi quando ha bisogno di informazioni (“qualche volta” il 61,9%, “mai” il 12,2%) il 26,8% dei rispondenti associa all’affermazione “è facile avere le informazioni di cui si ha bisogno” alle modalità “spesso o sempre” (“qualche volta” il 63,9%, “mai” il 9,3%) Mobilità: il 13,3% dei rispondenti riferisce di aver inoltrato una richiesta di mobilità nei tre anni precedenti l’intervista Situazione personale e disagio
  • 14. INIZIATIVE FUTURE Nuove edizioni della Rilevazione in sinergia con le altre iniziative in corso all’interno dell’Istituto, in modo da controllare il carico sui rispondenti, e tenendo conto dei modelli per la realizzazione di indagini sul personale dipendente a cura della CiVIT (ai sensi dell’art. 14 – comma 5 – del Decreto Legislativo n. 150/2009) Focus su alcune problematiche emerse dalla presente Rilevazione, per approfondimenti ad hoc Condivisione di buone pratiche con altri Enti esterni, per costruire una piattaforma confrontabile
  • 15. Grazie per l’attenzioneContatti:comitato-di-garanzia@servizio.istat.ithttp://intranet.istat.it/struttura_e_attivita/comitati/comitato_unico_garanzia/CUG.php

×