N.Mignolli, C. Freguja, C. Colasanti, P. Conigliaro, L. Marangon, A. Reale  - La Rilevazione sul benessere organizzativo e sul fenomeno del mobbing
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Like this? Share it with your network

Share

N.Mignolli, C. Freguja, C. Colasanti, P. Conigliaro, L. Marangon, A. Reale - La Rilevazione sul benessere organizzativo e sul fenomeno del mobbing

on

  • 36,888 views

 

Statistics

Views

Total Views
36,888
Views on SlideShare
36,888
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
2
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

CC Attribution-NonCommercial-ShareAlike LicenseCC Attribution-NonCommercial-ShareAlike LicenseCC Attribution-NonCommercial-ShareAlike License

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

N.Mignolli, C. Freguja, C. Colasanti, P. Conigliaro, L. Marangon, A. Reale - La Rilevazione sul benessere organizzativo e sul fenomeno del mobbing Presentation Transcript

  • 1. La Rilevazione sul benessere organizzativoe sul fenomeno del mobbing Istat - Prima edizione - Anno 2012 Nadia Mignolli | Cristina Freguja, Cecilia Colasanti, Paola Conigliaro, Letizia Marangon, Alessandra Reale | Comitato Unico di Garanzia per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi
  • 2. IL CUG E LE SUE FUNZIONI Comitato Unico di Garanzia per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni Organismo paritetico istituito ex Art. 21 della Legge n. 183 del 4 Novembre 2010 (c.d. collegato lavoro), in rispetto delle normative europee Unifica il Comitato Pari Opportunità e del Comitato paritetico sul fenomeno del mobbing È composto da membri delle organizzazioni sindacali più rappresentative e rappresentanti dell’Istat, che rimangono in carica 4 anni (possibile un rinnovo) Il CUG svolge compiti: propositivi (per favorire l’uguaglianza di genere; prevenire qualunque forma di violenza morale o psicologica e di discriminazione diretta o indiretta); consultivi (in tema di riorganizzazione; formazione; orario lavoro, flessibilità, conciliazione; valutazione del personale; contrattazione integrativa); di verifica (in materia di pari opportunità; esiti delle azioni di promozione del benessere organizzativo, di prevenzione del disagio lavorativo, di contrasto alle violenze morali e psicologiche nei luoghi di lavoro – mobbing).
  • 3. AZIONI POSITIVE Adozione del Codice di condotta dell’Istituto nazionale di statistica per la prevenzione e la lotta contro il mobbing e le molestie sessuali – 2009 Nomina della Consigliera di fiducia (gestisce lo sportello di ascolto per le situazioni di disagio, molestie, mobbing presso l’Istituto) – 2011 Rilevazione sul benessere organizzativo e sul fenomeno del mobbing per individuare punti di forza e possibili aree di disagio in ambito lavorativo Istat – 2012
  • 4. LA RILEVAZIONE Nasce dal lavoro congiunto di diversi attori Tiene conto di diversi modelli di questionario: Organizational Health Questionnaire (Facoltà di Psicologia, Sapienza Università di Roma e alcuni esperti della Pubblica amministrazione coordinati da Avallone F. e Paplomatas A.) Le persone e il lavoro (ISPESL - Istituto Superiore per la Prevenzione e la Sicurezza del Lavoro) Benessere organizzativo (Laboratorio sul benessere del Programma Cantieri del Dipartimento della Funzione Pubblica) Organizzazione, apprendimento e competenze - OAC (ISFOL)
  • 5. INFORMAZIONI SULLA RILEVAZIONE Tipologia di rilevazione: totale Popolazione di riferimento: tutti i dipendenti, con contratto a tempo determinato e indeterminato, che lavoravano in Istat durante la primavera del 2012 Tecnica di rilevazione: questionario autosomministrato via web, con codice di accesso personale utilizzo del software open source LimeSurvey possibilità di scegliere la compilazione cartacea Il lancio della Rilevazione è stato preceduto da un seminario di informazione/ formazione sul questionario, sui contenuti e sugli obiettivi
  • 6. QUESTIONARIO: LE SEZIONI Diversi ambiti di interesse, nel rispetto di un carico non eccessivo sui rispondenti, per garantire un livello di partecipazione soddisfacente Il questionario è suddiviso in sei sezioni: Dati anagrafici e strutturali Condizione lavorativa Sicurezza e salute sul luogo di lavoro Caratteristiche dell’ambiente di lavoro Benessere organizzativo, situazione personale e disagi Percezione dell’Istituto e suggerimenti
  • 7. PRIMI RISULTATI Pubblicati a Settembre 2012 Reperibili nel sito www.istat.it, nella sezione “Trasparenza, valutazione e merito”, alla voce “Dati informativi relativi al personale” Relativi a : caratteristiche dei rispondenti attività lavorativa svolta in Istituto soddisfazione dei dipendenti per il lavoro e per altre dimensioni della vita valutazione di aspetti specifici dell’ambiente di lavoro aspetti da migliorare in maniera prioritaria percezione esterna che hanno dell’Istituto Nazionale di Statistica gli amici/familiari e la collettività in generale
  • 8. CARATTERISTICHE DEI RISPONDENTI 1.725 lavoratori e lavoratrici rispondenti (tasso di risposta pari al 73%) Tasso di risposta più alto per: le donne (75% contro il 70,1% degli uomini) il personale di I-III livello (76,3%, contro il 71,1% di quello di IV-VIII livello) i dipendenti a tempo determinato, ovvero il 18% circa della forza lavoro dell’Istituto (83,3%, contro il 70,8% di quelli a tempo indeterminato) i dipendenti con un’anzianità compresa tra i 20 e i 30 anni (90,8%) i dipendenti fino a 34 anni (83,4%) i dipendenti con almeno una laurea (79,2%)
  • 9. ATTIVITÀ LAVORATIVA E SODDISFAZIONE Un lavoro utile e importante: la maggioranza dei rispondenti qualifica il proprio lavoro come “utile per la collettività” (61%), “rilevante” (56,9%) e “importante” (52,3%) Soddisfazione diffusa per il proprio lavoro e le relazioni con i colleghi: il 72,7% è soddisfatto (molto o abbastanza) del lavoro il 79,7% è soddisfatto (molto o abbastanza) delle relazioni con i colleghi i più alti livelli di soddisfazione si registrano tra i rispondenti agli inizi della carriera lavorativa (anzianità fino a 3 anni), tra chi ha un contratto a tempo determinato (75,5% e 83,4%) e un’età inferiore ai 34 anni (72,7% e 83,1%) Buono il giudizio sull’ambiente di lavoro, insufficiente quello sulla mensa:il 22,1% è “molto” soddisfatto e il 55,3% lo è “abbastanza” dell’ambientesufficiente o buono il giudizio relativo a pulizia, illuminazione, microclima, silenziositàalcune criticità emergono sul servizio mensa (spazi disponibili, luminosità, silenziosità e rapporto qualità prezzo) Soddisfazione più bassa per la propria condizione economica: poco meno della metà dei rispondenti non è pienamente soddisfatto della situazione economica (“poco” il 34,9% e “per niente” il 9,6%)
  • 10. VALUTAZIONE SU ASPETTI SPECIFICI Minore soddisfazione per il tempo libero per le donne:47,2% contro il 56,3% degli uomini Conciliazione vita-lavoro:Gli uomini ritengono di riuscire a conciliare la propria vita privata con il lavoro inmisura leggermente superiore rispetto alle loro colleghe (“molto o abbastanza” nel74,4% dei casi, contro il 72,5%)Il 29,6% delle donne che hanno figli minori o altri individui da accudire (bambininon conviventi, anziani, disabili) riferisce di riuscire a conciliare “poco” o “perniente” lavoro e vita privata (contro il 26,5% degli uomini)
  • 11. ASPETTI DA MIGLIORARE (Valori percentuali su un massimo di tre risposte)
  • 12. PERCEZIONE DELL’ISTITUTO (Valori percentuali su un massimo di tre risposte)
  • 13. PROSSIME DIFFUSIONI Sicurezza e salute sul luogo di lavoro: misure di sicurezza più che sufficienti formazione ad hoc Caratteristiche della comunicazione organizzativa: per il 29,6% gli obiettivi dell’organizzazione sono “spesso o sempre” chiari e ben definiti (“qualche volta” per il 58,4%, “mai” per il 12%) per il 25,5% i cambiamenti organizzativi sono “spesso o sempre” comunicati al personale chiaramente (“qualche volta” per il 50,6%, “mai” per il 23,9%) Caratteristiche della comunicazione funzionale: il 25,9% dei rispondenti “spesso o sempre” sa a chi rivolgersi quando ha bisogno di informazioni (“qualche volta” il 61,9%, “mai” il 12,2%) il 26,8% dei rispondenti associa all’affermazione “è facile avere le informazioni di cui si ha bisogno” alle modalità “spesso o sempre” (“qualche volta” il 63,9%, “mai” il 9,3%) Mobilità: il 13,3% dei rispondenti riferisce di aver inoltrato una richiesta di mobilità nei tre anni precedenti l’intervista Situazione personale e disagio
  • 14. INIZIATIVE FUTURE Nuove edizioni della Rilevazione in sinergia con le altre iniziative in corso all’interno dell’Istituto, in modo da controllare il carico sui rispondenti, e tenendo conto dei modelli per la realizzazione di indagini sul personale dipendente a cura della CiVIT (ai sensi dell’art. 14 – comma 5 – del Decreto Legislativo n. 150/2009) Focus su alcune problematiche emerse dalla presente Rilevazione, per approfondimenti ad hoc Condivisione di buone pratiche con altri Enti esterni, per costruire una piattaforma confrontabile
  • 15. Grazie per l’attenzioneContatti:comitato-di-garanzia@servizio.istat.ithttp://intranet.istat.it/struttura_e_attivita/comitati/comitato_unico_garanzia/CUG.php