ROMA 11 LUGLIO 2013
Imprenditoria
e governance:
prime evidenze
Censimento
dell’industria
e dei servizi 2011
Roberto Monduc...
Censimento dell’industria e dei servizi 2011
Imprenditoria e governance: prime evidenze
ROMA 11 LUGLIO 2013
Il CIS 2011 si...
Censimento dell’industria e dei servizi 2011
Imprenditoria e governance: prime evidenze
ROMA 11 LUGLIO 2013
Campo di osser...
Censimento dell’industria e dei servizi 2011
Imprenditoria e governance: prime evidenze
ROMA 11 LUGLIO 2013
Strategia d’in...
Censimento dell’industria e dei servizi 2011
Imprenditoria e governance: prime evidenze
ROMA 11 LUGLIO 2013
La diffusione ...
Censimento dell’industria e dei servizi 2011
Imprenditoria e governance: prime evidenze
Le caratteristiche del socio princ...
Censimento dell’industria e dei servizi 2011
Imprenditoria e governance: prime evidenze
Responsabilità della gestione dell...
Censimento dell’industria e dei servizi 2011
Imprenditoria e governance: prime evidenze
La microimprenditorialità – 1
Le i...
Censimento dell’industria e dei servizi 2011
Imprenditoria e governance: prime evidenze
La microimprenditorialità - 2
Il 4...
Censimento dell’industria e dei servizi 2011
Imprenditoria e governance: prime evidenze
Acquisizione di risorse umane
Nel ...
Censimento dell’industria e dei servizi 2011
Imprenditoria e governance: prime evidenze
Conclusioni
La rilevazione diretta...
Censimento dell’industria e dei servizi 2011
Imprenditoria e governance: prime evidenze
Microimprenditori per genere e mac...
Censimento dell’industria e dei servizi 2011
Imprenditoria e governance: prime evidenze
Microimprenditrici nei settori dei...
Censimento dell’industria e dei servizi 2011
Imprenditoria e governance: prime evidenze
Microimprenditori per classe di et...
Censimento dell’industria e dei servizi 2011
Imprenditoria e governance: prime evidenze
ROMA 11 LUGLIO 2013
Fino a 14,3%
D...
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

R. Monducci - Imprenditoria e governance: prime evidenze

34,765

Published on

Il Censimento delle industrie e dei servizi 2011 si è svolto in una particolare fase del sistema produttivo italiano e punta a soddisfare nuove esigenze informative. In questa presentazione si illustrano le prime evidenze su imprenditoria, sulla responsabilità della gestione dell’impresa, sulla microimprenditorialità e sull’acquisizione di risorse umane.

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
34,765
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
5
Actions
Shares
0
Downloads
29
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Transcript of "R. Monducci - Imprenditoria e governance: prime evidenze"

  1. 1. ROMA 11 LUGLIO 2013 Imprenditoria e governance: prime evidenze Censimento dell’industria e dei servizi 2011 Roberto Monducci Direttore del Dipartimento per i conti nazionali e le statistiche economiche 1
  2. 2. Censimento dell’industria e dei servizi 2011 Imprenditoria e governance: prime evidenze ROMA 11 LUGLIO 2013 Il CIS 2011 si è svolto in una particolare fase del sistema produttivo italiano: flessibilità produttiva e organizzativa, investimento in capitale umano e innovazione e capacità di ridisegnare le catene del valore divengono strumenti indispensabili per sopravvivere prima ancora che per crescere. Nuove esigenze informative 1. Arricchire di nuovi contenuti il sistema informativo sulle imprese: approfondimento sulle strategie e i fattori di competitività delle imprese, fenomeni finora poco rilevati dalle indagini correnti dell’Istat. 2. Aumentare l’informazione statistica relativa alle microimprese, prevalentemente escluse dalle indagini economiche strutturali, con riferimento ai segmenti dotati di una struttura organizzativa minima. 3. Disporre di una base informativa utile all’innovazione delle modalità di rilevazione e alla realizzazione di un sistema più integrato delle indagini correnti sulle imprese. 2
  3. 3. Censimento dell’industria e dei servizi 2011 Imprenditoria e governance: prime evidenze ROMA 11 LUGLIO 2013 Campo di osservazione ⇒⇒⇒⇒ Oltre 1 milione di imprese dell’industria e dei servizi con almeno 3 addetti (*), con un’occupazione di poco meno di 13 milioni di addetti Disegno d’indagine ⇒⇒⇒⇒ - Censuaria per le imprese con almeno 20 addetti - Campionaria per le imprese con 3-19 addetti. Dimensione dell’indagine ⇒⇒⇒⇒ circa 240.000 unità: •Imprese 20+ addetti (censuaria) → 73.000 unità (circa 7 milioni di addetti). •Imprese da 3 a 19 addetti (campionaria) → 167.000 unità, rappresentative di circa 1 milione di imprese, con 5,7 milioni di addetti. (*) Per le imprese di dimensione inferiore a 3 addetti è stato indagato un campione di circa 20mila unità, con segnali di rilevante dimensione economica, organizzativa e strategica, i cui risultati verranno diffusi secondo modalità specifiche. 3
  4. 4. Censimento dell’industria e dei servizi 2011 Imprenditoria e governance: prime evidenze ROMA 11 LUGLIO 2013 Strategia d’indagine complessa ⇒ questionario «complesso» 2 modelli: uno per le microimprese, uno per le imprese con almeno 10 addetti 7 sezioni tematiche: Sezione 1: PROPRIETÀ, CONTROLLO, GESTIONE Sezione 2: RISORSE UMANE Sezione 3: RELAZIONI DELL’IMPRESA Sezione 4: MERCATO Sezione 5: INNOVAZIONE Sezione 6: FINANZA Sezione 7: INTERNAZIONALIZZAZIONE PRODUTTIVA Contenuti a carattere trasversale articolati in più quesiti dislocati in varie sezioni (es: informazioni su ICT) Varianti settoriali (es: diversificazione produttiva per le imprese manifatturiere) 4
  5. 5. Censimento dell’industria e dei servizi 2011 Imprenditoria e governance: prime evidenze ROMA 11 LUGLIO 2013 La diffusione dei risultati verrà completata entro ottobre 2013. I risultati presentati di seguito, e accessibili on-line attraverso il data-warehouse I.Stat, riguardano i principali quesiti delle prime due sezioni del questionario. Sezione 1: PROPRIETÀ, CONTROLLO E GESTIONE Obiettivo ⇒⇒⇒⇒ Definire l’identità dell’impresa: chi la possiede, chi prende le decisioni, com’è organizzata. Quesiti differenziati per dimensione dell’impresa ⇒⇒⇒⇒ per le imprese più piccole si concentra sull’imprenditorialità (background, passaggio generazionale, ecc.). Sezione 2: RISORSE UMANE Obiettivo ⇒⇒⇒⇒ Valutare se e quanto le imprese investono in risorse umane Approfondimento sulla gestione delle risorse umane per le imprese con almeno 10 addetti. 5
  6. 6. Censimento dell’industria e dei servizi 2011 Imprenditoria e governance: prime evidenze Le caratteristiche del socio principale Il socio principale è una persona fisica in oltre il 90% del totale; è un’altra azienda, una banca o una holding in meno dell’8%; un ente della pubblica amministrazione in meno dell’1%. ROMA 11 LUGLIO 2013 Il primo socio ha nazionalità estera nel 2,4% delle imprese con meno di 10 addetti e nel 3,7% di quelle da 10+ addetti (in particolare nel commercio: 5,5%). La percentuale di imprese con primo socio estero è pari in media al 3% per le piccole imprese, all’8,3% per le medie e al 17,3% per le grandi. La proprietà risulta fortemente concentrata: i primi tre soci detengono oltre il 90% del capitale sociale; per il primo socio la quota è pari a circa due terzi del capitale. 3-9 addetti 10-49 addetti 50-249 addetti 250 addetti e oltre Totale TIPOLOGIA (v.a.) Persona fisica 793.178 155.976 11.255 872 961.280 Banca, holding, altra impresa 42.619 28.610 8.887 2.381 82.496 Ente pubblico, PA 1.212 1.236 614 197 3.259 TOTALE 837.008 185.821 20.756 3.450 1.047.035 6
  7. 7. Censimento dell’industria e dei servizi 2011 Imprenditoria e governance: prime evidenze Responsabilità della gestione dell’impresa ROMA 11 LUGLIO 2013 In oltre l’80% delle imprese italiane la gestione è affidata direttamente al titolare o da un suo familiare. L’incidenza, pur diminuendo con la dimensione delle imprese (84,3% per le microimprese, 71,5% per le piccole, 61,2% per le medie, 38,5% per le grandi) si mantiene elevata anche nelle classi dimensionali maggiori. Meno del 5% del totale delle imprese è gestito da un manager, selezionato all’interno o all’esterno dell’impresa. Sono a gestione manageriale il 3% delle microimprese, il 10,1% delle piccole, il 22,4% delle medie e il 41% delle grandi. Raramente il manager proviene dall’esterno dell’impresa (accade nel 10% delle grandi, ma solo nel 5,5% delle medie e nel 2,5 e 0,9% delle piccole e delle micro imprese). Coerentemente con una maggiore dimensione media d’impresa, i settori a più elevata incidenza di imprese gestite da manager sono quelli industriali (33% delle forniture energetiche, 16% della fornitura di acqua) e dei servizi (12,8% delle imprese dei servizi di informazione e comunicazione). 7
  8. 8. Censimento dell’industria e dei servizi 2011 Imprenditoria e governance: prime evidenze La microimprenditorialità – 1 Le imprese con 3-9 addetti sono 837mila, con un’occupazione di poco meno di 4 milioni di addetti. In circa 705mila di queste (l’84%), la gestione è affidata al socio principale o a un membro della famiglia proprietaria/controllante. Il 78,5% dei titolari di queste microimprese sono uomini. Le imprenditrici donne si trovano soprattutto nei servizi non commerciali (28,6%). Nel commercio e nell’industria in senso stretto la quota è pari rispettivamente al 21,7 e al 16,9%; nelle costruzioni al 6,2%. I microimprenditori non sono molto giovani: quasi l’80% ha 40 anni o più. I titolari con meno di 40 anni si rilevano soprattutto nelle attività artistiche/intrattenimento (31,3%), alloggio e ristorazione (28,1%) e negli altri servizi (33,9%). Nelle regioni meridionali l’incidenza (circa il 28%) è nettamente superiore a quella rilevata nelle regioni centro-settentrionali (mediamente il 18%). I microimprenditori sono in prevalenza diplomati (44%); il 34% ha la licenza media, e circa il 15% la laurea o un titolo superiore. L’istruzione è superiore nei servizi (ha almeno la laurea il 22,3%, quasi quattro volte la quota dell’industria). ROMA 11 LUGLIO 2013 8
  9. 9. Censimento dell’industria e dei servizi 2011 Imprenditoria e governance: prime evidenze La microimprenditorialità - 2 Il 46,3% dei microimprenditori proviene da un’esperienza di lavoratore dipendente; il 36,6% era già lavoratore indipendente. I passaggi da lavoratore dipendente a imprenditore si rilevano soprattutto negli Altri servizi (61%), nella manifattura (54,5%) e nelle costruzioni (54%). L’assenza di precedente esperienza lavorativa - coerentemente con la minore età media degli imprenditori - caratterizza le regioni meridionali (23%, a fronte di meno del 15% nel Nord-est e Nord-ovest). Il 18% di microimprese prevede un passaggio generazionale entro il 2016 (il 9% lo ha sperimentato nel periodo 2006-2011). Ciò avverrà senza significative differenze territoriali, con maggiore intensità nell’industria in senso stretto e nel commercio (oltre il 20% per entrambi). Percentuali elevate si rilevano anche in alcuni comparti del terziario (23% nell’istruzione; 22% nelle attività immobiliari). ROMA 11 LUGLIO 2013 9
  10. 10. Censimento dell’industria e dei servizi 2011 Imprenditoria e governance: prime evidenze Acquisizione di risorse umane Nel corso del 2011 hanno effettuato nuove assunzioni circa 295mila imprese con almeno tre addetti (il 28,2% del totale), soprattutto nell’industria (31,4%, a fronte del 24,5% nel commercio e 28,7% negli altri servizi). Nelle microimprese, le nuove assunzioni hanno coinvolto il 22,7% delle unità. Il 18% ha assunto personale con contratto di lavoro dipendente; il 7,7% ha acquisito lavoratori temporanei (ex interinali), collaboratori a progetto e altri lavoratori non dipendenti. Il 5,9% delle microimprese ha assunto personale a elevata qualifica professionale. ROMA 11 LUGLIO 2013 10
  11. 11. Censimento dell’industria e dei servizi 2011 Imprenditoria e governance: prime evidenze Conclusioni La rilevazione diretta sulle imprese del 9°censimento dell’industria e dei servizi: a. rappresenta una fonte di informazione di grande ricchezza per la lettura degli elementi di modernizzazione e competitività del sistema delle imprese; b. offre una base informativa multidimensionale in grado di guidare l’innovazione del sistema delle indagini statistiche correnti; c. attraverso l’integrazione dei dati qualitativi della rilevazione diretta con quelli quantitativi del «Censimento virtuale» e con i dati sulla performance economica delle imprese, basati prevalentemente sul trattamento statistico delle grandi basi di dati amministrativi, sarà possibile restituire al Paese un quadro informativo moderno ed efficace su struttura, performance e comportamenti delle imprese, utile alle politiche pubbliche, alle strategie aziendali, alla ricerca. La piena valorizzazione del patrimonio informativo sulle imprese che scaturisce dal 9°censimento dell’industria e dei servizi richiede un articolato sistema di diffusione e analisi dei dati. Su alcuni aspetti di particolare complessità verranno coinvolti stakeholders di diversa provenienza, istituzionale, aziendale, accademica. ROMA 11 LUGLIO 2013 11
  12. 12. Censimento dell’industria e dei servizi 2011 Imprenditoria e governance: prime evidenze Microimprenditori per genere e macrosettore - Valori percentuali ROMA 11 LUGLIO 2013 83,1 93,8 78,3 71,4 78,5 16,9 6,2 21,7 28,6 21,5 0 10 20 30 40 50 60 70 80 90 100 Industria Costruzioni Commercio Altri servizi Totale Maschi Femmine 12
  13. 13. Censimento dell’industria e dei servizi 2011 Imprenditoria e governance: prime evidenze Microimprenditrici nei settori dei servizi - Valori percentuali ROMA 11 LUGLIO 2013 G - M - H - Trasporto e magazzinaggio N - I - P - Istruzione J - Servizi di informazione e comunicazione Q - K - Attività finanziarie e assicurative R - L - Attività immobiliari S - Totale Altre attività di servizi Commercio all'ingrosso e al dettaglio; riparazione di autoveicoli e motocicli Attività dei servizi di alloggio e di ristorazione Noleggio, agenzie di viaggio, servizi di supporto alle imprese Attività professionali, scientifiche e tecniche Attività artistiche, sportive, di intrattenimento e divertimento Sanità e assistenza sociale 54,4 42,2 33,0 31,1 27,4 26,2 21,7 20,9 20,6 17,5 14,1 12,4 0 10 20 30 40 50 60 S P N I J R G Q L M H K 13
  14. 14. Censimento dell’industria e dei servizi 2011 Imprenditoria e governance: prime evidenze Microimprenditori per classe di età e ripartizione geografica - Valori percentuali ROMA 11 LUGLIO 2013 18.8 19.1 20.8 28.7 21.9 47.5 48.3 47.0 45.5 47.1 33.7 32.6 32.2 25.7 31.0 0 10 20 30 40 50 60 70 80 90 100 Nord-Ovest Nord-Est Centro Sud e Isole Italia 56 anni e oltre Tra i 41 e i 55 anni Fino a 40 anni 14
  15. 15. Censimento dell’industria e dei servizi 2011 Imprenditoria e governance: prime evidenze ROMA 11 LUGLIO 2013 Fino a 14,3% Da 14,3% a 16,5% Da 16,5% a 19,7% Oltre 19,7% Imprenditori senza alcuna esperienza lavorativa precedente (in % del totale regionale) 15
  1. A particular slide catching your eye?

    Clipping is a handy way to collect important slides you want to go back to later.

×