E. Baldacci - Crescita, consumi e risparmi:  prospettive per le famiglie
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

E. Baldacci - Crescita, consumi e risparmi: prospettive per le famiglie

on

  • 36,028 views

ABI - Credito al Credito 2011.

ABI - Credito al Credito 2011.
La Convention del Credito alle persone e alle imprese, Roma 22 Novembre 2011

Statistics

Views

Total Views
36,028
Slideshare-icon Views on SlideShare
36,028
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
4
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

CC Attribution-NonCommercial-ShareAlike LicenseCC Attribution-NonCommercial-ShareAlike LicenseCC Attribution-NonCommercial-ShareAlike License

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment
  • Traccia della presentazione Prima parte: i consumi si sono indeboliti per via delle crisi che ha colpito l'occupazione. Nei dati più recenti e nelle indagini si vede un ulteriore indebolimento anche per via della riduzione del reddito, sebbene il ricorso al risparmio abbia contenuto la caduta della spesa. !!! Citazione Giovannini !!! La riduzione del reddito è anche funzione dell'impoverimento della qualità del lavoro. !!! Qualche cosa sul coping che richiama mix di lavoro e ricchezza (ammetto la mia ignoranza in materia)!!! Previsioni Commissione, EZEO e Italia. Seconda Parte Le famiglie si trovano in difficoltà perché il "deterioramento della qualità del lavoro" oltre a ridurre il reddito riduce anche la possibilità di accesso alle forme standard di credito, ovvero quelle per le quali garanzie reali o di busta paga erano il pilastro fondamentale. D'altra parte, in questo particolare momento, chi fa credito fronteggia elevati costi di provvista e rischio di credito della controparte in aumento (oltre ovviamente a riduzione di garanzie di cui sopra) insieme alla necessità di incrementare il patrimonio di rischio in linea con le nuove regole di Basilea 3. Nondimeno tale situazione, se non rappresenta un cambio di paradigma permanente nelle relazioni datore-prenditore del credito, resterà tale per lungo tempo. La sfida dell'industria del credito è quella di sviluppare nuovi modelli di business che, in tale contesto, permettano al settore di continuare ad operare in modo profittevole e svolgendo anche il ruolo sociale di sviluppo del benessere collettivo come hanno fatto fino a ora. Knock-On Effect of Regulation on Manufacturing Sectors Productivity:
  • Knock-On Effect of Regulation on Manufacturing Sectors Productivity:
  • Knock-On Effect of Regulation on Manufacturing Sectors Productivity:
  • Knock-On Effect of Regulation on Manufacturing Sectors Productivity:
  • Knock-On Effect of Regulation on Manufacturing Sectors Productivity:
  • Knock-On Effect of Regulation on Manufacturing Sectors Productivity:
  • Knock-On Effect of Regulation on Manufacturing Sectors Productivity:
  • Knock-On Effect of Regulation on Manufacturing Sectors Productivity:
  • Knock-On Effect of Regulation on Manufacturing Sectors Productivity:
  • Coping Knock-On Effect of Regulation on Manufacturing Sectors Productivity:
  • Coping Knock-On Effect of Regulation on Manufacturing Sectors Productivity:
  • Knock-On Effect of Regulation on Manufacturing Sectors Productivity:
  • Knock-On Effect of Regulation on Manufacturing Sectors Productivity:
  • Knock-On Effect of Regulation on Manufacturing Sectors Productivity:
  • Knock-On Effect of Regulation on Manufacturing Sectors Productivity:
  • Knock-On Effect of Regulation on Manufacturing Sectors Productivity:
  • Knock-On Effect of Regulation on Manufacturing Sectors Productivity:
  • Knock-On Effect of Regulation on Manufacturing Sectors Productivity:
  • Knock-On Effect of Regulation on Manufacturing Sectors Productivity:
  • Knock-On Effect of Regulation on Manufacturing Sectors Productivity:

E. Baldacci - Crescita, consumi e risparmi:  prospettive per le famiglie E. Baldacci - Crescita, consumi e risparmi: prospettive per le famiglie Presentation Transcript

  • Emanuele Baldacci – Istat ABI – Roma 22 Novembre 2011 Crescita, consumi e risparmi: prospettive per le famiglie CREDITO AL CREDITO 2011
  • Crescita economica: forte decelerazione dopo il rimbalzo ABI - Roma 22 Novembre 2011
  • Aumentano i giovani disoccupati e gli scoraggiati ABI – Roma 22 Novembre 2011
  • La CIG aiuta il contenimento della disoccupazione ABI – Roma 22 Novembre 2011
  • Le famiglie risparmiano meno, ma il reddito diminuisce ABI – Roma 22 Novembre 2011
  • Consumi: in calo le vendite al dettaglio ABI – Roma 22 Novembre 2011
  • Consumatori: meno fiducia nel futuro ABI – Roma 22 Novembre 2011
  • La crisi modifica il mercato del lavoro: più atipici ABI – Roma 22 Novembre 2011
  • I disoccupati e gli inattivi raggiungono gli occupati ABI – Roma 22 Novembre 2011
  • Famiglie : aumentano le passività ABI – Roma 22 Novembre 2011
  • Non cambia la povertà, ma aumentano i divari ABI – Roma 22 Novembre 2011 Fonte: Istat, Indagine sui consumi delle famiglie
  • Outlook: l’area euro rallenta ABI – Roma 22 Novembre 2011
  • ABI – Roma 22 Novembre 2011 In Italia, la Commissione europea vede crescita piatta
  • Sulla base dei dati recenti la domanda interna soffre ABI – Roma 22 Novembre 2011
    • Consumi in decelerazione
    • Considerando andamento prospettico di occupazione e redditi, incertezze mercati finanziari, andamento del clima di fiducia, i consumi delle famiglie difficilmente continuerebbero a fornire sostegno alla domanda aggregata
    • Investimenti: decelerazione della spesa in macchinari, in riduzione in media d’anno la componente costruzioni
    • Esportazioni e importazioni in rallentamento in coincidenza con l’andamento del commercio mondiale e debolezza della domanda interna
    • PIL molto debole in Q3 e Q4
    • Molto debole l’ingresso nel 2012
  • ABI – Roma 22 Novembre 2011
    • Deterioramento della qualità del lavoro
    • Riduzione del reddito
    • Riduzione delle garanzie reali
    • Riduzione delle forme standard di credito
    • Aumento dei rischi per chi fa credito
    Famiglie e credito: le sfide
  • ABI – Roma 22 Novembre 2011 Più debiti e meno risparmi per i consumatori
  • ABI – Roma 22 Novembre 2011 Peggiora l’accesso al credito rispetto al periodo pre-crisi
  • ABI – Roma 22 Novembre 2011 Costi del funding e rischi di credito
  • La sfida per l’industria del credito ABI – Roma 22 Novembre 2011
    • Criticità
      • Aumento del costo di provvista
      • Riduzione del merito di credito per riduzione garanzie
      • Adeguamento dei requisiti patrimoniali per Basilea 3
    • La sfida: sviluppare modelli di business per fare fronte ai mutamenti della società, adattando le garanzie alla “nuova società”
      • Garanzia da reddito: nuove forme contrattuali
      • Garanzia da capitale: capitale umano
  • Grazie per l’attenzione! Emanuele Baldacci [email_address] www.istat.it