M. Bugamelli: Ristrutturazione delle imprese e produttività

38,389 views
38,303 views

Published on

Published in: Education, Business
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
38,389
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
9
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

M. Bugamelli: Ristrutturazione delle imprese e produttività

  1. 1. RISTRUTTURAZIONE DELLE IMPRESE E PRODUTTIVITA’ Andrea Brandolini, Matteo Bugamelli e Roberto Torrini (Banca d’Italia) “La competitività del sistema produttivo italiano: effetto statistico o realtà economica?” X Conferenza nazionale di statistica - Roma, 15 dicembre 2010
  2. 2. Struttura della presentazione <ul><li>Crescita e competitività: i dati </li></ul><ul><li>Alcuni dubbi statistici </li></ul><ul><li>Un’ipotesi interpretativa </li></ul><ul><li>Un fattore chiave </li></ul><ul><li>Conclusioni: le politiche </li></ul>
  3. 3. PARTE PRIMA Crescita e competitività: i dati
  4. 4. PIL dei principali paesi europei crisi
  5. 5. Produttività nei principali paesi
  6. 6. Produttività nei principali paesi
  7. 7. Produttività per ora lavorata nei principali paesi Industria Servizi privati
  8. 8. I profitti delle imprese
  9. 9. Quote di mercato all’export correnti costanti
  10. 10. Export in Cina Nel 2007 la quota di mercato (a prezzi e cambi correnti) sul totale delle importazioni cinesi: Francia: 1,4% Germania: 4,7% Italia: 1,1% Spagna: 0,5% Dinamica 2002-2007 delle esportazioni in Cina: Francia: 210,9% Germania: 176,4% Italia: 136,5% Spagna: 391,8% Quota di imprese che esportano in Cina (e India) sul totale delle imprese esportatrici (dataset EFIGE) Francia: 22% Germania: 28% Italia: 18% Spagna: 11%
  11. 11. Export e crisi
  12. 12. Export e crisi
  13. 13. PARTE SECONDA I dubbi statistici
  14. 14. A causa della crescenti difficoltà della statistica in un mondo in rapido mutamento (innovazione e internaz.), la situazione effettiva potrebbe essere migliore di quella ufficiale
  15. 15. I deflatori delle esportazioni <ul><li>VMUx sono approssimazione dei prezzi tanto più imprecisa quanto più intensi sono fenomeni di ricomposizione </li></ul><ul><li>Prima di recenti revisioni , crescita anomala dei VMUx rispetto ai principali paesi europei e ai prezzi alla produzione dei beni venduti all’interno </li></ul><ul><li>Dopo le revisioni : </li></ul><ul><li>riavvicinata dinamica dei deflatori di IT a FR e GE fig </li></ul><ul><li>attenuazione della caduta quota di commercio IT in volume </li></ul><ul><li>effetto su valore aggiunto e produttività (nella manifattura di +0,6 p.p. all’anno nel 1996-2005) fig </li></ul><ul><li>Dal 2005 la forbice nei dati si allarga di nuovo </li></ul><ul><li>Nuovi PPIx hanno andamento diverso: più in linea con GE e FR e prezzi alla produzione interni </li></ul>
  16. 16. Stock di capitale <ul><li>Aumento flessibilità nell’utilizzo del lavoro, fase di moderazione salariale, rapida crescita dei flussi migratori (i.e., meno costoso l’impiego del lavoro rispetto al capitale), è conciliabile con riduzione della produttività apparente del capitale? </li></ul><ul><li>Nel settore manifatturiero, andamento dal 2000 differente da GE, UK, US fig </li></ul><ul><li>Metodo dell’inventario permanente: metodologie Istat in linea con standard internazionali </li></ul><ul><li>riduzione vita media dei beni di investimento? </li></ul><ul><li>aumento cessioni dei beni capitale al di fuori del sistema produttivo nazionale? </li></ul><ul><li>… oppure (o anche) … </li></ul>
  17. 17. Valore aggiunto nominale e il sommerso <ul><li>Metodo Istat ha fatto scuola, ma è possibile che la stima del sommerso alteri non solo il livello, ma anche la dinamica della produttività? </li></ul><ul><li>Minore capacità di rilevare e quantificare l’economia sommersa? </li></ul><ul><li>Sostenuta dinamica dei redditi familiari di lavoratori autonomi e piccoli imprenditori rilevata dall’Indagine sui bilanci delle famiglie della Banca d’Italia </li></ul><ul><li>Internazionalizzazione permette di utilizzare i prezzi di trasferimento per accrescere i costi dei beni intermedi e contenere il valore aggiunto prodotto in Italia </li></ul>
  18. 18. Valutazione quantitativa “di retrobusta”: lato offerta, 2000-08 <ul><li>Correzione dei valori nominali: i) Δ (Y/L) nella manifattura come in Invind (imprese con almeno 20 addetti); ii) deflatori di CN; iii) Δ (Y/L) nel resto del settore privato = 50% di manifattura (dato storico) </li></ul><ul><li> +0,7 pp Δ (Y/L) manifattura; +0,4 pp Δ (PIL) </li></ul><ul><li>Correzione dei deflatori: i) Δ (deflatore export) = Δ (PPIX); ii) correzione lievemente inferiore dal lato dell’import </li></ul><ul><li>  +1 pp Δ (Y/L) manifattura; +0,2 pp Δ (PIL) </li></ul>
  19. 19. Effetto statistico o realtà economica? Effetto statistico: massima correzione di Δ (PIL) annuo tra 2000 e 2008 è +1,5%: performance dell’Italia in linea con i paesi OCSE a più bassa crescita tav Nostra conclusione : dopo miracolo economico degli anni ’50-’60, la crescita rallentata negli anni ’70-’80 e doping della svalutazione 92-95, l’economia italiana si è quasi “fermata” Risultati passati e posizioni raggiunte non devono oggi indurci ad abbassare la guardia per non condannarsi a un futuro di semplice decumulo delle ricchezze accumulate Al contrario: usare le determinanti dei successi passati come input di analisi per la definizione di politiche atte a riprendere il sentiero dello sviluppo…( catching-u p vs crescita alla frontiera)
  20. 20. PARTE TERZA Un’ipotesi interpretativa
  21. 21. “ Un’ipotesi interpretativa” <ul><li>Caratteristiche strutturali del sistema produttivo immutate da decenni: specializzazione, PMI, carenza di grandi imprese, distretti </li></ul><ul><li>Perché crescita elevata nel passato ma non oggi? Cambiamenti nel contesto esterno (“shock esogeni”) hanno reso inadeguate struttura e politiche del passato: </li></ul><ul><li>rivoluzione tecnologica (ICT) </li></ul><ul><li>globalizzazione: nuovi attori con costi di produzione molto bassi </li></ul><ul><li>integrazione europea con adozione dell’euro: impossibilità di ricorrere a svalutazioni competitive </li></ul><ul><li>Fattori comuni degli shock esogeni: aumento delle pressioni competitive + necessità di cogliere nuove opportunità (globalizzazione e ICT) </li></ul><ul><li>Analisi micro: individuare problemi strutturali latenti e capirne interazioni con shock esogeni </li></ul>
  22. 22. Indicazioni per l’analisi: la ristrutturazione <ul><li>Dal 2000 segnali di ristrutturazione: i mprese “ristrutturate” sono andate meglio nella ripresa 06-07 e durante la crisi, ora hanno prospettive migliori </li></ul><ul><li>Caratteristiche della ristrutturazione: </li></ul><ul><li>innovazione di prodotto: upgrade qualitativo </li></ul><ul><li>investimenti in attività a monte e a valle della produzione (marketing, assistenza post-vendita, design…): “fuori dal capannone” </li></ul><ul><li>Internazionalizzazione </li></ul><ul><li>… in tutti i settori occorre acquisire potere di mercato sfuggendo a concorrenza di costo e conquistare nuovi mercati… </li></ul>
  23. 23. PARTE QUARTA Un fattore chiave
  24. 24. La dimensione di impresa: piccola e non dovuta alla specializzazione
  25. 25. Dimensione e produttività <ul><li>Se la struttura dimensionale delle imprese italiane fosse uguale a quella della Germania (mantenendo fissa occupazione settoriale): </li></ul><ul><li>nel 2007 il livello della produttività del lavoro (nominale) nella manifattura sarebbe stato più elevato del 24% (nel totale economia: +21%); </li></ul><ul><li>nel periodo 2002-07 il tasso di crescita medio annuo della produttività nella manifattura sarebbe stato più elevato di 0,3 pp; il gap di crescita rispetto alla Germania si ridurrebbe da 0,5pp a 0,2pp </li></ul>
  26. 26. Dimensione: varie ed eventuali <ul><li>ICT poco adatte a imprese piccole senza “conoscenza codificata” </li></ul><ul><li>costi fissi per internazionalizzazione commerciale e produttiva tab1 tab2 calc </li></ul><ul><li>costi fissi e beneficiare da economie di scala per innovazione di prodotto e di processo </li></ul><ul><li>costi fissi per innovazione non tecnologica: ampia “customer base” </li></ul><ul><li>PMI familiari: avversione al rischio, management familiare, inadeguate pratiche manageriali (scarsa delega, poca retribuzione in base alla performance): negativo per internazionalizzazione (commerciale e produttiva, in mercati lontani) e innovazione </li></ul>
  27. 27. CONCLUSIONI Le politiche (oltre a: capitale umano, infrastrutture, efficienza PA, livello tassazione, criminalità…)
  28. 28. Concorrenza e regolamentazione <ul><li>Manifattura : maggiori pressioni competitive dall’estero hanno innescato processi di ristrutturazione (2006-07) attraverso riallocazione delle risorse e reazioni delle imprese (innovazione di prodotto, di processo, non-tecnologica; internazionalizzazione) </li></ul><ul><li>Commercio al dettaglio (riforme Bersani): stessi risultati (Viviano, 2008; Schivardi e Viviano, 2010) </li></ul><ul><li>Estendere iniezioni concorrenziali anche nei servizi protetti (servizi professionali ed energia) a beneficio dei consumatori e delle imprese (Barone & Cingano, 2010) </li></ul>
  29. 29. Favorire riallocazione delle risorse <ul><li>Diritto fallimentare : deve garantire fluidità ai meccanismi di uscita delle imprese dal mercato, riducendone gli oneri. Recente riforma nella giusta direzione, ma occorre rimuovere osacoli che impediscono applicazione a imprese più piccole </li></ul><ul><li>Ammortizzatori sociali e politiche del lavoro: universalità della copertura assicurativa per attutire costi sociali e migliorare esiti in termini di efficienza con adeguati strumenti di riqualificazione delle risorse umane ed efficaci servizi per l’impiego </li></ul>
  30. 30. Promuovere efficienza a livello di impresa <ul><li>Supportare innovazione : molti soldi spesi, pochi risultati </li></ul><ul><li>Supportare internazionalizzazione: politiche e contesto istituzionale troppo frammentato </li></ul><ul><li>Sistema finanziario : deve garantire finanziamento ad attività intangibili (innovazione, marchi…) </li></ul><ul><li>Favorire crescita dimensionale delle imprese superando visione restrittiva del controllo familiare: risorse manageriali, private equity , sistema tributario, … </li></ul>
  31. 31. GRAZIE PER L’ATTENZIONE <ul><li>[email_address] </li></ul>
  32. 32. Valori medi unitari all’export dei principali paesi back (a prezzi e cambi costanti)
  33. 33. Revisioni delle stime della produttività del lavoro back (migliaia di euro a prezzi 2000)
  34. 34. Produttività apparente del capitale nel settore manifatturiero back (indice: 1993=100)
  35. 35. Tasso di crescita medio annuo 2001-08 back
  36. 36. La propensione ad esportare per paese e dimensione (Progetto EFIGE) back Classe dimensionale AUT FRA GER HUN ITA SPA UK 10-19 69,8 44,7 45,7 58,0 65,4 51,2 54,9 20-49 63,8 59,1 65,4 64,7 73,3 63,5 62,8 50-249 88,6 75,4 78,2 79,3 86,6 76,2 76,8 Più di 249 90,8 87,6 84,0 97,4 92,6 88,0 80,7 Totale 72,6 57,9 63,4 67,3 72,2 61,1 64,0
  37. 37. Numero medio di mercati di esportazione e dimensione di impresa back Classe dimensionale AUT FRA GER HUN ITA SPA UK 10-19 5 7 7 3 8 5 9 20-49 8 9 12 4 10 8 12 50-249 18 14 18 6 17 12 18 Più di 249 32 24 28 14 29 23 27 Totale 12 11 14 5 11 8 13
  38. 38. Variazione export imponendo struttura tedesca… back
  39. 39. La recessione mondiale: gli effetti sul PIL back Trimestri persi Caduta cumulata 12 (1-06) 13 (4-05) 34 (4-00) 08-09 92-93 74-75 08-09 92-93 74-75 6 7 3.9 1.2 2.6 Francia 6 0 6.7 2.0 2.3 Germania 9 8 6.8 1.9 3.8 Italia

×