Fse   09 - iso14001
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Fse 09 - iso14001

on

  • 921 views

 

Statistics

Views

Total Views
921
Views on SlideShare
921
Embed Views
0

Actions

Likes
1
Downloads
28
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Fse   09 - iso14001 Fse 09 - iso14001 Presentation Transcript

  • ISO 14000 e Regolamento EMAS
  • Vincoli “ambientali” alle scelte dell’impresa
    • Sono i confini entro i quali si realizzano le scelte dell’impresa
    • Strumenti comando e controllo (quali divieti, standard o imposizione di comportamenti): Norme
    • Strumenti economici (tasse, incentivi, mercati artificiali)
    • Strumenti di tipo volontario
    • La legge della domanda e dell’offerta
    • Il ruolo dell’opinione pubblica
  • Vincoli “ambientali” alle scelte dell’impresa
    • Le norme “comando e controllo”
    • Standard di emissione (quantità max di sversamento consentito in un corpo ricettore- esempio scarichi idrici, emissioni)
    • Standard di qualità del corpo ricettore (determinano livello voluto di qualità dell’ambiente, in genere abbinati ai precedenti. Es. qualità acqua potabile, x balneazione ecc. Zonizzazione acustica.)
  • Vincoli “ambientali” alle scelte dell’impresa
    • Le norme “comando e controllo”
    • Standard di processo (obbligo di installazione di certi impianti per far fronte ai diversi tipi d’inquinamento- “obbligo della miglior tecnologia disponibile”
    • Standarddi prodotto (norme di qualità ambientale dei prodotti. Es. marmitta catalitica, divieto di CFC)
  • Vincoli “ambientali” alle scelte dell’impresa
    • Le norme “comando e controllo”
    • NORME (divieto forte)
    • TASSE AMBIENTALI (divieto debole o indicazione forte): per incoraggiare la sostituzione di un prodotto con un altro. Il vantaggio secondo gli economisti è che permettono di minimizzare il costo di controllo ambientale. Le imprese si oppongono per aumento costi e diminuzione capacità concorrenziale.
  • Opportunità“ambientali” per l’impresa e l’economia
    • La politica ambientale crea anche opportunità per le imprese
    • Sviluppo di nuove attività di produzione e servizio
    • Sviluppo di processi e prodotti innovativi a ridotto impatto sull’ambiente
    • Creazione di posti di lavoro (es 1994 in Germania 950.000 persone lavoravano nel settore ambientale)
  • Perché un’impresa si certifica (da un’intervista ad un gruppo di imprenditori)
    • Valore aggiunto
    • Marketing
    • Coscienza
    • Consapevolezza
    • Mettere ordine/focalizzare
    • Conquistare nicchie di mercato
    • Formazione aziendale
    • Immagine
    • Ricevere incentivi/agevolazioni
  • Perché un’impresa si certifica
    • Orientare il mercato
    • Appalti con le PPAA
    • Evoluzione aziendale/visione futura
    • Partecipazione al processo di modernizzazione
    • Comunicare trasparenza (interna e con cliente)
    • Dare fiducia al consumatore
    • Buono stato di salute aziendale
    • Partecipazione
  • Le certificazioni ambientali
    • ISO 14001: che cos’è
    • Le norme internazionali ISO 14000 rappresentano uno strumento di adesione volontaria per migliorare la gestione della variabile ambientale all'interno dell'impresa o di qualsiasi altra organizzazione: sono adottate dall' ISO – International Organisation for Standardisation, l'organizzazione internazionale per la standardizzazione.
  • Le certificazioni ambientali
    • ISO 14001: che cos’è
    • l gruppo di norme (certificabili e non certificabili) della serie 14000 comprende tematiche generali, quali i sistemi di gestione ambientale, e in aggiunta propone tre tipologie di strumenti utili per la sua attuazione: LCA (Life Cycle Assessment), EPE (Environmental Performance Evaluation) e Environmental Labelling.
  • Le certificazioni ambientali
    • ISO 14001: che cos’è
    • In particolare, fra le norme della famiglia 14000 la ISO 14001 fornisce i requisiti guida per l'implementazione di un Sistema di Gestione Ambientale (SGA) in modo tale da permettere ad un'organizzazione di formulare una politica ambientale e stabilire degli obiettivi, tenendo conto delle prescrizioni legislative e delle informazioni riguardanti gli impatti ambientali significativi
  • Le certificazioni ambientali
    • La norma può essere a ttuata da qualsiasi tipo di organizzazione che intenda conseguire un miglioramento nell'esercizio d elle proprie attivit à attraverso l'adozione di un sistema di gestione ambientale; Ad essa, in un progressivo avvicinamento del sistema internazionale agli schemi europei, si sono aggiunte le norme del sottoinsieme ISO 14030 per la valutazione delle prestazioni ambientali e si sta aggiungendo la norma ISO 14063 per la comunicazione ambientale.
  • Le certificazioni ambientali
    • ISO 14001: che cos’è
    • La norma ISO ha fonte giuridica privata, derivante da un mutuo riconoscimento di Organismi di normazione nazionali, ed è riconosciuta in ambito internazionale, a differenza del Regolamento EMAS che ha fonte giuridica pubblica ed è una norma comunitaria
  • Le certificazioni ambientali
    • La ISO 14001 ha lo scopo di fornire una guida pratica per:
    • la creazione e/o il miglioramento di un Sistema di gestione ambientale (SGA), attraverso il quale migliorare le prestazioni ambientali;
    • Fornire i mezzi con cui sia chi sta all'esterno, sia chi opera internamente all'organizzazione, possano valutare gli aspetti specifici di un SGA e verificarne la validità, ossia realizzare l'audit (verifica) del SGA
  • Le certificazioni ambientali
    • EMAS
    • Il Sistema di ecogestione ed audit ( Eco-Management and Audit Scheme = EMAS ) è un sistema ad adesione volontaria per le imprese e le organizzazioni che desiderano impegnarsi a valutare e migliorare la propria efficienza ambientale.
    • EMAS è stato lanciato nel 1993 (Reg.Europeo n. 1836/93) ed è stato sottoposto a revisione nel 2001 (Reg. Euroep 761/2001).
  • Le certificazioni ambientali
    • La revisione ha introdotto in particolare:
    • l'adozione di un nuovo logo EMAS;
    • l'integrazione della norma EN/ISO 14001 come riferimento per il sistema di gestione ambientale di EMAS;
    • la partecipazione dei dipendenti.
    • la possibilit à che aderiscano allo schema le organizzazioni di tutti i settori;
  • Le certificazioni ambientali
    • Le fasi di attuazione di EMAS
    • Effettuare una analisi ambientale.
    • Dotarsi di un sistema di gestione ambientale.
    • Effettuare un audit ambientale
    • Predisporre una dichiarazione ambientale
    • Ottenere la verifica indipendente da un verificatore EMAS
    • Registrare la dichiarazione presso l'organismo competente dello Stato membro
  • Le certificazioni ambientali
    • Cosa accade se un'organizzazione possiede la certificazione ISO 14001?
    • La Unione Europea ha preso atto che la norma internazionale per i sistemi di gestione ambientale, EN/ISO 14001, pu ò rappresentare il primo passo verso EMAS.L'integrazione del sistema di gestione ambientale della ISO 14001 nello schema EMAS, infatti, permette alle organizzazioni di passare dalla ISO 14001 ad EMAS senza dover duplicare i provvedimenti di attuazione e le procedure.
  • Le certificazioni ambientali
    • Ma EMAS va oltre la norma ISO14001;
    • le organizzazioni che aderiscono ad EMAS devono dimostrare la loro:
    • efficienza
        • impegnandosi a migliorare continuamente le proprie prestazioni ambientali;
        • dando evidenza della conformità alla normativa ambientale applicabile;
  • Le certificazioni ambientali
    • Ma EMAS va oltre la norma ISO14001;
    • le organizzazioni che aderiscono ad EMAS devono dimostrare la loro:
    • Trasparenza
        • rendendo disponibili al pubblico le proprie politiche, gli obiettivi e i relativi programmi di miglioramento ambientale, il sistema di gestione ed il compendio dei dati significativi sulle prestazioni ambientali;
        • attivando un dialogo aperto con tutte le parti interessate (dipendenti, azionisti, autorità locali, fornitori,etc.);
  • Le certificazioni ambientali
    • Ma EMAS va oltre la norma ISO14001;
    • le organizzazioni che aderiscono ad EMAS devono dimostrare la loro:
    • credibilit à
    • - ottenendo la convalida da un verificatore indipendente accreditato;
    • - registrandosi presso l'organismo competente nazionale.
  • Le certificazioni ambientali
    • Le notizie sulle certificazioni sono state raccolte sui siti di
    • - ISPRA ex APAT http://www.apat.gov.it
    • - ANPA http://www.sinanet.apat.it/it
  • Economia dell’ambiente Ambito aziendale L’integrazione dell’ambiente con gli obiettivi dell’impresa Le strategie ambientali d’impresa Strategie verdi d’acquisto e produzione Bilancio ambientale d’impresa Certificazioni ambientali Ecolabel ed ecobilanci di prodotto Indicatori ambientali d’impresa
  • Approcci alla gestione dell’impatto di un prodotto Green Purchasing Impatto di un prodotto LCA Demateriali-zation Ecodesign Consumo sostenibile Eco-efficiency Ecolabel IPP
  • Ecolabel (Europeo)
    • La procedura del Ecolabel Europeo è stata creata nel 1992 come marchio riconoscibile in tutti i paesi del UE. L’idea centrale è di mettere il consumatore in grado di fare scelte di consumo più consapevoli attraverso l’applicazione di criteri ecologici per gruppi di prodotti e in questo modo indurre sempre più produttori a una produzione con minore impatto ambientale.
    • Esistono a livello nazionale numerose ecolabel con criteri diversi, più o meno rigidi.
  • Eco-Design
      • Design per il riciclaggio o per il riutilizzo.
      • Riduzione l’impatto ambientale a ogni punto del ciclo di vita
      • Design per l’impatto ambientale più basso del ciclo di vita.
  • Life – Cycle Assessment (LCA)
    • Life Cycle Assessment (LCA) – Valutazione del ciclo di vita è uno strumento che può dare un supporto a decisioni a livello aziendale e industriale per identificare, quali parti del processo produttivo presentano delle criticità dal punto di vista ambientale.
    • L’obiettivo centrale è di rintracciare l’impatto ambientale di un prodotto attraverso tutto il ciclo di vita dalla estrazione delle risorse fino al suo smaltimento (dalla culla alla tomba)
      • Identifica e quantifica la pressione ambientale (materie prime, consumo energetico, emissioni e rifiuti)
      • Valuta il potenziale impatto ambientale di queste pressioni
      • Valuta le opzioni per ridurre questi impatti
  • Life – Cycle Assessment (LCA)
    • La metodologia LCA è regolamentata dalle norme ISO della serie 14040’s in base alle quali uno studio di valutazione del ciclo di vita prevede:
    • la definizione dell’obiettivo e del campo di applicazione dell’analisi (ISO 14041),
    • la compilazione di un inventario degli input e degli output di un determinato sistema (ISO 14041),
    • la valutazione del potenziale impatto ambientale correlato a tali input ed output (ISO 14042) e
    • l’interpretazione dei risultati (ISO 14043)
    • A livello europeo l’importanza strategica dell’adozione della metodologia LCA come strumento di base e scientificamente adatto all’identificazione di aspetti ambientali significativi è espressa chiaramente all’interno del Libro Verde COM 2001/68/CE e della COM 2003/302/CE sulla Politica Integrata dei Prodotti, ed è suggerita, almeno in maniera indiretta, anche all’interno dei Regolamenti Europei: EMAS (761/2001/CE) ed Ecolabel 1980/2000/CE.
  • Dematerializzazione
    • Dematerializzazione è un approccio che mira ad usare servizi, basato su tecnologia al posto di prodotti fisici che usano materie prime.
    • Indicatore MIPS (Material Intensity per service unit)
    • Zaino ecologico
  • Le strategie dell’impresa
    • PASSIVA ( M= Normativa/opinione pubblica)
    • ADATTIVA (“ “)
    • REATTIVA ( Sensibilità del mercato )
    • PROATTIVA ( M= Opportunità competitive)
    • M otivazione all’azione, aree d’intervento, sensibilità ambientale, organizzazione delle funzioni ambientali
    • (da AAVV-Il bilancio ambientale d’impresa)
  • Il ciclo di gestione aziendale Analisi Controllo Realizzazione Definizione degli obiettivi Pianificazione
  • Ciclo di Deming Plan, Do, Check, Act
  • Economia dell’ambiente Ambito aziendale L’integrazione dell’ambiente con gli obiettivi dell’impresa Le strategie ambientali d’impresa Strategie verdi d’acquisto e produzione Bilancio ambientale d’impresa Ecoaudit - Certificazioni ambientali ( Ecolabel e ecobilanci di prodotto Indicatori ambientali d’impresa
  • Indicatori Ambientali d’Impresa
    • Sono strumenti sintetici di misura.
    • Si suddividono in:
    • Indicatori di performance ambientale
    • Indicatori di impatto ambientale
  • Indicatori Ambientali d’Impresa
    • Indicatori di performance ambientale
    • si definiscono come quei valori quantitativi e qualitativi che permettono di valutare l’efficacia e l’efficienza nell’uso della risorsa ambiente da parte dell’impresa es. indicatori relativi al consumo di materie prime, energia ecc.). Possono essere di processo , di gestione o ecofinanziari
  • Indicatori Ambientali d’Impresa
    • Indicatori di impatto ambientale
    • valutano l’impatto delle attività dell’impresa sull’ambiente naturale a livello locale e globale. Possono essere fisici o monetari
  • ISO14000 e EMAS
  • ADIGE Ambiente Strada di accesso Capannone stoccaggio Palazzina uffici e laboratorio
  • Impatti Ambientali
  • Impatti Ambientali