GreenSyntropy
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

GreenSyntropy

on

  • 388 views

 

Statistics

Views

Total Views
388
Views on SlideShare
388
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
0
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

GreenSyntropy GreenSyntropy Presentation Transcript

  • GreenSyntropy a grassroot movement to promote sustainability of Research Infrastrucures in Rome area From the Semantic Web to the Pragmatic Web for a better human / automata / environment interaction S.Lariccia Digilab Sapienza < stefano.lariccia@uniroma1.it > M.Stefanoni ENEA Casaccia < marco.stefanoni@enea.it> Robert Karn Center for Sustainable Urbanism robert.karn@cfsu.org
  • Abstract (1) • Green Sintropy: a grassroot movement for sustainability of Research Infrastrucures in Rome area • Green Sintropy: un sistema aperto di modelli e metodi per una campagna di ricerca-azione e formazione basata su modelli di Intelligenza Collettiva per promuovere cultura della sostenibilità e consapevolezza dell’impatto dell’attività umana sull’ambiente attraverso la conoscenza del rapporto Energia – Informazione. Obiettivo primario è abilitare concreti comportamenti virtuosi a partire dai membri delle comunità della Ricerca. • L’entrata in vigore delle nuove normative europee (e di nuovi obblighi nel 2015) per la riqualificazione e certificazione energetica degli edifici pubblici viene utilizzata come preziosa opportunità generale per l’affermazione dell’intelligenza della sobrietà. Attraverso reti sociali e reti di automi si progettano ed implementano veri e propri “laboratori aperti” interconnessi dove ricercatori, studenti e cittadini possono approfondire e praticare metodi e tecnologie per migliorare il circuito produzione / consumo / stoccaggio di energia, materiali e artefatti. • Il focus concettuale del progetto è centrato sul manifesto del Pragmatic Web: dopo il Web semantico che riferisce e identifica gli oggetti del mondo, si lavora alla implementazione di un Web pragmatico, nel quale il circuito dell’informazione interfaccia sensori, attuatori, oltre che persone e automi, con l’adozione di una sintassi di codifica universale di agenti, oggetti, ma anche contesti, conversazioni, impegni e azioni. • Dopo l’esposizione dei principi guida viene analizzato e sviluppato il progetto di prototipo concreto, presso il Parco della Ricerca Enea Casaccia, di un insediamento formativo-informativo multifunzionale sui temi della sostenibilità energetica –ambientale, dell’innovazione tecnologica, della scienza dell’informazione. • L’insediamento è insieme polo museale, centro di formazione specialistica, spazio espositivo, centro conferenze, da realizzarsi utilizzando spazi fisici e virtuali interconnessi.
  • Abstract (2) • Green Sintropy: a grassroot movement for sustainability of Research Infrastrucures in Rome area • Lo spazio fisico del polo museale viene progettato su volumetrie presenti nel grande Centro di Ricerche della Casaccia. La progettazione e realizzazione dell’edificio Zero Emission, nel cuore di Casaccia, coinvolgerà in cooperazione progettisti ricercatori, studenti, artigiani e artisti digitali, imprese e sponsor. Nel caso concreto Green Sintropy si innesta su una proposta di riqualificazione energetica ambientale (il progetto del gruppo ENEA-CORR) in cui si giungerà alla riduzione totale delle emissioni CO2 con forte autoproduzione da rinnovabili. Un insediamento energeticamente ed ecologicamente sostenibile diventa cornice e prototipo esemplare di un intervento culturale multilivello, replicabile in scala, per l’aumento di consapevolezza e sensibilità sul tema della sostenibilità. • Il polo museale interattivo utilizza testimonianze tecnologiche del passato, del presente e del futuro nel campo energetico, sensibilizza alle problematiche del cambiamento climatico, alle responsabilità sugli stili di vita; illustra opportunità tecnologiche innovative per riduzione dei consumi, produzione energetica, protezione dell’ambiente. Utilizza spazi fisici e virtuali opportunamente connessi secondo standard emergenti (LOD, Pragmatic Web). Eroga didattica con atenei e scuole in Italia e in paesi in via di sviluppo attiva comunità web che scambino informazioni ed esperienze. Il museo rende accessibile al pubblico il patrimonio bibliotecario del Centro della Casaccia attraverso la Digital Library Sapienza. L’insediamento ospita centri formativi specialistici su energia e sostenibilità a differenti livelli (Universitario, Master, Alta Formazione) realizzando sistemi aperti di formazione (OpenCourseware-AVU) e producendo software, ambienti e risorse OpenSource per massimizzare il trasferimento tecnologico. Ospita uno spazio espositivo permanente dedicato a produttori di sistemi e componenti per risparmio energetico, domotica, fonti rinnovabili, innovazione tecnologica verde. • La filosofia dell’auto-apprendimento sperimentale (“learning by doing”) supportato dalle migliori tecnologie al servizio dell’apprendimento vede l’implementazione di laboratori per prototipazione modellazione e materializzazione 3d a disposizione dell’utilizzatore finale, sulla scorta dei FabLab diffusi dal Center for Bits and Atoms del MIT, abilita uno stile di apprendimento immersivo, interattivo, pragmatico. Un master internazionale, in continuità con progetti attivi di cooperazione internazionale in (Africa e Sud- America) moltiplicherà diffusione e auto-sostenibilità del progetto.
  • LinkedOpen Dataand PragmaticWeb(1) theWebfromwordstoobjects,fromobjectstoactions • Tim Berners-Lee TED 2009
  • LOD -2
  • LOD -3 Hans Rosling speech:
  • LOD-1
  • From pages, documents, to data the Web is rapidly changing • “I asked everybody, more or less, to put their documents on the web -- I said, "Could you put your documents on this web thing?" And you did. Thanks.” TBL • “Now, I want you to put your data on the web. Turns out that there is still huge unlocked potential. There is still a huge frustration that people have because we haven't got data on the web as data.” (TBL) • When we all started to publish documents on the web (1989-90)… could seems just the last trenddy hobby. But when everybody started to publich theri documents.. well the whole thing turned to be very serious. Now we want you to publish our data: no more pre- processed document but raw data on the web. (TBL) • And things will start to think. Seriously. • Automata at our service will be able to process linked data in the web, i.e. they will interoperate in the Internet of Things
  • From pages to data : what can we do with data on the Web? • Quando avremo miliardi o bilioni di datasets sul web, la potenzialità funzionale del web sarà incredibilmente maggiore di come lo conosciamo ora. (TBL, traduzione libera) • Agendo (uomini e automi) direttamente su dati pubblicati sul web potremo: • Far elaborare ai nostri automi (PC, smartphones …) statistiche in tempo reale • Conoscere i dettagli dei processi mentre avvengono: ad esempio sapere quanta energia sto consumando nella stanza di un edificio ed essere in grado di interagire con il dato • Interagire intelligentemente con i sistemi di automi da cui sono circondato (spegnere un lampione rimasto accesso di giorno, spegnere un climatizzatore in funzione durante un temporale..) • E la cosa si traformerà – come nel 1989 - in modo terribilmente serio.
  • Linked OpenData and PragmaticWeb(3) theWorldWideWebfrompages todata,fromwordstoobjectsandto actionstointeroperablepragmatics
  • Data readable for automata and humans La rivoluzione semantica del web risiede fondamentalmente nella istituzione di un nuovo modello di comunicazione: accanto alla comunicazione • uomo > macchina > macchina > uomo (1990>) Ha inizio una nuova piattaforma di comunicazione globale condivisa tra umani e simbionti artificiali (automata) • macchina > macchina > uomo > macchina (2008 >)
  • Which automata interact above and under our Web? • Sistemi di vigilanza, monitoraggio , collective mapping • webcams; urban sensors (air quality sensors, noise meters; fire sensors stc. ) • Sistemi di georeferenziazione / zonizzazione / integrazione e geolocalizzazione parzialmente automatici • ( vedi ad es.: www.romapaese.it Link, Digilab, Regione Lazio) con la utilizzazione indistinta GoogleMaps (tile server, POIs) Google Sat e OpenStreetMaps (via pc, tablet, Smartphone) • Rivisti e validati manualmente (triangolazione attraverso i numeri civici) • Incentivando la collaborazione in stile «Crowsourcing» attraverso un sito che classifichi e pubblichi i dati in maniera utile e leggibile
  • Which automata interact above and under our Web? (2) • Building Energy Monitoring and Management • Inverter di impianti fotovoltaici • «How much energy my home / office is using right now?» • «How much energy my house/ office neighbors / are using right now?» • Am I behaving virtuously in front of the environment? better or worse than my neighbors? • Public lighting control set / Home Lighting Switches • Heat pumps, inverter based air conditoners connected with heat sensors and domotic actuators • Metereological Micro Stations connected with Irrigation Control Set (e.g.: Hydroflash, ) • Home intelligent thermostats connected to various domotics appliances
  • Which automata interact above and under our Web? (3) • Centrali intelligenti di irrigazione private / pubbliche • Micro Stazioni metereologiche con i sistemi di irrigazione (Hydroflash) • Termostati ad uso domestico con diversi apparati domotici Drops counter (TUFT Univ)
  • How humanscould better interact with automatavia pragamatic Web? Il sito del progetto Romapaese
  • Unapplicazioneconcreta,uncasoesemplareperl’Italia:(1) LapropostadelProgettoCasacciaEmissioniZero La Commissione CORR della RSU – Enea Casaccia ha elaborato collettivamente una proposta di riqualificazione del Centro della Casaccia come primo Centro di ricerca nazionale sostenibile dal punto di vista energetico ed ambientale • Autosufficiente • Multifunzionale • Zero - emissions • basato su: • fonti rinnovabili • azioni di risparmio energetico • in sinergia con l’«aumento della consapevolezza» • E con il cambiamento di stili di consumo dell’utenza. (1) Vedi in proposito: Romanatura http://romanatura.roma.it/i-parchi/m-n-galeria-antica/
  • Unapplicazioneconcreta,uncasoesemplareperl’Italia:(2) LapropostadelProgettoCasacciaEmissioniZero La proposta di Progetto Casaccia Emissioni Zero prevede anche un nuovo utilizzo, aperto alle necessità del territorio, di spazi e volumetrie, attualmente non utilizzate: - Creazione di un corridoio naturalistico verso Il Monumento Naturale di Galeria Antica(1) - Utilizzo «qualificato» di volumetrie dismesse per la realizzazione nuovi edifici a emissioni zero; (1) Vedi in proposito: Romanatura http://romanatura.roma.it/i-parchi/m-n-galeria-antica/
  • Edifici a emissione zero (CasacciaZeroEmissions) • L’intervento è in accordo con le prescrizioni di • Dir.2010/31/UE Standard energetici negli edifici; • Dir.2012/27/UE su efficienza energetica in particolare all’art.5 ‘Ruolo esemplare degli edifici degli Enti Pubblici’) • L’intervento non grava sui bilanci dello stato: l’investimento si ripaga con minori costi di bolletta energetica e di manutenzioni straordinarie; ha un flusso di cassa complessivo positivo; • Diminuisce le importazioni di combustibili fossili, aumenta l’occupazione, crea le condizioni per un volano economico nella regione, anticipa le prescrizioni europee per la lotta al cambiamento climatico.
  • Propostediutilizzodellavolumetriadismessa: 1. Trasferimento di alcuni uffici della Pubblica Amministrazione attualmente in affitto e/o congestioniati (CNR, ISPRA, Università, Ministeri); 2. Museo della sostenibilità (energia, informazione, ambiente). • L’insediamento è insieme polo museale, centro di formazione specialistica, spazio espositivo, centro conferenze, da realizzarsi utilizzando spazi fisici e virtuali interconnessi. • Un insediamento energeticamente e ecologicamente sostenibile diventa cornice e prototipo esemplare di un intervento culturale multilivello, replicabile in scala, per l’aumento di consapevolezza e sensibilità sul tema della sostenibilità.
  • Il polo museale interattivomultifunzionale: • utilizza testimonianze tecnologiche del passato, del presente e del futuro nel campo energetico, • sensibilizza alle problematiche del cambiamento climatico, alle responsabilità sugli stili di vita; • illustra opportunità tecnologiche innovative per riduzione dei consumi, produzione energetica, protezione dell’ambiente. • Utilizza spazi fisici e virtuali opportunamente connessi secondo standardemergenti (LOD, Pragmatic Web). • Opera attività con atenei e scuole in Italia e in paesi in via di sviluppo dando vita a comunità web che scambino informazioni ed esperienze sul tema della sostenibilità. • Mette a disposizione del pubblico il patrimonio bibliotecario del Centro della Casaccia attraverso la Digital Library Sapienza. • Ospita centri formativi specialistici su energia e sostenibilità a differenti livelli (Universitario, Master, Alta Formazione) realizzando sistemi aperti di formazione e producendo software, ambienti e risorse OpenSource per massimizzare il trasferimento tecnologico. • Ospita uno spazio espositivo delle BEST technologies permanente.
  • Thenext convergence will saveour planet: (1) PragmaticWebandthe3dprinting andnano-printing technologies • What will happen if… • You can have your photovoltaic panel system printed at you home, at your need • How will the labour change if.. • You can build by yourself the disposable objects you use at home? • You will be able to project and build intelligent micro sprinklers sensible to rain?
  • Thenext convergence will saveour planet: (2) PragmaticWebandthe3dprinting andnano-printing • What will happen if… • You can have your photovoltaic panel system printed at your home, at your need
  • Thenext convergence will saveour planet: (3) PragmaticWebandthe3dprintingandnano-printing • What will happen if… • You can have your razors, plastic dishes, customized clothes printed at your home, at your need • How will the labour change if.. • You can build by yourself the disposable objects you use at home? • An unmanned plane • You will be able to project and build a whole new intelligent house?
  • Thenext convergence will saveour planet: (4) PragmaticWebandthe3dnano-printing • What will happen if… • You can build or refurbish by yourself,your zero emissions smart house…
  • SistemiAperti Sapienza:new convergence : humanawareness/ pragmatic actuators • Implementare un Sistema Aperto di Intelligent Building Management in Sapienza: • Risparmiare fino a 6 Milioni di euro/anno • Aumentare la consapevolezza delle persone e sperimentare la potenza di comportamenti virtuosi (sperando che li adottino anche in ambiente domestico) • Come far interagire al meglio umani ed automi sul Web? • Disporre di un linguaggio intellegibile a persone e ad automi • Che permetta di inter-operare e comunicare allo stesso tempo • Che consenta l’intervento umano intelligente in processi interattivi tra automi
  • Enea Zero emissions project - Sapienza Open Systems • A sinergy between …ENEA and Lazio Universities • ENEA is the National Agency for Sustainable Energy Management • Ha il ruolo istituzionale di Agenzia di Consulenza per il risparmio energetico • Le università del LAZIO costituiscono una massa critica pari al 17% del sistema universitario nazionale • How will the energy awareness change if.. • Il Museo dell’Informazione e dell’Energia vuole creare cultura diffusa sulla Sostenibilità: cosa accadrebbe se ognuno nella nostra regione… • avesse una App che lo informa in real time dei consumi da lui «comandati» (in ufficio, a casa, in mobilità, nella seconda casa)? • potesse partecipare a riprogettare il proprio isolato o il proprio comune, secondo standard eco-friendly?
  • Sistemi Aperti Sapienza: new convergence : humanawareness/ pragmatic actuators • Progettare ed implementare in collaborazione con ENEA un Museo dell’Informazione e dell’Energia: • laboratorio didattico / sperimentale dove si ricerchino nuove modalità comunicazione uomo-automa via pragmatic web: • In collaborazione con ENEA • Aumentare la consapevolezza delle persone e sperimentare la potenza di comportamenti virtuosi (sperando che li adottino anche in ambiente domestico) • Come far interagire al meglio umani ed automi sul Web? • Disporre di un linguaggio intellegibile a persone e ad automi • Che permetta di inter-operare e comunicare in un tempo • Che consenta l’intervento umano intelligente in processi interattivi tra automi • Che sviluppi l’attitudine a «progettare» e fare ipotesi sul modo di risolvere i problemi collettivamente
  • Enea Zero emissions project : humanawareness/ pragmatic actuators • We want ENEA people to team up and play the game of Zero Emissions … • Publishing data about energy saving within each building inside the campus • Comparing each others energy related behaviours • Competing into «savyest contest» • How will the labour change if.. • You can build by yourself the disposable objects you use at home? • You will be able to project (1) and build intelligent micro sprinklers sensible to rain and able to «speak» with meteo station to adapt their behaviour to Wether forecast published in Linked Open Data format (1) You will probably like to download and use one of the thousands Open Source Projects already listed in many web repository
  • referencees • Assange, J., Appelbaum, J., & Muller-Maguhn, A. (2012). Cypherpunks: Freedom and the Future of the Internet (p. 186). OR Books. Retrieved from http://www.amazon.com/Cypherpunks-Freedom-Internet-Julian-Assange/dp/1939293006 • Berners-Lee, T., Hendler, J., & Lassila, O. (2001). The Semantic Web. (K. Aberer, K.-S. Choi, N. Noy, D. Allemang, K.-I. Lee, L. Nixon, J. Golbeck, et al., Eds.)Scientific American, 284(5), 34–43. doi:10.1038/scientificamerican0501-34 • Gershenfeld, N. (2011). The Physics of Information Technology (Cambridge Series on Information and the Natural Sciences) (p. 388). Cambridge University Press. Retrieved from http://www.amazon.com/Physics-Information-Technology-Cambridge- Sciences/dp/0521210224 • Gershenfeld, N. A. (2000). When Things Start to Think (p. 225). Henry Holt and Company. Retrieved from http://books.google.com/books?id=EU0Fh97hmksC&pgis=1 • Heath, T., & Bizer, C. (2011). Linked Data: Evolving the Web into a Global Data Space. Synthesis Lectures on the Semantic Web: Theory and Technology (Vol. 1, pp. 1–136). Morgan & Claypool Publishers. doi:10.2200/S00334ED1V01Y201102WBE001 • Levy, P. (1997). Collective Intelligence (1st ed.). Basic Books. Retrieved from http://www.amazon.com/exec/obidos/redirect?tag=citeulike07-20&path=ASIN/0306456354 • McElheny, V. K. (2010). Drawing the Map of Life: Inside the Human Genome Project (A Merloyd Lawrence Book) (p. 384). Basic Books. Retrieved from http://www.amazon.com/Drawing-Map-Life-Project-Lawrence/dp/B004NSVFRW • McIlraith, S. A., Plexousakis, D., & Harmelen, F. (Eds.). (2004). The Semantic Web – ISWC 2004 (Vol. 3298). Berlin, Heidelberg: Springer Berlin Heidelberg. doi:10.1007/b102467 • Ostrom, E. (2009). A General Framework for Analyzing Sustainability of Social-Ecological Systems. Science, 325(5939). Retrieved from http://www.citeulike.org/user/rodolphegonzales/article/5833226 • Schrodinger, E. (n.d.). What is Life? Cambridge University Press. Retrieved from http://www.amazon.com/What-Life-E- Schrodinger/dp/B000Q41H0C • Shannon, C. E., & Weaver, W. (1962). The mathematical theory of communication (p. 117). University of Illinois Press. Retrieved from http://books.google.com/books?id=CugtAQAAIAAJ&pgis=1 • Szent-Gyorgyi, A. (n.d.). Nature of Life - A Study On Muscle da A. Szent - Gyorgyi: Academic Press Hardcover, 1st Edition - Pheonix Books and Collectibles. Retrieved May 14, 2013, from http://www.abebooks.it/Nature-Life-Study-Muscle-Szent-Gyorgyi/7787737813/bd • Taleb, N. N. (2007). The Black Swan: The Impact of the Highly Improbable (Random House, 2007). The Review of Austrian Economics (Vol. 21, pp. 361–364). Random House. doi:10.1007/s11138-008-0051-7 • Thaler, R. H., & Sunstein, C. R. (2009). Nudge: Improving Decisions About Health, Wealth, and Happiness (p. 320). Penguin Books. Retrieved from http://www.amazon.com/Nudge-Improving-Decisions-Health-Happiness/dp/014311526X • Wierzbicki, A. P., Makowski, M., & Wessels, J. (2000). Model-Based Decision Support Methodology with Environmental Applications. (A. P. Wierzbicki, M. Makowski, & J. Wessels, Eds.)Optimization, 32(9), 84–85 ST – Model–based decision support methodolo. Retrieved from http://www.loc.gov/catdir/enhancements/fy0822/00038932-d.html