Consumo: quota di reddito destinata a soddisfare bisogni Modelli macro economici del consumo: Keynes : il consumo cresce c...
<ul><li>Sviluppi successivi (anni ‘50): </li></ul><ul><li>Ciclo di vita (Modigliani - 54) </li></ul><ul><li>Reddito perman...
<ul><li>Seconda implicazione (Hall - 1978)  </li></ul><ul><li>Il consumo è sensibile solo a variazioni inattese del reddit...
<ul><li>Ricerca empirica: </li></ul><ul><li>Relazione prezzi – consumo (curve di domanda) </li></ul><ul><li>Relazione redd...
Il principale strumento di analisi: l’elasticità Def.= Rapporto tra la variazione relativa della quantità domandata e la v...
Esempio: Curva di domanda:
<ul><li>Elasticità = reattività della domanda al prezzo </li></ul><ul><li>alcuni valori notevoli </li></ul><ul><li>Elastic...
<ul><li>Proposte diverse funzioni per adattare il comportamento di consumo </li></ul><ul><li>Caratteristiche: </li></ul><u...
 
 
Nasce origine Asint.orizz. No asint.orriz . Spesa >0 saturazione asintoto orizz. PM costante EL   1 Poco utile Note Elast...
Additività Valori estremi Elast.costante Note Elasticità Prop.media Prop.marg. equazione Leser Doppio log funzione
Le più utilizzate: Semi-logaritmica Doppio-logaritmica Leser Solo Leser garantisce addività, cioè confronti tra  beni dive...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Consumi

664 views
558 views

Published on

Published in: Business, Technology
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
664
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
1
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Consumi

  1. 1. Consumo: quota di reddito destinata a soddisfare bisogni Modelli macro economici del consumo: Keynes : il consumo cresce col reddito, ma in misura minore La propensione marginale al consumo è: 0 <  C/  Y < 1 Ma…Kuznets e Goldsmith (anni ’40) osservano una forte stabilità del rapporto Y-C/Y che contraddice l’ipotesi di propensione marginale <1
  2. 2. <ul><li>Sviluppi successivi (anni ‘50): </li></ul><ul><li>Ciclo di vita (Modigliani - 54) </li></ul><ul><li>Reddito permanente (Friedmann - 57) </li></ul><ul><li>Ipotizzano che un individuo consumi in base al reddito che pensa di percepire per tutta la vita, o almeno per una parte di essa, e la P.M.C per un aumento del reddito transitorio è bassa, mentre per un aumento del reddito permanente è alta </li></ul><ul><li>Il reddito permanente corrisponde al valor medio del reddito corrente e di quelli attesi futuri </li></ul><ul><li>Prima implicazione (verificata empiricamente): </li></ul><ul><li>PMC al reddito corrente bassa (0.2-0.3), ma vicina 1 per il permanente </li></ul>
  3. 3. <ul><li>Seconda implicazione (Hall - 1978) </li></ul><ul><li>Il consumo è sensibile solo a variazioni inattese del reddito, perché qualsiasi cambiamento atteso del reddito non ha effetti (perché già previsto nel reddito perm.). </li></ul><ul><li>Corollario/esempio di politica economica: affinché un programma di riduzione delle tasse possa influenzare il consumo devono verificarsi due condizioni. </li></ul><ul><li>Il cambiamento di politica economica deve essere percepito dalle famiglie come un cambiamento permanente (altera il reddito permanente). </li></ul><ul><li>Il cambiamento deve essere inatteso inatteso. </li></ul><ul><li>Se queste due condizioni vengono rispettate, la politica economica ha effetto nel momento stesso in cui viene annunciata (crea aspettative di maggior reddito) </li></ul>
  4. 4. <ul><li>Ricerca empirica: </li></ul><ul><li>Relazione prezzi – consumo (curve di domanda) </li></ul><ul><li>Relazione reddito – consumo (funzioni engeliane) </li></ul><ul><li>Sistemi completi di domanda (Deaton & Muellbauer) </li></ul><ul><li>Funzioni aggregate di consumo (mod. macroeconomici) </li></ul><ul><li>Relazioni domanda – offerta (estensione input-output) </li></ul><ul><li>Distinzione tra micro e macro modelli, quindi tra micro e macro dati </li></ul>
  5. 5. Il principale strumento di analisi: l’elasticità Def.= Rapporto tra la variazione relativa della quantità domandata e la variazione (infinitesima) relativa del prezzo
  6. 6. Esempio: Curva di domanda:
  7. 7. <ul><li>Elasticità = reattività della domanda al prezzo </li></ul><ul><li>alcuni valori notevoli </li></ul><ul><li>Elasticità = 0 .  Nessuna reattività. Qualsiasi variazione del P lascia indifferente la quantità domandata. Retta verticale. Domanda è rigida o anelastica. </li></ul><ul><li>b) Elasticità = 1 .  La variazione % del P determina la stessa variazione % della Q domandata. Retta a 45° </li></ul><ul><li>c) Elasticità < 1 .  Scarsa reattività. Retta quasi verticale. Domanda è poco elastica. </li></ul><ul><li>d) Elasticità > 1 .  Molta reattività. Retta quasi orizzontale. Si dice che la domanda è molto elastica. </li></ul><ul><li>e) Elasticità = infinito .  La reattività è massima. Retta orizzontale. Domanda perfettamente o infinitamente elastica. (CASO LIMITE) </li></ul>
  8. 8. <ul><li>Proposte diverse funzioni per adattare il comportamento di consumo </li></ul><ul><li>Caratteristiche: </li></ul><ul><li>Esistenza di un livello minimo </li></ul><ul><li>Minimo >0 (sopravvivenza) </li></ul><ul><li>Asintoto superiore orizzontale (sazietà) </li></ul><ul><li>Additività (vincolo di bilancio) la somma dei consumi teorici ottenuti dal modello equivale alla spesa totale osservata </li></ul>
  9. 11. Nasce origine Asint.orizz. No asint.orriz . Spesa >0 saturazione asintoto orizz. PM costante EL  1 Poco utile Note Elasticità Prop.media b Prop.marg. equazione Sigmoide Semilog iperbole Retta funzione
  10. 12. Additività Valori estremi Elast.costante Note Elasticità Prop.media Prop.marg. equazione Leser Doppio log funzione
  11. 13. Le più utilizzate: Semi-logaritmica Doppio-logaritmica Leser Solo Leser garantisce addività, cioè confronti tra beni diversi

×