Dossier 2011 2012
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Dossier 2011 2012

on

  • 908 views

Dossier di presentazione Studio Sisociale

Dossier di presentazione Studio Sisociale

Statistics

Views

Total Views
908
Views on SlideShare
906
Embed Views
2

Actions

Likes
0
Downloads
1
Comments
0

1 Embed 2

http://www.linkedin.com 2

Accessibility

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Dossier 2011 2012 Dossier 2011 2012 Document Transcript

  • Edizione2011-12 Studio SISOCIALE Strumenti d’Impresa sociale Consulenza & Formazione Competenze e professionalità per sostenere le organizzazioni attorno al filo conduttore della qualità, della responsabilità sociale e dei processi gestionali in area sociale ed educativa. Studio SISOCIALE di Fabio Fornasini Via Licata 22 – 37138 Verona Voip Phone 045/4853339 – Fax 045/4852044 P. IVA 03131140232- Registro Imprese CCIA VR 364504 fabio.fornasini@sisociale.it - www.sisociale.it
  • 2 Studio SISOCIALE Strumenti d’impresa sociale SISOCIALE SI OCCUPA DI … ORGANIZZAZIONE E QUALITA’ Orientare l’impresa alla qualità significa coinvolgere tutto l’impianto gestione di un’organizzazione. Qualità come azione di miglioramento continuo, destinata a valorizzare il servizio offerto, il rapporto con il territorio, la sostenibilità dell’intera organizzazione. Un supporto di consulenza per “ricomporre il mosaico” dell’agire sociale, ridisegnando buone prassi e stili operativi. : In cammino verso un sistema di gestione qualità EN UNI ISO 9001:2008 L’accreditamento istituzionale di strutture sociali e sanitarie Orientare al cambiamento Controllo gestionale e indicatori di performance RESPONSABILITA SOCIALE E COMUNICAZIONE DELLA QUALITA E’ in crescita il tema della Responsabilità Sociale nelle politiche aziendali. La sostenibilità, la trasparenza nell’uso delle risorse e la chiarezza nella gestione diventano le espressioni di questa sensibilità, coinvolgendo la qualità e lo stile gestionale. E’ possibile trasformare queste aree emergenti di cultura aziendale in strumenti gestionali, capaci di comunicare in modo diverso sogni, tensioni e senso dell’attività di impresa. Politiche di responsabilità sociale Rendicontazione Sociale / Bilancio Sociale Carta dei Servizi COSTRUIRE LUOGHI EDUCATIVI Un’area del lavoro è stata interamente dedicata al supporto formativo e di consulenza per ambienti aggregativi per ragazzi (centri diurni, oratori, centri giovanili, comunità residenziali). Una scelta dettata dalla passione per questo settore e dall’esperienza educativa vissuta direttamente nella vita di centri giovanili, nell’insegnamento e nell’associazionismo, nella consulenza sulla qualità. Una gamma di interventi in grado di affiancarsi alle professioni educative e al mondo del volontariato per sostenere la sintesi tra i temi della qualità, della formazione e della progettazione educativa. Culture di accoglienza Interventi di consulenza e affiancamento per equipe e comunità educative Laboratori formativi
  • 3 Studio SISOCIALE Strumenti d’impresa sociale ORGANIZZAZIONE E QUALITA’ IN CAMMINO VERSO UN SISTEMA DI GESTIONE QUALITA Accompagnare le organizzazioni verso la certificazione ISO9001:2008 o anche soltanto farle entrare dentro lo stile della norma. Un intervento serio e competente, in grado di rendere lesperienza di certificazione un vero percorso di crescita organizzativa e gestionale. SISOCIALE affianca alla consulenza unesperienza di certificazione vissuta sul campo come auditor per conto enti di certificazione. Gli interventi: Impostazione di S.G.Q. secondo lo schema ISO 9001:2008 Accompagnamento alla certificazione Analisi per processi dell’attività erogata e criteri di monitoraggio ACCREDITAMENTO ISTITUZIONALE DI STRUTTURE SOCIALI E SANITARIA Sisociale si è mosso già dal 2004 per acquisire competenze sullapplicazione della Legge Regionale 22/02, diventando valutatore della Agenzia Regionale Socio Sanitaria del Veneto per lapplicazione degli standard richiesti. E così maturata unesperienza sia valutativa che di supporto alle strutture operanti in area sociale e socio sanitaria. Gradualmente sono stati elaborati veri e propri percorsi di consulenza e sostegno che consentono di accompagnare le singole strutture verso il riconoscimento regionale. Gli interventi: Impostazione S.G.Q. secondo gli standard L. R. 22 ed eventuale integrazione con ISO 9001:2008 Accompagnamento all’accreditamento ORIENTARE AL CAMBIAMENTO Il cambiamento sociale e organizzativo è un fenomeno ormai continuo e repentino. Non esistono posizioni sicure e acquisite. E strategico mantenere viva la sensibilità al cambiamento. Attorno a questo tema è possibile strutturare sia percorsi formativi che fornire strumenti di consulenza. Tema forte e centrale collegato è quello della “biografia organizzativa”: la capacità di rileggere la storia del proprio ente, di ritrovarne il filo conduttore e rileggerlo insieme a quanti vi operano allinterno dell’ente per consolidare mission e prospettive di futuro. Gli interventi: Criteri di lettura del cambiamento sociale ed organizzativo La biografia organizzativa CONTROLLO GESTIONALE E QUALITA Per tenere ben saldo il collegamento fra i dati economici e la qualità Gli interventi: Controllo gestionale; indicatori e costi etici Il tema dei costi “etici”Integrazione di controllo gestionale e qualità
  • 4 Studio SISOCIALE Strumenti d’impresa sociale RESPONSABILITA’ SOCIALE & COMUNICAZIONE POLITICHE di RESPONSABILITA SOCIALE Un progetto curato e chiaro di responsabilità sociale può sostenere la crescita delle organizzazioni, aiutarle a individuare nuovi modi di coinvolgere le risorse umane, creare un nuovo rapporto con il territorio e valorizzare il cammino di qualità. Gli interventi: Impostare politiche di responsabilità sociale per aziende e organizzazioni non profit Obiettivi di sostenibilità Sostenere il cambiamento con la CSR SA8000: Impostazione S.G.Q. secondo lo schema della norma Integrazione SA8000 con altri S.G.Q. SOCIALE: narrare, descrivere e contare L’impegno per la responsabilità sociale e la qualità va comunicato adeguatamente, condiviso con il territorio e la vasta area di portatori d’interesse legati all’organizzazione. Un rendiconto curato e ben impostato può diventare un vero cruscotto informativo e chiaro, capace di tessere un filo conduttore delle politiche di qualità e sociali. Gli interventi: Percorsi di accompagnamento alla Rendicontazione Sociale Indicatori di performance sociale In cammino verso il Bilancio Sociale CARTA DEI SERVIZI Se la rendicontazione sociale è un “consuntivo” dell’agire sociale e sostenibile di ogni organizzazione, la Carta dei Servizi è una sorta di “preventivo” offerto a tutti i portatori di interesse, la carta degli impegni. Gli interventi: Percorsi di accompagnamento alla Carta dei Servizi Il rapporto fra Carta dei Servizi e indicatori di qualità Collegare Carta dei Servizi e Rendicontazione Sociale. “MERITA FIDUCIA”: UN MARCHIO ETICO REGIONALE Sisociale ha curato fin dal suo avvio le procedure e i criteri gestionali del Marchio Regionale “MERITA FIDUCIA” promosso dal Centro Servizi di Volontariato di Verona e allargato alle provincie di Rovigo e Belluno. Un riconoscimento per qualificare le associazioni virtuose e trasparenti nella gestione e raccolta fondi. www.meritafiducia.it
  • 5 Studio SISOCIALE Strumenti d’impresa sociale COSTRUIRE LUOGHI EDUCATIVI CULTURE DI ACCOGLIENZA Confrontarsi con il bisogno di futuro dei ragazzi. In una società che fatica a darsi progetti di futuro, con sogni giovanili che si infrangono tra le precarietà professionali e le incertezze dell’appartenenza, gli spazi di aggregazione possono ancora trovare significato se riescono a porsi come luoghi privilegiati per fare crescere passioni, sensibilità e ricerca di senso nella vita dei ragazzi. La sfida della modernità si gioca sicuramente più sul fronte di presenze adulte significative piuttosto che sul primato delle strutture. La progettazione come filo conduttore dell’azione educativa. Campi da gioco, sale gioco e qualsiasi spazio di animazione che si voglia valorizzare, possono trovare un’identità e un valore solamente se accomunati e collegati da un progetto, da un’idea monitorabile e verificabile. Le risorse umane impegnate negli spazi di aggregazione rischiano di perdere il senso del loro agire se non ci si collega ad un percorso progettuale. GLI INTERVENTI DI CONSULENZA E AFFIANCAMENTO ALLE EQUIPE EDUCATIVE Chi opera quotidianamente nell’azione educativa lo sa bene: l’incertezza degli obiettivi appartiene ai rischi della professione. La cura della relazione educativa richiede sforzo, impegno, costanza. La stesura di un progetto educativo dell’ambiente di aggregazione aiuta a sostenere il lavoro, a non disperdere le energie. La necessità di dare qualità e stile organizzativo al lavoro con i ragazzi, rende più che mai necessarie la cura del clima educativo e l’identità degli ambienti di aggregazione. Diventa quindi centrale la capacità di accogliere, di comunicare con stile fresco e simpatico l’identità di centri giovanili e oratori, evitando che i ragazzi frequentino ambienti sbiaditi e anonimi. Qui di seguito una carrellata sulle principali proposte: Gli interventi: Criteri di progettazione degli spazi di aggregazione Fare crescere l’identità degli ambienti Costruire processi monitorabili; la qualità educativa L’incontro tra professionalità e volontariato LABORATORI FORMATIVI I percorsi formativi offerti da Sisociale si muovono intorno a due coordinate di riferimento: la cura dell’accoglienza e il clima educativo. Qui di seguito sono riportate alcune delle proposte formative: Gli interventi: Laboratorio di progettazione 1: un percorso di due giornate per individuare criteri condivisi di progettazione per gli spazi aggregativi per ragazzi. Idee, tematiche e metodologie per superare l’improvvisazione e il “viaggiare a vista” sulla gestione. Laboratorio “I Cortilai”: percorso modulabile a formazione di animatori/educatori addetti alla prima accoglienza. Laboratorio di “Introduzione all’animazione”: la relazione educativa, l’accoglienza, la passione educativa, Laboratorio di progettazione 2: al nocciolo del centro, un percorso per fare crescere comunità educative giovanili.
  • 6 Studio SISOCIALE Strumenti d’impresa sociale DOCUMENTI E PUBBLICAZIONI 2011 “IL RAPPORTO ANNUALE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO Una pubblicazione a disposizione del Volontariato per curare e rendere più significativi bilanci, commenti ai dati e relazione sociale (Collana “Guide” del CSV di Verona). 2010 “MERITA FIDUCIA, il marchio delle organizzazioni di volontariato che rende conto” Dossier illustrativo per la presentazione del nuovo marchio etico provinciale. Allinterno sono reperibili tutte le informazioni e le procedure legate al marchio. (collana “Guide” del CSV di Verona). 2009 "PERCORSI DI QUALITA NELLAZIONE EDUCATIVA" Documento conclusivo laboratorio con educatori Centri diurni Comune di Verona sui processi gestionali e le prassi professionali. 2009 “IL BILANCIO DI MISSIONE PER LE ORGANIZZAZIONI NON PROFIT Linee guida e contributi” (collana “Guide” CSV di Padova. Contributo di SISOCIALE sul tema dei criteri di rendicontazione e indicatori (Pag.61 e s.s.). 2008 “CARTA DEI SERVIZI E DELLE OPPORTUNITA’ CSV” di Verona Presentazione dei servizi erogati dal CSV completo di indicatori di monitoraggio. 2008 “ORATORI POSSIBILI” di Fabio Fornasini e Valerio Baresi, Edizioni Elledici (TO). Manuale per progettare e gestire Oratori e Centri Giovanili attraverso un percorso a tappe: accoglienza, ricerca di senso e orientamento alla vita. Il testo è ricco di suggerimenti per interventi organizzativi e laboratori per la formazione degli operatori.
  • 7 Studio SISOCIALE Strumenti d’impresa sociale PROFILO PROFESSIONALE di Fabio Fornasini LO STUDIO SISOCIALE Dopo un percorso professionale in aziende di servizi con incarichi economico gestionali, ho scelto di orientare il lavoro nel contesto delle organizzazioni sociali, assecondando la passione e la sensibilità che avevo maturato, fino ad allora, nel volontariato. Varie ed articolate, negli anni, le modalità di partecipazione alla vita dellimpresa sociale: dallavvio "pioneristico", quale socio fondatore in cooperative sociali per lanimazione giovanile, agli anni di socio lavoratore in enti non profit di più ampie dimensione; dalla collaborazione in associazioni di volontariato e promozione sociale alla consulenza progettuale esterna. Un’esperienza vissuta direttamente "sul campo" dellimpresa sociale tesa a comprendere e a fare convivere la spinta etica, di valori e di cambiamento sociale con le inevitabili esigenze della economicità. Da questo percorso nasce nel 2003 lo Studio SISOCIALE, con l’intento di offrire servizi di consulenze e formazione alle imprese sui temi della qualità, della responsabilità e della rendicontazione sociale. Un’attenzione particolare è rivolta alle organizzazioni che operano nei settori del sociale, del sociosanitario e nel campo educativo. STUDI Laurea in Sociologia presso l’Università di Trento Laurea in Economia presso l’Università di Genova Diploma di Ragioniere e Perito Commerciale conseguito a Genova QUALIFICHE SETTORE ATTIVITA’ Auditor per la norma di certificazione ISO9000 – Sistemi di Gestione Qualità in ambito sanitario e sociale Auditor per la norma di certificazione volontaria etica SA8000 (percorso accreditato SAI) Insegnante con abilitazione di stato per la classe di concorso A017 - economia aziendale nelle scuole superiori ATTIVITA’ VALUTATIVA IN AREA QUALITA’ Valutatore per l’accreditamento sociale e sanitario Legge 22/02 presso l’Agenzia Regionale Socio Sanitaria del Veneto (con oltre 40 strutture valutate per conto della Regione in area sociale e sociosanitaria). Auditor Det Norske Register, norma ISO900:2008 (settori 35,37, 38f). ATTIVITA’ FORMATIVA Attività formativa per aziende, organizzazioni non profit, enti formativi (per un dettaglio confrontare scheda allegata) Corsi ECM per l’area sanitaria Progettazione e gestione laboratori per operatori in area educativa, animatori giovanili Attività di insegnamento nella scuola superiore LA RETE PROFESSIONALE Attorno a SISOCIALE si è creata una rete professionale in grado di intervenire con modalità integrata: Nello sviluppo di comunità Nelle soluzioni web legate all’animazione e al sociale Nello sviluppo di sistemi di qualità integrati Nella formazione
  • 8 Studio SISOCIALE Strumenti d’impresa sociale ATTIVITA’ FORMATIVA INTERVENTI FORMATIVI PER L’IMPRESA SOCIALE 2011 4° Corso Marchio Etico “Merita Fiducia” Centro Servizi Volontariato (VR) Corso ECM in sanità sulla Legge 22/02 Casa di Cura San Francesco Spa 2010 Il marchio etico Merita Fiducia (3° edizione) Centro Servizi Volontariato (VR) Generare fiducia per la raccolta fondi Centro Servizi Volontariato (RO) 2009 La costruzione dei mansionari. Cooperativa Insieme Grezzana (VR) Laboratorio Bilancio Sociale . Centro Servizi Volontariato (VR) Il marchio etico “Merita Fiducia”. Centro Servizi Volontariato (VR) Comunicare il cambiamento nel sociale Centro Don Calabria (VR) 2008 Il Bilancio Sociale per il volontariato. Centro Servizi Volontariato (VR) Coordinamento progetto formativo sulla qualità. per educatori Comune VR Comune di Verona - Servizi Sociali 2007 Lavorare per processi negli enti locali. Comune di Monteforte d’Alpone (VR) Il bilancio sociale negli enti locali Comune di Castel d’Azzano (VR) La norma SA8000 Centro di Formazione Rumor (VI) Il bilancio sociale negli enti locali Comune di Legnago (VR) Il bilancio sociale negli enti locali Comune di Albaredo d’Adige (VR) Cultura della qualità per le ONP SCS CNOS Roma Cultura della qualità sociale per le ONP SCS CNOS Roma (edizione di Torino) L’approccio per processi Cooperativa Insieme (Grezzana – VR) 2006 Costruire il bilancio sociale. Cooperativa Insieme Controllo gestionale e qualità. Coop. Sociale Filo Continuo (VR) Controllo gestionale per enti non profit SCS – CNOS Roma 2005 Qualità nei servizi sociali di un Comune Comune di San Giovanni Lupatoto. (VR) Start Up d’impresa Sociale Coop. Sociale L’Ancora (TN) Clima aziendale e qualità nella scuola Istituto Scolastico Suore Immacolata Gli indicatori di performance sociale (GE) Coop. Sociale Filo Continuo (VR) 2004 Verso il manuale di Qualità Coop. Sociale Primavera (VR) Il controllo gestionale nell’impresa sociale Coop. Sociale Promozione Lavoro (VR) Qualità e comunicazione sociale Coop. Sociale Filo Continuo (VR) Il management del non profit Consorzio Verona Unita (VR) La norma SA8000 Coop. Sociale Promozione Lavoro (VR Comunicare la qualità Coop. Sociale Filo Continuo (VR) La carta dei servizi Coop. Sociale Agespha (VR) Biografie organizzative e mission nel sociale. Coop. Sociale Filo Continuo (VR)
  • 9 Studio SISOCIALE Strumenti d’impresa sociale INTERVENTI FORMATIVI IN AREA SOCIO EDUCATIVA 2011 Introduzione alla gestione di spazi aggregativi giovanili Circolo Noi Villafranca (VR) Qualità erogazione servizi area educativa Associazione Giochiamo Insieme (MN) 2010 Percorsi di formazione per educatori Circolo Noi Villafranca Workshop Convegno sulla Qualità Riva del Garda Casa Editrice Erickson L’educativa di bassa soglia in centri giovanili Circolo Noi Tomba Ex (VR) L’educativa di bassa soglia in centri giovanili Circolo NOI Oné di Fonte (TV) 2009 Progettazione centro aggregazione. Circolo NOI Tomba Ex (VR) L’educativa di bassa soglia nei centri giovanili. Circolo NOI Lonigo (VI) Laboratorio di buone prassi per educatori professionali Comune di Verona – Servizi Sociali Quale formazione per operatori di Oratori? Pontificio Ateneo Salesiano Roma Progettazione centro di aggregazione Circolo NOI Tomba Ex (VR) 2008 Giornata di aggiornamento per Diocesi Diocesi di Rovigo (RO) Progettare l’accoglienza per aggregazione. Congr. Giuseppini - Tirrenia (PI) Percorsi formativi animatori giovanili Diocesi di Rovigo (RO) 2007 Educativa di bassa soglia negli Oratori. Centro Giovanile San Pio X (MN) “Tutti in cortile” aggiornamento operatori educativi Cooperativa Archè (MN) 2006 Aspetti organizzativi centro giovanile. Associazione Cantiere Giovani (LI) Intervento convegno sugli Oratori Associazione Oratori Macerata (MC) Coordinamento di equipe educative Ispettoria Salesiana Ligure Toscana (GE) 2005 L’animazione di prima accoglienza Centro Giovanile Don Bosco (RE) L’animazione di prima accoglienza Centro Servizi Volontariato (IM) La ricerca di senso nell’agire educativo Centro Giovanile (GE) 2004 Progettare gli spazi aggregativi Centro Giovanile Domegliara (VR) Progettare l’accoglienza in contesti aggregativi Ispettoria Salesiana Ligure Toscana.(GE) 2003 La figura dell’animatore volontario Ufficio di PG. Diocesi di Prato (PO) Progettare gli spazi aggregativi Centro Giov.le M. Viesi di Mori (TN)