Your SlideShare is downloading. ×
Luglio 1944
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Luglio 1944

287
views

Published on

Published in: Education, News & Politics

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
287
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. CHI DIMENTICA IL PASSATO E' CONDANNATO A RIVIVERLO IL FRONTE DI GUERRA ATTRAVERSO' TUTTA L'ITALIA DALLA SICILIA ALLE ALPI DISTRUGGENDO CITTA', FABBRICHE, INFRASTRUTTURE, VITE UMANE GLI ESERCITI IN LOTTA SI AFFRONTARONO SULLE PIANURE E SULLE ALTURE DEL NOSTRO PAESE IN UNA SERIE DI BATTAGLIE VIOLENTISSIME
  • 2. UN CONFLITTO GLOBALE NEL CONTEMPO, LE FORZE AEREE ALLEATE E GERMANICHE BOMBARDAVANO PONTI, FERROVIE, STRADE E CITTA' PER INDEBOLIRE L'ESERCITO AVVERSARIO COLPENDO I CENTRI PRODUTTIVI E LE LINEE DI TRASPORTO E COMUNICAZIONE, PER INTERROMPERE LA CATENA DEI RIFORNIMENTI ED ISOLARE I NEMICI. NESSUN VEICOLO MILITARE O CIVILE ERA AL SICURO DAGLI ATTACCHI AEREI. MILIONI DI CIVILI INERMI FURONO TRAVOLTI DA QUELLO CHE E' STATO DEFINITO IL PRIMO GRANDE CONFLITTO GLOBALE.
  • 3. GUERRA DI MOVIMENTO Si tratta di una guerra di movimento, dove le truppe si spostano velocemente su autocarri e veicoli corazzati, e dove carriarmati, artiglierie semoventi e aereoplani hanno un ruolo preponderante. Le strade, le ferrovie e I ponti sono risorse e obiettivi strategici molto importanti,
  • 4. I civili del Valdarno I valdarnesi, che vivono vicini ad un'arteria stradale e ferroviaria fondamentale, vengono intrappolati dai combattimenti ed esposti a pericoli mortali. Non possono rifugiarsi in nessun luogo. Le strade sono impegnate dai trasporti militari, e fatte oggetto di attacchi dal cielo. I monti vicini sono terreno di scontro tra bande di partigiani, reparti della wermacht e di repubblichini che hanno il compito di rendere sicure le immediate retrovie.
  • 5. I protagonisti dello scontro Un Carro Tigre tedesco e uno Sherman americano
  • 6. I carri tigre germanici erano enormi ma meno numerosi
  • 7. I protagonisti della guerra aerea La superiorità aerea tedesca iniziale finisce quando entrano in linea I nuovi caccia alleati, I P51, I P38 gli Spitfire inglesi, e soprattutto I bombardieri. Lockheed_P-38 Lightning USAF
  • 8. Supermarine_Spitfire_Mk RAF Messerschmitt Me 109 Luftwaffe
  • 9. I tedeschi non avevano preparato una forza sufficiente di bombardieri pesanti
  • 10. I fulminanti successi iniziali dei tedeschi avevano creato l'illusione di una guerra breve
  • 11. Il regio esercito, male armato e con pochi mezzi viene presto travolto, e nel 1943 lo scontro dall'Africa si trasferisce sul suolo italiano.
  • 12. L'otto settembre "L'8 settembre 1943 e' la data di un triplice tradimento: verso i Tedeschi, verso gli Alleati e verso il popolo italiano. La capitolazione dell'Italia con passaggio al nemico contrattata da Badoglio (perche' questo fu: una capitolazione, non un armistizio) venne portata a termine all'insaputa dei Tedeschi e alle loro spalle. Senza nemmeno tentare un accordo con loro dopo una guerra combattuta insieme per tre anni; mentendo, agendo di nascosto, con un Re che fino all'ultimo istante nega all'ambasciatore di Germania, sulla sua parola d'onore, qualsiasi intenzione di arrendersi, mentre si e' gia' accordato col nemico. Questo, in buon italiano, si chiama tradimento. “ ... "Per poter fuggire e mettersi in salvo a Brindisi, grazie a un probabile accordo con Kesselring, Badoglio e il Re abbandonarono al suo destino l'Esercito, facendogli pagare il prezzo della loro ignavia e aprendo le porte della Patria all'invasore tedesco. E anche questo, in buon italiano, si chiama tradimento".” Silvio Bertoldi, Apocalisse italiana, Rizzoli, Milano 1998 italiana,
  • 13. LO SBARCO A SALERNO GLI ALLEATI RISALGONO LA PENISOLA LENTAMENTE, IN DUE ANNI DAL LUGLIO 1943 ALLA PRIMAVERA DEL '45. SBARCANO A SALERNO NELLA NOTTE TRA L'8 E IL NOVE SETTEMBRE 1943. NELLE STESSE ORE LE RADIO ALLEATE DIFFONDONO LA NOTIZIA DELL'ARMISTIZIO, DEGLI ACCORDI DI PACE SEGRETI FIRMATI DAL GOVERNO ITALIANO. I COMANDI MILITARI ITALIANI SONO PRESI ALLA SPROVVISTA. IL RE E IL GOVERNO DEVONO LASCIARE ROMA IN FRETTA PER SOTTRARSI AI TEDESCHI CHE ORA CONTROLLANO COMPLETAMENTE IL PAESE, FANNO LIBERARE MUSSOLINI DALLA PRIGIONIA ED INSEDIANO UN GOVERNO COLLABORAZIONISTA CON SCARSI POTERI REALI, LA REPUBBLICA SOCIALE ITALIANA. IL PAESE RIMARRA' DIVISO IN DUE PER QUASI DUE ANNI, RSI O REPUBBLICA DI SALO' AL NORD, REGNO D'ITALIA AL SUD. QUESTA DIVISIONE SI RITROVERA' FINO NELL'ANIMO E NELLA COSCIENZA DEGLI ITALIANI. I TEDESCHI SI RITIRANO PROGRESSIVAMENTE DIETRO LINEE DI RESISTENZA FORTIFICATE PRIMA A CASSINO E POI SUL TRASIMENO.
  • 14. NEL LUGLIO DEL 1944 IL FRONTE ARRIVA IN VALDARNO I BOMBARDAMENTI E I MITRAGLIAMENTI A BASSA QUOTA SI INTENSIFICANO, LE FAMIGLIE SI TROVANO DIRETTAMENTE SULLA LINEA DEL FUOCO, VICINE COME SONO A NODI STRADALI E FERROVIARI DI GRANDE IMPORTANZA, MENTRE I VILLAGGI E LE CITTADINE SULLE COLLINE CIRCOSTANTI SONO IL TEATRO DI DURI SCONTRI TRA FORMAZIONI PARTIGIANE E REPARTI DELLA WERMACHT.
  • 15. Il Fronte in Toscana Le truppe tedesche si ritirano progressivamente e lentamente attestandosi di volta in volta dietro linee difensive temporanee. La cosiddetta linea del Trasimeno viene sfondata alla fine di giugno. L'intero fronte italiano va dalla costa tirrenica alla costa adriatica. Raggiunto monte San Savino, gli alleati sperano di prendere le alture e dominare le strade che portano a Firenze e Siena. I tedeschi intanto sfruttano a loro vantaggio il terreno che rende difficile l'impiego dei carri.
  • 16. L'Avanzata verso Firenze Mentre la V Armata si ferma lungo l' Arno tra Firenze e la costa, è l'Ottava Armata britannica che continua ad avanzare su un fronte di due corpi su un terreno difficile come quello riscontrato attorno al lago Trasimeno. Il 10° Corpo viene mandato lungo la statale 71 in direzione Bibbiena mentre il 13° Corpo segue il fiume Arno nel Valdarno verso Firenze. I due corpi d'armata quindi sono obbligati di nuovo a separarsi, così come avevano fatto a sud del Lago Trasimeno pochi giorni prima . Entro la fine di luglio la 4a divisione indiana del 10° Corpo aveva già raggiunto l'ingresso della valle dell'Arno, e la decima divisione indiana si era assicurata il controllo della piana di Sansepolcro dove aveva dovuto fare una pausa per riorganizzarsi al fine di deviare ad ovest verso il Pratomagno. Il 13 Corpo, nel frattempo, aveva continuato verso Firenze senza pause .
  • 17. Una forza multinazionale Alle battaglie nel Valdarno presero parte reparti alleati provenienti dai paesi del Commonwealth britannico, in particolare neozelandesi, sudafricani e canadesi, oltre ad un contingente di Marocchini facenti parte del corpo di spedizione della Francia libera che furono impiegati nel Chianti e a reparti indiani, che invece combatterono nel Casentino e sul versante orientale del Pratomagno. In Valdarno la sesta divisione blindata britannica avanzò lungo la setteponti e le pendici occidentali del Pratomagno, mentre sul versante opposto si trovava la 4a divisione su un fronte stretto che si estendeva dalle pendici delle colline del Chianti a metà della statale 69. I sudafricani, invece, con I loro blindati, liberarono la strada per Greve in Chianti..
  • 18. Fonte: http://nzetc.victoria.ac.nz/tm/scholarly/tei-WH2-2Ita-c4-1.html ● Hitler aveva dato ordine di tenere la linea a sud di Firenze il più a lungo possibile. Il settore del valdarno era il migliore punto di passaggio per conquistare Firenze ed era quindi occupato da alcune delle truppe tedesche migliori. La forza dei Panzer Corps tedeschi non era conosciuta inizialmente e I primi elementi del 13° corpo britannico tastarono il terreno aspettandosi un crollo improvviso del fronte nemico. I combattimenti però continuarono nel Chianti per qualche giorno.
  • 19. Combattimenti sulla Sette Ponti ● Il 16 luglio del '44 il vasto fronte a nord ovest di Arezzo si mosse velocemente. La 26a brigada carriarmati catturò intatto Ponte a Buriano. Quando però il 17 il resto della divisione tentò di attraversare l'Arno fu attaccata pesantemente dalla alture tra il ponte e Castiglion Fibocchi.
  • 20. ● Gli alleati trovarono un guado coperto dai tiri tedeschi a poca distanza ma, dopo alcune ore, il passaggio dei mezzi lo rese inservibile. Gli angloamericani si sarebbero arrestati se nel frattempo la sesta divisione blindata sudafricana non avesse conquistato la sommità delle colline del Chianti sul versante opposto della valle, da dove poté dirigere i tiri di artiglieria contro l postazioni nemiche sopra Castiglion Fibocchi.
  • 21. PONTE A BURIANO Questo fatto obbligò I tedeschi a riposizionarsi abbastanza lontano da consentire ai britannici di attraversare l'Arno in forze per impegnare la Sette Ponti e quindi, a partire dal 20 luglio, catturare le alture vicine a Castiglion Fibocchi. Fu chiaro allora che I tedeschi intendevano bloccare la parte centrale della valle e le pendici del Pratomango con il primo corpo paracadutisti. Questo fatto induse il generale Kirkman, comandande del 13 corpo, ad aggirare il Valdarno, e a tentare di raggiungere Firenze attraverso il versante occidentale del Chianti e la val di Pesa
  • 22. I tedeschi erano schierati con il primo corpo paracadutisti, il 15° Panzer Grenadier , e la 334a divisione di fronte al 13° Corpo nella valle dell'Arno. Alcuni reparti erano in fase di riorganizzazione dopo essere stati pesantemente ridotti nei combattimenti contro il contingente alleato sbarcato ad Anzio ma si difendevano da posizioni di vantaggio. Ad Ovest delle colline del Chianti, tra la statale 2 e la strada 222, i tedeschi avevano schierato il 4 ° corpo paracadutisti e la divisione 356 attraverso un settore di dieci miglia di fronte alla divisione corazzata sudafricana.
  • 23. Il contributo dei partigiani Alle operazioni degli alleati diedero un fattivo contributo le bande di partigiani che operavano nelle colline e sui monti del Valdarno. I bandi del generale Graziani, che chiamavano alle armi I giovani italiani a combattere dalla parte dei tedeschi, e le minacce di ritorsione non fecero altro che obbligare la maggior parte degli uomini validi a rifugiarsi in montagna per non essere arruolati a forza o deportati nei campi di lavoro in Germania. Nei monti si organizzarono presto dei gruppi dediti alla guerriglia con l'obbiettivo di disturbare le linee di comunicazione e di approvvigionamento dei tedeschi colpendo pattuglie portaordini o trasporti di carburante, armi o viveri dirette al fronte. I partigiani, che I tedeschi chiamavano banditi, erano armati e guidati verso gli obiettivi da agenti speciali inglesi e americani.
  • 24. Le armi erano spesso lanciate dagli aerei legate ai paracadute. Reparti speciali alleati parteciparono direttamente alla lotta partigiana in Valdarno, insieme ad elementi fuggiti dai campi per prigionieri di guerra, come quello di Laterina.
  • 25. Le testimonianze dei partigiani
  • 26. All’ANPI VALDARNO, testimonianza di Gianfranco MEUCCI: Avevo 19 anni quando nell'aprile del '44, insieme ad Amunni Gianfranco e al “Nebbia” andai a Trevane dove c'era un emissario chiamato “Trippa” il quale il giorno successivo ci accompagnò alla Rocca Ricciarda alla formazione Brigata Mameli (corpo avanzato della “Potente”) comandata dal Capitano Chiosi di S. Giovanni V.no. Noi della Formazione alloggiavamo in due case che ci avevano messo a disposizione alle porte del Paese. Eravamo circa 30-32 uomini divisi in tre squadre con il compito di pattugliamento del territorio del versante ovest del Pratomagno e del gruppo del Cocollo. Il nostro compito era di presidiare una zona di Rigodi dove avevamo attrezzato un campo di lancio (Con la parola d'ordine “l'orchidea è fiorita” un aereo alleato inglese ci doveva lanciare le armi per un maggior equipaggiamento della formazione partigiana). I lanci avvenivano di notte. Il nostro compito era quello di segnalare, appena sentito il rumore dell'aereo avvicinarsi, il luogo dove l'aereo doveva effettuare il lancio con l'accensione di un fuoco. Dopo il lancio noi prendevamo le munizioni e le portavamo con l'aiuto di muli al comando a Rocca Ricciarda. Un altro compito era quello di andare in pattugliamento verso Reggello e verso Gropina allo scopo di sorvegliare quelle zone e accertare che tutto procedesse regolarmente. Quando il 24 luglio 1944 fu liberata S. Giovanni V.no, dopo pochi giorni rientrai a casa.
  • 27. All’ANPI VALDARNO, testimonianza di Ivonio GARINNI: Sono nato a Cavriglia Loc. Casignano il 21.02.1924. A seguito dell'armistizio di Badoglio dell’8 settembre 1943 e la nascita della Repubblica di Salò avvenuta il 23 settembre 1943 dopo la liberazione di Mussolini da parte dei Tedeschi sul Gran Sasso, mi recapitarono la cartolina di precetto. Scappai in montagna. Già in quel tempo sotto Gaville si era formato un raggruppamento con a capo Gino Bragaglia ex sergente del regio Esercito Italiano. Successivamente il raggruppamento si ritirò più sui monti, mettendo il comando nella casa abbandonata di Casin di Cinciano che si trovava nella valle di Caiano Quando entrai a far parte di questo raggruppamento eravamo circa 75 persone, tutti giovani della classe 1924 e 1925, brava gente del Chianti e del Valdarno ma senza armi a disposizione. Coloro che erano dotati di armi erano solo una ventina. Appena si formò la Formazione Partigiana Chiatti io mi unii a loro. Era una formazione ben organizzata e armata ed era composta da molti Minatori. Aveva messo il suo comando al Monte al Querciolo dalla cui posizione si poteva controllare Radda, Gaiole e il Valdarno. Il nostro compito era quello di dare disturbo al movimento tedesco. Un giorno fummo informati che c'era una colonna formata da 5 autocisterne in transito sulla chiantigiana, destinata a rifornire di carburante i Tedeschi operanti nella zona di Grosseto che stavano risalendo da Civitavecchia. La colonna era in sosta all'ombra della pineta di Badia a Coltibuono in attesa del buio per riprendere il percorso perché di giorno sarebbero stati avvistati dai caccia inglesi essendo quella una via di comunicazione importante. I componenti della colonna vennero presi. Erano in parte civili ai quali soldati della r.s.i. e soldati tedeschi avevano requisito le cisterne. I soldati furono catturati e portati al comando della 22^ brigata Sinigaglia a Poggio alla Croce, mentre alle cisterne di carburante fu dato fuoco.
  • 28. Fonti documentarie ● ● Silvio Bertoldi Titolo: Apocalisse italiana Editore: RIZZOLI War of Extermination, The German Military in WWII, di Heer NaumanLe operazioni dei partigiani nel Valdarno ● Testi della biblioteca elettronica neozelandese, Victoria University of Wellington ● Arezzo e Valdarno 1944 Fimati da youtube ● Forze aeree sudafricane a Foiano, collezione di fotografie ● ● The Arezzo Massacres A TuscanTragedy, di Janet Kinrade Dethick "armoured division in Loro Ciuffenna http://www.memoria.provincia.arezzo.it/ Disclaimers All the images are from Internet websites and belong to the respective owners

×