Gli storici del fascismo

1,172 views
1,056 views

Published on

Published in: Education
1 Comment
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
1,172
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
4
Actions
Shares
0
Downloads
6
Comments
1
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Gli storici del fascismo

  1. 1. GLI STORICI DEL FASCISMOgiovedì 16 giugno 2011
  2. 2. CLASSE: V D scuola primaria ALUNNI: 16, 7 bambini e 9 bambine. DURATA DELL’ATTIVITA: 10 ore divise in quattro incontri di cui uno di verifica.giovedì 16 giugno 2011
  3. 3. “Ogni giudizio e ogni discorso storico devono avere la loro fondazione nella ricerca delle fonti e nel rigore metodologico”giovedì 16 giugno 2011
  4. 4. OBIETTIVO GENERALE Acquisizione della capacità di analisi e di studio di documenti, non necessariamente di natura scritta, ripercorrendo i passi che uno storico compie per giungere alla ricostruzione degli avvenimenti del passato.giovedì 16 giugno 2011
  5. 5. OBIETTIVI SPECIFICI • Organizzare i documenti; • Individuare gli elementi costitutivi di un immagine fotografica e renderne espliciti gli elementi simbolici o significati “nascosti”; • Mettere in relazione un immagine con gli scopi e le motivazioni dell’autore; •U t i l i z z a r e u n d o c u m e n t o s c r i t t o p e r m e g l i o contestualizzare un documento iconografico; • Operare collegamenti di influenze o rapporti causali; • Integrare e elaborare le informazioni ricevute da più fonti per ricostruire fatti ed eventi. 5giovedì 16 giugno 2011
  6. 6. PREREQUISITI •Capacità di analisi di un testo; •Capacità di elaborazione chiara e sequenziale di contenuti, idee e concetti precedentemente acquisiti; •Conoscenze relative ai periodi storici antecedenti agli eventi presi in considerazione in modo da poter legare i nuovi saperi a quelli già acquisiti. 6giovedì 16 giugno 2011
  7. 7. CONTENUTI • Cause dell’avvento del fascismo • Alcune caratteristiche dell’ideologia fascista (esaltazione della forza, del coraggio, della disciplina…) • Applicazione delle leggi antisemite nella scuola italiana; • Influenza di alcuni aspetti del regime sulla vita del cittadino, con particolare riferimento all’infanzia; • Conseguenze sul quadro economico, igienico e tecnologico del Paese.giovedì 16 giugno 2011
  8. 8. METODOLOGIA Presentazione di materiale omogeneo, in cui sono presentate un numero di conoscenze sufficienti alla delineazione del “fenomeno” fascista e degli avvenimenti che ne hanno determinato l’insorgere. Il materiale è stato progettato in modo da essere il più possibile vicino all’originale, per poter ricreare in classe l’ambiente che si respira in un archivio, in un’emeroteca, in una biblioteca… 8giovedì 16 giugno 2011
  9. 9. ATTIVITÀ’ • Valutazione delle capacità di osservazione e descrizione del materiale iconografico • Presentazione di alcuni documenti relativi al periodo preso in considerazione • Valutazione delle conoscenze acquisite • Produzione di un testo che riorganizzi i nuovi saperi 9giovedì 16 giugno 2011
  10. 10. VALUTAZIONE DELLE CAPACITA’ DI OSSERVAZIONE E DESCRIZIONEgiovedì 16 giugno 2011
  11. 11. FOTO: selezionate in modo da mettere in evidenza il maggior numero possibile di caratteristiche ed differenze SCHEDE: progettate in modo da permettere l’organizzazione ordinata delle rilevazioni oggettive, le prime ipotesi sui soggetti e sulle possibili intenzioni dell’autoregiovedì 16 giugno 2011
  12. 12. giovedì 16 giugno 2011
  13. 13. giovedì 16 giugno 2011
  14. 14. I DOCUMENTI: LA NASCITA DELL’IDEOLOGIA FASCISTAgiovedì 16 giugno 2011
  15. 15. giovedì 16 giugno 2011
  16. 16. I DOCUMENTI: L’ANTISEMITISMOgiovedì 16 giugno 2011
  17. 17. “Il fumetto analizzato insegnava ai bambini a non fidarsi degli adulti ebrei”giovedì 16 giugno 2011
  18. 18. I DOCUMENTI: LA VITA NELLE SCUOLEgiovedì 16 giugno 2011
  19. 19. giovedì 16 giugno 2011
  20. 20. VERIFICA 20giovedì 16 giugno 2011
  21. 21. giovedì 16 giugno 2011
  22. 22. ORA SCRIVI TU LA STORIA 22giovedì 16 giugno 2011
  23. 23. pace di Versaille portò il malcontento in Italia, perché “La dei territori promessi ne è stata data solo una piccola parte. La fine della guerra provocò disoccupazione per il fatto che fabbriche chiusero perché producevano solamente materiale bellico, nonostante che l’Italia avesse vinto la guerra era considerata una potenza di second’ordine e i reduci della guerra trovarono i loro campi incolti”. “Mussolini otteneva il consenso del popolo grazie ai discorsi nelle piazze e mezzi di informazione di massa, cioè radio giornali e cinema”. 23giovedì 16 giugno 2011
  24. 24. “I bambini erano divisi in diverse fasce d’età: “balilla” che erano i bambini dagli 8 agli 11 anni, i “figli della lupa” che erano i bambini dai primi anni di vita fino agli otto anni, i “piccoli avanguardisti” che erano i ragazzi dai 12 ai 16 anni e infine i “GUF” erano i giovani universitari fascisti. Poi c’erano anche le bambine che venivano chiamate le “giovani italiane”. “Oltre alle brutte situazioni che portò il fascismo ci furono anche diversi progressi come: nuove fabbriche che producevano diversi mezzi come navi, auto e locomotive per treni […]. Ci furono anche progressi nell’agricoltura soprattutto al sud dell’Italia, infatti molti campi che erano incolti furono coltivati dai contadini” 24giovedì 16 giugno 2011

×