Your SlideShare is downloading. ×
Howl n°20
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Howl n°20

499
views

Published on

Ecco il 20°numero del grido, HowL! Ha fatto un gran botto.. Eccolo per voi cari lettori in versione PDF!

Ecco il 20°numero del grido, HowL! Ha fatto un gran botto.. Eccolo per voi cari lettori in versione PDF!

Published in: Education

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
499
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. I rappresentanti affondano nella Discordia Prosegue a PAGINA 6 Neve e terremoto: istituto ed L’ EDITORIALE istituzioni nella bufera di Giulia Bedini In certi si può rimanere stro a Castelnovo Monti. MaEcco Howl che torna dopo l’ennesima ve- sbalorditi da ciò che ac- rimasi ancora più stupitonuta del bambinello e dell’anno novello, cade in questo mondo, quando mi dissero che quel- purtroppo però non in la struttura fosse una scuo-dedicando il proprio brindisi a chi rompe modo positivo. Lo sono la; non avrei mai pensatola riga e a chi non ce la fa ma tenta comun- rimasto quando per la che sotto questo tetto (seque. Ritrovarsi periodicamente per discu- prima volta ho visto la così si può chiamare) ci po-tere su cosa stampare, cosa scrivere, cosa tessero stare delle persone. struttura di questo isti-fotografare e capire, quindi, ciò che vi, o tuto superiore, perché Mi sbagliavo.meglio, CI può interessare è cosa assai ar- prima di quel giornodua e faticosa. Abbiamo a disposizione un non mi ero mai accortobel po’ di inchiostro e dei bei fogli bianchi, Prosegue a PAGINA 8 che esistesse un ecomo-una fotocopiatrice molto fica e un ciclostiledallo stile tutto suo. E poi un mucchio digraffette, tante graffette. E ognuno mette a Teatro autogestito:disposizione le sue due belle manine, laforza degli avambracci, aguzza la vista, ma si può faresoprattutto accende il proprio cervelloe si interroga su cosa succede, a scuola e A scuola negli ultimi un po meno forse nei tempi, è uno degli ar- corridoi dove gli argo-nel mondo, si incuriosisce e di conse- gomenti più gettonati. menti ancora in voga so-guenza vuole rendere noto a tutti la sua Ne hanno parlato i no il terremoto, Schetti-intuizione, la sua idea maturata, il suo sde- rappresentanti di clas- no, la verifica, linterro-gno, la sua passione: quello che sente. se della scuola, come gazione e "che palle il se ne parla su Fa- pomeriggio".Howl non è nient’altro che un modo come cebook nel gruppo R-un altro per far uscire la voce e dire la pro- evolution, il gruppopria, per dimostrare (non ostentare) che Prosegue a PAGINA 10 diciamo ufficioso delnon siamo delle inutili amebe senza pen- Cattaneo DallAglio; PROSEGUE A PAGINA 3 Febbraio 2012 Anno 6, 20°Numero. HOWL
  • 2. PAGINA 2  Editoriale Pagina 3  Monti è davvero l’uomo giusto Pagine 4-5 per l’Italia?  I rappresentanti affondano nella Pagina 6-7 Discordia  Neve e terremoto: istituto ed isti- Pagina 8 tuzioni nella bufera  Una messa molto pop Pagina 9  Teatro autogestito: si può fare Pagina 10  E se ballassimo electro dance a Pagina 11 scuola?  Spazio riflessivo Pagina 12  Le api riconoscono le persone Pagina 13  La transumanza della pace Pagina 14  Iniziative culturali/concorsi Pagina 15  Dragozilla Pagina 16  Mission impossibile 4 Pagina 17  CoNstatazioni da DJ Pagina 18  Spazio teatro Bismantova Pagine 19 a 22  Playlist e CruciCattAglio Pagina 23  Ph. Ilenia Darko Pagina 24 La redazione di HowL: howl.redazione@gmail.com - www.urlohowl.blogspot.comAndrea Dallari 4M Giulia Bedini 4QAndrea Magnavacchi 5P Ilenia Darko 3DAngelo Cosentino 4P Irma Marconi 4IBenedetta Valdesalici 5P Linda Parmeggiani 4QCristian Petrone 3F Luca Casillo 3DGiancarlo Constantin 3F Simone Zobbi 4G
  • 3. Anno 6, 20°Numero. HOWL PAGINA 3sieri. ANZI, quando pensiamo alziamo la voce. sto grande cumulo come abbiamo fatto in questiIn redazione, tra le polveri inquietanti dell’inquietan- giorni per la neve? C’è troppo poco spazio. Bisognatissima biblioteca, spesso si discute calorosamente riaccendere la luce e vedere bene cosa c’è dietroprima di giungere ad una conclusione. Le idee sono tutto. Per tutto questo Howl ha deciso di RAC-tante e diverse e si cerca sempre di incanalarle verso CONTARE di noi, far conoscere, mostrare ciòla direzione che riteniamo più giusta, pensando a cosa che facciamo e cosa si può fare. C’è chi parte epuò interessarvi, incuriosirvi, o anche solo spingervi a quando torna ci racconta la sua esperienza. Ma c’èsfogliare il giornalino. Lo scorso numero ci abbiamo anche chi resta, seppur faticando, e ci mettemesso direttamente le vostre belle facce su Howl. 70 dell’impegno per migliorare le cose, ecco allorabellissime facce da Howl. E così come avete urla- l’intervista ai nostri rappresentanti. Poi c’è chi èto per le foto, così dovete urlare sempre. Quando sen- ancora via e ci regala un diverso punto di vista.tite al telegiornale che saremo una massa di disoccu- Qualcuno si guarda intorno e riflette, qualcun altropati, quando vedete che hanno messo Bruno Vespa in si infila le cuffie e fa qualche constatazione mentreprima serata, quando vorreste lavarvi le mani ma la qualcun altro si guarda un film e ce lo propone ascuola non riesce a comprare il sapone, quando vi gi- modo suo. Poi c’è anche chi si finge sovrumano erano le palle (e questo vale anche per le signorine) sputa fuoco sull’agghiacciante andamento delperché nessuno vi ascolta e pure se vi viene in mente mondo, mentre un altro ancora si intrufola neldi fare un’occupazione o almeno di pensarci. Il grido è progetto di teatro e dice la sua.una pratica che ultimamente viene poco seguita: chi E’ un Howl che vorremmo facesse sorridere, masta sui gradini più alti punta a sopprimerla. Per questo anche pensare. Cosa che non fa poi così male:bisogna praticarla ancora più costantemente e in mo- non è ancora stata trovata nessuna controindica-do audace, efficace. A dominare sono la tradizione e il zione. Questo è Howl numero 20: un piccolo ter-“ma tanto è sempre stato così”. INVECE NO. Che remoto che vi augura di interessarvi, appassionarvipalle. Non può restare così perché lo è sempre stato. e soprattutto di imparare a urlare o, semplice-Allora cosa viviamo a fare? Per rimanere incastrati in mente, ricominciare a farlo.qualcosa di già deciso? Per rimanere inermi sotto que- Ph. Thomas Francia By Vale
  • 4. PAGINA 4 MONTI E’ DAVVERO L’UOMO GIUSTO PER L’ITALIA? IL NOSTRO INVIATO ALLA FESTA DEL TRICOLORE, TRA PROTESTE E UMORI DELLA GENTE PASSATA FORSE IN SECONDO PIANO RISPETTO ALL’EVENTO E AL PREMIER STESSO OSANNATO DAI MEDIA. TANTE BELLE PAROLE, SPECIE SU NOI GIOVANI , MA SARA’ DAVVERO IL SALVATORE DELLA PATRIA?Nonostante i numerosi impegni, tra lastesura di un decreto Qualcosa-Italia edun incontro con persone che continuanoad alternare le proprie dichiarazione tracomplimenti ed offese al nostro paese, ilpersonaggio più gettonato del momentoriesce a trovare il tempo per festeggiare ilcaro Tricolore, e perché non farlo pro-prio dove questo è nato?Il 7 Gennaio l’ospite tanto atteso per laFesta del Tricolore a Reggio nell’Emilia èappunto il Premier Mario Monti che do-po aver accettato l’invito quasi scontatoda parte del Sindaco Delrio si prepara aformulare un discorso al Teatro Valli at-teso da tutta Italia e, perché no, da buo-na parte d’Europa.Non è stata però solo una grande attesafelice, a dimostrazione del sostegno al lo di SuperMario tramutato in lezione di storia, politica,neo premier, anche se questo è emerso economia e sociologia. Concetti chiave? Unità (sia italianadalla maggior parte degli articoli o servi- che europea), Equità, Caccia alla corruzione e agli evasori.zi sull’evento. E’ stato anche un giorno di Si è rivolto a noi giovani dicendoci che dobbiamo studiarecontestazione da parte di manifestanti tutti quanti e di più. Grazie per il consiglio Prof. Monti,suddivisi in tre diversi presidii: Comuni- peccato che è quello che quotidianamente ci dicono i no-sti-Socialisti-F.A.I-AQ16-Indignati (tutti stri insegnanti a scuola e i nostri genitori a casa. Insom-insieme), Lega Nord, La Destra. Ragazzi ma, ha parlato davvero di tante cose, ha anche anticipatoe adulti che hanno voluto sfruttare forse il decreto sulle liberalizzazioni dicendo che è consapevolel’unica occasione per urlare ciò che pen- che colpirà tutti (qui non so in che modo e per quale moti-savano in faccia al “Pres”. vo sia partito l’applauso, bah…), ha citato un paio di volte gli “eroi” rinascimentali quali Cavour, Mazzini, Garibaldi,Si può parlare dunque di due Feste del ha fornito dei dati ufficiali, che da buon economista nonTricolore quest’anno: la prima, composta poteva escludere; sulle medie dei diplomati in Italia e indal discorsone atteso da tutti e voluto da Europa ha sottolineato il fatto che siamo indietro e sullachi quella mattina è uscito di casa con percentuale di giovani stranieri o di origine straniera nell’intento di saperne di più ed in partico- 2065 (+17% dati Istat), però ha anche tralasciato alcunilare di essere rassicurato; la seconda, da argomenti che oltre ad essere importanti nel nostro Paesegente con gli occhi aperti, gente che ha sono anche importanti nel contesto di crisi economica cheavuto la necessità e la possibilità di infor- ci ha colpiti. Nell’intero discorso non cita nemmeno dimarsi, è andata sì ad ascoltare Monti ma sfuggita la parola “mafia”. Qualcuno dirà “ecco, strano checon molto spirito critico. ci mette in mezzo la mafia”. Ma le organizzazioni crimina-Sono stati due anche i discorsi da ascol- li si sono arricchite a discapito dello Stato e se ormai è ri-tare allora. Il primo è naturalmente quel- saputa la loro diffusione e potenza, persino nel settore
  • 5. Anno 6, 20°Numero. HOWL PAGINA 5dell’industria che come dice Monti è l’orgoglio ché non aveva i soldi per pagarle, chi dice-del nostro paese, significa che almeno una fetta va che ormai la pensione la fanno pagare edi crisi è dovuta a queste che rubano allo Stato non ricevere. In particolare le denunciee si arricchiscono nello stesso momento per erano in difesa dei loro figli, c’è chi dicevafarla breve. Così come non cita minimamente che i suoi non trovano lavoro, chi ammet-alcun tipo di errore politico, mentre la crisi c’è, teva di non poter più pagare loro gli studi!la dobbiamo pagare tutti, ma non si sa bene da A dirla tutta ogni denuncia riguardava idove provenga, forse da Cavour e Mazzini dato figli, ogni grido, offesa si concludeva conche continua a citare loro! un qualcosa sui figli…Sicuramente meno scolastico è il secondo Intervistando un uomo sulla sessantina,“dibattito” della giornata. Qui gli interlocutori uno dei tanti presenti, alla domanda “Leisono sia i manifestanti che la gente comune. I cosa fa di professione”?, ha risposto così: “presidii de La Destra e della Lega lasciano il Un cazzo! Però io non sono qui a protesta-tempo che trovano così come il presidio re perché io non faccio un cazzo, anche per“rosso”. La priorità restava quella di ascoltare colpa di Monti, ma perché un cazzo è quel-SuperMario, giustificandolo col famoso e con- lo che farà e avrà mio figlio se Monti ri-sueto “motivi di sicurezza”; il presidio è stato marrà presidente”.posto in una zona periferica rispetto ai luoghi Tutto troppo veloce, cinque minuti nean-clou della giornata. Gli animi dei presenti sono che. Appena l’auto con a bordo il presiden-stati accesi, solo dialetticamente però perché te si è allontanata la gente è andata via;non si è verificato alcun tipo di violenza. Si è regnava un senso schifoso di sconfitta, cir-preferita l’ironia in alcuni casi come persone condato da un silenzio improvviso, segnoche giravano mascherate o con dei cappi in ma- che tutto è stato vano.no (contro Equitalia). Le cose dette sono tante Tutto uno sfogo, niente più. Uno sfogo in-ma il filo conduttore è l’opposizione nei con- tenso da parte di chi ormai ha poco dafronti di Monti e dei suoi tagli che a dir loro perdere che però non vuole che siano an-creano invece disequità e disparità sociale. che i figli a pagare.La fiammella del dibattito si è accesa soprattut- I figli appunto, NOI! Allora non è solo ilto all’uscita di Monti dal Municipio, prima di nuovo salvatore della patria a parlare direcarsi al Valli. L’uscita del premier era attesa, NOI giovani, a difenderci. Anche qualcuntutti erano lì apposta. In modo pacati tutti dia- altro pensa al nostro futuro.logavano con le persone intorno non solo dipolitica ma anche di sport, però non appena Peccato che siano due schieramenti oppo-Monti ha messo piede fuori gli animi si sono sti, quindi uno dei due mente o ci prendescaldati. Un clima quasi surreale ha cambiato per i fondelli…l’atmosfera improvvisamente e totalmente. Ini-zialmente si è sentito un timido e blando ap- Angelo Cosentinoplauso da parte di un gruppetto di persone col-locate in un lato della piazza, messo a tacerepoco dopo da fischi e urla. Qualcuno immagi-nerà i soliti comunisti col pugno chiuso e alzato Due dibattiti, come ha scritto Angeloinneggiando alla falce e al martello. Ammetto Cosentino. Se ce ne fosse un terzo, sulleche fosse facile immaginarlo. Ma chi urlava nostre pagine di Howl, concordanti oerano le stesse persone che un attimo prima discordanti, saremo ben lieti di acco-conversavano tranquillamente. Adulti e anzia- glierlo. Mai come oggi, il confronto,notti, e in aggiunta, certo, anche qualche ragaz- specie tra noi giovani è necessario. Invi-zo del presidio rosso. Persone che potrebbero tiamo chi lo desidera a scriverci la pro-essere tranquillamente nostri padri, nonni o pria opinione, a mostrare come vede leprofessori. Coloro che poco prima si lamenta- cose coi proprio occhi. Le diverse pro-vano della presenza di troppe auto-blu in piaz- spettive, arricchiscono la vista stessaza (chiusa a dovere per l’occasione da transen- dei fatti, soprattutto di questi che sonone e sorvegliata dalle forze armate) ed anche vicini a noi, più di quanto crediate.della grossa cilindrata di queste. Ogni grido erauna denuncia a sé; chi urlava contro i tagli eper colpa di questi la perdita del lavoro, chiammetteva di essere un evasore delle tasse per-
  • 6. PAGINA 6 di Christian Petrone I rappresentantiUna delle più grandi questioni che ogni anno su- affondano nellascita dibattito e che tiene banco nel nostro istitutoè il monteore. Infatti come tutti hanno potutoconstatare, nel primo quadrimestre non è stato Discordiafatto. Forse è la prima volta o almeno negli ultimianni lo è, che non viene realizzato. Il perché? Bel-la domanda. Sembra non esserci molta chiarezza,gli studenti hanno idee molto vaghe e personali. rappresentanteC’è chi è dispiaciuto, perché è un’ occasione per dice cose diver-stringere relazioni, per fare attività diverse, ci- se. Oh, vuoi ve-mentarsi in laboratori interessanti e magari chis- dere che questosà, scoprire molte cose di se stessi e degli altri. monteore è dav-Insomma diciamocelo, il monteore deve essere vero così impos-un’occasione anche per respirare aria diversa dal sibile da realiz-solito, un momento di relax costruttivo che alla zare?fine di un quadrimestre calza a pennello, per rica- La rappresen-ricare un po’ le pile dopo un periodo di studi assai tante Auroratirato. Ferri, cercandoCerto, non dimentichiamo quei ragazzi a cui poco di spiegare i mo-importa di questo monteore. Molti la prendono tivi, commenta duramente scagliandosi soprattuttocome una mini vacanza, come un “Ma sì, domani contro gli studenti e il loro disinteresse: “Il monteo-sto a casa, poi il secondo giorno ci vado tanto per re non è stato fatto per il semplice motivo che sonovedere cosa c’è e se poi mi piace il terzo giorno ci dieci anni che è un letterale fallimento. Le proposteritorno se no sto poi a casa”. Anche di questa fet- ci sono sempre state da par-ta c’è forse un po’ di colpa, perché di certo questi te nostra ma gli studentinon hanno mosso un dito, manifestando volontà e non sono interessati a nien-voglia di realizzare qualcosa di diverso, di diver- te”. Anche Greta Boni ètente, di utile, tutti quanti insieme. La spinta do- dello stesso avviso: “A tirarvrebbe provenire dagli studenti stessi. Aldilà di troppo la corda questa pri-queste considerazioni prettamente personali, tor- ma o poi si spezza. L’im-niamo al punto. Ma perché non è stato fatto me nsa ma l educ azi o ne‘sto monteore? dell’anno scorso è stata laLe due fazioni, quella dei menefreghisti che han- goccia che ha fatto trabocca-no perso un’opportunità per stare a letto e quella re il vaso. C’è stata poca par-seppur piccola minoranza di studenti che invece tecipazione e passività, eccosono molto dispiaciuti di non essersi arricchiti di perché hanno bocciato laun po’ di diversità e di utilità (che non fanno mai proposta”.male), hanno avuto però una reazione comune. Mentre per un altro rappresentante, Isacco Man-Molta gente s’interroga e non capisce il perché fredi, la colpa non è proprio degli studenti: “La pre-non sia stato comunque realizzato. Almeno la mo- side e la maggioranza del Consiglio dIstituto hannotivazione insomma. Ora, coloro che dovrebbero votato contro la nostra proposta”. Due pareri con-garantire lo svolgimento e l’organizzazione del trastanti e letteralmente differenti l’uno dall’altro. Imonteore, una delle poche cose se non l’uni- rappresentanti è giusto che abbiano diverse idee eca che possono concretamente fare, sono i Rap- proposte, ma quando si prendono delle decisioni, lapresentanti d’istituto. Perfetto. Problema ri- loro voce deve essere univoca. E la verità dove sta?solto dunque. Chiediamo ai rappresentanti, sicu- Ma come dice il nostro titolo, parafrasando un notoramente capiremo meglio. Loro dovrebbero sa- fatto di attualità, sembra che i quattro “capitani”perne di più e dare delucidazioni in merito. Colpo stiano un po’ affondando nella discordia.di scena. I rappresentanti sembrano non essere Attenzione però, questo non vuole assoluta-più rappresentanti, ma una di quelle tante teste mente essere un atacco ai rappresentanti.con sopra un punto interrogativo sull’argomento Anzi. Raccogliendo però gli umori degli studenti,che vagano per l’istituto. Si percepisce la stessa non sembrano molto contenti soprattutto di questaconfusione che cè tra gli studenti, perché ogni mancanza di comunicazione e di motivazione riguar- do al tanto atteso monteore. L’ alibi del menefreghi-
  • 7. Anno 6, 20°Numero. HOWL PAGINA 7 smo dei ragazzi non sia giusto proporre al monteore e come organizzarlo regge molto. E’ vero ad hoc per tutti. che la svogliatezza e Bastava relativamente “poco”. Anche perché le idee l’indifferenza regnano, ci sono e sono buone. Come ha spiegato un altro ma se gli studenti stan- rappresentante, Andrea Magnavacchi: “In tutti no a casa, è quasi un questi anni il monteore fallimento per i rappre- è stato utilizzato dalla sentanti, non capaci di maggior parte della stimolare la partecipa- gente per cazzeggiare e zione. Chiediamoci basta; solo una mino- perché i ragazzi, come ranza partecipava alle me stesso lo ammetto, attività proposte. E an- non vengono o non so- che molto difficile gesti- no venuti gli anni pas- re novecento persone di sati al monteore. Que- età cosi differenti. Ab- sta è una conseguenza biamo però delle alter- del fatto che ciò che è native per il secondo stato proposto o ideato quadrimestre, versonon attira i ragazzi. Proprio qui deve esserci la primavera, come adbravura dei rappresentanti. Ovvero pensare a esempio i giochi al cen-qualcosa che possa allettare i ragazzi a non tro coni, tornei sportivistare a casa. Proporre qualcosa di veramente e dipingimento delleinteressante. Questo è il compito dei rappre- aule. Stiamo pensandosentanti, che hanno deciso loro stessi di can- anche di dividere ildidarsi poiché nessuno glielo abbia ordinato. biennio dal triennio du-Per cui almeno l’unica cosa che hanno il pote- rante le attività”. Cosìre di realizzare, se sono stati eletti, che la fa- come aggiunge la Bonicessero bene! O perlomeno che comunicasse- stessa: “Proporremo assemblee riguardo particolariro le scelte. Gli studenti hanno diritto di sape- argomenti per esempio volontariato o violenza sullere la verità e ciò che riguarda tutti loro. donne e anche incontri in teatro”. Ottime idee. Allo-Rischiando di essere un po’ di parte, Howl è il ra perché non sono state accolte? O perché non so-giornale della scuola. L’unico giornale della no stato meglio organizzate o meglio presentate?scuola. Che non ha mai negato a nessuno di Un invito a voi rappresentanti che vuol essere an-esprimere la propria voce. Come i politici che un’iniezione di fiducia: coraggio, presentate leemettono i loro comunicati sui vari quotidia- vostre idee senza paura e siate chiari con gli studen-ni, anche i rappresentanti d’istituto che sono ti!se vogliamo, un organo quasi politico degli Se vogliamo salvare qualcosa da questa “Nave Cat-studenti, potrebbero utilizzare Howl come taneo” che affonda vediamo il bicchiere mezzo pie-veicolo d’informazione. Ovvero comunicare le no o meglio la parte non ancora sommersa. Chedecisioni. Poteva essere una buona cosa, spie- questo monteore saltato serva da lezione e funga dagare attraverso le nostre pagine, la questione pretesto per costruire qualcosa di innovativo, di uti-del monteore. Un consiglio dall’intento since- le, di divertente. Due o tre giorni in cui valga la pe-ro e non presuntuoso o invadente, per i rap- na di alzarsi al mattino, prendere la corriera e pen-presentanti: giocate anche un po’ a fare i poli- sare: “Cavolo oggi vado a scuola non per fare letici, come noi giochiamo a fare i giornalisti. solite cinque ore di lezione, ma per fare qualcosa diParlate, organizzate comizi, lanciate messag- utile, di bello”. Dormire può servire a sognare, magi, radunate il popolo degli studenti così come svegliarsi può aiutare i sogni a diventare realtà. Manoi come i veri giornalisti innalziamo polvero- chi deve cominciare a svegliarsi siamo tutti noi, da-ni sulle notizie col rischio anche di diventar gli studenti menefreghisti e non, fino ai rappresen-antipatici. Si tratta di ruoli diversi a cui corri- tanti. Altrimenti allora meglio fare lezione così an-spondono azioni diverse. Giocate, osate! Ci che i rappresentati non rischiano di affondare nellapiacerebbe instaurare un dialogo, costruttivo discordia.con voi, con gli altri studenti. Chissà che at-traverso le nostre pagine non sia più facilerendersi conto di ciò che è giusto o ciò che èsbagliato fare anche per quanto riguarda ilmonteore. Anche perché sarebbe davvero dif-ficile che tutti e dico tutti gli studenti si met-tano intorno ad un tavolo a discutere di cosa
  • 8. PAGINA 8 LA PROVOCAZIONEEMERGENZE NEVE E TERREMOTO: COS’ALTRO SERVE ANCORA PER ACCORGERCI DELLE GRAVI PECCHE DEL CATTANEO? UNA BELLA “SCOSSA” SERVIREBBE ALLE ISTITUZIONI. MONTEORE POSSIBILE?PROSEGUE DALLA PRIMA PAGINA scuole di ogni grado e ordine per treMi chiedevo non solo il perché dell’estetica strutturale ma giorni. La neve nel XXI secolo fa an-anche di questi tetti così strani in un luogo del genere. Fino cora paura… Probabilmente nell’an-a quel momento ne avevo visti tanti, ma mai come quelli dare avanti si supererà anche questodel Cattaneo Dall’Aglio. A Civago, per esempio, ci sono case ostacolo ma sicuramente servirannoche hanno tetti vertiginosi. Si tratta di due paesi collocati edifici e mezzi più efficienti. Soprat-in luoghi ben diversi, è vero, ma alla fine la sostanza non tutto servirà uno Stato con la essecambia: sono paesi di montagna e devono essere in grado maiuscola. Inoltre, sempre a gen-di resistere a condizioni metereologiche difficili. Questo naio, forti scosse di terremoto hannoistituto non da sicuramente garanzie. Non serve una colpito la provincia e anche in que-laurea in architettura e nemmeno un luminare per capire sto caso si è temuto il peggio. Fortu-che questa struttura è stata realizzata in economia. Basta natamente ne siamo usciti sani e sal-pensare a come si sta riducendo giorno dopo giorno, piog- vi. E’ innegabile dire che questogia dopo pioggia. L’anno scorso si è allagata una classe al edificio si tramuta in un enig-Cattaneo e in altre è filtrata qualche goccia che ha rovinato ma ogni volta che avviene qual-alcune zone del soffitto in cartongesso. Questi incidenti cosa di diverso dal solito.non dovrebbero capitare poiché solitamente gli edifici pub-blici dovrebbero dare l’esempio in materia di sicurezza. Ma Nel frattempo abbiamo perso giornicome si sa, nella patria degli evasori fiscali e dei furbetti, di scuola, tanti giorni di scuola. Ab-questa legge “etica” non viene rispettata e quando arriva un biamo festeggiato quando leggeva-finanziamento per la realizzazione di un edificio pubblico, mo le ordinanze dei sindaci. Ma orasi finisce sempre per fregare lo Stato, cioè i contribuenti. vorrei porre una domanda: riuscire-Gennaio e febbraio sono stati due mesi molto nevosi tanto mo a svignarcela senza pagare ilche la prefettura di Reggio Emilia ha deciso di chiudere le conto alla cassa? Ho i miei seri dub- bi. E soprattutto: il così tanto accla- mato “monteore” sarà possibile farlo dopo tutti questi giorni persi? Me lo auguro. Le attività extra scolastiche sono veramente importanti, soprat- tutto per quelle persone che fanno fatica ad affacciarsi a certe realtà. Sarebbe un letterale fallimento per i rappresentanti d’istituto se questi giorni dedicati alle at- tività degli studenti non si fa- cessero, perché a quel punto l’elezione di questi “rappresentanti” non avrebbe più un gran senso a livello pra- tico, ma soltanto a livello for- male. Simone Zobbi
  • 9. Anno 6, 20°Numero. HOWL CURIOSITA’ D’OLTREOCEANO——————————————————————————--——————————————————————————--——————— UNA MESSA MOLTO POP…La nostra corrispondente dagli States ci ha mandato una foto molto curiosa ed interessante.Si tratta di una messa in una Nondenomitional Church, una chiesa di religione cristia-na ma senza confessione. I credenti di questa particolare ed inconsueta chiesa, mangiano,bevono e cantano insieme. Non pregano e non fanno la comunione, ma leggono insieme laBibbia facendo molti collegamenti con l’attualità. Il prete legge la Bibbia, dopodiché tuttiriflettono insieme, offrendo spunti di deduzione e considerazione. Linda Parmeggiani
  • 10. PAGINA 10 “STRALUNATI”… MA CHE PASSIONE! Il gruppo di teatro della nostra scuola, seppur senza un maestro prose- gue grazie al loro grande entusiasmo. Un redattore di Howl si è infiltra- to in una delle loro lezioni e si è lasciato anche un po’ trasportare… PROSEGUE DALLA Già l’accoglienza è un loro punto a favore ed è anche impor- PRIMA PAGINA tante in questa fase. Un saluto riecheggiante per chiunque entri in senso sì di benvenuto ma anche con una sfumatura di ringraziamento.Però a questo argo- Fin dalle battute iniziali fanno capiremento è stato dedica- che non esiste alcuna differenza tra te eto persino un sondag- loro ma che da quel momento si è cir-gio. Sto parlando, condati da amici che come tali darannocome avrete già capi- tanti consigli.to, del nuovo labora-torio di teatro della Dopo le presentazioni, effettuate se-scuola che ha una guendo rigidamente la regola “siamocaratteristica fonda- tutti sulla stessa barca”, cioè tutti sedu-mentale e particolare, ti in terra a formare un cerchio, si iniziadi essere autogestito. col riscaldamento ed io mi dileguo vici-Questo è anche il mo- no ad un angolo della stanza che mitivo per cui se ne par- farà compagnia per il tempo restante.la così tanto; lidea è Fin dai primi esercizi fatti per romperepartita direttamente il ghiaccio si nota la serenità di tutti madagli studenti ed essi con la fondamentale presenza dellastessi sono a capo del concentrazione. Per restare in temaprogetto. direi che tutti sono entrati nella loro parte e visto da fuori èQuesto fatto ha una grande importanza perché significa pazzesco. Già da subito si sente l’assenza di un “capo”, siche ci sono linteresse e la voglia di fare a scuola. Basta vedono soltanto ragazzi e gli Stralunati si riconoscono solosoltanto stimolare queste due componenti e avere fidu- nel momento in cui danno le indicazioni per gli esercizi.cia fino in fondo. Causa (o grazie) a questo sperperio di L’atmosfera è realmente strana, più il tempo passa e più ilinformazioni mi sembra inutile e superfluo aggiungere lavoro diventa coinvolgente. E’ sempre più difficile resisterealtro. Vi invito solamente per qualsiasi dubbio o curiosi- nel mio stramaledetto angolo, vorrei quasi partecipare an-tà a recarvi nellaula adibita al teatro al mercoledì po- che io… In questo momento i sette “insegnanti” si sonomeriggio, la porta vi sarà aperta così come lo è stato per fermati un attimo forse per discutere sull’esercizio successi-me! Un’ora di sorrisi, un’ora di serenità, un’ora di tran- vo, il tutto senza interrompere nulla e cosa più importantequillità. Questo è quello che sono stati i sessanta minuti senza che gli altri se ne rendano conto; è impressionantepassati assieme ai “teatrandi” della nostra scuola. l’attenzione dei ragazzi e l’entusiasmo degli Stralunati. InEbbene sì, mi sono infiltrato in una loro segretissima e questo momento mi sento in Galleria a Milano, i ragazzigettonata lezione. Mi sono presentato come un loro for- camminano velocemente senza però scontrarsi o addirittu-te sostenitore (cosa vera eh) e la porta che un tempo ra notarsi l’un l’altro. Ora sono in curva Sud, tutti battonocustodiva le amate macchinette, ora affidata agli Stralu- le mani e saltellano rumorosamente. Adesso sono sdraiatonati per poter portare a termine il progetto “Copioni in terra al centro della stanza con un sorriso trentadueper-Animati”, mi è stata spalancata. dieciallaterza (32 x 103)denti stampato in faccia. Ebbene sì, nonostante la mia forte personalità e la mia ancor più forteFacendo un po’ di domande in giro sono ancora molti testardaggine, come resistere a venti ragazzi che con altret-gli scettici riguardo a tutto questo e la maggioranza mo- tanti sorrisi e con il doppio di occhi fieri si divertono intor-tiva la loro posizione con l’assenza di un professionista, no a te? C’è ancora una cosa da sottolineare: è totalmentedi un maestro a capo del progetto. Soltanto sette nostri sparita quell’aria di imbarazzo inevitabile presente all’iniziocoetanei che, almeno per il momento, più che insegnare dell’ora perché regna la spontaneità! Ora mi rivolgo a voiiniettano in tutti i possibili partecipanti l’amore per lettori. Vi chiedo apertamente di sprecare almeno due oret-questa nobile arte. te al mercoledì pomeriggio per provare questa esperienza.Anche l’unica mia paura devo ammettere che derivasse Se va male e non piace il progetto almeno si è provato adda questo; pensavo che con l’assenza di una guida affi- aiutare questi ragazzi che sicuramente se lo meritano per-dabile e competente il tutto potesse rischiare di trasfor- ché sono i pochi a fare realmente qualcosa per la scuola emarsi in una farsa, tanto divertimento ma niente di con- per noi studenti. Questo, certo, nel loro campo, il teatro, macreto; però mi sono bastati sessanta minuti per affer- questa almeno è la garanzia che ciascuno di loro ci metteràmare addirittura che l’autogestito funziona! Non c’è tutto l’entusiasmo, la passione e la competenza possibile.assolutamente bisogno di nessuno quando abbiamo la Il teatro a scuola s’ha da fare!presenza di ragazzi che ci credono e che faranno il pos-sibile per realizzare il progetto nel migliore dei modi. Angelo Cosentino
  • 11. Anno 6, 20°Numero. HOWL LA PROPOSTAE SE BALLASSIMO ELECTRO DANCE A SCUOLA? L’electro dance spopola sempre più tra i ragazzi. Un nostro studente e redattore appassionato di questa specialità ha partecipato ai tornei di Roma e Milano, ci spiega meglio questa arte. E lancia la proposta.L’ Electro Dance è una specialità aggiunta da cebook e qualsiasi altra forma sul Web, questapoco nella lista della danza. disciplina sta incominciando ad avere ancheEssa comprende vari movimenti, molto parti- ampio spazio anche attraverso la televisione.colari, eseguiti soprattutto dalle braccia che Per esempio, una crew (gruppo) di Electro Dan-vengono poi "sfruttati" su canzoni Electro- ce, è andata ad Italians Got Talent. Da poco adHouse, Hard-Electro e talvolta Dubstep. Amici, cè stata lentrata di un dancer, detentore di vari titoli in questo ambito, di nome Jona-Quest’arte, nata da poco, si sta sviluppando than Gerlo detto anche Johnny. Anche MTV sisempre di più. Infatti i ballerini che la pratica- sta molto interessando, intervistando vari dan-no, anno dopo anno, la migliorano e cercano cers in occasione del torneo mondiale singolosempre più di diffonderla. Non è molto cono- svolto a Parigi. Anche se non pubblicizzati mol-sciuta da tutti, molti si ostinano ancora a chia- to, i tornei nazionali sono molto importanti. So-marla Tecktonik che invece non è altro che il no presenti varie modalità, tra cui il Vertifightmarchio che ha sponsorizzato lElectro Dance Singolo, il Vertifight Kingz e il Vertifight per lenelle prime manifestazioni. Riassunto in po- qualificazioni al campionato mondiale. Questiche parole cosè tale disciplina vorrei aggiun- tornei possono essere svolti singolarmente, co-gere notizie particolari per quanto riguarda la me nel Vertifight singolo o in coppia come nelsua diffusione e la sua evoluzione. Da meno di Vertifight Kingz. Principalmente si svolgono aun anno lElectro Dance è stata riconosciuta Milano ma si stanno sempre più diffondendo indalla FIDS, Federazione Italiana Danza Sporti- tutta Italia. Altro punto di riferimento è Romava entrando così ufficialmente nelle discipline in cui vi è stato il National Rewind, un particola-sportive. Perciò da questo anno, per partecipa- re tipo di torneo a cui hanno partecipato solo ire ai tornei nazionali e mondiali bisogna essere migliori talenti regionali che hanno passato letesserati dall’associazione, con una quota da selezioni. Conoscere questa arte può essere unapagare sullassicurazione. Citando i tornei, lE- grande esperienza. E anche un modo per capirelectro Dance cresce sempre di più. Oltre a con- di più i movimenti delle braccia e per toccaredividere tutto questo attraverso Youtube, Fa- con mani una maniera differente di ballare. Alla scuola propongo di provare a fare delle lezioni, delle esperienze per capire almeno se può interessare a voi ragazzi. Così come esiste il teatro autogestito perché non provare a costruire un labo- ratorio di Electro Dance? Non solo pu- ramente Electro Dance ma provare a ballare con più spontaneità. Io sono disponibile. Ma insieme a me vorrei una spinta da parte di tutti gli in- teressati. Con la volontà di tutti si può fare. Perché non provare? Prima di sapere come va il Mondo do- vremmo scoprire e capire il nostro cor- po. Luca Casillo Jonathan Gerlo
  • 12. PAGINA 12 HowL - Spazio riflessivoNon è mio solito criticare i professori della scuola cammina per i corridoi di scuola, e che pensa-italiana, ma credo che qualcosa vada detta anche te un po’, può fare il grosso senza che nessunoa loro. Anzi, è un dovere fargliele. Sembra quasi gli dica nulla, perché ciò che fa è Vangelo, edche la loro posizione sia sempre perfetta e indi- è assolutamente indiscutibile. Semplicementescutibile, quasi divina. Sbagliato. Ricordo che il magnifico questo mestiere se funzionasse co-ruolo del professore prima di tutto è un mestiere, sì. Peccato però che questo sia un atteggia-non come altri, poiché per farlo correttamente è mento completamente sbagliato, perché ilnecessario dedicarci anima e corpo per impararlo professore ha un ruolo fondamentale nellaa fare. In questa formazione è indispensabile capi- società: educare e insegnare alle nuove gene-re che chi hanno davanti non sono macchine o razioni. Scrivetevelo sulla mano voi diretticomputer, bensì degli esseri umani che stanno at- interessati, e se proprio non vi entra in testa,traversando gli anni più belli della loro vita, fatti ripetetevelo tutte le mattine ad alta voce da-fortunatamente di felicità e anche di leggerezze. vanti allo specchio del bagno, guardandoviCose scontate? Probabilmente è vero, ma c’è qual- negli occhi. Può essere complicato dire piùche “adulto” che continua a credere che in queste volte e ripetutamente quelle due parole, mavesti è necessario sembrare qualcun altro, tipo un fare questo sforzo è già un bel passo avanti.robot insegnatutto che non guarda negli occhi Sui giornali ho letto tante vicende di cronacanessuno. Non sono uno psicologo, ma mi sembra riguardanti i professori, ma quella che più miche questo sia simbolo d’insicurezza, e in questi ha sconvolto è stata una notizia di qualchecasi mi viene da pensare che il professore non ha anno fa apparsa su tutti i quotidiani naziona-sufficiente personalità da gestire una classe senza li, nella quale veniva riportato che uno stu-sembrare un mostro caduto sulla terra. Devo rin- dente era stato minacciato violentemente dagraziare in particolare un mio professore delle un professore. Da quel momento ho capitoscuole medie, il quale mi ha fatto capire veramen- che serviva sfatare il mito del professore, unte cosa significa insegnare con passione. Concetto mestiere che un tempo era reputato prestigio-che in pochi professori della cosiddetta “scuola so, mentre ora, a causa di queste vicende esuperiore” hanno in mente o non vogliono memo- della mancanza di potenziamento, siamo arri-rizzare, perché troppo “superiori” appunto. Non vati ad avere una classe di professori alquantoesistono regole se prima del tuo nome e cognome scadente. Un vero peccato. Ma il problemahai scritto professore: puoi fumare dove ti pare, non è che non s’insegna più con durezza, ben-negare alle classi una gita anche solo di un giorno, sì che nessun professore insegna più conaggredire per una risata uno studente, insomma, quella passione e costanza che fa’ di un pro-sei onnipotente, puoi fare ciò che vuoi perché co- fessore una persona completa, professional-mandi tu. Una specie di bulletto fuori età che mente e umanamente.
  • 13. PAGINA 13 Anno 6, 20°Numero. HOWLRicordate, soprattutto a scuola, che siamo perso- sullattualità, che stimoli la fantasia dello stu-ne umane, che commettiamo sbagli e proviamo dente, stimoli la riflessione, la discussione, ilemozioni; in particolare, in quest’ambiente è ne- dialogo. Un professore che faccia leggere i gior-cessario capire che l’esaltazione va messa da par- nali in classe discutendo della realtà in cui sia-te, ma soprattutto deve essere chiaro che «tutti i mo. Perché è importante sapere ciò che sta ac-grandi sono stati bambini una volta. (Ma pochi di cadendo ora in questo Paese, bisogna essereessi se ne ricordano)», come dice il Piccolo Princi- consapevoli della grave situazione in cui si tro-pe. Anziché spiegare ciò che è scritto su un libro, va l’Italia, e per ora, se n’è parlato ben poco an-un sapere chiuso nellinchiostro, certamente utile che di quest’argomento. Un vero peccato.ma meramente oggettivo, vorrei un professoreche trasmetta passione, che ponga gli occhi anche Simone Zobbi Twitter: @SimoneZobbi Le api riconoscono le personeUna grande scoperta per l’umanità. Le api api riconoscevano la somiglianza del volto sti-riconosco i volti delle persone! lizzato dalle foto delle facce raggiunte nel pre- cedente esperimento sapendo quindi dove do-Prima di questa scoperta fu fatto uno stu- vevano dirigersi. Non contenti decisero di au-dio in cui le api furono addestrate affinché mentare la difficoltà della prova e tentaronovolassero verso la foto di una persona e l’esperimento con foto di vari volti. Gli insettinon verso altri oggetti fra cui doveva sce- si diressero quindi verso il volto visto nel pri-gliere. Se giungevano a destinazione veni- mo esperimento. Fu la prova che riuscivano avano premiate con uno zuccherino. Da distinguere le varie facce, una dall’altra. Ov-questo esperimento si decise di controllare viamente il premio era sempre uno zuccheri-se le api riuscissero anche a riconoscere i no…vari volti nelle loro sfumature. Prima fufatto con volti stilizzati (due puntini per gli Venne così il momento dell’ultima prova. Gliocchi, una riga orizzontale per la bocca e esperti hanno ritoccato il viso spostando il na-una verticale per il naso) e si notò che le so, la bocca, gli occhi in altre posizioni stra- volgendo la foto. Le api non sapevano più do- ve dirigersi. Consideravano quel volto defor- me come un qualunque oggetto e non più co- me viso umano. Secondo Martin Giurfa,lo scienziato dellUniversità di Tolosa che ha coordinato i vari esperimenti, le api riescono a riconoscere i vari volti umani, nelle loro sfu- mature. “L’apicoltore” Andrea Magnavacchi
  • 14. PAGINA 14 LA STORIA di Benedetta Valdesalici La transumanzaCi sono storie che fanno bene al cuore. A volte ti capitanotra le mani per caso, sfogli un giornale, ascolti la radio, tifermi per strada e…eccola, quella storia. della paceCi sono giorni d inverno in cui nevica forte e se nienteriesce a scaldarti hai bisogno di storie così, come questa. Nel 2000 qualcuno ha il coraggio di tornare a vivere aA me ha fatto bene, spero che migliori anche la vostra Suceska, ma i ragazzi di allora non hanno potuto impa-giornata. rare a lavorare la terra dai loro padri e non possono insegnarlo ora ai loro figli. La trasmissione del sapere è persa a Suceska.ANTEFATTO ovvero UN RIASSUNTO MOLTO RIAS- Alora l idea di Roberta Biagiarelli che da anni fre-SUNTO quenta quei luoghi e di Gianni Rigoni-Stern (figlio di quel Rigoni-Stern, anche detto Il sergente della neve,C è stata una guerra in Bosnia Erzegovina tra il 1 Marzo celebre scrittore di Asiago e militare italiano) di un cor-1992 e il 14 Dicembre 1995. Una guerra definita nei modi so di allevamento e coltivazione per gli abitanti del pae-più svariati: guerra civile, guerra patriottica di difesa, se e di una TransuManza della Pace. Nel Dicembreaggressione, guerra civile. 2010 in Val Rendena, a Caderzone, provincia di Trento,Una guerra, in sostanza. Guerra nella quale sono morte 48 manze tra i 12 e i 24 mesi vengono ritirate dagli alle-migliaia di persone, nella quale risultarono milioni gli vatori trentini e portate a Suceska, a piedi.sfollati e durante la quale si è verificato il più efferato Da questo viaggio è nato un film, un road movie monta-sterminio avvenuto in Europa dai tempi della seconda naro italo-bosniaco.guerra mondiale: il Massacro di Srebrenica. Mi-gliaia di musulmani bosniaci furono brutalmen- PAUSAte assassinati dalle truppe di Mladic e dalle “tigridi Arkan”. Immaginate gli occhi di quelle persone pieni di gratitu- dine alla vista di quel dono. Le loro grida di gioia e iNOTA BENE loro Mashallah! Mashallah! che è un turcismo, come un “Dio vi benedica!”E la nostra civile Europa, solo vent anni fa... Solo a chi ha frequentato ogni lezione del corso verràLA STORIA PROMESSA (finalmente) data una vacca e cè gente che si è fatta decine di chilo-Immaginate il nostro Appennino dieci anni dopo la fine metri a piedi per poterlo frequentare.della guerra. Forse qualcuno ve l ha raccontato.Immaginate ora la comunità montana di Suceska, nella SECONDA PARTE ovvero LA STORIA CONTINUA...municipalità di Srebrenica, nella Bosnia Orientale, dopola guerra. Nel 1995 le “tigri di Arkan” avevano raso al Nel film siamo a Natale 2010 ma anche quest anno al-suolo il paese, gli abitanti sopravvissuti se ne erano an- tre 31 mucche sono partite alla volta di Suceska.dati. Immaginate le case bruciate e accese con le bombea mano. L 85% della popolazione maschile eliminata Ma la cosa bella è che questa storia continua ancora.dalla pulizia etnica. Tra la fine di Febbraio e l inizio di Marzo nel ventenna- le dell assedio di Srebrenica invece dei carrarmati arri- veranno a Suceska due trattori per la comunità. L idea è quella di costruire un caseificio nei prossimi RIGONI—STERN anni. Se volete dare il vostro contributo: Banca Suasa – Credito Cooperativo Filiale di Mondolfo (PU) c/c intestato a BABELIA & C. Codice IBAN: IT 19 S 08839 68390 000030131979
  • 15. Anno 6, 20°Numero. HOWL Iniziative culturali/concorsi Anche HowL collaborerà alnuovo libro di Antonio Nicaso questo tema di cui si parla sempre troppo po- Il nostro istituto e la nostra redazione sono co. Abbiamo così aderito alla staffetta di scrit- stati sempre molto attenti alla questione tura creativa, organizzata da BimEdescriba, in della Mafia. Lo scorso anno, abbiamo par- collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, tecipato attivamente intervistando il gior- nell’ambito del progetto ExpoScuola. Si tratta nalista, scrittore e uno dei massimi cono- della stesura del nuovo libro di Antonio Nica- scitori della ‘ndrangheta, Antonio Nicaso, so, che ha curato l’incipit e l’introduzione. Il al Teatro Bismantova, in una serata orga- titolo sarà “La mafia spiegata Dai ragazzi” e nizzata ad hoc per presentare il suo libro ciascun capitolo sarà redatto da ogni scuola “La mafia spiegata ai ragazzi”, scritto in che ha aderito al progetto, proveniente da tutta collaborazione con il magistrato Nicola Italia. Una vera e propria staffetta letteraria. Gratteri, e soprattutto per parlare delle La nostra redazione avrà l’onore di scrivere il mafie criminali organizzate, vera grande settimo capitolo. Inoltre parteciperemo alla piaga del nostro Paese. Inoltre, la via che presentazione finale del libro, in programma porta alla nostra scuola fu intitolata quasi per questa primavera a Torino. Una grande un anno fa, alla memoria di Peppino Impa- iniziativa, un grande orgoglio e un grande ono- stato. Quest’anno abbiamo rinnovato il no- re per noi. Howl works in progress! stro impegno, proprio perché colpiti da Parole in libertà poesie. Dovranno essere presentati in due co- pie cartacee che dovranno essere consegnate in una busta contenente una seconda busta sigillata con un foglio dove saranno indicati il nome, il cognome e la classe dell’autore. UnBella iniziativa promossa dal Cattaneo-Dall’Aglio. codice numerico sarà assegnato al momentoUn concorso di scrittura rivolto a tutti gli studenti, della ricezione a ciascuna copia cartacea e allache potranno scrivere racconti o anche poesie. Il busta sigillata contenenti i dati dell’autore, iltitolo del concorso Parole in Libertà, dal tema “NOI tutto per garantire anonimato e criteri di va-NO!” si propone di raccogliere testi che mettano in lutazione omogenei.luce il sentimento di ribellione e di indignazione Una commissione di docenti di materie lette-che agita la cultura giovanile e che talvolta, non rie- rarie dell’istituto valuterà i racconti e le poe-sce a trovare un’adeguata espressione. Le opere, in sie in base a creatività, stile e sviluppo del te-assoluta libertà stilistica, dovranno dare voce a quel ma proposto per poi stilare una graduatoria.grido di protesta e di rifiuto che sale dal profondo eche non trova interlocutori disposti ad ascoltare o è I primi tre racconti e le prime tre poesie ver-soffocato sul nascere da ostacoli insuperabili. ranno premiati in Aula Magna in data da defi- nirsi. Ai vincitori andranno in premio buoniGli elaborati dovranno essere consegnati a mano spendibili in libreria del valore di 100, 75 e 50alla vicepresidenza del Cattaneo non oltre il 14 euro a seconda delle posizioni di classifica.aprile.La lunghezza massima dei testi non dovrà superarele 15.000 battute per i racconti e i 30 versi per le
  • 16. PAGINA 16 laboratorio di Teatro! Secondo me sono i vostriOTTAVO CAPITOLO. Ben ritrovati amiconi del umani cervelli che sono un po’ tutti in stand-by eDrago! Ben ritrovati dopo il vacanzone per l’enne- improvvisamente si svegliano urlando : “Oh no,sima nascita di Jesus e il devastoinognidove di c**zo! Non riusciamo a perdere due giorni di lezio-Capodanno! Ma ben ritrovati anche dalle vacanze ne perché non ci fanno fare il monteore! Che palleinventate di fine quadrimestre che si spera non sta scuola di mer*a! (Comunista per di più!) Peròregalino emozioni alla fine dell’anno. Ma per meno male che c’è la neve d’inverno (eclatante an-adesso va tutto bene, siamo giovani, siamo andati che questa) così perdiamo la scuola EVVAI”.a bobbare quanto basta, abbiamo bevuto dei bom-bardini per riscaldarci e delirare un po’, non avre- E mentre la CostaConcordia LaVacanzaCheTiAm-mo nemmeno il posto fisso (altrimenti sai che mazza si inchina al Giglio e l’Europa ci mangia innoia?!) e la pensione.. beh, lei… può attendere. testa, anche nella scuola del Nepotismo modernoPer non annoiarci avremo anche la possibilità di (della serie “prima mi dici il tuo cognome, poi tilavorare..non so.. fino a 80 anni. Giusto perché dirò la tua media”), il quadrimestre si chiude e cosìgiocare a briscola nel bar del paese sarebbe uno arriveranno le pagelle un po’ bastarde da nasconde-sbattimento esagerato. Volevo comunque fare un re alla veloce a mamma e papà per non bruciarsi unapplauso al Cattaglio che è rimasto indenne al ter- qualche sabato sera all’insegna dello sbasbasballo.remototragggedia delle scorse settimane e sembra Poi ogni tanto anche da qua qualcuno, uno dei tantinon aver ceduto al Blizzard. APPLAUSI PER CAT- Schettino, scappa e per forza ti domandi … ma diTA. chi era la responsabilità?Tranquilli, IO so dov’è laOrmai questo povero edificio coloniale ne ha viste soluzione: nella SCATOLA NERA. E’ lei che contie-di tutti i colori….. tra i limoni che si accoppiano, ne la Verità! Forse là dentro c’è registrato anche ilCoppie che limonano ovunque, Cornuti consape- perché del terremoto di qualche giorno fa..OH!!!voli e Cornificanti poco astuti, ecco arrivare i ra- Non sarà mica stato un presagio della fine del Mon-gazzini delle medie che, invece di farlo, perdono do!?!?!? Sta a vedere che son stati i Maya a buttarl’orientamento. Vagano mentre si guardano intor- giù anche la neve come segno della Grande Fine!no esaltati, come se fossero appena entrati nel No a dir la verità..cioè....volevo dirvelo..ma non ri-Paese delle Meraviglie, uscendo per un attimo dal maneteci male..coma della pubertà che li fa impazzire tra i primibrufoli, gli sbalzi d’umore e le bimbe che diventa- SONO STATO IO A MANDARVI LA SCOSSA!no “signorine”, poi si guardano intorno meglio econ le cere-da-chiodi che trovano nel cortilelibe-rodalfumo (giustamente pieno di mozziconi) capi- Una sorta di massaggio cardiaco per i cervelletti,scono che i prossimi anni non saranno così facili per vedere se vi foste ripigliati un attimo ma, comecome suonare Fra’ Martino col flautino dolce. E a sempre, i miei desideri non si sono avverati e mip r o p o s i t o d i c o r t i l e … toccherà tornare nella mia grotta a produrre un po’Ma perché non chiamate l’intervallo “ la sagra del di neve da lanciarvi per punirvi, peggio del DiluvioPolmone”? Mi sembra un’ottima proposta. HEY, Universale!tu, LETTORE illuminato da questo bellissimo Ma dai.. per un attimo..facciamo le brave persone,giornaletto di provincia, ma perché non vai a scri- serie, italiane perbene e da bravi capitani …. Ab-vere questa stupenda idea sulla Bacheca degli Stu- bandoniamo la nave.denti? Forse perché hai paura che i tuoi rappre-sentanti non ti rappresentino abbastanza? Eh no.Secondo me no. Dai su… c’è anche lo stralunato
  • 17. Anno 6, 20°Numero. HOWL PAGINA 17 MISSION IMPOSSIBLE 4 - GHOST PROTOCOLÈ il quarto eh?...Bene, buon per loro.Se avete visto gli altri non serve chevi spieghi la trama, è la solita struttu-ra: i buoni che poi sembrano i catti-vi, qualche flirt, alcune battutinesparse tra una sparatoria e un saltonel vuoto (e devo ammettere che aquanto pare hanno migliorato la sce-neggiatura perché lumorismo è unpaio di gradini più in alto rispetto glialtri, sicuramente grazie ai personag-gi di Jeremy Renner e SimonPegg),presunti traditori allinternodel team, qualche perdita...forse inquesto capitolo più degli altri, ma so-prattutto molta azione. Se non avetevisto gli altri non serve lo stesso chevi racconti la trama...perché pratica-mente lho appena fatto. Insomma, questo film lo si va a vedere principalmente per gli effetti visivi e per le location, effettivamente non cè molto da dire...beh, di sicuro hanno inventato dei bei gadget per le spie, ma quello lhanno sempre fatto. Gli attori sono...esseri umani, ma cè una remota probabilità che da qualche parte compaia un cane, però nel complesso so- no bravi! E poi che scena dapertura! Davvero vali- da, fatta molto bene, forse la migliore del film...no, la migliore è quella della scala- ta del grattacielo a Dubai...già perché lhanno girato a Dubai...credo...ok lo am- mett! Non lho ancora visto sto film, va bene?! Magari non è nulla di ciò che ho sopraelencato...magari. Però forse alla fine non cè un cane. La prossima recensione la faccio seria- mente. Davvero... Bazinga
  • 18. PAGINA 18 CoNstatazioni da Deejay dica numerose etichette, promoter e agenzie,Il dj, remixer e produttore svedese Tim Ber- contattano lo svedese per remix, serate e pro-gling nasce a Stoccolma l8 settembre 1989. For- getti musicali. Nel 2008 firma con la agenziase in parte questo nome non vi dice niente. Que- "At Night", dove lo portano a rilasciare traccesto perché utilizza ben tre pseudonimi: Avicii, e remix insieme a label di calibro mondiale.Tim Berg e Tom Hangs. Il nome Avicii è quel- Nel 2010 con il nome Tim Berg crea Broman-lo da lui più utilizzato e agli onori della cronaca è ce che si piazza nelle classifiche di tutto ilil più celebre. Anche perché il nome Avicii ha mondo. Qualche mese dopo luscita, su You-un’origine molto curiosa: deriva infatti dallomo- tube, spopola un Mash Up (Due brani mesco-nimo ultimo livello dellinferno secondo la tradi- lati) di Bromance e Love You Seek di Samue-zione buddhista così come il nono cerchio dellin- le Sartini e Amanda Wilson. Tim decide diferno dantesco. In pochi anni ha ribaltato la sce- renderlo ufficiale e lo pubblica sulla stessana mondiale del panorama house, usando nelle etichetta. Poi arriva il 2011 che è il suo annoproprie tracce e remix, pianoforti e arpeggi spet- d’oro che lo porta alla ribalta del suo generetacolari. Il suo stile energico e soprattutto melo- musicale. Crea la traccia Levels, una hit mon-dico è il suo marchio di fabbrica. Cominciò tutto diale che spopola in tutte le radio e discote-creando un remix della colonna sonora del video- che del globo. Subito balza ai primi posti nel-gioco "Lazy Jones", rilasciato quasi immediata- la classifica delle tracce più vendute sul sitomente sulletichetta Strike Recordings. E stato di musica elettronica Beatport.com ed ha de-subito affascinato verso la produzione e ha speso buttato alla decima posizione della classificatantissime ore nel suo studio, creando tracce fre- italiana e alla sessantaseiesima della presti-sche, una dopo laltra. Tim non ha mai provato a giosa Billboard Hot 100. In questo brano, ilrimanere sullo stesso genere, ha sempre cercato ritornello cantato prende le note da una vec-di produrre suoni innovativi e attuali. Il suo ob- chia canzone di Etta James, grande cantantebiettivo è di far innamorare con la sua musica, soul e jazz americana scomparsa da poco, in-sia a casa sia nei locali al sabato sera. Si ispira ad titolata Somethingss Got A Hold Me. Si con-artisti come Laidback Luke, Steve Angello, Toca- ferma senza dubbio la hit del 2011. Il suo no-disco, Daft Punk, Eric Prydz e Axwell ma ora è me rimbomba ovunque ormai e arriva a col-diventato lui stesso una fonte di ispirazione per i laborare con il dj numero uno al mondo enuovi dj che avanzano. La sua prima grande trac- confeziona Sunshine, contenuta propriocia fu rilasciata sulletichetta di Pete Tong nellalbum Nothing But The Beat di David(Speaker di BBC Radio 1) dopo un concorso, otte- Guetta. Diventa così famoso che addiritturanendo il 70% dei voti. Proprio questo gli regala la qualcuno lo copia. Infatti nel settembre scor-prima popolarità e da qui la strada comincia ad so il singolo di Leona Lewis, Collide, è statoessere tutta in discesa tant’è che in ben che non si accusato di plagiare il brano di Avicii, Pen- guin - Fade Into Darkness, e la casa discografica della cantante, con lin- tensificarsi delle polemiche, ha dovu- to aggiungerlo ai crediti della canzo- ne come Featured Artist. Ragazzi, ha solo 22 anni ed è sesto nella Top 100 DJ Mag… Un talento da tenere docchio. Avicii, Sound of Now… Giancarlo Constantin
  • 19. Per le interviste integrali visita il sito: www.teatrobismantova.it Intervista a Giorgio ComaschiLei dal 1978 è iscritto all albo dei giornalisti e tra nati: “Come siamo messi?” Uno mi ha risposto: “Siamo inle tante cose ha anche lavorato per un importante mano ai tedeschi”. E una frase strepitosa, un dono della sin-quotidiano, La Repubblica. Durante la sua adole- tesi folgorante.scenza ha mai pensato che sarebbe diventato un Lei ha lavorato per la radio, per la televisione, fa tea-giornalista? tro, ha fatto il giornalista. Sono tutti mezzi di comu-Sì. Mio padre era un cronista di nera e un fotoreporter, nicazione: secondo lei qual è il più utile e quale pre-figura ormai scomparsa. Se c era un delitto lui andava, ferisce?faceva le foto, dava le foto al giornale perché venissero svi- Quello che in assoluto mi ha dato di più è stata la radio. Perluppate e poi scriveva il pezzo. Veniva chiamato di notte due anni ho fatto Quelli che la Radio con Giorgio Conte, fra-perché il marito aveva preso a martellate la moglie non so tello di Paolo, Veronica Pivetti e altri la domenica pomeriggiodove. Sentivo racconti pazzeschi, è stato lui che mi ha poi su Radio2. In radio cè un aria salubre, non inquinata. Inintrodotto al giornale. Ho iniziato con lo sport, si iniziava radio si respira aria come in alta montagna. Non è schiavasempre con lo sport, insieme a Italo Cucci, al Carlino. degli ascolti, è un sistema di comunicazione che mi piacePoi sono passato a Stadio, poi Repubblica. Alla fine sono moltissimo, accende la fantasia, immagini una faccia che sco-arrivato alla televisione e, arrivato lì, ho smesso di fare il pri essere diversa.giornalista. Il suo spettacolo si chiama “Ma te ci sei su Feizbuk?”,Per questo è tornato a fare il giornalista? cosa l ha spinta a scrivere uno spettacolo con questoSono tornato a casa perché, non avendo raccomandazioni, titolo e su questo tema?a un certo punto, nessuno mi ha più chiamato. Io non sono In realtà quello su Facebook è solo un breve monologo rispet-andato a cercarli. Quando ti prendono a fare un program- to allo spettacolo che vederete stasera che è fatto di tanti pez-ma la qualità è il sesto, settimo motivo per cui ti prendono. zi sui tic della gente, sulle mode, le manie: è uno spettacoloCè la telefonata dietro di qualcuno, sei simpatico a uno, vario, di cabaret, passa da una cosa all altra senza un filoincontri per caso uno al bar... Di me si sono dimenticati, conduttore ben preciso. Quello su Facebook è un monologonon mi hanno più detto niente e io non ho più detto niente che tratta della sudditanza che abbiamo nei confrontia loro. Sono tornato a casa, mi sono rimesso a scrivere e a di questo sistema. Mettiamo le nostre cose lì perché siamofare del teatro, che non avevo mai abbandonato. Ho scritto soli, facciamo un villaggio globale nel quale tutti sappiamoqualche libro, ho fatto spettacoli che mi hanno dato soddi- cosa stiamo facendo: mi fa ridere, anche se io sono su Fa-sfazioni. Gli autografi gli avevo già fatti, la gente mi aveva cebook come gli altri. Vado a vedere le notizie. E una cosa ungià riconosciuto per strada. po da guardoni. Ho intitolato lo spettacolo per incuriosire la gente ma avrei potuto intitolarlo “Gli anni delle sciarpe” oLei durante questi mesi ha intervistato molte per- “Gli anni di quelli che guardano il telefono al cinema”.sone comuni per strada, a Bologna. E un momentodifficile per l Italia, quante di queste persone se- Possiamo parlare di Facebook-dipendenza?condo Lei sono davvero interessate all attualità e Sì, sicuramente. Cè gente che se non da la buonanotte a tuttiquante la ignorano? Perché? non è contenta, gente che buongiorno, buonasera, mi sto ta-Bisogna fare una grande distinzione tra le persone giovani gliando le unghie, sto andando a tavola... La gente dice co-e le persone anziane. Gli anziani non hanno mai dubbi, se intime per dare sfogo alle proprie insicurezza. Ho scrittohanno solo certezze. Con il dito ti dicono: questo è così. Il sul Carlino una lettera a Vasco Rossi che si è anche arrabbia-giovane è invece pieno di dubbi, più incerto. La attualità la to. Contestavo il fatto che lui avesse aperto un profilo Fa-seguono tutti, in realtà. Gli anziani i pensionati hanno più cebook. E sceso tra i mortali mentre lui è una rock star, de-tempo e una capacità di sintesi che neanche i grandi gior- ve rimanere su un altro livello. Forse aveva bisogno di unanalisti americani possono vantare. Sono andato in piazza a sicurezza.Bologna l altro giorno e ho chiesto a un gruppo di pensio- HowL - La Redazione
  • 20. PAGINA 20 Intervista a Botega Dance CompanyCome nasce Paracasoscia? Perché avete deciso di nostra compagnia non si ferma al movimento, al passo madare questo nome allo spettacolo? cerca di arrivare oltre, all emozione, alla poesia. Ci piace la-Elisabetta: Paracasoscia in dialetto sorano, il nostro co- vorare su questo, sulla ricerca espressiva, sulla verità e sullreografo è sorano, significa sembra che soffi, pare che onesta di quello che accade sulla scena. Il movimento è im-soffi. Un giorno andando a sentire un concerto della ban- portante ma funzionale ad altro.da del paese che suonava queste arie famose di opere liri- Come e quando è nata la vostra passione per la dan-che si accorse che la gente canticchiava sotto la banda che za?suonava, era come un soffio, le persone cantavano pur F: La mia è nata molto presto ma non avevo i mezzi per po-non conoscendo a fondo le opere. terla soddisfare. Abitavo a Poviglio, nella Bassa e nessuno riusciva a accompagnarmi a Reggio a scuola di danza. AvevoQuanto è difficile unire così tanti diversi tipi di promesso a mia mamma che appena presa la patente mi sareidanza (classica, moderna, hip hop, break dance) iscritta a danza. A diciotto anni, il giorno in cui ho preso laalla musica classica e, nello stesso tempo, cosa patente, ho firmato, rubato la macchina a mia mamma e sonoaggiunge allo spettacolo? andata a Reggio e mi sono iscritta. Sono partita tardi, moltoFederica: Non è particolarmente difficile in quanto è il tardi, a diciannove anni.coreografo che ci guida. Alla fine se io ballo break dance e E: Anche io molto tardi, a diciotto anni.lei balla classica ma esiste comunque un filo conduttore F:Ti assicuro però che se lo vuoi davvero lo fai. Devi uscireunico e quello che si sta rappresentando è sentito da en- dagli stereotipi e dalle idee che molti hanno in Italia rispettotrambe nello stesso modo io penso che dia un valore ag- alla danza, per certi versi cè una visione molto ottusa che nongiunto allo spettacolo, lo rende particolare, diverso, più dà spazio a quello che qualcuno potrebbe in realtà fare, perdinamico e più originale. Qualcuno potrebbe anche dire prime le istituzioni. Io ero a Reggio, mi sono presa su, andavoche è giusto miscelare, ma che quello che fa uno possa in giro, guardavo. Ognuno sceglie la sua strada, una con ilessere fatto anche dall altro, sicuramente. In questo spet- mio fisico non si può presentare all AterBalletto e dire:tacolo è la differenza a fare lo spettacolo. La difficoltà da “Fatemi ballare perché ne ho voglia”. Il mio è stato un susse-parte nostra no cè, siamo abituati a lavorare insieme. guirsi di situazioni, me la sono cercata. Ho fatto per tanti anniChiaramente è necessario un coordinatore, una mente che e faccio il pendolare Reggio Emilia – Roma. La passione di dàpossa portare a questo risultato. Dietro cè un importante le opportunità, bisogna valutare dove si può andare perchélavoro coreografico che viene svolto dal direttore della non si può andare dappertutto, soprattutto qui, forse all este-compagnia, il coreografo. ro…Nel vostro spettacolo giocate molto con l ironia e Io non so niente di danza ma ho in mente solo lo ste-l espressività, quanto sono importanti? Perché? reotipo del ballerino che balla dodici ore al giornoE: Il pubblico stasera ha riso tanto, il pubblico reagisce in alla sbarra e basta…modo diverso rispetto a quanto ci divertiamo noi. Se una F: Dipende molto da quello che vuoi fare tu. Se vuoi persegui-sera siamo tesi e non riusciamo a lasciarci andare e a di- re una carriera di danza classica allora sì, la sbarra tutto ilvertirci noi per primi sul palco, il pubblico lo capisce e si giorno... Se uno vuole fare della danza la sua vita e sopravvi-diverte meno. Non tentiamo di “fare” facce, cerchiamo di verci fai molta fatica, è molto difficile, tutti noi oltre a danzaredivertirci e di essere noi stessi. Se ci divertiamo bene e lavoriamo anche.tanto il pubblico reagisce di conseguenza.F: La difficoltà non è tanto ricordarsi il passo, la difficoltà Non è la vostra professione? Non sieteè entrare nello spettacolo tutti insieme, una volta entrati “professionisti”?va tutto via liscio, ci divertiamo noi per primi, sul serio: F: Sì è la nostra professione. Siamo sotto contratto, veniamonon cè niente di finto in quello che facciamo. Se ci fosse il pagati, ci vengono dati i contributi e lavoriamo in un circuitopubblico se ne accorgerebbe e noi per primi non riusci- di professionisti come può essere quello dei teatri, per meremmo a farlo. questo è il “professionista”. Ti dico anche però che per so- pravvivere devo anche fare altro, è la triste realtà.Qual è la cosa più difficile per un danz-attore? E: Non è un problema solo dei danzatori. Anche l architettoE: Nei foglietti di sala hai letto danz-attore perché per noi deve fare per anni in cameriere, è un problema della nostrala danza è un mezzo, un mezzo comunicativo, uno stru- Italia, un problema che tocca tutti a prescindere da quello chemento. Cè chi sceglie di usare la voce e cantare, noi deci- vuoi fare.diamo di ballare. Balliamo per arrivare a qualcos altro. La HowL - la redazione
  • 21. Intervista ad Alessandro Calabrò e Gabriele TesauriQuesto spettacolo è stato portato in scena in una G: Se i cittadini fossero informati sulla verità di tante situa-data importante, cioè il 27 gennaio. Cosa signifi- zioni cambierebbero molte cose, perché il problema dell’in-ca per lei questa giornata e quanto è importante formazione e della comunicazione è molto rilevante e fonda-dal suo punto di vista? mentale. Il fatto che il mainstream ha le notizie principaliA: Ritengo molto importante la Giornata della Memo- che vengono controllate da pochi network e pochi magnati èria, perché in questo giorno si possono ricordare tutti i una cosa grave ed è logico che ora ci troviamo in queste con-vari crimini, guerre e genocidi che ci sono stati, e anche dizioni, e Murdoch è una di quelle persone che ha in manodi quelli di cui non si parla. Perché oggi si ricorda la molte reti di informazione globali. La gente se fosse infor-Shoah, che è quello più importante e famoso, ed è giusto mata reagirebbe, e la dimostrazione l’abbiamo guardandoricordarlo ci mancherebbe, ma nel mondo di oggi non è l’Italia, dove l’informazione è scomparsa da ormai venti an-l’unico, perché abbiamo sempre genocidi ovunque, e ni. A: Si parla tanto di globalità, dove in un click sei ovun-anche recenti, come quello in Ruanda, e quello dei Cur- que, ma poi alla fine questa globalità non è così aperta, per-di, e di tante altre guerre etniche, anche se non sono ché ti fanno arrivare dove vogliono, perché l’informazione èsolo etniche, che tutt’ora ci sono e che tutt’ora non cono- filtrata in un certo modo, che decidono loro.sciamo. Per questo ritengo importante ricordare tutti igenocidi che ci sono e che ci sono stati. Perciò questa Il vostro fare teatro può essere considerato d’impe-giornata può essere molto utile e importante per ricor- gno civile?dare quello che è successo ai giovani, compreso io per- G: Abbiamo messo in scena questo spettacolo per varie ra-ché non c’ero durante la seconda guerra mondiale, e poi gioni, e personalmente ho già fatto diverse regie d’impegnopartire da dei fatti storici per cercare di migliorare il civile, ad esempio a Correggio sulla memoria, dove ho diret-nostro presente. to alcuni spettacoli che partivano da racconti locali, e il mo- tivo per cui ho scelto questo mestiere è sicuramente quelloCi possono essere alcune analogie tra la storia di raccontare storie che potessero far pensare e ragionare, eche ha raccontato in «Tutto quello che è succes- si può fare in mille modi, anche il musical può essere unaso a Tony Broz» e quella reale di Aushwitz? soluzione, che io tra l’altro ho utilizzato più volte. E lo scopoA: Credo che vere e proprio analogie non ci siano. Però era di portare al pubblico uno spettacolo capace di far capirecentrano dal momento in cui stiamo parlando di una che questa guerra, tra palestinesi e israeliani, non è così di-guerra che va avanti da secoli tra israeliani e palestinesi, stante come sempre, perché l’Italia vende materiale primoe quindi si parla di un genocidio, che si sta svolgendo in per combatterla, essendo uno dei Paesi che più produce ar-quella terra, che è una zona nella quale sono presenti i mi da guerra (il 7° nel mondo ndr).famosi confini, dove da una parte tu sei ben accetto edove dall’altra non lo sei più. Ho letto il libro di Marco Truzzi, «Caffè hal, Tel Aviv - Tutto quello che è successo al signor T.B.» che haPerché secondo lei non s’interviene per placare dato vita a questo spettacolo, e mi aspettavo che siquesta guerra? parlasse anche del pugile errante per la Palestina,G: Quello che raccontiamo nel nostro spettacolo è il di- perché la decisione di tagliarlo?scorso del grande commercio di armi che c’è sempre G: Riconosciamo che è una grande pecca, però sarebbe di-dietro a ogni guerra, che è un’industria. Ma poi non c’è ventato uno spettacolo troppo lungo e troppo complicato daneanche una volontà politica, perché dietro ci sono tanti costruire drammaturgicamente. Marco è geniale, ed è un po’interessi, e il petrolio è un esempio, e gli stati che co- il nostro Salgari, lui non è mai stato a Tel Aviv, e lo prendomandano vogliono tenere quest’area calda e accesa, co- in giro perché descrive Tel Aviv come Correggio in primave-me hanno fatto anche in altri Paesi, e per ora l’hanno ra, e c’è un passaggio dove parla dei tigli, e questo mi ricor-fatto tranquillamente e senza problemi. da molto Correggio, ma come Salgari riesce a creare un mondo sicuramente credibile in tutto quanto.Se i cittadini fossero informati sulla vera veritàdi questa guerra cambierebbe qualcosa secondo HowL - la redazionelei?
  • 22. PAGINA 22 Intervista ad Amanda SandrelliLa sua è una lunga carriera, nella quale ha in- to i giovani non debbano perderlo, perché è veramente im-terpretato molti ruoli diversi. In base alla sua portante. Poi il teatro ha un ruolo sociale, dove si pensa oesperienza com’è cambiato il teatro italiano da dove quantomeno non è vietato farlo, e a volte lo si prova aquando ha iniziato a oggi? fare anche divertendo il pubblico. Sono convinta che unoCercando di dire le cose migliori e trovare qualcosa di dei peggiori equivoci sia che la cultura debba essere noiosa,buono, penso che una cosa che è un po’ cambiata è la e che se uno non si rompe le palle non sta facendo una cosaseparazione, c1he prima era molto rigida, tra teatro abbastanza intelligente, non è assolutamente così, perché lecinema e televisione, perché un tempo chi faceva teatro cose noiose sono noiose punto. Uno spettacolo teatrale nonnon poteva fare televisione e così via, quindi era tutto è un libro che lo puoi chiudere e saltare il capitolo noioso,molto separato. Questa non era buona regola secondo mentre in uno spettacolo no, perché lo spettatore è seduto eme, perché il mestiere dell’attore è quello, poi è ovvio il regista deve cercare di tenere attento il pubblico per nonche c’è chi è maggiormente adatto a un mezzo che ad fargli perdere il filo, e questo riesce a farlo bene Lorenzoun altro, ma finché non si prova non si può saperlo, e in Gioielli, che scrive spettacoli divertenti ma anche profondi epiù, alcuni mezzi come ad esempio la televisione, sono intelligenti.funzionali, nel senso che ti danno quella notorietà cheserve anche a far venire le persone a teatro. Per questo Da cosa è nato lo spettacolo teatrale “Non c’è tem-sono cose che possono coesistere. Adesso, infatti, le po amore”?tournée durano molto meno, e molto spesso si tende a Questo spettacolo è nato dalla capoccia di Lorenzo Gioielli,spezzare una tournée se è lunga in due stagioni, in mo- che oltre ad essere un autore è attore e regista, che sia io siado che un attore non parta per sei mesi e nel nulla per Blas (Blas Roca Rey, marito della Sandrelli e anch’egli pro-così tanto tempo. Mentre i peggioramenti sono quelli tagonista di questo spettacolo ndr) conosciamo da moltiche ha avuto tutto il Paese (ride), ed evito di ripeterli anni, e sicuramente molte cose della vita di coppia le hadato che li saprete già… anche “rubate” dalle nostre e dalla sua esperienza. Questo spettacolo è una riflessione un po’ su tutto, non solo sull’a-Secondo lei quale può essere il ruolo del teatro more, sul sesso e sul rapporto fra uomini e donne, ma anchenella società? Perché le persone dovrebbero su altre cose, ed è questo che a me piace particolarmente,venire a vedere uno spettacolo in teatro? perché “Non c’è tempo amore” è uno spettacolo con tantiPerché credo che il teatro faccia proprio bene, e lo dico strati, e credo che uno spettatore può accontentarsi e guar-sia da spettatrice sia da attrice, e quando vedo o faccio darselo divertendosi, oppure può scendere in profondità, aun bello spettacolo, io dopo mi sento meglio, e non cre- seconda della sensibilità, dell’età e della situazione che vivedo sia un caso che il teatro esista da quando esiste l’uo- in quel momento lo spettatore. E credo che ogni strato ab-mo civile. In Grecia era obbligatorio andarci, non era bia veramente una chiave di lettura molto interessante, frauna cosa che potevi fare o non fare, ci dovevi andare cui anche una chiave più sociale e ampia, proprio di crisiperché faceva bene alla costruzione della persona. Loro non solo dei cinquantenni ma anche di un modo di essere.dicevano che era catartico, e credo che più o meno losia ancora oggi; continua a essere quello, cioè un rap- Questo può essere il frutto di questa epoca?porto fisico che passa attraverso le parole e il palcosce- Sicuramente la fretta, il fatto di fare e produrre è il frutto dinico, ed è qualcosa che accade in quel momento e non è questa epoca, e quindi c’è sempre qualcosa da fare. Ci fu unmai uguale, e tutto ciò avviene perché c’è un pubblico libro storico, quando ero una ragazzina, che si chiamavache rimanda l’energia che tu attore dai. Posso assicu- “Avere o essere” di Erich Fromm, scritto ormai una trentinararvi che lo spettacolo non è lo stesso se facciamo una di anni fa, e sembrava che qualcosa ci fosse stato dettoprova generale senza un pubblico. Il teatro non può sull’argomento, invece no, perché a noi occidentali questamorire, perché è uno dei luoghi dove tutto avviene fisi- cosa dell’avere è sempre stata più importante del resto. Ecamente, e quindi tanto più lo schermo ti porta lontano poi si paga, sia perché l’avere scompare da un giorno all’al-e ad accorciare le distanze nel mondo, tanto più non tro, e sia perché alla fine si rischia di avere tanto ma di nondobbiamo perdere di vista il rapporto fisico, che è quel- essere felice.lo che ti fa sentire quello che sei, e credo che soprattut- HowL - La Redazione
  • 23. Anno 6, 20°Numero. HOWL PAGINA 23 Constantin Playlist:Hardwell - SpacemanAfrojack & Shermanology - Cant Stop MeThe Wanted - Warzone (Basto Remix)Neon Hitch - F U Betta (Chuckie Club Remix)Jared Dietch feat. Kelli Sae - Youre Not Alone (Gregori Klosman Remix)Avicii & NERVO - Youre Gonna Love AgainKelly Clarkson - Stronger (What Doesnt Kil You) (Promise Land Club Mix)Starers ft. Nadia Ali - Keep It Coming (Basto Remix)Nicky Romero - Toulouse (Original Mix)Sound Pellegrino Thermal Team - Pretty Pretty Good (VIP) CruciCattAglio Due minuti di cazzeggio per dirvi quello che non vi abbiamo ancora detto-1.Un cognome che non dimenticheremomai. Il nome è Paola.-2. E’ europea e dovrebbe fare la forza.-3. Quello che nel primo quadrimestrenon abbiamo fatto.-4. Questo con i tuoi,Pasqua fai poi quello che vuoi.-5. E’ il più figo della scuola: un drago.-6. “Sai cos’ho fatto?” “Quando??”“Ieri..” “Nono..quanto te l’ho chiesto?”EPIC…-7. Non va a puttane, ma giuro che èil Presidente del Consiglio-8. Anche con quelle di italiano siamoriusciti a perdere un’ora.
  • 24. Ph. Ilenia Darko

×