Omnys day 2009 seo & webmarketing

587 views

Published on

Muzzolon Simone - Search engine Optimization e Web Marketing at Omnys day 2009

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
587
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
8
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Omnys day 2009 seo & webmarketing

  1. 1. SEO COPYWRITING & WEBMARKETING
  2. 2. Introduzione Alla fine degli anni Novanta, i primi motori di ricerca facevano riferimento alle parole chiave inserite dagli stessi creatori di siti web allinterno delle loro pagine, attraverso i tag Meta. Ben presto i webmaster più furbi cominciarono ad inserire nelle loro pagine decine di parole chiave, rendendo di fatto nulla lutilità di questo strumento (prevista, peraltro, nelle stesse specifiche dell’HTML). Contemporaneamente, i motori di ricerca più diffusi (uno dei più utilizzati al tempo era Altavista) iniziarono a vendere le posizioni alte dei loro risultati di ricerca, mischiando, nella presentazione dei risultati, sia i siti "meritevoli", cioè rispondenti ai criteri di ricerca dellutente, sia siti clienti che avevano pagato il motore di ricerca per farsi trovare dagli utenti nelle prime pagine di risposta. Questa situazione non certo limpida preparò il terreno per lavvento di Google. SEO (search engine optimization): Con il termine ottimizzazione (Search Engine Optimization in inglese) si intendono tutte quelle attività finalizzate ad aumentare il volume di traffico che un sito web riceve dai motori di ricerca. Tali attività comprendono lottimizzazione sia del codice sorgente della pagina, sia dei contenuti. (copywriting) SEM (search engine marketing):parte dell’attività di WebMarketing che comprende il SEO atta ad utilizzare tutti gli strumenti proposti dai motori diricerca per aumentare il traffico verso un determinato sito web. 2
  3. 3. SEO: Fattori on The Page (passato) Ottimizzazione del testo Ottimizzazione Title Keyword density Description Heading Sitemap No Flash No JavascritpPR – „03 Google Dance – ‟03 Everflux – Fine „03 Florida Update (aspetto semantico + stemming) – Inizio penalizzazioni – ‟04Austin update con Hilltop (penalizz. Sovraotti.) – ‟05 Jagger (riduzione valore reciproco dei link e scrematura duplicati – ‟06aggiornam. Pr in tempo reale 3
  4. 4. Fondamentali di una pagina ottimizzataSe possibile, registrare un dominio che contenga la parola chiave principale. Le parole chiavicontenute nel dominio influenzano il posizionamento.Scrivere nel title parole pertinenti, "poche ma buone"Il tag di descrizione deve essere non superiore a 150 caratteriUso strategico delle keyword, meglio se a coppieContenuto/testi: una pagina senza testi è virtualmente invisibile ai motori di ricerca. Una pagina webefficace deve sempre contenere testo focalizzato su argomenti altamente specifici e con le parolechiave al suo internoUsare piccoli titoli occhiello che attirino il visitatore e nello stesso tempo lo spiderDirectory (Yahoo! ODP)Fare il sito il meno profondo possibile, linkate le pagine ottimizzate il più possibile vicine allaprincipale.Indicizzarsi manualmente sui motoriFarsi linkare da siti “in target”La pagina più importante è la principale
  5. 5. Fattori nell’utilizzo delle parole chiave(Keywords): •Parole chiave nel tag del titolo •Parole chiave nei tag degli header •Parole chiave nel testo del documento •Parole chiave nei link interni che puntano alla pagina •Parole chiave nel nome di dominio e/o nell‟indirizzo della pagina (URL)5
  6. 6. Fattori nell’utilizzo delle parole chiave(Keywords): •Storia della registrazioneImportanza del dominio: •Età del dominio •Importanza dei link che puntano al dominio •Rilevanza del dominio sull‟argomento basata sui link in entrata ed in uscita •Utilizzo storico dei link verso il dominio6
  7. 7. Fattori nell’utilizzo delle parole chiave(Keywords): •Età dei link •Qualità dei domini che mandano il linkImportanza del dominio: •Qualità delle pagine che mandano il linkPunteggio dei link in entrata •Testo dei link •Valutazione della quantità/peso dei link (Pagerank o sue variazioni) •Rilevanza sull‟argomento delle pagine/siti che mandano i link7
  8. 8. Fattori nell’utilizzo delle parole chiave(Keywords): •Storia della percentuale dei click (CTR) sulla pagina nei risultati dei motori di ricercaImportanza del dominio: •Tempo speso dagli utenti sulla paginaPunteggio dei link in entrata •Numero di ricerche per URL/nome delDati degli utenti dominio •Storia delle visite/utilizzo dell‟URL/nome del dominio degli utenti che Google può monitorare (toolbar, wifi, analytics, ecc.)8
  9. 9. Fattori nell’utilizzo delle parole chiave(Keywords):Importanza del dominio: •Potenzialmente dato a mano per le ricerche e per le pagine più popolariPunteggio dei link in entrata •Fornite da valutatori interni di GoogleDati degli utenti •Algoritmi automatizzati per valutare il testoPunteggio della qualità del contenuto (qualità, leggibilità, ecc.)9
  10. 10. Posizionamento della KeywordA: Parola chiave nel titolo della pagina G: Parola chiave nel nome di dominioB: Parola chiave utilizzata nel corpo del documento H: Parola chiave nel nome delle pagine /directoryC: Relazione fra contenuto pagine e parole chiave I: Parola chiave nell‟attributo title dei linkD: Parola chiave nel tag H1 L: Parola chiave nell‟attributo alt delle immaginiE: Parola chiave nei tag H2, H3, Hx M: Parola chiave nel tag Bold e/o StrongF: Parola chiave nel metatag Keywords O: Parola chiave nel metatag description 12 10 8 6 Valore 4 2 0 A B C D E F G H I L M O 10
  11. 11. Presente TrustRank: rilevazione della qualità dei link in entrata/uscita Quality Raters Aumento del valore semantico dei Links Aumento del valore della “tematicità” dell’intero sito Spam e duplicati: rimozione e penalizzazione automatica Analisi tempi permanenza (no per miglioramento rank) Valutazione dei click nelle serp (no ranking) Locazione fisica del server (ma solo Msn) 11
  12. 12. Fattori Off the page Trust Rank (Trustrank.pdf) Domain Trust Rank: pagine spam in siti trust Tematicità + Trustrank dei backlinks (topical-trustrank.pdf) Pagerank = bilanciatore/equilibratore degli altri algoritmi Dati Storici BIGTABLE.pdf Link da pagine social 12
  13. 13. Fattori ON The Page BadRank / Distrust = mai linkare “bad” resources /siti & pagine spam” (Badrank- distrust.pdf Tematicità + Semanticità del contenuto  Non più fondamentale come l’anno scorso. Contenuti / PhraseRank / Keywords  Title + “anchor text” = 2 fattori + importanti  Originalità dei contenuti  Phraserank (e boilerplate) più come strumento “anti-spam” (es. duplicazione contenuti)  Occhio al Keyword stuffing (penalizzazioni molto più frequenti, dure e veloci)  Occhio “universal search” = importanza di posizionare e realizzare contenuti extra (video, immagini, audio, pdf, etc). Vendita di Link  Guerra di Google alla vendita  Incide sul pagerank (riduzione di 2-3 punti) ma non sul ranking Morale (banale ma vera): se scrivi buoni contenuti originali e “utili” (= link spontanei) sei già un bravo Seo al 90% 13
  14. 14. Fattori Alternativi Bounce Rate: no x ranking, si come verifica “attendibilità/spam o al max come verifica di attinenza. Tempi di Permanenza  Non più fondamentale come l’anno scorso. Search Wiki: l’algoritmo umano a costo zero – potenziale rivelazione futura…Futuro lavoro del Seo? Penalizzazioni manuali Penalizzazioni algoritmiche Riconoscere le penalizzazioni… 14
  15. 15. Il Web si è fatto difficile (per i Seo) Web 2.015
  16. 16. Il Web si è fatto complicato Interfacce Migliori User generate content Viral Marketing Social Network Adv 16
  17. 17. Il Web si è fatto complicato Connettersi Controllare Comunicare Economia della reputazione 17
  18. 18. Il Web si è fatto complicato 18
  19. 19. Il Web si è fatto complicato Distribuire gratis servizi (utili) Puntare sui nuovi formati online Regalare contenuti Premium Interagire (sul serio) Viralizzarsi Guardare in due direzioni (locale e globale) Cross-medializzarsi Puntare sui rich media Fidelizzare Sorprendere sempre 19
  20. 20. Un po’ di numeri e la rete Google20
  21. 21. 200921
  22. 22. 22
  23. 23. 23
  24. 24. 24
  25. 25. 25
  26. 26. 26
  27. 27. Quale pagina converte meglio? 27
  28. 28. + 22% di conversioni 28
  29. 29. Ottimizzazione contenuti 29
  30. 30. 30
  31. 31. Non imporre la registrazione degli utenti nel carrelloRendere i pulsanti evidentiScrivere contenuti rassicurantiEvidenziare le garanzie 31
  32. 32. Suggerimenti di Google Progetta un sito con gerarchia e link testuali comprensibili. Ogni pagina dovrà essere raggiungibile da almeno un link testuale statico. Offri agli utenti una mappa del sito con link che puntino alle sezioni più importanti. Se la mappa del sito contiene più di 100 link, suddividila in pagine distinte. Crea un sito utile e ricco di informazioni, con pagine che descrivano in modo chiaro e accurato i contenuti del sito. Pensa alle parole che gli utenti potrebbero digitare per cercare le tue pagine e assicurati che siano incluse nel tuo sito. Prova ad utilizzare del testo anziché immagini per visualizzare nomi, contenuti o link importanti. Il crawler di Google non riconosce il testo contenuto nelle immagini. Assicurati che i tag TITLE e gli attributi ALT siano descrittivi e precisi. Verifica leventuale presenza di link inaccessibili e la correttezza del codice HTML. Se decidi di utilizzare pagine dinamiche (ad esempio se lURL contiene un carattere "?"), ricordati che non tutti gli spider dei motori di ricerca effettuano la scansione delle pagine dinamiche oltre a quelle statiche. È utile prevedere un numero esiguo di parametri brevi. Limita a un numero ragionevole (meno di 100) i link a una determinata pagina . 32
  33. 33. Page RankIl Page Rank viene calcolato sia con un conteggio dei link al nostro sito presenti nelle pagine da luiindicizzate, sia con un conteggio dei link dal nostro sito verso queste stesse pagine, ma valuta anche laprovenienza e quindi la "qualità" dei link, o meglio la pertinenza rispetto allargomento trattato nella nostrapagina. Tale qualità viene "percepita" tramite il Page Rank della pagina linkata e dalle parole chiave affini inessa contenute.Il PR è su scala logaritmica: un PR=2 è 10 volte tanto quanto un PR=1, un PR=3 è 10 volte tanto un PR=2 e100 volte un PR=1, e così via. Un altro sito dove possiamo valutare il PageRank di un sito èwww.checkmypr.com.Per avere un buon PR occorre:Essere linkati da altri sitiChe le pagine che contengono il link abbiano elevato page rank;Che la pagina in cui si è linkati non contenga molti link (in quanto nella formula il PR della pagina cheospita il link viene diviso per il numero dei link contenuti in essa). 33
  34. 34. Link Popularity Ricordiamo che la link popularity di un sito può essere riassunta in maniera semplice come "/a quantità e la qualità di altri siti web che linkano il sito in questione". Maggiore è il numero di link in entrata e maggiore è la link popularity del sito. Ed inoltre più il sito è popolare più peso ed importanza "passa" al mio link. PageRank, link popularity e TrustRank, derivano tutte dalla filosofia secondo la quale siti web importanti "attraggono" molti più link di siti poveri e senza contenuti. La stessa filosofia ci dice che non tutti i link sono uguali: un link da un sito o directory importante ha maggior valore rispetto ad un inbound link che arriva dal sito personale del vicino di casa.Trust RankIl trust rank è un algoritmo ideato e messo in pratica da google per premiare i siti di qualità e arginare lo spam; applicatodal 2005 il trust rank premia molto la qualità e la tematicità di un link piuttosto che la sua potenza quantitativa dipagerank. La base di partenza è il controllo umano, cioè un team di persone che vagliando migliaia di siti internet valutala loro bontà (siti trusted) o meno (siti spam, distrust). Dopo questa analisi manuale interviene largoritmo del Trust Rankche propaga questa "fiducia" (Trust) ai siti linkati dai siti trusted e penalizza quelli linkati dai siti riconosciuti come spamengine. Che logica cè dietro questo algoritmo? Quella che un sito di qualità difficilmente linkerà un sito spam. Ulterioreevoluzione logica nel valutare il peso di un link in ingresso è la sua tematicità. Con levoluzione degli algoritminegli ultimi anni è diventato possibile per i motori di ricerca analizzare il tema trattato nel sito e nelle singole pagine.Diventa quindi sempre più importante ricevere link in ingresso da siti che parlano di argomenti simili. 34
  35. 35. Directory La directory (Virgilio, Yahoo, dmoz,..) è un catalogo di siti. La classificazione dei siti è fatta generalmente da persone in carne ed ossa, non cè alcun modo di garantire linserimento di un sito e la sua classificazione. Vero è che, statisticamente, compilare in un certo modo preciso le form di richiesta può aiutare ad attrarre lattenzione degli addetti alla classificazione. Il motore invece è un software che in maniera automatica scandaglia il web e carica il suo database di informazioni. Molti portali hanno al loro interno sia una ricerca per directory che tramite motore (es Yahoo!) Ma vediamo due esempi: Google www.qooqle.com Un motore di ricerca come Google funziona tramite uno "spider" che cerca i dati che poi deposita in un database. Lo spider ha il compito di navigare la rete e di "visitar^" un sito ogni qualvolta venga segnalato manualmente dallapposito "add uri", o trovato tramite link di siti già presenti nel database. Tutti i dati raccolti dallo spider verranno raccolti e classificati secondo un algoritmo . Nel caso di Google, i risultati son "rafforzati" dalla presenza del sito dalla directory Dmoz. Dmoz (Open Directory Project) www.dmoz.org Una directory come Dmoz si presenta invece come un catalogo di siti organizzati per categorie e sottocategorie. La differenza con il motore di ricerca è quella di poter sfogliare le categorie per argomenti, nazionalità, ecc. Dmoz, come tutte le directory (Yahoo!, Virgilio,...) è mantenuta da editor umani. Quando un sito viene suggerito in una categoria, leditor utilizza un regolamento ben preciso che applica nella valutazione per poi decidere se inserirlo o meno nella directory. Più segnalazioni ripetute in una directory vengono considerate spam. 35
  36. 36. Approfondimenti (cenni) Link Baiting  Qualunque attività fatta sul sito che catturi l’attenzione dell’utente e lo convinca ad inserire link sul proprio sito Scambio Link: propagazione del pr , triangolazione, tematicità, Gradualità, Contesto. Acquisto di link (molto costoso) Es:  http://www.linkadage.com  http://www.backlinks.com  http://www.textlinksads.com  http://www.livecustomer.com  http://www.linkxl.com Article marketing:  www.fastpopularity.com  www.article-marketing.eu  www.articlemarketingitaliano.it  www.articolista.com  www.contenutigratis.net  www.articolando.com Recensioni e comunicati stampa 36
  37. 37. CopyWriting Come si legge sul web Diamoci del tu Testo versus design La home page Con l’ipertesto il testo sprofonda Il vostro pubblico è il mondo La pagina come mappa L’editing per il web La piramide invertita L’interattività Siate brevi Internet e intranet Una bussola per ogni pagina Questione di credibilità 37
  38. 38. Importanza del testo La maggior parte delle “cose” che le persone cercano su Web sono costituite da testi.Al testo va dedicata grande attenzione se si voglionorealizzare siti che funzionano. 38
  39. 39. I ContenutiLa cosa più importante di qualsiasi sito web è il suo contenuto.La prima domanda a cui bisogna rispondere per realizzare un sito che funziona è “Perchè mai qualcuno dovrebbe visitare il mio sito?”Stabilire i contenuti di un sito sulla base del suo PUBBLICO, degli OBIETTIVI da raggiungere, della REPERIBILITA DEI CONTENUTI e della successiva opera di “GARDENING” (aggiornamento e anutenzione) è la cosa più importante in assoluto. 39
  40. 40. Come si legge sul WebL’80% dei navigatori del Web non legge riga per riga, piuttosto "scorre“ la pagina alla ricerca degli argomenti di interesse. Questo è vero soprattutto per le pagine iniziali e le pagine di “snodo”.Fondamentale catturare lattenzione dellutente disseminando lapagina di segnali che dicano immediatamente di cosa parla lapagina e che ne rendano chiaro il contenuto. 40
  41. 41. Facilitare la letturaSullo schermo si legge con maggiore difficoltà, leggere a video èpiù lento del 25% rispetto a leggere su carta.Alcuni consigli per facilitare la lettura:• Elementi di ancoraggio otticoImportante aiutare lutente a “tenere il segno”, dando elementi acui locchio possa far riferimento: utilizzare elementi di ancoraggioottico;•Impaginazione a bandieraIl testo disegna sul margine destro una linea irregolare e forniscepunti riconoscibili 41
  42. 42. Facilitare la lettura Titoli e sottotitoli: Aiutano sia la riconoscibilità degli argomenti che la lettura Segni di evidenza: Grassetti e segni colorati (es. Evidenziatore) per evidenziare parole o frasi brevi orientano la lettura Link: Devono essere riconoscibili sia rispetto al testo che rispetto a titoli ed evidenze Salto riga: Un testo che prevede un salto riga alla fine di ogni frase è sicuramente più facile da leggere 42
  43. 43. Facilitare la lettura Atomi di lettura:Un testo può essere lungo quanto serve per spiegare largomento. Frasi e periodi devono essere però brevi. Utile spezzare il testo in atomi di lettura trattando un solo tema per ogni paragrafo. Tipo di caratteri: La scelta dei caratteri deve limitarsi ai caratteri presenti nella maggior parte dei computer (di sistema o installati dalle applicazioni più diffuse). Il Verdana è tra i più leggibili e gradevoli (non graziato) 43
  44. 44. Ogni strumento ha il suo linguaggio. Il linguaggio utilizzato nel web deve riferirsi allutente, non a noi e alla nostra organizzazione, quindi cerchiamo di usare le parole che lutente capisce meglio e con cui ha maggiore dimestichezza; Ciascuna frase deve contenere un concetto. Il testo deve essere chiaro e concreto, evitando qualunque retorica autocelebrativa. Evitare frasi che suonano bene ma non dicono niente. 44
  45. 45. L’ipertesto Chi scrive per il web deve imparare a usare l’ipertesto: scrivere un documento ipertestuale significa invece chiedersi chi è il nostro lettore, cosa vuole sapere prima, cosa dopo, cosa considera più importante e cosa invece un dettaglio. Significa organizzare linformazione, scegliere i link, cioè le porte che conducono avanti nel percorso di lettura, e dare a queste porte dei nomi semplici e brevi, ma che facciano immaginare e capire al lettore cosa troverà oltre. 45
  46. 46. La piramide invertita Jakob Nielsen consiglia lordine della "piramide invertita" nella costruzione di siti e pagine web: Cominciare dalla conclusione per scendere via via verso maggiori dettagli 46
  47. 47. Persuasive copywriting http://www.riello.it/condizionatori/climatizzatori.html http://ipod- touch.asteclick.com/landing_reg_go.php?kw=ITGS02&gcli d=COfHioj21poCFQcSzAod9iuMqw www.omnys.com (Platinum 4) 47
  48. 48. Definizioni Search Engine Copywriting Web Copywriting Landing Page (pagina di "atterraggio) 48
  49. 49. CONOSCERE LE ESIGENZE DEGLI UTENTIBisogno => Motore di Ricerca I navigatori vanno sul Motore di Ricerca perché hanno un bisognoMotore di ricerca => ricerca per keywordsGli utenti esplicitano il loro bisogno tramite le Keywords di ricercaKeywords => scelta di LinkOpportunità di entrare in contatto con chi ci ha esplicitato un bisogno Pagina di “ingresso” landing page persuasive copywrIting usabilità sito web 49
  50. 50. Dalla Parola chiave alla Frase chiaveThe 7 most used word phrases in search engines on the web are:2 word phrases 32.58%3 word phrase 25.61%1 word phrases 19.02%4 word phrases 12.83%5 word phrases 5.64%6 word phrases 2.32%7 word phrases 0.98% E quanti click per pagina? Gli studi hanno anche evidenziato che il 55% degli utenti verifica Oltre il 50% delle ricerche viene il contenuto di uno solo dei risultati forniti, e più dell80% non effettuato con 2/3 termini di ricerca. prova più di tre link. 50
  51. 51. Come si costruisce un titolo efficaceTecniche di Costruzione Titoli - Frasi Chiave + Spinta allazione1) La Power Combination StrategyScegliere 3 keyword/keyphrases ed inserirle allinizio del tag titleEsempiotitle: Il software gestionale più diffuso per Hotel indipendenti e catene di alberghi1°keyphrase:Gestionale Hotel2°keyphrase:Gestionale Alberghi3°Keyphrase:Software Hotel e Alberghi= 3 combinazioni di keyword2) La Strategia Plurale SingolareChi scrive una query allinterno dei motori di ricerca usa sia il singolare che il plurale. Se si riesce adinserire in un tag title una frase compiuta che utilizzi entrambi otterrete ottimi risultati.Novità sito internet per il tuo hotel e Albergo: Siti Internet facili e veloci per Hotels e Alberghi.3) Evitare I Titoli Criptici, cioè quelli che sperano nella collaborazione attiva del lettore per essereinterpretati. 51
  52. 52. 52
  53. 53. Ambiti di interventoUn buon risultato lo si ottiene soprattutto su tag Title, metatag e sui contenuti nel campo body.Struttura html della pagina:<TITLE>Titolo della pagina</TITLE><META NAME="DESCRIPTION" content="Descrizione del contenuto della pagina"><META NAME="KEYWORDS" content="Parole chiave che descrivono la pagina"><BODY>Contenuti della pagina</BODY> 53
  54. 54. Una tecnica è quella di enfatizzare il concetto su cui lavorare e far seguire dal ":" poi la frase denfasi:Esempi:<TITLE>ABC Libri Online: Oltre 10.000 Libri con SCONTI fino al 35%</TITLE> <TITLE>Conto Corrente Online: 0 spese, 3% interesse</TITLE><TITLE> Auto Usate: la tua auto in SOLI 3 click!</TITLE><TITLE> Hotel Roma in Pieno Centro: Offerte Quotidiane</TITLE>DESCRIPTION<META NAME="DESCRIPTION" content="Installazione e assistenza gestionale per Hotel e Alberghi:Facile e completo.">KEYWORDSBODY 54
  55. 55. Scrivere per il Web• esporre subito i concetti principaliEsempio: volete proporre un modello di franchising sul turismo?"Sei interessato a lavorare in proprio con una tua agenzia viaggi supportato da un tour operator diprofessionisti con prospettive di guadagno importanti gai dal primo anno? Scopri ora come fare:" 55
  56. 56. Scrivere per il Web• esporre solo successivamente i dettagli• paragrafi brevi e separati da interlinea• occhiello di richiamo e neretto• far emergere titolo, sottotitoli, paragrafi• rendere riconoscibili i link• tenere la pagina "pulita”• "Scrivi tutto, poi cancella quasi tutto" Anton Cechov• Locchio di un utente non si muove lungo il testo. Un utente guarda:  Immagini Rilevanti  Gruppi di parole■ Il percorso iniziale parte in alto a sinistra 56
  57. 57. GLI UTENTI INTERESSATI AMANO LEGGERE il testo attira lattenzione prima della grafica una lettura superficiale precede eventuali approfondimenti successivi gli utenti passano di continuo da un sito allaltro, aperti in diverse finestre Gli utenti scannerizzano le pagine. In questo caso i riferimenti principali del lettore diventano titoli, titoletti, grassetti, corsivi Perché questi riferimenti visivi sono importanti soprattutto nel web? 57
  58. 58. COSTRUZIONE DEL BODY COPY CATTURARE LATTENZIONE (Emozioni) INFORMARE (Razionale) RASSICURARE (Creare sintonia)OBIETTIVI colpire i bisogni dellutente fargli sognare il futuro fargli percepire concretamente come ottenerloRELAZIONE TRA UTENTE E PRODOTTO/SERVIZIO caratteristiche Benefici per il navigatore 58
  59. 59. Costruzione del Body Copy I Paragrafi Titoli e Titoletti Grassetti ed evidenziazioni Quanto scrivere? Le frasi importanti non vanno imprigionate in paragrafi Areare i paragrafi con interlinea Ricordarsi sempre del nostro target Niente errori No a paroloni o termini difficili 59
  60. 60. Creare Landing Page Efficaci Informare Essere Credibili Enfatizzare il Prodotto o il Servizio Immagini giornalistiche e non spot Demo e prova di efficacia Temporalizzare le decisioni dell’utente Creare stimoli persuasivi Anticipare possibili obiezioni Far fare all’utente percorsi guidati Comunicare con il singolo Non solo vendita 60
  61. 61. Desideri del consumatore Guadagnare Le persone desiderano guadagnare di più per migliorare la loro vita. Risparmiare Le persone sono sempre alla ricerca di un ottimo servizio ad un prezzo minore. Semplificare Le persone sono sempre alla ricerca di un prodotto/servizio che sappia semplificare la loro vita. Risparmiare tempo e fatica Le persone adorano il tempo libero. Rassicurarsi ed Evitare Preoccupazioni Le persone voglio essere rassicurate nella loro vita ed evitare le preoccupazioni individuali e familiari. Migliorare la salute Le persone desiderano stare bene fisicamente Migliorare il confort Le persone desiderano una vita confortevole. Essere popolari Le persone desiderano essere riconosciute, essere popolari. Essere originali Le persone desiderano essere originali. Attrarre gli altri Le persone desiderano attrarre gli altri. Proteggere la reputazione Le persone desiderano salvaguardare la propria reputazione. 61Conservare il possesso

×