Your SlideShare is downloading. ×
Il Neorealismo Cinematografico Italiano - Associazione ArtedelContatto per Cinema in Classe (Liceo Morgagni)
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Il Neorealismo Cinematografico Italiano - Associazione ArtedelContatto per Cinema in Classe (Liceo Morgagni)

476

Published on

Powerpoint introduttivo al seminario "Il Neorealismo Cinematografico Italiano", in collaborazione con le cattedre di letteratura italiana (proff. Lion, Diotallevi, Ballestrero) nell'ambito del …

Powerpoint introduttivo al seminario "Il Neorealismo Cinematografico Italiano", in collaborazione con le cattedre di letteratura italiana (proff. Lion, Diotallevi, Ballestrero) nell'ambito del programma didattico "Cinema in classe" (a.s. 2013-2014) del Liceo Scientifico Statale "Giovambattista Morgagni". Docenti coinvolti: 7.

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
476
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Associazione Culturale Cinema in classe Liceo Scientifico Statale “Giovambattista Morgagni Il Neorealismo Cinematografico Italiano Mutazioni antropologiche, ideologiche e stilistiche dal cinema fascista al cinema degli anni del Dopoguerra
  • 2. Il Neorealismo Cinematografico Italiano. Mutazioni antropologiche, ideologiche e stilistiche dal cinema fascista al cinema degli anni del Dopoguerra Unità didattica I. Il cinema e i mass media durante il fascismo (1922-42) •Stato dell’arte del comparto cinematografico italiano •Il regime fascista e il modello statunitense: il tentativo di far nascere un’industria •Il cinema durante il fascismo: “assenza di conflitti, intimismo crepuscolare, puritanesimo piccolo-borghese, tono da commedia e logica dell’evasione” •I generi cinematografici del fascismo: Cinegiornali, Telefoni Bianchi, Pepla e cinema di guerra •La rivista “Cinema”, un avamposto critico in seno al regime: Visconti, Zavattini, Alicata Filmografia: Cinegiornali di guerra (1941-1943), Teresa Venerdì (Vittorio De Sica, 1941), La cena delle beffe (Alessandro Blasetti, 1941), Alfa Tau! (Francesco De Robertis, 1942), Giarabub (Goffredo Alessandrini, 1942)
  • 3. Il Neorealismo Cinematografico Italiano. Mutazioni antropologiche, ideologiche e stilistiche dal cinema fascista al cinema degli anni del Dopoguerra Unità didattica II. Gli anni della Guerra Civile e il cinema verso la Liberazione (1942-44) •La liberazione dell’immaginario: l’emancipazione della donna, la sessualità nel cinema liberato verso una nuova concezione della famiglia •Il crollo del regime e i nuovi immaginari: la guerra in casa propria, la povertà, la critica della famiglia fascista borghese •Cesare Zavattini “nume tutelare” della cultura italiana liberata •Il cinema liberato esce per le strade: la “conquista del paesaggio” •Un nuovo modo di lavorare con gli attori: attori presi dalla strada e forme dell’improvvisazione per un nuovo nodello di regia •Il Centro Cinematografico del Ministero della Marina: Francesco De Robertis e Roberto Rossellini pionieri di un’ “estetica della Liberazione” Filmografia: Avanti c’è posto (Mario Bonnard, 1942), La nave bianca (Roberto Rossellini, 1943), Quattro passi tra le nuvole (Alessandro Blasetti, 1942), Ossessione (Luchino Visconti, 1943), I Bambini ci Guardano (Vittorio De Sica, 1944), Il bandito (Alberto Lattuada, 1946)
  • 4. Il Neorealismo Cinematografico Italiano. Mutazioni antropologiche, ideologiche e stilistiche dal cinema fascista al cinema degli anni del Dopoguerra Unità didattica III. Gli anni del Neorealismo, “Scuola Italiana della Liberazione” (1945-50) •Temperie culturale e poetiche individuali. L’ “italianità empatica” di Vittorio De Sica, il “senso tragico” di Luchino Visconti, la “cronaca epica” di Roberto Rossellini •Il film a episodi e la nascita del racconto moderno • L’uomo al centro della narrazione neorealista: Zavattini e l’insorgere di un nuovo modello di scrittura per il cinema •Il cinema come strumento di indagine antropologica e di scoperta del paese •Il documentario che racconta l’Italia come emblema del crollo della retorica fascista. Gli esordi di Michelangelo Antonioni •Mutazioni estetiche e di genere verso il declino del Neorealismo Filmografia: Roma città aperta (Roberto Rossellini, 1945), Sciuscià (Vittorio De Sica, 1946), Paisà (Roberto Rossellini, 1947), Gente del Po (Michelangelo Antonioni, 1947), Ladri di biciclette (Vittorio De Sica, 1948), Germania anno zero (Roberto Rossellini, 1948), La terra trema (Luchino Visconti, 1948), Non c’è pace tra gli ulivi (Giuseppe De Santis, 1950)
  • 5. Il Neorealismo Cinematografico Italiano. Mutazioni antropologiche, ideologiche e stilistiche dal cinema fascista al cinema degli anni del Dopoguerra Unità didattica I. Il cinema e i mass media durante il fascismo I protagonisti del panorama cinematografico italiano in epoca fascista Galeazzo Ciano Luigi Freddi Ministro della Cultura Popolare (1935-36) Luciano De Feo Direttore della rivista “Cinema”, del Luce e dell’IICE (1928-1938) Direttore Generale per il Cinema (1934-38) Vittorio Mussolini Direttore della rivista “Cinema” (1938-43)
  • 6. Il Neorealismo Cinematografico Italiano. Mutazioni antropologiche, ideologiche e stilistiche dal cinema fascista al cinema degli anni del Dopoguerra Unità didattica I. Il cinema e i mass media durante il fascismo Tentativo di costruire una strategia centralizzata sul controllo dei mass media Istituto Luce–Unione Cinematografica Educativa (1924): cinegiornali (1925-1945) EIAR-Ente Italiano Audizioni Radiofoniche (1927) IICE-Istituto Italiano per la Cinematografia Educativa (1928) Biennale Cinema di Venezia (1932) Direzione Generale per il Cinema (1934) Centro Sperimentale di Cinematografia (1935) ENIC-Ente Nazionale Industrie Cinematografiche (1935): organo produzione del Luce Cinema, quindicinale d’informazione cinematografica (1937) Cinecittà (1937)

×