• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
Aumentare le conversioni negli ecommerce
 

Aumentare le conversioni negli ecommerce

on

  • 169 views

Come aumentare le conversioni senza investire (una follia ) in web advertising ? Vediamo alcuni consigli ed esempi pratici di ottimizzazione degli ecommerce online : dal carrello al checkout e alcune ...

Come aumentare le conversioni senza investire (una follia ) in web advertising ? Vediamo alcuni consigli ed esempi pratici di ottimizzazione degli ecommerce online : dal carrello al checkout e alcune metodologie applicabili per diminuire il tasso di abbandono

Statistics

Views

Total Views
169
Views on SlideShare
169
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
3
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Aumentare le conversioni negli ecommerce Aumentare le conversioni negli ecommerce Presentation Transcript

    • Simone Mozzato 1 Come aumentare le conversioni senza investire (una follia ) in web advertising ?
    • Simone Mozzato 2 Molte persone ed operatori del settore tendono a pensare che aumentare il budget nell’advertising sia la soluzione migliore per cercare di vendere di più . Questa soluzione è spesso fuorviante, in quanto non c’è una relazione diretta: se investi maggiormente, i tuoi ordini non sempre aumentano proporzionalmente in base al traffico . Ecco perché la soluzione ideale è sicuramente prima ottimizzare l’ecommerce ed in un secondo momento aumentare il flusso di visite.
    • Simone Mozzato 3 http://www.statista.com/statistics/232285/reasons-for-online-shopping-cart-abandonment/ Statista ha posto delle domande a 19 mila utenti per capire il motivo dell'abbandono del carrello negli ecommerce
    • Simone Mozzato 4 Viene Chiesto a 19 mila utenti e 153 persone con poteri decisionali in aziende : Perché i visitatori abbandonano il sito senza acquistare nulla ? Vediamo le risposte
    • Simone Mozzato 5 Ben il 56 % abbandona il sito quando si trova di fronte a dei costi imprevisti !
    • Simone Mozzato 6 I costi come tasse, spedizione, assicurazioni, garanzie, imballo… non calcolate dal navigatore, fanno aumentare in maniera drastica l’uscita dal nostro ecommerce. Come comportarsi onde evitare questo problema ? Se Possibile Offrire Costi di spedizione Compresi nel prezzo , o con una soglia minima, anche se il vostro prodotto costa leggermente di più dello stesso di un vostro competitor , l’utente sarà ben felice di acquistare da voi in quanto la percezione della spedizione gratuita come risparmio ha un effetto molto positivo , in quanto sgraviamo il navigatore da sorprese legate a sorprese. Altra soluzione , è dare all’utente una spedizione in 24-48 ore (o in tempi minori ai competitor ove possibile) del prodotto: in questo modo diamo motivazione dei costi di spedizione in quanto ci impegniamo a fornire un servizio aggiuntivo di valore.
    • Simone Mozzato 7
    • Simone Mozzato 8
    • Simone Mozzato 9 I costi come tasse, spedizione, assicurazioni, garanzie, imballo… non calcolate dal navigatore, fanno aumentare in maniera drastica l’uscita dal nostro ecommerce. Come comportarsi onde evitare questo problema ? Informiamo sempre e in maniera chiara ,quali costi andrebbe a sostenere l’utente acquistando i prodotti : quindi ove possibile spese di spedizione , le tasse e tutti i costi ( o quasi ) direttamente nelle schede prodotto o prima del processo della vendita
    • Simone Mozzato 10
    • Simone Mozzato 11
    • Simone Mozzato 12 I costi come tasse, spedizione, assicurazioni, garanzie, imballo… non calcolate dal navigatore, fanno aumentare in maniera drastica l’uscita dal nostro ecommerce. Come comportarsi onde evitare questo problema ?  Usare i coupon : date dei coupon se l’utente è costretto a pagare per la spedizione e/o imballi e/o tasse/dazi . I coupon devono essere personali e gestiti in modo razionale ( non uguale per tutti )  Cercare di capire che l’utente è nel vostro sito per acquistare ( molte volte ci vogliono giorni o settimane per la transazione) : nascondere i dettagli sulla consegna o presentarli alla fine del checkout può farvi perdere per sempre l’utente
    • Simone Mozzato 13 Stavo solo Navigando oppure sto decidendo se acquistare o meno!
    • Simone Mozzato 14 A meno di prodotti/servizi particolari e/o di nicchia , l’utente si trova a sondare vari ecommerce , o a semplicemente cercare informazioni sui prodotti per poi acquistarli in un secondo momento o in store fisici , per ridurre le problematiche relative vediamo come possiamo agire :  Farsene una Ragione … cercare di bloccare l’utente all’interno del nostro portale ( con pop up , alert ecc ) o forzare troppo l’acquisto, può infastidire di molto la loro esperienza e a questo punto l’utente non ritornerà di certo e con il rischio di innescare un passaparola negativo , con conseguenze drastiche Farsene una Ragione …ma non del tutto  : possiamo «forzare» con mezzi leciti , come ad esempio il remarketing
    • Simone Mozzato 15 A meno di prodotti/servizi particolari e/o di nicchia , l’utente si trova a sondare vari ecommerce , o a semplicemente cercare informazioni sui prodotti per poi acquistarli in un secondo momento o in store fisici , per ridurre le problematiche relative vediamo come possiamo agire :
    • Simone Mozzato 16 A meno di prodotti/servizi particolari e/o di nicchia , l’utente si trova a sondare vari ecommerce , o a semplicemente cercare informazioni sui prodotti per poi acquistarli in un secondo momento o in store fisici , per ridurre le problematiche relative vediamo come possiamo agire :  Email Remarketing : Ricordare con delle sequenze di email, tipo dopo 1 ora dall’acquisto sia dopo 24 ore, informando l’utente dell’uscita dal carrello, usando un tono di comunicazione “socievole” per cercare di aiutarlo, più che per spingere per la vendita, inserendo un link al carrello abbandonato  Remarketing Tradizionale , abbiamo a diposizione varie cartucce: dalla classica campagna remarketing di Google, a quelle con il remarketing dinamico di Google Shopping ( se implementato sempre in adwords ) , arrivando al remarketing/retargeting su facebook ,usando piattaforme come Adroll, Criteo, Perfect Audience.
    • Simone Mozzato 17 Prezzo:il motivo per cui avete intrapreso la strada della vendita Online
    • Simone Mozzato 18 Una fascia di utenti naviga in tutti gli ecommerce ,finchè non trova il prodotto al miglior prezzo al momento giusto (saldi , sconti ) …questa tipologia di utenti sono solitamente i più difficili da acquisire , il vostro ecommerce deve sicuramente staccarsi dalla logica del prezzo , altrimenti si rischia di vendere solo per fatturare ma non per aumentare gli utili , vediamo alcuni accorgimenti:  Aggiungere dei servizi per far aumentare la percezione del migliore prezzo/qualità: ad esempio customer care efficiente, spedizioni tracciabili e assicurate, chat online , numero verde …  Utilizzare il remarketing ribadendo all’utente i vostri servizi aggiuntivi compresi nel prezzo  Possibilità di prezzi minori , se l’utente s’iscrive alla vostra newsletters o programma di fidelizzazione , in modo di utilizzare la comunicazione one-to-one per fidelizzarlo  Se Avete buoni Margini di guadagno sui prodotti si possono prendere in considerazione le affiliazioni come tradedoubler, Zanoz o marketplace come Ebay ,Amazon, Etsy…
    • Simone Mozzato 19 La struttura del sito e la manutenzione sono aspetti fondamentali
    • Simone Mozzato 20 La struttura del sito e la manutenzione sono aspetti fondamentali Diventa ormai obbligatorio progettare il nostro ecommerce per più piattaforme device : smartphone, tablet sono entrati definitivamente nella nostra vita quotidiana, l’ideale è avere una versione responsive del sito stesso , in quanto diventa meno dispendioso lato progettazione mantenimento; anche per essere ottimizzato lato seo , su consiglio di Google  https://developers.google.com/webmasters/smartphone- sites/details
    • Simone Mozzato 21 La struttura del sito e la manutenzione sono aspetti fondamentali  Ci sono molte ricerche di mercato in cui si evince che l’utente è sempre di fretta e predilige un sito che si carichi velocemente ; anche ( e soprattutto ) per il nostro ecommerce vale la stessa regola , ci sono dei ottimi tools per verificare e testare la velocità :  http://developers.google.com/speed/pagespeed/insights/  http://gtmetrix.com/  http://www.webpagetest.org/  Questi tools online , suggeriscono anche dove e come intervenire sul codice per velocizzarne il caricamento ( javascript , css, immagini, gestione della cache… ) , se l’ ecommerce si rivolge a più paesi , implementare un CDN ( server ubicati in varie zone del mondo che smistano la banda erogata in base agli indirizzi ip delle richieste ). Altri tools fondamentali sono quelli di monitoraggio dei server , come uptimerobot.com e pingdom.com ; in ogni caso per la scelta del hosting deve ricadere su server dedicati
    • Simone Mozzato 22 La struttura del sito e la manutenzione sono aspetti fondamentali Al giorno d’oggi la struttura del sito per agevolare la navigazione dell’utente diventa fondamentale: in primis effettuare dei test di usabilità prima di lanciare la piattaforma , anche con delle metodologie semplici , ad esempio come quella proposta da Steve Krug , in cui bastano dalle 3 alle 5 persone , per eliminare dal 30 al 50% dei problemi comuni legati alla navigazione . Altro sistema per testare per testare la struttura, in particolare se abbiamo già lanciato la piattaforma , è usare le mappe di calore , in modo da visualizzare dove effettivamente cliccano gli utenti o come si muovono con il mouse e dove cliccano , alcuni tools a riguardo : creazyegg , clicktale da affiancare a google Analytics. Ricordando però che esiste il metodo “scientifico” migliore : chiedere ai propri utenti  . Utilizzare il proprio canale di email abbinato a dei sondaggi ( ad esempio surveymonkey o google docs ) risulta essere la metodologia migliore per capire come si muovono e cosa si aspettano
    • Simone Mozzato 23 Ora veniamo ad un altro problema molto comune e vitale per gli ecommerce: la Conversione Perché gli utenti una volta iniziata la fase di acquisto non la portano a termine ? Questa è la domanda a cui tutti i gestori, ma soprattutto i marketers dovrebbero porsi PRIMA di portare altro traffico al sito.
    • Simone Mozzato 24 Ci sono vari sondaggi, ricerche e test effettuati, in cui si evidenzia come il Funnel dell’acquisto se ottimizzato , possa portare ad aumentare sensibilmente le vendite , vediamo i punti fondamentali: Il Percorso per l’acquisto Un carrello che richiede più di 5 step solitamente riduce notevolmente il tasso di conversione, una soluzione ottimale è testare dai 3 ai 5 step , includendo un indicatore per il progresso della transazione : se possibile inserire una barra ed etichettare ogni passaggio con una descrizione precisa, dando sempre la possibilità di rivedere le azioni precedenti e da compiere per il navigatore mettendo in evidenza dei bottoni o link con affermazioni chiare e univoche. L’utente non deve mai trovarsi a pensare: “E ora cosa devo fare per continuare/concludere l’acquisto? “
    • Simone Mozzato 25
    • Simone Mozzato 26
    • Simone Mozzato 27 Carrello semplice, funzionale e pratico. Durante il processo di acquisto uno dei dubbi maggiori che assale l’utente , è di aver selezionato il prodotto sbagliato. Diventa quindi importante includere nel carrello il link alla scheda : per non interrompere il processo far aprire una nuova finestra o popup, oltre a far visualizzare direttamente nel carrello la foto chiara con più descrizioni possibili inerenti al prodotto stesso. Rendere semplice la modifica di quantità, taglia, colore e per le molteplici opzioni, direttamente con pochi cliks e sempre all’interno del carrello. Molte persone utilizzano il carrello come lista dei desideri, nel caso ad esempio il sito ne sia sprovvisto, per questo motivo sarebbe utile una funzione “salva carrello” ( carrello permanente ) per conservare i prodotti selezionati, in modo tale che quando l’utente ritorna nel sito si ritrova con il carrello già compilato ; tale metodologia però deve prestare molta attenzione a non infrangere le normative della privacy : informando l’utente nell’utilizzo dei cookies per il tracciamento.
    • Simone Mozzato 28
    • Simone Mozzato 29
    • Simone Mozzato 30
    • Simone Mozzato 31
    • Simone Mozzato 32  Assicurare l’utente L’utente oltre ad essere coccolato, deve essere rassicurato: se parte con delle titubanze, difficilmente acquisterà. Includere in ogni pagina del checkout, i dati di contatto, l’indirizzo fisico, un numero telefonico (invitare gli utenti al contatto telefonico per ogni dubbio, in alternativa anche una chat online), inserire se possibile, i loghi delle carte di credito accettate , ovviamente l’acquisto deve avvenire sotto il protocollo di sicurezza https… Altro aspetto fondamentale e critico è il momento precedente in cui l’utente si appresta a cliccare sul pulsante/bottone “Acquista”, prima di eseguire l’ultimo step dovremmo togliere gli ultimi dubbi, quindi inserire rassicurazioni ulteriori come garanzie aggiuntive del prodotto, le policy sul reso/rimborso, testimonianze e referenze di chi ha già acquistato.
    • Simone Mozzato 33
    • Simone Mozzato 34  Il coupon : croce e delizia degli ecommerce L’utente medio online, è spesso alla ricerca dei prezzi migliori, esiste un metodo che nasce praticamente con la vendita, il coupon. Tale leva è a volte mal gestita e troppo abusata dai gestori; quando l’utente arriva alla pagina di checkuot e visualizza il campo relativo al coupon , scatta immediatamente una domanda: “Perché non ne ho ?”. A questo punto se non trova la giusta risposta, si trova a girovagare nel web in cerca dei sconti e nella maggior parte dei casi è un’utente perso … Per ovviare a tale problema non esiste una soluzione universale, ma si potrebbero prendere degli accorgimenti: Meglio integrare il campo relativo al coupon in una pagina diversa , anche per tracciare il comportamento nel funnel dell’acquisto e quindi studiarne i comportamenti, per poi prendere le giuste precauzioni. Altra soluzione potrebbe essere l’aggiunta di una frase vicina al campo del coupon , in cui si indica che i sconti sono gestiti in modo personalizzato e sono introvabili nel web… oppure elargire i coupon solo agli iscritti alla
    • Simone Mozzato 35
    • Simone Mozzato 36
    • Simone Mozzato 37
    • Simone Mozzato 38  Gestire al meglio il processo di iscrizione Molti siti di ecommerce decidono di gestire in maniera diversa il processo di raccoglimento dei dati per l’acquisto: sia come ospite sia con registrazione obbligatoria. L’aspetto fondamentale è spiegare alle persone i vantaggi della registrazione (sconti personali, ordini successivi in 2 click, supporto dedicato…) e lasciar decidere autonomamente come procedere. Un metodo ideale sarebbe poter permettere al potenziale cliente di registrarsi alla fine dell’ordine, in modo che sia sufficiente inserire una password per creare il proprio account personale.
    • Simone Mozzato 39
    • Simone Mozzato 40
    • Simone Mozzato 41 Non esistendo una soluzione standard per tutti i checkout, diventa fondamentale testare nel tempo attraverso piattaforme di analytics e split test , abbinando ove possibile degli strumenti avanzati di di eyetracking e heatmap…testate testate in continuazione.
    • Simone Mozzato 42 Grazie Per La Pazienza  Per Qualsiasi Domanda, Dubbio , Critica o Saluto google.com/+simonemozzato @simonemozzato it.linkedin.com/in/simonemozzato webmarketing@doctor-web.org