Detrazioni di Imposta - Lavoro dipendente
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Like this? Share it with your network

Share

Detrazioni di Imposta - Lavoro dipendente

  • 21,286 views
Uploaded on

Sussidio didattico sulle detrazioni di imposta TUIR 13 - Lavoro dipendente. ...

Sussidio didattico sulle detrazioni di imposta TUIR 13 - Lavoro dipendente.
Versione 2.a aggiornata al 2014.

More in: Education
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
No Downloads

Views

Total Views
21,286
On Slideshare
21,264
From Embeds
22
Number of Embeds
4

Actions

Shares
Downloads
82
Comments
0
Likes
3

Embeds 22

http://tappmi.blogspot.it 10
http://tappmi.blogspot.com 9
http://pmi2015.blogspot.it 2
https://www.blogger.com 1

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. 1/8 Le detrazioni di imposta (art. 49 TUIR) – LAVORO DIPENDENTE Materiale didattico a cura di Silvio Grosso 2.a VERSIONE aggiornata al 2014 CIOFS FP Piemonte – CFP MARIA MAZZARELLO Torino
  • 2. 2/8 Le detrazioni di imposta (art. 49 TUIR) Generalità Generalità A partire dal 1/1/2007 è vigente la disciplina fiscale delle detrazioni di imposta per lavoratori dipendenti. Dal gennaio 2014 sono state modifica le modalità di calcolo. La detrazione di imposta spettante diminuisce l’imposta lorda unitamente ad altre tipologie di detrazioni e consente di determinare l’imposta netta. La detrazione viene rapportata al periodo lavorato nell’anno.
  • 3. 3/8 Spettanza Le detrazioni di imposta Quando spetta (art. 49 TUIR) Viene disposto che se alla formazione del reddito complessivo concorrono uno o più redditi di lavoro dipendente spetta una detrazione dall’imposta lorda, rapportata al periodo di lavoro nell’anno, pari a quattro possibili casi: CASO A: 1.880 euro se il reddito complessivo non supera 8.000 euro; l’ammontare della detrazione non può essere inferiore a 690 euro; per i rapporti a tempo determinato, l’ammontare della detrazione effettivamente spettante non può essere inferiore a 1.380 euro;
  • 4. 4/8 Spettanza Le detrazioni di imposta Quando spetta (art. 49 TUIR) CCAASSOO BB: 978 euro, aumentata del prodotto tra 902 euro e l’importo corrispondente al rapporto tra 28.000 euro, diminuito del reddito complessivo, e 7.000 euro, se l’ammontare del reddito complessivo è superiore a 8.000 euro ma non a 15.000 euro: 997788 ++ [[990022 xx ((2288..000000 –– RRCC)) :: 2200..000000]] L’importo della parentesi quadra, da aggiungere a euro 978, decresce al crescere del reddito; se il risultato del rapporto è maggiore di zero, lo stesso si assume nelle prime quattro cifre decimali. Gli importi fissati dalla norma di 978 e di 902 euro devono essere rapportati al periodo di lavoro dell’anno. La detrazione spettante ai sensi della lettera C è aumentata di un importo pari a: a)10 euro, se l’ammontare del RC è superiore a 23.000 euro ma non a 24.000 euro; b)20 euro, se l’ammontare del RC è superiore a 24.000 euro ma non a 25.000 euro; c)30 euro, se l’ammontare del RC è superiore a 25.000 euro ma non a 26.000 euro; d)40 euro, se l’ammontare del RC è superiore a 26.000 euro ma non a 27.700 euro; e)25 euro, se l’ammontare del RC è superiore a 27.700 euro ma non a 28.000 euro; In sostanza, per determinare la detrazione spettante occorre prima applicare la formula sopra indicata e poi aggiungere gli importi correttivi. Tali importi devono essere aggiunti alladetrazione effettivamente spettante e devono esser assunti nell’intero ammontare indicato dalla norma senza effettuare alcun ragguaglio al periodo di lavoro nell’anno.
  • 5. 5/8 Spettanza Le detrazioni di imposta Quando spetta (art. 49 TUIR) CCAASSOO CC: 978 euro, se il reddito è superiore a 15.000 euro ma non a 55.000 euro. La detrazione spetta per la parte corrispondente al rapporto tra l’importo di 55.000 euro, diminuito del reddito complessivo, e l’importo di 40.000 euro (art.13, c. 1, TUIR): 997788 xx [[ ((5555..000000 –– RRCC)) :: 2277..000000]] Se l’importo del rapporto indicato dalla norma è maggiore di zero, lo stesso si assume nelle prime quattro cifre decimali. L’importo di 1.338 uero deve essere rapportato al periodi di lavoro nell’anno.
  • 6. 6/8 Spettanza Le detrazioni di imposta Quando spetta (art. 49 TUIR) CCAASSOO DD: 0 euro, se il reddito è superiore a 55.000 euro la detrazione si annulla completamente e non spetta.
  • 7. 7/8 Applicazione Le detrazioni di imposta (art. 49 TUIR) Come si applica la detrazione Modalità di applicazione ddeellllee ddeettrraazziioonnii: Le detrazioni per redditi di lavoro dipendente e assimilati vanno rapportate al periodo di lavoro nell’anno e, relativamente sia ai rapporti di lavoro indeterminato che a quelli a tempo determinato, i giorni per i quali spetta la detrazione coincidono con quelli che hanno dato diritto alla retribuzione che è stata assoggettata a ritenuta. Pertanto, nel numero di giorni relativamente ai quali va calcolata la detrazione si devono in ogni caso comprendere le festività, i riposi settimanali e gli altri giorni non lavorativi, mentre vanno sottratti i giorni per i quali non spetta alcuna retribuzione. Nessuna riduzione delle detrazioni va effettuata in caso di particolari modalità di articolazione dell’orario di lavoro (ad esempio, il part-time orizzontale, verticale o ciclico), nè in caso di giornate di sciopero. Ai fini dell’attribuzione delle detrazioni in parole, l’anno deve essere sempre assunto come composto da 365 giorni, anche quando è bisestile. In presenza di più redditi di lavoro dipendente, nel calcolare il numero dei giorni per i quali spettano le detrazioni, i giorni compresi in periodi contemporanei devono essere computati una sola volta.
  • 8. 8/8 Applicazione Le detrazioni di imposta (art. 49 TUIR) Come si applica la detrazione RReeddddiittii aassssiimmiillaattii: Con riferimento ai redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente possono fruire della detrazione per lavoro dipendente: - i soci di cooperative di produzione e lavoro e delle altre cooperative di cui all’art. 50 c 1 lett. a TUIR - i lavoratori che percepiscono indennità da terzi in relazione a prestazioni rese in connessione alla loro qualità di lavoratori dipendenti - i percettori di borse di studio, di presi o di sussidi corrisposti per fini di studio o di addestramento professionale - i collaboratori coordinati e continuativi - i sacerdoti - i titolari di trattamenti pensionistici erogati dalla previdenza complementare - i lavoratori impiegati in attività socialmente utilli