Your SlideShare is downloading. ×
Silvia Minardi CLIL. (S)PUNTI DI PARTENZA
Silvia Minardi CLIL, (s)punti di partenza
“ views from the field” più lingua la motivazione degli studenti attività autentiche
Alcune domande <ul><li>Quali discipline? </li></ul>Quante ore? Qual è il rapporto tra lingua e contenuti disciplinari? Com...
 
CLIL - definizioni <ul><li>“ termine generico  (che) si riferisce ad una qualsiasi situazione educativa in cui un’altra li...
CLIL - definizioni “ approccio educativo innovativo”
CLIL - definizioni <ul><li>“ più si riflette sul CLIL, più si comprende che non si tratta di sviluppare le abilità linguis...
<ul><li>Il  CLIL  in sei mosse </li></ul>
<ul><li>Il  CLIL  in sei mosse </li></ul><ul><li>PRIMA MOSSA:  </li></ul><ul><li>AMBIENTE DI APPRENDIMENTO DUALE </li></ul>
CLIL: “ambiente di apprendimento duale”
<ul><li>Clil: apprendimento  integrato  di lingua e contenuto in un ambiente duale </li></ul>non si tratta di insegnare in...
La parola agli studenti “ preferisco fare geografia in inglese perché sono più attento ad ogni singola parola ” “ a me pia...
La parola all’esperto   “ ho visto come si possa sviluppare una maggiore concettualizzazione del sapere proposto per mezzo...
<ul><li>Far  ascoltare un testo  e chiedere agli studenti di seguire su una mappa un itinerario turistico   ( inglese )   ...
<ul><li>Come?  </li></ul><ul><li>Studiare una disciplina in lingua straniera significa creare le condizioni per </li></ul>...
<ul><li>Second Language Acquisition </li></ul><ul><li>La focalizzazione è sui  significati  e non sulla forma del messaggi...
<ul><li>Il  CLIL  in sei mosse </li></ul><ul><li>SECONDA MOSSA:  </li></ul><ul><li>CLIL e CURRICOLO (PLURILINGUE) </li></ul>
<ul><li>Il  CLIL  in sei mosse </li></ul><ul><li>SECONDA MOSSA:  </li></ul><ul><li>CLIL e CURRICOLO  (PLURILINGUE) </li></ul>
<ul><li>Il  CLIL  in sei mosse </li></ul>competence performance La lingua o le lingue e le discipline, distinti in superfi...
CLIL: storia http://www.france-allemagne.fr/Le-manuel-d-histoire-franco,1142.html
CLIL: scienze http://gpeano.org/Progetti_ed_attivita'/CLIL/
<ul><li>Il  CLIL  in sei mosse </li></ul><ul><li>TERZA MOSSA:  </li></ul><ul><li>Programmare percorsi CLIL </li></ul>
<ul><li>Il  CLIL  in sei mosse </li></ul><ul><li>TERZA MOSSA:  </li></ul><ul><li>Programmare percorsi CLIL </li></ul>Conte...
esempio On the one hand … on the other hand… Descrivere  analogie e differenze tra cellule Confronti fra cellule This is a...
E la lingua? <ul><li>“ gli alunni che imparano in una lingua diversa dalla propria fanno più cose dal punto di vista cogni...
OPZIONE 1 rendere il compito  concettualmente  più semplice OPZIONE 2 rendere il compito  linguisticamente  più accessibile
contenuto + contenuto - lingua - lingua + 1 2 3 4 Attività CLIL
A  CLIL  LESSON content communication cognition culture
A  CLIL  LESSON: framework tasks for students language identification processing the text identification and organisation ...
<ul><li>Il  CLIL  in sei mosse </li></ul><ul><li>QUARTA MOSSA:  </li></ul><ul><li>Il docente CLIL </li></ul>
c'è un problema! Chi è il docente CLIL? Quali abilità e conoscenze sono necessarie per un CLIL di qualità? Qual è il mio l...
Diversi modi di collaborazione   team teaching
<ul><li>Il  CLIL  in sei mosse </li></ul><ul><li>QUINTA MOSSA:  </li></ul><ul><li>La valutazione in CLIL </li></ul>
<ul><li>La valutazione della lingua deve essere fatta insieme ai contenuti </li></ul><ul><li>Qual è il “peso” della lingua...
Strumenti - modello di SHORT (1993) <ul><li>Problem solving : gli studenti mostrano l’abilità a risolvere dei problemi (di...
Quali attività di verifica <ul><li>Task </li></ul><ul><li>Cloze </li></ul><ul><li>Abbinamento  </li></ul>
<ul><li>Il  CLIL  in sei mosse </li></ul><ul><li>SESTA MOSSA: reti CLIL </li></ul>
Reti CLIL <ul><li>The CLIL Consortium </li></ul><ul><li>CLILCOM Virtual Learning Environment (VLE) </li></ul><ul><li>CLIL ...
 
 
presentazione su www.slideshare.net/silviaminardi grazie!
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

2010 clil spunti_partenza

5,188

Published on

a presentation to be used as an introduction to CLIL methodology

Published in: Education, Technology
0 Comments
4 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
5,188
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
3
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
4
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Transcript of "2010 clil spunti_partenza"

  1. 1. Silvia Minardi CLIL. (S)PUNTI DI PARTENZA
  2. 2. Silvia Minardi CLIL, (s)punti di partenza
  3. 3. “ views from the field” più lingua la motivazione degli studenti attività autentiche
  4. 4. Alcune domande <ul><li>Quali discipline? </li></ul>Quante ore? Qual è il rapporto tra lingua e contenuti disciplinari? Come progettare percorsi CLIL? Quale metodologia? Come valutare? Quali insegnanti? Quali materiali?
  5. 6. CLIL - definizioni <ul><li>“ termine generico (che) si riferisce ad una qualsiasi situazione educativa in cui un’altra lingua […] viene usata per l’insegnamento e l’apprendimento di materie scolastiche diverse dalla lingua stessa.” </li></ul><ul><li>(Marsh, Langé - 2000) </li></ul>
  6. 7. CLIL - definizioni “ approccio educativo innovativo”
  7. 8. CLIL - definizioni <ul><li>“ più si riflette sul CLIL, più si comprende che non si tratta di sviluppare le abilità linguistiche e comunicative degli studenti. Si tratta di sviluppare un approccio educativo innovativo per la nuova società della conoscenza in cui viviamo e lavoriamo. Il CLIL riguarda l’educazione. […] si tratta di apprendere per costruzione piuttosto che per istruzione e ciò che sta succedendo nel CLIL si espanderà anche ad altre aree educative.” </li></ul><ul><li>(Marsh, 2007) </li></ul>
  8. 9. <ul><li>Il CLIL in sei mosse </li></ul>
  9. 10. <ul><li>Il CLIL in sei mosse </li></ul><ul><li>PRIMA MOSSA: </li></ul><ul><li>AMBIENTE DI APPRENDIMENTO DUALE </li></ul>
  10. 11. CLIL: “ambiente di apprendimento duale”
  11. 12. <ul><li>Clil: apprendimento integrato di lingua e contenuto in un ambiente duale </li></ul>non si tratta di insegnare in una lingua straniera a studenti che sono già ad un ottimo livello di competenza, ma che stanno imparando la lingua mentre imparano i contenuti.
  12. 13. La parola agli studenti “ preferisco fare geografia in inglese perché sono più attento ad ogni singola parola ” “ a me piace molto di più fare scienze in inglese che in modo tradizionale perché in inglese imparo nuovi vocaboli, ma soprattutto mi ricordo meglio i procedimenti ”
  13. 14. La parola all’esperto “ ho visto come si possa sviluppare una maggiore concettualizzazione del sapere proposto per mezzo di un fattore che si può descrivere come il fattore della defamiliarizzazione . … Molto spesso nei contesti scolastici, con riferimento a concetti scientifici, incontriamo un linguaggio che in contesti quotidiani abbiamo già incontrato. Si tratta di un linguaggio familiare: nel contesto quotidiano “energia” e “forza” molto spesso sono praticamente sinonimi; “sviluppare” e “crescere” sono, direi, quasi esattamente sinonimi. In botanica “sviluppare” è una cosa e “crescere” è un’altra cosa; in fisica ovviamente “energia” e “forza” sono due cose ben diverse. Molto spesso lavorare su concetti di questo tipo in una seconda o addirittura in una terza lingua permette un processo di defamiliarizzazione per cui non è più possibile scambiare il riconoscimento di una parola familiare per la concettualizzazione di un sapere. Lavorare in più lingue defamiliarizza il linguaggio e permette di approfondire maggiormente la concettualizzazione .” (Martin Dodman, 2006)
  14. 15. <ul><li>Far ascoltare un testo e chiedere agli studenti di seguire su una mappa un itinerario turistico ( inglese ) </li></ul><ul><li>Vedere e commentare un documentario su uno dei castelli di Ludwig II, re di Baviera ( tedesco ) </li></ul><ul><li>Leggere e discutere con gli studenti un articolo relativo all’andamento delle Borse ( francese ) </li></ul>CLIL è una lezione di materia in lingua straniera e non una lezione di lingua basata su un contenuto
  15. 16. <ul><li>Come? </li></ul><ul><li>Studiare una disciplina in lingua straniera significa creare le condizioni per </li></ul><ul><li>focalizzare sia la lingua che il contenuto </li></ul><ul><li>porre l’accento più sui significati che sulle strutture </li></ul><ul><li>introdurre un concetto pragmatico di lingua, favorendo un processo più simile all’ acquisizione che all’apprendimento </li></ul>
  16. 17. <ul><li>Second Language Acquisition </li></ul><ul><li>La focalizzazione è sui significati e non sulla forma del messaggio </li></ul><ul><li>La centralità dell’ input </li></ul><ul><li>L’attenzione alle forme di interlingua </li></ul>
  17. 18. <ul><li>Il CLIL in sei mosse </li></ul><ul><li>SECONDA MOSSA: </li></ul><ul><li>CLIL e CURRICOLO (PLURILINGUE) </li></ul>
  18. 19. <ul><li>Il CLIL in sei mosse </li></ul><ul><li>SECONDA MOSSA: </li></ul><ul><li>CLIL e CURRICOLO (PLURILINGUE) </li></ul>
  19. 20. <ul><li>Il CLIL in sei mosse </li></ul>competence performance La lingua o le lingue e le discipline, distinti in superficie, provengono in realtà da processi cognitivi comuni. La pratica didattica che istituzionalmente tende a tenerli separati in “materie” specifiche, sarà tanto più efficace quanto riuscirà a ricomporli in saperi e competenze comuni
  20. 21. CLIL: storia http://www.france-allemagne.fr/Le-manuel-d-histoire-franco,1142.html
  21. 22. CLIL: scienze http://gpeano.org/Progetti_ed_attivita'/CLIL/
  22. 23. <ul><li>Il CLIL in sei mosse </li></ul><ul><li>TERZA MOSSA: </li></ul><ul><li>Programmare percorsi CLIL </li></ul>
  23. 24. <ul><li>Il CLIL in sei mosse </li></ul><ul><li>TERZA MOSSA: </li></ul><ul><li>Programmare percorsi CLIL </li></ul>Contenuto : cosa impareranno gli alunni? Obiettivi : cosa gli alunni dovranno essere capaci di fare alla fine del percorso e nelle diverse tappe? Bisogni linguistici : quale lessico, quali strutture linguistiche, quali forme testuali? <ul><li>Argomento/i </li></ul><ul><li>Competenze </li></ul><ul><li>Lingua </li></ul>
  24. 25. esempio On the one hand … on the other hand… Descrivere analogie e differenze tra cellule Confronti fra cellule This is a… It is found … Descrivere la localizzazione delle cellule Localizzazione delle cellule This is a… It carries out the function of… Spiegare la funzione delle cellule Funzione delle cellule This is a … cell It is made up of … Spiegare la struttura della cellula Struttura delle cellule This is a … It has … Identificare parti delle cellule animali Cellule animali e vegetali Lingua: INGLESE (lessico, strutture linguistiche, forme testuali…) Competenze (saper fare) Disciplina: SCIENZE Argomento / sottoargomenti
  25. 26. E la lingua? <ul><li>“ gli alunni che imparano in una lingua diversa dalla propria fanno più cose dal punto di vista cognitivo rispetto a quelle che fanno quando imparano nella loro lingua madre” </li></ul><ul><li>“ […] non possono portare a termine alcuni compiti senza aiuto” (John Clegg) </li></ul>
  26. 27. OPZIONE 1 rendere il compito concettualmente più semplice OPZIONE 2 rendere il compito linguisticamente più accessibile
  27. 28. contenuto + contenuto - lingua - lingua + 1 2 3 4 Attività CLIL
  28. 29. A CLIL LESSON content communication cognition culture
  29. 30. A CLIL LESSON: framework tasks for students language identification processing the text identification and organisation of knowledge
  30. 31. <ul><li>Il CLIL in sei mosse </li></ul><ul><li>QUARTA MOSSA: </li></ul><ul><li>Il docente CLIL </li></ul>
  31. 32. c'è un problema! Chi è il docente CLIL? Quali abilità e conoscenze sono necessarie per un CLIL di qualità? Qual è il mio livello di preparazione rispetto all’insegnamento attraverso il CLIL? “ In modo specifico il docente CLIL: a. conosce la lingua e i contenuti e ne favorisce l’uso; b. sa valutare, adattare, usare i materiali didattici offerti dal mercato editoriale c. sa creare materiale didattico d. sa giustificare glottodidatticamente le operazioni che ha fatto e. sa proporre diverse attività in base alle esigenze degli studenti, usando una metodologia adeguata ed efficace, (per esempio, limitare i momenti della lezione frontale, favorire il lavoro a coppie o a gruppi, favorire le tecniche dell’apprendimento cooperativo, ecc.); f. sa valutare apprendimenti e competenze CLIL, progetti e percorsi CLIL anche attraverso il monitoraggio e la ricerca- azione.” (Serraggiotto, 2006)
  32. 33. Diversi modi di collaborazione team teaching
  33. 34. <ul><li>Il CLIL in sei mosse </li></ul><ul><li>QUINTA MOSSA: </li></ul><ul><li>La valutazione in CLIL </li></ul>
  34. 35. <ul><li>La valutazione della lingua deve essere fatta insieme ai contenuti </li></ul><ul><li>Qual è il “peso” della lingua? </li></ul><ul><li>La risposta tiene conto: </li></ul><ul><li>degli obiettivi prefissati, </li></ul><ul><li>delle mete generali contenute nel curriculo, </li></ul><ul><li>delle modalità usate durante le lezioni, </li></ul><ul><li>dell’alternanza della lingua straniera e della lingua madre nel percorso CLIL. </li></ul>
  35. 36. Strumenti - modello di SHORT (1993) <ul><li>Problem solving : gli studenti mostrano l’abilità a risolvere dei problemi (disegnare diagrammi, dividere, classificare ecc. ) </li></ul><ul><li>Conoscenza dei contenuti : gli studenti devono dimostrare delle abilità legate ai contenuti (bilanciare una equazione chimica, identificare gli elementi di una cella, ecc.) </li></ul><ul><li>Elaborazione di concetti : gli studenti mostrano di capire dei concetti che riguardano il contenuto e quando e dove applicare questa conoscenza (distinguere tra area e perimetro, rappresentare graficamente le informazioni, ecc.) </li></ul><ul><li>Uso della lingua : gli studenti vengono testati sulle loro abilità ad usare la lingua accademica (usare vocabolario tecnico, riconoscere i termini simili, ecc.) </li></ul><ul><li>Capacità di comunicazione : gli studenti devono essere in grado di dare informazioni sul lavoro fatto e sull’argomento svolto (spiegare i passi che vengono intrapresi in un esperimento, condividere le idee, giustificare le opinioni, ecc.) </li></ul><ul><li>Comportamento individuale : gli studenti conducono e portano avanti il loro lavoro (portare avanti un task, cercare un argomento, ecc.) </li></ul><ul><li>Comportamento di gruppo : gli studenti dimostrano delle abilità comunicative e sociali e completano task di gruppo (lavorare in modo collaborativo in gruppo, spiegare agli altri ecc.) </li></ul><ul><li>Atteggiamento/attitudine : l’atteggiamento/attitudine degli studenti verso la materia è oggetto di verifica (trovarsi a proprio agio, mostrare confidenza, ecc.) </li></ul>
  36. 37. Quali attività di verifica <ul><li>Task </li></ul><ul><li>Cloze </li></ul><ul><li>Abbinamento </li></ul>
  37. 38. <ul><li>Il CLIL in sei mosse </li></ul><ul><li>SESTA MOSSA: reti CLIL </li></ul>
  38. 39. Reti CLIL <ul><li>The CLIL Consortium </li></ul><ul><li>CLILCOM Virtual Learning Environment (VLE) </li></ul><ul><li>CLIL Matrix </li></ul><ul><li>CLIL Compendium </li></ul><ul><li>Tie-CLIL </li></ul><ul><li>CLIL Cascade Network </li></ul><ul><li>Euroclic </li></ul>
  39. 42. presentazione su www.slideshare.net/silviaminardi grazie!

×