La fotografia come arteUtilizzo consapevole del mezzo fotografico
“La fotografia come strumento espressivo,come sintesi di unemozione, come superficie piatta sulla quale si traducono i senti...
•   Come nasce la fotografia?•   Come entra nel panorama dell’arte contemporanea?•   Cosa significa la parola “stile”? Come ...
L’obiettivo principale è quello di divertirsiutilizzando e riscoprendo il nostro amore ed interesse per la                ...
EmozionareEmozionandosi
“L’arteoltrepassa i limiti nei quali          il tempo  vorrebbe comprimerla,   e indica il contenuto       del futuro...”...
"Uno dei compiti principali dellarte     è sempre stato quello di         creare esigenze         che al momento  non è in...
LINGUAGGIO FOTOGRAFICOPer la sua natura, la fotografia è strumento o oggetto di studio dell’antropologia e della sociologia...
CREARE UN PROPRIO DIZIONARIO               con il quale iniziare a scrivere e a comunicare.Far si che sia un linguaggio co...
Fotografia=φως γραφιςLa parola ha origine da due parole greche:φως [phos] (”luce"),e γραφις [graphis] (”scrivere”)Letteralm...
Usi della fotografiaLa fotografia può essere classificata come tecnologia di confezionamento diimmagini attraendo l’interesse...
Fotografia come arteL’uomo ha sempre tentato di ritrarre o di fissare i movimenti del mondo, cominciando dai disegni preisto...
Nella fotografia si incontrano l’assenza , il ricordo, la separazione di ciò che siama, delle persone care, gioie dolori......
Secondo alucuni sociologi, questi elementi sono:-il fotografo come agente-il fotografo, la macchina fotografica e il mondo,...
È nella ripresa fotografica che una persona ricerca le emozioni, qualcosa che prima nonaveva sentito.La fotografia è capace ...
Il fotogrfafo lancia il suo sguardo su di un argomento, e comincia a fotografaresecondo al suo punto di vista.L’oggetto , ...
Barthes osserva ancora che la presenza di due elemanti nella fotografia:ciò che il fotografo vuole trasmettere è chiamato S...
Riconoscere lo STUDIUM vuol dire scontrarsi ed incontrarsi con le intenzioni delfotografo, entrare in armonia con esse, ap...
Per mezzo della fotografia si scopre la capacità di avere differenti livelli di emozioniche stanno nascosti nella memoria.S...
Noi diventiamo il filtro della realtà, i nostri occhi, il nostro cuore, quindi lanostra mente, si uniscono, per dare vita a...
Le immagini apparentemente sono silenziose,           ma sempre provocano               e ti conducono       in una serie ...
Arte e FotografiaLa fotografia è presente in tutti gli aspetti della nostra cultura visiva.Eppure, se proviamo a citare diec...
Altrettanto variegate sono le espressioni della fotografia nell’arte, proposte daautori che coprono un ampio spettro di ido...
Nel corso degli ultimi trent’anni l’arte è diventata sempre più fotografica.  Perchè affermiamo questo e non che è stata pi...
diamo un rapido sguardo al passato per scoprire o ripassare insieme come è nata lafotografia per arrivare ai giorni nostri,...
Come nasce la Fotografia?• Chalon sur Saonne, Francia, estate dellanno 1826. Questa è la prima fotografia della storia dellu...
• Nel 1835 Daguerre con l’aiuto delle scoperte fatte da Niepce sviluppò una tecnica  utilizzando sali all’alogenuro d’arge...
Alternative nate in contemporanea alla nascita                                  ufficiale della fotografia:-William Fox Talb...
Sir John Herschel,alloscuro delle sperimentazioni deicolleghi, utilizzò i sali dargento ma, graziealle precedenti esperien...
in principio era l’oscurità poi venne la Luce!!!
Dalla Pop Art all’Arte ConcettualeAl di fuori della Pop Art, cresceva l’interesse verso la capacità “evidenziale” che lafo...
L’Arte Concettuale si traduce in una pratica cerebrale, teorica e politica, volta ascandagliare la natura della comunicazi...
IL CONCEPTè la base della proposta creativa,è LA TUA IDEA,è quel sottile “fil rouge” che tiene legate le nostre foto l’una ...
CONSIGLI PRATICI-Attraverso l’osservazione e l’analisi critica delle proprie fotografie, definire gli obiettivi che sideside...
Ricapitolando:per realizzare un progetto fotografico è fondamentale:-Avere sviluppato un proprio linguaggio fotografico (il ...
Devo sempre essere in grado di giustificare le scelte che faccio,poichè ogni scelta che faccio verrà considerata una scelta...
Strumenti fondamentali per la realizzazione di un                 progetto:- l’utilizzo della tecnica per la realizzazione...
Questi gli strumenti per me fondamentali quando parto per un viaggio, dove ancora  non so bene cosa e come svilupperò il m...
La borsa: quanto più distante è il viaggio tanto più attrezzatura mi porto.
scelta dell’attrezzaturaPartiamo dal presupposto che ognuno deve scegliere il mezzo fotografico che più gli si confaccia,  ...
La mia attrezzatura:-fotocamera reflex digitale-fotocamera compatta digitale-fotocamera di tipo polaroid-fotocamera a pelli...
prima penso e poi scatto
decido come e perchè voglio realizzare delle immagini
scrivo il mio concept
sul mio taccuino faccio alcuni schizzi di come visualizzo l’immagine che                            vorrei realizzare
automanticamente capirò che il mezzo che ho scelto è quello migliore
devo fidarmi del mio intuito
voglio emozionarmi
solo così riuscirò a trasmettere le mie emozioni a chi vedrà                        le mie immagini
in questa lezione vi voglio illustrare qual’è stato il mio processo creativo, qual’è                              tutt’ogg...
come nasce e come si sviluppa
nasce da un’intuizione
a Sarajevo nel 2006, quando ancora ero una studente.     Decido di fotografare gli adolescenti, perchè mi incuriosiscono, ...
il concept in questo caso sono le mine antiuomo, e tutte le conseguenze che ne                    derivano: dunque crescer...
successivamente a questo progetto, decido che la mia ricerca doveva dunqueincentrarsi sugli adolescenti, su quella fase de...
decido dunque di mixare più media, per raccontare più emozioni diverse, un po’come in quella fase della nostra vita, come ...
insomma una vera e propria indagine, sociale, emozionale da sintetizzare in                               immagini.
decido dunque di andare oltre, di capire come rendere più movimentate le mieimmagini unendo un forte spirito documentarist...
Passeggiando per le strade di Madrid, mi rendo conto che la gente soffre, che corre                       veloce e che non...
nascono le basi per Flying Away
ma ovviamente io ancora non lo so
decido di percorrere la linea della metropolitana più lunga che c’è a Madrid e ad ogni fermata chiedere alle persone di so...
Continuo ad indagare... e qualche mese dopo parto per il Brasile
qui frequento realtà molto diverse e molto forti da quelle che conoscevo
voglio fare qualcosa di diverso ma ancora non so bene cosa, voglio poter aiutare   quei bambini che vivono nelle favelas, ...
parlando con il mio curatore mi ricordo del tappeto volante iniziato a Madrid e lo  pensiamo come concept per un altro lav...
decido di comprare un tappeto volante , mi invento una storia che piaccia ai bambini                                e volo...
“C’erano una volta un mago ed un bambino molto povero.            Quando il mago incontrò il bambino, gli svelò un segreto...
Questa era la storia che raccontavo ai bambini che andavo a trovare nelle favelasdi Palhoça, a Florianopolis nel sud del B...
il concept qui è il riuscire a regalare a questi bambini un sogno e a condividerlo con                                    ...
questo nuovo connubio tra arte e solidarietà mi incuriosisce sempre di più
e grazie al mio curatore, raggiungo una ONG che lavora a Salvador de Bahiache mi permette di entrare nei carceri minorili ...
qui, sento che il mio progetto sta prendendo dunque la forma giusta,     la privazione della libertà rende flying away un p...
dunque capiamo quanto lungo possa essere un processo creativo e quanti anni ci     possano andare per scoprire che senso h...
vi allego due ricette fondamentali per lavorare meglio,    essere creativi produttivi e vivere anche meglio.
COME LAVORARE MEGLIO: 1- fai una cosa per volta 2- conosci il problema 3- impara ad ascoltare 4- impara a fare domande 5- ...
RICETTA PER UNA LUNGA EMIGLIORE VITA1- Non abituarsi mai a nulla2- tieni vivo il bambino che c’è in te3- mantieni la tua c...
e poi non dimenticate di divertirvi, di non pensare mai che la fotografia come arte                      possa essere un la...
...se credi in te stesso, gli altri ti seguiranno...                                      (proverbio cinese)
buon lavoro!
www.elenagivone.com
Elena Givone presents: Creation and design, an approach to creative process
Elena Givone presents: Creation and design, an approach to creative process
Elena Givone presents: Creation and design, an approach to creative process
Elena Givone presents: Creation and design, an approach to creative process
Elena Givone presents: Creation and design, an approach to creative process
Elena Givone presents: Creation and design, an approach to creative process
Elena Givone presents: Creation and design, an approach to creative process
Elena Givone presents: Creation and design, an approach to creative process
Elena Givone presents: Creation and design, an approach to creative process
Elena Givone presents: Creation and design, an approach to creative process
Elena Givone presents: Creation and design, an approach to creative process
Elena Givone presents: Creation and design, an approach to creative process
Elena Givone presents: Creation and design, an approach to creative process
Elena Givone presents: Creation and design, an approach to creative process
Elena Givone presents: Creation and design, an approach to creative process
Elena Givone presents: Creation and design, an approach to creative process
Elena Givone presents: Creation and design, an approach to creative process
Elena Givone presents: Creation and design, an approach to creative process
Elena Givone presents: Creation and design, an approach to creative process
Elena Givone presents: Creation and design, an approach to creative process
Elena Givone presents: Creation and design, an approach to creative process
Elena Givone presents: Creation and design, an approach to creative process
Elena Givone presents: Creation and design, an approach to creative process
Elena Givone presents: Creation and design, an approach to creative process
Elena Givone presents: Creation and design, an approach to creative process
Elena Givone presents: Creation and design, an approach to creative process
Elena Givone presents: Creation and design, an approach to creative process
Elena Givone presents: Creation and design, an approach to creative process
Elena Givone presents: Creation and design, an approach to creative process
Elena Givone presents: Creation and design, an approach to creative process
Elena Givone presents: Creation and design, an approach to creative process
Elena Givone presents: Creation and design, an approach to creative process
Elena Givone presents: Creation and design, an approach to creative process
Elena Givone presents: Creation and design, an approach to creative process
Elena Givone presents: Creation and design, an approach to creative process
Elena Givone presents: Creation and design, an approach to creative process
Elena Givone presents: Creation and design, an approach to creative process
Elena Givone presents: Creation and design, an approach to creative process
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Elena Givone presents: Creation and design, an approach to creative process

1,271 views

Published on

https://www.facebook.com/ManfrottoSoX

Published in: Art & Photos
0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
1,271
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
3
Actions
Shares
0
Downloads
38
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Elena Givone presents: Creation and design, an approach to creative process

  1. 1. La fotografia come arteUtilizzo consapevole del mezzo fotografico
  2. 2. “La fotografia come strumento espressivo,come sintesi di unemozione, come superficie piatta sulla quale si traducono i sentimenti. Specchio della realtà, filtrata dagli occhi dal cuore e dallanima: scritta con la luce. Poesia impalpabile...” Elena Givone
  3. 3. • Come nasce la fotografia?• Come entra nel panorama dell’arte contemporanea?• Cosa significa la parola “stile”? Come nasce?• Cosa significa avere un “concept”?• Il linguaggio fotografico come nasce?
  4. 4. L’obiettivo principale è quello di divertirsiutilizzando e riscoprendo il nostro amore ed interesse per la fotografia.
  5. 5. EmozionareEmozionandosi
  6. 6. “L’arteoltrepassa i limiti nei quali il tempo vorrebbe comprimerla, e indica il contenuto del futuro...” Vasilij Vasilevič Kandinskij ( Punto, Linea e superficie).
  7. 7. "Uno dei compiti principali dellarte è sempre stato quello di creare esigenze che al momento non è in grado di soddisfare." W. Benjamin
  8. 8. LINGUAGGIO FOTOGRAFICOPer la sua natura, la fotografia è strumento o oggetto di studio dell’antropologia e della sociologia visuale, in quantorappresentazione iconografica. (letture consigliate per chi non l’avesse mai fatto: “la camera chiara” di Roland Barthes e“sulla fotografia” di Susan Sontag)L’ICONA, come la definisce Charles Sanders Peirce, significa rappresentazione attraverso un’immagine.Secondo Roland Barthes visto che la fotografia è un’immagine, lei possiede un linguaggio CONNOTATIVO ed unoDENOTATIVO.IL LINGUAGGIO DENOTATIVO viene rappresentato da tutto quello che si vede nella fotografia, tutto ciò che èevidente.IL LINGUAGGIO CONNOTATIVO invece rappresenta le informazioni implicite nella fotografia.L’inquadratura della foto, il posizionamento della fotocamera, la scelta delle luci, più in alto o più in basso , dando un sensodi superiorità o inferiorità: tutto ciò si tratta di informazioni CONNOTATIVE della fotografia, che generalmente rivelanoil bagaglio sociale e culturale proprio del fotografo e del suo studio.
  9. 9. CREARE UN PROPRIO DIZIONARIO con il quale iniziare a scrivere e a comunicare.Far si che sia un linguaggio comprensibile vuol dire che devo scrivere con un linguaggio il più possibile omogeneo
  10. 10. Fotografia=φως γραφιςLa parola ha origine da due parole greche:φως [phos] (”luce"),e γραφις [graphis] (”scrivere”)Letteralmente quindi fotografiasignifica scrivere (grafia) con la luce (fotos) Superfície opaca riflette la luce in forma diffusa
  11. 11. Usi della fotografiaLa fotografia può essere classificata come tecnologia di confezionamento diimmagini attraendo l’interesse degli scienziati e degli artisti fin dal sua primacomparsa.Gli scienziati, usarono le sue capacità per fare registrazioni precise, come adesempio Edwards Muybridge nel 1887 nel suo studio della locomozione umana edanimale.Gli artisti ugualmente si interessarono a questo aspetto, ed anche tentarono diesplorarne altri a prescindere dalla rappresentazione fotomeccanica della realtà.
  12. 12. Fotografia come arteL’uomo ha sempre tentato di ritrarre o di fissare i movimenti del mondo, cominciando dai disegni preistoricidegli uomini nelle caverne, passando alla pittura su tela ed alla scultura ,arrivando infine alla fotografia.In accordo con Roland Barthes, molte persone non considerano la fotografia come arte, a causa del suo esserefacilmente riprodotta, ma la sua vera anima sta nell’interpretare la realtà, non appena viene scattata.In essa vi sono una serie di simboli organizzati per l’artista e per il fruitore che interpreta a suo piacimento ecompleta con più simboli il suo repertorio. FARE FOTOGRAFIE, NON È SOLO SCHIACCIARE IL BOTTONE. BISOGNA AVERE SENSIBILITÁ , REGISTRANDO UN MOMENTO UNICO E SINGOLARE. IL FOTOGRAFO RICREA IL MONDO ESTERNO ATTRAVERSO LA REALITÁ ESTETICA.In un mondo dominato dalla comunicazione visiva, la fotografia viene ad accrescere il nostro patrimonio, puòessere o non essere arte, tutto dipende dal contesto, dal momento, dalle icone presenti nell’immagine.Tocca allo spettatore interpretare l’immagine, accrescere con lei il suo repertorio e sentimento.
  13. 13. Nella fotografia si incontrano l’assenza , il ricordo, la separazione di ciò che siama, delle persone care, gioie dolori....Per alcune persone fotografare significa imitare o copiare qualcosa che giàesiste, per alcune significa rappresentare la realtà, per altre semplicementeprolungare quel momento all’infinito.La fotografia cattura un istante , lo mette in evidenza e non smette di averetrasformazioni.Guardando una fotografia è importante valorizzare il salto tra il momento chel’oggetto fu fotografato ed il presente che si contempla l’immagine, osservarecome la fotografia possa registrare per sempre momenti storici e sociologici.
  14. 14. Secondo alucuni sociologi, questi elementi sono:-il fotografo come agente-il fotografo, la macchina fotografica e il mondo, ovvero, l’atto fotografico in se, e lafenomenologia di questo atto;- la macchina fotografica come mezzo, e la fotografia in se stessa come oggetto;- la relazione della fotografia con il referente;- la distribuzione fotografica, quindi la sua riproduzione:- la ricezione della foto , dal fruitore, quindi l’atto dell’osservarla.
  15. 15. È nella ripresa fotografica che una persona ricerca le emozioni, qualcosa che prima nonaveva sentito.La fotografia è capace di ferire, di commuovere o di animare una persona.Per ognuno offre un tipo di sentimento.Nella composizione del significato della foto secondo Barthes vi sono 3 fattori principali:il fotografo (operatore)l’oggetto (spectrum)l’osservatore (spettatore)
  16. 16. Il fotogrfafo lancia il suo sguardo su di un argomento, e comincia a fotografaresecondo al suo punto di vista.L’oggetto , quindi il modello, si modifica di fronte di una lente, simulando cose chenon è.Nel caso dell’osservatore, lui genera un campo di significati, utilizzando tutto ilsuo repertorio e alterando ancora una volta l’immagine.
  17. 17. Barthes osserva ancora che la presenza di due elemanti nella fotografia:ciò che il fotografo vuole trasmettere è chiamato STUDIUM, ossia ciòche è intenzionale.Già quando vi è un dettaglio che non fu pre-costruito dall’autore, riceve il nomedi PUNCTUM.Quest’ultimo genera un altro significato per l’osservatore, che lo filtra e lo mixacon la sua interpretazione.
  18. 18. Riconoscere lo STUDIUM vuol dire scontrarsi ed incontrarsi con le intenzioni delfotografo, entrare in armonia con esse, approvarle, mettere in discussione i propri filtri :uno scontro tra produttore e consumatore.Il PUNTCTUM non sei tu che vai a cercarlo , talvolta, è lui che viene a cercare te, come unafreccia, che viene e ti trafigge.
  19. 19. Per mezzo della fotografia si scopre la capacità di avere differenti livelli di emozioniche stanno nascosti nella memoria.Si possono anche scoprire nuovi significati in quei momenti che non erano espliciti,nuovi lati oscuri , o significati più reconditi, nascosti dentro alla realtà e dentro di noi.
  20. 20. Noi diventiamo il filtro della realtà, i nostri occhi, il nostro cuore, quindi lanostra mente, si uniscono, per dare vita ad un’emozione tradotta su di unasuperficie piatta.
  21. 21. Le immagini apparentemente sono silenziose, ma sempre provocano e ti conducono in una serie di discorsi infiniti intorno a loro....
  22. 22. Arte e FotografiaLa fotografia è presente in tutti gli aspetti della nostra cultura visiva.Eppure, se proviamo a citare dieci fotografi a caso, è probabile che abbiano ben poco in comune. Non molto, infatti, accomuna l’immaginario fotografico del giornalismo, della moda, del sistema legale, dell’architettura, della pubblicità, della medicina, della geografia, dell’antropologia, dell’industria cinematografica, dei fotografi dilettanti e così via.
  23. 23. Altrettanto variegate sono le espressioni della fotografia nell’arte, proposte daautori che coprono un ampio spettro di idoneità artistiche:- i “fotografi d’arte”- gli “artisti”- gli “artisti fotografi”- gli “artisti che fanno uso della fotografia”- i “fotografi”.Non andremo a perderci in pedanti classificazioni, ma bensì ad indagare le molteplicisensibilità che accompagnano la fotografia nelle sue applicazioni artistiche.Per riscoprire come costruire un nostro linguaggio, accompagnandolo ad uno “stile”fotografico e dunque alla realizzazione di un concept.
  24. 24. Nel corso degli ultimi trent’anni l’arte è diventata sempre più fotografica. Perchè affermiamo questo e non che è stata piuttosto la fotografia ad avvicinarsi all’arte?Perchè ciò equivarrebbe a postulare la natura unitaria del mezzo mentre in realtà èl’arte ad essersi appropriata della fotografia secondo modalità e per ragioni diverse, non certo riconoscendola come mezzo specifico dalle credenziali altrettanto specifiche. La fotografia come ben sappiamo nasce in Francia nel 1859.
  25. 25. diamo un rapido sguardo al passato per scoprire o ripassare insieme come è nata lafotografia per arrivare ai giorni nostri, alla tecnologia, al consumo e alla produzione rapida delle immagini. Questo tuffo nel passato ci aiuterà a comprendere come far fronte a tutti glistrumenti che abbiamo a disposizione oggi, a capire quali utilizzare sperimentando il più possibile, ma soprattutto a non avere mai paure ne certezze.
  26. 26. Come nasce la Fotografia?• Chalon sur Saonne, Francia, estate dellanno 1826. Questa è la prima fotografia della storia dellumanità. Nicéphore Niepce la ottenne cospargendo di bitume di giudea una lastra di peltro per eliografia. Essa ritrae il cortile della sua casa visto dalla finestra della sua stanza. Il tempo di esposizione era incredibilmente lungo: 8 ore! Il risultato della lunga posa è visibile anche dalla luce del sole che illumina le facciate delle case sia di sinistra che di destra. Oggi limmagine è conservata presso lUniversità del Texas ad Austin (USA).
  27. 27. • Nel 1835 Daguerre con l’aiuto delle scoperte fatte da Niepce sviluppò una tecnica utilizzando sali all’alogenuro d’argento su di una lastra di metallo, chiamato : daguerreotipo. Daguerre era un impresario teatrale, specializzato nel diorama, attraverso il quale si mettevano in scena delle proiezioni di immagini dipinte. Nel gennaio del 1939, le modifiche che Daguerre aveva apportato alla scoperta di Niepce, ormai defunto, erano mature, e venne contattato direttamente dallo Stato Francese che proponeva l’acquisto della scoperta. Il procedimento venne reso pubblico il 19 agosto 1839, quando, in una riunione dellAccademia delle Scienze e dellAccademia delle Belle arti, venne presentato nei particolari tecnici allassemblea e alla folla radunatesi allesterno. Aragò descrisse la storia e la tecnica legata al dagherrotipo, inoltre presentò una relazione del pittore Paul Delaroche, in cui furono esaltati i minuziosi dettagli dellimmagine e dove si affermò che gli artisti e gli incisori non erano minacciati dalla fotografia, anzi potevano utilizzare il nuovo mezzo per lo studio e lanalisi delle vedute.
  28. 28. Alternative nate in contemporanea alla nascita ufficiale della fotografia:-William Fox Talbot, si affrettò a rendere pubbliche la suescoperte, documentando esperimenti risalenti al 1835.Si trattava di un foglio di carta immerso in sale da cucina enitrato dargento, asciugato e coperto con piccoli oggetticome foglie, piume o pizzo, quindi esposto alla luce. Sulfoglio di carta compariva il negativo delloggetto che il 28febbraio 1835 Talbot intuì come trasformare in positivoutilizzando un secondo foglio in trasparenza. Utilizzò una forte soluzione di sale o di ioduro dipotassio che rendeva meno sensibili gli elementi dargentoper rallentare il processo di dissoluzione dellimmagine.Insomma Talbot aveva inventato il CALOTIPO, o meglio ilnostro amato negativo in bianco e nero, ma ancora nonaveva scoperto il modo di fissarlo.
  29. 29. Sir John Herschel,alloscuro delle sperimentazioni deicolleghi, utilizzò i sali dargento ma, graziealle precedenti esperienze con liposolfitodi sodio che si accorse scioglierelargento, ottenne un fissaggio miglioreproprio utilizzando questa sostanza. Neparlò a Talbot e insieme pubblicarono lascoperta che venne subito adottata anche Herschel By M. Cameron William Henry Fox Talbotda Daguerre. La sostanza cambiò inseguito nome in tiosolfato di sodio, anchese rimase conosciuta come iposolfito. AdHerschel venne attribuita anchelintroduzione dei termini fotografia,negativo e positivo. Louis Daguerre Louis Nicephor Niepce
  30. 30. in principio era l’oscurità poi venne la Luce!!!
  31. 31. Dalla Pop Art all’Arte ConcettualeAl di fuori della Pop Art, cresceva l’interesse verso la capacità “evidenziale” che lafotografia aveva accumulato nel corso del secolo precedente, ponendosi al servizio dellascienza, della legge, dell’informazione e di altri settori istituzionali.Gli artisti negli anni 60 iniziano ad abbracciare appieno la fotografia come mezzoespressivo, come la sintesi e la rappresentazione perfetta, ma forse più significativo per ifuturi rapporti tra fotografia e arte è invece l’Arte Concettuale, termine coniato aposteriori per un’arte che vuole mettere al primo posto le idee, l’indagine e ledefinizioni .
  32. 32. L’Arte Concettuale si traduce in una pratica cerebrale, teorica e politica, volta ascandagliare la natura della comunicazione, dell’arte e degli artisti ma anche capace di sbarazzarsi dello stile dell’autore e degli orpelli dell’individualità artistica.E’ il linguaggio, il mezzo dell’Arte Concettuale, lo strumento con il quale provare a disfarsi degli oggetti e porre in primo piano le idee. Come un pensiero ben formato, la sua bellezza deriva dalla chiarezza delle idee. Così nasce il termine “concept” da concetto.
  33. 33. IL CONCEPTè la base della proposta creativa,è LA TUA IDEA,è quel sottile “fil rouge” che tiene legate le nostre foto l’una all’altra.Ovvero il risultato di tutta la vostra analisi e ricerca, tradotto in valori emozionali.Attenzione, non è il progetto completo, ma lidea creativa che sta alla base.È bene che nel progetto dobbiate descrivere il concept, per fare una premessa aquello che mostrerete.È importante scrivere poco, perché le immagini si spiegano da sole, ed è il primoimpatto che conta: se funzionano, non hanno bisogno di spiegazioni.
  34. 34. CONSIGLI PRATICI-Attraverso l’osservazione e l’analisi critica delle proprie fotografie, definire gli obiettivi che sidesiderano raggiungere nel campo fotografico.-La costruzione di un proprio stile avviene attraverso la costruzione di un linguaggio; una ricercaindividuale sulle nostre esigenze ed emozioni.-Porsi domande basilari alle quali tenteremo di rispondere tramite l’utilizzo della fotografia.Domande dove l’intervento della conoscenza tecnica del mezzo fotografico diventa l’ultimacomponente fondamentale del processo fotografico.Individuare delle identità espressive personali che ci permetteranno di decodificare il mondo reale permezzo del linguaggio fotografico.
  35. 35. Ricapitolando:per realizzare un progetto fotografico è fondamentale:-Avere sviluppato un proprio linguaggio fotografico (il che significa avere unacoerenza stilistica nelle immagini che produco)-Essere consapevoli di ciò che vogliamo dire e come dirlo, dunque intorno a questoconcetto sviluppare il nostro “concept”-Decidere il mezzo più adeguato a rappresentare le mie esigenze, a trasformare lemie emozioni su di una superficie piatta.Dunque pensare a quale fotocamera è più adatta e per quale motivo ( se sceglieròdi fotografare in banco ottico piuttosto che con un’usa e getta dovrò avere le miemotivazioni che almeno per un’istante, esulino dal piacere dell’utilizzo dellostrumento stesso)
  36. 36. Devo sempre essere in grado di giustificare le scelte che faccio,poichè ogni scelta che faccio verrà considerata una scelta stilistica, una possibile chiave di lettura per il fruitore.
  37. 37. Strumenti fondamentali per la realizzazione di un progetto:- l’utilizzo della tecnica per la realizzazione di un progetto artistico è tantofondamentale quanto inutile. Dobbiamo conoscere la tecnica perfettamente perpoi poterci sbarazzare di lei. E’ un po’ come andare in bici...-avere sempre bene in mente come vogliamo fotografare:-quali ottiche e corpo macchina utilizzare,-l’utilizzo di un trepiedi (fondamentale per ritratto e paesaggi).-l’utilizzo di eventuali pannelli illuminati o luci esterne .
  38. 38. Questi gli strumenti per me fondamentali quando parto per un viaggio, dove ancora non so bene cosa e come svilupperò il mio progetto ma so sicuramente quali strumenti utilizzerò per scrivere e con quale linguaggio.
  39. 39. La borsa: quanto più distante è il viaggio tanto più attrezzatura mi porto.
  40. 40. scelta dell’attrezzaturaPartiamo dal presupposto che ognuno deve scegliere il mezzo fotografico che più gli si confaccia, il mezzo è lo strumento che tradurrà le nostre emozioni su di una superficie piatta. Dunque è fondamentale avere bene chiaro quale mezzo utilizzare.La possibilità di realizzare immagini discrete oggi ci viene fornita da tutte le tipologie di strumenti in nostro possesso. La possibilità di realizzare delle fotografie eccellenti ci viene fornita dal nostro background culturale e dal nostro criterio progettuale.
  41. 41. La mia attrezzatura:-fotocamera reflex digitale-fotocamera compatta digitale-fotocamera di tipo polaroid-fotocamera a pellicola (nel mio caso di grande formato, poichè è il mezzocon il quale ho sempre fotografato prima di passare al digitale, poichè mipermette di filtrare la realtà in modo equidistante e mi permette diselezionare in modo pragmatico ancora prima di scattare)-cavalletto-reflector-luce a led-quaderno-computer portatile-scotch di carta
  42. 42. prima penso e poi scatto
  43. 43. decido come e perchè voglio realizzare delle immagini
  44. 44. scrivo il mio concept
  45. 45. sul mio taccuino faccio alcuni schizzi di come visualizzo l’immagine che vorrei realizzare
  46. 46. automanticamente capirò che il mezzo che ho scelto è quello migliore
  47. 47. devo fidarmi del mio intuito
  48. 48. voglio emozionarmi
  49. 49. solo così riuscirò a trasmettere le mie emozioni a chi vedrà le mie immagini
  50. 50. in questa lezione vi voglio illustrare qual’è stato il mio processo creativo, qual’è tutt’oggi il mio fil rouge.
  51. 51. come nasce e come si sviluppa
  52. 52. nasce da un’intuizione
  53. 53. a Sarajevo nel 2006, quando ancora ero una studente. Decido di fotografare gli adolescenti, perchè mi incuriosiscono, e perchè dovendo parlare delle mine antiuomo realizzo che sono loro per me i migliori rappresentanti di questa problematica.Coloro che nascono durante e subito dopo una guerra che semina terroree mine antiuomo , e loro che ne vivono tutte le conseguenze più prossime. Crescere in questi luoghi minati.
  54. 54. il concept in questo caso sono le mine antiuomo, e tutte le conseguenze che ne derivano: dunque crescere in questi luoghi. Decido di ritrarre questa generazione ambientata nei suoi spazi, e di alternarli apaesaggi minati ed ai contenitori nei quali erano costretti a crescere anzichè poter usufruire degli spazi verdi. Tentando di sintetizzare le mie emozioni, ed il senso di precarietà, fragilità e frustrazione che vivevo in quei luoghi.
  55. 55. successivamente a questo progetto, decido che la mia ricerca doveva dunqueincentrarsi sugli adolescenti, su quella fase della vita quando la nostra identità si forma.Dunque la preadolescenza, il passaggio dall’essere bambini all’essere adolescenti. Il concept si trasforma e prende un respiro più ampio, dalle mine anituomo all’identità. Se notate il tutto è strettamente legato.
  56. 56. decido dunque di mixare più media, per raccontare più emozioni diverse, un po’come in quella fase della nostra vita, come quando si passa dal giorno alla notte molto rapidamente, dall’essere felici all’essere tristi, dal ridere al piangere. dunque ogni media serviva per filtrare emozioni diverse in modo diverso.Alcune foto erano fatte da me, e quelle in polaroid dai soggetti che fotografavo, che mi raccontavano emozioni legate ai luoghi...
  57. 57. insomma una vera e propria indagine, sociale, emozionale da sintetizzare in immagini.
  58. 58. decido dunque di andare oltre, di capire come rendere più movimentate le mieimmagini unendo un forte spirito documentaristico ad uno fortemente concettuale.
  59. 59. Passeggiando per le strade di Madrid, mi rendo conto che la gente soffre, che corre veloce e che non ha quasi più sogni... se non quello di passeggiare anzichè passare tutto il tempo sottoterra in metropolitana per spostarsi da un lato all’altro della città.
  60. 60. nascono le basi per Flying Away
  61. 61. ma ovviamente io ancora non lo so
  62. 62. decido di percorrere la linea della metropolitana più lunga che c’è a Madrid e ad ogni fermata chiedere alle persone di sostare sulla griglia di sfogo dell’aria dellametro, ed immaginare di avere un tappeto volante, di liberare le ali della fantasia, e per una volta immaginare che sia il tappeto a trasportarli. Differenti le reazioni. Ma ancora non sapevo cosa sarebbe successo neanche 6 mesi dopo.
  63. 63. Continuo ad indagare... e qualche mese dopo parto per il Brasile
  64. 64. qui frequento realtà molto diverse e molto forti da quelle che conoscevo
  65. 65. voglio fare qualcosa di diverso ma ancora non so bene cosa, voglio poter aiutare quei bambini che vivono nelle favelas, ma semplicemente fotografando la lorosituazione o le loro case non aggiunge nulla ne a loro, ne a me e ne a chi vedrà le foto
  66. 66. parlando con il mio curatore mi ricordo del tappeto volante iniziato a Madrid e lo pensiamo come concept per un altro lavoro commissionato (che poi sfumò)...
  67. 67. decido di comprare un tappeto volante , mi invento una storia che piaccia ai bambini e volo in favelas
  68. 68. “C’erano una volta un mago ed un bambino molto povero. Quando il mago incontrò il bambino, gli svelò un segreto: solo credendo fortemente nei propri sogni, avrebbe avuto la possibilità di realizzarli. Gli parlò di luoghi incantati e meravigliosi poco lontano da lì, di mestierisconosciuti e di possibilità infinite che lui avrebbe potuto provare solo se fosse riuscito a immaginarle. Con sé portava un tappeto. Un tappeto magico sul quale già diverse persone avevano volato. Bastavano un pizzico di fantasia e tanti sogni.Chiudendo forte gli occhi e sognando, la sua mente si sarebbe liberata per un attimo e lo avrebbe aiutato a volare dove lui desiderasse. Raccontò il mago.Il bambino chiuse gli occhi ed iniziò a sognare, e a volare per la prima volta”.
  69. 69. Questa era la storia che raccontavo ai bambini che andavo a trovare nelle favelasdi Palhoça, a Florianopolis nel sud del Brasile nello stato di Santa Catarina.Volevo sapere dove sarebbero andati se avessero potuto volare via, dove liavrebbero portati le ali della loro fantasia, che mondo sarebbero riusciti a vedereimmaginando di guardarlo dall’alto.Purtroppo, una gran parte di loro non è stata capace di immaginare nulla.
  70. 70. il concept qui è il riuscire a regalare a questi bambini un sogno e a condividerlo con il fruitore. Dunque sognare di volare su di un tappeto volante...
  71. 71. questo nuovo connubio tra arte e solidarietà mi incuriosisce sempre di più
  72. 72. e grazie al mio curatore, raggiungo una ONG che lavora a Salvador de Bahiache mi permette di entrare nei carceri minorili e di realizzare il mio progetto.
  73. 73. qui, sento che il mio progetto sta prendendo dunque la forma giusta, la privazione della libertà rende flying away un progetto completo. Un sogno, quello di volare, di andare ovunque, di utilizzare la nostra mente per poter realizzare questo sogno. Vari i risvolti emotivi e psicologici.Veri i sogni dei ragazzi, che mi raccontavano e scrivevano sul mio taccuino, dopo essersi autoscattati una foto.
  74. 74. dunque capiamo quanto lungo possa essere un processo creativo e quanti anni ci possano andare per scoprire che senso hanno le foto che facciamo. L’importante è avere un linguaggio e qualcosa da dire. Chiamatelo concept chiamatela idea, chiamatela come vi pare. Ma oggi non è solo più sufficiente scattare delle buone foto, è necessario dire qualcosa con esse.
  75. 75. vi allego due ricette fondamentali per lavorare meglio, essere creativi produttivi e vivere anche meglio.
  76. 76. COME LAVORARE MEGLIO: 1- fai una cosa per volta 2- conosci il problema 3- impara ad ascoltare 4- impara a fare domande 5- distingui il senso dall’insensato 6- accetta i cambi come inevitabili 7- ammetti gli errori 8- dillo in forma semplice 9- stai calmo10- sorridi!
  77. 77. RICETTA PER UNA LUNGA EMIGLIORE VITA1- Non abituarsi mai a nulla2- tieni vivo il bambino che c’è in te3- mantieni la tua curiosità viva4- fidati del tu intuito5- rendi le cose semplici6- di “SI” con passione7- innamorati follemente del mondo8- ricordati : OGGI è il GIORNO GIUSTO!
  78. 78. e poi non dimenticate di divertirvi, di non pensare mai che la fotografia come arte possa essere un lavoro, ma è un sogno! realizzate immagini che vi emozionano, sicuramente emozioneranno anche chi le vedrà!
  79. 79. ...se credi in te stesso, gli altri ti seguiranno... (proverbio cinese)
  80. 80. buon lavoro!
  81. 81. www.elenagivone.com

×