Lezione1 Linguaggio C

10,351 views
10,152 views

Published on

come convertire un programma da pseudocodice a sorgente

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
10,351
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
113
Actions
Shares
0
Downloads
58
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Lezione1 Linguaggio C

  1. 1. Linguaggio C Prima lezione dicembre 2008
  2. 2. Descrizione testuale di un algoritmo <ul><li>La soluzione algoritmica di un problema può essere fornita sotto forma di disegno e/o sotto forma di descrizione testuale. </li></ul><ul><li>Questa descrizione testuale utilizza l’alfabeto, la grammatica e la sintassi usuali di una lingua quale l’inglese o l’italiano. </li></ul>
  3. 3. Pseudo Inglese/italiano <ul><li>Supponiamo di risolvere l’algoritmo che ci permetta di acquisire e sommare una lista di numeri e infine di stamparla </li></ul><ul><li>Una descrizione testuale esauriente potrebbe essere la sequente: </li></ul><ul><li>Leggi un numero alla volta dalla lista cartacea, sommalo ad una variabile sommatoria parziale. Ripeti queste due operazioni di lettura e di sommatoria finchè non hai esaurito tutti I numeri della lista. Alla fine stampa il risultato di quesrta sommatoria. </li></ul>
  4. 4. CONVERTIRE LO PSEUDO ITALIANO NEL SORGENTE DEL PROGRAMMA <ul><li>Occorre convertire la descrizione testuale in un linguaggio tecnico che fa uso delle istruzioni e dei costrutti sintattici specifici del linguaggio di programmazione utilizzato. </li></ul>
  5. 5. Regole di traduzione dal linguaggio ordinario a quello della programmazione <ul><li>I verbi quali leggi, scrivi/stampa devono essere sostituiti con le istruzioni corrispondenti del linguaggio di programmazione utilizzato. Ad esempio leggi diventa  scanf(…) nel linguaggio C. Scrivi diventa  printf(…). </li></ul><ul><li>Bisogna poi studiarsi la sintassi e la grammatica precisa di queste istruzioni. </li></ul><ul><li>Il costrutto di iterazione diventa  while(condizione=true){…} oppure do…while(condizione=true) oppure for (…){…} </li></ul><ul><li>Il costrutto di selezione diventa  if (condizione=true){…} else {…} </li></ul>
  6. 6. Il programma sorgente o source <ul><li>Quando abbiamo terminato la scrittura esauriente di tutta la descrizione testuale dell’algoritmo e l’abbiamo tradotta con le istruzioni e i costrutti specifici del linguaggio di programmazione utilizzato, il testo così ottenuto si chiamo il programma sorgente od in inglese “SOURCE” </li></ul>
  7. 7. Compilazione del programma sorgente <ul><li>Il programma sorgente non è ancora comprensibile da parte del computer. </li></ul><ul><li>Affinchè il computer lo comprenda e lo esegua, è necessario convertirlo, tramite un opportuno software chiamato compilatore, nel linguaggio macchina. </li></ul>
  8. 8. Il linguaggio macchina <ul><li>Il linguaggio macchina è costituito da istruzioni convertite in una sequenza di zeri e di uno; gli unici caratteri che la cpu del computer è in grado di comprendere. </li></ul>
  9. 9. Ambiente di sviluppo <ul><li>Per ambiente di sviluppo si intende un insieme di programmi di utilità che consentono al programmatore </li></ul><ul><ul><li>di editare il sorgente del programma, </li></ul></ul><ul><ul><li>di compilarlo e </li></ul></ul><ul><ul><li>di mandarlo in esecuzione </li></ul></ul>
  10. 10. Il nostro ambiente di sviluppo per il linguaggio C <ul><li>Fare il download di mingw per il sistema operativo Vista </li></ul><ul><li>Oppure di dev-cpp per il sistema operativo windows xp </li></ul>
  11. 11. Ambiente di sviluppo semplice <ul><li>Usiamo il blocco note per editare i programmi in C </li></ul><ul><li>Usiamo la bat c++.bat per aprire la finestra dei comandi dos, all’interno della quale andiamo a compilare il nostro sorgente e lo andiamo ad eseguire. </li></ul><ul><li>Inoltre usiamo la finestra dos per interagire con il programma in esecuzione. Per fornire i dati richiesti dal programma digitandoli con la tastiera e per visualizzare i risultati della elaborazione del nostro programma. </li></ul>
  12. 12. Il sorgente del programma somma.c
  13. 13. Confronto tra il sorgente e lo pseudocodice <ul><li>Leggi un numero alla volta dalla lista cartacea, sommalo ad una variabile sommatoria parziale. Ripeti queste due operazioni di lettura e di sommatoria finchè non hai esaurito tutti i numeri della lista. Alla fine stampa il risultato di questa sommatoria. </li></ul>
  14. 14. Differenza tra codice e pseudocodice <ul><li>Nel codice ogni cosa è definita in modo molto preciso. Non si possono commettere errori grammaticali e sintattici. </li></ul><ul><li>Quando si è definito il nome di una variabile poi bisogna usare esattamente quel nome </li></ul><ul><li>Le variabili che servono per fare dei calcoli vanno azzerate prima del loro uso. </li></ul><ul><li>Occore prestare la massima attenzione anche all’ordine delle istruzioni </li></ul>
  15. 16. END

×