ISTITUTO COMPRENSIVO SAN VENDEMIANO              – Treviso – Italia –  Scuola Secondaria di 1°grado « G. Saccon»          ...
I RIFIUTI   I rifiuti sono tutto quanto risulta di scarto o avanzo alle più svariateattività umane.         L’Unione Europ...
La soluzione dello smaltimento dei rifiuti non è più solo nellediscariche e negli inceneritori.   Luso delle discariche, ...
INCENERITORI                                            1t di fumo                                            280/300kg ce...
LE DISCARICHELe discariche sarebbero il più economico dei sistemi dismaltimento in grado di offrire risultati soddisfacent...
Perché raccogliere in modo differenziato:•   difficoltà di reperire aree per le discariche•   risparmio di materie prime• ...
Riciclo materiali usati e raccolta differenziata  Per riciclo dei rifiuti si intende l’insieme di strategie volte a  recup...
Possono essere riciclati:• materie prime     legno     vetro     carta e cartone     alluminio     acciaio     plastica   ...
IL COLORE DEI CASSONETTI E CAMPANE             generalmente usati nei Paesi europei sono:   Giallo = raccolta della carta...
I principali metodi di raccolta sono due:• Il cassonetto o campana posti nelle isole ecologiche        (le persone devono ...
PORTA A PORTA                             La raccolta differenziata porta a porta                             (abbreviata ...
CASSONETTI E CAMPANE Un cassonetto è un contenitore di materiale metallico o plastico  utilizzato per la raccolta dei rifi...
ECOCENTRO o CARD di S. VENDEMIANO: spazio attrezzato dove si possonoportare vari materiali, tra cui quelli ingombranti o c...
RACCOGLITORI SPECIALI(oltre che al CARD sono distribuiti nel territorio)       PILE (raccolta                             ...
PLASTICA: centro di selezione Godega S.U. e di Dolo (VE)CARTA: cartiera di BellunoVETRO: ditta di riciclo Ormelle (TV)FERR...
IMPIANTO                                                                  S.E.S.A.                                        ...
IMPIANTO DI                                                   COMPOSTAGGIO BIOSESA                                        ...
PRODUZIONE DI                    PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA  ENERGIA TERMICA                   Attualmente i gruppi d...
SELEZIONE                                                                    RIFIUTI                                      ...
AlunniArdeleanu RobertaBarro Daniele                                               Classe 2^CBasei NicoleBoldrin ElenaBolz...
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Comenius11_12

612

Published on

Progetto sul riciclo e l'uso del territorio. Classe 2C - a.s. 2011/12

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
612
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
7
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Comenius11_12

  1. 1. ISTITUTO COMPRENSIVO SAN VENDEMIANO – Treviso – Italia – Scuola Secondaria di 1°grado « G. Saccon» CLASSE 2^C Progetto Comenius a.s. 2011/12Rifiuti: problema o occasione?
  2. 2. I RIFIUTI I rifiuti sono tutto quanto risulta di scarto o avanzo alle più svariateattività umane. L’Unione Europea, li definisce qualsiasi sostanza od oggetto dicui il detentore si disfi o abbia lintenzione o lobbligo di disfarsi. La crescita dei consumi e dellurbanizzazione hanno aumentatola produzione dei rifiuti e ridotto le zone disabitate in cui depositare irifiuti. Oggigiorno è importante come cittadini prevenire l’accumulo deirifiuti cercando di:• rivedere lo stile di vita consumistico• chiedere scelte responsabili alle aziende perché riducano gli imballaggi ed usino materiali biodegradabili e ricaricabili.• fare la raccolta differenziata
  3. 3. La soluzione dello smaltimento dei rifiuti non è più solo nellediscariche e negli inceneritori. Luso delle discariche, pur avendo in sé costi bassi, comporta uno spreco di materiale che sarebbe almeno in parte riciclabile nonché luso di vaste aree di territorio; inoltre crea grandi concentrazioni di rifiuti con possibili conseguenze sullambiente. Gli inceneritori, basano il loro funzionamento sullincenerimento dei rifiuti: gli impianti più recenti sfruttano la combustione così ottenuta, recuperando un minimo di energia elettrica e calore ma hanno il problema della gestione delle emissioni tossico-nocive.Bisogna: differenziare e riciclare
  4. 4. INCENERITORI 1t di fumo 280/300kg ceneri solide inerti 1 t rifiuti = 30kg ceneri volatili + 25kg gesso ACQUA 650kg acqua di scarico AMMONIACA BICARBONATO CALCEGli inceneritori sono impianti utilizzatiper lo smaltimento dei rifiuti medianteun processo di combustione ad altatemperatura (incenerimento) che dàcome prodotti finali fumi, ceneri epolveri.
  5. 5. LE DISCARICHELe discariche sarebbero il più economico dei sistemi dismaltimento in grado di offrire risultati soddisfacenti. Laloro economicità dipende dalla disponibilità di aree idoneee relativamente vicine ai luoghi di produzione dei rifiuti, lacui raccolta e il trasporto incidono, in genere sui costicomplessivi.Circa i cinque sesti dellimmondizia raccolta in Italiafiniscono nelle discariche a cielo aperto, che sono ormaipiene.
  6. 6. Perché raccogliere in modo differenziato:• difficoltà di reperire aree per le discariche• risparmio di materie prime• risparmio di energia elettrica• migliore protezione ambientale (meno gas serra nell’atmosfera, uso corretto del territorio) 1 t. di carta riciclata richiede circa 400.000 l di acqua e 5.000KWH in meno della stessa quantità di carta nuova, risparmiandoanche 18 alberi QUINDI 1. Meno inquinamento 2. Costi più bassi 3. Più pulizia 4. Più salute
  7. 7. Riciclo materiali usati e raccolta differenziata Per riciclo dei rifiuti si intende l’insieme di strategie volte a recuperare materiali per riutilizzarli invece che smaltirli nelle discariche.Per raccolta differenziata si intende il sistema che prevede, per ogni tipo di rifiuto, una prima selezione da parte dei cittadini: operazione finalizzata al riciclo.
  8. 8. Possono essere riciclati:• materie prime legno vetro carta e cartone alluminio acciaio plastica pneumatici• semilavorati tessuti• scarti organici umido domestico scarti lavorazioni industriali Sedia in PET riciclato
  9. 9. IL COLORE DEI CASSONETTI E CAMPANE generalmente usati nei Paesi europei sono: Giallo = raccolta della carta e cartone Azzurro = raccolta degli imballaggi in plastica Verde = raccolta multimateriale (imballaggi in vetro, latta e lattine) Marrone = raccolta dei rifiuti umidi-organici; Giallo scuro = raccolta della carta per grandi utenti pubblici Grigio = raccolta indifferenziata
  10. 10. I principali metodi di raccolta sono due:• Il cassonetto o campana posti nelle isole ecologiche (le persone devono conferire i loro rifiuti negli appositi cassonetti);• La raccolta porta a porta (i rifiuti vengono raccolti presso le abitazioni secondo un preciso calendario di raccolta).A San Vendemiano,la raccolta differenziata si svolge dal 2008 con il SISTEMA MISTO diraccolta:• porta a porta• cassonetti• ecocentro CARDDal prossimo settembre 2012 il comune di San Vendemiano passerà alla raccolta differenziata porta a porta «spinta»
  11. 11. PORTA A PORTA La raccolta differenziata porta a porta (abbreviata in PaP ) prevede il periodico ritiro a domicilio dei rifiuti. Il porta a porta di San Vendemiano prevede la raccolta dell’umido e del secco.Bidone per il secco Bidone per l’umido
  12. 12. CASSONETTI E CAMPANE Un cassonetto è un contenitore di materiale metallico o plastico utilizzato per la raccolta dei rifiuti. Nella raccolta differenziata i cassonetti raccolgono prevalentemente la plastica, la carta,lalluminio, mentre il vetro è spesso appannaggio delle campane. A San Vendemiano ci sono Campana Gialla: carta e cartone Cassonetto Azzurro: plastica e alluminio Campana Verde: vetro Cassonetto verde con chiave: pannolini
  13. 13. ECOCENTRO o CARD di S. VENDEMIANO: spazio attrezzato dove si possonoportare vari materiali, tra cui quelli ingombranti o che non possono essereconferiti tramite il normale servizio di raccolta o i prodotti con dicitura T e/o Fche sono pericolosi, a causa del loro altissimo potere tossico per luomo edinquinante per lambiente (prodotti sono identificati da simboli come una"croce", un "teschio", una «fiamma", con sfondo arancione).1. Carta e cartone2. Plastica3. Vetro4. Verde e ramaglie5. Legno6. Metallo7. Plastica dura8. Inerti9. Pneumatici10. Olio vegetale11. Olio minerale12. Accumulatori al piombo13. Pile14. Farmaci15. Toner16. RAEE (rifiuti da apparecchiature elettriche e elettroniche)17. Contenitori etichettati t/f
  14. 14. RACCOGLITORI SPECIALI(oltre che al CARD sono distribuiti nel territorio) PILE (raccolta presso punti vendita e uffici/scuole) La raccolta delle pile è indispensabile. Solo con la raccolta differenziata è possibile il riciclo e il recupero di una buona parte degli elementi presenti nelle pile, risparmiando sulle materie FARMACI (raccolta prime. presso le farmacie)Prima di riciclare i medicinali PILE/PLASTICA/ALLUMINIO si consiglia di togliere le VETRO/TAPPI/CARTA (raccoltiscatole e i foglietti illustrativi, nella nostra scuola) che possono essere riciclati con la carta. (si riduce la dimensione e si avvia alrecupero tanti materiali utili)
  15. 15. PLASTICA: centro di selezione Godega S.U. e di Dolo (VE)CARTA: cartiera di BellunoVETRO: ditta di riciclo Ormelle (TV)FERRO: ditta di riciclo Vittorio VenetoLEGNO: azienda di Vazzola (TV)VERDE/RAMAGLIE: azienda di PordenoneOLIO esausto: azienda di Vittorio VenetoSECCO: discarica di Spresiano (TV)INERTI: discarica di tipo A di PadovaRIFIUTI pericolosi: azienda di trattamento di Vidor (TV)UMIDO: impianto di compostaggio SESA Este (PD)
  16. 16. IMPIANTO S.E.S.A. ESTE – PADOVA SETTORI DI INTERVENTO• Raccolta differenziata dei rifiuti solidi urbani.• Trattamento e recupero della frazione organica dei rifiuti differenziati per la produzione di compost di qualità.• Selezione e valorizzazione della frazione secca provenienti da raccolta differenziata.• Smaltimento finale della frazione residua non riciclabile• Produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili (biogas e fotovoltaico)• Teleriscaldamento.
  17. 17. IMPIANTO DI COMPOSTAGGIO BIOSESA tratta la frazione organica cioè gli scarti da cucina e il verde provenienti dalla raccolta differenziata urbana. Il prodotto che si ottiene è ricco di humus, un nutrimento essenziale per le piante che rende fertili i terreni liberando lentamente, ma costantemente, gli elementi nutritivi quali azoto, fosforo, potassio, ecc..Attualmente il Veneto non solo è autosufficiente nel recupero della frazione organica,ma accoglie rifiuti organici provenienti da altre regioni che hanno avviato la raccolta differenziata, ma la cui capacità impiantistica di trattamento non è sufficiente.
  18. 18. PRODUZIONE DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA ENERGIA TERMICA Attualmente i gruppi di cogenerazione alimentati dal biogas della fermentazione anaerobica dell’umido(TELERISCALDAMENO) producono energia elettrica “verde rinnovabile” La rete di teleriscaldamento sufficiente per alimentare il consumo di una città di distribuisce nella città di Este oltre 60.000 abitanti. ed Ospedaletto Euganeo, Nel corso degli anni sono stati installati anche tramite condotti di acqua impianti fotovoltaici calda, il calore recuperato daigruppi di cogenerazione per laproduzione di energia elettrica.
  19. 19. SELEZIONE RIFIUTI URBANI L’impianto di SESA, partito nel 1995, è dotato di un selezionatore con lettori ottici che separa ulteriormente la frazione secca proveniente dalla raccolta differenziata (altro 30%).SMALTIMENTO in DISCARICA della Lettorifrazione residuale non riciclabile (solo il ottici25% dei rifiuti urbani totali viene conferitoin discarica)
  20. 20. AlunniArdeleanu RobertaBarro Daniele Classe 2^CBasei NicoleBoldrin ElenaBolzan AlessandroBonetto PatrickCaria IvanCasagrande MarcoDa Rin StefanoDal Ponte ElisabettaDe Zan TobiaEsposito SamueleFlaviani DeboraGiacomin GioiaHu AngeloAnastasia IseppiPenso DavideScudeller GioiaTrentin OscarZorzini LorenzoProffAntonio Cietto Si ringraziano per la disponibilità e il sostegno tecnico:Gabriella De Pizzol • Amministrazione e personale ufficio Ecologia di San VendemianoSilvana Sorce • azienda SAVNO – Conegliano (TV) -Domenico Valenti • azienda S.E.S.A. – Este (PD) -
  1. A particular slide catching your eye?

    Clipping is a handy way to collect important slides you want to go back to later.

×