147° anno accademico
Cerimonia di inaugurazione




Prolusione di Costanzo Ranci
Progettare nell’incertezza. I giovani nel...
PROGETTARE NELL’INCERTEZZA.
       I GIOVANI NELLA SOCIETÀ DELL’ACCELERAZIONE


                                Costanzo R...
socializzazione in un mondo di coetanei a cui non si voleva rinunciare tanto
facilmente.    Così,    progressivamente,    ...
degli adulti in questo difficile percorso? Quali effetti si producono sulla
situazione delle giovani generazioni di oggi, ...
differenziate. Inoltre il calendario degli eventi, da ordinato e sequenziale
secondo una cadenza standard, diviene puntegg...
ogni 10 anni, gode di una speranza di vita che è aumentata mediamente di 2
anni ogni decennio; ha guadagnato un anno e un ...
Una spiegazione spesso adottata è che a cambiare è il quadro macro entro cui
questi giovani sono collocati. Questa generaz...
LA SOCIETÀ DELL’ACCELERAZIONE


La generazione dei vent’anni di oggi sperimenta una trasformazione sociale,
economica e te...
Accelerazione del ritmo di vita
Le unità di azioni quotidiane (mangiare, dormire) si contraggono. Si afferma
il multitaski...
Ad esempio, la possibilità di spostarsi più facilmente per motivi di studio o di
lavoro. I vincoli di spazio e di tempo so...
l’autorità paterna e quella materna, ed è subentrato al posto dei governanti,
degli insegnanti, dei poliziotti e dei polit...
LA MORATORIA PROLUNGATA


Aumento della mobilità, capacità di controllare la velocità del tempo che
scorre attraverso il m...
Il dato ampiamente più noto è il prolungamento del periodo dedicato allo
studio e il posponimento progressivo del momento ...
dovrebbe offrire più chance di carriera e stipendi più elevati. Tuttavia il
ritardo nel compimento degli studi ha un costo...
sposa è simile, la differenza è data dalla presenza di una fase di vita di dieci
anni circa in cui i giovani del nord Euro...
risposta non dipende soltanto dai giovani e dalle loro famiglie, ma anche, e
prioritariamente, dall’organizzazione sociale...
dichiara di fare dei lavori ad elevato contenuto di innovazione (sono il 48% in
Europa).


Consideriamo i salari di avvio....
per l’acquisto e il modesto volume del mercato dell’affitto. Si stima che a
Milano nel 1975 fosse necessario in media un r...
disagio. La transizione verso l’età adulta avviene attraverso meccanismi
ereditari molto più che attraverso l’acquisizione...
cogliere l’attimo. Dalla stabilità del differimento si passò all’instabilità
dell’occasionalismo. Il meccanismo dunque si ...
convivono diversi piani d’azione. La contrazione del presente diventa una
strategia pragmatica che consente di costruire l...
conta più la competenza (48% vs. 23%), mentre ai livelli bassi contano anche
le conoscenze (36% vs. 33%). Chi nutre aspett...
propensione alla mobilità geografica cala (dal 68% nel 1987 al 52% nel
2004).


Cosa accadrà dunque a Lecco? Dubito che si...
l’esperienza vissuta della scienza. Ovvero quel sentimento, quella passione,
quella devozione a sé stessi, quella vocazion...
Ma questo non è tutto. Perché lo studio non sia soltanto uno spazio di
sospensione, esso deve comunicare la passione, rend...
propria biografia e chi non le possiede aumenterà notevolmente. Una buona
transizione alla vita adulta, dunque, non dipend...
Prolusione Ranci
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Prolusione Ranci

955 views
924 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
955
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
13
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Prolusione Ranci

  1. 1. 147° anno accademico Cerimonia di inaugurazione Prolusione di Costanzo Ranci Progettare nell’incertezza. I giovani nella società dell’accelerazione Milano, 22 marzo 2010
  2. 2. PROGETTARE NELL’INCERTEZZA. I GIOVANI NELLA SOCIETÀ DELL’ACCELERAZIONE Costanzo Ranci In un’indagine recentemente condotta a Lecco dal Laboratorio di Politiche Sociali del Dipartimento di Architettura e Pianificazione di questo ateneo sul tema del futuro del distretto metalmeccanico locale, era emersa una difficoltà generalizzata di trasmissione inter-generazionale di quella “cultura del ferro” che per diverse epoche storiche aveva assicurato stabilità occupazionale, benessere e ricchezza ad una quota considerevole della popolazione locale. La ricerca si svolse appena prima della crisi finanziaria del 2009, e segnalò lo stato di buona salute dell’economia distrettuale, che si dimostrava ancora capace di creare occupazione e segnava un andamento positivo dei principali indicatori economici. Il problema non riguardava quindi la mancanza di opportunità lavorative per le giovani generazioni, quanto una loro crisi vocazionale. I giovani si iscrivevano in numero non più adeguato ma ancora consistente alle scuole tecniche di Lecco direttamente orientate alle mansioni richieste dall’economia distrettuale, sulla base delle sollecitazioni familiari ad acquisire un’istruzione utile a svolgere un lavoro già pronto nel contesto locale, ma poi – lungo il percorso di studio – cambiavano orientamento, poco attratti da un lavoro futuro che appariva ripetitivo, monotono, poco adatto alla loro voglia di esprimersi e di diventare autonomi. Non ultima, la motivazione a cambiare settore perché “nel metalmeccanico non ci sono ragazze”. Da questa sensazione di noia nasceva l’idea, poi realizzata da tanti, di continuare gli studi, di prolungare una fase di vita che non era più finalizzata a prepararsi al lavoro per diventare invece uno spazio di espressione di sé, di
  3. 3. socializzazione in un mondo di coetanei a cui non si voleva rinunciare tanto facilmente. Così, progressivamente, senza elevare proteste, quasi sotterraneamente, i giovani lecchesi si accingevano a tradire le aspettative dei loro genitori e a far mancare il loro auspicato apporto all’economia locale. Che puntualmente registrava e lamentava il mismatch tra domanda e offerta, l’assenza di tecnici qualificati reperibili in loco. Generazione più perduta che ribelle, verrebbe da dire. Che rifiutava un’opportunità reale in cambio di un’occupazione nel settore terziario probabilmente di tipo precario, mal retribuita, senza prospettive serie di carriera. Qualcosa si era interrotto nel gioco sottile della trasmissione inter- generazionale, ma senza che emergesse un vincitore finale: il rischio che ne derivava veniva infatti ripartito tra tutti i giocatori. La società lecchese, che manca di tecnici e innovatori da inserire per rilanciare uno dei settori portanti del contesto locale, ma anche i giovani, che perdono una prospettiva occupazionale sicura per lanciarsi intrepidamente nelle paludi di un’occupazione terziaria a media qualificazione, oppure alla ricerca di una laurea qualificante. In mezzo, sta il sistema dell’istruzione secondaria e terziaria, che non riesce a svolgere compiutamente quella funzione di orientamento e di preparazione alla vita adulta che sarebbe il suo compito istituzionale prioritario. Il caso di Lecco racconta una vicenda che non è solo locale. Esso segnala che oggi sono critiche da un lato la transizione alla vita adulta dei giovani e dall’altro il rapporto tra le generazioni. Che cosa è accaduto? Come mai la transizione alla vita adulta, così ben avviata nelle scuole tecniche e professionali di Lecco, si perde poi per strada? Quale ruolo gioca la società
  4. 4. degli adulti in questo difficile percorso? Quali effetti si producono sulla situazione delle giovani generazioni di oggi, e quindi sul futuro della nostra società? Parlerò dei giovani in termini di generazione. Tutti siamo stati giovani, naturalmente. Ma ciascuno di noi entro una specifica generazione, o unità di generazione per dirla con Karl Mannheim. Di questa generazione ha condiviso esperienze, simbologie, linguaggi, avvenimenti storici. Ciascuno di noi è stato giovane, dunque, in modo diverso, perché ha attraversato un momento storico specifico, irripetibile. E la storia incide fortemente sulla personalità dei ventenni, conferendo loro dei tratti in gran parte indelebili. COME CAMBIANO I GIOVANI: LE GENERAZIONI Partiamo dunque dalla storia delle diverse generazioni, per identificare le peculiarità, i tratti distintivi, di quella attuale. I due punti decisivi sono i seguenti. Innanzitutto, una ampia messe di studi ha segnalato che i primi trenta anni del dopoguerra (i cosiddetti “trenta gloriosi”) hanno visto una progressiva standardizzazione delle transizioni alla vita adulta, in un quadro di forte stabilità sociale ed economica (stabilizzazione dei cicli economici e di sviluppo), di espansione generalizzata dei livelli di istruzione, di elevato matching tra domanda e offerta di lavoro, di aspettative crescenti a raggiungere le condizioni di vita tipiche del ceto medio. Dalla fine degli anni settanta il processo si inverte, e comincia una fase caratterizzata dalla de- standardizzazione della transizione alla vita adulta. La sequenza in precedenza tipica della transizione (scuola, lavoro, casa e matrimonio, figli; tutto raggruppato in pochi anni) si scompone ed emergono traiettorie molto più
  5. 5. differenziate. Inoltre il calendario degli eventi, da ordinato e sequenziale secondo una cadenza standard, diviene punteggiato da strappi, ritardi e accelerazioni improvvise. Il mutamento culturale esperito negli anni ’60 e ’70 spiega parte del cambiamento, avendo notevoli effetti proprio sull’organizzazione della vita privata delle nuove generazioni: si posticipano il matrimonio e il concepimento dei figli, aumentano le convivenze more uxorio, i divorzi e le famiglie ricostituite. Ma naturalmente un ruolo importante è giocato anche dall’elevamento degli anni di istruzione e dalle difficoltà di coniugare titolo di studio e carriera lavorativa. Il secondo aspetto riguarda il rapporto tra le generazioni. Per tutto il XX secolo, con l’eccezione parziale delle generazioni investite dai fenomeni bellici, le nuove generazioni dei ventenni hanno goduto di condizioni migliori di quelle sperimentate dalle generazioni precedenti. Si sono infatti succedute generazioni via via più ampie, con condizioni economiche migliori, con un livello di istruzione più elevato, con un maggior grado di salute. Ci si aspettava dunque una società sempre più orientata a promuovere l’autodeterminazione e l’autonomia dei giovani che, grazie ai miglioramenti economici, avrebbero dovuto liberarsi più facilmente dei condizionamenti familiari. La contestazione giovanile del sessantotto ha rappresentato, da questo punto di vista, un elemento di discontinuità e di rottura tra le generazioni in un quadro segnato da aspettative crescenti. Dagli anni novanta in poi questa situazione, per la prima volta in modo evidente e generalizzato, è cambiata. Rispetto al 1950, la generazione di fine millennio poteva contare su un reddito superiore di cinque volte a quello dei loro coetanei vissuti mezzo secolo prima: ha guadagnato 1,5 cm. di altezza
  6. 6. ogni 10 anni, gode di una speranza di vita che è aumentata mediamente di 2 anni ogni decennio; ha guadagnato un anno e un trimestre in più di istruzione ogni 10 anni. Si tratta dunque di una generazione più alta, più sana, più istruita. Con tutto a disposizione per poter avanzare nella società assumendo un ruolo da pionieri, da sperimentatori del futuro. Invece questo accade molto più raramente di quanto ci aspettiamo, perché? Numero di giovani e loro genitori nel periodo 1950-2010 (dati in migliaia) Fonte: Livi Bacci, 2008, 36 Dal 2000 i rapporti statistici tra generazioni subiscono un punto di svolta, che in realtà è l’esito di un processo cominciato 10-15 anni prima. Per la prima volta da più di un secolo (quindi la prima volta nella breve storia dell’Italia moderna) la nuova generazione è inferiore per numerosità a quella precedente (vedi grafico). Si potrebbe pensare che i giovani diventino dunque una risorsa molto più scarsa e quindi potenzialmente più preziosa, tenendo conto che sono più istruiti, più benestanti, più sani. Invece è evidente che perdono punti nella società.
  7. 7. Una spiegazione spesso adottata è che a cambiare è il quadro macro entro cui questi giovani sono collocati. Questa generazione vive, forse per la prima volta, una fase di declino economico. Oggi vivono il declino, mentre le generazioni precedenti hanno sperimentato una ricostruzione. Per la prima volta il benessere non è più crescente ma appare in calo, o perlomeno ha una forte battuta d’arresto. Il modello di transizione alla vita adulta fondato sull’acquisizione di un impiego stabile, sulla progressione lineare nel reddito e nella carriera, su un’elevata protezione sociale, su matrimoni duraturi, appare appartenere ad una età d’oro del tutto scomparsa. Le nuove generazioni vivono in un quadro caratterizzato da un’accresciuta vulnerabilità sociale e un indebolimento generalizzato delle condizioni che avevano consentito a lungo il maturare di aspettative crescenti. Come avviene la transizione alla vita adulta in queste mutate condizioni? Come si organizza il rapporto tra le generazioni, come avviene il passaggio di testimone da una generazione all’altra? La generazione attuale sperimenta qualcosa di nuovo e diverso che non riguarda tanto l’ammontare delle risorse a disposizione, che restano molto alte e comparativamente superiori a quelle delle generazioni precedenti. Il cambiamento e le mutate condizioni sperimentate dalle nuove generazioni vanno invece letti su tre aspetti fondamentali: a) cambia lo stile di vita; b) diminuiscono le loro aspettative e la loro capacità di realizzarle - in una parola, la loro capacità di progettare; c) va in crisi il patto tra generazioni su cui si regge lo sviluppo sociale.
  8. 8. LA SOCIETÀ DELL’ACCELERAZIONE La generazione dei vent’anni di oggi sperimenta una trasformazione sociale, economica e tecnologica che incide profondamente sulla loro socializzazione, sullo sviluppo delle loro capacità cognitive e sulla loro capacità di fare progetti e pensare l’avvenire. Il termine che meglio designa questo passaggio è stato proposto da uno studioso americano – Hartmut Rosa – e ripreso recentemente in Italia da C. Leccardi: accelerazione. I concetti proposti sono simili: hyper-acceleration, turbo-capitalism, digital speed-revolution. Un cambiamento sociale di tipo qualitativo determinato da un aumento quantitativo della velocità. I principali driver di questo cambiamento sono tre: Accelerazione tecnica La più ovvia forma di accelerazione è l’accelerazione dei processi di trasporto, comunicazione e produzione indotta intenzionalmente dal cambiamento tecnologico. Gli effetti di questa accelerazione sono enormi anche sul piano antropologico. Nell’età dell’accelerazione il tempo diviene sempre più comprimibile e può annichilire lo spazio. Lo spazio si contrae e perde di importanza: molti processi e molti sviluppi non sono più localizzati e molti luoghi diventano “non luoghi”, senza storia e identità. Accelerazione sociale Molte istituzioni sociali perdono di stabilità. Un lavoro e una famiglia non durano più il tempo di una intera generazione ma occupano uno spazio più ristretto, mentre in passato occupavano addirittura più generazioni. Si moltiplicano, dentro la stessa biografia, sia i lavori, sia le famiglie. Il mondo sociale assume sempre meno la forma di una stabile aggregazione sociale e assume sempre più la forma di fluido e flusso. Una società liquida, come afferma Bauman.
  9. 9. Accelerazione del ritmo di vita Le unità di azioni quotidiane (mangiare, dormire) si contraggono. Si afferma il multitasking, la capacità di fare contemporaneamente cose molto diverse. Aumenta parallelamente la sensazione di scarsità di tempo. Si diffonde un linguaggio che evita predicati identitari e usa marker temporanei. Si parla di working as a baker invece che being a baker, living with Mary piuttosto che being Mary’s husband (or boyfriend), going to the Church piuttosto che being a Catholic, voting Republican e non being a Republican. Questo uso del linguaggio indica una maggiore consapevolezza della contingenza: le situazioni possono essere diverse da come sono, e comunque possono sempre cambiare sulla base delle decisioni degli individui. Una concezione della vita buona come impegno a lungo termine, fondata sulla durata e sulla stabilità è fortemente sfidata dal veloce ritmo dei cambiamenti. Quali conseguenze sono determinate dall’accelerazione? Second Christopher Lash, l’effetto più vistoso è che i flussi di informazione sostituiscono le relazioni sociali; la vita si fa più tecnologica e meno legata ai circoli sociali, ancora legati ai vincoli della prossimità fisica. Per Paul Virilio la logica del just in time porta a scardinare i tempi situati, lo spazio-tempo del locale. La velocità delle onde elettro-magnetiche conduce a sostituire il senso di realtà con i flussi elettronici. Credo che a queste interpretazioni pessimiste debba essere accostata una visione più positiva. L’accelerazione consente di sviluppare nuove abilità finalizzate a controllare il tempo, o ad avvantaggiarsi dal tempo che scorre sempre più veloce. I giovani sono i massimi esperti in questo campo. La contrazione spazio-temporale e la conseguente riduzione dei costi della mobilità aprono loro, infatti, grandi opportunità.
  10. 10. Ad esempio, la possibilità di spostarsi più facilmente per motivi di studio o di lavoro. I vincoli di spazio e di tempo sono oggi meno cogenti di un tempo. Il programma Erasmus interessa oggi il 6% degli studenti italiani (uno studente ogni diciotto). In Europa il programma Erasmus ha consentito sino ad oggi la mobilità di 1,5 milioni di studenti. All’inizio del programma, nel 1987, solo 3.000 studenti parteciparono al programma; nel 2006-07 il numero è di 153.000 studenti. Al Politecnico gli studenti iscritti che partecipano a programmi Erasmus oppure di doppia laurea con università straniere assommano a 700 su una popolazione complessiva di 4500 iscritti: una percentuale pari al 15%, più che doppia rispetto alla media nazionale. Ma la mobilità va oltre i programmi istituzionali. Secondo una recente indagine europea (Reflex) il 16% dei laureati italiani (uno ogni sei) ha un’esperienza all’estero durante gli studi: ancora poco rispetto alla media europea che è già del 26% (36% in Francia, 30% in Germania). Ben il 18% dei laureati italiani (quasi uno su cinque) ha esperienze internazionali dopo la laurea, spesso per continuare gli studi oltre la laurea (il 22% in Europa). I paesi più gettonati sono Regno Unito, Germania e USA. Mobilità significa anche individualizzazione, disancoramento dalle tradizioni e dai luoghi dell’infanzia e del radicamento. I giovani sono chiamati oggi a “fare la loro biografia”, ovvero ad impegnarsi in un’attività finalizzata a raggiungere obiettivi autodeterminati, e plasmare la loro propria esistenza. La biografia diventa un problema quotidiano di azione: “la si strappa tenacemente, la si difende con le unghie e con i denti e la si protegge astutamente dalle intrusioni degli adulti, che non sanno mai dove i giovani vogliono andare a parare” (Beck). “L’individualismo.. ha soppiantato
  11. 11. l’autorità paterna e quella materna, ed è subentrato al posto dei governanti, degli insegnanti, dei poliziotti e dei politici” (Beck, 103). Emerge una generazione in cui l’incertezza e la fluidità sono considerati come dati strutturali; di conseguenza vengono sviluppate attitudini e capacità adeguate a questa situazione. Questa generazione ha infatti dovuto sviluppare nuove competenze: interpretare il cambiamento, imparare ad affrontare transizioni in situazioni a controllo limitato, capire come scegliere in condizioni di scarsa prevedibilità del futuro, adattarsi ad una situazione caratterizzata da appartenenze instabili. Per stare a galla diventano centrali il presentismo, un certo relativismo valoriale, la reversibilità delle scelte. Se l’incertezza persiste quando le scelte diventano pressanti, nasce l’insoddisfazione e il disagio. La società dell’accelerazione richiede anche che vengano rintracciati spazi e tempi di rallentamento, in cui riappropriarsi della socialità in termini non di flusso ma di prossimità, dove l’esserci riprende il sopravvento rispetto al flusso e al divenire. Ecco perché oggi l’amicizia e il gruppo dei pari diventano sempre più centrali, come luoghi di ripresa di contatto con la realtà, con se stessi. Esempio chiaro è l’Alta Scuola Politecnica, rivolta a 90 tra i nostri migliori studenti delle lauree magistrali insieme a 60 studenti del Politecnico di Torino, dove il senso di community, lo stare insieme diventa l’elemento più apprezzato oltre all’essere inseriti in un ambiente eterogeneo e internazionale. Il mix di familiarità e senso della community da un lato, e cosmopolitismo e apertura all’altro, diventa congeniale ad una ricerca di nuovi equilibri tra relazioni intime e compiti a distanza, tra prossimità fisiche e vicinanze virtuali.
  12. 12. LA MORATORIA PROLUNGATA Aumento della mobilità, capacità di controllare la velocità del tempo che scorre attraverso il multitasking, uno stile di vita reversibile che accetta cambiamenti repentini e situazioni contingenti, una mentalità aperta alle novità e senza forti barriere ideologiche, autonomia rispetto alla tradizione e al controllo esercitato dal mondo adulto. Tutti elementi che farebbero ritenere che i giovani di oggi abbiano adattato bene il loro stile di vita alle sfide cognitive poste dalla società dell’accelerazione. Qui si colloca, invece, il paradosso descritto nella ricerca sui giovani di Lecco. I giovani, del tutto immersi nella società dell’accelerazione, allorché devono affrontare non le sfide del quotidiano ma quella, più impegnativa, della loro transizione al mondo adulto, invece di affrettarsi, anzi mentre si affrettano e si muovono incessantemente allo scopo di cogliere tutte le opportunità loro disponibili, arrivati qui rallentano, quasi si fermano. Tutte le ricerche sociologiche, psicologiche, pedagogiche svolte negli ultimi cinque anni, in Italia e in Europa, registrano inesorabilmente e stancamente lo stesso fenomeno: il forte e progressivo rallentamento del corso di vita delle giovani generazioni. La transizione alla vita adulta appare come bloccata, o almeno fortemente rallentata, e in corso di continuo progressivo rallentamento. Si tratta della cosiddetta “sindrome del ritardo”, intorno alla quale si sprecano gli appellativi sbrigativi ma anche serie preoccupazioni di carattere economico e pedagogico. Si tratta di una situazione che condividiamo con altri paesi e che richiede un esame serio.
  13. 13. Il dato ampiamente più noto è il prolungamento del periodo dedicato allo studio e il posponimento progressivo del momento di ingresso nella vita adulta, simbolizzato dall’autonomia abitativa. A 25-29 anni il 35% dei giovani non ha ancora finito gli studi (nel 1996 era solo il 24%, l’incremento è del 30%); di questi il 40% non sa se e quando finirà gli studi. A 30-34 anni non ha ancora finito il 20% (nel 2000 erano il 16%; incremento del 25%); di questi il 12% (pari al 60%) dichiara di non sapere se e quando finirà gli studi. Un aspetto parallelo della tendenza a restare in una fase di sospensione è la propensione elevata a non completare l’università. Nel nostro paese il tasso di completamento (laureati diviso per matricole) era del 45% nel 2005, mentre era il 62% in Francia, 75% in Germania e Spagna, 80% nel Regno Unito. Permane inoltre una cultura del ciclo lungo, che porta gran parte dei laureati a continuare lo studio anche dopo la laurea triennale. L’età media in cui i ragazzi italiani si laureano è oggi intorno ai 27 anni. Al Politecnico l’età media dei laureati è 26 anni (un anno dunque in anticipo rispetto alla media nazionale), con poche variazioni tra ingegneri (l’età media alla laurea è 25,7 nel 2009), architetti (26,5 anni) e designer (26 anni). Il 60% degli studenti italiani finisce quando è fuori corso. Il 43% dei laureati, non ancora soddisfatta, intende continuare gli studi anche dopo la laurea specialistica. Nel complesso un investimento prolungato negli studi potrebbe segnalare un aspetto positivo: maggiore preparazione, tempo ampio da dedicare alla sperimentazione, una prolungata fase di attesa allo scopo di cogliere le opportunità che si presentano. In linea di massima una preparazione migliore
  14. 14. dovrebbe offrire più chance di carriera e stipendi più elevati. Tuttavia il ritardo nel compimento degli studi ha un costo evidente: il posponimento della laurea comporta che si ritarda anche il momento in cui il giovane troverà un’occupazione stabile e guadagnerà quindi l’autonomia economica. Un rapporto recente sulla condizione giovanile in Francia si chiede: come fare a restare giovani così a lungo? La risposta è semplice ed è sotto gli occhi di tutti. Questo è possibile grazie alla solidarietà familiare. Il ritardo nel compimento degli studi è possibile perché si resta a vivere nella casa dei genitori. Negli ultimi 20 anni si registra in effetti un costante aumento nel numero di giovani che vivono nella casa dei genitori. Che sono ormai la quasi totalità nella fascia 20-24 anni, più di due terzi nella fascia 25-29 anni e ancora un terzo nella fascia dei giovani adulti, ovvero quella 30-34 anni (vedi grafico). Fonte: Buzzi, Cavalli e de Lillo, 2007 L’età media di abbandono della casa dei genitori è di 30 anni per maschi e 27 per femmine, mentre nei paesi del nord Europa ciò avviene in media intorno ai 20-21 anni sia per i ragazzi che per le ragazze. Siccome l’età a cui ci si
  15. 15. sposa è simile, la differenza è data dalla presenza di una fase di vita di dieci anni circa in cui i giovani del nord Europa vivono da soli. In Italia, invece, regge il sistema dei legami familiari. I giovani escono da casa prima dei 30 anni solo se possono permettersi condizioni di vita mediamente migliori rispetto ai loro coetanei del resto di Europa, che infatti sono molto più vulnerabili dei nostri, più esposti alla crisi occupazionale, alla povertà e al disagio abitativo. Stare nella casa dei genitori appare dunque una soluzione tutto sommato razionale e soddisfacente. Rafforzata dall’osservare che i giovani, quando si rendono autonomi, sperimentano gravi difficoltà in tutti i paesi europei. La soluzione familistica appare sensata anche dal punto di vista del rapporto tra le generazioni. Che è oggi largamente caratterizzato non più dal conflitto o dal compromesso, ma dall’intesa e dal negoziato, in cui tutto viene giustificato e concordato. I grandi scontri tra genitori e figli sono rimpiazzati oggi da una continua negoziazione sui confini, di cui sono i giovani a segnare il tempo. Emerge una sorta di tolleranza indifferente, o se si preferisce una intesa a distanza sugli stili di vita: ogni parte conduce la propria vita col beneplacito dell’altra. Tutto bene, dunque? Lungo il periodo della sospensione tutto procede bene naturalmente. Solo che i problemi della transizione alla vita adulta non sono risolti, ma solo rimandati. Cosa succede quando i giovani, ormai 30enni, si affacciano sul mondo del lavoro? Come fanno a realizzare l’autonomia dalla famiglia d’origine, un’opzione messa in sospeso per dieci anni ma che si riaffaccia davanti a loro, prima o poi? Il ritardo nell’acquisizione dell’autonomia produce vantaggi oppure provoca danni e difficoltà? La
  16. 16. risposta non dipende soltanto dai giovani e dalle loro famiglie, ma anche, e prioritariamente, dall’organizzazione sociale. E l’organizzazione della nostra società non è purtroppo funzionale a trovare risposte adeguate a questo problema. LA SOCIETÀ CONTRO I GIOVANI Un fortunato libretto pubblicato due anni fa da due economisti sul problema dei giovani era intitolato “Contro i giovani” per segnalare come l’organizzazione sociale attuale crei forti ostacoli sulla strada dell’autonomia e dell’autodeterminazione giovanile. In quello studio, così come in molti altri, si punta l’indice contro il meccanismo del ritardo che ho descritto in precedenza, mentre la tesi che sto sviluppando in questa sede è che il ritardo funzionerebbe, se fosse accompagnato da qualche sostegno nel momento in cui il dado va tratto, e bisogna varcare il Rubicone, ovvero bisogna entrare nel mercato del lavoro ed ottenere dal lavoro l’autonomia necessaria per acquisire l’autonomia completa. Il mercato del lavoro italiano, infatti, è molto inospitale nei confronti dei nostri giovani ormai trentenni. Essi sperimentano alti tassi di disoccupazione giovanile. Secondo l’indagine Reflex, il tasso di disoccupazione dei laureati italiani a 5 anni dalla laurea è del 7,5%, inferiore solo a quello spagnolo. Secondo i dati di Alma Laurea, il tasso di disoccupazione dopo 5 anni sarebbe del 5.5%. In ogni caso superiore a quello europeo, che in media si attesta intorno al 4%. Nei primi 5-6 anni dopo la laurea il 64% dei nostri studenti svolge lavori temporanei (la media EU è del 47%). Solo il 39% dei laureati
  17. 17. dichiara di fare dei lavori ad elevato contenuto di innovazione (sono il 48% in Europa). Consideriamo i salari di avvio. Secondo l’indagine Reflex, il salario medio 5 anni dopo la laurea sarebbe di 1.600 euro, contro i 2.200 in Francia, 3.700 in Germania, 2.700 nel Regno Unito, e 1.500 in Spagna. Pari a 10 euro orarie (lo stesso in Spagna, mentre diventano 14 euro in Francia, 15 euro nel Regno Unito e 18 euro in Germania). Solo il 58% è soddisfatto dopo 5 anni (il 63% in Spagna, 68% in Francia, 69% in Germania, 65% nel Regno Unito). Secondo Bankitalia, il reddito della fascia 19-30 anni era inferiore a quello della fascia 31-60 del 20% negli anni ottanta, mentre ora il gap è del 35%. Il salario di ingresso si è ridotto del 11% negli ultimi 10 anni, nonostante chi entri oggi nel mercato del lavoro sia più istruito di ieri. Nel 2004 gli ingegneri italiani under 30 erano retribuiti il 36% in meno dei loro colleghi europei; gli ingegneri tra 31 e40 anni sono pagati un quarto meno, mentre oltre 40 anni le retribuzioni si equalizzano, a riprova che lo svantaggio si concentra tutto nelle generazioni più giovani. Il tasso di rendimento dell’istruzione universitaria è dunque molto basso in Italia. Non c’è da stupirsi che il brain drain sia molto elevato nel nostro paese: il 2,3% dei laureati in Italia lavora all’estero, contro lo 0.6% della Germania, lo 0.8% della Spagna, l’1.1% della Francia. L’Italia si trova dunque in una posizione particolare: è ultima in Europa per quota di laureati (12%) e offre al tempo stesso un rendimento molto basso dell’istruzione. Potremmo proseguire nell’analisi delle difficoltà odierne delle giovani generazioni a completare la transizione verso l’età adulta e l’autonomia. Basti pensare alla questione abitativa, stretta tra la difficoltà di ottenere un mutuo
  18. 18. per l’acquisto e il modesto volume del mercato dell’affitto. Si stima che a Milano nel 1975 fosse necessario in media un reddito pari a sei annualità di lavoro per acquistare una casa di dimensioni medie; nel 2008 le annualità sono raddoppiate. Ma ancora più pericolosa, nella prospettiva del rapporto tra generazioni, è la posizione previdenziale dei giovani di oggi: oggi chi lavora versa circa il 45% della retribuzione lorda tra contributi e tasse sui redditi a chi è in pensione: mentre la generazione precedente aveva un prelievo circa del 30%. Chi ha cominciato a lavorare oggi avrà una pensione inferiore circa del 20-30% rispetto all’ammontare delle pensioni attuali. I giovani dunque pagano di più e prenderanno molto di meno, col rischio supplementare di non maturare i requisiti per una pensione superiore al livello di sussistenza. Fronteggiano un sistema di welfare che premia la solidarietà verso la generazione anziana di oggi e non certo un equilibrio tra le generazioni. Ecco quindi qual è l’esito della moratoria. I costi relativi dell’uscita da casa aumentano (più costi abitativi, salari di ingresso minori); peggiorano anche le aspettative di miglioramento complessivo. Il tutto regge soltanto perché si è stabilito un patto adattivo tra generazioni che consente ai giovani di oggi di fruire del benessere raggiunto dai genitori senza particolari vincoli. Da un lato questa situazione offre un maggiore margine di scelta per i giovani, ma dall’altro li condanna alla dipendenza, segnalando “una società poco dinamica che lascia poco spazio ai giovani” come afferma il demografo più noto in Italia, Livi Bacci. Inoltre, aspetto non irrilevante, questa tendenza riproduce nel tempo le disuguaglianze sociali e di classe, perché il futuro dei giovani, le loro chance di riuscita, dipendono in modo cruciale dalle risorse rese disponibili dalle loro famiglie di origine: se queste hanno ingenti risorse da trasmettere, tutto riesce bene; altrimenti si creano situazioni di rischio e di
  19. 19. disagio. La transizione verso l’età adulta avviene attraverso meccanismi ereditari molto più che attraverso l’acquisizione di competenza o la capacità di intraprendere. Infine, in questo modo i giovani non si allenano all’autonomia, a fare progetti e a realizzarli. Su questo ultimo aspetto vorrei sviluppare le mie considerazioni conclusive. PROGETTARE NELL’INCERTEZZA: MISSION IMPOSSIBILE? Per i giovani di Lecco il silente passaggio da una carriera standardizzata e auspicata dai genitori ad un percorso rallentato, molto più incerto ma sicuramente più affascinante (almeno per alcuni anni, sino alla resa dei conti), coincide con un cambio nel tipo di progettualità biografica. La fase giovanile è stata concepita a lungo come una fase di preparazione alla vita adulta, imperniata su un meccanismo psicologico e relazionale che dava un senso all’esistenza del giovane, ai suoi rapporti con gli adulti, e anche all’esperienza dello studio universitario. Il meccanismo è stato denominato, in una importante ricerca sociologica realizzata negli anni ’80 da Alessandro Cavalli, “differimento delle gratificazioni”. Esso indica la capacità di vivere il presente in funzione del futuro. La gioventù è l’attesa attiva del futuro. E il futuro è la chiave del senso dell’agire, lo spazio in cui si costruisce un progetto di vita. Quella ricerca segnalava che, a cominciare dagli anni settanta, si stava diffondendo una sindrome, definita “incertezza biografica”, che impediva di far scattare il meccanismo del differimento delle gratificazioni. Di fronte all’esplosione della disoccupazione giovanile, investire a lungo termine sul futuro, così come procrastinare la soddisfazione dei propri desideri, diventava irrazionale e insensato. Conveniva addestrarsi a
  20. 20. cogliere l’attimo. Dalla stabilità del differimento si passò all’instabilità dell’occasionalismo. Il meccanismo dunque si era inceppato, non funzionava più. Troppe le incertezze sul futuro per fare investimenti a lungo termine, e troppe le tentazioni del presente, una volta che il giovane ha affermato la sua autonomia dalle generazioni precedenti e la sua voglia di autodeterminazione. Allora si disse: essere giovani è una condizione sociale e non uno stato di transizione. I giovani sono diventati a pieno titolo attori sociali, del consumo e della cultura. La gioventù non è più un tempo di investimento allo scopo di ottenere un ruolo sociale pieno, ma è una forma inedita del vivere contemporaneo, una fase di vita con caratteri permanenti e una propria identità, riconoscibile quanto esiste l’età adulta e quella anziana. Ma è una condizione segnata dalla crisi, dall’incertezza, dall’assenza di progettualità. Oggi cosa accade? All’incertezza che impediva una progettualità a lungo termine, oggi si aggiunge l’accelerazione tecnologica e sociale. Il futuro si contrae, lo spazio si accorcia e quasi si annulla. La società dell’accelerazione crea quasi una de-temporalizzazione biografica (H. Rosa): “l’esistenza non è più progettata lungo una linea che va dal passato al futuro; piuttosto, le decisioni sono prese di tanto in tanto sulla base di esigenze e desideri legati alla situazione e al contesto”. Si enfatizzano le capacità di far fronte a cambiamenti di rotta imposti da nuove circostanze. Alcuni parlano di una strategia dell’indeterminazione. Emergono elaborazioni iperattiviste della vita, impostate su continue esplorazioni del presente. Oppure strategie imperniate su obiettivi minimi e linee guida, una progettualità imperniata sulle aree limitrofe al presente. La biografia non è più un unico e coerente progetto solo, ma non è neanche l’assenza tout court di progettualità. È piuttosto la composizione di tanti progetti, un’azione multitasking in cui
  21. 21. convivono diversi piani d’azione. La contrazione del presente diventa una strategia pragmatica che consente di costruire la propria biografia venendo a patti con la rapidità dei mutamenti e l’incertezza che l’accompagna. Il termine “progettare” proviene dalla parola latina "pro-jectare", che significa gettare oltre, gettare avanti; non credo che il giovane contemporaneo non “getti oltre”, ma lo fa in una prospettiva temporale non troppo lunga e “gettando avanti” diverse possibilità, non ancorandosi più ad una sola. I segnali di questo passaggio sono diversi. La de-sincronizzazione delle tappe del corso di vita che segnano la transizione alla vita adulta; l’allungamento della transizione, con periodi di sospensione e attese tra una tappa e l’altra ; la de-standardizzazione biografica, ovvero l’esistenza di modelli biografici distanti da un modello lineare di vita. Se tuttavia cresce l’esigenza di elaborare piani d’azione a breve termine, cresce anche il disagio di non riuscire a reggere lo scarto tra reale e possibile. Si costruiscono biografie povere, e non ricche, di progetti. In Italia questo è un rischio molto diffuso, perché i sostegni all’autonomia dei giovani sono pochi. La moratoria senza differimento delle gratificazioni rischia di trasformarsi, per molti giovani, nella perdita di aspettative e progetti. Le difficoltà di ingresso nella vita adulta sono aumentate, e la moratoria, invece che aiutare, rischia di peggiorare le condizioni della transizione. Basta considerare che cosa conta, secondo i giovani, per fare carriera. Essere competenti conta per il 38% dei giovani; ma essere aiutati da persone influenti conta per il 32%. Oltre i 25 anni i due aspetti contano eguali, mentre per i giovanissimi conta molto di più la competenza. Per i livelli alti di istruzione
  22. 22. conta più la competenza (48% vs. 23%), mentre ai livelli bassi contano anche le conoscenze (36% vs. 33%). Chi nutre aspettative più alte sa dunque che deve investire sulla propria competenza. Ma è indicativo che la moratoria, l’avvicinamento ai 30 anni, comporta una minore fiducia nella competenza, la scoperta che la realtà richiede altre risorse che non quelle acquisibili attraverso la formazione. Ci si rende conto che il rendimento dell’istruzione è basso, e ciò può far percepire come insensata una moratoria prolungata. La fiducia nel futuro. I giovani adulti hanno aspettative sul futuro, anche se non molto chiare, ma soprattutto prediligono le scelte reversibili. Tra i 30- 34enni, il 75% afferma che nella vita bisogna avere degli obiettivi, ma il 79% afferma che nella vita è importante tenersi sempre aperte molte possibilità e molte strade, e il 62% dice che nella vita le scelte non sono mai per sempre e possono essere sempre riviste. Infine, Il 48% non esprime preferenze riguardo il tipo di lavoro cercato dopo la laurea: un segno di grande incertezza sul futuro e sul senso della propria moratoria. A questo processo si accompagna una riduzione costante del tasso di attività dei giovani, ovvero una ridotta propensione ad alternare lavoro e studio. Infine, sempre riguardo il lavoro, colpisce che la forma preferita di occupazione per i giovani italiani è quella del lavoro autonomo: lo vuole il 55%. Indica più libertà, più spazio all’espressione di sé, più disponibilità a prendere iniziativa. Tuttavia questa enfasi sui valori dell’imprenditorialità e dell’autonomia, tanto coerente con gli imperativi della società dell’accelerazione, convive con una minore disponibilità ad accettarne le implicazioni , a cominciare proprio dalla mobilità. Decresce infatti nel tempo la quota di giovani che è disposta a spostarsi per trovare lavoro: la
  23. 23. propensione alla mobilità geografica cala (dal 68% nel 1987 al 52% nel 2004). Cosa accadrà dunque a Lecco? Dubito che si riesca a convincere gli allievi degli istituti tecnici a scegliere la carriera del perito e ad interrompere la loro moratoria, semmai qualcuno intendesse provarci. Sarebbe come riportare indietro le lancette dell’orologio agli anni sessanta. Ma l’alternativa è opaca. Affascinati dalle sirene della società dell’accelerazione, gli studenti di Lecco guardano oltre il locale, prolungano all’infinito lo stato di benessere in cui vivono (procurato peraltro dai loro genitori), sognando una carriera luminosa da imprenditori o professionisti che appare difficile da realizzare. Intanto esplorano le possibilità della situazione presente e si rendono pronti e disponibili per qualunque opportunità venga presentata loro. Ma mentre esercitano questo iperattivismo, o questa progettualità debole nelle versioni più raffinate ed elaborate, affiorano inquietudini e paure che chiedono di essere controllate. L’obbligo crescente ad elaborare da sé l’insicurezza fa sorgere nuove domande che investono anche le istituzioni sociali. ANDARE OLTRE LO SPECIALISMO Quale indicazione finale possiamo trarre da questa analisi? Novanta anni fa, all’indomani della sconfitta tedesca nella prima guerra mondiale, in un momento in cui era vivo il senso della crisi generale della Germania e del fallimento della sua classe dirigente, in una conferenza tenuta alla Lega studentesca sulla “scienza come professione”, Max Weber esaltò la specializzazione non solo come fondamento per il progresso scientifico e tecnico, ma anche come base per poter sentire quella che lui chiamò
  24. 24. l’esperienza vissuta della scienza. Ovvero quel sentimento, quella passione, quella devozione a sé stessi, quella vocazione professionale in base alla quale “dovevano passare millenni prima che tu venissi al mondo, e altri millenni attendono in silenzio”. Un’idea di vocazione vicina a quella fondata sul differimento della gratificazioni, in vista di un successo futuro. Oggi, quando la specializzazione ha raggiunto un livello neanche immaginabile all’epoca di Weber, la carriera e il futuro professionale degli uomini di scienza, ma anche dei lavoratori normali, non sono più assicurati soltanto dallo specialismo, ma anche dalla capacità di far fronte all’incertezza e all’accelerazione. Ciò richiede un’istruzione più raffinata, che accosti alla preparazione specialistica anche un movimento di de-specializzazione dell’istruzione universitaria. Si tratta infatti di sostenere l’autonomia dei giovani, di aiutarli a non smarrirsi di fronte alla complessità delle sfide odierne. Un’istituzione che è nata per i giovani dovrebbe innanzitutto mostrare, nel suo stesso modo di organizzarsi e di agire, quale è la via migliore per vincere la sfida, evitando la tentazione di limitarsi ad assecondare i comportamenti posticipativi dei giovani di oggi. Regole valide per tutti ed obiettivi chiari dovrebbero costituire dei riferimenti precisi per tutti, finalizzati a mostrare ai giovani che, pur nell’incertezza e nella velocità dei cambiamenti, alcune regole fondamentali del gioco restano costanti. Maggiore universalismo nelle procedure concorsuali a tutti i livelli, predisposizione di obiettivi formativi chiari e raggiungibili sui quali è prevista una valutazione dei risultati che non fa sconti a nessuno, maggiore rigore nella presenza e nell’attività didattica dei docenti, non servirebbero solo a orientare meglio l’università verso il merito, ma soprattutto sarebbero delle forme di sostegno all’autonomia dei ragazzi e delle ragazze di oggi.
  25. 25. Ma questo non è tutto. Perché lo studio non sia soltanto uno spazio di sospensione, esso deve comunicare la passione, rendersi occasione per quel genere di esperienze vissute di cui parlò Weber nel lontano 1918. Come ricreare uno spazio per le passioni in una università di massa? Non esistono ricette facili, ma credo che si dovrebbe partire dal dare la possibilità ai giovani di realizzare in modo produttivo quello che già sanno fare: attraversare mondi diversi, sperimentarsi in problemi complessi, muoversi tra attività e competenze diversificate. Nella società iperspecializzata in cui viviamo, l’innovazione passa paradossalmente attraverso attività di combinazione e ri-combinazione, la commistione di saperi e tecniche diverse, traslazioni di modelli e soluzioni già esistenti in campi in cui non sono ancora noti. In questa attività multitasking i giovani di oggi hanno una competenza molto superiore a quella delle generazioni precedenti. Le attività formative che organizziamo nell’Alta Scuola Politecnica puntano proprio sull’innovazione. Per fare questo forniamo agli studenti competenze trasversali, esponendo gli ingegneri alle culture progettuali dell’architettura e del design e viceversa, e proponiamo loro di realizzare progetti multidisciplinari, in cui la soluzione di problemi complessi richiede, come avviene nella realtà, di combinare insieme competenze diverse, intrecciando sensibilità, linguaggi e modi di procedere diversi. Una semplice esperienza, che ha trovato sinora un buon riscontro nelle reazioni dei ragazzi. Per concludere, se il rapporto con l’insicurezza è oggi la sfida chiave, allora la formazione delle attitudini necessarie a gestire tale rapporto diventa un compito essenziale di cui deve farsi carico la stessa università. È questa la sfida all’autodeterminazione. In questa sfida la differenziazione tra chi possiede le capacità e le competenze culturali adeguate per sviluppare la
  26. 26. propria biografia e chi non le possiede aumenterà notevolmente. Una buona transizione alla vita adulta, dunque, non dipenderà solo dalla preparazione tecnica, ma anche dalla capacità di fare progetti in condizioni di incertezza, dalla possibilità di raggiungere risultati, magari parziali e limitati, ma realisticamente perseguibili. L’università potrebbe essere non solo il luogo dell’apprendimento specialistico, ma la palestra in cui sperimentare e affinare queste nuove capacità. Bibliografia essenziale Allen J. e van der Velden R., The Flexible Professional in the Knowledge Society: General Results of the REFLEX Project, Research Centre for Education and the Labour Market, Maastricht University, 2007 Bauman Z., Modernità liquida, Laterza, 2000 Beck U., Costruire la propria vita. Quanto costa la realizzazione di sé nella società del rischio, Il Mulino, 2008 Beck U., Giddens A e Lash S., Reflexive Modernization: Politics, Tradition and Aesthetics in the Modern Social Order, Cambridge: Polity, 1994 Boeri T. e Galasso V., Contro i giovani. Come l’Italia sta tradendo le nuove generazioni, Mondadori, 2007 Buzzi C., Cavalli A., de Lillo A., Rapporto giovani, Il Mulino 2007 Cavalli A. (a cura di), Il tempo dei giovani, Il Mulino, 1985. Cerea S., Cucca R. e Rago M., Coesione sociale e sviluppo nei distretti industriali, Politecnico di Milano, 2008, in corso di pubblicazione Cohen D., Uue jeunesse difficile. Portrait économique et social de la jeunesse française, Éditions Rue d’Ulm/Presses de l’École normale supérieure, 2007 Leccardi C., Sociologie del tempo. Soggetti e tempo nella società dell’accelerazione, Laterza, 2009 Livi Bacci M., Avanti giovani, alla riscossa. Come uscire dalla crisi giovanile in Italia, Il Mulino, 2008 Mannheim K., Le generazioni, il Mulino 2008 (ed orig. 1928) Regini M. (a cura di), Malata e denigrata. L’Università italiana a confronto con l’Europa, Donzelli, 2009 Rosa H., “Social Acceleration: Ethical and Political Consequences of a Desynchronized High-Speed Society”, in Constellations, Vol. 10, No 1, 2003 Virilio P., Velocità e politica, Multhipla, 1981 Weber M., La scienza come professione, Milano, Bompiani, 2008 ( ed orig. 1919).

×