Uso del cronotachigrafo da parte del conducente
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Uso del cronotachigrafo da parte del conducente

on

  • 1,602 views

 

Statistics

Views

Total Views
1,602
Views on SlideShare
1,602
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
8
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Uso del cronotachigrafo da parte del conducente Uso del cronotachigrafo da parte del conducente Document Transcript

    • USO DEL DISPOSITIVO DI CONTROLLO (TACHIGRAFO DIGITALE E CRONOTACHIGRAFO) DA PARTE DEL CONDUCENTESommario:QUADRO GENERALEMODALITÀ DI UTILIZZAZIONE DEI CRONOTACHIGRAFI ANALOGICI NEL MODO CONDUCENTEVerifica dellora registrataCompilazione dei fogli di registrazioneDati da inserire allinizio del viaggioCommutazione del dispositivo per registrare i periodi diversi da quelli di guidaDati da inserire alla fine del viaggioAnnotazioni manuali sul foglio di registrazioneAnnotazione in caso di cambio del veicoloAnnotazione in caso di avaria del dispositivoAltre annotazioni manualiPossesso dei fogli di registrazione utilizzatiDue conducenti a bordo del veicoloMODALITÀ DI UTILIZZAZIONE DEI DISPOSITIVI DIGITALI NEL MODO CONDUCENTEUtilizzazione della carta tachigrafica per tachigrafi digitaliInserimento della carta tachigraficaVerifiche preliminari dopo linserimento della cartaRegistrazione di attività inserite manualmente nellapparecchioVisualizzazione dei messaggi delle attività registrateEstrazione della carta tachigraficaRegistrazione della guida in caso di smarrimento, furto o deterioramento della cartaRegistrazione della guida in caso di avaria o inefficienza dellapparecchio di controlloImpiego del veicolo in attività al di fuori del campo di applicazione delle norme comunitarieGUIDA PROMISCUA DI VEICOLI CON CRONOTACHIGRAFO DIGITALE E TACHIGRAFO ANALOGICODocumenti che deve avere con sé il conducente in caso di guida promiscuaQUADRO GENERALE La documentazione dellattività svolta dal conducente viene conservata attraverso supporti con modalitàdiverse a seconda del dispositivo utilizzato:• nei dispositivi di tipo analogico, lattività è documentata attraverso fogli di registrazione (supporto cartaceo) inseriti negli apparecchi e da questi scritti;• nei dispositivi di tipo digitale, invece, lattività svolta è documentata attraverso carta tachigrafica (supporto magnetico) sulla quale il dispositivo di controllo memorizza le informazioni registrate. Possono essere utilizzati solo fogli di registrazione omologati. Negli apparecchi digitali, il conducentedeve inserire la propria carta tachigrafica. Prima di iniziare lattività di guida, il conducente deve compiere una serie di operazioni o di verifiche peraccertarsi che lapparecchio di controllo funzioni correttamente. Il foglio di registrazione o la carta tachigrafica devono essere utilizzati dal momento in cui il conducenteprende in consegna il veicolo fino al momento in cui lo restituisce. Durante il periodo di guida giornaliero ovvero di riposo, se necessario, devono essere effettuate leopportune annotazioni manuali dei dati che non vengono automaticamente registrati dallapparecchio dicontrollo. I fogli di registrazione (dischi), che vanno conservati per almeno un anno presso la sede dell’impresa,consentono agli organi di polizia la verifica dei tempi di guida, di riposo giornaliero e settimanale e la velocitàdi marcia.MODALITÀ DI UTILIZZAZIONE DEI CRONOTACHIGRAFI ANALOGICI NEL MODO CONDUCENTE
    • I cronotachigrafi analogici memorizzano le informazioni relative alla guida, alla velocità e alle distanzepercorse su un foglio di registrazione (disco) che il conducente deve compilare prima di prendere inconsegna il veicolo. Il foglio deve essere sostituito quando il conducente riconsegna il veicolo oppure dopo24 ore dal suo inserimento. Alcune informazioni relative ad attività compiute fuori dal veicolo devono essereannotate manualmente sul foglio di registrazione.Verifica dellora registrata Prima di inserire il foglio di registrazione il conducente deve accertarsi che lorologio del dispositivo siasincronizzato con lora legale del paese in cui il veicolo circola. A tal fine, se lorologio posto sul quadrantedel dispositivo è analogico (segna solo 12 ore), il conducente deve controllare anche lindicatore interno perverificare che lora corrisponda esattamente (1).Compilazione dei fogli di registrazione Ogni foglio di registrazione deve essere utilizzato solo per un giorno di guida. Per giorno di guida si intende "giornata lavorativa del conducente" cioè il periodo preceduto e seguitoda un riposo giornaliero. Il foglio di registrazione, perciò, deve essere inserito allinizio del viaggio (cioèquando il conducente prende in consegna il veicolo) e deve essere sostituito dopo 24 ore (es.: inserito alleore 22,00 deve essere sostituito alle ore 22,00 del giorno successivo). Poiché il cronotachigrafo serve principalmente per controllare il rispetto della normativa relativa ai periodidi guida e di riposo, se durante uno stesso viaggio due conducenti si alternano alla guida di uno stessoveicolo, ciascuno deve essere munito di un proprio foglio di registrazione. I fogli di registrazione recano spazi specifici destinati alle varie annotazioni manuali che il conducente ètenuto ad inserire a inizio e fine viaggio e che sono identificati attraverso alcuni simboli unificati.Dati da inserire allinizio del viaggio Il conducente prima di iniziare il viaggio deve compilare la parte centrale del disco diagrammale con tutti idati richiesti:• nome e cognome,• luogo di partenza e luogo darrivo,• data di partenza,• targa del veicolo,• chilometraggio del veicolo alla partenza.Commutazione del dispositivo per registrare i periodi diversi da quelli di guida I conducenti devono azionare i dispositivi di commutazione che consentono di registrare separatamentee distintamente i periodi di tempo diversi dalla guida. Il dispositivo di controllo, infatti, si posiziona in modoautomatico nella modalità "guida" ogni volta che viene messo in movimento mentre, quando si ferma, torna aregistrare nella modalità imposta dal conducente (riposo, permanenza sul lavoro, altre mansioni, ecc.).Dati da inserire alla fine del viaggio Giunto a destinazione, il conducente deve inserire i seguenti dati:• data di arrivo,• chilometraggio del veicolo allarrivo,• km effettivamente percorsi, ottenuti per differenza col chilometraggio di partenza. Il chilometraggio iniziale e finale devono essere desunti dalla lettura del contachilometri.TEMPO 0 Il conducente prende in consegna il veicolo dopo un periodo di riposo (giornaliero o settimanale): • entra nel veicolo e aziona laccensione; • verifica che lora locale corrisponda con quella indicata dallorologio del cronotachigrafo (e, se necessario la regola).TEMPO 1 Il conducente prende un foglio di registrazione: • verifica che sia omologato per il dispositivo sul quale lo deve utilizzare (in particolare controlla la velocità massima di esercizio); • compila la parte centrale del foglio (nome, cognome, luogo di partenza, targa del veicolo, km iniziali); • (eventualmente) registra manualmente le attività compiute fuori dal veicolo prima di prenderlo in consegna (usando lo spazio nel retro).
    • TEMPO Il conducente inserisce il foglio di registrazione nellapparecchio, seleziona lattività che deve compiere ("Altro tempo di lavoro") e2 chiude il coperchio: • lapparecchio di controllo esegue la procedura di verifica della funzionalità; • lapparecchio di controllo inizia a registrare lattività impostata dal conducente (traccia una linea sul foglio di registrazione).TEMPO 3 Il conducente avvia il veicolo e inizia il viaggio: • lapparecchio di controllo passa automaticamente in attività "Tempo di guida"; • lapparecchio registra sul foglio il tempo trascorso alla guida, la distanza percorsa e la velocità.TEMPO 4 Dopo un certo periodo di guida, il conducente ferma il veicolo (ad es. per caricare o scaricare la merce): • lapparecchio di controllo passa automaticamente in attività "Altro orario di lavoro"; • lapparecchio registra sul foglio la durata di tale attività.TEMPO 5 Il conducente avvia nuovamente il veicolo e riprende il viaggio: • lapparecchio di controllo passa automaticamente in attività "Tempo di guida"; • lapparecchio registra sul foglio il tempo trascorso alla guida, la distanza percorsa e la velocità.TEMPO 6 Dopo 4 ore e mezza di guida, il conducente fa pausa e arresta il veicolo: • lapparecchio di controllo passa automaticamente in attività "Altro orario di lavoro"; • il conducente imposta manualmente su "Pause e tempi di riposo" (altrimenti questo periodo di tempo verrebbe valutato come "Altro tempo di lavoro").TEMPO 7 Il conducente prosegue il viaggio: • lapparecchio di controllo passa automaticamente in attività "Tempo di guida"; • lapparecchio registra sul foglio il tempo trascorso alla guida, la distanza percorsa e la velocità.TEMPO 8 Il conducente completa le ore di guida della sua giornata lavorativa e ferma il veicolo: • lapparecchio di controllo passa automaticamente in attività "Altro orario di lavoro"; • il conducente imposta manualmente su "Pause e tempi di riposo"; • il conducente estrae il foglio di registrazione dallapparecchio (*); • il conducente compila la parte centrale del foglio (luogo di arrivo, km finali).TEMPO 9 Il conducente si allontana dal veicolo per fruire del riposo giornaliero (o iniziare quello settimanale)._____(*) Il foglio di registrazione non deve essere estratto se il conducente fruisce del riposo a bordo del veicolo. In tal caso, dopo 24 ore dal suo inserimento, il conducente lo deve sostituire con un altro foglio di registrazione, opportunamente compilato.Annotazioni manuali sul foglio di registrazione Lapparecchio di controllo è in grado di scrivere in modo automatico sul foglio di registrazione una serie diattività (tempi di guida, distanze, assenza di movimento del veicolo, ecc.). Tuttavia, in alcuni casi, leinformazioni richieste al conducente per documentare la sua attività di guida, devono esservi annotatemanualmente dal conducente stesso: in particolare, ciò accade in caso di cambio del veicolo durante unostesso periodo di guida oppure in caso di avaria del dispositivo di controllo. Annotazione in caso di cambio del veicolo Se durante il viaggio il conducente cambia veicolo deve comunque continuare ad usare lo stesso foglio diregistrazione annotandovi la targa del nuovo veicolo ed i chilometraggi dei due veicoli. Le indicazioni relative al cambio di veicolo sono stampate sul retro del foglio dove è possibile registrarefino ad un massimo di tre cambi. La parte anteriore del foglio deve comunque essere completata prima dieffettuare il cambio; il conducente deve, quindi, provvedere ad inserirvi il chilometraggio finale e parzialerelativo al primo veicolo (utilizzato fino al momento del cambio).Annotazione in caso di avaria del dispositivo Se durante il viaggio il cronotachigrafo si rompe o resta fermo per qualsiasi causa, il dispositivo deveessere riparato nel più breve tempo possibile. Per individuare momento e luogo per la riparazione occorreperò distinguere due ipotesi (2):
    • • se il veicolo effettua un viaggio con durata inferiore a sette giorni, la riparazione può essere eseguita quando il veicolo è rientrato nel luogo in cui abitualmente staziona;• viceversa, se il viaggio si protrae per più di sette giorni, il dispositivo deve essere riparato durante il viaggio. In ogni caso, per tutto il periodo di inefficienza del dispositivo, il conducente deve riportare manualmentetutti i dati relativi ai periodi di guida e di riposo utilizzando gli appositi spazi, con le caselle relative a orari eattività nella facciata posteriore del disco stesso (o di un altro foglio appositamente compilato).Altre annotazioni manuali Il conducente (3) deve provvedere ad annotare manualmente sulla facciata posteriore del foglio diregistrazione, sotto il simbolo "altre mansioni" o "tempi di disponibilità" (4), anche le informazioni relative aiseguenti periodi di tempo trascorso in attività diverse dalla guida (5):• permanenza forzata a bordo del veicolo in attesa delle operazioni di carico o di scarico (6);• pulizia del mezzo dopo lo scarico ovvero di manutenzione tecnica ordinaria;• guida di veicoli usati per operazioni commerciali che esulano dal campo di applicazione della normativa comunitaria;• tempo trascorso per la verifica o lassistenza per la corretta sistemazione del carico;• ogni altra operazione volta a garantire la sicurezza del veicolo, del carico e dei passeggeri o ad adempiere gli obblighi legali o regolamentari direttamente legati al trasporto specifico in corso, incluse le formalità amministrative di polizia, dogana, immigrazione ecc.;• tempo impiegato per recarsi (con il proprio veicolo privato o mezzo pubblico di trasporto) sul luogo ove prendere in consegna un veicolo ovvero per ritornarvi se il veicolo non si trova nel luogo di residenza del conducente né presso la sede di attività del suo datore di lavoro salvo il caso in cui il conducente si trovi su una nave traghetto o un convoglio ferroviario e disponga di una branda o di una cuccetta;• tempo impiegato alla guida di un veicolo non rientrante nel campo di applicazione del regolamento comunitario per recarsi sul luogo ove prendere in consegna un veicolo rientrante nel campo di applicazione del regolamento, o per ritornarvi se il veicolo non si trova nel luogo di residenza del conducente né presso la sede di attività del suo datore di lavoro (7);• periodi diversi da riposi intermedi e periodi di riposo, durante i quali il conducente, pur non dovendo rimanere sul posto di lavoro, deve tenersi a disposizione per rispondere a eventuali chiamate di richiesta di iniziare o riprendere la guida o di eseguire altri lavori (8);• periodi di attesa alle frontiere e quelli dovuti a divieti di circolazione (salvo che il conducente non fruisca di riposo giornaliero a bordo del veicolo);• quando sono presenti due conducenti, il tempo trascorso a fianco del conducente o in una cuccetta durante la marcia del veicolo.Possesso dei fogli di registrazione utilizzati Va posta ogni cura per evitare linsudiciamento o il deterioramento del disco: in caso di deterioramento, ildisco deteriorato va sostituito e allegato al foglio di riserva utilizzato in sostituzione. Per quanto riguarda invece lobbligo di conservare i fogli di registrazione nel tempo, il conducente deveavere con sé:• i fogli della giornata in corso,• quelli degli ultimi 28 giorni precedenti (9). Lobbligo di conservazione è personale, si riferisce cioè al conducente e non al veicolo condotto; perciò, ilconducente che ha guidato, durante la stessa settimana, più veicoli, deve portare con sé i fogli di tutti viaggiprecedenti per poterli esibire, se richiesti, agli agenti di controllo. In caso di guida promiscua di veicoli con cronotachigrafo analogico e tachigrafo digitale, il conducentedeve avere con sé anche la carta tachigrafica e gli scontrini prodotti dal dispositivo digitale In ogni caso, ilconducente deve sempre portare con sé la carta tachigrafica di cui è titolare (10), anche se non ha guidato inmodo promiscuo veicoli con dispositivi analogici e digitali.Due conducenti a bordo del veicolo Quando a bordo del veicolo munito di apparecchio di controllo analogico vi è più di un conducente, chiguida effettivamente deve collocare il proprio foglio di registrazione nella posizione corretta (fogliosuperiore).
    • Durante tutto il viaggio, i conducenti apportano le necessarie variazioni ai fogli di registrazione, in modoche le informazioni relative a guida, velocità e distanze percorse siano registrate sul foglio di registrazionedel conducente che si trova effettivamente alla guida e provvedono a commutare sullattività svolta quandonon guidano.MODALITÀ DI UTILIZZAZIONE DEI DISPOSITIVI DIGITALI NEL MODO CONDUCENTE Lapparecchio di controllo digitale, utilizzato nella modalità di verifica della guida del conducente, registrain modo automatico linserimento e lestrazione della carta, lattività di guida del conducente (compresepause e interruzioni) e le situazioni di cattivo funzionamento dellapparecchio. Attraverso la tastiera alfanumerica di cui è dotato, possono essere inoltre registrati i dati relativi al luogo di inizio e termine del viaggio e al tipo di attività svolta durante il periodo in cui il conducente non guida (se trattasi cioè di riposo o permanenza sul lavoro).Utilizzazione della carta tachigrafica per tachigrafi digitali La carta del conducente deve essere utilizzata per ciascun giorno di guida, a partire dal momento in cuiun conducente prende in consegna un veicolo fino a quando non lo riconsegna. La carta del conducente èpersonale e non può essere mai ceduta, neanche in caso di temporanea sostituzione alla guida. È sempre vietato:• usare carte difettose o il cui periodo di validità sia scaduto o comunque per un periodo più lungo di quello per il quale erano destinate;• falsificare, cancellare o distruggere i dati registrati sulla carta del conducente, nonché i documenti stampati prodotti dallapparecchio di controllo;• manomettere la carta del conducente per falsificare i dati e/o i documenti stampati o renderli inaccessibili o distruggerli (11).Inserimento della carta tachigrafica La carta deve essere inserita nellalloggiamento del dispositivo a partire dal momento in cui ilconducente prende in consegna il veicolo. La carta può essere inserita solo con la chiave daccensioneinserita e il veicolo fermo. Se sono presenti a bordo più persone che si alternano nella guida (multipresenza), ciascuna deveinserire la propria carta tachigrafica nellapparecchio. Nellalloggiamento riservato alla carta del conducentesarà inserita la carta di chi sta svolgendo effettivamente attività di guida (12).Verifiche preliminari dopo linserimento della carta Dopo linserimento della carta, lapparecchio di controllo chiede di confermare alcune informazioni chevengono visualizzate sul display. In particolare, chiede al conducente di confermare o indicare:• Paese di inizio del viaggio (sigla internazionale),• ora locale di questo Paese (13),• come considerare le attività compiute prima dellinserimento della carta (dallultima estrazione).Registrazione di attività inserite manualmente nellapparecchio Lapparecchio di controllo è in grado di registrare automaticamente lattività di guida del conducente (14). Quando il conducente si allontana dal veicolo perdendone la disponibilità effettiva e non è comunque ingrado di utilizzare lapparecchio di controllo, deve estrarre la carta dallapparecchio. Quando la carta èinserita nuovamente in un apparecchio di controllo, i gruppi di tempi di lavoro trascorsi fuori del veicolodevono essere inseriti nella memoria della carta attraverso la tastiera dellapparecchio di controllo stesso. Il conducente deve inserire manualmente i tempi trascorsi nelle attività indicate precedentementeLinserimento di tali attività è compiuto:• al momento in cui è inserita la carta tachigrafica, per i periodi trascorsi fuori del veicolo e prima che esso sia stato preso in consegna (15);• durante il viaggio, agendo sul commutatore dellattività o sul comando per linserimento di attività specifiche (16).Visualizzazione dei messaggi delle attività registrate Durante la guida, lapparecchio di controllo visualizza alcune informazioni generali relative allattivitàsvolta (velocità istantanea, distanza percorsa, ora del paese in cui si guida, ecc.) e avvisa, anche consegnali acustici, la presenza di allarmi o anomalie.
    • In particolare, lapparecchio avvisa il conducente che:• sta per superare ovvero ha superato le 4 ore e mezza di guida ininterrotta (17);• ha superato i limiti di velocità impostati;• lapparecchio o il sensore di movimento non funzionano correttamente;• la carta tachigrafica non è correttamente inserita nel suo alloggiamento.Estrazione della carta tachigrafica La carta del conducente è estratta dal veicolo solo alla fine del periodo di lavoro giornaliero, a meno cheil suo ritiro sia autorizzato diversamente (ad es. in caso di cambio di veicolo durante uno stesso periodo diguida giornaliero). La carta può essere estratta dallapparecchio solo con il veicolo fermo. La carta deve comunque restare nel suo alloggiamento anche se il conducente fruisce del periodo diriposo a bordo del veicolo (almeno fino a quando il conducente ha in consegna il veicolo stesso). In tal caso,prima di iniziare il periodo di riposo, il conducente deve provvedere a commutare la registrazione dellattivitàin modo che lapparecchio registri quel periodo come riposo.TEMPO 0 Il conducente prende in consegna il veicolo dopo un periodo di riposo (giornaliero o settimanale): • entra nel veicolo e aziona laccensione; • inserisce la scheda nello slot 1; • lapparecchio di controllo esegue la procedura di registrazione cioè chiede al conducente: - conferma della data e dellora locale; - impostazione (o conferma) del Paese in cui si trova (eventualmente della regione ove previsto da norme nazionali); - registrazione manuale delle attività compiute fuori del veicolo dal momento in cui ha estratto per lultima volta la carta (conferma cioè del riposo ovvero inserimento di "Altro tempo di lavoro").TEMPO 1 Lapparecchio di controllo completa le verifiche: • indica il genere di attività attualmente impostata (visualizzata sul display); • si posiziona in attesa.TEMPO 2 Il conducente avvia il veicolo e inizia il viaggio: • lapparecchio di controllo passa automaticamente in attività "Tempo di guida" (visualizzata sul display); • lapparecchio registra il tempo trascorso alla guida e la distanza percorsa e le visualizza insieme alla velocità.TEMPO 3 Dopo un certo periodo di guida, il conducente ferma il veicolo (ad es. per caricare o scaricare la merce): • lapparecchio di controllo passa automaticamente in attività "Altro orario di lavoro" (visualizzata sul display); • lapparecchio registra e visualizza la durata di tale attività.TEMPO 4 Il conducente avvia nuovamente il veicolo e riprende il viaggio: • lapparecchio di controllo passa automaticamente in attività "Tempo di guida" (visualizzata sul display); • lapparecchio registra il tempo trascorso alla guida e la distanza percorsa e le visualizza insieme alla velocità.TEMPO 5 Dopo 4 ore e mezza di guida, il conducente fa pausa e arresta il veicolo: • lapparecchio di controllo passa automaticamente in attività "Altro orario di lavoro" (visualizzata sul display); • il conducente imposta manualmente su "Pause e tempi di riposo" (altrimenti questo periodo di tempo verrebbe valutato come "Altro tempo di lavoro").TEMPO 6 Il conducente prosegue il viaggio: • lapparecchio di controllo passa automaticamente in attività "Tempo di guida" (visualizzata sul display); • lapparecchio registra il tempo trascorso alla guida e la distanza percorsa e le visualizza insieme alla velocità.TEMPO 7 Il conducente completa le ore di guida della sua giornata lavorativa e ferma il veicolo:
    • • lapparecchio di controllo passa automaticamente in attività "Altro orario di lavoro" (visualizzata sul display); • il conducente imposta manualmente su "Pause e tempi di riposo"; • il conducente preme il tasto di espulsione dello slot 1 (*); • lapparecchio di controllo esegue la pratica di notifica di allontanamento e cioè chiede al conducente: - impostazione (o conferma) del Paese/eventualmente la regione, - conferma di data e ora locale, - se necessario, stampa dellattività giornaliera (**).TEMPO Il conducente estrae la scheda quando lapparecchio ha completato le registrazioni sulla stessa e si allontana dal veicolo per fruire del8 riposo giornaliero (o iniziare quello settimanale)._____(*) La carta del conducente non deve essere estratta se egli fruisce del riposo a bordo del veicolo.(**) La stampa giornaliera deve essere effettuata quando il conducente prevede di passare dai veicoli dotati di tachigrafi digitali a quelli analogici. La stampa dellattività giornaliera, infatti, garantisce una registrazione completa (stampati e fogli di registrazione) delle attività di guida per la settimana attuale e per gli ultimi 15 giorni precedenti.Registrazione della guida in caso di smarrimento, furto o deterioramento della carta Il deterioramento o il cattivo funzionamento della carta del conducente deve essere comunicatoallautorità che lha emessa; in titolare è in ogni caso tenuto a restituirla allautorità competente dello Statomembro nel quale egli ha residenza normale (18). Lo smarrimento o il furto della carte devono essere, inoltre,denunciati allautorità di pubblica sicurezza (19). In caso di smarrimento, furto, deterioramento o cattivo funzionamento della carta del conducente, èpossibile continuare a guidare senza la carta personale per un massimo di quindici giorni di calendario (20)o per un periodo più lungo, se indispensabile per riportare il veicolo alla sede dellimpresa a condizione chesia dimostrabile limpossibilità di esibire o di utilizzare la carta personale durante tale periodo (21). In questi casi il conducente:• allinizio della giornata lavorativa, quando prende in consegna il veicolo per iniziare un viaggio, deve stampare le indicazioni relative al veicolo che sta guidando, inserendo manualmente (sfruttando la parte posteriore dello scontrino stampato dallapparecchio) (22): - proprio nome e cognome, numero di carta tachigrafica (non funzionante), numero di patente; - altre attività compiute prima di prendere in consegna il veicolo, svolte lontano dallo stesso;• al termine dellattività lavorativa (se cambia veicolo prima della fine di una giornata lavorativa) o al termine del viaggio (se utilizza lo stesso veicolo per unintera giornata lavorativa), deve stampare le indicazioni relative ai gruppi di tempi registrati dallapparecchio di controllo e riportare su tale documento di stampa gli elementi che consentono di identificarlo (nome, numero della patente di guida o numero della carta del conducente) (23). Se lapparecchio non le registra, occorre, inoltre, annotare nel retro dello scontrino le altre attività compiute lontano dal veicolo (altre mansioni, tempi di attesa, ecc.). Questo documento deve essere firmato dal conducente e conservato nei modi e per il tempo indicatiprecedentemente (24).Lo scontrino stampato dal dispositivo di controllo (stampa di 24 ore dell’attività del veicolo in assenza di carta inserita) deve essere compilato dalconducente inserendo:• nome e cognome,• numero della carta di cui è dotato,• data cui si riferisce la stampa,• ora di inizio dell’attività lavorativa,• ora di fine dell’attività.Registrazione della guida in caso di avaria o inefficienza dellapparecchio di controllo In caso di avaria del dispositivo di controllo ovvero fino a quando lo stesso non è stato calibrato, lattivitàcompiuta dal conducente non può essere oggetto di registrazione attraverso la stampa delle risultanzedellapparecchio come, invece, accade in caso di avaria o mancanza della carta tachigrafica; anche se la
    • funzione relativa alla stampa è ancora efficiente, infatti, le risultanze relative non hanno efficacia legale diprova. In questi casi, il conducente deve annotare manualmente tempi e chilometri percorsi utilizzando il retrodel rotolino di carta della stampante del dispositivo di controllo ovvero, in mancanza, un foglio diregistrazione omologato per cronotachigrafi analogici. Come per i cronotachigrafi analogici, se il dispositivo digitale si rompe o resta fermo per qualsiasi causa,deve essere riparato nel più breve tempo possibile. Per individuare momento e luogo per la riparazioneoccorre però distinguere due ipotesi:• se il veicolo effettua un viaggio con durata inferiore a sette giorni, la riparazione può essere eseguita quando il veicolo è rientrato nel luogo in cui abitualmente staziona;• viceversa, se il viaggio si protrae per più di sette giorni, il dispositivo deve essere riparato durante il viaggio. Le annotazioni manuali realizzate utilizzando la carta della stampante o un foglio di registrazione percronotachigrafo analogico, perciò, possono sostituire le registrazioni automatiche del dispositivo solo per iperiodi sopraindicati in cui è consentito viaggiare con il dispositivo non funzionante.Impiego del veicolo in attività al di fuori del campo di applicazione delle norme comunitarie Quando un veicolo dotato di tachigrafo digitale viene impiegato in attività o servizi che esulano dal campodi applicazione della normativa sociale in materia di autotrasporto (ad es.: un veicolo di linea con percorsoinferiore a 50 km dotato di dispositivo di controllo perché, occasionalmente, utilizzato in servizi di noleggiocon conducente), il conducente deve impostare manualmente tale attività affinché lapparecchio la registrinel modo appropriato. In tal caso, deve essere inserita la funzione "Out of Scope" presente nei menù di comandodellapparecchio di controllo e lapparecchio deve essere mantenuto in questa posizione fino a quando ilconducente non sarà soggetto alle norme comunitarie richiamate.GUIDA PROMISCUA DI VEICOLI CON CRONOTACHIGRAFO DIGITALE E TACHIGRAFO ANALOGICO Se uno stesso conducente nel corso della stessa giornata lavorativa o in diversi giorni della stessasettimana lavorativa utilizza, alternativamente, veicoli dotati di cronotachigrafo analogico e veicoli contachigrafo digitale, fermo restando ogni altro adempimento sopraindicato:• prima di iniziare a guidare un veicolo con cronotachigrafo analogico dopo aver condotto un veicolo con tachigrafo digitale: deve stampare dallapparecchio digitale e firmare gli scontrini relativi ai giorni o ai periodi lavorativi precedenti in cui lattività è stata registrata dal dispositivo digitale;• prima di iniziare a guidare un veicolo con tachigrafo digitale dopo aver condotto un veicolo con cronotachigrafo analogico: deve completare le annotazioni manuali del foglio di registrazione (se il cambio del veicolo avviene nella stessa giornata lavorativa deve completare i dati del viaggio).Documenti che deve avere con sé il conducente in caso di guida promiscua Il conducente munito di carta tachigrafica deve avere con sé, per poterli presentare a ogni richiesta agliagenti di controllo, i seguenti documenti:• quando guida un veicolo con cronotachigrafo analogico: - i fogli di registrazione della giornata in corso e quelli dei 28 giorni precedenti; - la carta del conducente se ne è titolare; - i documenti di stampa, prodotti dallapparecchio di controllo digitale, relativi a gruppi di tempi di guida, altre mansioni, tempi di disponibilità, interruzioni e riposi, nel caso in cui il conducente abbia guidato un veicolo munito di tale tipo di apparecchio di controllo durante la giornata in corso e nei 28 giorni precedenti;• quando guida un veicolo con tachigrafo digitale: - la carta di conducente di cui è titolare, - i fogli di registrazione corrispondenti alla giornata in corso e ai 28 giorni precedenti nel caso in cui in tale periodo abbia guidato un veicolo munito di un apparecchio di controllo analogico.__________ (1) Negli orologi analogici, infatti, può accadere che le lancette sul quadrante segnino unora diversa da quella registrata sul foglio, poiché su questo è riportata lora nel formato completo di 24 ore. Es.: sono le 5 del mattino, le lancette dellorologio segnano correttamente le 5 ma sul foglio di registrazione sono indicate le ore 17 (con 12 ore di differenza).
    • (2) Per dimostrare lavaria e la relativa data di inizio basta esibire il disco dellultimo giorno in cui lo strumento era regolarmente funzionante (una sua fotocopia autenticata dal preposto - anche in forma autocertificata - qualora il disco serva ad altro autista che, in quel giorno, lo guidava).(3) Nel caso degli autotrasportatori autonomi, questa disposizione si applica al periodo compreso fra linizio e la fine del lavoro durante il quale lautotrasportatore autonomo è sul posto di lavoro, a disposizione del cliente ed esercita le sue funzioni o attività, ad eccezione delle mansioni amministrative generali non direttamente legate al trasporto specifico in corso (v. art. 3 direttiva 2002/15/CE dell11.3.2002).(4) V. art. 15 regolamento CEE n. 3821/85, secondo cui: • sotto il simbolo "altre mansioni", ossia attività diverse dalla guida, devono essere registrati i tempi di cui allart. 3, lettera a), direttiva 2002/15/CE dell11.3.2002, concernente lorganizzazione dellorario di lavoro delle persone che effettuano operazioni mobili di autotrasporto ed anche altre attività per lo stesso o altro datore di lavoro, allinterno o al di fuori del settore dei trasporti; • sotto il simbolo "tempi di disponibilità" devono essere registrate i tempi definiti dallart. 3, lettera b), direttiva 2002/15/CE.(5) Secondo lart. 15, c. 2, regolamento CEE n. 3821/85 il "periodo di lavoro giornaliero", relativo allapparecchio di controllo nel settore dei trasporti su strada, include il tempo di guida, tutti gli altri tempi di lavoro, il tempo di disponibilità, le interruzioni di guida e il periodo di riposo giornaliero, purché esso non superi la durata di unora, nel caso in cui il conducente suddivida detto tempo di riposo in due o tre periodi. Il periodo di cui trattasi ha inizio nel momento in cui, dopo un periodo di riposo settimanale o giornaliero, il conducente mette in funzione il tachigrafo o, nel caso di frazionamento del riposo giornaliero, alla fine del periodo di riposo la cui durata non sia inferiore a otto ore. Esso termina allinizio di un periodo di riposo giornaliero o, nel caso di frazionamento del riposo giornaliero, allinizio di un periodo di riposo (in tal senso v. Corte di giustizia europea, sentenza 9.6.1994 - procedimento penale a carico di Marc Michielsen e Geybels transport service nv. - domanda di pronuncia pregiudiziale: Politierechtbank hasselt - Belgio - disciplina sociale dei trasporti - nozione di "tempo di lavoro", "giorno" e "fine del periodo di lavoro", causa C-394/92).(6) Tuttavia, tale tempo non deve essere registrato qualora il conducente ne conosca in anticipo la durata probabile, vale a dire o prima della partenza o poco prima dellinizio effettivo del periodo considerato, oppure conformemente alle condizioni generali negoziate fra le parti sociali e/o definite dalla normativa degli Stati membri.(7) Secondo la Corte di giustizia europea (sentenza 18.1.2001 "Disposizioni sociali nel settore del trasporto su strada - fogli di registrazione dellapparecchiatura di controllo - obbligo di registrazione dei periodi di lavoro, delle interruzioni di guida e dei periodi di riposo", causa C- 297/99, avente ad oggetto la domanda di pronuncia pregiudiziale proposta alla Corte, a norma dellart. 234 CE, dalla Nottingham Magistrates Court (Regno Unito), nel procedimento penale dinanzi ad essa pendente a carico di Skills Motor Coaches Ltd, B. J. Farmer, C. J. Burley e B. Denman) lart. 15 regolamento CEE n. 3821/85, deve essere interpretato nel senso che lobbligo per il conducente di procedere alla registrazione di tutti gli altri tempi di lavoro riguarda parimenti: • i periodi dedicati dal conducente agli spostamenti necessari al fine di poter prendere in consegna un veicolo, soggetto allobbligo di installazione e di utilizzazione di un apparecchio di controllo, che si trovi in luogo diverso dal domicilio del conducente stesso o dalla sede dellazienda del datore di lavoro, indipendentemente dal fatto che questultimo abbia impartito o meno istruzioni in merito ovvero che la scelta dellorario e delle modalità di trasporto spettassero al conducente; • i periodi dedicati dal conducente, precedentemente alla presa in consegna di un veicolo soggetto allapplicazione del regolamento n. 3821/85, alla guida nellambito di un servizio di trasporto che esuli dalla sfera di applicazione del regolamento medesimo.(8) Tali periodi e la loro probabile durata devono essere comunicati al conducente con preavviso, vale a dire prima della partenza o poco prima dellinizio effettivo del periodo considerato, oppure secondo le condizioni generali negoziate fra le parti sociali e/o definite dalla normativa degli Stati membri.(9) Prima dellentrata in vigore delle disposizioni del regolamento CE n. 561/2006, il conducente doveva conservare a bordo del veicolo solo i fogli di registrazione utilizzati che si riferivano alla settimana lavorativa in corso e allultimo giorno della settimana precedente in cui egli aveva guidato. Tale disposizione, tuttavia, rendeva di fatto impossibile il controllo sulla strada del periodo di guida settimanale e del relativo riposo.(10) V. art. 15, c. 4, regolamento CEE n. 3821/85 come modificato dal regolamento CE n. 561/2006. La mancanza della carta è oggetto della sanzione prevista dallart. 19 legge n. 727/1978.(11) Nel veicolo non deve essere presente alcun dispositivo che possa essere utilizzato per tale scopo.(12) Ogni conducente deve apportare le necessarie variazioni nella posizione della sua carta (o attraverso altra idonea operazione di commutazione che sia consentita dallapparecchio) in modo che le informazioni siano registrate sulla carta del conducente che effettivamente guida.(13) Il tempo è comunque registrato sotto forma di orario UTC che non può essere modificato dal conducente. Se questorario non è corretto, occorre un intervento di nuova calibratura presso un centro tecnico autorizzato. In Italia, lorario locale rispetto al tempo UCT è: • unora avanti nel periodo in cui vige lorario solare; • due ore avanti, durante il periodo in cui vige lorario legale.(14) La modalità di guida, per la carta inserita nellalloggiamento n. 1 (conducente) viene automaticamente commutata e registrata sulla carta quando il veicolo si mette in movimento. Le attività relative a disponibilità, lavoro e riposo, invece, devono essere commutate dal conducente attraverso lapposito interruttore di comando posto sul frontale dellapparecchio (in genere, il puntante è contrassegnato da un numero: 1 per lattività del conducente e 2 per lattività del secondo autista presente a bordo).(15) Inserendo la carta del conducente, infatti, lapparecchio chiede al conducente di confermare se il periodo trascorso dallultimo inserimento è da considerare riposo o altre attività lavorative. In questultimo caso, il conducente deve precisare sotto quale simbolo collocare i diversi periodi di tempo trascorsi fuori dal veicolo.(16) Per lattività trascorsa fuori del veicolo o a bordo di treno o traghetto, lapparecchio digitale dispone di un menù specifico.(17) Il tachigrafo segnala il raggiungimento delle 4 ore e mezza di guida permesse 15 minuti prima della scadenza con segnali visivi e acustici che non si interrompono se il conducente non conferma, con lapposito comando, di aver preso cognizione della situazione.(18) Se le autorità dello Stato membro nel quale il conducente ha residenza normale sono diverse da quelle che hanno rilasciato la sua carta e a questultime viene richiesto di procedere al rinnovo, alla sostituzione o allo scambio della carta del conducente, esse informano le autorità che hanno rilasciato la vecchia carta dei motivi esatti del rinnovo, della sostituzione o dello scambio della medesima.(19) In caso di danneggiamento, cattivo funzionamento, smarrimento o furto della carta conducente rilasciata in Italia, il possessore, entro 7 giorni di calendario dallaccertamento dellevento, deve chiederne il blocco e/o la sostituzione presso la Camera di commercio che laveva emessa, al fine di impedirne la falsificazione ovvero luso improprio:
    • • in caso di smarrimento o di furto, il titolare deve fare denuncia alle autorità di polizia dello Stato in cui si è verificato levento. Copia della denuncia di smarrimento o di furto, sottoscritta dal titolare della carta, deve essere poi allegata alla richiesta per il rilascio di una nuova carta. In caso di smarrimento o furto la Camera di commercio emittente invalida la carta smarrita o rubata; • in caso di cattivo funzionamento della carta, il titolare deve restituirla alla Camera di commercio che lha rilasciata affinché la sottoponga ad una verifica tecnica e funzionale e, se necessario, provveda alla sua sostituzione. In caso di malfunzionamento, la Camera di commercio emittente ha la facoltà di disporre la sospensione della validità della carta malfunzionante.(20) La possibilità non è accordata se il conducente torna, ogni giorno, presso la sede dellimpresa o nel luogo di abituale residenza. La deroga relativa alla possibilità di continuare a circolare senza carta per oltre 15 giorni, si riferisce unicamente al caso in cui, dal momento in cui si è verificato il furto, lo smarrimento o il cattivo funzionamento, il conducente non sia più ritornato presso la sede dellimpresa o nel luogo di residenza normale.(21) Il furto o lo smarrimento della carta del conducente deve formare oggetto di denuncia agli organi di polizia dello Stato in cui si è verificato il furto. La denuncia costituisce documento che deve essere portato a bordo del veicolo per attestare limpossibilità di utilizzare la carta del conducente.(22) La circolazione senza avere con sé lo scontrino prodotto dopo questa stampa, può configurare gli estremi della violazione punita dallart. 179 (circolazione senza aver inserito la carta). Infatti, solo se sono rispettate le disposizioni sopraindicate può ritenersi consentito circolare senza aver inserito la propria carta tachigrafica nel dispositivo di controllo.(23) In attesa che il conducente ottenga il rilascio della carta tachigrafica, la documentazione della durata dei periodi di guida e di riposo deve avvenire secondo le disposizioni del comma 2, art. 16 regolamento CEE n. 3821/85. Secondo questa norma, infatti, il conducente, al termine della giornata lavorativa ha lobbligo di stampare le indicazioni relative ai gruppi di tempi che lapparecchio digitale ha registrato durante tutto il tempo di guida e di annotare sul documento prodotto dallapparecchio stesso i dati che consentono di identificarlo (nome, cognome e numero di patente di guida). Nel caso in cui il medesimo conducente guidi nella stessa giornata lavorativa più veicoli, la stampa delle registrazioni deve essere effettuata al termine di ciascun viaggio.(24) La stampa del documento prodotto dallapparecchio di controllo installato a bordo del veicolo, ai sensi del comma 7, art. 15 regolamento CEE n. 3821/85, può essere richiesta anche durante il viaggio dagli organi di polizia stradale preposti ai controlli. Terminato il viaggio, la documentazione di cui sopra deve essere conservata a bordo del veicolo per i 15 giorni seguenti a quello in cui ha guidato. Secondo le disposizioni dellart. 15, c. 7, regolamento CEE n. 3821/85, il conducente deve essere in grado di esibire ad ogni controllo anche la documentazione relativa alla settimana in corso e ai 15 giorni precedenti