Blog, la nascita di un nuovo Mass Media
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Blog, la nascita di un nuovo Mass Media

on

  • 2,065 views

Articolo sulla diffusione dei Blog e sulla loro imposizione nel mercato dei nuovi media in occasione dei dieci anni della nascita

Articolo sulla diffusione dei Blog e sulla loro imposizione nel mercato dei nuovi media in occasione dei dieci anni della nascita

Statistics

Views

Total Views
2,065
Views on SlideShare
2,062
Embed Views
3

Actions

Likes
0
Downloads
20
Comments
0

2 Embeds 3

http://www.linkedin.com 2
http://www.crognali.it 1

Accessibility

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Blog, la nascita di un nuovo Mass Media Blog, la nascita di un nuovo Mass Media Document Transcript

    • Blog,
la
nascita
















 
di
un
nuovo

 
mass­media
 
 

 DAMIANO
CROGNALI

 SOMMARIO: Da dieci anni dettano legge in ragazzo down malmenato in un istituto di Torino, Internet. Determinano ciò che ha successo, fino ad con tanto di video su YouTube, è arrivata imporsi all'attenzione dei media tradizionali. La all'attenzione dei giornali per il passaparola fra i politica tenta di controllarli, per il momento blog. Perché tanto successo? Per cominciare, aprire inutilmente un sito in Internet è possibile a tutti con lo strumento del blog, senza dover necessariamente I blog hanno tagliato un primo traguardo. conoscere il linguaggio oscuro dell'html. Esistono Compiono dieci anni. Ora sono al giro di boa: molti servizi che permettono di creare e gestirne utilizzati da movimenti e politici per comunicare uno gratuitamente, da Splinder a Blogger, da Il con una porzione più ampia di persone, hanno Cannocchiale a Wordpress. Claudio Sabelli Fioretti, l'opportunità di diventare nodi nevralgici nella firma storica del giornalismo italiano, si è formazione dell’opinione pubblica. Ma proprio convertito al blog sei anni fa. «Allora pensavo di dalla politica sono giunte le prime avvisaglie contro aprirmi un sito, ma era costoso e complicato, - la loro onda d'urto democratica. racconta - occorrono conoscenze tecniche oppure bisogna pagare qualcuno che lo faccia per te. Poi Dieci anni di successi un amico aprì un blog e mi spiegò come fare. Ogni giorno vengono pubblicati oltre un milione e Dopo cinque minuti ne avevo uno anche io». Nel mezzo di articoli, i «post», e in qualche parte del 2007 Sabelli Fioretti ha vinto il Premio del Sole 24 pianeta emettono il loro primo vagito telematico Ore come miglior blog. 175 mila nuovi blog. Lo dice l'autorevole sito Quello che sorprende è che in dieci anni il blog Technorati, che ne conta ad oggi 114 milioni. Il non è cambiato affatto: qualche variante estetica, la boom non sembra arrestarsi: aumentano ad una tecnologia che ha reso possibile pubblicare i video, velocità esponenziale, se solo sei mesi fa erano 70 ma rimane sempre «un post e i commenti». Le milioni. Come data di nascita hanno scelto il 17 eccezioni, però, non mancano. Luca Sofri ha un dicembre del 1997, quando Jorn Barger coniò la blog, Wittgenstein, composto esclusivamente dai parola «weblog», tracce in rete, da cui è derivata prima l’espressione «we blog» e poi il verbo «to blog», cioè bloggare, scrivere un blog. Inizialmente erano i diari on line di ragazzi che raccontavano la propria quotidianità. Oggi informano, denunciano e scoprono. Sono diventati una enorme redazione collettiva e hanno un ruolo fondamentale nell'emersione di notizie tralasciate da giornali e tv. E' stato il blogger Gianluca Neri a svelare il nome del marine americano che ha ucciso Nicola Calipari in Iraq, decriptando il rapporto Usa. La storia del Percorsi inversi: Beppe Grillo, dalla tv al blog; Selvaggia Lucarelli, dal blog alla tv
    • suoi post, senza commenti. Altri, come quello BOX 1 di Sabelli Fioretti ha solo commenti, tra i quali TOP TEN l'autore si muove come un moderatore. E' lo 1. Beppe Grillo - Il blog del comico ligure è il primo della Rete strumento «blog» che si è imposto in Internet: 2. Manteblog – Secondo il blog curato da Massimo Mantellini, esperto di tecnologia 3. Wittgenstein - Luca Sofri, terzo, è il giornalista-blogger più famoso d'Italia dal sito Dagospia di Roberto D’Agostino a 4. Geekissimo – Un blog su Hi Tech, Internet Hacking, Software e downloads 5. Daniele Luttazzi - Un altro comico dopo Grillo tra i più celebri della blogosfera Beppe Grillo, il re della blogosfera, l’insieme dei 6. Macchianera – Il blog di Gianluca Neri, più che una testata registrata, un calcio nelle palle in diretta 7. Pandemia - Luca Conti su ambiente, rete, media e tecnologia blog in rete. 8. Giovy’s Blog – “Nato per gioco e che continua grazie a chi gioca con me” 9. Webgol - Il cronista Antonio Sofi su web, giornalismo e politica 10. Andrea Beggi – Il sistemista informatico, fan delle trenette al pesto Blog come spirito del tempo Ad incoronare Grillo è lo Zeitgeist 2007, parola tedesca per «Lo Spirito del Tempo». E’ la classifica di Google dei termini più cliccati. BOX 2 «Non è una semplice classifica, ma una indagine I FAMOSI che riflette sui temi d'interesse. - spiega Mario Tedeschini Lalli, giornalista con oltre trent'anni 1 – Beppe Grillo, re della blogosfera 2 – Wittgenstein, il blog di Luca Sofri è secondo di carriera alle spalle, autore del blog dedicato al 3 - Daniele Luttazzi, sale al terzo posto il comico emiliano 4 – Antonio Di Pietro, Ministro delle Infrastrutture e leader dell’Italia dei Valori mondo dell'informazione on line, Giornalismi 5 – Clemente Mastella, Ministro della Giustizia e leader dell’Udeur 6 – Paolo Gentiloni, Ministro della Comunicazione, componente del Pd D'Altri - Alla lista non appartengono tout-court 7 – Mario Adinolfi, il giornalista-politico-blogger candidato alle primarie del Pd 8 – BarbaBlog, il blog di Daria Bignardi, anche lei blogger incallita come il marito le parole più cercate, ma quelle indicative di una 9 – Alfonso Pecoraro Scanio, Ministro dell’Ambiente e leader dei Verdi 10 – La Torre di Babele, il blog di Pino Scaccia, giornalista e inviato della Rai tendenza, che hanno dimostrato una maggiore crescita rispetto agli anni passati». E' la conferma che su Internet le informazioni si Una nuova web-notorietà cercano soprattutto tra i blog e «segnala la Il sito Blogbabel fotografa una blogosfera, dove la necessità di ricercare fonti non adulterate per fama del mondo esterno conta come un due di picche comprendere i fatti», dice Mario Adinolfi, ed emeriti sconosciuti al grande pubblico sono delle blogger-giornalista-politico, che ha aperto il suo star. «La blogosfera seleziona i temi non le nel 2003, all'alba del blog in Italia. personalità, – osserva Adinolfi – in una Non tutti sono d’accordo: la critica più comune comunicazione di tipo orizzontale, dove tu scrivi e è la mancanza di autorevolezza. Raffaele l'altro commenta, la celebrità è meno importante e la Barberio, direttore del quotidiano on line forza è nelle idee». Eccezione fatta per Beppe Grillo, Key4Biz, è convinto che il fenomeno «tenderà Daniele Luttazzi, altro comico allontanato dalla tv, e ad inaridirsi, perché caotici e inaffidabili». Ma è Luca Sofri, nella top-ten di Blogbabel troviamo un dato incontestabile che oggi la loro Massimo Mantellini, un esperto di tecnologie che ha il diffusione è capillare in Internet. secondo blog più seguito, e Macchianera di Gianluca Neri, autore dello scoop sul Rapporto Calipari. Seguono Luca Conti, con il blog Pandemia, il giornalista Antonio Sofi e il sistemista informatico Andrea Beggi. Per incontrare il nome di un personaggio noto dobbiamo attendere la cinquantesima posizione con il ministro Antonio Di Pietro, il più tecnologico dei politici, che si dedica a conferenze stampa su YouTube e ha aperto da poco un ufficio in SecondLife. «La rete offre una percezione totalmente sbagliata della realtà. – dice Daw, il blogger più seguito de Il Cannocchiale - Pensiamo al fenomeno Scalfarotto. Sembrava avviato ad un buon successo nelle primarie per il leader del centrosinistra, su Internet e sui blog non si parlava d'altro ed era diventato una celebrità. La realtà, come sappiamo, è stata ben diversa: zero virgola qualcosa». Al contrario, sono i blog che hanno la forza di creare nuovi personaggi: da Selvaggia Lucarelli, che dal blog è approdata alla tv, allo stesso Adinolfi, che si è candidato alle primarie del Partito Democratico. La politica, intanto, corre ai ripari e cerca di imporre leggi al nuovo fenomeno.
    • Democratico. La politica, intanto, corre ai ripari e cerca di imporre leggi al nuovo fenomeno. BOX 4 Intervista a Daria Bignardi, neo-blogger Il caso della riforma dell'editoria on line Dopo televisione e giornali, oggi anche un Blog. Me l’hanno chiesto e ho fatto un po’ di resistenza, ma alla fine ho ceduto Un disegno di legge sull'editoria, licenziato dal Che influenza ha su di te, avere come compagno il più seguito blogger-giornalista di Internet? Consiglio dei ministri lo scorso 3 agosto, ha E’ il motivo per cui ho fatto resistenza. Se tuo marito è uno dei blogger più seguiti d’Italia, difficilmente hai grande simpatia per i blog. Ovviamente il più incallito, lasciato intravedere l'obbligo di registrazione ma anche il più esperto, è lui Tre motivi per vietare ai tuoi figli di aprire un blog? presso l'Autorità delle Comunicazioni per i blog e Devi studiare, devi uscire, non puoi stare tutto il tempo a rincretinirti davanti al computer i siti gratuiti gestiti da privati. L'Autorità non Va bene, ma credi sul serio che ci sia qualcosa di male nell'avere un diario in rete? Ce ne sono un sacco, soprattutto se sei, tuo malgrado, un personaggio televisivo. pretende soldi per l'iscrizione, ma l'operazione è Ti fanno le pulci su tutto, senza pietà. E quel che è peggio è che metà delle volte hanno ragione faticosa, bisogna produrre i certificati necessari, c'è da pagare un bollo. Il profilarsi della burocrazia sul web ha diffuso l'allarme in rete. «Conseguenza della legge - ha sostenuto Beppe con un'ampia rete di contatti. Grillo - sarebbe la chiusura del 99 per cento dei Dopo aver vinto, dunque, la battaglia con i siti blog e il fortunato 1 per cento della rete rimasto internet tradizionali, pensano alla prossima sfida in vita, per legge risponderebbe in caso di reato con televisione e carta stampata. «Leggendo le di omesso controllo su contenuti diffamatori ai curve dei dati di traffico di Nielsen – dice Adinolfi, sensi degli articoli 57 e 57 bis del codice penale. che del blog ha fatto una bandiera culturale – In pratica galera quasi sicura». I ministri Antonio scommetto che fra cinque anni la "maggioranza Di Pietro e Alfonso Pecoraro Scanio si sono assoluta" delle persone si formerà una opinione dissociati dalla riforma sui loro rispettivi blog. non con la televisione che propone l'azzeramento Mario Adinolfi, da componente dell'Assemblea del pensiero, né con la stampa che propone il Nazionale del Partito Democratico, ne ha conformismo assoluto, ma informandosi in prima richiesto l'abrogazione, perché «vuole persona sui blog». Dati alla mano, tv e carta imbavagliare l'attività editoriale in Internet». Poi, stampata ancora sembrano infinitamente più il ministro delle Comunicazioni Paolo Gentiloni, potenti nell'orientamento sulle grandi scelte anche lui sul suo blog, ha «riconosciuto l'errore dell'opinione pubblica. Ma qualcosa sta cambiando della registrazione dei siti», ha scritto che e i primi segni si vedono in America nella campagna l'allarme era giustificato e «la norma doveva essere cambiata». Alla fine nella campagna elettorale BOX 3 elettorale per le primarie, l’attuale testo, modificato dalla dovelei primarie, dove i blog per blog stanno giocando Presidenza del Consiglio, ha BLOG IN DATE stanno giocando un ruolo un ruolo un ruolo chiave escluso il rischio di estendere chiave nella partita politica. nella partita politica. 18 luglio 1997 - Dave Winer sviluppa il software del blog ai blog la nuova disciplina. Ma anche in Europa, i Capi Ma 17 dicembre 1997 - Jorn Barger conia la parola weblog 11 settembre 2001 – L’attentato delle Torri Gemelle viene monitorato in tempo reale dai blogger Usa 20 marzo 2003 – Il blog di Salam Pax racconta in Europa, i Capi di anche i bombardamenti di di Stato di Gran Bretagna, La prossima Baghdad e si impone all’attenzione dei mass media tradizionali Francia e Italia hanno Oggi - Technorati.com annuncia: nel mondo ci sono 114 milioni di blog Stato di Gran Bretagna, sfida trasmesso Francia e Italia hanno Il mondo degli affari, che trasmesso il messaggio alla tradizionalmente anticipa le scelte della politica, il messaggio alla Nazione di inizio anno inin Nazione di inizio anno già da tempo contiene nel bilancio una voce diretta web, commentato simultaneamente da diretta web, commentato simultaneamente «pubblicità in Internet» e i blog, più dinamici dei da migliaia blog. migliaia di di blog. siti, sono diventati la frontiera del marketing. Ultimo caso a La7. La televisione di Antonio Campo Dall'Orto ha messo sotto contratto le star del web, personaggi non appartenenti al canale, pagati per aprire un nuovo blog sul sito La7.it e per parlare «di e su» La7. Avere buone relazioni con i blogger è vantaggioso: si è meglio BOX 5 posizionatiTechnorati, Corriere della sera, Fonti: BlogBabel, sui motori di ricerca, Repubblica online, blog di Beppe Grillo. Interviste: Mario Adinolfi, Raffaele Barberio, Daria Bignardi, Claudio Sabelli Fioretti, Daw, Mario Tedeschini Lalli