Your SlideShare is downloading. ×
  • Like
Antibioticoterapia nelle complicanze infettive del linfedema
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×

Now you can save presentations on your phone or tablet

Available for both IPhone and Android

Text the download link to your phone

Standard text messaging rates apply

Antibioticoterapia nelle complicanze infettive del linfedema

  • 6,522 views
Published

 

Published in Health & Medicine
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
6,522
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1

Actions

Shares
Downloads
39
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. ANTIBIOTICOTERAPIANELLE COMPLICANZE INFETTIVE DEL LINFEDEMA Dr. Dino Sgarabotto Malattie Infettive e Tropicali Azienda Ospedaliera di Padova
  • 2. Indicazioni• L’antibioticoterapia è indicata solo nelle complicanze infettive del linfedema: – Erisipela (la più comune): Lesione cutanea di partenza: minima o non identificabile. Sorgente dello Streptococco nelle vie aeree nel 30% – Cellulite (meno frequente): di solito c’è una lesione di partenza ben evidente come un’ulcera cutanea cronica – Fascite (la più rara e pericolosa): evoluzione rapida, quadro grave, competenze multidisciplinari
  • 3. Erisipela• È una epidermodermite acuta e cioè non interessa il tessuto sottocutaneo• La carica batterica non è elevata (tamponi negativi per lo più) e c’è un elemento flogistico- iperergico; di solito è monobatterica e dovuta allo Streptococcus pyogenes (o beta-emolitico) per cui la terapia è più semplice• Segno dello scalino• In passato era soprattutto del volto ora invece interessa prevalentemente gli arti. In altre sedi del corpo, meglio pensare ad una cellulite o a una fascite
  • 4. Erisipeladellagamba
  • 5. Erisipela del volto
  • 6. Cellulite• La cute è arrossata come nell’erisipela ma c’è coinvolgimento anche del tessuto sottocutaneo• Di solito c’è un’ulcera o una ferita infetta ben evidente• La carica batterica presente è più elevata che nell’erisipela ed è per lo più polimicrobica• La terapia antibiotica deve essere ad ampio spettro
  • 7. Ulcere croniche complicate da cellulite
  • 8. Eziologia batterica della cellulite• Prevalgono Stafilococchi e Streptococchi• Nei diabetici e negli immunodepressi è prevalente l’eziologia da bastoncelli Gram negativi• Nelle ferite contaminate i patogeni possono essere molto particolari e dipende dalla fonte di contaminazione per cui la terapia antibiotica empirica è variabile
  • 9. Ferita traumatica complicata dacellulite
  • 10. Cellulite dell’avambraccio
  • 11. Eziologia ferite contaminate con acqua dolce o salata acqua dolce: Cellulite, fascite, mionecrosi,Aeromonas hydroplila batteriemia acqua salata o dolce: Cellulite lentamenteErysipelothrix rusiopathiae progressiva seza linfangite; artrite, mano acqua salata o dolce: Granuloma da piscina; ditoMycobacterium marinum del pescatore; cellulite cronica ulcerativa con colture aspecifiche negative acqua dolce: Piede da trincea o da barbone; otitePseudomonas aeruginosa esterna del nuotatore;follicolite da piscina non clorata acqua salata: Cellulite molto dolorosa con bolle eVibrio vulnificus possibile evoluzione setticemica in diabetici, etilisti e immunodepressi acqua dolce tropicale: Dermatite olecranicaPrototecosi papulare o eczematosa in immunodepressi
  • 12. Infezioni cutanee correlate a morso o contatto con animaliStaphylococcus aureus Piodermiti intrinsecheStaphylococcus Morso di caneintermediusPasteurella multocida Morso di cane, gatto o altri feliniFrancisella tularensis Conigli selvatici in zone endemicheBartonella henselae Malattia da graffio di gatto Morso di cane nelloCapnocytophaga splenectomizzato ocanimorsus immunodepressoYersinia pestis Contatto con topi in zone endemiche
  • 13. Antibioticoterapia mirata 1° 1° scelta 2° sceltaAeromonas Cotrimoxazolo, cefalo 2 Fluorchinolonici e 3, piperacillina,hydrophila tetraciclineErysiplelothrix Penicillina G, Cefalo 3 e chinolonicirusiopathiae ampicillinaMycobacterium Cotrimoxazolo, Claritro, doxi e rifampicina emarinum minociclina etambutoloPrototecosi Amphotericina B ev.(alga unicellulare) Aminoglicosidi, Piperacillina,Pseudomonas fluorchinolonici, ceftazidime, cefepime carbapenemici
  • 14. Antibioticoterapia mirata 2° 1° scelta 2° sceltaVibrio vulnificus (acqua Doxiciclina, ceftazidime Cefotaxime e fluorchinolonicisalata) Doxiciclina, cefalo 2,Pasteurella multocida Penicillina G, ampicillina amoxi/clav, cotrimoxazolo Gentamicina, cloramfenicolo,Francisella tularensis Streptomicina ciprofloxacina, rifampicina Cloramfenicolo, doxiciclina,Yersinia pestis Streptomicina, gentamicina fluorchinonici, cotrimoxazolo, ceftriaxoneCapnocytophaga Amoxi/clav Ciprofloxacina, cefalo 3canimorsus Claritromicina, ciprofloxacina,Bartonella henselae Azitromicina amikacina, cotrimoxazolo
  • 15. Nella cellulite, in sintesi• In attesa di un’eziologia dai tamponi microbiologici o in attesa di raccogliere meglio le idee: – Amoxi/clav + Ciprofloxa nell’adulto – Amoxi/clav + Azitro nel bambino e in gravidanza
  • 16. Fascite• Nella fascite il processo infettivo si estende oltre il tessuto sottocutaneo, oltre la fascia muscolare, nei muscoli stessi• Tutto comincia con un trauma minore, il dolore è molto intenso, la progressione è rapida• Proteina C reattiva e Procalcitonina elevate• La TAC documenta l’estensione dell’edema oltre la fascia muscolare e talora bollicine d’aria• Oltre agli antibiotici ev, è necessario un intervento chirurgico urgente
  • 17. Fascite??
  • 18. Fascite!!!
  • 19. Fascite!!!
  • 20. Torniamo all’erisipela• È la complicanza infettiva più frequente nel linfedema• Come si cura l’attacco acuto?• Come si prevengono le recidive?
  • 21. Come si cura l’attacco acuto?• Amoxicillina 1 g per 3 volte al dì per 10-15 giorni• Azitromicina 500 mg al dì per 6 giorni e poi a dì alterni per altri 12 giorni• Clindamicina 450 mg (= 3 compresse da 150 mg) per 3 volte al dì per 10 giorni• Levofloxacina 500 mg al di per 15 giorni• Ceftriaxone 1 g im al dì per 10-15 giorni Il segreto del successo sta nella durata della terapia
  • 22. Cura locale• Sospendere linfodrenaggio per 1-2 mesi• Medicazione occlusiva (con pellicola di Domopack) notturna (per 12 ore) con Gentamicina 0,1% / betametasone 0,1% crema fino a risoluzione dell’eritema• Eventuale terapia diuretica per qualche settimana• Al mattino lavare l’arto con sapone liquido alla clorexidina (disinfettante battericida)
  • 23. Come si prevengono le recidive?• Strategia battericida da “dentro” e da “fuori”• da “dentro” con una profilassi antibiotica: – Penicillina benzatina 1.200.000 UI im ogni 3 settimane per almeno sei mesi (ogni 2 settimane se il peso è > 90 Kg) – Amoxicillina 1 g per os ogni sera per 6 mesi – Azitromicina 500 mg 1 compressa per due volte alla settimana per 6 mesi (per 3 volte alla settimana se > 90 Kg)
  • 24. Strategia battericida da “fuori”• Da “fuori” con un disinfettante battericida come il sapone liquido alla clorexidina da usare 3 volte alla settimana sull’arto affetto da erisipela per sempre (cioè oltre i 6 mesi di profilassi antibiotica)• Crema idratatante o olio di mandorla per 3 volte alla settimana dopo il lavaggio• Linfodrenaggio
  • 25. GRAZIE PERL’ATTENZIONE E LA PAZIENZA!Download gratuito dellapresentazione dawww.slideshare.net