studio medico associato Fedele & Lunetta                                                     http://studiomedicoassociatof...
articolo pubblicato su Ricerca e Pratica [doi  10.1707/1024.11181] spiega bene le ragioni per le    quali questo termine d...
In realtà è facile prevedere che leffetto "mediatico" di questa notizia avrà ripercussioni non    indifferenti sul ladesione...
l’impatto del difetto su"a qualità, su"a stabilità del vaccino e, di conseguenza, su"a sicurezza e l’efficacia degli    stes...
Infine, se volete leggere qualcosa di davvero utile per sapere come si fa pessima informazione...    dovete assolutamente c...
La mammografia su#a stampa "seria"                                         italiana? Ovviamente no                         ...
loro professione) un surplus di lavoro individuale di almeno 10-30 minuti di counseling    personalizzato (per sedare il p...
Destra e sinistra    Certo non si possono mettere a confronto argomenti come la sicurezza dei vaccini e il    riscaldament...
bipartisan dellItalia di oggi. Le campagne di stampa che spesso partono da episodi dolenti ma    anche da problemi "gonfiat...
Ilva: il disegno di una bambina di Taranto    24 novembre 2012    Jessica frequenta la terza elementare a Taranto.    Il d...
Il futuro dei Servizio Sanitario Nazionale: "perle" di Monti-pensiero    27 novembre 2012    Con la consueta serietà oggi ...
precisione e per non lasciare adito a cattive interpretazioni: il verbo "riorganizzare" è una parola    in cui non esiste ...
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Media e/o salute

507

Published on

Anteprima del percorso media e/o salute curato da Salvo Fedele per il sito dello studio medico associato Fedele & Lunetta

Published in: Health & Medicine
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
507
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
4
Actions
Shares
0
Downloads
4
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Transcript of "Media e/o salute"

  1. 1. studio medico associato Fedele & Lunetta http://studiomedicoassociatofedelelunetta.blogspot.it ultimo a!iornamento il 28 novembre 2012 Altre novità media e/o di questo percorso? Guarda direttamente su"e pagine del sito salute post del percorso editoriale dedicati a questo tema Ri-accreditamento dei medici in UK 19 Ottobre 2012 Il dibattito sullaccreditamento periodico dei medici UK guadagna la prima pagina del Guardian di oggi. In Italia di questo argomento si parla poco. Certo è che una laurea e una specializzazione (per quanto faticosamente conquistata molti anni prima) non garantiscono nulla sulle capacità di un medico di tenersi aggiornato e capace di continuare a fare il suo lavoro. Ma pensando allUniversità italiana e al nostro Ministero della Salute, pensando alla maniera con cui viene affrontata la formazione post-laurea dalle nostre parti vengono i brividi al solo pensiero di dover avere a che fare con questi "signori" per un mette di olo del post ti per eventuale ri-accreditamento.un click sul tit gere la pagina del sito ra"iun Perché non usiamo mai il termine "cliente"? 24 Ottobre 2012 Nella presentazione di attività assistenziali e in generale nella presentazione di servizi sanitari di ogni tipo negli ultimi anni è entrato nelluso diffuso il termine "cliente". Marco Geddes da Filicaia, Medico allOspedale Santa Maria Nuova di Firenze, in un recente ! 1
  2. 2. articolo pubblicato su Ricerca e Pratica [doi  10.1707/1024.11181] spiega bene le ragioni per le quali questo termine dovrebbe essere bandito dai medici nella presentazione delle proprie attività. Un paio di affermazioni fatte dallautore ci sembrano molto utili da ricordare: "Si definisce cliente (Devoto-Oli) “chi fa le spese in un luogo prescelto”. Si vuole così introdurre una visione (...) consumistica del servizio sanitario, nel quale il cliente si muove, con la sua autonomia di scelta analoga a quella di un consumatore in un outlet; richiamando pertanto il duplice obiettivo del “fornitore”: equilibrio di bilancio e soddisfazione del cliente, perché sennò (e qui si ritorna al problema del consenso politico) “si finisce sui giornali!”. "Il dizionario giustamente richiama il sinonimo di cliente, che è quello di avventore, termine che si potrebbe quindi introdurre, nell’ottica che spesso ci viene suggerita, ma che difficilmente sarà accettato perché più esplicito, più disvelatore dei valori che tale linguaggio intende infondere fra gli operatori sanitari. La scelta del linguaggio deriva quindi dagli obiettivi che si danno al sistema sanitario e – conseguentemente – al proprio lavoro. Chi assume come finalità di un sistema sanitario quella di rispondere, in modo equo, alle esigenze delle persone e quale obiettivo il miglioramento dello stato di salute, ovvero, per dirla con altre parole, di produrre salute, non potrà usare il termine cliente, ma esprimersi con altri vocaboli, anche in relazione ai diversi contesti nell’ambito dei quali interloquisce con i vari soggetti." "Il sistema sanitario è a disposizione delle persone, poiché tutela – secondo la nostra Costituzione – la salute come diritto fondamentale dell’individuo (e non del cittadino italiano)." "Le persone sono pazienti, quando presi in carico dal servizio per problemi assistenziali (con termine condiviso nelle lingue europee: “patient” in inglese e francese, “paciente” in spagnolo, “patienten” in tedesco, ecc.); (Le persone) sono utenti quando si rivolgono per informazioni, transazioni, certificazioni, ecc. (Le persone) sono cittadini quando intervengono per contribuire, con le loro indicazioni e il loro voto, alle scelte sanitarie." "Sono queste le parole che dobbiamo utilizzare, lasciando il termine cliente al mondo del consumismo, che è già assai ampio, variegato, prospero e – spesso – sgradevole, senza necessitare di ulteriori indebite espansioni!" Vaccinazione anti-influenza e caso Novartis 27 Ottobre 2012 Sui media grande risalto alla vicenda Novartis. Quale sarà leffetto di questa "comunicazione" per la vaccinazione dei soggetti a rischio? (bambini cardiopatici, bambini affetti da patologie croniche per le quali è raccomandata la vaccinazione annuale, etc). Bisogna subito dire che dalle nostre parti i vaccini Novartis non sono utilizzati nei bambini e quindi dal punto di vista teorico questa notizia non dovrebbe avere alcun effetto per noi.! 2
  3. 3. In realtà è facile prevedere che leffetto "mediatico" di questa notizia avrà ripercussioni non indifferenti sul ladesione delle categorie a rischio alla campagna vaccinale. Per di più in queste primissime battute la gestione del problema, in termini di comunicazione, non è sembrata esemplare, dando adito a interpretazioni le più svariate circa la causa del ritiro. Analizziamo insieme la comunicazione ufficiale Perché sono stati ritirati questi vaccini? Il 24 ottobre sul sito del ministero è comparso un comunicato molto scarno. Lo riproduco sotto: Avviso urgente: divieto acquisto e utilizzo vaccini antinfluenzali Novartis Il Ministero de"a Salute e lAIFA hanno disposto il divieto immediato a scopo cautelativo e in attesa di ulteriori indagini de"utilizzo dei seguenti vaccini antinfluenzali: Agrippal; Influpozzi sub unità; Influpozzi adiuvato; Fluad. Ai cittadini è richiesto di non acquistare né utilizzare tali vaccini fino a nuova comunicazione in proposito. I vaccini sottoposti a divieto sono prodotti da"azienda Novartis. LAIFA, su"a base de"a documentazione presentata da"azienda, ha stabilito la necessità di ulteriori verifiche circa la qualità e la sicurezza degli stessi, dal momento che questi potrebbero presentare una aumentata reattogenicità, cioè la capacità di indurre effetti co"aterali e reazioni indesiderate. Il Ministro de"a Salute, prof. Renato Balduzzi, sta seguendo da vicino la situazione. Ulteriori informazioni saranno diffuse nel corso de"a giornata. Fonte: Ministero della Salute, accesso delle ore 20 del 24 ottobre 2012 da questo link: http://www.salute.gov.it/ dettaglio/dettaglioNews.jsp?id=2270&tipo=new La notizia conquista rapidamente le prime pagine ma le ipotesi che vengono fatte dai media (le più svariate) non hanno al momento alcuna conferma ufficiale. Non ci resta dunque che aspettare per saperne qualche cosa di più? La sera del 25 ottobre sul sito del ministero arriva qualche parolina in più. Per la precisione in risposta alla domanda auto-formulata con queste parole: "Perché i vaccini prodotti da Novartis sono stati ritirati dalle farmacie e dalle Asl?"si può leggere: "Lazienda ha riscontrato de"e anomalie su alcune dosi appartenenti ad alcuni lotti di quattro vaccini (Agrippal, Influpozzi sub unità, Influpozzi adiuvato, Fluad) e le ha segnalate venerdì 19 ottobre a"Agenzia italiana del farmaco, la quale ha immediatamente avviato le procedure di verifica. La sera di martedì 23 ottobrelAifa ha comunicato al Ministero de"a Salute lesito dei contro"i e mercoledì 24 mattina è stato emesso il provvedimento che vieta la vendita e la somministrazione dei vaccini già presenti sul mercato. Al momento non risulta che i lotti che presentano anomalie fossero stati già distribuiti: in ogni caso le autorità sanitarie hanno disposto a scopo precauzionale il ritiro de"e dosi appartenenti a tutti i lotti". Fonte: Ministero della Salute, accesso delle ore 19 del 25 ottobre 2012 da questo link: http://www.salute.gov.it/ dettaglio/dettaglioNews.jsp?id=2270&tipo=new Anomalie? Che genere di anomalie? In pratica ne sappiamo quanto prima. Alle 20 del 25 Ottobre 2012 sul sito dellAIFA compare questa precisazione: L’Agenzia Italiana del Farmaco ha disposto il divieto di utilizzo dei vaccini influenzali FLUAD – AGRIPPAL – INFLUPOZZI SUBUNITÀ  E INFLUPOZZI ADIUV ATO de"a ditta Novartis Vaccines and Diagnostics S.r.l. Il provvedimento si è reso necessario poiché la Novartis Vaccines and Diagnostics S.r.l.  ha comunicato la presenza di un  fenomeno di a!regazione proteica osservato ne"a produzione dei vaccini influenzali presentando dei rapporti di valutazione qualitativa, tossicologica e di farmacovigilanza che non forniscono elementi sufficienti a chiarire l’esatta composizione degli a!regati, né! 3
  4. 4. l’impatto del difetto su"a qualità, su"a stabilità del vaccino e, di conseguenza, su"a sicurezza e l’efficacia degli stessi. Si è in attesa de"e ulteriori indagini e approfondimenti ritenuti necessari anche a"’esito de"a valutazione de"a documentazione integrativa che la ditta dovrà inviare. Fonte: AIFA, accesso delle ore 20 del 25 ottobre 2012 da questo link: http://www.agenziafarmaco.gov.it/it/content/ divieto-di-utilizzo-vaccini-influenzali-della-ditta-novartis-vaccines-and-diagnostics In sintesi lAIFA ci dice questo: in Novartis hanno visto qualche cosa che galleggiava nelle siringhe e si sono chiesti "cosè?" Gli esperti della Novartis hanno risposto: "non sappiamo!" e allAIFA hanno considerato questa affermazione insufficiente per permettere la normale distribuzione dei vaccini prodotti. La produzione di vaccini non è certo una cosa che si improvvisa. Le tecniche a disposizione di un laboratorio che produce vaccini sono così avanzate che questa versione dei fatti appare poco credibile: lesatta composizione degli aggregati è stata sicuramente e immediatamente ri-conosciuta. Più probabile che lazienda abbia considerato questi aggregati un fenomeno secondario e irrilevante del processo di produzione e che al Ministero e allAIFA non siano stati daccordo. Scrive infatti la Novartis sul sito ufficiale della casa: "The protein a!regates observed in some of the vaccines, which have led to precautionary measures in some markets, can occur in the vaccine manufacturing process and have no impact on the safety or efficacy of the vaccines" In italiano: "Gli a!regati proteici osservati in alcuni vaccini, che hanno portato a"e misure cautelari in alcuni mercati, si possono verificare nel processo di fabbricazione del vaccino e non hanno alcun impatto su"a sicurezza o lefficacia dei vaccini" Tutto qui, ci troviamo di fronte a un problema minore che va ricondotto alle problematiche produttive dei vaccini? Se invece dietro questo scambio di "opinioni" cè davvero dellaltro primo o poi lo sapremo; cè da sperare però che nel frattempo qualcuno si occupi di comunicare che ogni sforzo verrà fatto per garantire anche questanno la campagna vaccinale per le categorie a rischio. Ecco... proprio mentre stavo per "chiudere" il post arriva la solita tranquillizzante notizia... Non succede nulla, tutto come prima, la campagna vaccinale procederà come ogni anno... Come faranno? Cancelleranno con la spugna dalla lavagna dei media tutto quello che è stato detto/non detto? “Siamo appena all’inizio della campagna vaccinale, e al momento non sussiste un problema di disponibilità di dosi di vaccino anti-influenzale nel nostro Paese – ha rassicurato il Ministro Balduzzi - Se nelle prossime settimane dovessero emergere difficoltà di approvvigionamento sarà cura delle Autorità provvedere mediante contratti con altre aziende”. Quanto agli effetti collaterali possibili altri chiarimenti... tra i quali ... ( si prega di leggere le parole del ministro sotto riprodotte)! Il Ministro Balduzzi ha chiarito che "al momento non risulta alcuna evidenza di eventi avversi specifici" e quindi “non cè nessun motivo di a"arme". "Possiamo solo stimare, su"a base dei dati finora disponibili, che potrebbe trattarsi di eventi avversi locali, cioè di tipo dermatologico, o sistemici, come linnalzamento de"a temperatura corporea" Fonte: AIFA, accesso delle ore 10 del 27 ottobre 2012 da questo link: http://www.agenziafarmaco.gov.it/it/content/ divieto-di-utilizzo-vaccini-antinfluenzali-novartis-conferenza-stampa-del-ministro-della-sal Che dire? Qualcuno ha fatto recentemente un master di comunicazione... e si vede!! 4
  5. 5. Infine, se volete leggere qualcosa di davvero utile per sapere come si fa pessima informazione... dovete assolutamente consultare questo resoconto comparso in uno dei giornali più letti nel nostro paese: http://bit.ly/TJvdH9 10 Novembre 2012: aggiornamento Oggi 10 novembre 2012 un trafiletto minuscolo a pagina 17 di "la Repubblica" ci informa che i vaccini Novartis tornano in distribuzione. Come volevasi dimostrare. Ovviamente come ho scritto sul post il danno alla campagna vaccinale per le categorie a rischio non potrà essere cancellato con la spugna. Nessun giornale trova utile fare una riflessione sulla modalità con cui è stata data la notizia. Nessuna autocritica sulla gestione mediatica della vicenda ovviamente viene neppure dal Ministero della Salute. Autocritica? Certo che no: I tecnici hanno trovato il modo di risparmiare un po di denaro. Le dimensioni del trafiletto di La Repubblica sono 12 cm per 4 cm (comprendendo in queste dimensioni la foto dello stabilimento Novartis) I costi proibitivi degli asili nido scora"iano la ricerca del lavoro in UK E In Italia? 28 ottobre 2012 The Observer di oggi. Prima pagina. I costi proibitivi degli asili nido scoraggiano la ricerca del lavoro in UK. In Italia? Gli asili nido sono lo stesso costosi, ma le ragioni per cui la gente "rinunzia" al lavoro sono altre. Qualsiasi cosa dica il ministro Fornero. puoi le"ere gli altri percorsi editoriali selezionando la parola chiave di interesse da#a home page pagina del sito! 5
  6. 6. La mammografia su#a stampa "seria" italiana? Ovviamente no 28 Ottobre 2012 I giornali "seri" in Italia non si occuperebbero mai di dare una notizia di questo tipo e così in risalto (in prima pagina). Invece il Guardian di oggi dà spazio non solo allimportanza dello screening con la mammografia per la diagnosi precoce del carcinoma mammario, ma presenta con straordinaria accuratezza tutti i punti critici di questo screening (Quando farlo? Ogni quanto tempo ripeterlo?). Il carcinoma mammario non risparmia nessuno, neppure le donne che allattano (per quanto questo sia un fattore protettivo su cui non ci sono dubbi). Ogni sospetto (anche piccolo), anche in età in cui è poco probabile (sotto i trentanni) deve essere subito portato allattenzione del medico di fiducia. E nel dubbio è necessario rivolgersi allo specialista per tutte le necessarie indagini. tare i post puoi commen el sito da#e pagine d Di che colore è il giornale? Ti dirò in anticipo cosa pensa di un argomento scientifico (negli USA) 11 novembre 2012 Qualche giorno fa, il 27 ottobre, in uno dei post di questo percorso editoriale del sito avevo ricostruito la vicenda Novartis. In quel post avevo fatto un esempio di cattiva informazione, segnalando un articolo comparso in un giornale progressista (La Repubblica). Il 10 novembre ho aggiunto un commento a quel post segnalando la modalità con cui lo stesso giornale aveva portato a conoscenza dei suoi lettori la conclusione rassicurante di quella vicenda: un trafiletto dalle dimensioni minuscole che certamente non aveva lobiettivo di informare davvero i milioni di italiani che dovranno fare il vaccino e che non eviterà ai medici (che vogliono svolgere con correttezza la! 6
  7. 7. loro professione) un surplus di lavoro individuale di almeno 10-30 minuti di counseling personalizzato (per sedare il panico indotto dalla vicenda Novartis) sulla sicurezza delle procedure vaccinali (di tutte le procedure vaccinali) Su uno degli ultimi numeri di "Scientific American" è comparso un utile articolo (Antiscience Beliefs Jeopardize U.S. Democracy, Shawn Lawrence Otto, Oct 17, 2012)  che tra le altre cose tenta di sistematizzare gli "errori" più frequenti che compaiono nella stampa, in base allappartenenza politica, quando si trattano argomenti scientifici. Larticolo analizza la situazione USA, ma la globalizzazione dellinformazione ormai consente di potere estendere le sue conclusioni davvero ben oltre i confini degli Stati Uniti. In realtà sebbene molte affermazioni siano assolutamente valide anche in Italia, il nostro paese ha però sviluppato qualche "peculiarità" antiscientifica che spesso uniforma tutti gli schieramenti politici e che è riflessa bene su alcune pregiudizi anti-scientifici "universali" che caratterizzano linformazione italiana (compresa quella che viene dal blog di Grillo). Larticolo non racconta cose nuove, ma cerca di aiutare il lettore "interessato ai fatti" e alla "verità scientifica" su come leggere le conclusioni della stampa "indipendente". Cerca cioè di mettere in guardia il lettore su come lideologia di appartenenza che è dietro la parola "indipendente" finisce spesso per rappresentare la vera lente attraverso cui si leggono i fatti. Qualche esempio? Il giornale è di sinistra o vagamente progressista? Bene allora lideologia dominante di questa area politica è sullargomento vaccini schierata tutta dalla parte "i vaccini fanno male" "fanno venire lautismo", "si fanno esclusivamente per lo strapotere delle case farmaceutiche". (Tutti i dati scientifici escludono qualsiasi relazione tra vaccino e autismo, il profilo di sicurezza dei vaccini va valutato individualmente e la grande maggioranza dei vaccini in distribuzione hanno una efficacia straordinariamente elevata, come quasi nessun farmaco è in grado di raggiungere). Bene, dal momento che il pregiudizio è quello... qualsiasi notizia sui vaccini verrà letta esclusivamente utilizzando questa ideologia interpretativa. Le eventuali smentite (subito dopo gli allarmi) verranno trattate con sufficienza e molti dubbi. L informazione sarà sempre "sbilanciata"sui danni veri o presunti e mai sulle notizie rassicuranti. L esempio di Repubblica che ho citato in apertura calza perfettamente a pennello. Analizziamo laltro versante. Il giornale è di destra o vagamente conservatore? Bene allora i suoi lettori verranno informati circa il fatto che il surriscaldamento globale della terra è una bufala (quando ormai milioni di misure ne dimostrano inequivocabilmente lesistenza) E la teoria dellevoluzione? Si chiama così perché è una opinione (non una teoria scientifica considerata unanimemente come la più credibile teoria scientifica su come la terra e i suoi abitanti si sono andati plasmando). Così nella scuola va inserito linsegnamento creazionista per "bilanciare" questa opinione (in Italia si è fatto molto di più).! 7
  8. 8. Destra e sinistra Certo non si possono mettere a confronto argomenti come la sicurezza dei vaccini e il riscaldamento globale e la teoria dellevoluzione. Indubbiamente i giornali di destra USA vanno giù duri su posizioni anti-scientifiche su alcuni capisaldi della conoscenza, ma quel che analizza bene larticolo è il retroterra culturale comune delle opposte posizioni ideologiche, e la conclusione è davvero una lezione per tutti: I fatti sono ostinati e... quale che siano i nostri desideri, le nostre inclinazioni, o la nostra passione, non possiamo alterare lo stato dei fatti e delle prove. Quando i fatti diventano opinioni, il processo decisionale collettivo della democrazia inizia a crollare. Non è più la conoscenza il comune denominatore che può portare "pensieri" opposti dallo stesso lato dello steccato. E così i governi diventano reattivi, costosi e tardano a risolvere i problemi veri, mentre il dialogo nazionale è impantanato nella guerra di opinioni. E in Italia? Quel che sta succedendo in Italia è che proprio per la natura reattiva dei governi che si sono succeduti negli ultimi anni (reattivi alla necessità di tagliare il più possibile per trovare una soluzione al disastro incombente) le decisioni non vengono prese sulla base di vere priorità condivise o su analisi attente di valutazione costi/benefici ma affidandosi al "sentimento comune" spesso governato dalle campagne di stampa che traggono spunto da fatti e/o episodi particolari. Per tornare allesempio dei vaccini anti-influenza: quel che succederà dopo la recente campagna di stampa sulla pericolosità del vaccino Novartis inevitabilmente sarà il risparmio sulle dosi di vaccino effettivamente distribuite. Esattamente la stessa cosa che è successa sulla vaccinazione per la pandemia di qualche anno fa. Questo taglio, come quel taglio non è stato voluto, programmato, deciso sulla base di attente valutazioni costi/benefici ma è semplicemente accaduto e verosimilmente "senza regia occulta". LEuropa ci ringrazierà anche per questo? Probabilmente no, ma... in questo momento non riusciamo a vedere oltre la più miope visone dettata da esigenze di cassa "non rinviabili" e così ogni taglio è benvenuto, indipendentemente dai "costi" che dovremo sopportare soltanto qualche giorno dopo. Allo stesso modo in cui i costi per la mancata vaccinazione della pandemia di qualche anno fa, in termini di morti evitabili, ricoveri protratti in rianimazione, complicanze registrate non sono mai stati portati realmente a conoscenza della pubblica opinione (neanche con qualche trafiletto minuscolo). Questa "natura reattiva" dettata dallemergenza economica spiega meglio di ogni cosa latteggiamento antiscientifico che accomuna le opposte fazioni in molte occasioni in Italia: i vaccini e le paure sulle vaccinazioni alimentate dai media (con la corresponsabilità delle cattive regie dei ministri per la salute pro-tempore che si sono succeduti negli ultimi anni) sono lesempio più eclatante di questa particolarità antiscientifica e bipartisan che caratterizza la realtà italiana. Purtroppo però non sono lunico esempio. La dicotomia territorio/ospedale che ha caratterizzato le misure di controriforma degli ulti anni è un esempio ben più grave del silenzio antiscientifico! 8
  9. 9. bipartisan dellItalia di oggi. Le campagne di stampa che spesso partono da episodi dolenti ma anche da problemi "gonfiati" determinano priorità dettate dal "sentimento comune" e i risultati sono decreti sanità che non hanno alcun finanziamento alle spalle. Prima o poi anche in questo paese si saprà dar valore ai fatti prima che alle opinioni. Lultima frase? Ancora una volta il lieto fine di un film di cui non si vede nessuna programmazione allorizzonte. Link: S L Otto, Antiscience Beliefs Jeopardize U.S. Democracy, Scientific American, Oct 17, 2012 https://www.scientificamerican.com/article.cfm?id=antiscience-beliefs-jeopardize-us-democracy&page=2 (accesso 10/11/12) 19:12 Vivamus felis augue malesuada nec, conguenec semper. a, risus. Mauris quam. Morbi eget nunc nec eros tincidunt bibendum. Sed sagittis tincidunt id, commodo quis, ipsum. Maecenas pretium quam aliquet tincidunt id, commodo quis, ipsum. Maecenas pretium quam aliquet placerat massa. Sed nec nisl. Etiam malesuada mi nec pede. Pellentesque habitant morbi. In UK si parla degli effetti de#a recessione su#a nutrizione. E in Italia? 19 Novembre 2012 Il titolo di oggi del Guardian (prima pagina) parla di "Nutritional Recession" in UK: la recessione ha talmente compromesso i livelli di vita da far sì che i fabbisogni nutritivi essenziali nelle fasce più deboli della popolazione sono adesso al di sotto della zona di sicurezza. E in Italia? Nessun giornale italiano si occupa dellargomento. I media inglesi sono esagerati? Dal mio piccolo osservatorio quotidiano posso testimoniare che questa preoccupazione non mi sembra infondata ette di olo d el post ti perm un click sul tit gere la pagina del sito ra"iun! 9
  10. 10. Ilva: il disegno di una bambina di Taranto 24 novembre 2012 Jessica frequenta la terza elementare a Taranto. Il disegno è tratto dalla galleria pubblicata oggi su Repubblica http://bari.repubblica.it/cronaca/2012/10/24/foto/disegni_ilva_scuole_taranto-45166343/1/ (accesso 24/11/12) Non ci sono più parole per commentare questa vicenda? Le morti e le angosce che ha provocato e sta provocando? La storia è molto lunga e parte dalle denunzie di Giulio Maccacaro e del gruppo di Medicina Democratica decine di anni fa. Maccacaro allepoca rimase del tutto isolato insieme a un piccolo collettivo di operai di Porto Marghera che ebbi loccasione di incontrare. Quei documenti dimenticati erano ricchi di informazione scientifiche e umane, ma forse erano scritti in un modo che non faceva breccia. Era questo il problema? Bastava cambiare le parole per farsi ascoltare? Bisognava semplicemente chiedere la "carità" ai "potenti" e agli "imprenditori" con le parole giuste? Per la precisione: piegarsi e chiedere lelemosina con le parole giuste e consultando gli esperti di marketing? Il diritto alla salute è ormai solo elemosina? Daltra parte gli uomini nuovi non vengono "pesati" dai media in base alle capacità di apparire in TV? Un problema di DNA? L Ilva e i moderni automi-mostri della politica sono un esempio di epigenetica studiato già da Tomasi di Lampedusa senza bisogno di sacrificare neppure un topino da laboratorio. Bastava guardare, anzi per la precisione... respirare! ti che ann o video associa to Alcuni post h e del si za re da#e pagin puoi visualiz! 10
  11. 11. Il futuro dei Servizio Sanitario Nazionale: "perle" di Monti-pensiero 27 novembre 2012 Con la consueta serietà oggi a Palermo nuove perle di Monti-pensiero: "La sostenibilità futura del Servizio Sanitario Nazionale potrebbe non essere garantita (...) La crisi ha colpito tutti ed il campo medico non è una eccezione. La sostenibilità futura dei sistemi sanitari nazionali, compreso il nostro di cui andiamo fieri potrebbe non essere garantita se non si individueranno nuove modalità di finanziamento per servizi e prestazioni. (...) In futuro la sostenibiltà dei sistemi sanitari potrebbe non essere garantita se non si individuano nei prossimi due anni nuove modalità di riorganizzazione dei servizi e delle prestazioni" Sapevo già che le perle sono delle pillole facili da ingoiare. Le perle sono buone notizie. Almeno lo erano un tempo, quando il vocabolario non aveva subito le rapide innovazioni di questi mesi. Comunque... ecco finalmente una buona notizia: Monti vuole innovare e riorganizzare il sistema. Sapevo già che la parola "innovare" può prestarsi a qualche equivoco, ma "riorganizzare" è una parola dal significato chiaro. Per sicurezza però ho cercato bene. Sul vocabolario in mio possesso (una vecchia edizione dellanno scorso) il termine è inequivocabile. Ma siamo davvero sicuri che per Monti "riorganizzare" significa la stessa cosa che significa per il vocabolario italiano che conosciamo? Grazie alla recente partecipazione del premier alla trasmissione di Fabio Fazio ho scoperto così che per Monti "riorganizzare" significa: "meno salario in cambio di più ore lavorative". Per la! 11
  12. 12. precisione e per non lasciare adito a cattive interpretazioni: il verbo "riorganizzare" è una parola in cui non esiste alcun riferimento agli sprechi clientelari e agli stipendi dei manager. Comincio a capire: non era propriamente una perla. Finalmente però si può dare atto a Monti che anche le sue perle (e non solo quelle dei suoi ministri) cominciano a coincidere con gli atti del suo governo. Ogni volta che apre bocca... noi assumiamo per la corretta via di somministrazione una nuova... "Servono riforme coraggiose".Le "riforme"... parola curiosa per descrivere le manganellate che sono state elargite in questi mesi."Servono riforme coraggiose e chi si oppone è un conservatore" Ecco unaltra innovazione: nel vocabolario entra oggi a pieno titolo e con un significato "moderno" anche la parola "conservatore". "Conservatore" è infatti per Monti chi si batte per il lavoro salariato. Per la precisione secondo Monti è "conservatore" chi non accetta lovvia necessità che per "liberare risorse" bisogna regalare più ore lavorative senza rivendicare in cambio salario. Gli economisti si sà si limitano a rappresentare con serietà e freddezza la realtà. Spiegano senza appello (lo dice lEuropa) quello che è giusto fare. Sono dei tecnici. Riorganizzare è un termine in cui non si può fare alcun riferimento a un semplice fatto e cioè che tre regioni da sole (Sicilia, Lazio e Campania) producono gli sprechi maggiori attraverso lutilizzo "incontrollabile" di strutture private. Riorganizzare è un termine in cui non si può fare riferimento al fatto che quelle regioni che hanno "ben amministrato" lo hanno fatto arricchendo con i cosiddetti avanzi di gestione "fondazioni" e clientele, per lo più formate alla scuola Bocconiana della "serietà di governo". Ma Monti parlava a Palermo (sebbene in videoconferenza da Roma) e si sà Monti è persona ben educata. Certi "numeri" meglio lasciarli da parte. Almeno però in passato i tecnici non avevano la faccia tosta di chiamare "conservatore" chi si opponeva alla schiavitù... che in fin dei conti significa soltanto (almeno fino a questo momento, giuro... ho controllato bene) "lavoro senza salario". Ma questa è la modernità, rassegniamoci. Ecco, non ci resta che correggere le parole dellinnominabile con un nuovo motto: "Conservatori di tutto il mondo unitevi e liberateci almeno... del vocabolario del montipensiero" (Se possibile però liberateci presto anche di...)  7:48 Im quis alit vel dolendreros eumsan henissim uis at autat inciliquamet aliquat lor ip er sent lortis ex elit dolore ver sit prating ea feuguer cillupt atueraesed dolesto. 10:00 Xero cor augait dit in velit ad del iril ea corper aci tatue commy nulput nullam vulpute mod magnit ipisim vercil ute magna augue consecte doloreet. Tationsed duipit nim quat, vullaorem nibh exerit lut ea conse tisis do duisdolore tet dig Vullan utet luptat vulput lan henis.! 12

×