Dott Atti terapia ddh

  • 1,366 views
Uploaded on

 

  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
1,366
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
3
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Terapia della Displasia Evolutiva dell’Anca: dott. Giuseppe Atti ex direttore del Centro “Marino Ortolani” per la diagnosi precoce e la terapia della Lussazione Congenita dell’Anca dell’Azienda Ospedaliera-Universitaria di Ferrara giuseppe.atti@gmail.com cell 335 5899743
  • 2. Razionale della terapia della DEA lo stimolo perassicurare il normale sviluppo dell’acetabolo è rappresentato dallapresenza della testadel femore nel fondo dell’acetaboloDott. Giuseppe Atti
  • 3. L’estensione e l’adduzione delle cosce favoriscono la dislocazione L’abduzione e la flessione delle cosce favoriscono la riduzioneDott. Giuseppe Atti
  • 4. La terapia della DEA prevede La fase della RIDUZIONE (1 tempo) che consiste nel ripristinare i corretti rapporti articolari che devono esistere fra la testa del femore e la cavità acetabolare La fase dell’IMMOBILIZZAZIONE (2 tempo) che consiste nel mantenere la testa femorale fissa all’interno della cavità acetabolare fino alla completa normalizzazione anatomica e funzionale della stessaDott. Giuseppe Atti
  • 5. La terapia della DEA può essere fatta con differenti presidi divaricatori Dott. Giuseppe Atti
  • 6. La scelta del divaricatore che deve prescritto dipende: dalquadro clinico, dall’età, dal peso corporeo e dalla forza muscolare del bambino E’ importante che il divaricatore mantenga le cosce in abduzione non forzata, all’interno della zona di sicurezza di Ramsey.Questa zona corrisponde al settore compreso fra il limite della massima abduzione e la zona di recidiva della lussazione.Dott. Giuseppe Atti
  • 7. A quali bambini va prescritta una terapia della DEA? Ai bambini che hanno:• un esame clinico positivo che rilevi la presenza di blocco articolare, scatto di entrata o scatto di uscita• una radiografia del bacino patologica che dimostri la presenza di lussazione, sublussazione o di displasia acetabolare •un’ecografia dell’anca patologica che dimostri la presenza di alterazioni di tipo 4,3, D, C, 2bIl riscontro di alterazioni ecografiche di tipo 2a- (ritardo di ossificazione nei bambini di età inferiore a 3 mesi) rappresenta un’indicazione non assoluta per prescrivere la terapia della DEADott. Giuseppe Atti
  • 8. nei bambini che hanno anche clinicamente riducibili possono essere utilizzati i seguenti divaricatori: •divaricatore a mutandina F01 modello Ferrara •divaricatore di Milgram •divaricatore di PavlikDott. Giuseppe Atti
  • 9. Modello F01 Ferrara con cuscinetto divaricatore in neopreneCuscinetto in neopreneDott. Giuseppe Atti
  • 10. 1-Tecnica di applicazione del divaricatore F01 modello Ferrara Il cuscinetto viene applicato al di sopra il normale pannolino a perdere E’ importante applicare il pannolino ben aderente alla regione perinealeDott. Giuseppe Atti
  • 11. 2-Tecnica di applicazione del divaricatore F01 modello Ferrara Si posiziona il cuscinetto sotto i glutei del bambino Durante l’applicazione del divaricatore il bambino va tenuto con le cosce flesse ed abdotteDott. Giuseppe Atti
  • 12. 3-Tecnica di applicazione del divaricatore F01 modello Ferrara Si avvicina l’angolo anteriore del cuscinetto a quello posteriore,mantenendo ben salda la presa a livello della radice della coscia.Si fissa la parte anteriore e quella posteriore del cuscinetto con la chiusura in velcro, prima da un lato poi dall’altroDott. Giuseppe Atti
  • 13. 4-Tecnica di applicazione del divaricatore F01 modello Ferrara Il cuscinetto viene mantenuto nella posizione corretta da una salopette con bretelleLe bretelle devono essere regolare in modica tensione per trattenere il cuscinetto divaricatore nella posizione corretta Dott. Giuseppe Atti
  • 14. 5-divaricatore F01 modello Ferrara - raccomandazioniIl divaricatore F01 modello Ferrara deve essere indossato 24 ore al giornoPuò essere rimosso solo per praticare le cure igienicheDurante i pasti, il bambino va tenuto inbraccio cercando di non avvicinargli le cosce Il bambino può essere trasportato acavalcioni del proprio fianco oppure nel marsupioA letto il bambino non deve dormire sui fianchi Dott. Giuseppe Atti
  • 15. Il divaricatore F01 modello Ferrara può essere prescritto Nei neonati con anche lussate e lussabili fino all’età di 1 mese Nei neonati con anche clinicamente stabili ed ecografia patologica fino a 2-3 mesi di vitaDott. Giuseppe Atti
  • 16. Il divaricatore F01 modello Ferrara è disponibile in commercio in 3 misure Small: per bambini con peso corporeo fino a Kg 3.5 Medium: per bambini con peso corporeo da 3.5 a 5 Kg Large: per bambini con peso corporeo superiore a 5 KgDott. Giuseppe Atti
  • 17. Per prescrivere la taglia corretta del divaricatore F01 modello Ferrara è necessario verificare che la larghezza del cuscino sia uguale alla distanza esistente fra i cavi poplitei del bambino mantenuto a cosce flesse ed abdotte a 90Dott. Giuseppe Atti
  • 18. Divaricatore di Milgram Il presidio è costituito da una presa di bacino collegata a 2 staffe metalliche dotate di cosciali di materiale plastico. Le chiusure di fissaggio sono in velcroDott. Giuseppe Atti
  • 19. Divaricatore di Milgram Quasi tutti i divaricatori di Milgram reperibili in commercio hanno cosciali regolati con flessione ed abduzione a 90 . Questa regolazione standard fissa gli arti inferiori delbambino in massima abduzione e di conseguenza espone al rischio di complicanze (necrosi avascolare della testa del femore) Dott. Giuseppe Atti
  • 20. Presso il Centro diFerrara utilizziamo un modello di Milgram predisposto con abduzione a 70 e grado di flessione regolabile Dott. Giuseppe Atti
  • 21. 1-Tecnica di applicazione del divaricatore di Milgram Le chiusure in velcro deldivaricatore devono essere tutte aperte Si posiziona il divaricatore sotto la schiena del bambinoDott. Giuseppe Atti
  • 22. 2-Tecnica di applicazione del divaricatore di Milgram Si mantiene il bambino in flesso-abduzione Si chiudono i velcri dei cosciali e quello della presa di bacino Dott. Giuseppe Atti
  • 23. 3-Tecnica di applicazione del divaricatore di Milgram Mantenere la coscia del bambino in flesso abduzione e ben appoggiata alla parte posteriore del cosciale Serrare il cosciale facendolo rimanere ben aderente alla faccia mediale della cosciaDott. Giuseppe Atti
  • 24. 4- divaricatore di Milgram - raccomandazioni La chiusura addominale deve essere mantenuta sufficientementelarga per consentire la distensione dell’addomeDott. Giuseppe Atti
  • 25. 5- divaricatore di Milgram - raccomandazioni La cute degli arti inferiori del bambino va protetta con una calzamaglia di cotoneDott. Giuseppe Atti
  • 26. 6 - divaricatore di Milgram - raccomandazioni Il divaricatore va indossato per 24 ore al giorno e può essere rimosso solo per praticare le cure igieniche Il bambino può stare nel passeggino e nel seggioloneDott. Giuseppe Atti
  • 27. Quando si utilizza il divaricatore di Milgram? dal 3 mese di vita nei bambini con anche clinicamente stabili ed ecografia o radiografia patologicaDott. Giuseppe Atti
  • 28. Divaricatore di Pavlik E’ costituito da: •un corpetto con bretelle da applicare sul torace •2 bretelle con scarpina da fissare al corpetto •la banda anteriore delle bretelle regola la flessione, quella posteriore l’abduzioneDott. Giuseppe Atti
  • 29. Divaricatore di Pavlik Questo divaricatore deve essere regolato su misura per ogni bambino Sono necessari frequenti controlli perché il presidio deve essere adattato alla crescita corporea del bambinoDott. Giuseppe Atti
  • 30. Quando si utilizza il divaricatore di Pavlik? Dalla nascita fino all’età di 4 mesi per la cura delle anche lussate che rimangono ridotte con difficoltà Il divaricatore di Pavlik va indossato a permanenza, anche durante il cambio del pannolino, va rimosso solo dopo la scomparsa del segno dello scatto.Dott. Giuseppe Atti
  • 31. Se l’epifisi femorale è completamente dislocata al di fuoridell’acetabolo e con la manovra di Ortolani non si ottiene la sua riduzione In questi casi non possono essere applicati divaricatori in flesso-abduzione Dott. Giuseppe Atti
  • 32. Per tentare di risolvere i blocchi articolari delle anche completamente lussate e manualmente non riducibili può essere utilizzata la trazione a cerotto agli arti inferioriDott. Giuseppe Atti
  • 33. Dopo la trazione il trattamento di queste forme gravi di DEA (lussazione completa-alta) richiede quasi sempre un’immobilizzazione energica con apparecchio gessatoDott. Giuseppe Atti
  • 34. Col rischio di provocare osteonecrosi post riduttiveDott. Giuseppe Atti
  • 35. Raccomandazioni per chi prescrive un divaricatore fornire sempre ai genitori del bambino una dettagliata spiegazione della natura della malattia addestrare i genitori all’uso del presidio prescritto verificare se i genitori sono in grado di applicare correttamente il divaricatoreDott. Giuseppe Atti