Diritto degli Stranieri - I - parte quarta
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Like this? Share it with your network

Share

Diritto degli Stranieri - I - parte quarta

on

  • 2,542 views

Prima lezione sul diritto degli stranieri, per gli operatori di Africa Insieme. Quarta Parte

Prima lezione sul diritto degli stranieri, per gli operatori di Africa Insieme. Quarta Parte

Statistics

Views

Total Views
2,542
Views on SlideShare
2,482
Embed Views
60

Actions

Likes
1
Downloads
34
Comments
0

2 Embeds 60

http://scuolamigrantielcomedor.wikispaces.com 51
http://www.slideshare.net 9

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Diritto degli Stranieri - I - parte quarta Presentation Transcript

  • 1. Diritto degli stranieri Prima lezione (4) Sergio Bontempelli Africa Insieme
  • 2. I “clandestini”
    • Quando lo straniero non ha il permesso di soggiorno, è considerato irregolare.
    • Alcuni distinguono tra irregolari e clandestini: i primi entrati in Italia regolarmente, che non hanno potuto rinnovare il permesso di soggiorno; i secondi entrati illegalmente nel territorio nazionale. Ma dal punto di vista giuridico questa distinzione non ha senso
    • L’Italia considera indistintamente irregolari tutti coloro che siano privi di documenti di soggiorno
  • 3. Il trattamento della clandestinità
    • Come abbiamo visto gli irregolari non possono essere regolarizzati
    • Vi sono alcune (poche) eccezioni che vedremo nella prossima lezione: donne in stato di gravidanza, parenti o coniugi di cittadini italiani, minorenni, vittime di tratta.
    • Per tutti gli altri, l’unico trattamento previsto dalla legge è quello dell’espulsione
  • 4.
    • L’espulsione scatta quando lo straniero viene rintracciato in posizione irregolare sul territorio nazionale
    • Non è necessariamente collegata a reati commessi. Anzi, il più delle volte lo straniero espulso non ha fatto nulla di male a cose o persone: viene espulso solo perché irregolare
  • 5.
    • L’espulsione può scattare in due casi:
      • Quando lo straniero non ha alcun permesso di soggiorno
      • Quando lo straniero ha un permesso scaduto da più di sessanta giorni e non ne ha richiesto il rinnovo o la conversione
  • 6.
    • Lo straniero che ha richiesto il rinnovo del permesso di soggiorno ed è ancora in attesa non può essere espulso fino alla conclusione della procedura
    • Quando viene negato il rinnovo (cosiddetto “rifiuto del permesso di soggiorno”), non scatta subito l’espulsione. Il Questore concede allo straniero un tempo (di norma 15 giorni) per allontanarsi volontariamente dall’Italia
  • 7. Il rifiuto e l’espulsione
    • La differenza tra il semplice rifiuto del permesso di soggiorno e la vera e propria espulsione, è che in quest’ultimo caso lo straniero non potrà più ottenere né visti né permessi di soggiorno per i successivi dieci anni
    • Con il semplice rifiuto lo straniero dovrà allontanarsi dall’Italia, ma potrà rientrarvi in qualsiasi momento (naturalmente chiedendo il regolare visto di ingresso)
  • 8.
    • E’ dunque molto importante leggere il testo del provvedimento consegnato allo straniero, per capire se si tratta di rifiuto o di espulsione
    • Leggi il rifiuto
    • Leggi l’espulsione
  • 9.
    • L’espulsione è di norma eseguita attraverso l’accompagnamento alla frontiera da parte delle forze dell’ordine
    • Molto spesso, però, le Questure non hanno soldi e mezzi per rimpatriare lo straniero: questi resta in Italia con una intimazione ad abbandonare il territorio nazionale entro cinque giorni
  • 10.
    • L’intimazione ha il valore di una vera e propria espulsione. Il fatto che lo straniero sia stato rimpatriato o meno non cambia nulla: vale sempre il divieto di reingresso per dieci anni
  • 11.
    • L’eventuale ricorso al giudice contro l’espulsione non sospende l’efficacia del provvedimento
    • Di fronte ad una espulsione non c’è dunque nulla da fare, se non rivolgersi a un avvocato
    • Il ricorso può essere presentato entro sessanta giorni. Non cambia nulla farlo entro i cinque giorni dell’intimazione
  • 12. Espulsioni e respingimenti
    • L’ espulsione non va confusa con il respingimento
    • L’ espulsione avviene quando uno straniero è rintracciato nel territorio nazionale senza permesso di soggiorno
    • Il respingimento avviene alla frontiera: è il divieto di ingresso per coloro che non dispongono del visto
  • 13.
    • Il respingimento non comporta un divieto di reingresso. In linea teorica, se lo straniero riesce a munirsi di un visto, può fare ingresso sul territorio nazionale anche il giorno dopo essere stato respinto
  • 14. Conclusioni: le leggi sull’immigrazione
    • La legge fondamentale sull’immigrazione è il Decreto Legislativo 286/98, contenente il “Testo Unico sull’Immigrazione”
    • Un “Testo Unico” è una legge che raccoglie in un unico testo molti provvedimenti sparsi in leggi e leggine approvate precedentemente o rimaste in vigore
  • 15.
    • All’epoca in cui fu scritto il Testo Unico, era stata appena approvata la legge 40/98 (cosiddetta “Turco-Napolitano”). Il Testo Unico (abbreviato come TU) era dunque, in sostanza, la legge 40, più alcuni articoli di vecchie leggi rimasti in vigore
  • 16.
    • Nel 2002 viene approvata la legge “Bossi-Fini” (legge 189/2002).
    • Essa non si presenta come una nuova legge, ma come un gigantesco “emendamento” al vecchio Testo Unico
    • In termini tecnici, un “emendamento” a una legge si chiama “novella legislativa”. La Bossi-Fini ha dunque “novellato”, e non abolito, il Testo Unico
    • Di norma, dunque, si cita il Testo Unico come modificato dalla legge 189 (Bossi-Fini)
  • 17.
    • Anche il nuovo “pacchetto sicurezza” (legge 94/2009) ha novellato il Testo Unico, senza abolirlo
    • Dopo l’approvazione del pacchetto sicurezza, si continua a citare il Testo Unico come modificato dalla legge 94/09
  • 18.
    • Il Testo Unico sull’Immigrazione disciplina la condizione del cittadino straniero
    • Le disposizioni sui cittadini comunitari sono disciplinate da un’altra legge, il decreto legislativo 30/2007, che oggi non abbiamo analizzato
  • 19.
    • Sempre per i cittadini stranieri, esiste il “Regolamento di Attuazione del Testo Unico” (DPR 394/99), che disciplina nel dettaglio le procedure previste dal Testo Unico