Web 2.0 and Old Models of Relationships

1,014 views
994 views

Published on

Published in: Technology, Business
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
1,014
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Web 2.0 and Old Models of Relationships

  1. 1. Something is changing in the Web <ul><li>Web 1.0 was about reading, Web 2.0 is about writing </li></ul><ul><li>Web 1.0 was about companies, Web 2.0 is about communities </li></ul><ul><li>Web 1.0 was about client-server, Web 2.0 is about peer to peer </li></ul><ul><li>Web 1.0 was about HTML, Web 2.0 is about XML </li></ul><ul><li>Web 1.0 was about home pages, Web 2.0 is about blogs </li></ul><ul><li>Web 1.0 was about lectures, Web 2.0 is about conversation </li></ul><ul><li>Web 1.0 was about advertising, Web 2.0 is about word of mouth </li></ul><ul><li>Web 1.0 was about services sold over the web, Web 2.0 is about web services </li></ul>The power of Us Da http://www.darrenbarefoot.com
  2. 2. Breve storia di internet e del networking <ul><li>1958 - McElroy e Eisenhower costituiscono l’Advanced Research Project Agency (ARPA) </li></ul><ul><li>1969 – Arpanet, prime connessioni </li></ul><ul><li>1978 – BBS </li></ul><ul><li>1994 – Gli italiani sono on-line </li></ul><ul><li>Anni ’90 – IM, Chat, Newsgroup </li></ul>
  3. 3. Rivalutazione dei vecchi modelli relazionali <ul><li>Una delle recenti critiche mosse verso internet è rappresentata dalla scarsa utilizzazione della risorsa come fonte interattiva di conoscenza condivisa, tendendo a relegare Internet verso un ruolo di margine considerandolo come un mero canale televisivo. </li></ul><ul><li>Questa critica è rivolta dal creatore stesso del World Wide Web, Tim Berners-Lee, indicando che internet ha tendenzialmente portato ad un’interazione solamente tra macchina e utente, trascurando l’enorme opportunità di relazione umana, sfruttando internet come mezzo, e non come scopo. </li></ul><ul><li>Alcune correnti di pensiero ne individuano causa nel mancato sviluppo di alcuni web browser </li></ul>Internet come mezzo, non come fine
  4. 4. <ul><li>Critica le pagine fisse </li></ul><ul><li>non permettono interazioni o modifiche </li></ul><ul><li>Sebbene siano utilissime come fonte di informazione </li></ul><ul><li>L’interazione consiste </li></ul><ul><li>in </li></ul><ul><li>risorse originate da una collaborazione </li></ul><ul><li>di idee e competenze </li></ul><ul><li>in un contesto cooperativo </li></ul><ul><li>sfruttante costruttivamente il Web. </li></ul>Rivalutazione dei vecchi modelli relazionali
  5. 5. <ul><li>Paradossalmente ci si riferisce ai vecchi modelli relazionali che attraverso un processo naturale coinvolsero gli utenti del periodo antecedente all’internet di massa con i BBS, che caratterizzarono gli anni Ottanta. </li></ul>Rivalutazione dei vecchi modelli relazionali
  6. 6. Come si arriva al “Web 2.0” <ul><li>Newsgroup – la comunicazione sui binari della posta elettronica </li></ul><ul><li>Forum – Cronologicamente sul Web </li></ul><ul><li>Instant Messaging – Conversare in tempo reale </li></ul><ul><li>Chat – Conoscersi sul Web </li></ul><ul><li>Blog – Immediatezza istantanea, immenso potenziale nelle relazioni sociali e tanta passione per la scrittura </li></ul>
  7. 7. Instant Messaging <ul><li>Sistema Client-Server </li></ul><ul><li>Testo in tempo reale </li></ul><ul><li>Offre la possibilità di condividere file </li></ul><ul><li>Utilissimo alle aziende (abbatte i costi di telecomunicazione) </li></ul>
  8. 8. Chat <ul><li>Medesimo funzionamento dell’IM ma applicato a Chat Room che spesso consentono l’anonimato. </li></ul><ul><li>Le dinamiche relazionali che si innestano sono oggetto di psicologi, linguisti e antropologi </li></ul>
  9. 9. Blog <ul><li>diario personale online </li></ul><ul><li>coinvolge tutte le sfumature argomentative </li></ul><ul><li>Acquisirono popolarità , così come tutti i fenomeni di comunicazione, all’avvento di interfacce tra utente e linguaggio di compilazione </li></ul><ul><li>Molti blogger si sono definiti come osservatori critici, spesso sono giornalisti, opinionisti o dirigenti d’azienda </li></ul><ul><li>La Blogosfera incide profondamente sull’opinione pubblica </li></ul>We Blog
  10. 10. Blog <ul><li>I Blog incidono profondamente sul business </li></ul>
  11. 11. Corporate Blog <ul><li>I business (o corporate) Blog rappresentano la metabolizzazione in termini aziendali del relativo fenomeno di massa </li></ul><ul><li>Si tratta di strumenti di pubbliche relazioni e marketing </li></ul><ul><li>vedono pubblicare notizie e informazioni inerenti la propria azienda, il proprio distretto industriale, il proprio prodotto o il relativo mercato di riferimento </li></ul><ul><li>si desume una ricchissima opportunità per le aziende di fornire informazioni organizzative, strutturali e di prodotti quanto di farlo in maniera “friendly”, </li></ul><ul><li>Il Corporate Blog conduce al Brand Equity – mira alla valorizzazione del brand aziendale </li></ul>
  12. 12. Corporate Blog IL CASO <ul><li>La Coca Cola Company, in prospettiva nel lancio commerciale del prodotto Zero (senza zuccheri), creò un fake Blog </li></ul><ul><li>Fu senza dubbio una strategia di “Buzz Marketing”, diretta appunto a creare scalpore </li></ul><ul><li>La Blogosfera condannò aspramente la campagna in questione </li></ul><ul><li>Fu attaccata l’etica dei Blogger </li></ul>
  13. 13. E il Web 3.0 ? <ul><li>Il futuro si chiama Podcast(audio blog), VBlog (video blog), BLOG & MULTIMEDIALITA’. </li></ul><ul><li>Il futuro si chiama convergenza delle moderne tecnologie WEB verso la telefonia mobile </li></ul>
  14. 14. La massima espressione dell’intercreatività WIKI
  15. 15. WIKI <ul><li>Consistono in siti web e progetti basati interamento su un principio dell’ open source </li></ul><ul><li>modificabili e migliorabili grazie al contributo di altri utenti </li></ul><ul><li>semplice linguaggio di markup </li></ul><ul><li>non prevede un effettivo controllo preventivo sulle modifiche </li></ul><ul><li>E’ “la potenza di noi” che esercita il controllo su ciò che viene scritto sulle pagine Wiki, correggendo sistematicamente un errore o un atto di vandalismo qualora fosse presente </li></ul>Jimmy Wales - fondatore di Wikipedia e Nupedia
  16. 16. <ul><li>Wikipedia, Wiktionary (Wikizionario), Wikiquote, Wikibooks, Wikisource, Wikinews, Commons, Wikispecies e Nupedia </li></ul><ul><li>Si tratta di risorse online completamente gratuite, messe a disposizione da Wikimedia Foundation Inc, società non-profit che si pone come obiettivo lo sviluppo e l’innovazione dei progetti open content basati su Wiki e la loro divulgazione sul web. </li></ul>WIKIMEDIA Foundation Inc. “Imagine a world in which every single person is given free access to the sum of all human knowledge. That's what we're doing. And we need your help”
  17. 17. Wikipedia <ul><li>Progetto di enciclopedia online multilingue gratuita basata sulla libera collaborazione tra utenti </li></ul><ul><li>Disciplina del “punto di vista neutrale” </li></ul><ul><li>È composta da 3,8 milioni di voci in 200 lingue </li></ul><ul><li>Viene elogiato il principio ma allo stesso tempo criticata la credibilità come enciclopedia (causa proprio la libera modifica delle pagine) </li></ul><ul><li>Strumento di consultazione quotidiana per studenti ma utile risorsa anche per giornalisti e professionisti </li></ul>

×