Your SlideShare is downloading. ×
0
* SIMPSONS
PRESENTAZIONE SERIECome tutti i cartoni animati, anche i Simpson sono un perfetto esempio della struttura di una serietele...
alcuni personaggi, innegabile; ciò                      lo si evice anche dai numerosi premi                      ottenuti...
MESSA IN ONDAStagione   Episodi    Data di trasmissione ori- Data di trasmissione italia-                                g...
PERSONAGGIGli episodi si susseguono nella cittadina statunitense Springfield, principalmente tra la casa dei Simpson, la s...
SIMPSON E WORLD WIDE WEBCome anticipato in precedenza, il serial scelto spopola anche on line, numerosissime infatti sono ...
invogli gli utenti a trascorrere volentieri del tempo visitandolo in ogni suo aspetto.In Italia la più grande community de...
SIMPSON E GIOCHI ON LINEIl web, oltre a fornire numerose informazioni riguardanti i “Gialli”, propone anche diversi giochi...
Simpson The Millionaire                                              Quanto conoscete la famiglia gialla più amata della t...
SIMPSON E APPPer rimanere al passo con i tempi, anche la famiglia Simpson si è dovuta trasformare in applicazione per Smar...
SIMPSON E SOCIALCome potremmo essere aggiornati su ogni pensiero e movimento dei personaggi di Springfield, se ognuno di l...
SIMPSON E YOUTUBEAnche Youtube, community per la diffusione di video per eccellenza, ha un canale dedicato ai Simpson in c...
Paper2 masaro
Paper2 masaro
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Paper2 masaro

596

Published on

simpson

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
596
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
4
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Transcript of "Paper2 masaro"

  1. 1. * SIMPSONS
  2. 2. PRESENTAZIONE SERIECome tutti i cartoni animati, anche i Simpson sono un perfetto esempio della struttura di una serietelevisia, costituita cioè da puntate che si susseguono l’un l’altra senza un legame. Questa sitcomanimata nasce dall’idea del fumettista statunitense Matt Groening, alla fine degli anni Ottanta.Rappresenta un’allegra parodia della famiglia media americana: persone normali, senza particolariambizioni e, soprattutto, prive di tutti quei “poteri magici” che da sempre hanno accompagnanocentinaia e centinaia di serie animate. L’universo che li circonda è effettivamente un mondo amisura d’uomo, dove i rapporti interpersonali e le storie che si osservano rispecchiano spesso situazioniridondanti nella vita dei moltissimi spettatori. Amore, odio, amicizia, difetti e pregi umani, di questo edi nient’altro trattano i temi onnipresenti in tutti gli episodi. Probabilmente è per questo motivo che iltarget di telespettatori ha sempre incluso un pubblico alle soglie, se non proprio nel mezzo, dell’etàadulta.Inizialmente, grazie alla collaborazione di James L. Brooks, l’idea di famiglia disfunzionale di Groening,prende vita attraverso una serie di corti animati, 48 in totale, di un minuto. La loro prima apparizione, durante gli intermezzi pubblicitari del nel talk show “Tracey Ullman Show”, si ebbe il Matt Groening 19 aprile 1987 in un corto intitolato “Good Night” (http://www.youtube.com/watch?v=ZsUzZYDu0qo&feature=BFa&li st=PL26218DF957D664C9). Dopo il discreto successo, lo show, curato dalla Fox Network, debutta finalmente, sotto forma di episodi di mezz’ora, in prima serata il 17 dicembre 1989 (http://www.youtube.com/watch?v=_ ucPxfkmP-g). I Simpson sono stati a lungo lodati da vari critici americani come “lo spettacolo televisivo più irriverente e impertinente mai andato in onda”. Nel 1990 la rivista americana Entertainment Weekly lo definisce come “la rappresentazione della famiglia americana più complessa, disegnata come semplice cartone animato”. Ken Tucker, autore dell’articolo, aggiunge in seguito che lo show è “un fenomeno pop-culturale, un cartone da prime time che attira l’intera famiglia”. Il successo della famiglia Simpsons è Simpson iniziali quindi, nonostante le critiche ricevute per il linguaggio e il carattre di
  3. 3. alcuni personaggi, innegabile; ciò lo si evice anche dai numerosi premi ottenuti, solo per citarne alcuni, 23 Emmy Awards e una stella nella Hollywood Walk of Fame. Il merchandising legato alla serie ha raggiunto un giro d’affari di diversi miliardi di dollari: i membri della famiglia e diversi personaggi secondari sono stati riprodotti in t-shirts, poster, pupazzi, ecc. La serie ha ispirato nuovi giochi (come il gioco di carte The Simpsons Trading Card Game)o edizioni speciali di giochi da tavolo, come Monopoli, Cluedo e Scrabble. Fin dal 1990 sono state vendute anche diverse collezioni di action figure raffiguranti i principali personaggi della serie, spesso corredate da degli accessori. Oggi è persino venduta una birra Duff, prodotta da un commerciante I simpson Bottle of Duff messicano e diffusa in Sudamerica,Europa e Asia. Infine le avventure dei Simpson sono state adattate in diversi videogiochi: fra i primi usciti, vi sono l’arcade TheSimpsons e The Simpsons: Bart vs. the Space Mutants. Nel XXI secolo, citiamo The Simpsons Wrestling (2001), The Simpsons Road Rage(2001), The Simpson Skateboarding (2002), The Simpsons Hit & Run (2003) e I Simpson - Il videogioco (2007).Il rapporto tra Simpson e consumer, con lo sviluppo della rete internet, ha ampliato enormemente il legame tra fans e personaggi,redendoli participi gli uni della vita degli altri, grazie a varie e differenti community.
  4. 4. MESSA IN ONDAStagione Episodi Data di trasmissione ori- Data di trasmissione italia- ginale na Prima di Finale di Prima di Finale di stagione stagione Stagione stagione 1° 13 17 dicembre 1989 13 maggio 1990 1 ottobre 1991 15 ottobre 1991 2° 22 11 ottobre 1990 11 luglio 1991 5 gennaio 1992 21 febbraio 1993 3° 24 19 settembre 1991 27 agosto 1992 10 ottobre 1993 27 marzo 1994 4° 22 24 settembre 1992 13 maggio 1993 3 aprile 1994 20 novembre 1994 5° 22 30 settembre 1993 19 maggio 1994 4 dicembre 1994 21 ottobre 1995 6° 25 4 settembre 1994 21 maggio 1995 28 ottobre 1995 23 marzo 1996 7° 25 17 settembre 1995 19 maggio 1996 30 marzo 1996 24 febbraio 1998 8° 25 27 ottobre 1996 18 maggio 1997 5 maggio 1998 24 marzo 1999 9° 25 21 settembre 1997 17 maggio 1998 28 aprile 1999 3 maggio 1999 10° 23 23 agosto 1998 16 maggio 1999 13 settembre 1999 8 ottobre 1999 11° 22 26 settembre 1999 21 maggio 2000 2 ottobre 2000 2o novembre 2000 12° 21 1 novembre 2000 20 maggio 2001 1 ottobre 2001 26 ottobre 2001 13° 22 6 novembre 2001 22 maggio 2002 26 gennaio 2003 27 ottobre 2003 14° 22 3 novembre 2002 18 maggio 2003 8 febbraio 2004 7 febbraio 2005 15° 22 2 novembre 2003 23 maggio 2004 26 maggio 2005 24 ottobre 2005 16° 21 7 novembre 2004 15 maggio 2005 8 novembre 2005 22 marzo 2006 17° 22 11 settembre 2005 21 maggio 2006 23 dicembre 2006 12 marzo 2007 18° 22 10 settembre 2006 20 maggio 2007 21 gennaio 2008 16 febbraio 2009 19° 20 23 settembre 2007 18 maggio 2008 26 gennaio 2009 12 febbraio 2009 20° 21 28 settembre 2008 17 maggio 2009 22 febbraio 2010 23 marzo 2010 21° 23 27 settembre 2009 23 maggio 2010 20 settembre 2010 20 ottobre 2010 22° 22 26 settembre 2010 22 maggio 2011 23 gennaio 2012 22 febbraio 2012 23° 22 25 settembre 2011 20 maggio 2012 inedito 24° ? ottobre 2012 estate 2013 -
  5. 5. PERSONAGGIGli episodi si susseguono nella cittadina statunitense Springfield, principalmente tra la casa dei Simpson, la scuola dei ragazzi,il luogo di lavoro di Homer, ovvero la centrale nucleare e “il posto da happy hour” cioè il bar da Boe (Moe nell’originale USA).Sono poche le puntate in cui le scene si svolgono in altrecittà, e di solito si combinano ad un viaggio della famiglia.Ogni episodio racconta una storia differente che coinvolgei vari cittadini del paese, per questo i personaggi, dopo400 puntate, risultano essere molto numerosi. Ovviamentei più importanti sono quelli che compongono il nucleofamiliare: Homer, un uomo non molto intelligentee sveglio, decisamente una buona forchetta, ungrandissimo amante della birra e nonostante vogliamolto bene alla sua famiglia, non viene ritratto come unperfetto padre e marito, Marge, paziente moglie diHomer, è dolce, comprensiva e dedita alla casa ed allafamiglia, rappresenta quindi lo stereotipo della madre emoglie americana, e i loro tre figli: Bart, un ragazzino furbo emolto vivace, disobbediente e pestifero, Lisa, che ha 8 anni,ma ha la maturità di un adulto, un Q.I. fuori dalla norma,un animo ecologista (tanto da essere vegetariana) efraternizzante e infine Maggie, la più piccola, la quale,nonostante le apparenze è molto intelligente e ha varieabilità nascoste: sa suonare, sparare ed è molto bravanello sport. Nonostante tutto anche personaggi secondaricome Boe, Otto l’autista, il direttore Skinner, assumono unruolo molto forte, testimoniato dai gruppi di fans creatisu Facebook, poichè rappresentano i diversi status sociali presenti al mondo d’oggi, in cui ognuno si può rivedere; tale aspettorappresenta e sottolinea, ancora una volta, il legame tra realtà e Simpson.
  6. 6. SIMPSON E WORLD WIDE WEBCome anticipato in precedenza, il serial scelto spopola anche on line, numerosissime infatti sono le pagine web dedicate allafamiglia Simpson: dai siti ufficiali agli articoli di cronaca, dagli archivi alle enciclopedie, dai social alle guide tv... E’ sufficiente digitarela parola “Simpson” in qualsiasi motore di ricerca che appaiono circa 27.100.000 risultati! Esaminiamoli più approfonditamente.Il sito web riportato (http://www.thesimpsons.com/#/home) , offre all’utente la possibilità di immergersi completamente nel ”YellowWorld” attraverso una rapida presentazione del cartone animato (about) e anticipa alcune sorprese dell’ultima stagione, come adesempio la presenza della voce di Lady Gaga; continuando con la navigazione si possono rivedere gli episodi completi della stagione in corso, ma soprattutto alcune clip che arricchiscono le puntate della ventitresima stagione. E’ particolarmente interessante la possibilità di pubblicare e condividere questi extra nei social network più diffusi, Facebook e Twitter, così da rendere partecipi anche i nostri contatti. Continuando ad esaminare il sito, ci viene offerto un archivio contenete le passate stagioni e un breve riassunto di tutti gli episodi, così da poter aggiornare i giovanissimi appassionati. Per rendere ancora più vicino il mondo dei Simpson, conoscere e magari anche rivedersi in qualche personaggio, l’official website offre una catalogazione dei vari protagonisti della serie, ne vengono descritti il carattere, le passioni e le frasi ricorrenti. In sostanza rendono “persone umane” dei veri e propri disegni. In tempi in cui i social “la fanno da padroni”, non possono mancare riferimenti espliciti alla community, esiste infatti la possibilità di seguire i personaggi preferiti nelleloro pagine facebook o twitter! Questo rimarca nuovamente l’aspetto umanodei personaggi: ognuno di loro posta pensieri, opinioni e foto come se esistesserorealmente. Di certo leggere che Homer J Simpson twitta un sandwich mentreè in ospedale per un operazione alle coronarie, ci fa preoccupare e sorridere,come se stesse realmente accadendo ad un nostro amico d’infanzia! I personaggiarricchiscono inoltre le bacheche con anticipazioni riguardanti le puntate inprogrammazione, in modo da ricordare ai follower gli appuntamenti e invogliarlialla visione. Per i veri appassionati, esiste inoltre la possibilità di scaricare wall papergratuiti con le immagini della famiglia Simpson, in modo da “averla sempre vicina”.Infine propone un negozio on-line da cui si possono acquistare gadget ufficiali diogni tipo. Per concludere vorrei sottolineare come il sito particolarmente animato,
  7. 7. invogli gli utenti a trascorrere volentieri del tempo visitandolo in ogni suo aspetto.In Italia la più grande community dedicata ai Simpson si intitola “Homerata” (http://www.thesimpson.it/dispatcher.asp), in onoredi uno dei protagonisti, Homer. La differenza che intercorre tra il sito ufficiale e quello sopra citato è minima, sostanzialmentequello italiano offre maggiore interattività: interviste ai doppiatori, giochi on line, forum, chat, newsletter e molto altro. I contenutiche arrichiscono questa community contribuiscono a condividere la propria passione per i Simpson e, come spesso accade,instaurare nuove amicizie on line. Permette inoltre di implementare le conoscenze dell’utente attraverso degli approfondimentiche nel sito ufficiale non sono riportati, ad esempio le interviste ai doppiatori che raccontando il loro rapporto con il personaggiodoppiato, avvicinano il lettore ad un mondo molto lontano dallo schermo, e permettono di capire quanto lavoro e quante persone lavorino dietro ad un cartone animato di mezz’ora. Forum, chat e sondaggi rendono la community molto chiacchierata; anche se non sembra, il sito è molto frequentato e tenuto in costante aggiornamento grazie ai post, di svariato genere, che ogni giorno vengono pubblicati e commentati dagli utenti registrati: ciò rappresenta il forte legame che si può creare grazie ad una passione condivisa on line. Anche l’invio di newsletter aiuta a rimanere sempre collegati e aggiornati riguardo gli eventi relativi ai Simpson, in modo da non perdere nessuna iniziativa o puntata. Inoltre i numerosi giochi di cui il sito vanta, permettono ad utenti di qualsiasi età di trascorrere del tempo divertendosi immedesimandosi nei personaggi, diventando, virtualmente, persino parte di loro. Il mondo del web offre inoltre la possibilità di visitare degli archivi riguardanti i Simpson; generalmente il contenuto ripercorre le passate stagioni e i relativi episodi, ma non mancano di certo foto, concorsi, curiosità e approfondimenti sui personaggi. Esaminiamone un esempio. Anche in questo caso (http://www.simpsonsitalia.it) lo scopo è quello di rivedere vecchie puntate o approfondire alcuniaspetti che gli episodi tralasciano. Tra le curiosità che questo archivio offre vi èun tutorial su come disegnare i Simpson: credo che riuscire a rappresentare unodei propri miti sia, innanzitutto, molto soddisfacente ma che soprattutto lo portiad essere “alla portata di tutti”. Inoltre vi è una raccolta esilarante delle punizionialla lavagna di Bart, le quali possono essere interpretate come regole da seguireper un corretto comportamento nelle aule scolastiche (visto che tra i numerosifans spopolano anche i ragazzini). Degna di nota è anche la partecipazione,richiesta agli utenti, nel disegnare se stessi in formato “yellow style” con lo scopodi sentirsi cittadino di Springfield, almeno nel mondo virtuale! Esistono infine delleenciclopedie relative ai Simpson (http://simpsonswiki.net/wiki/Main_Page) in cuisono raccolte numerose notizie e curiosità riguardanti la serie, in modo da teneresempre informati e aggiornati i fans.
  8. 8. SIMPSON E GIOCHI ON LINEIl web, oltre a fornire numerose informazioni riguardanti i “Gialli”, propone anche diversi giochi on-line che hanno lo scopo didivertire, intrattenere e testare le conoscenze dei fans. Spesso e volentieri questi giochi gratuiti invogliano gli utenti a superarese stessi tentando e ritentando, in modo da ottenere i migliori punteggi; in particolare i quiz, con domande relative a puntate oguest star, spingono i giocatori a seguire gli espisodi trasmessi, riuscendo, a volte, a conquistare nuovo pubblico e, di conseguenza,incrementare il mercato di vendite.Di seguito riporto alcuni dei giochi che si possono trovare (http://www.universodelgioco.it/giochi-the-simpsons.html) (http://www.giochionlinegratis.org/giochi-online/Simpson.html). Homer’s Beer Run Homer Simpson è un vero amante della birra, non c’è niente che non farebbe per un bel boccale ghiacciato. Questa volta è il suo giorno fortunato, poichè da un edificio piovono barili di birra. Così il nostro panciuto amico, ha deciso di provare a prenderli. Aiutatelo nella sua raccolta.Simpson Home InteractiveGrazie a questo gioco potete assumere le vesti de “l’occhio del Grande Fratello”,esplorare e scoprire tutti i segreti di casa Simpson! Aggiratevi per le varie stanze edinteragite con gli abitanti, solo così potrete sentirvi come a casa vostra!
  9. 9. Simpson The Millionaire Quanto conoscete la famiglia gialla più amata della tv? Rispondete alle varie domande sul mondo dei Simpsons e tentate di raggiungere il milione di dollari.Homer the Flanders killerChi conosce i Simpson sa che tutta la città di Springfield ama Ned Flanders, tranneil suo caro vicino di casa Homer Simpson. In questo divertente gioco potrete vestire ipanni del panciuto padre di famiglia dell’omonima serie tv. Lo scopo è semplice: inogni quadro appariranno i componenti della famiglia Flanders e voi dovrete farli secchicon il vostro fucile. In seguito appariranno anche tutti gli altri abitanti di Springfield,fategli fare la stessa fine! Bart Simpson and Pigsaw game Pigsaw ha fatto un’altra vittima e questa volta ha intrappolato Bart Simpson! Dovrete aiutare il ragazzo a riuscire a scappare, rispondendo in maniera giusta, alle domande che vi farà l’aguzzino. Pigsaw vi punirà ad ogni domanda sbagliata, facendo entrare nella stanza dove siete stati intrappolati un personaggio malvagio di Springfield.
  10. 10. SIMPSON E APPPer rimanere al passo con i tempi, anche la famiglia Simpson si è dovuta trasformare in applicazione per Smartphone. Visto losviluppo di queste nuove tecnologie, anche nelle app i protagonisti spopolano; sostanzilamente lo scopo è lo stesso che per i giochion line, con l’unica differenza che il telefonino è sempre nelle nostre tasche! Pertanto diventare veri fans è ancora più semplicee immediato....è sufficiente il tempo di un dowload! Le applicazioni disponibili coinvolgono tutti i generi possibili: dalle carte agliarcade, dai puzzle a quelli di strategia...Anche in questo caso divertimento e dipendenza sono assicurati!Il merchandising della telefonia non coinvolge solamente le applicazioni; nel 2007, in concomitanza con l’uscita nelle sale del film,Samsung ha introdotto nel mercato un cellulare dedicato alla famiglia Simpson, rigorosamente giallo! Naturalmente tra gli ultràdella saga l’acquisto non si è fatto attendere, portare i personaggi con sè quindi è diventato ancora più semplice!Tra gli altri aspetti che coinvolgono questo settore, numerosissimi sono wallpaper scaricabili, anche gratuitamente, dalla rete, i qualipossono costituire, perchè no, dei degni sostituti della foto del proprio cane! Simpson Memory Tapped Out Applicazione per Applicazione Bart Calculator allenare le abilità di che prevede memoria; corrisponde la ricostruzione Applicazione in cui al famoso “Memory”: l’intera città Bart assume le vesti sotto ad ogni ciambella di Springfield, di una calcolatrice. è nascosto un distrutta da personaggio che deve un incidente essere accoppiato nucleare causato con la stessa figura. da Homer!Prank Call Simpsons Puzzle Simpsons QuizApplicazione che Applicazione che, Applicazione che testaoffre diverse suonerie come suggerisce il le conoscenze riguardodi scherzi telefonici nome, permette di i Simpson, una sorta diche Bart è solito fare ricomporre un puzzle. “The Millionaire”.a Boe.
  11. 11. SIMPSON E SOCIALCome potremmo essere aggiornati su ogni pensiero e movimento dei personaggi di Springfield, se ognuno di loro non avesse unproprio account Facebook o Twitter?? Di questi tempi, in cui guardare la tv è un’eresia, si è sempre di fretta e l’unico modo perparlarsi è un tweet, è nata la necessità, per poter accalappiare pubblico, di riservare uno specifico spazio nei social network perogni personaggio del cartone. Ad oggi infatti, è il modo più veloce e costante per tenere aggiornati i followers e appassionaremaggiormente i fans che richiedono l’amicizia. Per questo esistono gruppi di ogni tipo, che hanno come scopo quello di far rimaneresempre in contatto gli amici virtuali e postare news dal mondo di Springfield. Degno di nota nel rapporto tra Simpson e social, è l’aspetto che non soloi personaggi sono entrati nel mondo di Facebook, ma anche questo diario virtuale è entrato nell’universo giallo, infatti nella seconda puntata della ventiduesima stagione, Lisa incontra il creatore del social più famoso al mondo: Mark Zuckeberg. Ciò sta a significare quanto la distanza tra Simpsons emondo reale sia oramai molto molto sottile. Questo però non è l’unico riferimento almondo reale, nella ultima serie appaiono anche MacBook, Ipod, Ipad e Iphone!E’ anche vero che il social network è un’arma a doppio taglio, se da un lato rappresentaun ottimo modo per invogliare gli utenti a “simpsonizzarsi” completamente, dall’altroi fans possono avanzare richieste, che, in caso non venissero ascoltate, potrebberoavere ripercussioni sui guadagni. Un esempio ne è la petizione proclamata dagliutenti della più grande community italiana dei Simpson (Homerata.it), che attraversoFacebook sta raccogliendo firme per evitare che i doppiatori di Bart e Marge Simpsonvengaono sostituiti, rischiando di cambiarne l’identità.
  12. 12. SIMPSON E YOUTUBEAnche Youtube, community per la diffusione di video per eccellenza, ha un canale dedicato ai Simpson in cui sono raccolti variepisodi delle numerose serie. Lo scopo è quello di poter rivedere in qualsiasi momento le puntate preferite o, in caso di mancatoappuntamento con la proiezione in tv, non perdere nessun episodio.
  1. A particular slide catching your eye?

    Clipping is a handy way to collect important slides you want to go back to later.

×