Your SlideShare is downloading. ×
La nuova strategia dell'ue seminario 2 febbraio
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

La nuova strategia dell'ue seminario 2 febbraio

109
views

Published on

Verso Europa 2020 - II Ciclo di seminari Prospettiva Europea - Osservatorio Europalab www.europalab.net

Verso Europa 2020 - II Ciclo di seminari Prospettiva Europea - Osservatorio Europalab www.europalab.net

Published in: News & Politics

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
109
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. OSSERVATORIO EUROPALABwww.europalab.net
  • 2. I nuovi scenari dellaProgrammazione Comunitaria
  • 3. La nuova Strategia dell’Unione Europea
  • 4. CENNI STORICILA STRATEGIA DI LISBONA
  • 5. Il 23 e il 24 marzo 2000 i Capi di Stato e di Governo dell’Unione Europeo convennero, presso il Consiglio di Lisbona, di realizzare in Europa un’economia, entro il 2010, “basata sulla conoscenza più competitiva edinamica del mondo, in grado di realizzare una crescita economica sostenibile con nuovi e migliori posti di lavoro e una maggiore coesione sociale”.
  • 6. Il programma di Lisbona:3 priorità in 10 linee d’azioni
  • 7. 1) RENDERE LEUROPA PIÙ CAPACE DI ATTRARRE INVESTIMENTI E LAVORO - ampliare e rafforzare il mercato interno; - migliorare la normativa comunitaria e nazionale; - garantire mercati aperti e competitivi allinterno e allesterno dellUnione Europea;- ampliare e migliorare le infrastrutture europee.
  • 8. 2) PORRE LA CONOSCENZA E LINNOVAZIONE AL SERVIZIO DELLA CRESCITA - AUMENTARE E MIGLIORARE GLI INVESTIMENTI NELLA RICERCA E NELLO SVILUPPO;- PROMUOVERE LINNOVAZIONE, LADOZIONE DELLE NUOVE TECNOLOGIE DELLINFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE E LUSO SOSTENIBILE DELLE RISORSE; - CONTRIBUIRE ALLA CREAZIONE DI UNA SOLIDA BASE INDUSTRIALE EUROPEA.
  • 9. 3) CREARE NUOVI E MIGLIORI POSTI DI LAVORO - ATTRARRE UN MAGGIOR NUMERO DI PERSONE NEL MONDODEL LAVORO E MODERNIZZARE I SISTEMI DI PROTEZIONE SOCIALE; - ACCRESCERE LA CAPACITÀ DI ADEGUAMENTO DEI LAVORATORI E DELLE IMPRESE E LA FLESSIBILITÀ DEI MERCATI DEL LAVORO; - AUMENTARE GLI INVESTIMENTI IN CAPITALE UMANO MIGLIORANDO LISTRUZIONE E LE QUALIFICHE.
  • 10. EUROPA 2020 3 OBIETTIVI PRIORITARI STRETTAMENTEINTERCONNESSI CHE SI RAFFORZANO A VICENDA
  • 11. CRESCITA INTELLIGENTECRESCITA SOSTENIBILECRESCITA INCLUSIVA
  • 12. GLI INDICATORI DELLA STRATEGIA “EUROPA 2020”
  • 13. GARANTIRE L’OCCUPAZIONE AL 75% DELLE PERSONE DI ETÀ COMPRESA TRA 20 E 64 ANNI; INNALZARE AL 3% DEL PIL LINVESTIMENTOPUBBLICO E PRIVATO NELLA RICERCA E LO SVILUPPO; RIDURRE LE EMISSIONI DI GAS A EFFETTO SERRADEL 20% DEI LIVELLI DEL 1990 E PORTARE AL 20% LA QUOTA DELLE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILI;
  • 14. RIDUZIONE DEL TASSO DI ABBANDONO SCOLASTICO AL DI SOTTO DEL 10%: ALMENO IL 40% DEI GIOVANIDEVE AVERE UNA LAUREA O UN DIPLOMA;20 MILIONI DI PERSONE IN MENO DEVONO ESSERE A RISCHIO POVERTÀ.
  • 15. SEMESTRE EUROPEOCommissione europea. Analisi annuale della crescita 2013.5 priorità volte al sostegno degli Stati membri durante la crisi.• Risanamento di bilancio differenziato e favorevole alla crescita.• Ripristinare la normale erogazione di prestiti all’economia• Promuovere la crescita e la competitività• Contrastare la disoccupazione e le conseguenze sociali della crisi.• Modernizzare la Pubblica Amministrazione.
  • 16. SEMESTRE EUROPEOL’analisi dà il via al semestre europeo per ilcoordinamento delle politiche economiche.L’obiettivo è il contenimento dei piani economici edi bilancio degli Stati membri nel piano di stabilitàe crescita e nella strategia Europa 2020.Marzo: i Capi di Stato e di governo nel ConsiglioEuropeo di Primavera definiscono gli orientamentidell’Ue per le politiche nazionali.
  • 17. SEMESTRE EUROPEOAprile: gli Stati membri presentano iProgrammi nazionali di riforma.Maggio/Giugno: la Commissione valuta iProgrammi, fornendo raccomandazioni aisingoli Paesi.Fine Giugno: il Consiglio adotta formalmentele raccomandazioni.
  • 18. QUADRO FINANZIARIO PLURIENNALEConseguimento di un accordo sul quadro finanziariopluriennale 2014-2020 dell’Ue.Scenario attuale:• Rischio recessione. Ripresa economica incerta.• Disoccupazione in aumento, soprattutto tra i giovani.• Difficoltà per il risanamento delle finanze pubbliche nazionali.
  • 19. QUADRO FINANZIARIO PLURIENNALE OBIETTIVI• Consolidamento fiscale (debito in aumento al 90% del Pil).• Riforme strutturali (contenimento della spesa amministrativa).• Misure volte a favorire la crescita e l’occupazione. La Commissione ha istituito gruppi di intervento (action team) per sostenere gli otto paesi con i tassi più elevati di disoccupazione. Lo scopo è riprogrammare i fondi Ue per la formazione professionale.
  • 20. PROPOSTE DELLA COMMISSIONEConsolidamento delle grandi categorie di spesa:agricoltura e coesione.Si prevede lo stanziamento di 11 miliardi in più per lepolitiche di coesione a favore delle regioni svantaggiate(con PIL pro capite <75% della media Ue) e 7,7 miliardi inpiù per l’agricoltura.Ecologizzazione della PAC: 30% degli aiuti diretti in lineacon le pratiche ambientali adottate.
  • 21. PROPOSTE DELLA COMMISSIONEAumenti per altre categorie di spesa:Ricerca e innovazione - Infrastrutture per collegarel’Europa – Istruzione, formazione – Relazioni esterne.Nuova sezione del bilancio. Maggiore convergenza tra ilbilancio Ue e le politiche di coesione.Strumenti di finanziamento innovativi volti ad un maggiorinvestimento non condizionato solo dall’erogazione deifondi pubblici, come le obbligazioni Ue per ilfinanziamento di progetti.
  • 22. BILANCIO UELa Commissione propone il riallineamento delle risorseUe ai principi di trasparenza, equità, autonomia.Tassa sulle transazioni finanziarie per i 27 Stati membrivolta a ridurre la frammentazione del mercato interno.Il gettito della tassa previsto ammonta a 57 miliardi dieuro su base annua in tutta l’Ue. Una parte del gettitopotrebbe essere utilizzata come risorsa del bilancio Ue,riducendo così i contributi nazionali al bilanciocomunitario.
  • 23. GRAZIE PERL’ATTENZIONE…

×