Public Cloud Computing in ambito enterprise

426 views
393 views

Published on

Public Cloud Computing in ambito enterprise

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
426
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
8
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Public Cloud Computing in ambito enterprise

  1. 1. Public Cloud Computing in ambito enterpriseflessibilità, riduzione dei costi e applicazioni per il business; L’ICT oltre il concetto di commodity Antonio Baldassarra <antoniob@seeweb.com> Seeweb S.r.l. SOIEL, ICT Virtuale - Milano, 03 Marzo 2011
  2. 2. Cloud Computing nuova frontieraLa metafora Cloud apre una nuova era Cloud Computing: hype, buzz words o opportunità ? Attenzione, i CIO rischiano di sottovalutare il fenomeno Ci sono tutte le premesse per una discontinuità dell’ICT Parole? ... Nel 2010 Seeweb vende 1Ml Euro di servizi CloudAntonio Baldassarra (Seeweb S.r.l.) Public Cloud Computing in ambito enterprise 03 Marzo 2011 2 / 27
  3. 3. Cloud Computing nuova frontieraLa metafora Cloud apre una nuova eraAntonio Baldassarra (Seeweb S.r.l.) Public Cloud Computing in ambito enterprise 03 Marzo 2011 3 / 27
  4. 4. Cloud Computing nuova frontieraCloud Computing hype cycleGARTNER - 2010Antonio Baldassarra (Seeweb S.r.l.) Public Cloud Computing in ambito enterprise 03 Marzo 2011 4 / 27
  5. 5. Cloud Computing nuova frontieraIn principio era SOA: ogni cosa può essere un servizioAntonio Baldassarra (Seeweb S.r.l.) Public Cloud Computing in ambito enterprise 03 Marzo 2011 5 / 27
  6. 6. Il Cloud delivery model di SeewebIl framework Cloud di Seeweb Infrastruttura di base (IaaS) Cloud Server (CPU e RAM) Storage Area Network (SAN e Block Storage) Local Area Network (VLAN locali ad un cluster) Wide Area Network (Connessione tra datacenter, con i clienti) Network Appliance (Firewall, VPN, IDS, Load Balancers...) Storage Appliance (NAS, NFS, CIFS...)Antonio Baldassarra (Seeweb S.r.l.) Public Cloud Computing in ambito enterprise 03 Marzo 2011 6 / 27
  7. 7. Il Cloud delivery model di SeewebIl framework Cloud di Seeweb Infrastruttura di base (IaaS) Cloud Server (CPU e RAM) Storage Area Network (SAN e Block Storage) Local Area Network (VLAN locali ad un cluster) Wide Area Network (Connessione tra datacenter, con i clienti) Network Appliance (Firewall, VPN, IDS, Load Balancers...) Storage Appliance (NAS, NFS, CIFS...) Ambienti applicativi (PaaS) Ambienti LAMP (Linux, Apache, Mysql, Php) Application server java (Tomcat, Jboss)Antonio Baldassarra (Seeweb S.r.l.) Public Cloud Computing in ambito enterprise 03 Marzo 2011 6 / 27
  8. 8. Il Cloud delivery model di SeewebIl framework Cloud di Seeweb Infrastruttura di base (IaaS) Cloud Server (CPU e RAM) Storage Area Network (SAN e Block Storage) Local Area Network (VLAN locali ad un cluster) Wide Area Network (Connessione tra datacenter, con i clienti) Network Appliance (Firewall, VPN, IDS, Load Balancers...) Storage Appliance (NAS, NFS, CIFS...) Ambienti applicativi (PaaS) Ambienti LAMP (Linux, Apache, Mysql, Php) Application server java (Tomcat, Jboss) Storage repository (Object Storage) Storage ultrascalabile (Petabyte) Content Delivery Network integrata (direct delivery degli oggetti) Disaster Recovery integrato (Raid tra datacenter) Vista ad oggetti o a filesystemAntonio Baldassarra (Seeweb S.r.l.) Public Cloud Computing in ambito enterprise 03 Marzo 2011 6 / 27
  9. 9. Il Cloud delivery model di SeewebIaaS e PaaS: Cloud Server e Cloud HostingPaaS: Cloud Hosting IaaS: Cloud Server Cloud Hosting una soluzione Architettura Enterprise sparsa PaaS per un hosting web non con ridondanza attraverso un più ancorato ai server modello N+1 sottostanti, né a spazio disco, Variabilità di tutti i parametri numero di database, numero di (Disco, Ram, Core, Banda, ecc) caselle di posta, traffico con tariffazione ad utilizzo. mensile. Infrastrutture complesse e Cloud Hosting ha caratteristiche dinamiche (web server, db e prestazioni variabili con il server, load balancer, firewall...). traffico sviluppato, in maniera Architetture complesse continua: da frazioni di server interconnesse con VLAN, anche fino a centinaia di server a tra dataceter diversi servizio del sito web.Antonio Baldassarra (Seeweb S.r.l.) Public Cloud Computing in ambito enterprise 03 Marzo 2011 7 / 27
  10. 10. I vantaggi delle soluzioni CloudPaaS: il continuos provisioning del Cloud HostingAntonio Baldassarra (Seeweb S.r.l.) Public Cloud Computing in ambito enterprise 03 Marzo 2011 8 / 27
  11. 11. I vantaggi delle soluzioni CloudPaaS: il continuos provisioning del Cloud HostingAntonio Baldassarra (Seeweb S.r.l.) Public Cloud Computing in ambito enterprise 03 Marzo 2011 8 / 27
  12. 12. I vantaggi delle soluzioni CloudPaaS: il continuos provisioning del Cloud HostingAntonio Baldassarra (Seeweb S.r.l.) Public Cloud Computing in ambito enterprise 03 Marzo 2011 8 / 27
  13. 13. I vantaggi delle soluzioni CloudPaaS: il continuos provisioning del Cloud HostingAntonio Baldassarra (Seeweb S.r.l.) Public Cloud Computing in ambito enterprise 03 Marzo 2011 8 / 27
  14. 14. I vantaggi delle soluzioni CloudPaaS: il continuos provisioning del Cloud HostingAntonio Baldassarra (Seeweb S.r.l.) Public Cloud Computing in ambito enterprise 03 Marzo 2011 8 / 27
  15. 15. Il posizionamento di mercatoil non posizionamento di mercato del Cloud HostingAntonio Baldassarra (Seeweb S.r.l.) Public Cloud Computing in ambito enterprise 03 Marzo 2011 9 / 27
  16. 16. Il posizionamento di mercatoil non posizionamento di mercato del Cloud HostingAntonio Baldassarra (Seeweb S.r.l.) Public Cloud Computing in ambito enterprise 03 Marzo 2011 9 / 27
  17. 17. Il posizionamento di mercatoil non posizionamento di mercato del Cloud HostingAntonio Baldassarra (Seeweb S.r.l.) Public Cloud Computing in ambito enterprise 03 Marzo 2011 9 / 27
  18. 18. Seeweb Cloud ServerIaaS: Cloud Server, virtualmente indefinitoAntonio Baldassarra (Seeweb S.r.l.) Public Cloud Computing in ambito enterprise 03 Marzo 2011 10 / 27
  19. 19. Seeweb Cloud ServerIaaS: Cloud Server, virtualmente indefinitoAntonio Baldassarra (Seeweb S.r.l.) Public Cloud Computing in ambito enterprise 03 Marzo 2011 10 / 27
  20. 20. Seeweb Distributed Cloud StorageIaaS: Distributed Object Storage un nuovo modo di concepire lo storage on the cloud repliche geografiche, load balancing e direct deliveryAntonio Baldassarra (Seeweb S.r.l.) Public Cloud Computing in ambito enterprise 03 Marzo 2011 11 / 27
  21. 21. Seeweb Distributed Cloud StorageIaaS: Distributed Object Storage Ridondanza completa ad ogni livello; fino a 5 copie per file, con possibilità di mettere dei vincoli per imporre che esistano copie su datacenter diversi. Spazio storage grande a piacere incrementabile senza necessità di fermo del servizio. Dai 100GB del servizio base fino a centinaia di Terabyte. Compatibilità completa dei client sviluppati secondo l’API S3 (es: client per il backup)Antonio Baldassarra (Seeweb S.r.l.) Public Cloud Computing in ambito enterprise 03 Marzo 2011 12 / 27
  22. 22. Seeweb Distributed Cloud StorageIaaS: Distributed Object StorageI punti di forza e di innovazione di Cloud Object Storage:Antonio Baldassarra (Seeweb S.r.l.) Public Cloud Computing in ambito enterprise 03 Marzo 2011 13 / 27
  23. 23. Seeweb Distributed Cloud StorageIaaS: Distributed Object StorageI punti di forza e di innovazione di Cloud Object Storage: Ridondanza completa ad ogni livello; disaster recovery integratoAntonio Baldassarra (Seeweb S.r.l.) Public Cloud Computing in ambito enterprise 03 Marzo 2011 13 / 27
  24. 24. Seeweb Distributed Cloud StorageIaaS: Distributed Object StorageI punti di forza e di innovazione di Cloud Object Storage: Ridondanza completa ad ogni livello; disaster recovery integrato Spazio storage grande a piacere incrementabile senza necessità di fermo del servizio. Dai 100GB del servizio base fino a Petabyte.Antonio Baldassarra (Seeweb S.r.l.) Public Cloud Computing in ambito enterprise 03 Marzo 2011 13 / 27
  25. 25. Seeweb Distributed Cloud StorageIaaS: Distributed Object StorageI punti di forza e di innovazione di Cloud Object Storage: Ridondanza completa ad ogni livello; disaster recovery integrato Spazio storage grande a piacere incrementabile senza necessità di fermo del servizio. Dai 100GB del servizio base fino a Petabyte. Compatibilità completa dei client sviluppati secondo l’API S3 (es: client per il backup)Antonio Baldassarra (Seeweb S.r.l.) Public Cloud Computing in ambito enterprise 03 Marzo 2011 13 / 27
  26. 26. Seeweb Distributed Cloud StorageIaaS: Distributed Object StorageI punti di forza e di innovazione di Cloud Object Storage: Ridondanza completa ad ogni livello; disaster recovery integrato Spazio storage grande a piacere incrementabile senza necessità di fermo del servizio. Dai 100GB del servizio base fino a Petabyte. Compatibilità completa dei client sviluppati secondo l’API S3 (es: client per il backup) Possibilità di accedere al sistema di storage in vari modi:Antonio Baldassarra (Seeweb S.r.l.) Public Cloud Computing in ambito enterprise 03 Marzo 2011 13 / 27
  27. 27. Seeweb Distributed Cloud StorageIaaS: Distributed Object StorageI punti di forza e di innovazione di Cloud Object Storage: Ridondanza completa ad ogni livello; disaster recovery integrato Spazio storage grande a piacere incrementabile senza necessità di fermo del servizio. Dai 100GB del servizio base fino a Petabyte. Compatibilità completa dei client sviluppati secondo l’API S3 (es: client per il backup) Possibilità di accedere al sistema di storage in vari modi: Attraverso client specifici simil ftp (es: cloudberry).Antonio Baldassarra (Seeweb S.r.l.) Public Cloud Computing in ambito enterprise 03 Marzo 2011 13 / 27
  28. 28. Seeweb Distributed Cloud StorageIaaS: Distributed Object StorageI punti di forza e di innovazione di Cloud Object Storage: Ridondanza completa ad ogni livello; disaster recovery integrato Spazio storage grande a piacere incrementabile senza necessità di fermo del servizio. Dai 100GB del servizio base fino a Petabyte. Compatibilità completa dei client sviluppati secondo l’API S3 (es: client per il backup) Possibilità di accedere al sistema di storage in vari modi: Attraverso client specifici simil ftp (es: cloudberry). Montando il Cloud Storage su un server (o un PC) come se fosse una cartella condivisa.Antonio Baldassarra (Seeweb S.r.l.) Public Cloud Computing in ambito enterprise 03 Marzo 2011 13 / 27
  29. 29. Seeweb Distributed Cloud StorageIaaS: Distributed Object StorageI punti di forza e di innovazione di Cloud Object Storage: Ridondanza completa ad ogni livello; disaster recovery integrato Spazio storage grande a piacere incrementabile senza necessità di fermo del servizio. Dai 100GB del servizio base fino a Petabyte. Compatibilità completa dei client sviluppati secondo l’API S3 (es: client per il backup) Possibilità di accedere al sistema di storage in vari modi: Attraverso client specifici simil ftp (es: cloudberry). Montando il Cloud Storage su un server (o un PC) come se fosse una cartella condivisa. Direttamente da un’applicazioni attraverso un’API specifica (usabile come quella di Amazon S3).Antonio Baldassarra (Seeweb S.r.l.) Public Cloud Computing in ambito enterprise 03 Marzo 2011 13 / 27
  30. 30. Seeweb Distributed Cloud StorageIaaS: Distributed Object StorageI punti di forza e di innovazione di Cloud Object Storage: Ridondanza completa ad ogni livello; disaster recovery integrato Spazio storage grande a piacere incrementabile senza necessità di fermo del servizio. Dai 100GB del servizio base fino a Petabyte. Compatibilità completa dei client sviluppati secondo l’API S3 (es: client per il backup) Possibilità di accedere al sistema di storage in vari modi: Attraverso client specifici simil ftp (es: cloudberry). Montando il Cloud Storage su un server (o un PC) come se fosse una cartella condivisa. Direttamente da un’applicazioni attraverso un’API specifica (usabile come quella di Amazon S3). Direttamente usando il sistema di Cloud Storage come un servizio di content delivery per oggetti statici.Antonio Baldassarra (Seeweb S.r.l.) Public Cloud Computing in ambito enterprise 03 Marzo 2011 13 / 27
  31. 31. Seeweb Distributed Cloud StorageIaaS: Distributed Object StorageI punti di forza e di innovazione di Cloud Object Storage: Ridondanza completa ad ogni livello; disaster recovery integrato Spazio storage grande a piacere incrementabile senza necessità di fermo del servizio. Dai 100GB del servizio base fino a Petabyte. Compatibilità completa dei client sviluppati secondo l’API S3 (es: client per il backup) Possibilità di accedere al sistema di storage in vari modi: Attraverso client specifici simil ftp (es: cloudberry). Montando il Cloud Storage su un server (o un PC) come se fosse una cartella condivisa. Direttamente da un’applicazioni attraverso un’API specifica (usabile come quella di Amazon S3). Direttamente usando il sistema di Cloud Storage come un servizio di content delivery per oggetti statici. SLA garantito da penale con impegno di disponibilità al 99,90 Tariffazione a consumo con fatturazione mensile Nessuna tariffazione per il traffico sviluppato all’interno della rete Seeweb, anche in datacenter diversi.Antonio Baldassarra (Seeweb S.r.l.) Public Cloud Computing in ambito enterprise 03 Marzo 2011 13 / 27
  32. 32. Complex Cloud InfrastructureLarge Cloud Infrastructure: Cloud ApplianceSecurity Appliance Firewall, IP filtering device (filtri applicativi) Dispositivi IDS e UTM (Unified Threat Management)Network Appliance Load Balancer, Reverse Proxy, Cache Server Concentratori di VPN Terminazioni WAN e MPLSStorage Appliance File Server (NAS, NFS, SMB) Distributed Object StorageAntonio Baldassarra (Seeweb S.r.l.) Public Cloud Computing in ambito enterprise 03 Marzo 2011 14 / 27
  33. 33. Complex Cloud InfrastructureLarge Cloud Infrastructure: hide the complexityAntonio Baldassarra (Seeweb S.r.l.) Public Cloud Computing in ambito enterprise 03 Marzo 2011 15 / 27
  34. 34. Complex Cloud InfrastructureLarge Cloud Infrastructure: hide the complexityAntonio Baldassarra (Seeweb S.r.l.) Public Cloud Computing in ambito enterprise 03 Marzo 2011 16 / 27
  35. 35. Le possibili alternativeGestione On Premise o Cloud: il confronto Infrastruttura in sede d’utente On Premise Richiede un investimento in Hardware ed infrastrutture di rete security aware Occorre mettere in campo delle competenze spesso specialistiche e con un aggiornamento assiduo ed accurato degli skills. I sistemi sono spesso abbandonati senza attività di tuning, di fix e di testing (penetration test) Il rispetto delle normative (es. 196/2003 o la nuova circolare sulla trasparenza dell’amministrazione di sistema) è complesso, costoso e spesso meramente formale. Occorre predisporre procedure per la gestione della sicurezza preventiva, proattiva, reattiva con attribuzioni di compiti e responsabilità che spesso sono inattuabili per vari motivi (carenza di risorse, indisponibilità, questioni sindacali ecc). E’ difficile prevedere un sistema che controlli le performance della compliance, sanzioni e corregga le non conformità.Antonio Baldassarra (Seeweb S.r.l.) Public Cloud Computing in ambito enterprise 03 Marzo 2011 17 / 27
  36. 36. Le possibili alternativeGestione On Premise o Cloud: il confronto Cloud Outsourcing su tecnologia Seeweb La gestione dei servizi viene fatta su sistemi carrier grade ad alta disponibilità, si usano apparecchiature allo stato dell’arte. Gli skills in campo sono vari e specialistici con tempi di risposta ai problemi estremamente bassi ed efficace gestioni delle crisi. Esistono pianificazioni per tutte le situazioni critiche che possono impattare sulla sicurezza di esercizio. La gestione della compliance è prevista contrattualmente con penali certe e predefinite Si possono richiedere SLA (Service Layer Agreement) specifici che definiscano attività, tempi di reazione, metodologie e penali. E’ richiesta la definizione precisa in fase precontrattuale delle attribuzioni dei compiti, delle responsabilità e delle comunicazioni ciò facilita una razionalizzazione preventiva del problema sicurezza nel suo complesso.Antonio Baldassarra (Seeweb S.r.l.) Public Cloud Computing in ambito enterprise 03 Marzo 2011 18 / 27
  37. 37. Le possibili alternativeCloud double cross plus e minus Falsi miti, paranoie, incomprensioni e certezze...Antonio Baldassarra (Seeweb S.r.l.) Public Cloud Computing in ambito enterprise 03 Marzo 2011 19 / 27
  38. 38. Struttura contrattuale dei servizi CloudImpegni minimi e progressività delle prestazioni Tempo di provisioning: 7gg massimi Impegno contrattuale di un solo mese rispetto al servizio base Variazione dell’impegno di fornitura su base giornaliera Livelli di SLA a partire dal 99,90% di disponibilità Penali predefinite in caso di violazione delle garanzie Prestazioni fully managed con gestione degli incarichi per il trattamento dei dati Completa compliance normativa anche per l’erogazione dei servizi a pubbliche amministrazioni centraliAntonio Baldassarra (Seeweb S.r.l.) Public Cloud Computing in ambito enterprise 03 Marzo 2011 20 / 27
  39. 39. Il modello di pricing CloudNessun CapEX e OpEX on demand Nessun costo di attivazione e/o di start-up Canoni mensili variabili a seconda della configurazione del Cloud o dei consumi di risorse Costo mensile delle licenze dei sistemi operativi La configurazione base di impegno contrattuale ha un costo mensile modesto Quasiasi configurazione è generata a partire dalla configurazione base ed il pricing è dinamicoAntonio Baldassarra (Seeweb S.r.l.) Public Cloud Computing in ambito enterprise 03 Marzo 2011 21 / 27
  40. 40. I costi del Cloud ComputingCloud è forte riduzione dei costi: dal 30 al 90%Antonio Baldassarra (Seeweb S.r.l.) Public Cloud Computing in ambito enterprise 03 Marzo 2011 22 / 27
  41. 41. I costi del Cloud ComputingImpatto energetico on premise vs cloud (caselle email) riduzione dei consumi di un fattore 20 incremento di uso medio della CPU dal 10% al 70% riduzione dello spazio occupato di un fattore 100 (Blade Server) gestione dinamica delle infrastrutture e continuous provisionigAntonio Baldassarra (Seeweb S.r.l.) Public Cloud Computing in ambito enterprise 03 Marzo 2011 23 / 27
  42. 42. I costi del Cloud ComputingImpatto energetico del cloud: un cambio di passoScenario 1 - RM-MI on premiseUna persona in viaggio da sola in autorichiede un’energia di circa 120 KWh Antonio Baldassarra (Seeweb S.r.l.) Public Cloud Computing in ambito enterprise 03 Marzo 2011 24 / 27
  43. 43. I costi del Cloud ComputingImpatto energetico del cloud: un cambio di passoScenario 1 - RM-MI on premise Scenario 2 - RM-MI on the cloudUna persona in viaggio da sola in auto Una persona in viaggio con il trenorichiede un’energia di circa 120 KWh Frecciarossa richiede 24 KWh Antonio Baldassarra (Seeweb S.r.l.) Public Cloud Computing in ambito enterprise 03 Marzo 2011 24 / 27
  44. 44. I costi del Cloud ComputingImpatto energetico del cloud: un cambio di passoScenario 1 - RM-MI on premise Scenario 2 - RM-MI on the cloudUna persona in viaggio da sola in auto Una persona in viaggio con il trenorichiede un’energia di circa 120 KWh Frecciarossa richiede 24 KWhLa soluzione On The Cloud consente un risparmio energetico dell’80%rispetto alla consueta soluzione On Premise Antonio Baldassarra (Seeweb S.r.l.) Public Cloud Computing in ambito enterprise 03 Marzo 2011 24 / 27
  45. 45. Confronto costi / beneficiConfronto dei costi e della valenza: On PremiseNella migliore ipotesi sarà una corsa contro il tempo...Antonio Baldassarra (Seeweb S.r.l.) Public Cloud Computing in ambito enterprise 03 Marzo 2011 25 / 27
  46. 46. Confronto costi / beneficiConfronto dei costi e della valenza: On the CloudIl valore della tranquillità e della continuitàAntonio Baldassarra (Seeweb S.r.l.) Public Cloud Computing in ambito enterprise 03 Marzo 2011 26 / 27
  47. 47. The EndThat’s all folks!! http://www.seeweb.it/eventi/dw/20110203.pdfAntonio Baldassarra (Seeweb S.r.l.) Public Cloud Computing in ambito enterprise 03 Marzo 2011 27 / 27

×